Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il sole spento


Claudio_Bonoretti.jpg
"Ciao Beppe, in questi giorni è passato, come sempre "molto" sottovoce, un decreto che di fatto ha arrestato lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia. Io sono un operatore del mercato del fotovoltaico e ti dico che c'è un intero settore industriale e sociale che è con il fiato sospeso a causa dell'incertezza mostrata dal nostro Governo. Le notizie sono di fatto poche e confuse; quindi nessuno intende investire, e niente investimenti vuol dire niente lavoro. La scusa che si è trovata è quella di dover fermare una speculazione sui grandi impianti (verissimo, ma forse è una riflessione che andava fatta prima di approvare il decreto "Salva Alcoa")che genera, con le tasche degli italiani, profitti a capitali stranieri. La verità è che così facendo si è colpito il vero tessuto di questo settore, fatto da piccoli e medi investitori e da aziende che generano direttamente o indirettamente lavoro a migliaia di addetti su tutto il territorio nazionale. La verità credo, è che tutta questa storia ha lo scopo di iniziare a trovare fondi per promuovere il nucleare; è triste doverlo ammettere, ma anche in questo settore, in cui ho fortemente creduto e che ho tanto promosso ed elogiato, ero parte del solito meccanismo che aveva il solo scopo di generare profitti ai soliti....... "noti"." Antonio Guerrera

8 Mar 2011, 18:52 | Scrivi | Commenti (54) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Grazie Ministro Romani,
laddove non era arrivata la crisi economica siete arrivati Voi e la lobby pro-nucleare!

Lavoro in Power-One, un'azienda del valdarno aretino in cui si producono inverter per il settore fotovolatico (e non solo), vale a dire quegli "aggeggi" elettronici che convertono la corrente continua prodotta dai pannelli in corrente alternata da immettere in rete. La Power-One lo scorso anno è arrivata ad essere il secondo produttore a livello MONDIALE di inverter per il fotovoltaico, tutto ciò sia grazie all'impianto di produzione, che è arrivato ad impiegare circa 1200 addetti (basta cercare sulle pagine della Nazione di Arezzo per verificare), sia al reparto Ricerca&Sviluppo, dove lavorano un centinaio di ingegneri e tecnici. Un fiore all'occhiello del nostro -ahimè- disastrato paese come non se ne vedono in giro. Un'azienda che nel corso degli anni è riuscita a superare le innumerevoli sfide poste dallo spietato mercato dell'elettronica grazie alla propria dinamicità, alla capacità di inventare prodotti nuovi, al know-how e al bagagli tecnico dei propri tecnici.

Bene...immaginate voi come hanno reagito tutti quegli investitori italiani e non che stavano valutando la realizzazione di un parco fotovoltaico, per non parlare dei singoli cittadini che stavano valutando di installare sul tetto della propria abitazione un impianto per diventare dei piccoli produttori di energia elettrica pulita....il blocco più totale, e quale alternativa di fronte all'incertezza in cui questo sciagurato decreto getta l'intero panorama italiano della green-economy?

Che dire.....tanta rabbia, amarezza e delusione...ancora una volta mi sento tradito da chi dovrebbe pensare alla Res publica, al nostro presente e al nostro futuro.

Francesco Del Francia 17.03.11 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Sono un convinto ecologista da sempre e a casa mia, ho messo i pannelli fotovoltaici e solari per l'acqua calda. Questa storia infinita del becero governo Berlusconi,che mette l'incentivo, toglie l'incentivo e tipica di un esecutivo formato da incapaci politicanti che come per i veri problemi del paese non affronta e lascia che le cose vadano al loro destino. Le lobbi del nucleare spingono per fare affari con la cricca al potere e del paese non gli frega nulla. Capisco che gl'incentivi siano da rimodulare abbassandoli in modo più restrittivo, ma aspettare sempre all'ultimo e mettere in crisi un settore che ha dato recentemente molta occupazione con notevoli investimenti, è da irresponsabili. Sopratutto se verrano confermate gli ultimi provvedimenti che ne decreterebbero la fine delle energie alternative con relative ripercussioni economiche e di occupazione. Speriamo in un ripensamento di questi inqualificabili personaggi.

Pier A. Commentatore certificato 11.03.11 22:15| 
 |
Rispondi al commento

www.sosrinnovabili.it ciò che è accaduto ieri a Roma

Serena Pirò, Brindisi Commentatore certificato 11.03.11 08:48| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema,e mi stupisco che Beppe Grillo non abbia ancora messo il dito sulla piaga,è che la generazione diffusa sottrae al POTERE il controllo dell'energia.
L'autarchia energetica è quanto di peggio possa augurarsi il POTERE.
Lo sviluppo delle fonti rinnovabili ha colto tutti di sorpresa.
Non se lo aspettava nessuno che un obiettivo fissato per il 2020 sarebbe stato raggiunto nel 2011.
Questo risultato ha sconvolto i piani di petrolieri e nuclearisti che adesso sentono il fiato sul collo di migliaia di cittadini che potrebbero anche non avere più bisogno di loro.
E' per questo che Romani,ovviamente aizzato dalle solite cricche,ha scritto il decreto sotto dettatura.
Questa è Italia.
Saluti

LUIGI TERRANEO 10.03.11 22:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

tutto vero quello che leggo , tanto si è sprecato e tanto si sono approfittati degli incentivi, ma perbacco almeno adesso sappiamo che esiste e che funziona!!!! la vera libertà sarà quando ognuno potrà prodursi la sua energia e staccarsi dall'ENEL . Circa il commento sulle banche italiane che non si fidano di GSE , spiace dirlo , ma fanno bene! è un carrozzone inutile, costoso ed inaffidabile.Cribbio

simone 59

simone ortino 10.03.11 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Vero, non possiamo più rimandare, è ora di spegnere televisione, cinema, e unire e ascoltare solo le nostre voci, dobbiamo scendere in piazza ad oltranza
davanti ai palazzi del potere e chiedere la rimozione di tutti i nostri dannosi rappresentanti politici che nessuno vuole più.
Credo che ovunque dove i capi non sono altro, per lo più che degli assenteisti, il lavoro sia svolto in autogestione dai bassi livelli obbedienti e impotenti di fronte all'arroganza di chi comanda al di sopra delle leggi che ormai valgono solo per gli strati sociali più bassi.

Gioconda Bianchi 10.03.11 15:49| 
 |
Rispondi al commento

è un fatto gravissimo, sì!! non solo per le ripercussioni che avrà questo decreto su tutti gli operatori del settore ma è gravissimo soprattutto per come è stato gestito. Rendiamoci conto che in ogni momento possono fare di noi ciò che volgiono togliendoci prima il lavoro, poi la casa, poi la dignità che altro dobbiamo farci togliere prima che sia troppo tardi???
Ne ho anche per il Sig. Grillo eh..dov'è?? che si faccia vedere..lo vogliamo qui a rappresentarci! siamo in tanti e possiamo fare qualcosa di concreto.
Scendiamo in piazza tutti lo ribadisco tutti!! Mettiamoci in fila davanti ai Palazzi dei politici finchè non "scasino" riprendiamoci il nostro Paese, la nostra dignità..

Serena Pirò, Brindisi Commentatore certificato 10.03.11 14:00| 
 |
Rispondi al commento

E' un fatto gravissimo:

1) Che si sia scritto questo decreto inserendo elementi di incertezza che paralizzano gli investimenti, fanno fuggire le banche e gli investitori, mettono in ginocchio - all'improvviso - l'intero settore e l'indotto (si parla di 120000 lavoratori ... molte volte la Fiat)
2) Il presidente della Repubblica lo abbia immediatamente firmato senza neppure attendere la manifestazione di oggi a Roma
3) La cosa sia stata strumentalmente gonfiata grazie alla "compiacente" relazione dell'autority del Gas e dell'Energia che ha innescato la paira dell'aumento dei costi in bolletta
4) che una notizia così importante per il settore, ma anche per l'economia e occupazione italiane e non ultimo dell'ambiente, sia cos' accuratamente silenziata (quasi nessun quotidiano ne parla)
5) che sia parimenti silenziata anche la manifestazione di oggi
6) Che il ministro Romani abbia a stretto giro confermato l'accellerazione del nucleare... (chi vuol intere intenda)


Povera Italia, altro che 150mo compleanno....

Gianluca Pizzio 10.03.11 11:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Forse è il caso che parliamo chiaro con questi presunti ambientalisti.
1) mettere il fotovoltaico a terra al posto dei campi coltivati, in un mondo che va verso la fame e in un territorio vocato all'agricoltura come quello italiano, è una demente follia. Per fare un esempio, erano previsti 1.000 ettari di pannelli in Maremma. Per fare un MW (presunto) di ftv. ci voglio 2 ettari di suolo.
2) il ftv. sta bene sui tetti, ma i tetti sono limitati e consentono tanti piccoli interventi, invece di un unica grande operazione. Tanti piccoli interventi significa tanto lavoro e nessun rischio di speculazione. Accadrà quindi il contrario di quello che biascica Guerrera.
3) ricordatevi che i pannelli e gli inverter, per ora, li fanno in Cina; le pale eoliche in nord europa.
4)gli speculatori in crisi ricorrono regolarmente ai "posti di lavoro persi" per sostenere le loro ragioni; di posti di lavoro "verdi" che costano 4 volte quelli normali e che depauperano l'economia nazionale non so che farmene e francamente non vedo l'ora di perderli.
5)le brave persone che lavorano nel fotovoltaico non si sono minimamente degnate di distinguersi dagli speculatori;
6) l'incentivazione precedente era circa il doppio della media europea; è è stata riportata a livelli accettabili e, sopratutto, produttivi; tolta la stra-convenienza è rimasta la convenienza; tra un po' tutto si rimetterà in moto;
7) si ricordassero eolici e fotovoltaici che già ci costano il 10% della bolletta della luce (in un Paese che già paga l'elettricità un sproposito); il CIP6 ci costa altrettanto? Certo andrebbe soppresso ma comunque non è una ragione valida x consentire ad altri di fare lo stesso.
Vito Cartolano

Vito Cartolano 10.03.11 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il progetto messo in atto dalle multinazionali produttrici e distributrici d'energia per ripartire con il nucleare in italia ha come primo scopo azzerare la sviluppo delle rinnovabili nel nostro paese. Mantenere i monopoli e la totale gestione dei profitti è argomento primario nei CDA di queste società e per noi piccoli produttori non resta che promuovere i referendum ....o provare con azioni legali tipo class-action !

simone 59

simone ortino 10.03.11 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro caro ed amorevole governo del fare e dell'amore sarebbe meglio che non facesse. Questo decreto farà si che 370 famiglie della ditta Easy Green di Scandicci ( Ex ISI, Ex Electrolux, Ex Ex Ex) quando ormai intravedevano la fine del tunnel della cassa integrazione, ripartiranno con il proprio calvario poichè una parte della nuova cordata proprietaria di Easy Green si sta tirando indietro (http://www.comune.scandicci.fi.it/index.php/archivio-notizie/1726-isi-easy-green-qi-tagli-del-governo-agli-incentivi-bloccano-il-progettoq.html).
Purtroppo la ditta di Scandicci che basava il proprio piano industriale sull'energie rinnovabili dovrà rivedere i propri progetti e la vecchia proprietà, nel frattempo, ha già avviato le procedure del concordato preventivo (http://www.comune.scandicci.fi.it/index.php/prima-pagina/1731-isi-richiesta-di-concordato-preventivo-al-tribunale.html) mettendo i 370 lavoratori in Cassa Integrazione Straordinaria per cessazione.
Oltre a esprimere la mia solidarietà (da cassaintegrato scandiccese) ai lavoratori di Easy Green, vorrei che i Cittadini valutassero, una volta ancora, la qualità dei provvedimenti economici di questi politicanti (compresa l'opposizione che non si oppone mai) nella speranza che il fuoco della Rivoluzione che pervade il nord Africa incendi anche la nostra derelitta penisola proprio nel 150° anniversario...

Massimiliano T., Scandicci (FI) Commentatore certificato 10.03.11 09:05| 
 |
Rispondi al commento

anche io ho appena cominciato a lavorare nel campo delle rinnovabili,e dico inoltre che una volta tanto che una legge aiutava di fatto i cittadini viene naturalmente cancellata! Ma dico anche che è l'ora di finirla! facciamo sentire la nostra voce! Inondiamoli di email, raccogliamo firme on line, scendiamo in piazza!
Bisogna finirla di stare a pecora (come si dice dalle mie parti) solo ad aspettare la prossima porcata
Organizziamoci!
Alessandro Cappellini

alessandro cappellini (cappex), pistoia Commentatore certificato 10.03.11 08:43| 
 |
Rispondi al commento

"Oltre ad aver bloccato il settore da un momento all'altro, aver mandato a
spasso tanta gente che lavora nel settore ci sono anche coloro che
l'investimento lo hanno già ottenuto ma non rientreranno mai nei tempi di
allaccio indicati nel decreto e le rate in banca le dovranno ben pagare:
falliranno anche queste aziende?? mah
Poi tutto questo silenzio, non se ne parla..ma com'è possibile? Una cosa
così grave e i giornali, la TV non ne parlano?
Oggi c'è un incontro a Roma che coinvolge tutti gli operatori del settore,
le associazioni ambientaliste ma in quanti lo sappiamo? Siamo pochi da solo
siamo pochi e allora mi chiedo perchè non unirci con i precari con gli
studenti con i pastori sardi e tutti quelli che hanno un buon motivo per
dire " e basta!!! Non se ne può più!!!" scendiamo a protestare insieme e
facciamo vedere quanti siamo..una marea! Stiamo Uniti..Stiamo Uniti!!!"

Serena Pirò, Brindisi Commentatore certificato 10.03.11 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo. Ero in procinto di installare un impianto fotovoltaico. Mi sono fermato per capirne di più. C'è qualcuno che sappia che cosa succederà adesso? E se c'è ancora convenienza a procedere all'installazione?
grazie e sinceri saluti.
Giuseppe Aulenti

Giuseppe Aulenti, Azzano X Commentatore certificato 09.03.11 23:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno fermi questo scempio del nostro paese!!

Giuseppe di Leo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.03.11 23:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente, anche se nei sottotitoli date voce a questa notizia, era ORA che venisse pubblicato anche nel vostro Blog, meglio tardi che mai !!!!

Pensare che solo 3 mesi fà ci si congratulava per aver termitato lavori prima del 31/12 aver sfidato tetti ghiacciati, pioggia, e adesso.... a quei dipendenti si prospetta sono una cosa, cassa integrazione se va bene.

E allora CIN CIN Signor minitro Romani Paolo, per i posteri l'editore di COLPO GROSSO Cin Cin.

Compliementi a Napolitano estinto insieme ai dinosauri per l'età che si ritrova.

Complimenti anche all'ex governatore del veneto ora ministro dell'agricoltura Galan, che rassicura oggi gli agricoltori e dice che non si deveno più favori investitori esteri, Lui che ha firmato San Bellino (RO) 77 MW il più grosso d'europa venduto dagli americani 3 volte un colosso speculativo fuori da ogni portata , lui dice queste porcate.

Complimenti a tutti quelli che hanno in passato fatto delle rinnovabili la loro bandiera politica, e adesso in culo a tutto se ne sbattono.

In Veneto ci si sta organizzando autofinanziadoci per portare a Zaia il problema con la perdita di posti e di introiti fiscali per una scelta scellerata di un ministro incapace di intendere e di volere.

a Voi tutti CIN CIN COLPO GROSSO ministro romani

simone 09.03.11 20:26| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Se il ministro Maroni non cambia idea sulla data dei referendum, poco male. Non ci abbattiamo, amici! Ci serva da stimolo per andare a votare in massa contro il nucleare, così mandiamo a quel paese tutta la cricca di affaristi che vogliono fare affari sulla salute dei cittadini. E tu Veronesi, puoi andare tranquillamente affanculo e in pensione.

Massimo Zazzera 09.03.11 18:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Basta dire quello che raccontò Beppe Grillo una volta, che ad un incontro sulle energie rinnovabili (eolico?) incontrò FIORANI. Ecco spiegato come i parassiti, finché non vengono eliminati definitivamente, non fanno altro che parassitare altri organismi!

Quanto al discorso del solare, beh, io ho una calcolatrice del 1984(?) ultrasottile, della Texas Instruments. Ha quasi 30 anni e ancora funziona, le sue 'colleghe' a pile sono sparite nella spazzatura da un pezzo. Tanto per citare un piccolo esempio.

Secondo l'Uomo del cancro, invece, avrei dovuto fare una centrale nucleare per alimentare la calcolatrice? Ma state sicuri, che il confronto che ha chiesto Giorgio Ferrari a Cancronesi, così come quello chiesto da Beppe Grillo, NON SI FARA' MAI. Veronesi perderebbe a rotta di collo, e nemmeno da Vespa si salverebbe, con tutte le balle che gli toccherebbe raccontare.

Come direbbe Ferrari 'in tempo di guerra son più le balle che la terra'.

s.m. 09.03.11 18:12| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Buonasera a tutti,
Se non lo avete già fatto chiedo cortesemente a Beppe Grillo di utilizzare il suo sito per pubblicizzare questa terribile notizia.
sul sito http://www.energoclub.org/ a destra, sotto la sezione "Ultime news" trovate un appello con testo e indirizzi mail al quale inviare il messaggio. Chiedo a tutti di pubblicizzare questa informazione.

Lucia Gandini 09.03.11 17:13| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Grazie Sig. Ferrari, grazie per aver condiviso con noi la sua competenza. Io continuo a diffondere le informazioni sul nucleare per contrastare la disinformazione diffusa dai media. Il mio capo, per esempio, prima che ne parlassimo insieme, era favorevole al nucleare, ora non più!
GRAZIE

Susanna Amato, Pramaggiore (VE) Commentatore certificato 09.03.11 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Con un mio collega che si occupa di investimenti, abbiamo fatto il conto che al momento un impianto fotovoltaico è uno dei migliori investimenti, almeno basandosi sul suo tetto di casa, come dimensioni (conto fatto a settembre 2010). In massimo 5 anni rientrava dei soldi impegnati nell'impianto (escludendo quindi un mutuo bancario), continuando a non pagare più la bolletta per altri 15 anni sicuri (i pannelli sono garantiti 25 anni, ma alcune prove dicono che potrebbero arrivare anche a 80 anni, anche se un certo decadimento di rendita c'è sicuramente).

Chi dice che non ha voluto investire per non ingrassare il settore per costo elevato dei pannelli...beh, mi spiace per lui. Evidentemente non si è rivolto alle persone giuste.
Perchè in effetti c'è stata una "bolla" eccessiva nel settore: appena fiutate le possibilità, si sono create un sacco di azienducole e venditori da 4 soldi, il cui scopo era solo di porsi tra installatore-progettista e cliente finale, gonfiando il costo per un servizio di pura rivendita non qualificata (spesso non sanno nemmeno come si svolgono le pratiche in GSE/Enel e le tempistiche). Si sono creati un sacco di corsi e master per "creare" venditori e manager del fotovoltaico, quando non ce n'era bisogno, non a questi numeri almeno.
Se volete installare un impianto a costi decenti rivolgetevi direttamente agli installatori, ad un'azienda che faccia installazione e progettazione all'interno (non che si appoggia a terzisti sottopagati). Allora riuscirete a spuntare un prezzo decente e non gonfiato.

Comunque, il Governo non potrà bloccare il settore, perchè i più grossi investimeni con impianti a terra sono stati fatti dalle società petrolifere...E quelle non se ne staranno zitte zitte.

Barbara B. 09.03.11 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Troppo tardi per piangere, durante questi anni per mettere un pannello occorrevano un sacco di soldi proprio perchè la maggior parte delle aziende con l'agevolazione fiscale ci mangiavano alla grande!!!
con la scusa che torna indietro il 55% della spesa hanno alzato di molto rispetto al mercato...dovrebbero rendersene conto senza piangere anche perchè in altri settori non ci sono agevolazioni così alte..bisogna camminare con le proprie gambe ragazzi...troppo bello fare i G.Y con il culo degli altri

Indeciso 09.03.11 14:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Svezia, Danimarca, Canada, Nuova Zelanda e Australia hanno invertito tutti gli investimenti in materia di energia su solare ed eolico. L'Australia, secondo tutti i modelli climatici per il prossimo secolo, sarà il continente più colpito dal riscaldamento globale con siccità prolungate e giganteschi incendi. La seconda zona a rischio desertificazione è l'America nord-orientale,dove si trovano i maggiori granai del mondo, e la terza TUTTA l'Europa al di sotto delle Alpi.
Risvegliarsi, rifiutarsi di pagare per la nostra stessa distruzione, non è più una cosa che non ci riguarda. E' un dovere verso i nostri figli.

valentina m., Valencia Commentatore certificato 09.03.11 12:59| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

caro Paolo, hai fatto i conti ad una azienda che installa impianti fotovoltaici ? Io ne amministro una, pago tutte le tasse, tutti i contributi ai lavoratori, tutti i costi della sicurezza, monto materiali di alta qualità e tutte le protezioni del caso... e non sono l'unico a lavorare così.
I miei colleghi (magari non tutti, certo, ma tanti) sono giovani che si sono inventati un lavoro e che grazie agli incentivi hanno la possibilità di farlo e di farlo bene; hanno investito soldi e tanta fatica, basandosi non su previsioni, ma su una legge dello stato.
Che dopo aver dato le carte, decide che si cambiano le regole del gioco... anzi peggio: decide che le regole del gioco non valgono più e non dicono nemmeno quali saranno le regole da oggi in poi.

Noi non siamo speculatori, non teniamo i prezzi alti, facciamo il nostro lavoro ogni giorno al meglio, non abbiamo capitali da investire e dai quali vogliamo un ritorno economico senza far niente...


Basta con questa storia dei profitti che vanno all'estero, l'Italia è stata invasa dagli investitori stranieri per il semplice motivo che le banche italiane non considerano Garanzia Reale il contributo GSE mentre ovviamente la banche straniere sì. E' tutto qui, se un investitore italiano vuole fare un impianto fotovltaico deve mettere a garanzia del prestito bancario come al solito case ville e terreni, un investitore straniero no. Insomma per la banche italiane il fatto che il sole si alzi tutte le mattine non è così sicuro come si dice.

Sergio DI Nunzio 09.03.11 08:01| 
 |
Rispondi al commento

Ah dimenticavo....
se posso rammaricarmi per le persone che hanno investito, di certo non piangerò lacrime per il "settore" di produzione del fotovoltaico per il semplice motivo che hanno fatto "CARTELLO" tenendo alte le tariffe, più che in tutte le altre zone europee.
...anzi nei loro confronti sono addirittura contento, BEN VI STA!


Beh, che vi dicevo?
Il prezzo di acquisto del KiloWattore derivato dal fotoVoltaico da parte del GSE era eccessivamente GONFIATO, più che normale che il governo avrebbe DOVUTO ben prima delle scadenze preventivate adeguare le tariffe al mercato, sarebbe bastato fare due conti per capire che non poteva durare tanto la pacchia.
Ecco perchè ho sempre messo in discussione tali tariffe a coloro che me le sbattevano in faccia garantendomi che nessuno le avrebbe variate, la mia risposta era sempre: "basta un piccolo decreto"....ed eccolo qua!

Adesso tutti quei poveri cristi che si sono indebitati acquistando pannelli a prezzi che ho sempre denunciato essere ECCESSIVI (di media il doppio di quello che trovate in Germania) dovranno rifare i conti e rendersi conto che da ora in poi saranno in perdita e questo sempre che le tariffe non vengano nuovamente ritoccate, nel caso si troverebbero addirittura in DEFAULT! Altro che impianto che si ripaga negli anni....

Sono 12 anni che ho 4500 mq da coprire e cerco in giro per il mondo soluzioni adeguate, ho trovato prezzi addirittura migliori del tanto decantato gruppo di acquisto di Jacopo Fo, eppure non ho mai investito nulla.....
un pò perchè non avevo voglia di foraggiare le aziende che, proprio grazie agli incentivi, tenevano i prezzi alti consentendo all'utente finale di risparmiare un'inezia e solo dopo 20 anni, ma anche perchè sapevo benissimo che la cosa non sarebbe durata.
...e okkio che non è finita qui....


Caro Antonio, ti capisco perfettamente in quanto anche io sto finalmente mettendo in piedi, tra pochi giorni partirò con la produzione di collettori solari termici, e anche se al momento sembra che questo maledetto decreto non riguardi questo settore, la cosa mi preoccupa, perchè come dici tu, qua si stanno preparando a finanziare il nucleare, e come al solito se ne fregano altamente delle piccole imprese, che finanziate con i nostri soldi e sudore e che creano lavoro, ci fanno chiudere. Bisogna emigrare in Germania o in Svizzera, almeno li ti aiutano se investi e dai del lavoro.
siamo in mano a dei maledetti affaristi, i loro, non i nostri.
un saluto

Luigi C., Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.03.11 22:56| 
 |
Rispondi al commento

ma che fine ha fato il bell'esito del referendum sul nucleare? gli esiti dei referendum scadono??

mirella de angelis 08.03.11 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE
CHE B.......I,CI LEVANO ANCHE IL FOTOVOLTAICO,CHE B.......I ED NON AGGIUNGO LATRO SE NO TIREREI GIU' LORO E QUALCHE DUN ALTRO
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 08.03.11 21:54| 
 |
Rispondi al commento

ciao.hai ragione,caro antonio,il sole si è spento.è questa la 3 guerra mondiale,è questa la fine del mondo:l'interresse di pochi e lo schiacciamento totale nel tritacarne x i molti.e fa male proprio xchè oggi abbiamo la cultura e i mezzi x capire .... un tempo la maggior parte della gente viveva rassegnata e subiva angherie xchè nn aveva mezzi...oggi ci sn i mezzi-vedi internet- però ciò che manca è LA SPERANZA IN 1 FUTURO MIGLIORE e questo è proprio brutto... cris

cristina ., como Commentatore certificato 08.03.11 21:39| 
 |
Rispondi al commento

bisogna pero' dire che nel business del fotovoltaico ci si sono buttati cani e porci , ditte serie (poche) e tanti riciclati senza arte ne parte. Il fotovoltaico allo stato attuale non potra' mai dare un contributo sostanziale al piano energetico nazionale. a 150 w al metroquadro in pieno sole e con un decadimento del rendimento che li porta al 50% dopo pochi anni , con richiesta di energia per produrli e poi alla fine del ciclo vitale , per smaltirli non sono un grosso affare. il rendimento medio e' il 17% e il sole c'e' solo di giorno (lapalissiano!!!) e quando non piove. se i rendimenti salissero almeno al 50% potrebbe diventare interessante. si puo' dire che anche le automobili se nessuno le avesse usate 100 anni fa aspettandone l'evoluzione sarebbero rimaste come 100 anni fa , pero' da li ad aspettarsi un contributo al settorre energetico sostanziale dal fotovoltaico e' follia. concordo che il nucleare e' una follia (ho lavorato in un centro di ricerca nucleare nella prima centrale sperimentale italiana) . L'eolico e' una buona soluzione, e interessante e' l'eperimento israeliano (sempre loro!!) che ricava energia per effetto piezoelettrico sul passaggio delle auto sull'asfalto speciale . teoricamente funziona ed e' intrigante pensare una cosa del genere. angelo

angelo mora 08.03.11 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

basta, non è possibile che succedano queste cose da neofeudalesimo!
a tutti coloro che vogliono, e dico vogliono cambiare quello che sta succedendo in questo paese, dico che si informi su cosa e come funziona il movimento a 5 stelle.
ENTRIAMO NEI COMUNI E CREIAMO UNA RETE DI INFORMAZIONE!
LA SITUAZIONE STA DEGENERANDO, DEBELLIAMO IL CANCRO CHIAMATO POLITICA CORROTTA, INTERESSE ECONOMICO, IGNORANZA.
NON VOGLIAMO IL NUCLEARE, ABBIAMO GIA' FIRMATO UN REFERENDUM, E NON VOGLIAMO CHE I RICCHI CONTINUINO AD ARRICCHIRSI GIOCANDO CON LA SALUTE ALTRUI.
INFORMATEVI, INFORMIAMOCI, CAMBIAMO.

lucio giocondo 08.03.11 20:47| 
 |
Rispondi al commento

in compenso potrebbero pensare di nuovo ad incentivare l'auto.

ivan m. Commentatore certificato 08.03.11 20:44| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Che tristezza, uno dei pochi settori che stava "trainando" l'economia è stato letteralmente ucciso da questo branco di farabutti al governo: il fotovoltaico era libero, semplice e permetteva ad un sacco di piccole imprese e famiglie di lavorare. Il nucleare invece sarà solo per pochi e si riusciranno a controllare meglio le fette di torta da spartire... che tristezza questo paese!

Francesco 08.03.11 20:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il decreto approvato dal cdm e firmato ieri da napolitano e' incostituzionale in più punti. In primis vi e' un eccesso di delega in quanto il cdm con questo decreto di fatto norma in modo diametralmente opposto alla direttiva europea che dovremo recepire con lo stesso decreto. Inoltre abbiamo, taglio retroattivo agli incentivi sull eolico, incenti fotovoltaico confermati solamente per impianti entrati in esercizio entro il 31 maggio 2011 in pieno conyrtasto con quello che si era stabilito con il terzo conto energia, il quale prevedeva un tetto di 8 gw e ulteeriori 14 mesi di proroga dal raggiungimento dello stesso. Senza un quadro normativo certo il settore delle rinnovabili muore oggi. Non solo i grossi investitori scapperanno a gambe levate, ma non si faranno neppure impianti piccoli visto che nessuno puo sapere oggi se e quale tariffa incentivante sara applicata. Le nostre banche infine, che ci hanno messo 3 anni a comprendere i meccanismi del conto energia, non finanzieranno più un tubo.

ste 08.03.11 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori