Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il vigile leggendario


Sordi_vigile.jpg
"Negli anni 60, scedendo dall'auto per entrare in servizio, un vigile piacentino si accorse di aver posteggiato ove proibito e lesto emise a se stesso una contravvenzione. In città si diffuse la voce e negli anni il cognome del vigile divenne leggenda. Molti anni dopo mio nonno mi raccontò l'aneddoto additando l'ormai anziano vicino di casa. Aggiunse che avrei dovuto comportarmi sempre bene quando giocavo nel giardino condominiale. Mai ho mai dubitato delle parole del nonno, ma crescendo, mi ha seguito il ricordo di quello sguardo sereno e giusto. Io credo che quel vigile amasse tanto il suo paese ed il suo lavoro, che fosse una persona integerrima, al punto di arrivare a sanzionarsi ed esporsi al ridicolo pur di dare il buon esempio nel rispetto della legge. Io credo ora occorra ancora celebrare uomini leggendari, ed eleggere i loro emuli ad esempi ed a capo delle istituzioni, non volpi o faine, degli orsi giusti." Michelangelo M., Nurmo - Finlandia

1 Mar 2011, 23:59 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Possiamo raccontare mille aneddoti sulla legalità della gente comune, ma lo facciamo solo per consolarci. Questa gentaglia non ce la toglieremo più di torno: troppi soldi contro cui combattere, è una lotta impari! La cosa peggiore è dover sopportare la volgare boria di povero essere senza speranza di berlusconi. I nostri militari continuano a morire nelle missioni di pace e cominciano ad essere trattati con distacco e direi come una noiosa seccatura su cui non insistere troppo. Che squallore!, che tristezza!

maria b., cosenza Commentatore certificato 04.03.11 16:47| 
 |
Rispondi al commento

1 la storia non sta in piedi da nessuna parte

2 la finite di usare il codice della strada quale pietra di paragone della legalità? Perchè non usate il codice ambientale, invece che le stupidaggini sul divieto di sosta?

Vito Cartolano 04.03.11 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh! Adesso non facciamo ridere addosso! Quell'uomo-vigile avrebbe potuto reagire come uomo prima che il vigile se ne accorgesse e spostare l'auto. Non avrebbe commesso nessuna infrazione ed il vigile non avrebbe fatto una figura un pò strana. Diciamocelo!

G.M. 03.03.11 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a Campobasso, invece, qualche lustro addietro, un vigile urbano civile elevo' contravvenzione alla moglie perche aveva spaso i panni ad asciugare sul prospetto principale della sua casa.Ma oggi??? "serva italia di dolore ostello....

aldo abbazia 03.03.11 08:47| 
 |
Rispondi al commento

ho sentito qualche giorno fa che tremonti diceva con vanteria che il nordest è la regione + ricca d'europa, "...evgo del mondo" aggiungeva con un piglio di orgoglio.
Ma ci sarebbe invece da vergognarsi se la regione "più ricca del mondo" riserva una qualità di vita improponibile rispetto agli standard centroeuropei.
Dove sono i mezzi pubblici efficienti e puntuali, le metropolitane, il trasporto delle merci su rotaia, e tutto ciò che non si può più elencare perchè viene la nausea?
Non so proprio quando finirà la notte degli Italiani plagiati dal Grande Piacione.
Le rane dello stagno che volevano il re alla fine si ebbero il loro serpente che se le divorava. Questo succederà o sta già succedendo all'Italia che si crede furba.

Paolo zanzani 02.03.11 23:44| 
 |
Rispondi al commento

Proprio come il prefetto di Milano, che la settimana scorsa dopo aver preso una multa per divieto di sosta ha fatto ricorso a se stesso per annulare la sanzione....
Il problema di questi individui è la totale assenza di PUDORE.
Mi viene il vomito, veramente, non ne posso più di questi meschini. B a s t a !!
http://www.fanpage.it/il-prefetto-di-milano-viene-multato-e-fa-ricorso-a-se-stesso/

Elipdio Brugnacci 02.03.11 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Quello del vigile che si autosanziona, mi fa l'effetto identico di quando leggo un romanzo di fantascienza...Forse , una cosa simile, poteva accadere in un'Italia, lontana nel tempo , diversa in più sensi, da quella attuale. Poi, dando una occhiata alle lettere dalla rete, c'erano due corrispondenze : una di un infermiere ,tale R.C., l'altra, del Sig.A.F. Entrambi , lavorano o meglio, fanno gli schiavi in ospedali , in condizioni assurde, indegne di un paese ''moderno'' come il nostro. Il Sig. A. F. , frequenta per un anno un corso per Operatore Socio Sanitario...e alla fine, Lui e i suoi Compagni, si rendono conto che, tutti i consigli, le belle parole, le attrezzature, sono in realtà, ben altra cosa. Infatti , si trovano a fare esperienze tali, da metterli fortemente in crisi.
I guanti, prima misura di prevenzione, mancano, perché quei figli di p......a, dei politicanti, hanno fatto i tagli...taglia quì, taglia di la...avrebbero dovuto tagliarsi qualcos'altro, quei parassiti. Quello che ho letto, è semplicemente scandaloso!Questa, dunque, sarebbe l'Italia che sta al passo con i tempi attuali...neppure l'Italia del Medio Evo, in confronto, era ridotta così male...Questi lavoratori e frequentatori di inutili corsi, hanno tutta la mia solidarietà...e non solo.Saluti.

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 02.03.11 19:21| 
 |
Rispondi al commento

@Michelangelo da Nurmo

http://www.facebook.com/event.php?eid=188075777897604&index=1

VIENI CON NOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sari K. Commentatore certificato 02.03.11 19:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Michelangelo, come vedi dai commenti qua i modelli sono cambiati. Qualcuno ha detto che i nostri giovani non provano più vergogna per le loro azioni, il film su Vallanzasca è stato applauidito per 5' (chi ha visto il film sa questo cosa significa), Berlusconi è ammirato per quello che riesce a fare in barba ai quei culattoni di giudici della sinistra... Il tuo eroe oggi sarebbe additato più o meno come qui appellato da alcuni lettori di questo blog, rassegnamoci...

Raffaele T., Ferrara Commentatore certificato 02.03.11 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno.
Vivo in un paese di campagna, nel Veneto, ed una mattina, a causa di una celebrazione particolare in chiesa, c'era il pienone, macchine parcheggiate ovunque. I parcheggi non mancano, solo che sono lontani qualche cinquantina di metri dalla chiesa, capirete... fatto sta che non c'era più un metro di marciapiede libero. Io col passeggino non riuscivo a muovermi. Ho chiamato i vigili, e quella di là mi ha chiesto se non ho un po' di rispetto per quelli che sono in chiesa. Adesso è il vigile che giustifica chi parcheggia in divieto di sosta.

Alberto Canovese 02.03.11 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Se un vigile idiota che parcheggia male e poi si fà la multa, ora è diventato un "eroe moderno" e paladino delle regole...beh.. SIAMO ALLA FRUTTA!!!

enrico m. Commentatore certificato 02.03.11 12:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo con Michelangelo M. Sono stufo di considerare imbecille chi osserva le regole (benché il caso qui presentato sia veramente paradossale) e di giustificare o ammirare chi fa "il furbo". Anche io, come molti altri, sono cresciuto in un ambiente dove mi hanno trasmesso i primi valori e non i secondi.

L'unico problema è che Michelangelo M. scrive dalla Finlandia dove osservare le regole è molto più facile. In Italia al contrario alle volte le regole sono farraginose, contraddittorie e si finisce per non osservarle o per fare molta fatica a farlo.

Eric 02.03.11 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'intransigenza estrema non è la strada auspicabile per una convivenza civile.
Questo non è l'"eroe" che si vorrebbe rappresentare, ma solo un povero imbecille di cui fare a meno!

edik154 02.03.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma spostare la macchina, no?
O si è multato per poter mollare la macchina dov'era più comodo?

Qualcuno sa se poi la multa l'ha anche pagata?

Silvia 02.03.11 11:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche nel mio paese, Avenza (patria di Anarchici) nel comune di Carrara, un vigile, che per via della mole e dei piedi enormi, era sopranominato "Ciampicon", multò la propria moglie, perché aveva steso ad asciugare i panni del bucato, in un luogo ove non si potevano stendere.

antonio d., carrara Commentatore certificato 02.03.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Si come il prefetto di Milano che fa ricorso a se stesso per una multa presa

http://www.fanpage.it/il-prefetto-di-milano-viene-multato-e-fa-ricorso-a-se-stesso/

opo cane Commentatore certificato 02.03.11 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori