Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La crisi non esiste


Lombardia_licenziamenti.jpg
Tremorti si allena ogni sera di fronte allo specchio e ripete: "La crisi non esiste- la crisi non esiste - la crisi non esiste...". A furia di ripeterlo ci crede pure lui. E' un tipico caso di auto ipnosi. Il Portogallo ha gettato la spugna, dopo Grecia e Irlanda, e ha chiesto i finanziamenti europei per 80 miliardi di euro per non fallire. Nei prossimi mesi toccherà a Spagna e Italia. Quale sarà tra le due a saltare per prima?
"Una notizia economica importante che non ho letto da nessuna parte... rimbalzo delle richieste di cassa integrazione in marzo: 102,5 milioni di ore, con un aumento del 45,1 per cento rispetto a febbraio 2011 (quando erano stati chiesti 70,6 milioni di ore). Sempre della serie, la crisi non esiste, un'invenzione comunista." Beppe A.

7 Apr 2011, 22:22 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

ciao a tutti sono un imprenditore(purtroppo),che opera nel campo dell'edilizia e sono una piccola impresa cioè acquisisco gare in subappalto dalle grandi imprese con sistema ad aggiudicamento con preventivo.
Negli ultimi 2 anni le imprese non pagano più con il rispetto delle scadenze i lavori sia ultimati che quelli in essere.
Anche se piccola la nostra azienda dà lavoro a decine di persone ma questo periodo,stà accadendo un fatto gravissimo che è quello di aver sovvenzionato tramite il lavoro,importantissimi gruppi che assorbono tutta la richiesta di lavoro a disposizione speculando senza ritegno sulla pelle delle imprese minori e quindi su onesti lavoratori che hanno la sola colpa di credere ancora nel sistema ITALIA.Sta succedendo qualcosa di grave se non ci sarà entro pochissimo tempo un inversione di modalità,moltissime aziende come la nostra saranno costrette a fermarsi e mandare tutti questi ragazzi e padri di famiglia,A CASA.
Rispondete e ditemi che ne pensate.
CIAO

giancarlo rotatori 11.04.11 21:41| 
 |
Rispondi al commento

ma la cosa più ridicola è che l'Islanda, appena fallita, vuole entrare nella UE

forse perché pensa che essere falliti sia un must, una sorta di prerequisito per stare in mezzo ai "grandi"?

d'altronde ormai la creatività della finanza creativa non conosce più limiti

come spiegare altrimenti il caso di un'azienda decotta che produce auto scadenti da decenni e che si compra la Chrysler?
bah

Claudio P. Commentatore certificato 11.04.11 11:39| 
 |
Rispondi al commento

E' VERO! LA CRISI NON C'E'!...ALLORA I PDUEROS E ALTRI MAGNAPANEAUFO DI PARTITI HANNO PROPOSTO L'AUMENTO DEI RIMBORSI ELETTORALI....E PROPORRANO ANCHE FINANZIAMENTI PER LE LORO "FONDAZIONI" PIENE DI DEBITI....LA NOTIZIA SI COMMENTA DA SOLA:..OPERAI...DISOCUPPATI...DISABILI...PRECARI...PRRRRRR!!!e dietro spingano anche le formazioni minori i micro partiti..insomma quelli dell'1%...avete capito!!!.
E poi fanno la "morale al Cavaliere...."parlano di reddito sociale...sostegno alla famiglia...andate a cacare!!!!!...ci prendano per il culo.....il vero "tumore" dell'italia sono i partiti...
Non andrò nemmeno a votare per il referendum..tutta una presa in giro...serve solo come specchietto per le allodole...e contarsi..tiè...e spende 350 milioni d'euro...alla faccia nostra...speriamo che l'italiani si sveglino.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.04.11 18:27| 
 |
Rispondi al commento

La crisi esiste solo per i più deboli,quelli che non arrivano alla fine della terza settimana. operai,precari,disoccupati. Per loro (come per me,licenziata due anni fa con la scusa della crisi)sì,che è dura.E comunque,per i deboli è sempre stata una vita di merda,prima,durante e dopo la Crisi.

Enrica F. Commentatore certificato 10.04.11 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Entro il 15 aprile scadano 7,5 miliardi di bot...e ne andranno in asta 8,5...un debito pubblico che mai riusciremo a saldare....
Ma i Banchieri europei con il loro capo trichet, si fregano le mani...con la scusa dell'inflazione hanno alzato i tassi di un 1/4 di punto..
Mi chiedo...ma come è possibile una cosa del genere?...banchieri privati che decidono tutto per i cazzi loro!!!aohhh!....quanto ci costerà ora il debito?...ovviamente ne faranno le spese i paesi dei piigs...
Sono dell'idea che bisognerebbe uscire dalla ue e dall'euro....oltre a fare un bel Reset dello stato....partendo proprio dai Partiti e dai Politici...una bella sanificazione e via...

roby f., Livorno Commentatore certificato 09.04.11 16:22| 
 |
Rispondi al commento

come mai non proponete un referendum popolare per
togliere il vitalizzio ai nostri politici?
i quali prendano tanti bei soldini!
io dopo 45 anni di contributi prendo 920 euro
mentre loro con un giorno lavoro gli si aspetta
un vitalizio di 3000 euro.
é una vergogna....

renzo orzalesi 09.04.11 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

riflessione sulle rate dell'automobile:

ci sono 2 tipi di persone che comprano l'auto a rate i furbi e i fessi.

comprare a rate corrisponde a pagare il 10% in più perché è risaputo che su 10 uno non paga (quello furbo) percio tocca pagare agli altri 9 fessi!

bruno bassi 09.04.11 06:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

riflessione su quelli che non pagano:

siccome non pagare lo stato o le banche se non hai i soliti santi in paradiso è un casino, ora la nuova moda è quella di non pagare folletti, aemmeccì, mondialcase e company cioè la gente comincia a valutare il rischio se a non pagare il materasso a rate è meno pericoloso che non pagare ENELGAS e si muove di conseguenza facendo il classico "chiodo" con quel che si rischia meno.

si rischia sicuro meno rimanere indietro di 5 o 6 pagamenti dell'affitto di casa per 6 mila euri che a chiedere un prestito in banca equivalente sopratutto se il padrone di casa è una vecchina ottantenne e non un buttafuori da 150kg !

la cosa divertente è che in questo gli extracomunitari e i neocomunitari sono diventati maestri visto che esportano tutto il loro avere al paese di provenienzae qui sono nullatenenti e spesso hanno il permesso di soggiorno su generalità false grazie alla corruzione.

addirittura si comprano tutto a credito pagando la prima rata e poi mandano valige piene di roba ai parenti... tanto non pagano piu!

chissà se tutto ciò contribuisce a far aumentare il PIL.

viva l'italia e gli italiani

la cosa piu tragica che dai dati ISTAT non trapela niente e perciò tremorti manco se ne accorge....

TREMORTIIIIIII se leggii questo blog.....SVEGLIAAAAAA!

bruno bassi 09.04.11 06:08| 
 |
Rispondi al commento

Potrebbe cambiare idea, fra un pochino..

http://www.linkiesta.it/giulio-l-oracolo-del-giorno-dopo

Claudio Cinquepalmi 08.04.11 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Io non vedo crisi da nessuna parte!
ovunque vado c'è fila.. ovunque vado c'è da prenotare.


davide d. Commentatore certificato 08.04.11 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono un operaio metalmeccanico,l'azienda per la quale lavoravo dopo, anni circa nove,di cassa integrazione a giugno del 2010 è stata messa in concordato preventivo,azienda leader nella fabbricazione di cerchi ,mozzi,dischi ,pompe e pinze per freni in aluminio per scooter,moto ecc,che aglomera nel suo organico circa 800 operai, la fiat del polesine era conosciuta così.Dopo vari incontri con il Ministero per lo sviluppo economico e con Ministero al lavoro,all'utima battuta d'asta l'azienda è stata venduta ad imprenditori Veneti.Voci non ancora confermate dicono che siano pronti a reintegrare solo 300 o 400 lavoratori gli altri ,circa 400 dove andranno? probabilmente in mobilità, ma udite ,udite ,il nostro Ministro al lavoro ha detto di essere felice per lo sviluppo della vicenda e quindi della vendita e che nascerà in polesine un polo dell'alluminio.

luca bax 08.04.11 15:29| 
 |
Rispondi al commento

...non esiste!!
http://www.repubblica.it/cronaca/2011/04/08/news/netturbini_con_laurea-14651595

Antonio M. Commentatore certificato 08.04.11 15:24| 
 |
Rispondi al commento

La crisi non esiste!!

http://tv.repubblica.it/copertina/berlusconi-brave-vi-inviterei-al-bunga-bunga/65885?video

Antonio M. Commentatore certificato 08.04.11 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Un conto è segnalare indicare urlare il rischio del crack finanziario, che poi ricadrebbe inesorabilmente su di noi cittadini lasciando la casta immune, un altro e quasi gioirne.

Livio Lo Verso, liviolov@tiscali.it Commentatore certificato 08.04.11 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Se si legge il post si vede anche che:
I valori cumulati del primo trimestre del 2011 portano a un totale di richieste di cig pari a 233,4 milioni di ore, in calo del 22,14% rispetto analogo periodo 2010.
Quindi forse forse una ripresa sull'anno scorso c'è realmente. Io parlo per l'azienda dove lavoro: quest'anno (per fortuna) abbiamo una crescita sul 2010 (anno pessimo) di circa il 40%. Speriamo che continui così.

Uno 08.04.11 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo in uno dei comuni più ricchi d'Italia.
L'edilizia è sempre più bloccata e tutti fanno le scommesse su quando falliranno le società dei cantieri più grossi fermi da mesi.
Gli assicuratori fanno le scommesse su quali saranno le prossime ceramiche che chiuderanno.
E il telegiornale apre la notizia che il redditto italiano delle famiglie è cresciuto in media dell'1%
E il parlamento si occupano di un vecchio che va con le minorenne. E la maggioranza pur di salvare il loro profeta è disposto a votare una legge che allunga i processi e abbrevia la prescrizione.
Se andiamo avanti così ci sarà il farwest, perchè non ci saranno più soldi e più giustizia e ognuno per campare ruberà all'altro.
Certi clienti infatti non pagano i loro fornitori o richiedono sconti pazzeschi altrimenti non gli danno nulla per il lavoro eseguito. Tanto è inutile aprire una causa con la giustizia di oggi.
Poi questi clienti non saranno pagati dai loro clienti e alla fine ci sarà il caos dove ognuno fotterà l'altro.
In questa situazione è importante che ogni persona sia solidale con il proprio vicino e non si adegui alla società. Ogni persona che vuole cambiare il mondo deve pagare i propri debiti e aiutare chi è in difficoltà

Matteo Pietri Commentatore certificato 08.04.11 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Vi sbagliate a dire che li paghiamo noi... Gli stipendi e le pensioni d'oro se li fanno da soli e tutti uniti!!! Noi siamo solo le mucche da mungere per i loro lussi e vita da nababbi. Criticano la Spagna per la crisi.. Ma siete mai stati in spagna a vedere come funzionano i servizi pubblici? I nostri politici oramai vivono il delirio di onnipotenza, se incontrassero Dio gli direbbero di mettersi in coda che adesso sono troppo imegnati nelle loro "funzioni" assegnate loro dagli Italiani!
Mi viene da vomitare sapendo pero' che gli italiani pensano solo al loro pezzetto di verde da proteggere e non si rendono conto che di proprio non hanno neanche piu la dignita' di persone che per diritto dovrebbero Riprendersi in mano la propria terra che E' la piu bella del mondo.

Franco Baglioni 08.04.11 12:35| 
 |
Rispondi al commento

...purtroppo tutto accade perchè c'è qualcosa di fondamentale che NON ESISTE in questo Paese, o almeno...NON ESISTE PIU'!!!...
...UN POPOLO!!...

anib roma Commentatore certificato 08.04.11 08:58| 
 |
Rispondi al commento

non vedo dove stà la bugia: la crisi per loro non esiste veramente visto quello che li paghiamo !!!!!

tina ghigliot 08.04.11 06:30| 
 |
Rispondi al commento

eppure questi continua ad esistere e a rubare un mare di soldi con i loro incredibili stipendi e privileggi: dove stanno, cosa fanno tutti i milioni di Italiani vessati?
preseverando

mario. bottoni 08.04.11 00:58| 
 |
Rispondi al commento

riflesione su tremonti:

tremonti appare sempre più come quel camionista che di fronte alla salita decide di mettere la ridotta piuttosto che cambiare strada guidando però un mezzo che è stato sabotato in ogni minimo particolare dai suoi stessi amici e parenti.

tremonti ma cosa vuoi guidare che non hai piu manco i freni che i tuoi compari si sono vendti tutto il vendibile dello stato italiano!!!

Tantovale che ti metti l'anima in pace e aspetti di finire contro al muro o giu dal burrone.


Dopo ci pensaranno gli italiani incazzati a fare fuori tutti i politici come fecero con mussolini e tornerà finalmente la pace.

bruno bassi 07.04.11 23:01| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
NON SO' PERCHE',MA CREDO CHE ASPETTI UN BELL'EFFETTO DOMINO,L'UNICA COSA CHE MI AUGURO,CHE I PRIMI SAREMO NOI......
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 07.04.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori