Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Giustizia è sorda


non_udente.jpg
La giustizia non solo è cieca, ma è anche sorda.
"Io ho perso l'udito dopo aver lavorato da bambino in tessitura, avevo solo 14 anni. Il danno è stato grave ed irreversibile. Mi sono adattato, purtroppo i "normali" non perdonano, e qualche tempo fa, non avendo compreso bene cosa mi dicesse una antipaticissima impiegata sanitaria, ho firmato un documento che alla fine risultava che avevo "imbrogliato" per l'enorme importo di ben 17,5 euro, ho tutto documentato. Mi hanno processato per direttissima e condannato a 15 giorni di prigione o la multa di 650 euro. Non mi dilungo, quando uno Stato è inflessibile con i cittadini deboli e debole, permissivo o complice con i potenti e per potenti sai chi alludo, noi non abbiamo speranza." attilio rossi

10 Apr 2011, 15:49 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ciao! Sono Valeria Cotura, l'autrice e l'interprete del cortometraggio. Sono una persona sorda profonda dalla nascita oralista. Vi ringrazio per avere condiviso il nostro lavoro, ma vi invito di inserire sul vostro blog il link giusto(quello mio). http://www.youtube.com/watch?v=L9BSQZuQ_LQ&feature=related
Potrete così visionarlo per intero, dal finale coglierete lo spirito che ho voluto imprimergli. Nonostante l'evidente discriminazione,la protagonista è abbastanza serena e obiettiva per individuarne la causa nella disinformazione,nel disagio,nel senso di inadeguatezza del ragazzo, non nella sua insensibilità o in una particolare avversione. Fa dunque leva sulla sua determinazione e comprensione e con un sorriso getta un ponte verso l'altro. Spetta a chi è apparentemente più fragile indicare quali comportamenti tenere con le persone con disabilità e proporsi agli altri con più ottimismo rivendicando la soddisfazione dei diritti umani e civili al pari di tutti.
Il corto ha partecipato al concorso della FISH "Sapete come mi trattano?".

Valeria Cotura 12.04.11 00:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con te! I sordi sono loro, fregandosene di chi è debole non per colpa propria ma per i soprusi subiti. Piccoli, piccolissimi uomini e donne al potere divenuti veri e propri virus di malattie infettive e mortali. Mi domando ma ci sono gli italiani! Secondo me la maggioranza è drogata all'ultimo grado, altrimenti non si spiegherebbe questo paese corrotto e "governato" da corrotti. Il sud mortificato da 150 anni cerca di disindossicarsi ma i veleni sono troppi! A noi non interessa il c..del nano e compagni ma solo la dignità di una nazione unita nella libertà e uguaglianza. Non ci sono i migliori ma i furbi criminali e i deboli indifesi. Dimettiti Berlu, la miglior cosa per salvarti dalla grave malattia che hai, che infetta tutta l'umanità! Untori siete voi tutti che lo santificate! Vergogna! L'italietta dei nani...

maria rosaria marchetti 11.04.11 13:04| 
 |
Rispondi al commento

non ho parole.....quando leggo queste cose rimango allibita....come fanno a rendersi così ridicoli....e noi li paghiamo pure!!!!!

annita giampieri 11.04.11 12:22| 
 |
Rispondi al commento

non ho parole.....quando leggo queste cose rimango allibita....e noi paghiamo questa gente di merda!!!!

annita giampieri 11.04.11 12:15| 
 |
Rispondi al commento

anche gli avvocati dovrebbero essere soggetti ad un controllo per evitare che si arricchiscano facendo cause perse.

Un buon metodo sarebbe se gli avvocati che perdono troppe causee venissero espulsi dall'ordine.

bruno bassi 11.04.11 02:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

occorrerebbe un sistema di riforma della magistratura che non è finalizzato alla politica partitica.

un sitema potrebbe essere quello del controllo di efficienza dei giudici di 1 grado tramite comparazione con le sentenze di cassazione.

praticamente se un giudice di 1 grado emette sentenze che si discostano troppo da quelle della cassazione puo essere licenziato.

Ovviamete tutti sbagliano però è ovvio che se un giudice emette troppe sentenze che puntualmente in cassazione vengono bocciate dovrebbe cambiare mestiere immediatamente.

bruno bassi 11.04.11 02:00| 
 |
Rispondi al commento

hai presente lello splendor quello di panariello?

Devi sapere che non è una invenzione del comico ma esiste davvero.

Un tipo fuori di testa che manco sa se è al mondo!

Immaginati te che un tempo fu condannato in contumacia per un reato penale!

Ora dimmi te ( io non te lo posso dire) se è piu scemo lello splendor o il giudice che lo condannò?

la magitratura in italia soffre dello stesso identico difetto della politica cioè il ricambio non c'è mai e se c'è non è selezionato secondo merito o secondo punizione per incapacità.

Il problema è che non possiamo pretendere che sia la politica, nello stato in cui si trova a pulire la magistratura peciò dovrebbe essere la magistratura stessa a sapersi ripulire altrimenti è piu che scontato che perderà l'autonomia e diventerà sottomessa alla politica che pur marcia è comunque sottoposta al giudizio del popolo anche se con una legge elettorale che fa rimanere pure i non voluti dalla gente.

bruno bassi 11.04.11 01:50| 
 |
Rispondi al commento

Veramente io lavoro con gente che dichiara di non avere reddito tale da NON PAGARE IL TICKET DELLA SANITA' ma poi viene con gioielli, borse delle marche più costose comprate in negozi in cui io non mi accosto nemmeno, vengono con auto costose ma poi DICHIARANO UN REDDITO TALE DA NON PAGARE IL TICKET, DICHIARANO IL FALSO........e sono molti che fanno così su 20 almeno 5 o 6.....non mi sembra giusto,SE TUTTI PAGASSERO, PAGHEREMO TUTTI DI MENO, ma i furbi ci sono sempre. Non so se il signore è veramente sordo, ma se io firmo un documento LO LEGGO PRIMA!!!!!! POVERA ITALIA

vittoria la rocca 10.04.11 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Due anni e sei mesi, più 200.000 euri di multa.
Il tutto, nel giro di due mesi. Altro che processo breve.
CAPRI (15 settembre) - Due anni e sei mesi di reclusione è la condanna inflitta a due operai accusati di aver sversato liquami prelevati in pozzi neri in mare a poca distanza dalla Grotta Azzurra di Capri.


La sentenza è stata emessa oggi dal giudice monocratico di Napoli Luigi Buono che ha accolto le richieste del pm Federico Bisceglia della sezione ecologia della Procura di Napoli.

Il giudice ha condannato inoltre i due imputati, dipendenti della ditta «Ecology srl» al pagamento di una provvisionale di 100mila euro al Comune di Capri e 100mila euro al Comune di Anacapri.

Salvatore Criscuolo e Salvatore Guerriero, i due imputati condannati oggi, furono sorpresi dai carabinieri la notte del 17 agosto scorso mentre, dopo aver eseguito i lavori di spurgo del pozzo nero del ristorante «Il Riccio», riversavano in mare il contenuto dell'autobotte. I liquami, secondo gli esami dell'Arpac, sono stati classificati come rifiuti speciali non pericolosi.

antonio d., carrara Commentatore certificato 10.04.11 21:25| 
 |
Rispondi al commento

ciao Attilio.

MANDIAMOLI AFFXXXXXX!!!!!!

cristina ., como Commentatore certificato 10.04.11 20:48| 
 |
Rispondi al commento

e' anche cieca visto che chi ruba veramente non ci fanno vedere i volti e parlo dei dipendenti pubblici che timbrano e vanno a fare i c.zzi loro con lo stipendio che gli paghiamo noi

gaspare grimaudo 10.04.11 19:48| 
 |
Rispondi al commento

"E' dura sapere di essere sordi in un paese che non sa di essere sordi. L'ipocrisia del potere è pensare di essere furbo quando parla con i sordi." Caro Attilio mi dispiace per queste parole ma c'è poco da fare, io, che ho un problema simile al tuo, per un problema molto più serio dopo aver parlato con cinque giudici diversi in cinque occasioni diverse non appena dicevo "non ho capito" si inalberavano o si inventavano le più grosse stupidaggini per non ammettere il problema; anzi uno di essi, un emerito imbecille come minimo, mi ha pure querelato per calunnia e il bello o il brutto del problema è che loro per queste cose vincono sempre le cause specialmente quando hanno spudoratamente torto.

giordano dettore 10.04.11 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Attilio,
quello che hai ricevuto è molto probabilmente un decreto penale di condanna.
Se non sono passati più di 15 giorni dalla notifica fai in tempo a fare opposizione in tribunale ed avere un processo dove potrai difenderti e chiarire tutto.
Contatta subito un tuo legale di fiducia (o prova con lo "scudo della Rete" del blog di Grillo) oppure contatta l'avv. di ufficio che ti avranno assegnato (leggi bene il decreto) per valutare il da farsi.
In bocca al lupo.
Maurizio - Lecce

Maurizio Buccarella 10.04.11 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Qualche semplice domanda : questa assistente sanitaria che ha scatenato questo casino lavora in un certo posto che, presumo, tu conosci ? Quando termina di lavorare si dirige verso casa ? Dormirà da quache parte o sotto i ponti ? Avrà un auto o prenderà l'autobus ? In ogni modo, se ti dai da fare, non è difficile raccogliere le giuste informazioni che ti occorrono. Il resto, non te lo devo spiegare no ?

Davide Mancori, Roma Commentatore certificato 10.04.11 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno ha sanzionato quel giudice né mai lo farà.
Lui non ha la toga rossa.

pippo pansa 10.04.11 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma allora, se per ogni euro 'rubato' ci prendiamo un gionri di galera, gli amministratori delegati delle varie Parmalat ecc. dovrebbero ricevere un migliaio di ergastoli?

Aglaia Nait 10.04.11 17:26| 
 |
Rispondi al commento

la mia esperienza per capire come funziona inizio' nel lontano 1980 , questo per dire che e' sempre stato cosi'. stavo per essere processato per non aver pagato il pizzo di stato chiamato siae e avevo davanti a me altri due processi prima del mio. Il primo era un povero cristo che alle undici di sera dietro dei cassonetti della spazzatura stava pisciando ed era stato preso il flagranza di reato da due carabinieri e denunciato per atti osceni. A niente e' valsa la difesa che diceva che senza la volonta' esibizionista non esisteva il reato : un mese di condanna e il poveretto che piangeva a dirotto.
Poi il secondo era un politico importante che aveva costruito abusivamente vicino a delle spiaggie : assolto. Ad oggi lo stronzo del giudice continua ad essere inflessibile con i deboli in un tribunale importante e leggo spesso le sue gesta di duro con i poveri diavoli e il politico e' ancora in voga ed e' riusito a fare modificare una statale togliendo del terreno ai poveri per farsi i cazzi suoi in un centro commerciale. angelo

angelo mora 10.04.11 17:16| 
 |
Rispondi al commento

caro attilio, se tu avessi rubato per 17,5 ml non avresti fatto un solo giorno di galera.....

legittimo impedimento 10.04.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Calma a dire lo stato, attualmente il governo e istituzioni al seguito sono in mano ai delinquenti.
I pirati si sono impadroniti del governo italiano, perchè invece di mettere il tricolore, non issano il jolly roger, la tipica bandiera dei pirati?

RBendo 10.04.11 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
CERTO CHE E' DAVVERO SORDA,PER NON DIRE INCONSAPEVOLE,LA "GIUSTIZIA".........
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 10.04.11 16:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori