Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'assalto alla Basilicata


M5S_Matera.jpg
"Caro Beppe, l'ENI e la Regione Basilicata hanno organizzato la prima "Conferenza Petrolio e Ambiente" a Matera e Viggiano (sede del centro oli dell’ENI, in provincia di Potenza), nei giorni 3/ 4 /5 marzo 2011. Il giorno 3 il Movimento 5 Stelle di Matera ha organizzato la protesta davanti alla sede della Conferenza, per dire che questa era una iniziativa di parte. Non abbiamo detto solo NO alle speculazioni sulla salute dei lucani; abbiamo precisato come stanno le cose in realtà in merito estrazioni di idrocarburi liquidi e gassosi in Basilicata, riportando dati e pareri diversi da quelli “ufficiali” sull'economia, la cancerogenicità, l'inquinamento delle acque, le emissioni, le sostanze chimiche, le royalties e le onde sismiche emesse per le ricerche. Videocamera alla mano, abbiamo posto qualche domanda ai politici locali, nostri dipendenti e organizzatori dell’evento con soldi pubblici. Per esempio le royalties, che le compagnie lasciano ai territori dove estraggono petrolio:
Indonesia e Libia 85%
Norvegia e Russia 80%
Alaska 60%
Canada 50%
Basilicata 7% (fonte, The Economist)
Qualche giorno prima, il Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo aveva dichiarato che "L'ambizione è fare in modo che le compagnie petrolifere facciano della Basilicata l'hub energetico del Paese". (fonte, supplemento di Repubblica Affari & Finanza). Con questo inglesismo voleva gettare fumo negli occhi dei cittadini e mascherare gli affari tra politicanti lucani e compagnie petrolifere. La Basilicata non vuole diventare terra d’affari per le compagnie petrolifere, come si vorrebbe far intendere." Vito Petrocelli

7 Mar 2011, 18:58 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Petrolio e ambiente: un ossimoro.

Eugenio O. Commentatore certificato 08.03.11 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Questa ricercatrice si sta impegnando per far conoscere quali sono i danni legati alle estrazioni petrolifere :

http://dorsogna.blogspot.com/2011/02/video-del-convegno-di-rainone.html

massimo c 08.03.11 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Con tutti i soldi che hanno (e che non danno) queste megaditte, fanno presto a corrompere sindaci e politicanti vari!

Dannox Danx 08.03.11 17:59| 
 |
Rispondi al commento

sono lucano e triste , la mia bella terra deturpata per quattro soldi e tanto inquinamento .
come fermare lo scempio se chi gestisce se ne frega , i pochi euro delle roialty sono utilizzati solo per fare e rifare le pavimentazioni dei comuni interessati , spreco. oltre il danno anche la beffa .
resistere resistere resistere
mimmuz1

domenico f., policoro Commentatore certificato 08.03.11 17:31| 
 |
Rispondi al commento

I miei avi erano lucani, i miei genitori sono lucani e io ogni anno ritorno al loro paese, un piccolo borgo di montagna incontaminato, ricco di persone stupende, di cibo ottimo e sano e di aria pura e freschissima, soprattuto per me che vivo nell'inquinata Lombardia..e non voglio che questi ciaaltroni di imprenditori con le pezze al cul. rovinino questo paradiso incontaminato solo per fare utili con la scusa di portare lavoro (poco) e tanti altri problemi...verò è che in Basilicata c'è poco lavoro e non è facile sopravvivere, ma è una terra che non ha nulla da invidiare ad esempio alla Toscana, perlomeno come paesaggi se non per cultura...allora perchè non investire di più sul turismo e sulle specificità della Regione? perchè dobbiamo sempre avere dei poco di buono a governare???

Donato G., Como Commentatore certificato 08.03.11 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Questi cialtroni di amministratori sono degli incapaci e se ne sbattono altamente di gestire al meglio le risorse comuni. Vorrei vedere se sui loro affari personali si comportano con superficialita' come con quelli pubblici. Nella mia citta' una aquila di amministratore ha firmato un contratto capestro con la ditta dei parchimetri dove la quasi totalita' dei guadagni vanno alla ditta fornitrice dei parchimetri e l'impegno e' per 10 anni . Con la privatizazione dell'acqua poi le cose vanno ancora peggio : il paese che fornisce il 70% dell'acqua al consorzio e' entrato in una societa' dove chi fa solo le fatture (privati) detiene il 95% dell'utile. E li paghiamo pure questi cialtroni per fare danni !! angelo

angelo mora 08.03.11 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo conosco di persona la realtà di quelle bellissime zone. La Val d'Agri deturpata dai pozzi di petrolio e da un Centro Olii che sputa fumo e gas 24h al giorno in una valle verde e bellissima. Il Lago Pertusillo, invaso artificale degli anni 70 al centro della valle, sembra sia stato inquinato da dei liquami di scarto della lavorazione del petrolio. Nella valle la benzina costa come nel resto d'Italia e le royalty milionarie vengono spartite dai soliti a discapito della popolazione che subisce l'inquinamento -con un forte aumento delle neoplasie- senza alcun vantaggio.

I lucani sono persone semplici, ospitali, amichevoli. La loro terra, bellissima, non merita questo scempio.

Michele P., Siena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.03.11 11:30| 
 |
Rispondi al commento

L'Hub ( il cuore, il fulcro) degli amministratori DOVREBBE essere anzitutto la salute e il benessere dei propri concittadini, salute di cui sono responsabii per statuto. L'ad di Enel e i suoi proclami: sì al carbone e al nucleare.C'è di che rallegrarsi.

Claudia - Ts 08.03.11 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo a tutti coloro che vogliono passare dalle parole ai fatti, che Banca Etica da tempo sta intervenendo nelle assemblee ENI tramite l'"azionariato attivo"... http://giannigirotto.wordpress.com/finanza-etica/

Pietro Pattini Commentatore certificato 07.03.11 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Avanti Movimento 5 Stelle, o qualsiasi altra forma di partecipazione dal basso. All'attacco di queste pietose menzogne sulle nefaste conseguenze della presenza dell'ENI in Lucania.
Quest'immagine stereotipata e costruita ad arte della (apparentemente) immobile e arretrata Basilicata è solo un comodo paravento di porcherie ed intarlazzi di politica-economia-magistratura (vedi l'Inchiesta sulle Toghe Lucane) sulla pelle dei lucani. ... E l'Eni ha dato in questo il suo vero contributo.
Sullo strapotere dell'ENI in Basilicata:
http://www.youtube.com/watch?v=XWKgm3dmXLM

Filo 07.03.11 22:28| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di Eni vale la pena ascoltare la vera storia di Enrico Mattei di Benito Li Vigni che era suo collaboratore personale: una rivisitazione della morte di Mattei e della storia d'Italia

Paolo Cescot 07.03.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
MOVIMENTO 5 STELLE BASILICATA,NON ARRENDETEVI E FATEVI SENTIRE!!!!!!!!
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 07.03.11 21:35| 
 |
Rispondi al commento

staniamoli sempre!
forza m5s

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.03.11 21:31| 
 |
Rispondi al commento

E in più continuano con la balla dello sviluppo sostenibile associato all'ambiente. Non c'è e non esiste nessun tipo di sviluppo che attualmente l'ambiente può sostenere.

Mirella Liuzzi 07.03.11 20:34| 
 |
Rispondi al commento

TERRA: A QUALCUNO PIACE CALDA


Soltanto in Italia, negli ultimi 5 anni sono stati dati 17 milioni di Euro, contro i 700 milioni di Euro dati all'estrazione del petrolio in Basilicata.


MILENA GABANELLI IN STUDIO
Di petrolio in casa nostra ce n'è proprio tanto e ve lo mostreremo tutto.
Allora dicevamo che La Banca europea degli investimenti, creata anche con i nostri soldi, ha deciso di finanziare con mille quattrocento miliardi l'estrazione del petrolio in Basilicata, dove si prevede di estrarre il 10% del nostro fabbisogno, 10% di greggio.

BASILICATA


VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE
Sono a Potenza e per la prima volta faccio benzina in un luogo italiano dove il petrolio , allo stato greggio s'intende, si trova a 5.000 metri di profondità.
Il giacimento d'oro nero e' stato stimato come il più grande d'Italia e tra i più vasti dell'Europa occidentale...


http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-5406b80e-2178-4ab0-9d98-2b4da52cdfe4.html

manuela bellandi Commentatore certificato 07.03.11 20:18| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori