Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La giostra democratica


referendum_acqua_pubblica.jpg
La democrazia in Italia è una parola, una bella parola, nient'altro che una bella parola.
"Dopo il referendum nucleare, si cerca di far saltare quello dell'acqua pubblica con qualche piccolo emendamento che renda vana la consultazione popolare. L'effetto sarà devastante. Un conto è tenere occupate migliaia di persone in referendum solo abrogativi (grazie alla piu' bella Costituzione delle caste che abbiamo) che comunque svolgono una attività democratica di raccolta firme e mobilitazione appunto altamente democratica. UN altro è dare un calcio in culo a tutti i movimenti, associazioni del nucleare e ACQUA PUBBLICA. Liberandoli del peso di una falsa giostra democratica, saranno pronti ad una dura mobilitazione sul territorio. Altra che raccolta firme... il risultato sarà la totale disillusione di molte forze che la via democratica e costituzionale è solo una perdita di tempo e presa per il culo con i risultati che vedremo di altissima tensione sociale creata da questa cricca di delinquenti". tinazzi ., Albano Laziale

22 Apr 2011, 18:55 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

cominciamo ad andare al referendum, cmq sia

Filtri Brita 25.04.11 18:57| 
 |
Rispondi al commento

hanno avuto l'astuta pensata!!: istituiamo l'autority dell'acqua come quella dell'energia ... bella pensata!! burocrazia e altri posti ben pagati per altri parassiti amici degli amici. e poi come funziona bene l'autority dell'energia , vale la pena duplicarla. non serve a un cazzo , abbiamo le tariffe dell'energia piu' alte del mondo e che la colpa e' del nucleare sono palle colossali. con l'acqua sarebbe peggio. ma le cose semplici e pulite , in quelle menti di delinquenti che sono i nostri politici non vengono in mente? basterebbe che l'acqua fosse dei comuni o al massimo di consorzi di comuni , quindi pubblica , fissare per legge degli obbietivi come: quantita' massima di dispersione , qualita' , pareggio di bilancio , costi, stipendi dei dipendenti e amministratori gratis perche' sindaci dei comuni ecc. i cittadini se un anno ci fossero delle spese per sostituire le tubature , pagherebbero volentieri qualcosa in piu' , ma pagare per dare 200.000 euro all'anno agli amministratori o per le quotate in borsa spa quello se lo devono scordare

angelo mora 23.04.11 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Prima si prendono "una pausa di riflessione" sul nucleare, ora devono riflettere anche sull'acqua. C'è da chiedersi, non è che si stanno cagando addosso?

Gianluigi Scanferlato Commentatore certificato 23.04.11 12:52| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua deve essere pubblica, con o senza referendum.
Non se ne accorgono dell'aumento delle tensioni sociali? Non hanno paura di una caccia all'uomo, e di relativi eredi, con tutti i soldi che fanno sulla nostra pelle?

Marco M 23.04.11 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Se non siamo al Colpo di Stato siamo sicuramente all'appropriazione indebita delle Istituzioni.Dei tre Poteri Costituzionali già due sono sotto controllo e si sta cercando di asservire anche il terzo,quello che potrebbe fermarli , quello a cui tutti i cittadini debbono rispetto per ricevere in cambio la garanzia dell'imparzialità nel Giudizio. Se si chiuderà il cerchio piomberemo nella notte più buia della Repubblica !

Alfredo Pierucci 23.04.11 09:16| 
 |
Rispondi al commento

Finchè non ci saranno i referendum propositivi non si concluderà nulla.

Ricordate la legge sui finanziamenti pubblici ai partiti? Abrogata da un referendum. Ma loro hanno fatto un'altra legge (rimborso), cambiando il contenuto ma non la sostanza.

Bisogna dire: Vuoi che il nucleare fuori dall'Italia per sempre? Vuoi che l'acqua resti pubblica per sempre? E votare SI. Ma non si può fare.

Diremo no a questi articolo sul nucleare, ma potranno ricamarci su chissà quante altre riforme, basta cambiare le parole!

Merdacce schifose!!

Manuela D. 23.04.11 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Una parola sola...

RIVOLUZIONE!!!!!!!!!

Se ci bloccano i referendum non abbiamo più un cazzo (e lasciamelo scritto) da perdere, tranne la dignità, quella no, non me la leveranno!!!

La PRIMA rivoluzione italiana dopo 150 anni, è ora no?

Davide B. Commentatore certificato 22.04.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento

"APPLICATE LA LEGGE MERLIN: CHIUDETE MONTECITORIO"
.....bellissima...scritta su un muro a Roma
di: Rosa Gavina

Ciao

anib roma Commentatore certificato 22.04.11 20:14| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE
SIAMO AL COLPO DI STATO,ANCHE CON L'ACQUA,PER ME' GIOCANO ANCHE FIN TROPPO SPORCO CON LA COSTITUZIONE LE LEGGI ITALIANE,SE FARANNO IL GOLPE LI' TIREREMO GIU'
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 22.04.11 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Questo post da bene l'idea di cosa è ovvio possa succedere andando di questo passo.
Non è forse vero che il colpo di stato sembra già in atto?
Un parlamento (con tanti pregiudicati o persone in attesa di giudizio per fatti molto gravi) che si permette, in modo così evidente, di prendere per il culo i cittadini che dovrebbe rappresentare, cosa sta facendo se non un golpe?
O forse sono io che mi sbaglio: questi politici sono li perchè la maggioranza li ha votati e allora vuol dire che la maggioranza degli Italiani sta avendo ciò che ha chiesto.
Io... no!

D Ben 22.04.11 19:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori