Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le rivoluzioni senza leader


Lampedusa
(01:16)
Lampedusa.jpg

Con l'attentato di Marrakesh in Marocco e con la rivoluzione siriana, tutti i Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente sono in fiamme. Per alcuni si tratta di incendi, per altri per ora di focolai. "Le libertà non vengono date, si prendono!" disse Pëtr Kropotkin. Questo è il senso di ciò che succede. Non è emerso un solo leader in contrapposizione a Gheddafi, Assad, Mubarak o Ben Alì, ma popoli, persone, gente comune. E' la rivoluzione del signor Rossi. E' strano, è nuovo. In passato per un Rheza Palavi c'era un Khomeyni, per Faruk c'era Nasser. Oggi non sarebbe pensabile, l'opposizione al regime iraniano è fatta dagli studenti, Mubarak è stato cacciato dalle piazze piene di cittadini egiziani. La gabbia di ferro creata dall'Occidente per i Paesi di quello che fu l'ex impero Ottomano sta aprendosi. Cosa ne uscirà non lo sa nessuno. Un grande califfato da Istanbul a Rabat o nuove democrazie.
I dittatori che governano o hanno governato questa parte del mondo sono alleati o burattini delle potenze occidentali. Che si indignano e li impiccano e li bombardano solo quando non garantiscono più i loro interessi, come avvenne ieri per Saddam Hussein, armato per decenni dagli Stati Uniti, e per Gheddafi oggi, oppure per la spinta di forze democratiche che crescono per la diffusione delle informazioni via Internet. Le guerre portano agli esodi, è sempre successo nella Storia, e le folle di nordafricani che arrivano in Italia sono la logica conseguenza del passato. I dittatori sono stati tollerati o imposti dalla Nato, dall'Onu, dalla UE. Abbiamo prima colonizzato i Paesi musulmani e sterminato gli oppositori, come fecero la Francia in Algeria e l'Italia in Libia. In seguito abbiamo venduto per decenni le nostre armi e comprato il loro petrolio, il loro gas, le loro materie prime e consentito ogni violazione della democrazia. Cosa ci aspettavamo? Mazzi di fiori e datteri? Se la rivoluzione si estenderà centinaia di migliaia di persone cercheranno rifugio in Europa che reagirà, per la legge del contrappasso, con l'affermazione dei partiti di ultradestra e la fine della democrazia in molti Paesi.

Ps. Il mio intervento in piazza Castello a Torino sarà trasmesso in streaming su http://it.justin.tv/torinolibera.

Tour Elettorale 2011

Segui le tappe su Facebook e su Twitter.
Pubblica video, commenti e foto sui social media usando il tag "m5sTour".

Le date e le città del tour elettorale. Sabato 30/4 Alpignano-Pianezza (h.11), Trofarello (h.14), Torino (h.17), San Mauro (h.21); Domenica 1/5 Chivasso (h.14.30), Novara (h.17,00), Domodossola (h. 21); Lunedì 2/5 Cagliari (h.19); Martedì 3/5 Olgiate Comasco (h.12), Varese (h.19), Busto Arsizio (h. 21); Mercoledì 4/5 Milano (h.19), Vimercate (h.21); Giovedì 5/5 Desio (h.19), San Giuliano Milanese (h.21); Venerdì 6/5 Rottofreno (h.17), Salsomaggiore Terme (h.19), Sala Baganza (h.21); Sabato 7/5 Cento (h.11.30), Bologna (h.15), Rovigo (h.19); Domenica 8/5 Cartura (h.11), Abano Terme (h.12), Oderzo (h.15), Trieste (h.19); Lunedì 9/5 Vigonovo e Campolongo (h.11.30), Chioggia (h.18), Adria (h.21); Martedì 10/5 Codigoro (h.12), Ravenna (h.18), Cesenatico (h.20.30), Rimini (h.21,30); Mercoledì 11/5 S. Benedetto del Tronto (h.13), Vasto (h.15,30), Nardò (h.21,30); Giovedì 12/5 Cosenza (h.17.30), Napoli (h.21.30); Venerdì 13/5 Latina (h.11.30), Pomezia (h.13), Grosseto (h.17.30), Siena (h.20), Arezzo (h.22).

Spegniamo il nucleare

Spegniamo il Nucleare (Libro)

"Manuale di sopravvivenza alle balle atomiche" di Beppe Grillo
Acquista oggi
la tua copia.


lasettimanabanner.jpg

30 Apr 2011, 15:46 | Scrivi | Commenti (498) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

grande Beppe!!!!, da oggi sono dei vostri!!!!!

Alfonso D., silvi marina Commentatore certificato 06.05.11 01:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LIBERI CON LA RETE
Il dominio di un’epoca è associato ad una determinata tecnologia, e quando questa diventa obsoleta anche i suoi dominatori perdono potere.

Negli ultimi anni la novità socio-tecnologica più rilevante è senz’altro Internet: che vuol dire video senza Televisioni, notizie praticamente senza Agenzie, morale senza Dottrine e idee senza Partiti. In altre parole emancipazione, autodeterminazione culturale, libertà. E Internet, con il suo schema, sta già contagiando altri aspetti, ad esempio nel campo della produzione e distribuzione energetica, che si presta molto al nuovo schema “peer to peer”.

Ma le masse autonome iniziano a vivere meglio (va bè, pazienza…) e a consumar meno, facendo calare i profitti (eh no! Questo proprio non va giù!)

Ecco perché ad esempio un’azienda multinazionale che vende sementi transgeniche ha pensato bene fidelizzare la clientela rendendo la specie sterile. Così gli agricoltori sono costretti ogni anno ad un nuovo esborso, non essendo più in grado di riprodurre le sementi in modo naturale.
Ecco perché dopo il boom dell’energia pulita, che è anche facile da produrre in pace e autonomia, è arrivato puntuale il rilancio dell’atomo, che è il trionfo della centralità monopolista.
Senza contare che le Rinnovabili sono all’incirca alla portata di tutti, mentre per Fossili e Uranio dobbiamo metterci nelle mani di governi guerrafondai.

Il duello tra “Nucleare+Fossili” vs. “Rinnovabili” si traduce in un più ampio conflitto che vede contrapporsi da un lato Monopolio, controllo, centralizzazione e bombe; dall’altro autosufficienza, libertà e democrazia (di quelle vere, non quelle made in USA!).
Il nostro tempo ci offre la possibilità di un riscatto che aspettavamo da millenni, l’occasione di autogestire davvero le nostre vite e le nostre risorse.
Allora saremo liberi dai “potenti”, i quali senza le mani sui rubinetti di aria, acqua, cibo, energia e informazioni, saranno sempre meno”potenti”.

mailperdavide@yahoo.it

Davide M. Commentatore certificato 05.05.11 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Cro Beppe,

così non si vincono elezioni e non si mandano i mascalzoni a casa. A mio avviso tu devi inserire i giovani nelle problematiche della società. Devi responsabilizzarli, stimolarli, coinvolgerli in un progetto di cambiamento strutturale. Come ? Prendi Milano. Secondo me devi individuare soggetti preparati affidando loro ambiti tematici precisi: sviluppo urbano, traffico e trasporti, ambiente, la casa, bambini e anziani, etc. Solo così puoi recuperare una società sbandata educandola a pensare.

Ciao,
peppe cuoppula

nicola piro (peppe cuoppula), D - 48485 Neuenkirchen Commentatore certificato 05.05.11 12:55| 
 |
Rispondi al commento

E'tempo di Fiabe...
[I]L'ennesimo matrimonio del secolo (saranno vegenti),viene celebrato in pompa magna,talmente tanti gli irriducibili romantici,orgasmistici bisognosi,che la corte si porta avanti con il lavoro dando un ruolo istituzionale a una Pippa.
La plebe e' nelle strade,come davanti alle tv,sognando il Principe azzurro e/o la Principessa,intonando "God save the Queen",dividendo il "God" inflazionato,che per meta' e' reclamato nell'altra piazza,quella del Santo Pietro,dove si beatificava,saltando la Canonizzazione a piè pari,un umanoide che tanti miracoli terreni ha saputo regalare alla storia.
Dal miracolo Marcinkus al miracolo dell'abbraccio istituzionale con Pinochet,passando di sfuggita a Fatima e i suoi pastorini.
I pastorini occidentali,che portano democrazia in quei luoghi oppressi da tirannie.
Per un senso civico,morale,etico,fino alla commozione autoindotta, producendo talmente tante lacrime,da non permettergli di vedere con gli occhi la striscia di Gaza,il Tibet,Darfur e tanti altri posti che attendono che ai pastorini arrivi un collirio con un brevetto scaduto.
Scaduto il tempo per il Demone Bin,"terminato" in un'azione denominata "Geronimo",l'associazione di richiamo sembra sartoriale.
Sartoriale,come il risvolto dei pantaloni,dove il Demone Bin aveva nascosto per la fuga 500 Euro (?!) ,e forse qualche buono di benzina per il motorino lasciatogli in eredita dal mullah Omar,quello cieco da un occhio.
Occhio per occhio,recitavano i vecchi scritti.
I pesci sciacalli che popolano in mare,la prima cosa che mangiano di un cadavere,sono gli occhi,sara' per questo lascito antico,che lo hanno gettato in mare.
E come in tutte le fiabe,c'e' il finale ad effetto;
Obama:"Da oggi sara' un mondo migliore".
[/I]

Luca Stendardo 05.05.11 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Peppe,

pubblico quì un mio post testé scritto e pubblicato su il Fatto Quotidiano:

Il Fatto Quotidiano
malavita scrive:
3 maggio 2011 alle 22:24
Vedi se trovi un asino di architetto, ingegnere, geometra, avvocato o un Di Pietro o un Casini, entrambi “giuristi” del k…acchio, a ragliare per balbettare che nell’ italietta della “deregulation” istituzionalizzata, con un ministro della malagiustizia “giurista”, un presidente della Repubblica “giurista”, ma dormiente, quando frequentava scuola e l’ università italiane allorché erano ancora fucine del sapere, e un presidente dello sconsiglio laureato in Evasione fiscale e Falso in atto pubblico, non esiste alcun ambito della Dottrina e della Giurisprudenta che regoli in maniera inequivocabile l’ Istituto giuridico del Collaudo, premessa irrinunciabile nella cura degli interessi della committenza pubblica e privata. Per trovare fonti di luce al riguardo o devi percorrere la storia a ritroso per farti condurre agli anni Venti, Trenta sino al 1945, in Italia, o andare al doposcuola in Germania.
VERGOGNATEVI, K…oglioni !

Questa è l' italietta del psiconano.

Ciao con promessa da grande divertimento.
np

nicola piro (peppe cuoppula), D - 48485 Neuenkirchen Commentatore certificato 03.05.11 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Dal mare nostrum siamo passati al mare max exodus. Siamo sprofondati nel marasma di sollevazioni popolari di finalita' ancora da conoscere. Non c'e' da meravigliarsi se alla dittatura si sostituisse una oligarchia. Dall'africa soffia il vento caldo del Risiko.

giuseppe greco 03.05.11 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Gli immigrati servono per pagare le pensioni ,perchè la popolazione non cresce e loro ce le pagheranno.... che ci costa ? crediamoci...
L' 11 settembre le 2 torri cadute ( sembra il signore degli anelli ) hanno fatto cadere tutta la Borsa mondiale che poi il danno nn era nulla specialmente confrontato con il terremoto in giappone.... che ci costa ? crediamoci... ora hanno fatto fuori Bin Laden... ( nn sarebbe stato il caso di catturarlo vivo ? ) e il dollaro cresce e tutto il mondo rigrazia che a me mi è anche passato il mal di denti ........ che ci costa ? crediamoci... buon 2 maggio a tutti

tino p. Commentatore certificato 02.05.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento

b
Beati i profughi scappati per persecuzione dal loro Paese e accolti dall’angheria e ira di maledetti razzisti ai poteri
Beati i torturati nelle galere, i morti per percosse nelle celle, gli impiccati alle sbarre i soffocati in isolamento
Beati i padri e le madri preoccupati più che mai per il loro lavoro ridotto a schiavitù da mostri famelici senza cuore e ragione, Santi sono gli operai disconosciuti come esseri umani, messi alle catene, ricattati, minacciati, venduti al peggior offerente, rassegnati e vilipesi
Beati coloro che non si arrendono e a mani nude e viso scoperto lottano contro le polizie di questi regimi infami, Santi gli studenti con le teste spaccate dai manganelli, fratturati dai calci e Santi i morti nelle manifestazioni
Beati gli ammazzati dalla mafia, giudici e agenti, gente semplice e testimoni, figli di pentiti scipito nell’acido, Santi i rapiti e mai più tornati, Santo il sangue loro e le urine rilasciare per terrore, immobilizzazioni e grotte buie
Santi gli accusati ingiustamente che non avranno processo liberatorio perché poveri
Beati i timidi e gli indifesi, i ridotti al silenzio, gli anoressici, gli ubriachi
Beati coloro che piangono e non riescono più a smettere guardando la pistola carica accanto
Beati coloro che scioperano per tutti gli altri che non possono o non vogliono più farlo
Beati coloro che aprono gli occhi e non si fanno intimorire dall’oppio dei popoli
Beati coloro che dubitano sempre e mai hanno certezza
Beati quelli che hanno paura in quest’era di terrore
Beato chi non ruba, non trucca appalti, non corrompe, non pratica falsa testimonianza e non insulta
Beati tutti gli umili perché di loro non è il Governo
Beati coloro che contano i centesimi per comprarsi il pane
Beati i sacerdoti che combattono il ministero politico
Beati i preti che prendono voce contro la camorra
Beati pochi sindacalisti puliti che non si sono venduti ai servi dell’imperatore
Beata la classe operaia

viviana v., Bologna Commentatore certificato 02.05.11 06:52| 
 |
Rispondi al commento

molti clandestini girano per la penisola senza
sapere una parola d'italiano.
ALLA FINE FANNO LA STESSA COSA CHE FA'BOSSI

antonio f. Commentatore certificato 01.05.11 20:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Illusi: ma quale democrazia, quale popolo, la gente che si ribella!
Dietro a queste sommesse ci sono i servizi segreti americani! Come mai non c'è una sola bandiera americana che sia stata incendiata? Come mai non ci sono appelli contro i "crociati", contro gli occidentali, contro gli USA? Perchè la Francia era già pronta ad intervenire?

Fabio Cossettini 01.05.11 19:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogni cambiamento ha bisogno di una guida o comunque di un pensiero comune in cui ci si identifichi, fa parte della natura umana. E' sempre stato e sempre sarà così.

I leader poi non sono (e non sono mai stati) sei deus ex machina, altrimenti sarebbero durati pochissimo.
Tutti i leader fanno parte di strutturo complesse che vanno dallo spin doctor al gost writer al consulente economico a quello di politica estera eccetera.
La loro vera capacità è quella di scegliersi collaborai validi come saperli controllare. Da Napoleone a Churchill ciascuno aveva il suo modo.

Se cinque stelle avrà modo di accedere alla stanza dei bottoni, e come nel film "il candidato" con Redford si ritroverà con aver a che fare con il tangibile e dunque con la domanda: "e adesso che faccio".

La realtà vista dalle finestra della stanza ovale, come soleva dire Kennedy, è assai diversa da quella che vediamo riflessa da qualsiasi altra finestra. Ha a che fare con la realtà di tante teste che la pensano in modo tanto diverso e tanti interessi contrastanti (compresi quelle di tanti che consideriamo amici e compagni!).

Auguri e in bocca al lupo, ne avete bisogno.

Post Scriptum i cinici peggiori sono coloro che si erano gettati anima e corpo in idee, il tutto senza un paracadute all’anima. E senza aver ben chiaro fino in fondo il principio di realtà,.

Chi uccise Pisacane chi Marat?, la gente molto spesso (a prescindere da quello che blatera) non vuole affatto la libertà vuole solo un padrone più "buono", ne senso che protegga i sui stramaledetti interessi di bottega! PURTROPPO.

Siete dei gran bravi ragazzi, ma dovete diventare uomini e sarà tanto dura.

luca 01.05.11 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Signor E.W., bella Poesia;
E' bello sorseggiarne l'essenza
colgo le donne nella mia contemplazione
come un mosaico che non vedo per intero
frammenti di estasi cosmica
Amore è un grembo che mi accoglie
con un sorriso d'emozione
Sensi dell'Anima,
Oblio senza tempo,
Vita...

Orso Blu 01.05.11 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.sapienza-finanziaria.com/2011/04/finalmente-pronto-il-dvd-per-le-aziende.html

Martino G. Commentatore certificato 01.05.11 14:26| 
 |
Rispondi al commento

tutte queste sommosse tutte in una volta mi puzzano di manovre occulte.

paolo giannotti, pesaro Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Questi popoli, dopo secoli di segregazione sociale, culturale e religiosa, e con l'aiuto determinante di Internet, hanno capito, hanno alzato la testa e si sono fatti attori del loro futuro.
Hanno deciso di essere, loro stessi, i protagonisti della loro emancipazione.
Non so se ci riusciranno, molti, del mondo occidentale, temono questa loro presa di coscienza.
Proprio l'occidente, che le coscienze le ha addormentate, teme il contagio che da queste rivoluzioni può venire; ma pavidi, come sono, tentano di impossessarsi, di imbrigliare questi movimenti.
Quando non è possibile sostenere e difendere (per i loro sporchi interessi) i tiranni, entrano in gioco per cacciarli con armi e quanto altro, ma, senz'altro, con l'inconfessabile intento di imbrigliare e governare questi tumulti.
Io spero che, questi popoli, possano liberarsi dei loro aguzzini ma sappiano anche difendersi dal subdolo tentativo di normalizzarli di questo, altrettanto tiranno, occidente.

Moltodeluso 01.05.11 14:18| 
 |
Rispondi al commento

La Rivoluzione senza leader viene buona lo stesso!

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 01.05.11 13:47| 
 |
Rispondi al commento

lo so che non ve ne fregherà una cippa,
ma c'è un nuovo post......

il Mandi Commentatore certificato 01.05.11 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Franco Antonio Perrone

"Il cerchio si stringe e la Rete si allarga e con essa i confini mentali..."

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 13:33| 
 |
Rispondi al commento

domenica 1 maggio 2011:

buon non lavoro!! ;) (lievi modifiche costituzionali)

art 1.
L'ITALIA (?) È UN OLIGARCHIA PLUTOTEKNOCRATICA SFONDATA DA LAVORI DI MERDA.


PUNTO!

neuterkar neuterkar, pianeta terra, roma Commentatore certificato 01.05.11 13:20| 
 |
Rispondi al commento

andate sul sito "medioeve sociale" scorrete in basso fino ad arrivare al leghista brianzolo, cosa ne dite? ci sarenne da piangere

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 13:19| 
 |
Rispondi al commento

La strada intrapresa dal moVimento e' lunga ma poderosa, non allearsi alla partitocrazia ci garantisce di non rimanere invischiati alla politica politicante come l'IDV che spesso e' costretta a compromessi.

Il bacino elettorale a cui attingere e' quello a cui anela sempre la "partitocrazia" ma e' propio la parte dell'elettorato che non crede in questa politica...ma vuole qualcosa di VERO!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Allora, questa invasione?
Frankfurter Allgemeine Zeitung Francoforte
Il 1 maggio cadono le barriere all'ingresso dei lavoratori dell'Europa centro-orientale nel mercato del lavoro tedesco. Ma aprire le porte non basterà ad attrarre la manodopera necessaria.

Lisa Nienhaus - Melanie Amann
Da un paio di settimane Andreas Röhm è sommerso di richieste. La Sirius Consulting, la sua società di consulenza per il personale, spedisce da anni badanti dall'Europa dell'est alle famiglie tedesche. Ma adesso una nuova clientela si rivolge alla sua compagnia. “Mi chiamano piccoli e medi imprenditori”, racconta Röhm, “cercano operai per i cantieri, saldatori o personale per gli hotel”. Le imprese vogliono che Röhm utilizzi i suoi contatti con i paesi dell'est per attrarre gente in Germania.
Dal primo maggio infatti si apriranno le porte a tutti gli europei di quei paesi dell'est entrati nell'Unione dal 2004. Polacchi, cechi, slovacchi, ungheresi, sloveni e baltici potranno finalmente lavorare in Germania senza ostacoli – senza che l'ufficio del lavoro debba dimostrare che non ci sono lavoratori tedeschi disponibili per lo stesso impiego.
Quindi adesso i cugini dell'est possono venire in Germania. Ma lo vogliono davvero? Non tutti, secondo gli economisti. “Il primo maggio non sarà un semaforo verde all'immigrazione di massa”, sostiene Christoph Schmidt, direttore del Rheinisch-Westfälischen Instituts für Wirtschaftsforschung di Essen. Secondo le sue stime ogni anno arriveranno circa 100mila lavoratori dall'Est Europa. Niente di esorbitante, se si pensa che oggi in Germania ce ne sono già 600mila. "Non basta aprire i cancelli per far arrivare gli specialisti“.
Chi lo avrebbe mai detto. Da anni si teme che appena aperti i confini cechi e polacchi avrebbero invaso il mercato del lavoro togliendo il posto ai tedeschi.

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 13:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ovazione di folla per Beppe Grillo a Torino. Oltre diecimila persone hanno affollato piazza Castello, mentre il leader del Movimento 5 stelle dal palco allestito davanti a palazzo reale teneva il suo comizio elettorale a sostegno del candidato sindaco di Torino, Vittorio Bertola. "Il movimento 5 stelle a Torino porta disgrazia agli altri – ha esordito il comico genovese – nel senso che togliamo voti, tra Fassino e Coppola si sa già chi ha vinto, si spartiscono le piazze, a te Torino e a me Milano. Qualcosa sta cambiando. Noi dobbiamo diventare lo Stato, nei comuni, nelle regioni e nel parlamento".

Qui vedete la gente

http://www.notizie.me/beppe-presenta-la-lista-torino-5-stelle-davanti-a-10-000-persone/


Ma non ce n'è uno capace di fare un video decente per youtube?

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 13:06| 
 |
Rispondi al commento


Stranezze di un Primo Maggio
ScrMentre ci scambiamo gli auguri per questo Primo Maggio, sperando che resti per tutti la festa dei lavoratori, è doveroso dirsi da subito che proprio qui, a Roma, oggi, c’è anche il signor Robert Mugabe, il presidente dello Zimbabwe che appena finito di far arrestare alcuni e uccidere altri deputati del suo Paese, (logico sviluppo di una lunghissima gestione bokassiana del suo Paese), è venuto a godersi la beatificazione di Giovanni Paolo II. Il nostro Paese, l’Italia, per la quarta volta ha chiesto e ottenuto il placet europeo e gli ha consentito l’ingresso, in virtù di quanto previsto dai Patti Lateranensi. Le sanzioni europee che lo colpiscono gli impedirebbero l’ingresso nel territorio europeo, ma le visite in Vaticano e alla Fao (dove viene regolarmente invitato) hanno comportato e comportano “l’eccezione” comunitaria. Visto che tutto questo accade mentre si bombarda il suo degno compare , sodale e amico personale Muammar Gheddafi, appare lecito chiedersi: “due pesi e due misure?” Oppure è molto più semplicemente che dell’inferno Zimbabwe ci cala poco?
Purtroppo però questo Primo Maggio è birbante: oltre alla contemporaneità delle bombe su Gheddafi e del “passi” per Mugabe (cattolico), c’è anche il “severo monito” a Bashar, il giovane oftamologolo che, considerando quanto si dica sensibile alla vista del sangue, deve essersi messo gli occhiali da sole in questi giorni di autentica macelleria baathista.
Siamo al “triplo standard”? Perchè davanti ad un orrore simile per lui c’è soltanto un cartellino giallo? Le spiegazioni degli “espertoni” sono formidabili: se cade lui arrivano i fondamentalisti! Ma non è lui, Bashar al-Assad, l’ufficiale pagatore di Hamas, Hezbollah, Jihad, e di altri gruppuscoli? Vabbè, certo, ribatono gli espertoni, ma se cade lui la Siria si disintegra! E allora? Meglio tenere in vita un vero

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se i Paesi sotto dittatura si ribellano , i Paesi occidentali diventerebbero di destra per l'esodo naturale dal Nord Africa . dunque via berlusconi e un nuovo e peggiore berlusconi bis?
Che fortuna che abbiamo.
A pensare che basterebbe applicare in toto e sostanzialmente la nostra bella Costituzione.
Avremmo una democrazia partecipata.

cesare beccaria Commentatore certificato 01.05.11 12:58| 
 |
Rispondi al commento

Uno spezzone dell'intervento di Grillo a Torino il 30 aprile 2011

http://www.youtube.com/watch?v=b9-Su9aQjnw

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 12:58| 
 |
Rispondi al commento

I BERSAGLI ITALIANI DI GHEDDAFI

Come un leone rabbioso a cui hanno ammazzato il cucciolo più piccolo, Gheddafi sta lanciando i suoi avvertimenti all'Italia: presto potrebbe portare la guerra libica nelle città della nostra penisola. I potenziali bersagli potrebbero essere le grandi metropoli come, ad esempio, Roma, oggi invasa da circa un milione di pellegrini venuti per la beatificazione papale... LEGGI TUTTO cliccando sul nome

Domenico Ciardulli, Roma Commentatore certificato 01.05.11 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, direi che rimembrare il passato coloniale non abbia senso nel 2011. Gli arabi mussulmani hanno compiuto saccheggi, atti di pirateria e massacri ai danni di tutti i cristiani del bacino mediterraneo. 846 - Saccheggio di Roma da parte dei Saraceni, la conquista della Spagna e le scorreria nella Francia del sud e nelll'Italia del nord ovest, 1480 massacro di Otranto, 1554 massacro Vieste, pensare poi a Costantinopoli e a tutto quello che hanno passato i copti. sono forse caduti in prescrizione questi fatti? oppure quelli di 100 anni fa cadono e questi no?
Il contrappasso non ha senso. L'invasione di migliaia di ragazzi tunisini che diventeranno saccheggiatori, spacciatori di droga rimane un invasione, mica qualcosa che dobbiamo subire perchè ce lo meritiamo. Il punto è che tratti quella gente come se non avessero resposabilità su nulla. Invece di rimanere nei loro paesi e ricostruire la loro nazione sfruttando le loro risorse, loro arrivano con arroganza a saccheggiarci.E' patetico che diano la colpa sempre anoi, la verità è che sono dei poco di buono e sfruttano un europa grassa e stupida, incapace di difendersi, Italia in primis. Infine, i Finlandesi secondo lei sono rimasti a piangere per l'invasione sovietica e si sono mossi in massa verso MOsca? no, liberati dagl'invasori che li trattavano come una colonia, si sono organizzati e sfruttando le poche risorse disponibili in modo onesto, e senza mettersi a figliare come conigli in nome di qualche stupida religione,ora hanno tra i livelli di vita + alti del MONDO.
Questa invasione di nordafricani è pianificata, è condotta sapendo che i politici europei pensano solo a rubare per sè e non si curano dei saccheggi che potrebbero avvenire.
Il medioevo , quello definitivo, è vicino per l'Europa.

Andrea Bortolami 01.05.11 12:50| 
 |
Rispondi al commento

...ma ki è quell'avanzo de casino, seduta vicino all'ex canerata?...La compagna?......

Dar Caciara, li mejo bucatini all'amatriciana de R Commentatore certificato 01.05.11 12:41| 
 |
Rispondi al commento

"RIVOLUZIONE si, ma guardiamo prima in noi stessi !!!!!!! "

Quello che sta accadendo e non solo in Italia e´di una gravita´inaudita.

Veri e propri criminali psicopatici, banchieri e monopolisti senza alcuno scrupolo ci stanno trascinando alla rovina, con mezzi palesemente illegali e cosa fanno i nostri governi?
La nostra Magistratura?

NIENTE, assolutamente nulla.
Se non puniamo i criminali legalizzeremo il crimine.
Anzi, il crimine l´abbiamo gia´legalizzato.

Patrizia Demaria 01.05.11 12:31| 
 |
Rispondi al commento

RIVOLUZIONI.

E' quello che ci vorrebbe in Italia.

Di Berlusconi e dei suoi accoliti, della Opposizione e delle sue ramificazioni eterogenee, non ne possiao più.

Grillo pensa alle 5 stelle, ma ci porti a Palazzo per tagliare a metà le poltrone e gli scranni politici e si dia inizio ad una rivoluzione oggettiva e culturale fatta di onestà, serietà e capacità.

Con i Politici, sul banco degli accusati e degni di essere spazzati via, anche diversi Media che pensano ai Delitti, ai Matrimoni Regali, ai Talck Show e non a parlare delle Rendite parassitarie dei Politici, della Finanza e dei Petrolier.

Report e Le Jene scoperchiano migliaia di Bidoni di Immondizia Politico-Affaristica, ma durano nelle Tv il battito di un ciglio, mentre dovrebbero restare im prima serata fino alla condanna dei Lestofanti di Stato.

E' inutile blaterare su Medioriente e Nord Africa, quando l'Italia è ormai un 3 Mondo, sempre più povero, acquistato a saldo dai Francesi e colonizzato da cinesi, comunitari dell'est ed ora immigrati senza alcuna speranza.

Non abbiamo infermieri ed infermiere, non abbiamo manodopera per l'agricoltura, l'immondizia ci seppelisce e noi pensiamo a luccichii della televisione ed alle vergognose storie del nostro Premier ?

RIVOLUZIONE si, ma guardiamo prima in noi stessi !!!!!!!

a. spinetti 01.05.11 12:23| 
 |
Rispondi al commento

4) appare piuttosto un tentativo di contrastare dall'interno l'oltranzismo franco-inglese. Leggete le cronache: la decisione di Roma di intervenire militarmente è di poche ore successiva, cinque o sei, al bombardamento del bunker di Gheddafi (la France Presse diffonde la notizia alle 0 e tre minuti del 26 aprile). Dopodiché, inizia il “mistero” delle missioni italiane: non vien detto dove sono state compiute, un flash di agenzia parla di un “bunker” forse di Misurata, “già colpito” dagli alleati nei giorni precedenti (strano bombardamento di probabili macerie), e ci si comincia ad interrogare – vedi il Corriere di oggi – se per caso noi ci occupiamo della Tripolitania o no. Già, perché questo potrebbe essere il nocciolo della questione: se a Roma viene assegnata la regione occidentale come zona esclusiva di guerra (“protezione dei civili”, secondo la favoletta di Ban Ki Moon) allora il presunto “badoglismo” potrebbe rovesciarsi nel suo contrario, il tentativo di una difesa di fatto di Gheddafi.
E' – ripeto - solo una ipotesi. Ma anche se non fosse tale, la guerra libica resta comunque un labirinto assurdo e pericoloso da cui appare difficile liberarsi senza uno strappo deciso. Perché ad esempio, non tornare indietro passo dopo passo, verso un minimo rispetto della legalità? Perché non imporre dentro la NATO un effettivo rispetto almeno della risoluzione 1973, ricordando che gli anglo-americani con la no fly zone di venti anni fa non bombardarono Bagdad ma solo le zone di effettiva insorgenza, e questo è uno dei discrimini fondamentale tra l'azione preventiva prevista dalle zone di interdizione, e una guerra di aggressione? Perché non recuperare la memoria di Bush padre, colui che blocco' il generale Schwarzpof sulla strada di Bagdad, e che impedì a Moshe Arens di scatenare un attacco aereo contro Saddam alla fine della prima guerra d'Iraq, anno 1991?
Nonostante tutte le buone intenzioni possibili, l'azione di contrasto dall'interno di una guerra i cui

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Insomma, piuttosto dite che avete preso un colpo di sole.

Sarete più credibili.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 01.05.11 12:07| 
 |
Rispondi al commento

3) tornare in sede ONU, ma il comportamento di Russia e Cina nella votazione del 17 marzo – non il veto, ma l'astensione: a Mosca c'è la fiammata improvvisa e fugace del dissenso aperto Medvedev-Putin – impedisce la certezza di un freno ai bollori bellicisti del presidente francese: anche perché a frittata-risoluzione fatta, l'arma del veto è ormai in mano a Parigi e tornare indietro “secondo Diritto” non si può. Dunque altro passo illegale, il comando alla NATO, organizzazione obbiettivamente di parte, un assurdo giuridico: un pragmatismo tuttavia utile per la giungla, reso possibile anche dalla linea cauta di Obama e Gates, cosicché il passaggio delle leve del comando al Patto Atlantico frena i francesi per qualche giorno.
Perché per qualche giorno? Perché già il 2 aprile gli americani si ritirano dalla coalizione e dentro la NATO priva del peso della superpotenza, l'estremismo franco-inglese riguadagna gli spazi formalmente persi con la perdita del comando nominale. Non tutto è probabilmente univoco, vedi la notizia del 12 aprile successivo di un Drone lanciato dal Pentagono (??) sulla Libia: ma se “per errore” alcuni aerei colpiscono anche le postazioni e una nave dei ribelli, e se Gheddafi – dichiarazioni ufficiali a parte – sembra non considerare troppo ostile la posizione dell'Italia, altrimenti non avrebbe mai permesso il dissequestro della nave Asso due il 24 aprile, ecco che il giorno dopo la NATO “attiva”, cioè la NATO anglo-francese (più Canada e altri paesi minori), tenta il colpo maestro, che avrebbe potuto anche finire con l'uccisione di Gheddafi: un attacco mirato non alle postazioni militari libiche, ma al bunker tripolino del rais, 45 civili “feriti” (feriti? Una prima notizia parlava di morti) e tre sicuri morti. Un segnale evidente che Sarkozy “l'israeliano” non molla, vuole Gheddafi morto.
Quel che accade dopo, una ulteriore deriva “badogliana” di Roma, non sembra di nuovo esser tale, appare piuttosto un tentativo di contrastare

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Se posso dare una consulenza di parte ai candidati 5 stelle.

Raga, basta presentarvi con lo stato di famiglia in mano.

Il fatto di tenere famiglia in Italia non è un bel biglietto da visita.

In altri altri Paesi forse sì, ma non in Italia.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 01.05.11 12:03| 
 |
Rispondi al commento

un saluto a viviana la filosofa del blog

giuseppe c. 01.05.11 12:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2) “le popolazioni civili” e le zone di insorgenza, quali non sono né i ribelli armati fino ai denti in Cirenaica, né soprattutto la popolazione della Tripolitania, che in rivolta non è e anzi appoggia con ogni evidenza il regime di Gheddafi. Alla fine della prima guerra “alleata” in Iraq, la prima no fly zone – inventata dagli anglo-americani – fu applicata solo nel sud sciita e nel nord curdo, le due effettive zone di insorgenza, e non sui cieli di Bagdad e della regione sunnita centrale, dove Saddam aveva più ampio consenso popolare. Non dovrebbe questo criterio – entro la cornice comunque illegittima della stessa no fly zone – essere applicato anche alla Libia? Non dovrebbe essere proibito alla NATO di far intervenire gli “alleati” su Tripoli e nella regione occidentale tutta?
Certo che sì. Ma la guerra di Libia non rispetta alcuna legge, se non quella della giungla. Ed ecco allora la confusione, che riguarda anche il cercare di capire quello che sta succedendo, e quale è la vera linea di intervento dell'Italia. L'accusa più diffusa è di tradimento di Gheddafi, “badoglismo” nel linguaggio tradizionale della destra. Ma è così veramente? A mio avviso non è possibile affermarlo con certezza, e si può anzi avanzare l'ipotesi che non solo la concessione delle basi alla NATO nei primi giorni di guerra, ma persino la decisione di partecipare ai bombardamenti del 25 aprile scorso mirino in realtà – nell'intenzione soggettiva del governo di Roma - a salvare Gheddafi e non a eliminarlo, come sta cercando di fare il duo Sarkozy-Cameron.
Ma per capire meglio, ripercorriamo le tappe fondamentali della guerra illegittima contro Gheddafi (e contro l'Italia) scatenata da Sarkozy il 19 marzo scorso. Dopo il via alle missioni aree francesi, con il vertice di Parigi del 19 marzo ancora in svolgimento, c'è chi tra gli “Stati volenterosi” – e fra questi il governo italiano – cerca di trasferire il comando delle operazioni alla NATO. Certo, si potrebbe e dovrebbe tornare in

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 12:01| 
 |
Rispondi al commento

1)
E SE INVECE L' ITALIA PER CASO STESSE PROVANDO A SALVARE GHEDDAFI ?

DI CLAUDIO MOFFA
claudiomoffa.it
Ma è vero badoglismo ?
A una lettura attenta, certezze e confusione si accompagnano giorno dopo giorno sulla guerra contro il governo di Tripoli scatenata da Sarkozy il 19 marzo scorso e ancora in pieno svolgimento. La certezza è che – nonostante le dichiarazioni a raffica contrarie - l'intervento in Libia dei paesi occidentali con o senza Nato è, come ho scritto fin dal primo momento, illegittimo. Illegittimo perché le Nazioni Unite non possono intervenire nel conflitti interni ad uno Stato, ma solo in quelli tra Stati, secondo lo Statuto dell'ONU e secondo tutto il Diritto internazionale “classico”, quello dell'epoca del bipolarismo Est-Ovest (1945-1990). Illegittimo, ancora sulla base della Carta, e in particolare dell'art. 41, perché deve essere il Consiglio di Sicurezza stesso con i suoi Caschi Blu a guidare l'intervento, e non gli Stati a briglia sciolta e tanto meno una organizzazione indubitabilmente di parte quale la NATO. Illegittimo inoltre, anche se si decidesse che quello da seguire è il “nuovo” Diritto Internazionale postbipolare, quello che uno la mattina si sveglia e dice “oggi voglio bombardare questo paese che è troppo propalestinese e ha ancora una Banca statale con bassi tassi di interesse” e parte lancia in resta coprendo la sua vergogna con la foglia di fico dell'ONU.
Anche così, infatti, l'illegittimità resta. Resta perché la stessa risoluzione 1973 che prescrive una no fly zone è stata fin da subito applicata in modo “ultroneo” rispetto a quella che è una zona di interdizione aerea: non cioè un bombardamento contro le postazioni e le sedi governative dello Stato invaso nel suo Dominio riservato, ma solo una azione di pattugliamento dei cieli per impedire all' aviazione governativa alle prese con una rivolta interna di bombardare “le popolazioni

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 11:58| 
 |
Rispondi al commento

"I conflitti teorici non si dirimono con il buon senso, tuttavia il buon senso basta per convenire che il mondo è in verità abitato dai conflitti".

Evvai con l'elettronica..

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 01.05.11 11:57| 
 |
Rispondi al commento

e adesso c'è bisogno di un parlamento popolare elettronico dentro la rete!


Il kosovo oggi e' un mercato clandestino dove si traffica di tutto!
Una tangentopoli taciuta dove la corruzione alberga nei piani alti
delle istituzioni favorendo speculatori, cementificazione selvaggia, traffico di droga e tutto cio' che e' piu' simile a un puttanaio che una stato "liberato"!

Ministri incriminati dall'Eulex (organo di vigilanza europea)
ma protetti dal quintetto Usa, Germania, Francia, Inghilterra e Italia solerti nell'insabbiare.
Vertici dell'UCK che amministrano la cosa pubblica, sotto inchiesta della comm. europea per genocidio e traffico d'organi.

La prestigiosa universita' di Pristina, soppiantata da universita' private (per i pochi che se lo possono permettere).
La popolazione, in prevalenza giovane e' allo sbando e' le stime ufficiali della disoccupazione sono dati intorno al 40%:
Fonti non di "regime" arrivano al 70%!

Il Kosovo e' diventato attrazione internazionale di tutta la feccia dell'alta finanza e faccendieri d'ogni tipo!

Ma il Kosovo e' gia' stato "battezzato" e la seconda base nato d'Europa e' realta'!
...nutro seri dubbi che il tam-tam della rete innesti le condizioni per portare *democrazia e sviluppo*!

La "balcanizzazione" e lo smembramento degli stati DISSIDENTI e' in corso, e se ci stanno facendo credere che la rete e' lo strumento, il detonatore per far "esplodere" la pace e la democrazia, la prudenza e la logica dovrebbe farci ritenere che e' l'esatto contrario:
"La rete e' strumento di propaganda del potere economico, colonialista, che ci sta imbrigliando e portando nella loro ottica...*LOGICA* che di umano e caritatevole ha NULLA"!

anthony c. Commentatore certificato 01.05.11 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Nell'era della comunicazione a voce, la democrazia poteva essere al massimo l'esercizio diretto di un numero limitato di persone (la gente contenuta in un piccolo teatro). Oggi c'è la rete. Può esserci un confronto a 1000, a 100000, un milione di persone. Ovviamente non basta un Facebook nazionale, serve una infrastruttura progettata apposta, sicura, dove confrontare opinioni e votare le decisioni. Non la x su un foglio di carta ogni 5 anni. Berlusconi ha fatto qualcosa di antistorico e stupido: ha accentrato su lui stesso e pochissime persone l'esercizio decisionale, mostrando a tutti i limiti di questo approccio peraltro già sperimentato nel ventennio prima della seconda guerra mondiale. La tecnologia salverà la democrazia e impedirà le guerre grazie al raziocinio collettivo ben superiore a quello degli unti dal signore e coscritti di partito. Siamo così indietro che i giovani del Nordafrica ci stanno superando, noi poveri vecchi pirla spaventati dall'Islam che non conosciamo e dal re degli spaventapasseri Osama.

Peter Amico 01.05.11 11:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

***

"Le libertà non vengono date, si prendono!" disse Pëtr Kropotkin.

***

Buon giorno a tutti e buon 1. maggio ai compagni.

Non ci potevo credere, Beppe che cita qualcosa di Kropotkin! Ad Annozero che dice:"un unico referendum, sulla democrazia dei cittadini". Sono andato a memoria, ma il senso si capiva benissimo.

L'intervento ad Annozero, come gli ultimissimi post sembra che li abbia scritti io, in persona.

O c'è una telepatia perfetta, o c'è qualcosa di insolitamente strategico? Devo dire che non mi piace fare delle dietrologie, tanto meno in occasioni del genere.

Mi piace, invece, che alle parole seguano i fatti. Certo, è bello che una persona nota come Beppe dia voce ad uno dei più grandi e mai citati da nessuno, specialemnte in tv (figuriamoci).

Per saperne di più su Kropotkin cliccate il mio nome e seguite "l'idea".

Tornando sui fatti. Una parte del M5S è molto attiva in tal senso e si danno da fare ultimamente. Non sono tutti scemi e non stanno tutti a venerare Grillo.

Ma ahimé, sono ancora in minoranza. Ma sono sempre più, sempre più persone si accorgono dell'importanza del "fai da te", come vuole la teoria stessa, anarcocomunista, quella dal basso e senza leader.

E' un cammino tuttaltro che in discesa, molto ostruzionismo, soprattutto dall'interno del M5S. I "pensanti" non sono mai i benvenuti, anche dentro un movimento che auspica un atteggiamento del genere.

La poltrona è cara a costoro, ed è per quella che lottano. Speriamo che le cose vadano in porto e al più presto, che il M5S finalmente ritrovi l'unione intorno al principio fondante, la democrazia diretta, e si liberi dell'ombra di Beppe, che possa stare in piedi con le proprie gambe.

Allora e solo allora che si potrà sperare il "BOTTO". Per questo motivo che dovete essere critici, non lasciarvi andare dentro i MU, non lasciatevi influenzare dalla massa dei partecipanti, pretendete le votazioni, pretendete di essere ascoltati e vostri argomenti e proposte discussi.

hasta siempre

TONY .. Commentatore certificato 01.05.11 11:41| 
 |
Rispondi al commento

la crisi e creata artificialmente per inpoverirci. leggete il grande crimine di paolo barnard per capire che succede

domenico c., palmi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 11:40| 
 |
Rispondi al commento

a fruttaro'.....mariccomanno, vacce piano a magna' la fava cor pecorino, quanno vai ar prato co' l'amichi....po' esse indigesta....te saluto....

Dar Caciara, li mejo bucatini all'amatriciana de R Commentatore certificato 01.05.11 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Perchè il colonnello Gheddafi fa dichiarazioni così ostili solo nei confronti dell'Italia ?

Come lo so io , lo saprà certo anche lui che la rivolta libica è stata preparata e sostenuta da forze britanniche e francesi che erano presenti sul territorio da molto tempo.

Come lo so io, lo sa anche lui che l'ENI aveva accettato contratti più favorevoli alla Libia tirandosi addosso le ire dell'universo petrolifero altro.

Come lo so io , lo sa anche lui che ad un dictat della Nato l'Italia non può sottrarsi ( a proposito, perchè la Germania sì e noi no?- non ditemi che è per scelta politica, la solita "politica migliore della nostra" perchè non ci credo neppure sotto tortura- )

Come lo so io, lo sa senza ombra di dubbio anche lui che , stando così le cose, l'Italia doveva per forza di cose passare sopra i trattati di amicizia precedentemente stipulati.

C'è qualche cosa che non si fa ben manifesto, qulcosa che sfugge ancora,
ma deve essere importante.

Buongiorno.


Alina F., Varese Commentatore certificato 01.05.11 11:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...FUKUSHIMA della politica itagliana :

...NON SANNO PIU' CHE CA22O FARE E...DIRE!!!....


CRISI LIBICA
Bossi: mozione per la fine ostilità

-"No ai raid o può capitare di tutto"
In serata il Senatùr annuncia l'affondo -"Indichiamo una data precisa" dopo il primo avviso della mattinata:
-"Non facciamo passi indietro".
Berlusconi rassicura:
-"I problemi si stanno superando".
Calderoli:
-"Non vedo vie d'uscita".
Frattini:
-"Troveremo una sintesi".
Bersani all'Idv:
-"Non vogliamo salvare il governo"...

http://www.repubblica.it/politica/2011/04/29/news/scontro_libia-15507475/

anib roma Commentatore certificato 01.05.11 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


TE NON CAPISCI

Ci sono persone autorevoli , competenti in posiazione obiettiva che in funzione di una comunità che vuole un cambiamento o abbattimento di questo sistema in tempi ragionevoli , affinchè ne possano godere i figli e non i nipoti e nipoti ,che da molto tempo,5 anni almeno,danno le loro ricette.

Mobilitazione , protesta permanente CON BLOCCO ATTIVITà , sciopero generale ad oltranza dove anche con un 20% compatto di adesione si mette in crisi ogni sistema.

E le condizioni ci sarebbero ; milioni di precari , gente esasperata , corporazioni sindacali in difficoltà , categorie di trasportatori al collasso con il prezzo della benzina , lascia il tutto intravedere che ci sarebbero le condizioni se qualcuno con coraggio accedesse la miccia , rischiando il suo culo.Questo qualcuno deve avere l'autorevolezza e autorità di lanciare una mobilitazione.

Quindi verso gli opion leader , influencer siano essi politici , giornalisti di seguito che autorevoli persone ce una sorta di insofferenza e fastidio nel vederli fare SOLO egregiamente il loro lavoro . Punto e basta. In questo caso passerebbero anni ed il cambiamento è lento.

A questo punto ci si rivolge alle capre che non capiscono , che non si compattano perchè forse non sono anvcora sufficentemente umiliate. Disubbidienza civile totale , senza violare la legge ed esporsi allo stato di polizia , ma proprio questo sciopero bianco metterebbe in crisi iul sistema.

Non entro nel tema , potrei dimostrare che le milioni di categorie interessate morirebbero sommersi da bollette ma simi si potrebbe rispondere che meglio morire subito che in lenta agonia.

Dalla forza delle idee,di consenso manca il gesto,il volto,l'azione,il do' l'esempio .
.
"Io invece sono convinto che, proprio perché non sono direttamente interessato al cambiamento, riesco a vedere le cose senza distorsioni."

Appunto questo ;comodo auspicare il suicidio degli altri , per una loro resurezione.

E come te, ANCH'IO COLPEVOLE.

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Quello che non capisco e´il fatto che questi rivoltosi assetati di democrazia accettano l´aiuto militare di paesi che OSTENTATAMENTE non hanno la democrazia neppure nel loro stesso paese.
Forse che Sarkozy ha qualcosa da insegnare?
O Berlusconi?
O Cameron?

Gli americani sono talmente in bancarotta e hanno talmente tante guerre che si servono degli Europei per fare quello che vorrebbero fare loro.

Forse che l´Egitto ha migliorato la sua situazione?
O la Tunisia?

Io credo che gli "aiuti umanitari" siano come le "armi di distruzione di massa" in Iraq.
Il pretesto per fare quello che vogliono: appropriarsi delle risorse economiche della Libia.

Patrizia Demaria 01.05.11 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.

Ciao Beppe, ti scrivo da Fermignano (PU) un piccola cittadina di 9.000 abitanti nei pressi di Urbino, qui oggi la Festa del lavoro coincide con quella che faranno alle rane in occasione del palio storico che si ripete ormai da anni. Gli animaletti vengono catturati nei pressi del fiume Metauro che percorre nell'omonima valle minacciata come dappertutto da cemento e asfalto, la zona industriale ha raggiunto il limite del fiume e oltre e con la previsione della grande opera infrastrutturale Fano-Grosseto altro suolo verrà stravolto con ovvie conseguenze per l'ambiente. Intanto langue qualsiasi progetto sull'ex tratta ferroviaria locale Fano-Urbino. Insomma tutto va bene, si profila la crescita auspicata da amministratori e politici locali a parte un ottantina di mutui pendenti sulle casse comunali. Intanto però si festeggia inesorabilmente, il popolo non aspetta altro che panem et circenses, anzi rane et circenses, sì proprio così, perchè gli animaletti dopo aver soddisfatto la voglia di spettacolo di contrade e soprattutto turisti (che businnes!) vengono panate e fritte! Si chiude così, nell'euforia generale, l'ennesima edizione del Palio della Rana orgogliasamente promossa da proloco e comune.

http://youtu.be/PAo2DhtZIb0

franco antonio perrone, verona Commentatore certificato 01.05.11 11:17| 
 |
Rispondi al commento

Mugabe arriva a Roma per la beatificazione

Il sanguinario dittatore dello Zimbabwe che non può entrare nell'UE, il Vaticano lo accoglie dicendo che ha "nulla da nascondere".

Chiaramente notizia non portata su nessun quotidiano italiano

franco f. Commentatore certificato 01.05.11 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo tra i commenti :

"Basterebbe uno sciopero ad oltranza del 20& degli italiani per mandare a casa questa politica accentratrice e corrotta"

Bel concetto del cazzo ! Abbiamo mandato a fanculo Di Pietro , Vendola , Saviano, De Magistris , Sonia ,per una svista numerica abbiamo attaccato anche il FATTO.....

e qualcuno parla di 20% ??? Da soli ? Tra 10 anni ?

Ragazzi, continuate a piangervi addosso ed adorare il santone GRILLO .

La logica non è argomento per voi !

maialo di furesta . Fortaleza 01.05.11 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io che lo conosco bene vi dico: "Silvio non ama nè stima nessuno, si circonda di mediocri e ignoranti per portare avanti i suoi piani".

Barbara Contini Senatrice di Futuro e Libertà, ed esperta di relazioni internazionali che vanta venticinque anni trascorsi in aree di crisi e Paesi in via di sviluppo, assiste con sconcerto alle ultime incredibili giravolte che hanno portato l’Italia dal baciamano al raìs ai raid aerei.
D. Come si fa a rompere con la Lega, visto che in caso di rottura a Berlusconi resterebbe soltanto Scilipoti?
R. Bisogna premettere una cosa, innanzitutto. Il bisticcio con la Lega, per quanto sia surreale l’entrata in guerra all’insaputa dell’alleato di governo, è una pura e semplice sceneggiata in vista delle elezioni. I leghisti devono prevenire i mal di pancia del proprio elettorato, atterrito dall’arrivo dei nordafricani in Padania. Bossi e sodali hanno avuto in dono dalla sciagurata decisione di Berlusconi quindici giorni di campagna elettorale.
D. Resta però il fatto che Berlusconi è particolarmente allergico alle scelte collegiali.
R. Berlusconi si ostina ad avvalersi di un modello padronale che va bene per la gestione di un supermercato. Se le cose vanno male, lancia offerte promozionali stile prendi tre e paghi due, e licenzia su due piedi l’amministratore di turno che disgraziamente e magari garbatamente si trova in disaccordo. È già successo con la stessa Lega nel ’94, e poi con Follini, con Casini, e in ultimo Fini. Un metodo del genere non poteva che produrre questo risultato: è rimasto con i fondi di magazzino.
All’estero siamo diventati la barzelletta di tutti. I colleghi ci interpellano soltanto per irriderci, ci danno pacche sulle spalle e ci congedano. Quando c’è da decidere, ormai non ci interpella più nessuno.

http://francescolodico79.blogspot.com/2011/04/io-che-lo-conosco-bene-vi-dico-silvio.html

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento

minchia che palle oggi in tv!
se non parla del papa, parlano di quei due inglesotti sposati da poco.

ora sento:
lady diana era una persona buona, andava a trovare i malati in ospedale....

e chi se ne frega, cazzo.

mentre lei andava a trovare i malati, gli inglesi bombardava a destra ed a sinistra.

forse per aumentare i malati che poi lei andava a visitare?


a pensare che tutto questo in nord africa e iniziato con un fruttivendolo laureato ma abusivo e un poliziotto che riscuoteva il pizzo

domenico c., palmi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....segue
.Decurtazione degli stipendi almeno del 50 % : sindaco, consiglieri, giunta-
acqua pubblica- connettività gratis- raccolta differenziata con abolizione dei cassonetti
dalle strade , niente condannati in quel contesto di ballottaggio e quant’altro
mi sfugge in questo momento.
Fare candidare per legge persone giovani al massimo 55 anni , perché il futuro e dei
giovani non dei vecchi rincoglioniti e venduti!

Salvatore Bucchieri

salvatore ., palermo Commentatore certificato 01.05.11 10:33| 
 |
Rispondi al commento

vaffanculo, trattare le scorie nucleari costa ai cittadini una marea di soldi.
l'enel del delinquente scaroni di deve pagare con i propri utili il costo delle centrali e non i cittadini con un dazio sulla bolletta, maledetti politici di merda

al casula, cagliari Commentatore certificato 01.05.11 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Sono diventato un patito dei sondaggi del movimento 5 stelle, perché è un movimento
che avanza giorno dopo giorno come un uragano.
Sono iscritto nel blog di Beppe da diversi anni , condividendo quasi sempre quello
che viene proposto,e, per il coinvolgimento che va dando giornalmente ad una schiera
di giovani che vogliono migliorare le cose per il loro futuro.
Ho l’età di Beppe quasi, 62 anni, ed ho vissuto il periodo della vita , infanzia in special
modo come una favola, anche se povero come tutti ( o quasi )
Guardo i sondaggi perché il loro aumentare è una speranza , un sogno che va avanti,
non tanto per il numero in se stesso ma perché capisco che i giovani prendono coscienza
che bisogna cambiare radicalmente questa classe di lazzaroni e opportunisti ( non
chiamiamoli politici perché non hanno niente di politico ) che si sono asserragliati nei
posti chiave della società. E con loro ,conniventi di ogni tipo, camorra, mafia etc, nonché
lobby di ogni tipo: notarile, medica, farmaceutica, bancaria e chi più ne ha più ne metta.
“NON FUNZIONA PIU’ NIENTE”
Beppe Grillo ha ragione quanto non vuole parlare con questa gentaglia , di non accettare
Il cosiddetto confronto, perché non c’è niente da confrontare . “DEBBONO ANDARE
VIA TUTTI ,DAL PRIMO ALL’ULTIMO.” Sono il frutto di una corruzione diffusa
E non eletti da nessuno,, leccaculi prezzolati,servi di chi gli offre di più.
Ci dobbiamo attendere tra non molto attacchi di ogni specie perché ,avendo afferrato
l’osso, questi individui cercheranno di diffamare, calunniare e forse anche di denunciarci
per mantenere lo status quo in cui si trovano.
Io, nel mio piccolo, penso che si potrebbe anche accettare delle alleanze nel contesto
Attuale però ponendo delle condizioni vantaggiose per il movimento e per il popolo
In genere . Esempio: Milano va al ballottaggio? Ok. Chiediamo prima del ballottaggio
per un eventuale appoggio quello che ci interessa senza sconto alcuno con carte
scritte .Decurta

salvatore ., palermo Commentatore certificato 01.05.11 10:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Napoli saluta silvio

https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc6/207141_1798212327179_1595889344_31716846_7218182_n.jpg

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 10:23| 
 |
Rispondi al commento

4) al vescovo di San Cristóbal de las Casas, Samuel Ruiz, sensibile al mondo indigeno e zapatista.
È così che tra gloria e fumi d’incenso si arriva ad una beatificazione ritardata il minimo indispensabile per mantenere la decenza di un processo che lo slogan “santo subito” pretendeva di saltare. A Roma un merchandising più o meno kitsch sul “beato Wojtyla” invade Via della Conciliazione. Lo stesso succede a Wadowice, nel sud della Polonia dove il papa nacque 91 anni fa e secondo punto più importante delle celebrazioni. Oltre mezzo milione di pellegrini visitano ogni anno conventi e hotel, chiese e ristoranti e il museo dedicato a Giovanni Paolo II che proprio domani inaugurerà altri mille metri di spazi espositivi.
Anche in questo contesto l’immagine di Wojtyla, con un messaggio generico di pace e amore che non fa onore alla complessità e alla statura indiscutibile del personaggio, nasconde la realtà di una chiesa cattolica polacca appiattita ogni giorno di più sul partito di ultradestra, razzista, antisemita, ultranazionalista del defunto Lech Kaczynsky e del suo gemello Jaroslav. L’appiattimento sulla destra reazionaria più volgare, il Pis (Legge e Giustizia) dei gemelli Kaczynsky, come i messaggi antisemiti lanciati ogni giorno da Radio Maria sono la testimonianza della miserabile fine dell’incontro tra il cattolicesimo e il Secolo impostato su ben altri canoni dal Wojtyla di Solidarnosc.
Non è un caso che la situazione polacca sia simile a quella dell’altro paese dove il wojtylismo incise più profondamente: l’Italia. Le gerarchie cattoliche non si sono mai distanziate dal governo di Silvio Berlusconi nonostante i continui scandali sessuali e di corruzione, l’alleanza con la Lega Nord e l’assoluta mancanza di carità verso i migranti. Il primo ministro continua a comprare il loro silenzio concedendo enormi vantaggi economici in termini di finanziamenti alla scuola privata o esenzioni fiscali e impedendo qualunque dibattito su temi etici come la

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://tarpley.net/international/italiano/

Viviana, ti mando questo link che penso ti interessera´molto.
Tarpley e´uno storico eccezionale, un uomo di cultura unico che si e´laureato ANCHE all´Universita´di Torino.
Lui vede la storia secondo la vera prospettiva e scrive anlisi molto convincenti anche del Risorgimento italiano visto in un contesto europeo.
Scrive in Inglese, ma sono disponibili anche pagine in altre lingue.
Buona lettura.

Patrizia Demaria 01.05.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non ho ancora visto trolletti!

tutti a roma a leccar il culo ai preti?


" Vedo chiaramente nell'uguaglianza due tendenze: una che porta la mente umana verso nuove conquiste e l'altra che la ridurrebbe volentieri a non pensare piu'.Se in luogo di tutte le varie potenze che impedirono o ritardarono lo slancio della ragione umana, i popoli democratici sostituissero il potere assoluto della maggioranza, il male non avrebbe fatto che cambiare carattere.
Gli uomini non avrebbero solo scoperto, cosa invece difficile, un nuovo aspetto della servitu'...Per me, quando sento la mano del potere appesantirsi sulla mia fronte, poco mi importa di sapere chi mi opprime, e non sono maggiormente disposto a infilare la testa sotto il giogo solo perchè un milione di braccia me lo porge"
A. de Tocqueville

S.M. 01.05.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Ieri a Torino una apoteosi per il grande Beppe.La Stampa non ha riportato nulla

mariuccia rollo 01.05.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3) il fondatore dei Legionari di Cristo, una sorta di Opus alla destra dell’Opus, oggi molto vicina al governo di Felipe Calderón in Messico. Anche se è dimostrato che dal 1976 il futuro papa fosse informato di severe critiche a Maciel, anche questo era destinato a una santità fast track, nonostante le sue due concubine, i vari figli che personalmente stuprò per anni, le accuse di furto, malversazioni, appropriazioni indebite e altri delitti. Solo dopo la morte di Wojtyla Maciel smise di essere un santo vivente e solo dopo la scomparsa di questo, avvenuta nel 2008, la chiesa cattolica si vide obbligata a smettere di coprire le colpe di questo. Con Maciel si era ripetuta per decenni la pratica wojtylista del silenzio assoluto: il papa era con certezza informato e aveva svolto un ruolo attivo nell’occultare i crimini di Maciel, che andavano ben oltre gli abusi sessuali come quelli di centinaia di preti pedofili, cominciando dal cardinale austriaco Hans Hermann Groër e lo statunitense Bernard Law.
Così domani sarà beatificato il Wojtyla alleato dei Maciel e degli Escrivá, nemico di Romero, lasciato solo nel suo martirio, e implacabile cacciatore di streghe nella chiesa cattolica latinoamericana uscita dal Congresso Eucaristico di Medellin del 1968 con quell’intollerabile “opzione preferenziale per i poveri”. Fu contro la Teologia della Liberazione che Giovanni Paolo II compì il primo dei suoi innumerevoli viaggi all’estero. Nel gennaio del 1979 andò a Puebla, Messico, per la terza conferenza episcopale latinoamericana, alla quale impresse una svolta duramente conservatrice. Da allora centinaia e centinaia di religiosi progressisti furono rimossi e ridotti al silenzio da Giovanni Paolo II. Il primo fu uno dei massimi teologi conciliari, Bernard Häring. Tra le figure di maggior spicco vi fu Pedro Arrupe, preposito generale gesuita, il vescovo dei migranti e delle prostitute, il francese Jacques Gaillot, che umiliò assegnandolo all’inesistente diocesi di Partenia,

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

2) un cattolicesimo nel quale denaro e potere fossero celebrati come un cammino verso la salvezza.
Per trovare segni che ricordino monsignor Romero, il viaggiatore che visiti El Salvador – tra questi Barack Obama arrivato fin lì lo scorso marzo - deve cercare una cappellina, spesso chiusa, collocata all’esterno di una cattedrale rigorosamente controllata dall’Opus. Anche se i fedeli umili e il piccolo mercatino all’esterno è tutto per Romero, la gloria di dio –del dio ufficiale- appare tutta riservata a Escrivá.
Escrivá, santo; Wojtyla (per ora) beato; e Romero… niente. Pochi mesi prima del suo martirio, il 7 maggio del 1979, il vescovo centroamericano aveva presentato a Giovanni Paolo II un dossier sulle violazioni dei diritti umani nel suo paese. Tra i documenti vi erano le foto del corpo di un giovane sacerdote torturato e assassinato dai militari. Dall’udienza Romero era uscito dicendosi “costernato” per il gelo col quale la sua denuncia era stata accolta dal papa: “deve avere relazioni migliori col suo governo” furono le categoriche parole del pontefice.
Con quelle parole il cammino verso la santità aveva smesso di essere un mistero per rispondere a una logica politica terrena che in America latina per Karol Wojtyla significò l’alleanza con molti Augusto Pinochet e con i carnefici del Piano Condor. Così si spiega perché, dopo 31 anni, il processo di beatificazione di Romero si sia perduto negli archivi della Congregazione per le cause dei santi, mentre la causa del fondatore dell’Opus seguiva un cammino accelerato. Molteplici testimoni, tra i quali Ernesto Cardenal, sacerdote e ministro della Cultura nel Nicaragua sandinista, raccontano che lo stesso Wojtyla spiegò pubblicamente che la beatificazione di un martire come Romero non era opportuna perché “sarebbe stata strumentalizzata dalla sinistra”.
Allo stesso cammino percorso da Escrivá era destinato un altro alleato di Wojtyla e tra gli uomini simbolo della chiesa anticonciliare, Marcial Macie

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 10:11| 
 |
Rispondi al commento

SIRIA

Il 1° livello è quello dei comitati,gruppi di attivisti che mobilitano i manifestanti localmente,città per città.
Il 2° livello è formato dalla schiera dei cyber-attivisti che aiutano i comitati a condividere le informazioni. Si parlano via Skype. Moltissimi sono giovani o giovanissimi, dicono tutti di non avere un leader ma questo non li preoccupa.
Sitiamo passando alla rivoluzione veramente popolare.
Il governo punta sulle divisioni etniche e religiose per metterli gli uni contro gli altri, ma loro hanno superato questa barriera in nome degli scopi comuni di liberazione nazionale. Agiscono denunciano on line le efferatezze del regime e superando perciò le bugie di una stampa asservita. Agiscono attraverso campagne e mail. Evitano la censura usando i proxy, programmi che si interpongono tra un client ed un server, inoltrando le richieste e le risposte dall'uno all'altro.
Usano Twitter, come i rivoltosi iraniani.
E Facebook dove diffondono notizie e decine di filmati e arruolano sempr enuovi ribelli.
Dicono di mirare ad un sistema democratico di governo in Siria.

..

.. e qui c'è ancora chi sta ad aspettare il capopolo???
Ma allora non avete capito nulla?
http://www.repubblica.it/static/servizi/2010/pubblico/ellekappa/images/vignetta/prima/t_27042011.jpg

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 10:11| 
 |
Rispondi al commento

1) Karol Wojtyla: quel che i media evitano di ricordare

Il primo maggio, occupando in maniera per niente casuale una data tradizionale del mondo del lavoro e della sinistra laica, Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II, sarà beatificato appena sei anni dopo la morte. Per la chiesa cattolica è uno scalino necessario verso la santità. Anche se circa due milioni di fedeli starebbero viaggiando verso Roma in queste ore, l’opera di Wojtyla mantiene aspetti polemici, rigorosamente dimenticati in questi giorni per le sue omissioni nelle denunce dei casi di pedofilia, per la sua alleanza con le dittature latinoamericane e con prelature discusse come l’Opus Dei e i Legionari di Cristo o per la sua guerra senza quartiere contro la modernità, la chiesa di base e lo spirito del Concilio Vaticano II.
Entrate nella cattedrale di San Salvador, in realtà poco più di una parrocchia di periferia rispetto allo splendore dell’Antigua Guatemala, la sede della Capitania dell’impero, e guardate alla destra della navata centrale. Non confondetevi! Quel sacerdote sorridente rappresentato in quella gigantesca pittura non è monsignor Oscar Arnulfo Romero, il vescovo assassinato nel 1980 dagli squadroni della morte del governo di ultradestra.
Quel prete, lo sguardo mansueto del quale è impossibile evitare di incrociare, è San José María Escrivá de Balaguer, fondatore dell’Opus Dei, l’organizzazione che riunisce cattolici eccellenti e della quale Karol Wojtyla fu sdoganatore e sicuro alleato politico. Tanto alleato da santificare il polemico sacerdote basco senza considerare la vicinanza di questo alla dittatura franchista spagnola, l’antisemitismo, lo scandaloso acquisto di un titolo nobiliare, le denunce sulla manipolazione dello stesso processo di santità. Quello che importava era offrire un santo alla classe dirigente cattolica, fieramente anticomunista, che interpretasse un

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Non solo Papa, senza nulla Togliere ai Meriti.
Joseph, era il Papa' di Gesu': oggi Onoriamo un Lavoratore, un Falegname,un Vignaiolo d'una Sacra Vigna.
A cui Percossero ed Uccisero il Figlio.
Non Suo, ma che pianse la Sua Morte.
Poichè lo Amava, il Padre Terreno...

Riflettiamo, sulla Vita di Quell'Uomo.
Del Peso che Porto' con Soavita'.
Chi come Joseph, in Palestina, Fuggitivo, con una Moglie reduce da un Parto Difficile ed un Bimbo, Innocente, Condannato a Morte?

Ogni giorno, ancor oggi, in Libia, la Sacra Famiglia Fugge.
Da una famiglia ben poco Santa...
Scusate se v'ho guastato l'Umore, forse oggi, non vi trifolero', in Compenso.

enrico w., novara Commentatore certificato 01.05.11 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Riccardo Rita su IFQ:
"Queste rivoluzioni un leader non ce l’hanno mai avuto.I movimenti,le rivendicazioni,le manifestazioni e le rivolte sono nati dal basso,coordinate attraverso il passaparola e Internet...microgruppi di attivisti connessi tra di loro attraverso vari livelli a rete,chi intorno a un blog,chi su skype,twitter o facebook.Cyber-attivisti che non sono gli organizzatori ma aiutano i comitati a condividere le informazioni e passano le giornate a confermare i dati su arresti,morti,proteste aggirando(e insegnando ad aggirare)la censura
L’unica leaderhip presente è quella da abbattere
Più che leadership si tratta di LEADERSHIT
Che non va sostituita con un’altra leadership,ma rimossa,perché i nuovi protagonisti non sembrano sentirne il bisogno e appaiono perfettamente in grado di muoversi e organizzarsi in modo autonomo e partecipativo
Ci troviamo di fronte a un cambiamento epocale su larga scala,i cui effetti diventano sempre più evidenti e significativi in tutti i contesti economici,sociali e politici del pianeta

LEADERSHIT
E' giunta l'ora di fare spazio a una logica non più verticistica,ma orizzontale,“di rete”, incarnata dalla leadershit:il dilagare del web e dei social network parla chiaro
Esercitare la leadershit significa condividere e integrare il potere,le informazioni,le scelte, rifiutare le certezze calate dall’alto e accettare la complessità,cogliendone la ricchezza.In una parola,“pensare insieme”

Viviana Mazza
Anche in Siria le rivolte mostrano un livello di coordinamento su scala nazionale,a cominciare dal manifesto diffuso su Internet firmato da 14 comitati che portano i nomi delle città e dei villaggi dove si sono tenute le proteste
Il leader è la RETE
Il 1° livello è quello dei comitati,gruppi di attivisti che mobilitano i manifestanti localmente,città per città.La rivolta è partita da una decina di internauti che si sono connessi ad altri,usando usando reti esistenti, tra cui quella delle moschee,ma non solo.Molti sono laici.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 10:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sull'analisi descritta in cui vengono citati alcuni dittatori (vedi Saddam, Rhesa Palavi, Mubarak, ecc.) vorrei aggiungere anche Mussolini - Hitler e altri. Ricordare che dalla fantomatica "liberazione" del 1945 in realtà siamo a pieno titolo una colonia u.s.a. con oltre 100 basi militari solo in Italia. Altro che repubblica democratica! Nel merito di queste rivoluzioni senza leader è un fatto positivo, di stampo anarchico-libertario. L'unico problema di non semplice soluzione sta nel fatto che non esiste un reale progetto alternativo, fattibile e comprensibile alla popolazione. In pratica per ora ci sono (a vari livelli) i vertici militari nella gestione politica di questi paesi. E come MODELLO al massimo che riescono a fare è quello di una pessima FOTOCOPIA del sistema occidentale. Dalla padella delle dittature esplicite alla brace del capitalismo/consumismo. Della serie: cambiare tutto ... per non cambiare nulla.
In realtà la vera RIVOLUZIONE è una evoluzione delle coscienze, che da una fase storica di becero materialismo scellerato al servizio del dio denaro e delle banche (vedi SIGNORAGGIO monetario) ad una fase storica più spirituale e consapevole che esistono piani d'esistenza e stili di vita ben superiori da questa squallida realtà di puro fascismo/nazismo democratico.
A FUOCO TUTTO !
(A) - libertario

MORENO F., FALERIA (VT) Commentatore certificato 01.05.11 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prefazione:
Potremo anche liberarci di Berlusconi, ma prima di riuscire a liberarci dai disastri di questo criminale secondo soltanto a Hitler ci vorranno decenni. Intanto disastri e caduti sul fronte del profitto cosmico per pochi accresceranno a dismisura.
Intanto chi potrebbe fare qualcosa si fa le seghe politico-mentali.


QUESTI

Questi
che ci avvelenano il futuro,
questi sono il nulla,
e nel nulla che avanza
distruggono ogni cosa
ad ogni nuova legge,
ad ogni nuova modifica…
posti di lavoro, famiglie, città.
Questi sono il nulla
artefici e gestori
della globalizzazione.

(Giugno - 2002… è la data per quanti si accorgono “ora” della “crisi”)

- Un pensiero a quanti hanno perso la vita sull’altare del PROFITTO forsennato e MALATO.
Un pensiero ai parenti delle vittime sul lavoro.

W il 1° maggio

Ermanno Bartoli (barlow), Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Certo,proprio la Legge del Contrappasso.Quel che abbiamo dato ci viene reso con gli interessi.Solo che continuiamo con l'ipocrisia.Bombardiamo GHEDDAFI sperando di accaparrarci le grazie del nuovo REGIME libico che si profila all'orrizzonte.Ma sembra un orizzonte vasto,che prelude ad un nuovo Impero.Quello del "nuovo Islam".Ma non penso che sarà l'Islam dell'uomo arabo comune.Sarà un' altro Islam di Satrapi,Califfi,Sultani.Sembrava un cambiamento anche quello di Khomeini con la cacciata dello SCIA?.Il risultato?Lo vedono tutti!un'altra Dittatura.La Storia si ripete e si ripeterà.

alessandro sanna 01.05.11 09:43| 
 |
Rispondi al commento

buona giornata a tutti...a quando la raccolta delle firme per il referendum sulla democrazia?Sono d'accordo con Grillo bisogna mandare a casa tutti questi sanguisuga di parlamentari...stacchiamogli la canna del gas con un bel referendum SI alla DEMOCRAZIA NO alla PARTITOCRAZIA...MA bisogna iniziare subito a raccogliere le firme...io ci stò e come me MILIONI di CITTADINI...

luigi galati 01.05.11 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Copio:
La ragnatela del potere della famiglia Gheddafi, i cui figli si sono divisi il potere assoluto sulla Libia:
-Mohammad: Presidente del Comitato olimpico libico e capo di Lybiana, una delle due aziende nazionali di telefonia mobile, si è scontrato con i fratelli Mutassim e Saadi per il controllo dell'azienda che produce la Coca Cola in Libia.
-Saif Al Islam: Laureato in Inghilterra in Architettura, ha conseguito un dottorato alla London School of Economics con un tesi risultata in gran parte copiata. Possiede tre reti televisive e due giornali.
-Saadi: Giocatore di calcio senza talento, grazie alle conoscenze del padre ha militato brevemente in Perugia, Udinese e Sampdoria. Guida la Federcalcio libica e ha investito un centinaio di milioni di dollari in una società di Hollywood che avrebbe dovuto produrre film.
-Mutassim Bilal: Capo dei servizi segreti e longa manus sull'esercito.
-Hannibal: Ha mandato in ospedale la moglie a Londra, ha picchiato fotografi e poliziotti in Italia, è stato condannato per armi in Francia. E' stato arrestato in Svizzera per maltrattamenti alla servitù e suo padre per rappresaglia ha scatenato una guerra diplomatica, tenendo agli arresti per mesi due cittadini elvetici.
-Aisha: essendo una donna conta poco.
-Saif Al Arab: girava con la sua Ferrari per l'Europa facendo non meglio precisati affari.
Khamis: Comanda la Brigata Khamis, in prima linea nella repressione della ribellione, definito dagli insorti "il macellaio"

Sotto il raid dei "Volenterosi" è morto Saif al-Arab, 29 anni, il più giovane, e sono morti 3 nipoti.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Obama in Alabama: una devastazione mai vista
euronews

...mai fatto un giro tra le missioni di pace...eh...

anib roma Commentatore certificato 01.05.11 09:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gheddafi è un miliardario.
1816 è un miliardario.
I miliardari, sono una casta.
Solidali contro qualunque intromissione esterna.
Però, sono invidiosi e feroci tra di loro.
Figuriamoci, che un miliardario, potrebbe arrivare a mettere una taglia, sui figli di un'altro miliardario.
E qualche disgraziato o qualche fanatico, potrebbe persino provare a guadagnarsela.

antonio d., carrara Commentatore certificato 01.05.11 09:37| 
 |
Rispondi al commento

E ci sono ancora dei fedelissimi del Pd che, ignari e disinformati,continuano a credere che il Pd,martedì,voterà CONTRO i bombardamenti sulla Libia!!!
E' pazzesco come la realtà cozzi con l'illusione!
La realtà non è ciò che è ma ciò che ciascuno immagina
E questo non vale solo per qualche paranoico o fanatico come Vestri o Margie, ma in forma minore per troppi!
Il Pd ha GIA' DICHIARATO che voterà a favore della guerra in Libia e di conseguenza sosterrà Berlusconi!
Le illusioni dei piddini dovrebbero svegliarsi e fare i conti con la dura realtà.Siamo di fronte a decine e decine di leggi obbrobriose che B ha fatto passare con pochissimi voti di scarto e sempre grazie alle assenze copiose e opportune della cosiddetta opposizione,che con le assenze OPPORTUNE sta facendo ormai da stampella fissa al Regime!
Devo ricordare lo scudo fiscale che passò per soli 20 voti con 22 del Pd assenti e 6 dell'Udc?
Devo ricordare la famigerata Bicamerale e che Franceschini ANCOR OGGI difende il regime presidenziale forte a diretta elezione popolare, cioè proprio ciò che vorrebbe B?
Ma ora andiamo anche peggio:il Pd VOTERA' A FAVORE DELLA GUERRA!!!
Il Pd rinnega e tradisce tutti i valori democratici, le sue stesse radici storiche, l'esperienza ormai di troppe guerre che dimostra in modo plateale che nessuna guerra ha mai risolto nulla, che rischiamo di finire peggio che in Afghanistan o in Iraq, che stiamo aprendo un nuovo Vietnam a due ore dalle nostre coste, che nessuna delle guerre precedenti ha portato democrazia o ha migliorato le condizioni dei popoli oppressi,e MALGRADO QUESTO,il Pd ha deciso di votare in massa e trionfante per i bombardamenti!Con la benedezione di Napolitano! Trionfante anche lui e pronto a gridare che la guerra è bella!
Solo Di Pietro si oppone(la Lega ormai conta zero,perché è sempre pronta a fare la scenetta per poi calare le braghe per qualche mercanzia), resta Di Pietro,ma anche Di Pietro sarà tradito dalle assenza dei suoi,inaffidabili come sempre.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Se però chi ne sa più di noi intervenisse e ci aiutasse a capire qual'è il sogno che vogliamo realizzare e come possiamo realizzarlo, il lavoro sarebbe molto più facile e questo blog sarebbe più costruttivo"

Su una cosa sono dáccordo, che molto spesso si trattano gli argomenti in modo approssimativo.
Beppe Grillo e´indubbiamente informato e legge molto.
Ma non si puo´sapere e capire tutto di tutti.
Quando si trattano argomenti specifici, un esperto forse potrebbe darne una visione piu´corretta.
Il movimento e´grande e io sono d´accordo su tutto.
Ma a mio parere manca di un programma reale, un programma che sappia vedere (e quindi cambiare) la realta´economica del paese.
La raccolta differenziata, la privatizzazione o no dell´acqua, sono solo aspetti di una realta´che andrebbe cambiata nella sua essenza.
Innanzitutto bisogna cambiare la realta´economica di un paese, facendo occupazione oculata.
E´inutile assumere milioni in attivita´che non servono e licenziare altri in attivita´produttive.
L´economia prospera quando il denaro circola e il denaro circola quando si offre qualcosa in cambio.
Se la Fiat va a produrre in Cina e vende in Italia o si copre lo sbilancio con l´aumento del debito o si adottano misure per cambiare la situazione.
Questi sono i veri cambiamenti, quello che la gente vuole.

Patrizia Demaria 01.05.11 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

italiana terra di navigatori e poeti

.... ma poi è arrivato lui il piccolo meneghino con suoi canali di televisione e sue puttane chiamate escortssss
questo dal video sicuramente è oggi a roma

meno male che sono negro e extracomunitario...e pure comunista (restando che per essere comunista bisogna essere contro al meneghino nano)

http://youtu.be/jALSHqp7_dI

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 09:11| 
 |
Rispondi al commento

“LA SVENTRATA”

Caduca
suburbe emaciata nel ciano
accovacciata
in lunghe dita di metallo
atrofizzate al cielo
razziata in macerie
sciacallata
le superstiti vesti
a sorte.
Morente
con un buco largo
all’altezza del cuore
e qualche essere
barcollante
che vaga
rasente
sperando la notte…
che se lo porti via.


Cacciamo i nostri dittatori.
Per una nuova cultura.
W il 1° maggio.

Ermanno Bartoli (barlow), Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 09:07| 
 |
Rispondi al commento

"Se la rivoluzione si estenderà centinaia di migliaia di persone cercheranno rifugio in Europa che reagirà, per la legge del contrappasso, con l'affermazione dei partiti di ultradestra e la fine della democrazia in molti Paesi"... CHE VATICINIO SCONFORTANTE! DOBBIAMO TEMERE LA RIVOLUZIONE PERCHe' SENNò CRESCE LA DESTRA? MA CHE DICI? MA NON PREDICHI PROPRIO TU UNA RIVOLUZIONE LIBERATORIA? INTANTO IO HO VISTO CHE LA RIVOLUZIONE TUNISINA INSEGNA AI GIOVANI QUI A REAGIRE AI SOPRUSI (VEDI VICENDA TEZENIS A ROMA E DICHIARAZIONI ORGANIZZATORI SIT-IN!). BEPPE, TI SEGUIVO CON SIMPATIA, MA COSA ACCADE CON QUESTA IMMIGRAZIONE, ASSUMI TONI ESASPERATI, SEI NAZIONALISTA? PENSI ANCHE TU CHE "IMMIGRAZIONE è INVASIONE?" EPPURE VITTORIO ARRIGONI CI ESORTAVA A "RESTARE UMANI"... PER TE è INVECE SOLO UNA QUESTIONE DI "ESSER BUONI", DETTO CON CINICO DISPREZZO (INTERVENTO DA SANTORO)? IN TUNISIA LE PERSONE HANNO APERTO LE CASE AI PROFUGHI EGIZIANI, LEZIONE DI UMANITà. VORREI VEDERE MOLTI CHE SCRIVONO SU QUESTO BLOG CHE "EMIGRARE NON MIGLIORA LA VITA" COSA FAREBBERO DI DIVERSO IN PAESI DOVE C'è MISERIA E GUERRA, CREATA PER GLI INTERESSI DEL NORD DEL MONDO, COME DICI TU. COSA CI ASPETTAVAMO, FIORI E DATTERI? APPUNTO. FORSE SI POTREBBERO TROVARE RISPOSTE SOLIDALI CHE NON SUONINO OSTILI ALLE PERSONE CHE EMIGRANO.... E' COSì CHE OSTACOLIAMO LA CRESCITA DELLA DESTRA, CHE SI NUTRE DI NAZIONALISMO E ODIO . PENSIAMO SEMPRE CHE QUESTE SONO PERSONE!!! E NON COSE.

MARIA MINGRONE 01.05.11 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


...Ciao gente, non so voi,
io la vedo...critica...


Raid Nato, ucciso figlio di Gheddafi
Colpita nella sua abitazione a Tripoli Saif al-Arab, ultimogenito del Raìs

LA MINACCIA - Proprio sabato il Raìs in un discorso in tv aveva chiesto negoziati alla Nato per arrivare a un cessate il fuoco, ma aveva anche minacciato di «portare la guerra in Italia» per punire gli italiani di quello che considera un «tradimento». ..

http://www.corriere.it/esteri/11_maggio_01/gheddafi_nato_filgio_83fd5a12-73b7-11e0-9346-82c59ffdc490.shtml

anib roma Commentatore certificato 01.05.11 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Michele Santoro ed il rispetto per l'alterità. Secondo me il rispetto va meritato: se l'altro mi rispetta avrà il mio rispetto, se l'altro mi tratta a pesci in faccia no.

gigi di marco Commentatore certificato 01.05.11 08:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma la carta fondamentale di un popolo la scrivono gli animali sociali e non animali con due piedi e basta... qualcosa è cambiato persino in nord Africa e nei paesi arabi, il cerchio si stringe e la Rete si allarga e con essa i cinfini mentali...

franco antonio perrone, verona Commentatore certificato 01.05.11 08:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I "NORD AFRICANI" (O SUD EUROPEI ?)

STANNO TUTTI DIMOSTRANDO DI AVERE "ATTRIBUTI" VERI !!!!!

E GLI ITALIANI ???

TUTTI ANCORA A " 90° " ???

MA E I "PARTIGIANI" ?? LA "RESISTENZA" ??
I "COMBATTENTI " PER LA LIBERTA' ??

DOVE SONO ?

TUTTI IMBOSCATI BEN SEDUTI SULLE VARIE "POLTRONE" ???

? ? ? ? ?


mDs 01.05.11 08:52| 
 |
Rispondi al commento

le corna
romolo & remolo
shulz un kapò
rio bo
il cu-cu alla merkel
eluana può avere figli
la nipote di mubarak
andrò a salutare papà cervi
sono il più grande statista
nessuno meglio di me
mangano un eroe
alitalia resterà italiana
la parmalat resterà italiana
mai bombarderemo la libia
lo giuro sulla testa dei miei figli
falso in bilancio
legge cirielli
rogatorie internazionali
rientro dei capitali
lodo schifani
lodo alfano
legittimo impedimento
processo breve
visita a lukaschenko?
uccello primo ministro ceco
le ancelle di villa certosa
noemi minorenne a lezione di musica
lei suona il piano e lui la tromba
daddario
putin
aerei privati in conto spese allo stato
guardie private in conto spese allo stato
regali alle puttane in conto spese allo stato
carfagna ministro
minetti consigliere regionale
terremotati dell'aquila
g8 maddalena
pizzini di ciancimino
spatuzza
la mondadori
mills
il ponte sullo stretto
il nucleare ai francesi
i referendum
don gelmini
san raffaele
mediobanca
poste italiana
mediolanum
mediaset
rai
il giornale
libero
il foglio
italia oggi
scilipoti
i responsabili?
mediatrade
obama abbronzato
mister obamaaaaaaa
baciamano a gheddafi
villa a lampedusa
le pretese del figlio di un operaio

berlusconi silvio 01.05.11 08:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi 1° maggio, a voi l’inno dei lavoratori!
Musica trascinante e bellissima!
http://www.youtube.com/watch?v=jcMFliDFFqs

(Il testo di Filippo Turati è arcaico ma mai obsoleto)

Su fratelli,su compagne,
su,venite in fitta schiera:
sulla libera bandiera
splende il sol dell'avvenir

Nelle pene e nell'insulto
ci stringemmo in mutuo patto,
la gran causa del riscatto
niun di noi vorrà tradir.

Il riscatto del lavoro
dei suoi figli opra sarà:
o vivremo del lavoro
o pugnando si morrà.

La risaia e la miniera
ci han fiaccati ad ogni stento
come i bruti d'un armento
siam sfruttati dai signor

I signor per cui pugnammo
ci han rubato il nostro pane,
ci han promessa una dimane:
la diman si aspetta ancor.

L'esecrato capitale
nelle macchine ci schiaccia,
l'altrui solco queste braccia
son dannate a fecondar

Lo strumento del lavoro
nelle mani dei redenti
spenga gli odi e fra le genti
chiami il dritto a trionfar

Se divisi siam canaglia,
stretti in fascio siam potenti;
sono il nerbo delle genti
quei che han braccio e che han cor

Ogni cosa è sudor nostro,
noi disfar, rifar possiamo;
la consegna sia: sorgiamo
troppo lungo fu il dolor

Maledetto chi gavazza
nell'ebbrezza e nei festini,
fin che i giorni un uom trascini
senza pane e senza amor

Maledetto chi non geme
dello scempio dei fratelli,
chi di pace ne favelli
sotto il pie' dell'oppressor

I confini scellerati
cancelliam dagli emisferi;
i nemici, gli stranieri
non son lungi ma son qui

Guerra al regno della Guerra,
morte al regno della morte;
contro il dritto del del più forte,
forza amici, è giunto il dì

O sorelle di fatica
o consorti negli affanni
che ai negrieri, che ai tiranni
deste il sangue e la beltà

Agli imbelli, ai proni al giogo
mai non splenda il vostro riso:
un esercito diviso
la vittoria non corrà

Se eguaglianza non è frode,
fratellanza un'ironia,
se pugnar non fu follia
per la santa libertà

Su fratelli, su compagne,
tutti i poveri son servi:
cogli ignavi e coi protervi
il transigere è viltà.

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 08:46| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=jcMFliDFFqs
buon PRIMO MAGGIO
a tutti i lavoratori

berlusconi silvio 01.05.11 08:10| 
 |
Rispondi al commento

AAA SEGNALAZIONE:

«Bruciare» l’acqua?

Forse un nuovo combustibile: ma non si trova chi lo sperimenti

http://news2000.libero.it/editoriali/2260.jhtml#

Uno dei tanti 01.05.11 07:58| 
 |
Rispondi al commento

W IL MOVIMENTO 5 STELLE

CHE OPERA

PER IL PASSAGGIO

DA

"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata su lavoro"

a

"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sulla felicità"

... anche se basterebbe il termine "democratica" per essere felici, bisogna rimarcarlo per ricordare alla "casta" che la felicità appartiene a tutti e perciò stesso "democratica":

BUON PRIMO MAGGIO DI TRANSIZIONE FELICE A TUTTI!!!

franco antonio perrone, verona Commentatore certificato 01.05.11 07:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oggi un papa ne beatifica un'altro.

vescovi, arcivescovi, cardinali, preti e suore, tutta il popolo vaticano è sull'attenti per codesta festa.

chisà quante "pecorelle" abusate da codesto popolo saranno invitate alla festiciola.

BUONGIORNO, POPOLO DI sbullonati.

dovevo essere a roma, oggi, ma problemi di menisco me lo hanno impedito.
auguro a tutti i partecipanti alla "vera" festa del primo maggio una buona giornata.


LA DEMOCRAZIA DIRETTA

E' scaricabile gratis da internet il libro LA GUIDA ALLA DEMOCRAZIA DIRETTA di Bruno Kaufmann nella versione Italiana! L'autore dimostra come da 150 anni la Svizzera non abbia una limitata democrazia parlamentare ma una democrazia diretta e come questa sia fattibile mentre i suoi istituti si stanno diffondendo in tutto il mondo. Il libro è stato realizzato dall’Istituto Europeo per l’Iniziativa e il Referendum.
E' un testo fondamentale per il Movimento.
L'ho sintetizzato e commentato nel numero 1287 di Masada

http://masadaweb.org/2011/04/30/masada-n%C2%B0-1287-30-3-2011-la-democrazia-diretta/

Sono descritti in dettaglio gli strumenti, le obiezioni, i principi di un corretto funzionamento della democrazia diretta e si può vedere come la democrazia diretta è appliata in Svizzera e nel mondo intero.
Nessuno di noi ha più scuse per non conoscere e soprattutto per non pretendere una piena democrazia anche in Italia contro lo scippo che la Casta partitica ha fatto della sovranità popolare, in una regressione allarmante di diritti e di democrazia che ci sta portando rapidamente dalla partitocrazia al regime monocratico.

http://www.paolomichelotto.it/blog/wp-content/plugins/download-monitor/download.php?id=49

Leggi anche questi libri:

Democrazia dei Cittadini – Paolo Michelotto

http://www.paolomichelotto.it/blog/wp-content/plugins/download-monitor/download.php?id=37

Democrazia Diretta – Verhulst, Nijeboer

http://www.paolomichelotto.it/blog/wp-content/plugins/download-monitor/download.php?id=38


Clicca il mio nome

viviana v., Bologna Commentatore certificato 01.05.11 07:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon giorno ai miei fratelli Mitridati.
Abbiamo preso il caffe' con il veleno oggi?

Valter Conti ☆x5 Commentatore certificato 01.05.11 07:25| 
 |
Rispondi al commento

“Il cantiere della sinistra si può fare con tanti – ha spiegato il leader di Sel – sapendo che tra i nemici di sinistra ci sono anche gli atteggiamenti di intolleranza e integralismo”.Vendola

W i morti; i vivi sono intolleranti ed integralisti!

gennaro fu 01.05.11 06:58| 
 |
Rispondi al commento

Oggi romperano i coglioni della mattina a la sera col polaco che no mosse un ditto dopo che le madri di piazza di maggio denunciarono i voli della morte nel rio della plata

Ne olvido ne perdono anche per te polaco

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 06:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le rivoluzioni senza leader sono anche quelle in cui i conservatori uccidono i leader riformisti . Smettiamola un attimo con le bugie e l'acondiscendenza verso i media : Gheddafi e' stato certamente un leader riformista , di enorme visione ed abilita' . Di enormi risultati per il popolo Libico . Ora americani e francesi stanno cercando di ucciderlo . BASTA !
Basta con la legge della giungla , se non reagiamo subito , non avremo valori su cui pianificare il futuro e su cui dare un senso al futuro !
Napoletani , fermate oggi stesso la NATO .
Impedite loro di operare domani . Non devono esserci domani .
Non ce' piu' tempo per fingere a se stessi che sia solo un film .


"Se cerco di immaginare il dispotismo moderno vedo una folla smisurata di esseri simili e eguali che volteggiano su se stessi per procurarsi piccoli e meschini piaceri di cui si pasce la loro anima. Ognuno di essi, ritiratosi in disparte, è come straniero a tutti gli altri, i suoi figli e i suoi pochi amici costituiscono per lui tutta l’umanità; il resto dei cittadini è lí, accanto a lui, ma non lo vede; vive per sé solo e in sé, e se esiste ancora la famiglia, già non vi è piú la patria.
Al di sopra di questa folla vedo innalzarsi un immenso potere tutelare, che si occupa da solo di assicurare ai sudditi il benessere e di vegliare alle loro sorti. E’ assoluto, minuzioso, metodico, previdente e persino mite. Assomiglierebbe alla potestà paterna, se avesse per scopo, come quella, di preparare gli uomini alla virilità. Ma, al contrario, non cerca che di tenerli in un’infanzia perpetua.

Lavora volentieri alla felicità dei cittadini, ma vuole esserne l’unico agente, l’unico arbitro. Provvede alla loro sicurezza, ai loro bisogni, facilita i loro piaceri, dirige gli affari, le industrie, regola le successioni, divide le eredità: non toglierebbe forse loro anche la fatica di vivere e di pensare?
Cosí, ogni giorno, meno utile e piú raro diviene l’impiego del libero arbitrio, piú limitata l’azione della volontà. Dopo aver plasmato a suo piacimento ogni individuo, il sovrano stende la mano sulla società intera, coprendola di una fina rete di minuziose regole, uniformi e complesse, attraverso le quali nessuno spirito, foss’anche il piú originale e vigoroso, riuscirebbe mai a farsi luce. Il potere non spezza, ma ammollisce, piega e dirige le volontà; non distrugge, non tiranneggia, ma ostacola, comprime, snerva, spegne, inebetisce tutti gli uomini, riducendoli come un branco di animali timidi e laboriosi, di cui lo Stato è il pastore.
De Toqueville "La democrazia in America" pubblicato nel 1840

S.M. 01.05.11 03:26| 
 |
Rispondi al commento

sono frammenti di cose sapute,bisogna orgogliare gli italiani a finirla di pagare per gli altri, alziamo ciò che è nostro. basta basta viva chi ha un fine etico ancora esposto a guardare il cittadino con la sua pensione demagogicamente al voto. beppe grillo sono difalcoraffaele e ti voglio dire finiamola di parlare. facciamo ciò che giusto per l italia andiamo avanti sono con te anche se non ho capito un cazzo. l importante è dare un buon esempio al futuro che segue.

raffaele di falco, modica Commentatore certificato 01.05.11 03:20| 
 |
Rispondi al commento

«Per me, quando sento la mano del potere appesantirsi sulla mia fronte, poco m' importa di sapere chi mi opprime, e non sono maggiormente disposto a infilare la testa sotto il giogo solo perché un milione di braccia me lo porge». È la posizione del liberale francese Alexis de Tocqueville, che nell' Ottocento studiò l' equilibrio fra la libertà individuale e il potere democratico nel saggio La democrazia in America, scritto fra il 1832 e il 1840, diventato uno dei testi alla base del pensiero politico occidentale. Per Tocqueville la democrazia è l' eguaglianza delle condizioni (che in America è rappresentata dalla condizione di «primigenia» parità tra i coloni arrivati dall' Europa nel Seicento). Ma l' altra faccia di un regime democratico, che promette una partecipazione di tutti alla vita pubblica, è il rischio costante della «tirannide della maggioranza», poiché quando si mette in pratica l' ideale egualitario si ottiene una sorta di livellamento che tende a sfociare nel dispotismo e dunque nella negazione della libertà. «Vedo chiaramente nell' eguaglianza due tendenze - spiega Tocqueville nel suo saggio -: una che porta la mente umana verso nuove conquiste e l' altra che la ridurrebbe volentieri a non pensare più. Se in luogo di tutte le varie potenze che impedirono o ritardarono lo slancio della ragione umana, i popoli democratici sostituissero il potere assoluto della maggioranza, il male non avrebbe fatto che cambiare carattere».

S.M. 01.05.11 03:11| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito anch'io. Sembra da anni di vivere in un film surreale. Purtroppo non finisce.
A me ha colpito molto anche il fatto che la signorina del tg l'avesse annunciato come se stesse parlando di una rubrica di costume, la fiera del tartufo. Ho sentito un'oretta fa una persona negli states e non sapeva dei morti per gli uragani, nei tg locali parlavano dell'evento ma non dei morti.

cecco 01.05.11 02:57| 
 |
Rispondi al commento

TRIPOLI - Saif al-Arab, figlio più giovane del dittatore libico Gheddafi, è stato ucciso nella notte in un raid aereo della Nato.
Ma non era partita come una NO FLY ZONE?????
Siamo al caos completo.
NIENTE PIU' REGOLE!!!!!!!!

Rosso VIleda 01.05.11 02:46| 
 |
Rispondi al commento

si parla sempre di Democrazia, ossessivamente di Democrazia. E' una di quelle parole che seducono l'immaginazione di tutti noi. Non trovi, manco a cercarla col lanternino, una sola persona che non si dichiari democratica poi, però, le cose vanno come vanno. Ma che cavolo è 'sta Democrazia? Secondo me bisogna andare con le molle come con la Libertà. Si racconta (ma è solo una storiella) che fu indetta una grande manifestazione per la Libertà e la partecipazione fu astrale, aderirono praticamente tutti: chi si sognerebbe mai di dichiararsi e sentirsi contrario alla Libertà? Partì il corteo ma, strada facendo, discutendo discutendo, ci si rese conto che della Libertà ognuno aveva un concetto suo e finì in rissa. Quanto alla Democrazia credo, come già detto altrove, che dare il potere al più numeroso significhi annullare il meno numeroso, meglio sarebbe dividere il panorama politico in 3-4 parti e farle ruotare frequentemente: alla lunga si ottiene un certo equilibrio.

gigi di marco Commentatore certificato 01.05.11 02:21| 
 |
Rispondi al commento

Sia i nostri fratelli che noi abbiamo rappresentato la fine terribile e vana di un grande mondo di cristallo ridotto in frantumi. Noi non siamo ricordati per la gloria cui ambivamo, ma come simbolo di una fine. Proprio noi, che anelavamo ardentemente a essere l'alba, la luce del mattino, l'inizio.
Yukio Mishima

S.M. 01.05.11 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Avemo fatto sentì er maschio ar beduino :s s :s

Da leggere in rapida successione:

http://www.corriere.it/esteri/11_aprile_30/libia-gheddafi-discorso-tv_bb5bab5e-72e9-11e0-9ff4-f30aef48f116.shtml

http://www.repubblica.it/esteri/2011/04/30/news/gheddafi_offerta-15553393/?ref=HREA-1

luca m., bassatuscia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 02:13| 
 |
Rispondi al commento

Ecco perché non accade mai nulla, siete solo concentrati su voi stessi.
Basterebbe un pò di apertura verso l'ascolto dell'altro, senza dover per forza mettere la propria firma sulla soluzione, senza spocchia.

cecco 01.05.11 02:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lampedusa

Migliaia di corpi chiusi


nei lager infami di lampedusa

trattati come bestie all’ingrasso

per non essere trasferiti nella miseria

qualcuno tenta di impiccarsi

con lenzuola sporche di apaticità

altri inghiottendo lamette taglienti

o bulloni sbullonati

che sbudellano le viscere

perle drogate appese

ai ganci di un macello in putrefazione

milioni di anime

di migranti affogati

cavalcano su dorsi

di meduse pronte a distruggere

allevamenti di salmoni e tonni

la miseria spunta in un mare sudato

di una spledente ribellione

come le teste di spighe dorate

e si perde nelle onde marce

di un commercio di esseri umani

senza nessuna regola inghiottito

da ostriche albergate nel cielo

degli abissi di un mare incolore

piovono stelle marine e fulmini maligni

spaccando le vostre teste serrate

da un razzismo ignorante

il miasmo dei vostri

cervelli bruciati trasformati

in concime alimenterà

le terre aride dei vostri infami cuori

nella speranza che

sboccierà un frammento di vita

imbottito di salsedine e misericordia

l’indulgenza dura un’attimo

donandovi l’ultima occasione

prima di essere incatenati

nei cessi dell’inferno…

Armando Di Napoli, arzano Commentatore certificato 01.05.11 02:00| 
 |
Rispondi al commento

@ Max Stirner

"SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA, FINO A FARE CADERE OGNI GOVERNO!

Solo così, quando saranno caduti, si potrà chiedere loro, con le buone, attraverso la magistratura, o con le cattive, di restituire l'argenteria di famiglia.

QUESTO E' L'UNICO RESET CHE POTETE FARE!

Tutto il resto sono... chiacchiere e distintivo!

Max Stirner PV
Max Stirner 23^10^06 22^36"

Condivido. E se proponessimo a Beppe di portare avanti questa idea?...Lui ha tutta la visibilità e capacità di coinvolgimento per una simile operazione.

E se, come dicevo, a volte ho la tentazione di mandare affanculo pure lui è proprio perchè sento che lui saprebbe cosa fare...MA NON LO FA.

che ne pensi?

Dino Colombo Commentatore certificato 01.05.11 01:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ cecco


Ma è pura utopia Max , non potrebbe mai avvenire un consenso così generale. Ma guarda quanta gente sta seguendo la beatificazione di uno che pur vivendo nella ricchezza non ha mai salvato neanche un bambino etiope , pur stringendone le mani da un'auto blindata.
cecco 01^05^11 01^31
--------------------

UTOPIA?

a metà dell'800 era utopia concepire il volo umano; 50 anni dopo il primo velivolo si alzava in volo e 1 secolo dopo l'uomo scendeva sulla luna.

NON OCCORRE UN CONSENSO GENERALE PERCHE' LO SCIOPERO GENERALE FUNZIONI!

Basta il 15/20% dei lavoratori e tutto si fermerà entro una settimana.

ALTRO CHE UTOPIA!

Max Stirner


sempre per dino colombo, e solo perchè eri curioso di sapere chi lo ha proposto per primo.
Ho sempre apprezzato molto il tuo appoggio all'idea dello sciopero generale


PER TUTTI E PER NESSUNO

Le parole non cambiano nulla in questa situazione!
Voi potete scrivere RESET ovunque vi piaccia, ma la feccia politica la farete solo sorridere.
Essi si sono impadroniti di ogni mezzo democratico per cambiare le cose e non vi restano molte scelte.
La possibilità di cambiare le cose con la violenza sarebbe la cosa più sbagliata, perché è quello che vorrebbero loro.
L'unica possibilità è togliere loro la possibilità di governare su dei sudditi e per fare questo non vi è altro mezzo che dimostrare loro che non vi sono più sudditi.

Togliamo loro ogni potere su di noi, con uno

SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA, FINO A FARE CADERE OGNI GOVERNO!

Solo così, quando saranno caduti, si potrà chiedere loro, con le buone, attraverso la magistratura, o con le cattive, di restituire l'argenteria di famiglia.

QUESTO E' L'UNICO RESET CHE POTETE FARE!

Tutto il resto sono... chiacchiere e distintivo!

Max Stirner PV
Max Stirner 23^10^06 22^36

Max Stirner Commentatore certificato 01.05.11 01:39| 
 |
Rispondi al commento

L'effetto dei 12 velivoli messi a disposizione della Nato per essere impiegati” nei bombardamenti mirati sulla Libia?
Eccolo!

E MO' SO CAVOLI AMARI!
I Jet della Nato hanno bombardato case civili dove viveva il figlio di Gheddafi.

LIBIA: TRIPOLI; RAID NATO UCCIDE FIGLIO GHEDDAFI, LUI ILLESO
I jet della Nato hanno ucciso in un raid Saif al-Arab, 29 anni, il figlio piu' giovane di Muammar Gheddafi e tre nipoti del Colonnello. Il leader libico, che si trovava con l'ultimogenito in un edifico di Tripoli, e' rimasto illeso. Lo riferisce il portavoce del governo di Tripoli. .
- Saif al-Arab, figlio più piccolo del dittatore libico Gheddafi, è stato ucciso nella notte in un raid aereo della Nato. Lo ha confermato un portavoce del regime. Sono morti anche tre nipoti del Colonnello, rimasto illeso.

Così il raiss aveva minacciato:
-Berlusconi ha commesso un crimine
Isolato dal resto del mondo, brucia ancora di più al colonnello quello che considera il voltafaccia dell’Italia.
«Dov’è il Trattato di amicizia che non permette l’uso delle basi italiane contro la Libia?
-Dov’è il Parlamento italiano?
-E dov’è il mio amico Berlusconi? Non avete chiesto scusa e condannato il colonialismo?
-Perchè ripetete adesso l’invasione con i vostri aerei?», è la litania che Gheddafi pronuncia davanti le telecamere della tv di Tripoli.
Ma attorno, sempre più vicini, si sentono solo gli echi delle esplosioni delle bombe alleate.
Il palazzo della tv in cui ha trasmesso il suo messaggio Gheddafi è stato colpito dai missili sparati dai jet della coalizione

°°°°°

E Ignazio, che dirà?
E Silvio, che messaggio invierà al suo amico Raiss?
E Umberto?
E Giorgio?

maria . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 01.05.11 01:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E quando diamo un’occhiata sui nostri schermi ai poveri o alla classe operaia, essi sono ridicolizzati e derisi. Sono oggetto di disprezzo, che sia al “The Jerry Springer Show” o al “Jersey Shore.” (2)

L’incessante corsa verso lo status, l’avanzamento personale e la ricchezza ha fatto affondare la maggior parte del paese in un mare di debiti ingestibili. Le famiglie, i cui salari reali negli ultimi tre decenni sono precipitati, vivono in case enormi finanziate da mutui che spesso non possono pagare. Occupano il loro tempo libero in centri commerciali comprando cose di cui non hanno bisogno. L persone in età lavorativa passano i giorni della settimana in piccole cellette, se ancora hanno un lavoro stabile, tra gli artigli di grandi imprese che hanno svilito i lavoratori americani e preso il controllo dello stato e che possono licenziarli a loro piacimento. E’ un’arrampicata estrema. Nessuno vuole essere lasciato indietro.

I fautori della propaganda del globalismo sono le conseguenze naturali di questo mondo basato sull’immagine e culturalmente analfabeta. Parlano di teorie economiche e politiche attraverso vuoti luoghi comuni. Soddisfano i nostri desiseri subliminali e irrazionali. Selezionano alcuni fatti e dati isolati e li usano per respingere le realtà storiche, economiche e politiche. Ci dicono ciò che vogliamo credere di noi stessi. Ci assicurano che siamo eccezionali come individui e come nazione. Sostengono la nostra ignoranza come conoscenza. Ci dicono che non c’è motivo di ricercare altri modi organizzare e governare la nostra società. Il nostro modo di vivere è il migliore. Il capitalismo ci ha reso grandi. Diffondono l’auto-deludente sogno del progresso umano inevitabile. Ci assicurano che saremo salvati dalla scienza, dalla tecnologia e dalla razionalità e che l’umanità sta inesorabilmente progredendo.

Niente di tutto questo è vero. E’ un messaggio che sfida la natura e la storia umane. Ma è ciò che molti vogliono disperatamente credere.

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 01.05.11 01:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Ma ci rendiamo conto che non esiste un Parlamento in Italia, nè tanto meno la democrazia. Solo l’amico popolo italiano vuole la pace”.Geddafi

B. ha fatto conoscere il Bunga Bunga a tutti i potenti del mondo, e li sta facendo molto male.

gennaro fu 01.05.11 01:32| 
 |
Rispondi al commento

ANCORA PER DINO COLOMBO

[...]

Ora, siccome questo è un post di un blog e non un trattato, ognuno a modo suo, come sa e come può, cerchi d'immaginare, risalendo e ritroso, partendo SOLAMENTE dall'"industria carceraria", quanti settori della vita civile italiana coinvolge e si accorgerà che, sarebbe sufficiente eliminare quell'industria, perché tutto il mondo economico nostrano crollasse.
Conclusione? La conclusione mia è che la società umana, in molte fasi della sua storia basò la sua economia sullo sfruttamento di una parte di questa società su un'altra più debole ed in particolare, da quando l'umanità occidentale entrò nella fase detta industriale, nel 1700, questo fatto divenne ancora più evidente.
Cosa si dovrebbe fare? La natura, quando essa non viene condizionata dall'uomo, tende a provvedere ai propri equilibri; essa fa in modo che il numero dei leoni, in una certa zona, sia quasi sempre adeguato al numero d'erbivori, ma l'uomo non segue la natura, l'uomo la contrasta e la vuole dominare quindi, le regole della natura non funzionano.
Un certo numero di umani soccomberanno sempre ai ai più "forti" o ai più "velenosi", ma se le "zebre umane" capissero che, quando i leoni compaiono sono esse stesse che, fuggendo, innescano in essi l'istinto della predazione, avrebbero capito la regola base per la salvezza di gran parte di loro.
E' la paura che le fa morire, ma se esse, paradossalmente, immaginassero d'essere già morte e, alla comparsa dei leoni corressero loro incontro, tutte insieme, I LEONI MORIREBBERO DI STUPORE E... DI FAME.

SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA MA, SENZA ANDARE NELLE PIAZZE; TAPPATEVI IN CASA E NON USCITE CHE PER CONTARE I LEONI MORTI.
NON DATE LORO L'OCCASIONE D'AGGREDIRVI CON LE SCUSE DI GENOVA!

SIETE VOI ZEBRE CHE DOVETE INDIRE LO SCIOPERO! i SINDACATI NON SONO LEONI, MA SONO IENE E SCIACALLI; SEMPRE PREDATORI.

DOVETE IMPARARE A GESTIRVI, O SARETE PREDE PER SEMPRE.

Max Stirner

P.V.

Postato da: Max Stirner il 01^11^05 15^55


PRO MEMORIA PER DINO COLOMBO

@PASQUALE BIZZARRO

BASTA FARSI PRENDERE PER IL CULO! basta! forza fatevi venire una buona idea, spremete quelle meningi e diamoci da fare.

Postato da: Pasquale Bizzarro il 27^09^05 20^46

-------------------------------------------------

Ciao Pasquale, non è una gran idea, lo so da me, ma credo che sia l'unica che possa mandare a casa una banda di gangster e essere da monito a coloro che succederanno. L'idea è uno sciopero generale ad oltranza in modo d'anticipare il crollo di questa classe politica.
Hai presente l'apologo di Menenio Agrippa? Sì? Allora si tratta di non farsi convincere dal Menenio Agrippa odierno e rimanere sul Monte Sacro fino alla morte del "corpo umano".
Non esiste altra possibilità; così io penso.

Max Stirner

validato su http://stirnermax.splinder,com

Postato da: Max Stirner il 27^09^05 21^05


Con tutte le cose orribili che stanno succedendo nel mondo 2 miliardi di coglioni hanno seguito il matrimonio di due persone qualunque e qualche milione segue la "beatificazione" del rappresentante di una setta .
Io non cambio paese, cambio pianeta!

marco m. 01.05.11 00:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Max Stirner

Postilla al commento

"- e ti lamenti pure? siccome condividiamo completamente l'individuazione dei problemi che "DA UNA VITA" ci fai, triturandoci i marroni, ti lasciamo sbattere, nella speranza che tu un giorno possa averre una illuminazione e ci dica come risolvere"

SE TI RIFERISCI ALLA "RIVOLUZIONE D'OTTOBRE 2" per ora in Italia nn ne vedo alcun presupposto.(i rivoluzionari d'accatto si vedono solo per le squadre di calcio)

Sarebbe come voler fare l'eroe ( o chiamalo Donchisciotte )nella ex Unione Sovietica, nel Cile di Pinochet o negli attuali Stati Uniti.

Catturato, picchiato, forse torturato e in galera o in manicomio.

sempre con simpatia

Dino Colombo Commentatore certificato 01.05.11 00:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe Presidente e basta!

gennaro fu 01.05.11 00:30| 
 |
Rispondi al commento

@ Max Stirner

Causa i 2000 caratteri ho dovuto eliminare le mie considerazioni. e mi limito a rispondere alle 'simpatiche' di Max. Chi volesse sapere quali fossero in calce ne trova l'indicazione.

- spero che tu non pensi di avere avuto un'idea originale e primigenia: mai sentito parlare di Guelfi e Ghibelini?

NON MI RISULTA CHE AI TEMPI DEI GUELFI E GHIBELLINI GLI USA AVESSERO POTERE ASSOLUTO SU ENTRAMBE LE FAZIONI PRIVILEGIANDO QUELLA PIU' A...DESTRA.

- ... azzo! Certo che nella tua vita hai condiviso con tanta gente le tue idee senza neppure accorgetene: vivere in comunione con milioni di persone e pensare di essere solo, dev'essere atroce

ATROCE E' QUANDO VEDI CHE LE TUE IDEE, ANCORCHE' GIUSTE E CONDIVISE NON PRODUCONO CAMBIAMENTI....(VEDI, ES. LE 350.000 FIRME FAMOSE)

- spero che tu sia nato dopo il 1945, perchè altrimenti avresti avuto capacità divinatorie, almeno per quanto riguarda gli USA; per il Vaticano è dal tempo dell'imperatore Costantino che si sa la cosa

QUESTA NON HO CAPITO DOVE VA A PARARE.

- senti, ma non potresti in questa vita dire a Beppe "COME FARE"? Siamo pieni di gente che ci racconta quello che non va, ma nessuno che ci consigli come risolvere i problemi con metodi auspicabili e realizzabili.

SE TU MI AVESSI LETTO CON ATTENZIONE NEL TEMPO...NE HO PROPOSTO A DECINE DI IDEE E TUTTE FATTIBILI. MA IL VENTO SE L'E' PORTATE VIA...E BEPPE, O CHI PER LUI NE E' RIMASTO ALL'OSCURO(?)

- e ti lamenti pure? siccome condividiamo completamente l'individuazione dei problemi che "DA UNA VITA" ci fai, triturandoci i marroni, ti lasciamo sbattere, nella speranza che tu un giorno possa averre una illuminazione e ci dica come risolvere

COME SOPRA-...(MI DISPIACE PER I TUOI 'MARRONI' CMQ)

- mi pare che anche tu ti lamenti

- il cielo non voglia! che faremmo poi, nel blog?

HAI MAI SENTITO IL DETTO.."UTILI TUTTI...INDISPENSABILE NESSUNO"?.

Dino Colombo 30^04^11 22^16

Un saluto con simpatia

Dino Colombo Commentatore certificato 01.05.11 00:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ART.1
DELLA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANAL'

Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

...


Il 1° MAGGIO
è la festa dei lavoratori.

Forse non siamo in molti come i precari
o i disoccupati ma, in ogni caso,

siamo noi quelli
dell'art. 1


^_*

'notte al BLOG


Gheddafi: "Dov'è il mio amico Berlusconi?"

Perchè Berlusconi è mai stato veramente amico di qualcuno se non di se stesso?

Dino Colombo Commentatore certificato 01.05.11 00:00| 
 |
Rispondi al commento

@ dino colombo

E' UNA VITA CHE AFFERMO QUI CHE LE SORTI DELL'ITALIA SONO NELLE MANI DEGLI USA E DEL VATICANO.

- spero che tu non pensi di avere avuto un'idea originale e primigenia: mai sentito parlare di Guelfi e Ghibelini?

UNA VITA CHE DICO CHE SIAMO UNA FINTA DEMOCRAZIA A RESPONSABILITA' MOLTO LIMITATA.

- ... azzo! Certo che nella tua vita hai condiviso con tanta gente le tue idee senza neppure accorgetene: vivere in comunione con milioni di persone e pensare di essere solo, dev'essere atroce

E' UNA VITA CHE DICO CHE CHI COMANDA DAVVERO IN ITALIA SONO GLI USA E IL VATICANO (SPOGLI: "BERLUSCONI DANNEGGIA L'ITALIA MA CI E' UTILE E LO DOBBIAMO SOSTENERE".

- spero che tu sia nato dopo il 1945, perchè altrimenti avresti avuto capacità divinatorie, almeno per quanto riguarda gli USA; per il Vaticano è dal tempo dell'imperatore Costantino che si sa la cosa

E' UNA VITA CHE DICO CHE BEPPE DOVREBBE CONCENTRARSI SOPRATUTTO (SE NON SOLO) SULLE RADICI DI TUTTI I NOSTRI MALI E NON SULLE FOGLIE.

- senti, ma non potresti in questa vita dire a Beppe "COME FARE"? Siamo pieni di gente che ci racconta quello che non va, ma nessuno che ci consigli come risolvere i problemi con metodi auspicabili e realizzabili.

MA BEPPE E L'ELITE' DEL BLOG MI HANNO SEMPRE LASCIATO SBATTERE.

- e ti lamenti pure? siccome condividiamo completamente l'individuazione dei problemi che "DA UNA VITA" ci fai, triturandoci i marroni, ti lasciamo sbattere, nella speranza che tu un giorno possa averre una illuminazione e ci dica come risolvere

E DI CHE CAZZO CI LAMENTIAMO OGGI SE LO SCHIFOSO NANO E I SUOI SGHERRI SPADRONEGGIANO SUL NOSTRO POPOLO SOSTENUTO DA QUEI VERI POTERI?

Beppe....non mi risulta ancora alcun tuo POST SULLE PAROLE DI SPOGLI.

- mi pare che anche tu ti lamenti

BEPPE...A VOLTE HO UNA GRANDE VOGLIA DI MANDARE AFFANCULO PURE TE.

- il cielo non voglia! che faremmo poi, nel blog?

Dino Colombo Commentatore certificato 30^04^11 22^16

Un saluto con simpatia

Max Stirner


IL FATTO QUOTIDIANO


"l'unico giornale che oggi in prima pagina
non ha messo in bella mostra le foto dei due sfigati"

Il pricipe e la principessa sul pisello.

LA MINKIATA DEL SECOLO

Complimenti!

Paolo Rivera Commentatore certificato 30.04.11 23:34| 
 |
Rispondi al commento

E poi che senso hanno i santi ed i beati dal momento che dio non esiste?

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 30.04.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Grazie d'avermi Sopportato anche questa sera: un esercizio in cui, io per primo non riesco a Sopportarmi.
Rammento quella Due giorni di Reve ng, tempo addietro, a Lamentar Solitudine.
In fondo, è la Costante di Tutti, i Pensanti.
Le Donne mi Temono, gli Uomini, mi Rispettano.
Nessuno che abbia piu' la Voglia di Soffrire per il Nonulla che Rappresento.
Fan Bene: Chi ci Provo', lo scorso Anno a Salutarmi, Saetto' il Cuore a Mail, per rimediarne una Ferita.
Incurabile?
Per Qualcuno, di Certo.

BuonaNotte, Amatevi fin che avete Vita.
Poi, ne Avrete son Profumo, e Struggente Nostalgia.
Si sta' Scaldando l'Aria, ne Sentite il Fruscio fra le Tende?

enrico w., novara Commentatore certificato 30.04.11 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

TUTTE LE TV
sfruttano la beatificazione del papa.


A me questo papa
da vivo stava simpatico.

Una persona "timorata di Dio"
che aveva saputo parlare
anche ai non credenti.

"MI VIENE IN MENTE
BOB DYLAN"

Da morto
è solo un personaggio
da mettere in bella mostra.

Questo il mio pensiero.



1° maggio

PORTELLA DELLA GINESTRA
(cannoli & friends)


Portella, commemorazione della strage con Lele Mora e i cannoli: è polemica

---------

Parenti delle vittime contestano la scelta del sindaco: «Scandaloso e inaccettabile mettere sullo stesso piano una festa mondana e la memoria di quell'evento»

PALERMO
È polemica a Piana degli Albanesi, cittadina della provincia di Palermo, dove il sindaco Gaetano Caramanno sta organizzando una commemorazione per ricordare la strage della vicina Portella della Ginestra, avvenuta il 1 maggio del 1947.

E fin qui nulla di strano. Il fatto è che il primo cittadino ha pensato di inserire questa cerimonia all'interno del cartellone della «profana» festa del cannolo, del quale Piana degli Albanesi è produttrice d'eccellenza.

Ma non basta: a «Cannoli&friends» è prevista anche la partecipazione di un ospite che riscuote consensi non unanimi: Lele Mora.

I PARENTI DELLE VITTIME: «IMPERDONABILE»

Appena si è diffusa la notizia sono insorti anche i parenti delle vittime della strage, giudicando una «provocazione imperdonabile e offensiva alla memoria delle vittime l'inserimento di un evento su Portella della Ginestra all’interno di una festa mondana».

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/arte_e_cultura/2011/30-aprile-2011/portella-ginestra-commemorala-strage-47-lele-mora-cannoli-190541375842.shtml


pare che su Roma si addensi cattivo tempo

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 22:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gheddafi: "Dov'è il mio amico Berlusconi?"

http://www.youtube.com/watch?v=je_D4GER48o&feature=player_embedded#at=44

anib roma Commentatore certificato 30.04.11 22:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

SE QUESTO E' UN SANTO!

"Al Generale Augusto Pinochet Ugarte
e alla sua distinta sposa Sigmora Lucia
Hiriart de Pinochet, in occasione delle
loro nozze d'oro matrimoniali e come
pegno di abbondanti grazie divine, con
grande piacere impartisco, così come
ai loro figli e nipotini,
una benedizione apostolica speciale."

Giovanni Paolo II - 18 febbraio 1993
*******************************************
Augusto Pinochet Ugarte
generale, politico e dittatore cileno.
Arrivò al potere a seguito del golpe del 1973 (il colpo di Stato militare, appoggiato da Stati Uniti, esponenti di ceti elevati, vertici della Chiesa cattolica cilena)
che rovesciò il legittimo governo del Presidente socialista Salvador Allende,
il quale perse la vita nel golpe.

Durante dittatura militare venne attuato un vero e proprio democidio,
con l'uccisione di circa 3000 oppositori politici su 130.000 arrestati in maniera arbitraria,
e sistematiche violazioni di diritti umani.
***********************************************
DOMANI SARA' LA FESTA DEI LAVORATORI EBBASTA!!!
Almeno per quanto mi riguarda.
AUGURI a tutti i lavoratori;
AUGURI a tutti i precari;
AUGURI a tutti gli sfruttati;
AUGURI a tutti gli immigrati;
AUGURI a tutte le casalinghe il cui lavoro non è riconosciuto;
AUGURI ai giovani perchè ritrovino la speranza nel futuro.
Se credessi nei miracoli pregherei perchè spariscano dall'Italia la mafia, la corruzione, i vergognosi privilegi dei politici, la mignottocrazia e il Vaticano.
Ma non credo nei miracoli.
Credo e spero però nella capacità degli oppressi
di ribellarsi all'oppressore.
Almeno lo spero...
SPES ULTIMA DEA


Estrellita *. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 22:40| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 16)
 |
Rispondi al commento
Discussione

SCUSATE LA RIPETIZIONE, MA LA RIPETIZIONE E' L'ANIMA DELLA PUBBLICITA' (ANCHE ELETTORALE)

1)Sig. Bossi, Lei nel 1995 ha detto di Berlusconi:

– Berlusconi ha preso soldi dalla mafia, è un delinquente-.

COME CI SI SENTE ALLEATI di un MAFIOSO DELINQUENTE?

2)Nel 1995 – Berlusconi è stato messo lì dalla mafia. Ha creato un partito per strangolare la lega.

Quindi lei è ALLEATO di un MAFIOSO?

3)1997 – Berlusconi è un brutto porco che dovrà rispondere al popolo del nord di essere sceso in politica al solo scopo di affossarci. la lega a Berlusconi lo ficcherà in quel posto.


VISTO CHE ORA CI SI E' ALLEATO CHI LO HA FICCATO A CHI?


4)1999 – Berlusconi cerca l’alleanza con la Lega per confondere i suoi problemi giudiziari con i nostri.


QUINDI ADESSO I PROBLEMI GIUDIZIARI SUOI E DI BERLUSCONI SONO CONFUSI?


5)1997 – Berlusconi è un povero pirla. è un marmaglione che non capisce niente di politica.


ADESSO GLIEL'HA SPIEGATO LEI COME SI FA POLITICA?


6)1995 – Berlusconi? non voglio parlare di quel delinquente. io voglio andare nelle piazze a scatenare il nord contro di lui. Berlusconi è un mafioso.


PERCHE' si è ALLEATO a un DELINQUENTE MAFIOSO?


7)1995 - 7 maggio: "L'elettorato leghista non vota i fascisti, i porci fascisti, e cioè Berlusconi e Fini"


QUESTA ERA UNA CAZZATA?


8)1995 - 14 gennaio (ANSA): "Berlusconi come presidente del Consiglio è stato un dramma".


SI ALLEA SEMPRE CON GLI INETTI?


9)1994 – la vittoria del partito di Berlusconi è quella di un partito che non esiste e che nasce attraverso la manipolazione televisiva.


QUINDI ANCHE LEI E' STATO MANIPOLATO?


10)1994 - 30 dicembre - "Berlusconi imprenditore? Mi viene da ridere. Semmai faceva il prestanome. Il suo progetto non è altro che il piano di Gelli. Le due strategie sono sovrapponibili: Forza Italia è la P2".


SIG. BOSSI, COME CI SI SENTE A SOSTENERE LA P2?
PER LEI ROMA LADRONA E' PIU' IMPORTANTE DI ROMA MAFIOSA?

Dino Colombo

Dino Colombo Commentatore certificato 30.04.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

rivoluzioni senza leader?
lasciale trionfare, e poi vedi come arrivano, i leader.
la storia è piena di cavalieri dell'ultim'ora pronti a mettere il cappello sui movimenti popolari

liliana g., roma Commentatore certificato 30.04.11 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“VENDETTA ATROCE VENDETTA”.

“LA CRICCA” ci vuole rubare i referendum, sul Nucleare e sull’acqua pubblica.

E NOI PER RITORSIONE, GLI ABOLIAMO QUELLO CHE RESTA DEL LEGITTIMO IMPEDIMENTO.

Il 12 e 13 giugno tutti a votare, qualunque legge ci sia da abolire con i referendum.

Paolo R. Commentatore certificato 30.04.11 22:28| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento

Per essere liberi o si è degli idealisti e si rinuncia a buona parte del benessere materiale o si è artisti e uomini liberi nello stesso tempo pochi questi ultimi si contano sulle dita...due sono sicuramente Grillo e Celentano la maggiorparte pur avendo tanti soldi sono degli egoisti e non mancheranno all'umanità quando moriranno anzi la libereranno del loro gravoso peso sociale.

mauro lancioni, genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 22:23| 
 |
Rispondi al commento

E' UNA VITA CHE AFFERMO QUI CHE LE SORTI DELL'ITALIA SONO NELLE MANI DEGLI USA E DEL VATICANO.

UNA VITA CHE DICO CHE SIAMO UNA FINTA DEMOCRAZIA A RESPONSABILITA' MOLTO LIMITATA.

E' UNA VITA CHE DICO CHE CHI COMANDA DAVVERO IN ITALIA SONO GLI USA E IL VATICANO (SPOGLI: "BERLUSCONI DANNEGGIA L'ITALIA MA CI E' UTILE E LO DOBBIAMO SOSTENERE".

E' UNA VITA CHE DICO CHE BEPPE DOVREBBE CONCENTRARSI SOPRATUTTO (SE NON SOLO) SULLE RADICI DI TUTTI I NOSTRI MALI E NON SULLE FOGLIE.

MA BEPPE E L'ELITE' DEL BLOG MI HANNO SEMPRE LASCIATO SBATTERE.

E DI CHE CAZZO CI LAMENTIAMO OGGI SE LO SCHIFOSO NANO E I SUOI SGHERRI SPADRONEGGIANO SUL NOSTRO POPOLO SOSTENUTO DA QUEI VERI POTERI?

Beppe....non mi risulta ancora alcun tuo POST SULLE PAROLE DI SPOGLI.

BEPPE...A VOLTE HO UNA GRANDE VOGLIA DI MANDARE AFFANCULO PURE TE.

Dino Colombo Commentatore certificato 30.04.11 22:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...????...............................


Gheddafi: "La guerra arriverà in Italia"
Adnkronos/IGN - ‎10 minuti fa‎
Tripoli - Il Colonnello alla tv: "Dall'Italia stessa politica fascista dei tempi dell'occupazione". Alla Nato: "Negoziamo stop dei raid". Gli insorti: "Nessuna fiducia". Intelligence: frasi Raìs da non sottovalutare. ...

anib roma Commentatore certificato 30.04.11 22:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Furiosa la base leghista sul web...avete calato le brache

Venduti, avete calato le brache. Furiosa la base leghista sul web

Si dice che sia l'ultimo partito di popolo, in questa Italia dove i partiti sono diventati vetrine virtuali, apparati soft, leggeri come l'aria. C'è persino chi scomoda il paragone con il Pci delle sezioni per raccontare il miracolo leghista della conquista del territorio. Altri, a dire il vero, ci vedono una somiglianza più con la vecchia Dc, della quale la Lega Nord ha preso il posto di collettore di consensi nelle tradizionali regioni bianche (è l'idea di Renzo Guolo, ad esempio, autore di Chi impugna la Croce. Lega e Chiesa, da poco pubblicato per Laterza, pp. 166, euro 16). Partito di popolo, si vede anche dai numeri. In alcuni territori del nord la Lega arriva a percentuali di consenso del 40 per cento. Fior di analisti, sociologi, politologi si interrogano sulla formula segreta del successo. Sta di fatto che il Carroccio ha occupato uno spazio politico che era vuoto, anzi per essere più precisi, la Lega ha politicizzato una sfera di pulsioni e sentimenti che covavano da tempo nella pancia del paese. Il razzismo, la xenofobia, l'omofobia, l'antifiscalismo di ceti medi e operai-imprenditori un tempo erano sentimenti tabù. Non avevano cittadinanza politica. Ora, per effetto della Lega ce l'hanno e sono diventati una fabbrica di voti, un legame di sangue e simboli col territorio.
Attenzione, però. A forza di evocare gli strati profondi della società, la Lega rischia di fare la fine dell'apprendista stregone, sopraffatto dalle stesse pulsioni fatte entrare nella sfera

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 22:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1) Beatificazione dell'ex Papa ('stranamente' coincidente col primo Maggio, la Festa dei Lavoratori)

2) Il film di Moretti, che come messaggio di base lascia credere in uno stuolo di Cardinali simpatici, un pò rimbaglioniti ma alla fine dei bonaccioni bravi e pieni di dolce cristianità...molto lontani dalla relatà. Nessuno di essi che assomigli a Richelieu, a Mazzarino, a Sodano, a Ruini....cardinali tutt'altro che simili a quelli scodellatici da Moretti, cardinali di cui è pieno il vaticano...Moretti dal quale vedendo il suo Habemus Papam, questa volta mi sono sentito preso per il culo.

3) I soliti spot Vannamarchiani di questi giorni a reti unificate

e il piattino pro-elemosina RICCHISSIMA dei Gerarchi per richiedere agli italiani l'8 x 1000 è servito.

Dino Colombo Commentatore certificato 30.04.11 22:07| 
 |
Rispondi al commento

3) Nucleare (IPPNW), oggi non esistono delle ricerche sistematiche da parte dell'OMS sulle conseguenze del disastro di Chernobyl. Inoltre, l’OMS non potrebbe fare queste ricerche e pubblicarle senza il consenso della AIEA. Secondo un accordo con l'AIEA del 1950, l'OMS dovrebbe prima ottenere l'approvazione dell'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica per tutte le indagini e le ricerche in questo contesto. In Germania, nel frattempo, è iniziata una discussione circa una richiesta di recesso dal presente contratto per la prossima conferenza dell'OMS a maggio.
Nonostante l'obbligo internazionale di garantire il diritto umano alla salute, la comunità internazionale non ha ovviamente alcun interesse nel sollevare il problema del cosiddetto 'rischio residuale' dell’energia nucleare. Anche l'Europa ha molte difficoltà in quest’ambito, dice Baverstock. Dopo tutto, abbiamo realizzato che, dopo Chernobyl, c'è il problema di come informare e consigliare in modo adeguato le nazioni europee e le sue popolazioni.
Il diritto umano alla salute richiede competenza
In seguito alla pressione dei paesi europei, l'OMS creò il cosiddetto "Ufficio-progetto per gli eventi atomici" con sede a Helsinki. L'ufficio, diretto dalla Baverstock dal 1998, venne chiuso nel 2000. "La chiusura fu una decisione del direttore regionale - e l'ufficio non fu ricostituito altrove", continua Baverstock "così, quando arrivò il disastro di Fukushima, l'OMS semplicemente non aveva più nessuna competenza per affrontare la situazione".
Queste competenze dovrebbero essere al più presto ripristinate con degli standard professionali, si auspica Baverstock. Infine, è giunto il momento, almeno a livello europeo, di mettere in atto ricerche accurate e sistematiche sulle conseguenze per la salute del disastro di Chernobyl.

Ulrike Mast-Kirschning
Fonte: http:// www.dw-world.de
Link: http://www.dw-world.de/dw/article/0,,15021136,00.htm


ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 22:06| 
 |
Rispondi al commento

2) dati e le informazioni dettagliate, il comitato scientifico delle Nazioni Unite si è espresso, dicendo che "per la stragrande maggioranza della popolazione non c'è motivo di temere conseguenze gravi per la salute causate dalla catastrofe di Chernobyl". “Ciò è in netto contrasto con numerose esperienze dei medici che curano i tanti malati e gli studi che, nel frattempo, hanno prodotto risultati del tutto differenti", sono le parole di Pflugbeil. Per lui questa situazione "è semplicemente disumana ed è solo in funzione degli interessi delle lobby dell'industria nucleare, di quelli dei gestori delle centrali e, tra ovviamente, anche degl'interessi delle nazioni che costruiscono armi nucleari."
Le conseguenze per la salute non sono un tema per l'OMS
Anche il ricercatore tedesco Hagen Scherb, dell'istituto Helmholtz di Monaco di Baviera, ha recentemente pubblicato uno studio che indica la mancanza di quasi un milione di nascite in Europa. Per lui si tratta di una conseguenza della ricaduta della nube di Chernobyl in Europa 25 anni fa.
Quindi, Un buon motivo per affrontare gli effetti delle radiazioni atomiche sul corpo umano da parte dell’OMS? "No", dice Keith Baverstock, che, poco dopo il disastro di Chernobyl, ne è diventato membro a Ginevra dove vi ha lavorato per 13 anni. "Loro non vedono che problema ci sia. E soprattutto non capiscono che questo è il loro problema." L'energia nucleare, dal punto di vista dell'OMS, non rappresenta alcun rischio per la salute. È classificata nello stesso modo delle centrali a carbone o di quelle a petrolio, mentre invece rappresentano anche un reale rischio per la salute e possono causare elevata mortalità. Ovviamente un incidente è tutta un'altra faccenda, dice Baverstock, ma gli incidenti non sono sempre previsti nello scenario. Pertanto è ormai un po’ di tempo che non vi sono più esperti su questo tema presso l'OMS.
Manca l'interesse sulla ricerca
Secondo l'Organizzazione Internazionale Medici Contro la Guerra

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 22:04| 
 |
Rispondi al commento

1)
L’IRRADIAMENTO RADIOATTIVO NON È UN TEMA PER L’OMS
DI ULRIKE MAST-KIRSCHINING
dw-world.de

Due super-incidenti atomici: 25 anni fa Chernobyl e adesso Fukushima. Chi si assume la responsabilità sul diritto alla salute dell'umanità?
Gli attivisti di Greenpeace hanno rilevato fino a 48 Microsievert per ora a 60 chilometri dalla centrale atomica di Fukushima. Questo vuol dire che gli abitanti della zona ricevono in un giorno la quantità di radiazioni permessa in Germania in un anno. "Perché," dice la radiobiologia giapponese Katsumi Furitsu, "le persone nelle zone altamente contaminate non vengono evacuate."
Questo viene fatto solo nel raggio di 20 chilometri; vivere tra i 20 e i 30 chilometri praticamente vuol dire rimanere chiusi in casa.
Katsumi Furitsu ha fatto delle ricerche sulla salute delle vittime di Hiroshima e si è occupata anche delle vittime di Chernobyl. Così come pronunciato da alcuni esperti americani, lei ritiene che, per le possibili conseguenze sulla salute, la zona di evacuazione dovrebbe estendersi a 80 chilometri. Ma sembra che in Giappone non spetti ai radiobiologi, ma ai sindaci, la decisione sul possibile ampliamento della zona di evacuazione oltre i 20 chilometri.
Conflitto d'interessi con la lobby atomica
Gli esperti dell'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (IAEA) non danno nessun'altra raccomandazione. Dopo il disastro di Chernobyl, i suoi critici parlarono di una catastrofe dell’informazione. Le stesse considerazioni dovrebbero essere fatte oggi, sostiene Sebastian Pflugbeil, esperto berlinese di radiazioni, se l'AIEA non avesse in verità altri interessi. "L'AIEA ha dichiarato formalmente nello statuto che la sua missione è l’ulteriore diffusione dell'uso pacifico dell'energia nucleare." Chiunque osasse gettare un'ombra su questo aspetto sarà represso con tutti i mezzi, sottolinea Pflugbeil.
All'inizio dell'anno, nonostante i dati

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Il Ministro Romani si incazza con la Prestigiacomo.

eh eh!

Dopo la pubblicità delle sottilette, un bel video.

http://tv.repubblica.it/copertina/romani-se-quella-matta-della-prestigiacomo-non-mi-fa-incazzare/67289?video=&ref=HRESS-1


ma qualcuno crede davvero che la decisione di bombardare la libia provenga dal nostro governo?

attori, sono attori, gheddafi compreso.

federico b., PU Commentatore certificato 30.04.11 21:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.nena-news.com/?p=6847) a sguinzagliare i cani contro i palestinesi. Lo denuncia ieri la ONG israeliana BT’selem: le forze armate israeliane utilizzano cani contro quei palestinesi che tentano ogni giorno di entrare in Israele, attraversando il muro (o il reticolato o la barriera), nei punti ove possibile, senza regolare permesso di lavoro. Sono – secondo l’organizzazione israeliana Kav LaOved - almeno 10.000 (secondo lo Shin Bet, almeno 20.000) l’anno, i lavoratori palestinesi che rischiano di essere feriti o arrestati, alla ricerca di un’occupazione nel settore agricolo, edile o nella ristorazione; strisciano lungo il muro costruito da Israele (requisendo terra palestinese), dal momento che le autorita’ di Tel Aviv non rilasciano permessi regolari per l'ingresso in Israele ormai da anni.
Ma il fenomeno messo in luce da BT’selem e’ recente: almeno tre i casi di morsi di cani nel mese di aprile e altri due casi in esame da parte della ONG, ai lavoratori palestinesi che nella notte fonda o alle prime luci dell’alba tentavano di entrare in Israele.
I casi di lavoratori palestinesi morsi o aggrediti dai cani, sono avvenuti nell’area di a-Ramdin, a sudovest di Hebron. In due casi, i lavoratori oltre ad essere stati feriti, sono stati arrestati e rimangono tutt’ora in custodia militare. Nei casi analizzati da BT’selem, i palestinesi aggrediti, hanno raccontato che i cani non rispondevano agli ordini impartiti dai soldati, che hanno dovuto utilizzare bastoni con scariche elettriche per calmare gli animali.
Secondo un rapporto disponibile sul sito Walla, l’esercito conferma che animali dell’unita’ cinofila sono regolarmente utilizzati per effettuare arresti, ma sottolineando che i cani vengono usati solo contro chi colto a danneggiare la barriera.Un'ipotesi smentita da BT'selem.
Per questo l’organizzazione si e’ rivolta alla procura generale e al comando delle forze armate (OC Central Command) richiedendo che la pratica dell’uso dei cani contro i

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 21:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"sIGNORE, bONASERA!"
iNTENTO A dIPINGERE IL bALCONE, UN POCO MI sTURBA DAL tORPORE DEI MIEI pENSIERI.
Strano, qualcuno s'accorge del mio Ingombrar la Scena del Mondo.
"Buonasera" abbozzo, piu' per Educazione che Entusiasmo e subito mi sovrasta con un Fulmineo: "Questa Casa...", Sospensione.
"Questa casa ha delle Bellissime Rose", tutto d'un Fiato, sporgendosi dal Finestrino.
"Oh, Diamine, ma ancora non son Fiorite", soggiungo, buttando lo sguardo a Mordicchiarmi le Labbra: un Bocciolo fa Capolino.
" No, no, non ho avuto Animo a Rubarle, l'anno Passato!"
"Allora le Rubi quest'anno, tanto quello Stupido del lor padrone, è abituato a farsi fregar Tutto...!".
"Davvero Complimenti, son delle Bellissime Rose ( anche se io non l'avevo mai notato, o peggio, fattamene Cura)".
Di solito, trascorron le loro Estati ad Attender un'Improbabile Sguardo Appassionato, un Invito, forse un Apprezzato Complimento.
Come attempate Signorine, così, anno dopo anno, sempre ad Osservare lo Scorrere del Flusso degl'Indispensabili.
Così pensan d'Esser, gli Stolti...
Or son agli Ultimi Gonfiori del Cuore, san che dovran ceder il Passo, come vecchie, inutili Zitelle al Correre del Futuro moderno, l'era del Sesso Sfrenato.
L'Unico a dar un senso alla Vita, si Dice.
Eppure, quella Donna Sudamericana, così lo Tradivan le Fattezze, la Familiarita' Solare,( da condur la mia Mente , ed altro, a Dumas. il Cioccolatino...) Contagiosa, ha Compreso, in sè, entro l'Intimo.
A dispetto di chi pensa le Donne esser Vacche alla Catena.
Quando la Sensibilita' per una Rosa, si Manifesta, allora, la Primavera ha un altra Vita ancora, davanti a sè.
Non importa se Appassira', non Colta, persin Incolta: Profumera' Domani, in un Nuovo Giardino.
Splendida, vestita d'una Sacra Intenzione.
Una Rosa non Rubata, a Conoscer la Virtu' d'Amore.

E Tu, anche Tu, Ruby?

enrico w., novara Commentatore certificato 30.04.11 21:47| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

ragazzi, stappate sto cazzo di spumante, così magari l'idiota si leva da rompere i coglioni!

BUONASERA, POPOLO!


Superstite di piazza Fontana
sarà risarcito dopo 42 anni
L'uomo all'epoca era un cassiere della Banca Nazionale dell'Agricoltura dove avvenne la strage
da allora soffre di disturbi derivanti dal trauma. Riceverà 500mila euro dall'Interno e dall'Inps

Le 16.37 del 12 dicembre 1969 resteranno per sempre impresse nella sua memoria. Roberto Antonucci Prina si trovava al lavoro come cassiere, alla Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana, quando esplose la bomba che uccise 17 persone. Una strage ancora senza colpevoli, mistero mai risolto degli anni bui dell'Italia. A fare un po' di giustizia ci ha provato il tribunale del lavoro di Imperia, che 42 anni dopo l'attentato, ha riconosciuto all'ex cassiere oggi settantunenne un risarcimento di oltre 500 mila euro.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/04/30/news/superstite_di_piazza_fontana_sar_risarcito_dopo_42_anni-15573942/?ref=HREC1-8


per le vittime niente processo breve...

liliana g., roma Commentatore certificato 30.04.11 21:31| 
 |
Rispondi al commento

OT: Buon 1° Maggio a tutti!!!


Buon 1° maggio a chi è precario
e spera ancora in un lavoro sicuro

Buon 1°maggio a chi ha lavorato sempre in nero
pur di guadagnar qualcosa per tirare avanti

Buon 1° maggio a chi un lavoro ce l'ha
ma che per mantenerlo è sceso, purtroppo, a inumani compromessi

Buon 1° maggio alle casalinghe che lavorano tutto l'anno ma
che ancora vengono considerate nullafacenti

Buon 1° maggio a chi del lavoro non ha fatto la sua ragione di vita
e preferisce alla carriera il tempo da trascorrere con la propria famiglia

Buon 1° maggio a chi guarda al futuro
malgrado non abbia neanche un presente decente

Buon 1° maggio a chi ha lottato per i diritti degli operai
e che oggi vede crollare tutto quello che si era conquistato

Buon 1° maggio a chi mangerà panini e salsicce
giocando su un prato con i propri figli a "bandiera"

Buon 1° maggio a chi lavora
per servire chi fa festa

Buon 1° maggio a un comico
che sta regalando al suo Paese e alla gente vera
un sogno chiamato cambiamento!

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 30.04.11 21:28| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

La PADAGNA spiega che "Il ministro Bossi è uomo di pace.La Lega è partito di pace.Ma essere contro la guerra non vuol dire subirla. Oltretutto una guerra subdola e mediatica,fatta di giornalini e giornalai che,guarda caso,fanno riferimento direttamente al"Povero Silvio".

Bossi "occupa la scena" da Prima DONNA:
-vorrebbe la sinistra ai suoi piedi sulla mozione di politica estera,
-attacca il governo senza metterlo in crisi,
-lo sminuisce per fini elettorali (MILANO),
-reclama un suo RUOLO diverso e distinto dal PdL.
-cavalca la paura dei migranti che fuggono dalla guerra.
Perciò GUERRA=PIU' Migranti.

La Posizione di Napolitano di "mantenere gli impegni con l'ONU e con Obama"farà sì che il PD-elle sarà con il PD+elle,ed allora ...che
EVOLUZIONE NATURALE SIA!=FIAT BELLUM!

Bersani all'Idv:-La mozione sulla Libia non sarà la sponda al governo.E' l'esatto contrario del salvagente.La nostra è una mozione in grado di fare emergere le storture della maggioranza.
(E alle loro storture chi ci pensa?)

Così Bersani respinge le accuse dell'IdV:
-"Non vorremmo mai che il voto del 3 maggio si trasformasse da una Caporetto del centrodestra nella pietra tombale del Csx",dice Donadi."Se tutte le opposizioni sono unite-contro la soluzione del governo-la maggioranza verrà fuori in frantumi e dimostreremo lo sfaldamentocon questa opportunità".

Era il 29/4/2008
Che fine hanno fatto le riforme di Bossi?
Minacciava così:-"300 mila uomini pronti se la sinistra si oppone”
Dopo la sparata di qualche giorno prima delle elezioni,il senatur rispolvera i fucili.
La Lega pronta a sfoderare i fucili,“sempre caldi” se la sinistra si metterà di traverso per le riforme.«Non so cosa vuole la sinistra,noi siamo pronti,se vogliono fare gli scontri io ho trecentomila uomini sempre a disposizione,se vogliono accomodarsi».

PS
Ognuno gioca un ruolo e recita la propria parte:
Napolitano,Berlusconi,Bossi,Bersani:
Un PdR + 3 bravi B&B&B BURATTINI che recitano sulla scena.

maria . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

caneliberonline.blogspot.com

sabato 30 aprile 2011

UNA MENZOGNA CHIAMATA EVOLUZIONE, PROGRESSO E MODERNITA’

Caneliberonline 30.04.11 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Analisi semplicemente perfetta Beppe, prevista già 2000 anni fà .
-------------------------------------------------
Ma restando ai tempi nostri si può dire che la storia si ripete ciclicamente.
"chi non ricorda il passato sarà costretto a riviverlo"-
--------------------------------------------------
Ciò è dovuto alle scarse capacità intellettive umane .
--------------------------------------------------
"l'uomo non sà neppure dirigere il proprio passo".

AL - 2012 30.04.11 21:12| 
 |
Rispondi al commento

X marco shanzer

mi sai dire allora perche' a tripoli, prima con le piazze e le strade piene di contestatori del regime, ora in giro non se ne vede piu' nessuno? gheddafi li ha convinti a chiacchiere secondo te.
e che ci fanno quei carrarmati e lanciamissili di gheddafi nelle strade delle citta' occupate dagli insorti (come dici tu non sono un esercito, quindi non c'e' mica nessuno da bombardare), forse lanciano fiori.
mettete dei fiori nei vostri cannoni, e' sempre stato il motto di gheddafi. e' che non e' capito.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 30.04.11 21:07| 
 |
Rispondi al commento

"Su Dio, è una questione (non da poco) impossibile da decifrare in un tempo cosi breve..(il tempo in questione è la vita)quindi rimando il tutto al minuto dopo la mia morte."

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 30.04.11 21:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=ZLtRAlB3jY4

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 30.04.11 21:02| 
 |
Rispondi al commento

la tua ignoranza provoca morti . La Libya non ha nessuno da bombardare . E' su superficiali come te che si costruiscono queste barbare violenze contro la civilta' e contro i civili Libici . Se all'incivilta' dei nostri governanti non fa da contrappeso un popolo con dei valori , non si salvera' niente .

marco shanzer

--------------------------------------------------


quindi secondo te gheddafi non sta bombardando nessuno, in questo momento non bombarda misurata, prima non aveva bombardato bengasi, anzi i suoi cittadini (motivo della risoluzione onu) non avendo un esercito da bombardare come dici anche tu etcetc.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 30.04.11 20:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Azz...!

E questo "fantastico" spot devono averlo mandato e

rimandato in tutto il nord Africa per aver incentivato

una cosí massiccia affluenza "turistica" negli ultimi

tempi...

Sciura Brambilla...

Ma va a ciapá i rat va...!

Che se t´acchiappano i lampedusani poi lo vedi

come si fa il "rilancio"...

Si...

Della Ministra!

Sera

Donato

Donato S., Vienna Commentatore certificato 30.04.11 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Roma,25 Aprile 1994
Già in questo periodo i primi attentati alla Costituzione.
A un mese dal trionfo elettorale,Berlusconi allarma già i difensori della Carta costituzionale.
A scendere in campo è Giuseppe Dossetti che lancia i comitati per la difesa della Carta." si tratta di impedire a una maggioranza,che non ha ricevuto alcun mandato al riguardo,di mutare la nostra Costituzione" scrive Dossetti in una lettera inviata al sindaco di Bologna Walter Vitali."Quella maggioranza si arroga un compito che solo una nuova Assemblea costituente eletta a sistema proporzionale potrebbe assolvere.
In caso contrario si tratterrebbe di un colpo di stato"
^^^^^^^^^^^^^
Come si vede il piano va avanti già a far data 1994!
Quanto dice Dossetti non è stato paventato da nessuno ..neppure dalla cosidetta opposizione!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 30.04.11 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Belin che presidente della repubblica delle banane.
I sindacati non sono uniti(è una vita che sono separati in casa).
I giovani non hanno lavoro(cazzo che scoperta).
Tutte cose ovvie caro Morfeo...continua a dormire và!
Pensa che un tuo predecessore Scalfaro/democristiano non comunista) a Roma il 13 Aprile 1994 convocò Belusconi al Quirinale perche fornisse assicurazioni sul conflitto di interesse fra Fininvest e il governo che si stava accingendo a fare!(non esiste la legge sul conflitto di interesse)
E tu cosa fai....nulla..anzi firmi...firmi..firmi!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 30.04.11 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Alì Lo Turco, alias Ivanona ,ha preso servizio come al solito alle ore 19.00.Adesso un piccolo brek per rassettare la cucina e poi riprenderà a rompere i coglioni: cercate di capirla tiene famiglia!
Suo marito deve essere incazzato perchè ieri ha postato pochino e quindi gli introiti sono stati miseri!
Adesso glia ha preso di dare i nik orientali sarà mica che spera in qualcosa di grosso...troppo grosso?

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 30.04.11 20:15| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe, io questo post l'ho scritto un paio di mesi fa , in parte qui e in parte su chatta.it !

- forse sono un pochino più "politico" di te !!!

vabbè, abbiamo avuto "vite differenti"!

hasta "panzone" !!

Antonio D (☭ lenin), Roma Commentatore certificato 30.04.11 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Vado a cenare,
stasera avrei gradito due peperoni di cetto.

Aldo F., napoli Commentatore certificato 30.04.11 20:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.sapienza-finanziaria.com/

Martino G. Commentatore certificato 30.04.11 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Glitllo a torino 3 anni fa
di V2dayChannel | 3 anni fa | 370770 visualizzazioni

370.000!!!!!!!!!!!!!!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 30.04.11 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Ha dell'incredibile però la libia si è rivelata più amica dell'italia di quanto non lo sia la francia.

In futuro il M5S non dovrà mai dimenticarlo!

E neppure gli italiani tutti devono dimenticare che la francia ci ha tascinato in una guerra della quale noi italiani abbiamo tutto da perdere e per la quale i francesi ci hanno fatto "TRADIRE" un trattato di amicizia e per la quale siamo invasi da profughi che loro non vogliono!

Ditemi se questa è l'unione europea che ci avevano proposto 15 anni fa e per la quale abbiamo fatto pure dei sacrifici economici ( quote latte ecc. ecc).

bruno bassi 30.04.11 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL CONSUMATORE.
QUESTO E’ NECESSARIO.
CHE TU, DA PRAGA A PALERMO,
E PASSANDO PER SHANGAI E I VILLAGGI SIBERIANI,
SIA UN BRAVO CONSUMATORE.
NON IMPORTA SE NON HAI UNA COSCIENZA CIVILE.
NON IMPORTA SE INSOZZI LE STRADE.
NON IMPORTA SE SEI UN ESTREMISTA DI DESTRA.
SE RUBI ALLO STATO O TRAI VANTAGGI DALL’AZIONE POLITICA.
NON IMPORTA NEMMENO
SE HAI PERSO IL RISPETTO PER GLI ALTRI
SE SGRANOCCHI UNA CIP**** DAVANTI ALLA TV
MENTRE STANNO SGOZZANDO IL TUO FRATELLO AFRICANO
DIMENTICARE LA SENSIBILITA’ UMANA
E RICORDARE DI ESSERE UN BRAVO CONSUMATORE
NON SI DEVE DESIDERARE ALTRO.
LA PAROLA UTOPIA E’ ABOLITA
I SOGNI SONO SOGGETTI A COPRIFUOCO.
IL CONSUMATORE.
QUESTO HANNO FATTO DI TE,
MENTRE FAI LA SPESA CON TUA MOGLIE AL MARKET
O VAI CON GIOVANI PUTTANE SLAVE,
NON IMPORTA.
LA GRANDE AZIENDA DEL GRANDE MONDO PERFETTO
VUOLE SOLTANTO CHE TU ACQUISTI IL MARCHIO GIUSTO.
E IL GIORNO IN CUI NON SARAI PIU’
UN CONSUMATORE AFFIDABILE
LO STATO DECRETERA’ LA TUA MORTE CIVILE.

Dedicata a Pierpaolo pasolini(1922-1975)
a cui noi romani non sappiamo neanche
dedicare una targa in quel di VIA EUFRATE 9,
sua ultima residenza.

bob ryder Commentatore certificato 30.04.11 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Vi voglio anticipare i numeri delle presenze in piazza che diffonderà domani sera la questura di Roma.

Piazza S. Pietro 1.000.000 di persone.

Piazza San Giovanni 1.000 persone (grossomodo)...

Franco F. Commentatore certificato 30.04.11 19:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mettere sul blog una bacheca dove tutti gli attivisti elencano le loro competenze per trasformarci ( grazie al vero contributo di tutti)in un movimento nazionale.....tutti devono fare la propria parte, dallo scrittore al falegname, dal trascinatore al consulente .....tutti per il movimento 5 stelle!

IDIDIMARZO 30.04.11 19:30| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

GHDDAFI:"Avete commesso un crimine - dice il rais rivolgendosi all'Italia celebrando il 96/o anniversario della battaglia di Gardabiya contro gli italiani -, l'ha commesso il mio amico Berlusconi, l'ha commesso il Parlamento italiano. Ma ci rendiamo conto che NON ESISTE un Parlamento in Italia, né tanto meno la democrazia. Solo l'amico popolo italiano vuole la pace"

QUELLO CHE FA PENSARE E' PERCHE' INTERVENTO IN LIBIA SI E INTERVENTO IN SIRIA NO!

Qualche giacimento di piu o di meno da sfruttare?

bruno bassi 30.04.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Per me ,Gheddafi ha ragione da vendere.E' un dittatore,ma il mondo e' pieno zeppo di individui cosi',perche' non li vanno a bombardare tutti?Ha fatto violenza a suoi oppositori,e' vero, ma era una faccenda interna iniziata da poche settimane,non da tre anni.Cos'e' questa fretta di farlo fuori?La Germania si e' tirata intelligentemente fuori.
Da ragazzino, nel 1964,un mio compagno delle medie di 12 anni costrui' un razzo di un metro di altezza,a propulsione acetilene,che viaggio' perfettamente con traiettoria Gaussiana per 300 metri.Vuoi che Gheddafi non sia capace di mandare un missiletto a Civitavecchia o dintorni?

GIANCARLO V. Commentatore certificato 30.04.11 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fosse la volta buona che venisse pure da noi una rivoluzione che ci liberi da tutto quel letamaio politico che ci ha (mal)governato da 40 anni a questa parte

lakas 70 30.04.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento


ma i cazzoni , cazzari , cazzetti , inutili spasmi anali che emettono pernacchie , sputi, rutti , scoregge , scoreggione , scoreggine , pruriti ,

sto parlando DEI PARTITI......

nemmeno pagando sono in grado di mettere 10.000 PERSONE IN UNA PIAZZA.....

10.000 persone a piazza castello.....

http://www.youtube.com/watch?v=8Oud6u-d5aY

sicuramente un errore .....una ripresa e conteggio finto , una burla , per un movimento dato al 2 % !!!!!!

Per la questura erano 10? DDDD!

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh a sto punto potevamo ricomprarci anche la Telekom allora.

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 30.04.11 19:16| 
 |
Rispondi al commento

ANCHE DA NOI,SI MUOVE UN PO' DI RIVOLUZIONE COME NEL NORD AFRICA :PRIMA UNO SGANASCIONE A CAPEZZONE (DA UN PO' E' SPARITO)...IERI LETTIERI L'HANNO FATTO SCAPPARE A GAMBE LEVATE TRA LE IMMONMDIZIE CHE IL SUO CAPO HA LASCIATO PER STRADA...

GIANCARLO V. Commentatore certificato 30.04.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Gheddafi: “Il mio amico Silvio Berlusconi ha commesso un crimine autorizzando i bombardamenti italiani sulla Libia”.


Ecco bravo, tieni sempre bene a mente queste tue parole: IL TUO AMICO!
L’indirizzo di Arcore, di Macherio o delle residenze sarde ce l’hai?
Se no faccelo sapere che provvediamo ad inviarteli subito e buon lavoro…

Franco F. Commentatore certificato 30.04.11 19:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con il video you tube e che votano tutti quelli che si registrano?

Ma dai!

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 30.04.11 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Quando sento parlare questi scorpioni della politica, con quella arrogante aria di sufficienza stampata sulle loro facce bovine. Quando rispondono ai giornalisti squadrandoli dall'alto, come stessero parlando a deficienti. Quando non rispondono alle domande alzando sdegnosamente le spalle, quasi che le loro parole fossero sacre, mentre in realtà non capiscono nemmeno le domande, tant'è vero che rispondono picche, sperando che noi crediamo che non si vogliono esporre, mentre siamo convinti che non saprebbero proprio che dire, data la loro macroscopica ignoranza. Mi verrebbe voglia di sputargli in faccia, si sentono dei cervelloni, quasi che fare politica come la fanno loro, ci sia bisogno di intelligenza non di mancanza di scrupoli. Sono convinti che noi ci sentiamo inferiori e non all'altezza di fare ciò che essi fanno, IDIOTI!
Ci vuole intelligenza per fare il chirurgo, il falegname, il regista, lo scrittore. Ci vuole intelligenza per fare l'operaio e costringersi a non sollevare il costruttore con la gru e lasciarlo cadere, ci vuole intelligenza a fare la casalinga, che deve far quadrare il bilancio con mille euro. Certo che occorre intelligenza per fare politica e il guaio sta proprio qui, visto che purtroppo loro ne sono privi. L'intelligenza è strettamente legata alla capacità, alla bontà, alla solidarietà, all'onestà, sono queste le qualità per fare politica ma sono proprio quelle che mancano alla nostra classe politica purtroppo. Stando così le cose di che ci meravigliamo? Che si dichiarano guerre nonostante la Costituzione le vieti? Che si distrugga il lavoro nonostante che la nostra democrazia è fondata proprio sul lavoro? Che si massacri il proprio Paese piuttosto che migliorarlo o che pensino alla popolazione piuttosto che ai caxxi loro?
Fino a quando staremo a cuccia non cambierà nulla, dobbiamo uscire dal canile e cacciare i denti. Solo la paura li farà uscire dalla tana, come il terremoto fa uscire la gente dalle case.

Maria Pia Caporuscio, Roma Commentatore certificato 30.04.11 19:08| 
 
  • Currently 4.1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento

Ma votano anche i simpatizzanti?

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 30.04.11 19:06| 
 |
Rispondi al commento

questa e' l'italia oggi (e l'europa di domani?)
http://www.youtube.com/watch?v=VTFqowIU7wI&feature=related

bob ryder Commentatore certificato 30.04.11 19:05| 
 |
Rispondi al commento

L'ha detto a Torino!

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 30.04.11 19:04| 
 |
Rispondi al commento

kAZZO GRANDE BEPPE!

LA LISTA NAZIONALE VOTATA ON LINE

SEI UN MITO!

Alex Scantalmassi Commentatore certificato 30.04.11 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Quante divisioni ha Grillo?

A Bologna la sua lista è data al 10 per cento.

A Milano i suoi voti possono essere decisivi tra Pisapia e Moratti.

A Torino sono già sopra l'Udc.

E il Pd si divide tra chi non vuole averci a che fare e chi vorrebbe ascoltare le ragioni del suo movimento

(29 aprile 2011)

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/quante-divisioni-ha-grillo/2150239

Un anno fa, alle elezioni regionali del 2010, il loro exploit colse di sorpresa tutti i sondaggisti e in qualche caso fu decisivo:

in Piemonte, per esempio, costò la poltrona di presidente della Regione all'uscente Mercedes Bresso del Pd.

Ora tutti i ricercatori si sono fatti prudenti: sulle liste del Movimento a Cinque Stelle, benedette da Beppe Grillo, circolano rilevazioni molto positive, alcune addirittura clamorose.

Il candidato sindaco di Milano, il giovane Mattia Calise, appena 20 anni, riccioli neri e una certa sfrontatezza di esposizione, si presenta come un semplice studente di Scienze politiche, ma nelle (rare) apparizioni televisive ha sfoderato la faccia tosta del veterano.

Funziona, però: i sondaggi lo collocano tra il 4 e 5 per cento, sarebbe determinante nel caso di un secondo turno Moratti-Pisapia...

Percentuali positive ma ancora lontane da quelle toccate nella vera roccaforte del grillismo, l'ex capitale rossa Bologna.

Un anno fa Giovanni Favia arrivò in città a 18 mila voti, il 9 per cento, terza lista dopo Pd e Pdl, più della Lega e di Idv, Sinistra e libertà, Rifondazione ecc.

Ora i Cinque Stelle ci riprovano con il fotografo Massimo Bugani, caricato a molla dal comico-leader: "Con te non c'è speranza per gli avversari".

Qualche sondaggio lo dà addirittura intorno al 10 per cento: se fosse così si avvicinerebbe il ballottaggio per il candidato del Pd Virginio Merola, contro lo sfidante della Lega.

E a quel punto, altro che aperture al centro, per il Pd la sfida diventerebbe acchiappare i voti di Grillo...

Caro Beppe,alle Politiche saremo al 10/14%..

ENZO D., BARI Commentatore certificato 30.04.11 18:57| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 20)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Proprio vero e cio dimostra che dalla storia non impariamo mai niente per miopia,convenienza e ottusa ignoranza.L'unica novità è un mezzo libero come la rete che nella storia umana non è mai esistito.

Simone Mar 30.04.11 18:51| 
 |
Rispondi al commento

" PRIMA CI ARRESTAVANO , ORA CI UCCIDONO

I problemi si complicano DOPO AVER ABBATUTO IL NEMICO .

E si perchè mancando punti di riferimento , portavoce legittimi e comunque LEADER ci si disperde , divide e nascono conflitti.

Dopo la protesta , quando si tratta invece di cercare di inserirsi nel sistema non sono state validate forme democratiche di rappresentanza elettive o almeno persone carismatiche indiscusse che creino l'ALTERNATIVA.

I fronti si dividono e si afferma , inserisce L'ESERCITO , LA FORZA MILITARE che raccoglie l'eredità della rivoluzione.

Validissima la rete per aggregare emotivamente , combattere ed abbattere il nemico nella fase PRE , nella fase POST rischia di disperdere tutti i valori e le conquiste acquisite abbattendo un tiranno , ma ne favoriscono la nascita di un altro o spesso di oligarchie nuove supportate dai militari.

IL rischio è che nuove classi di potere finanziate e forti , con poca cultura democratica , accendano la miccia delle rivoluzioni finanziandole , per poi coglierne l'eredità , con il risultato di sostituire ad un regime un altro.

Dietro ,nell'intento di destabilizzare troviamo poi sempre gli stessi , lobby di potere militare, finanziario , occidentale e non competizioni Usa-Cina -Russia , Francia -UK e gioco egemonico delle parti. ( iTALIA esclusa dal tavolo perchè ininfluente )

IL rischio è che il Sig. Rossi, giovane e coraggioso non sia un protagonista , ma una pedina .

Tornando a noi , tutti i movimenti poi che non hanno leader o meglio dove tutti sono leader , non appena si instaura una competizione POLITICA rischiano di implodere se qualcuno non gli corregge la rotta.

A volte a calci in culo....

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 18:48| 
 |
Rispondi al commento


" PRIMA CI ARRESTAVANO , ORA CI UCCIDONO

Parla il blogger siriano Rami Nakhle, ricercato dal regime di Damasco è dovuto fuggire all’estero

http://solleviamoci.wordpress.com/2011/04/26/siria-%C2%ABprima-ci-arrestavano-ora-ci-uccidono%C2%BB-video-90-killed-80-injured-in-syria-clashes/

Uno dei protagonisti della rivolta in atto , un blogger influente , tiene le redini , la connessione e comunicazione ....

"Rami Nakhle, ma è meglio conosciuto con lo pseudonimo Malath Aumran. Chiuso in una stanza di Beirut, dove si trova in esilio, tiene le redini della guerra telematica contro il regime siriano di Bashar Al-Assad. Vive di facebook, twitter, flickr. Rilascia interviste, organizza le rivolte, conta i morti, carica in rete «almeno 100 video al giorno», ognuno dei quali testimonia «le violenze di piazza"

Minacciano lui , la sua famiglia , sua sorella , ma lui continua instancabile , conscio del ruolo che si è creato , di anello portante della rivolta.

Mi interessa in questa fase una sua dichiarazione dove gli è stata posta questa domanda : lei è un leader? " No affatto, non ci sono leader , nessuno di noi è un leader o meglio siamo tutti leader di noi stessi.

La cosa non mi ha colto di sorpresa , ma mi ha lasciato un pizzico di vicinanza e malinconia ; bastava aggiungesse , uno conta uno ed il linguaggio universale dei blogger sarebbe stato compiuto.

Questo implica alcuni problemi ; il primo è che l'onda emotiva , il coraggio , l'onore , la passione corre intorno a temi forti ( libertà ) e contro UN NEMICO COMUNE.

l'ONDA CRESCE , SI ESPANDE , SEMBRA INARRESTABILE , fino a vincere il nemico sia esso NO B O NO chiunque è un tiranno ed è additato come bersaglio.

Queste comunità , come le nostre ( meetup o rete ) funzionano benissimo quando esiste un codice comune , valori condivisi , temi forti da portare avanti e un obiettivo portante.

I problemi si complicano DOPO AVER ABBATUTO IL NEMICO .

continua in PARTE 2 .

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Le pecore, hanno bisogno del pastore con i cani.
I gabbiani, hanno bisogno solo del vento.
Ed il vento, fischierà di nuovo.

antonio d., carrara Commentatore certificato 30.04.11 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a me no.non e' che si vede male:NON SI VEDE PROPRIO. ME NE FARO' UNA RAGIONE. TANTO LO RIMANDERANNO QUA O SU YOU TUBE.

bob ryder Commentatore certificato 30.04.11 18:45| 
 |
Rispondi al commento

comunque su justin tv a me non mi si connette, forse troppi contatti


"personalmente della vera destra, frega poco : siete identici a quelli della vera sinistra, cioe' dei matti!!!"

Meglio matti che coglioni leccapotenti come Alì il Turco.

Dr. Benway 30.04.11 18:25| 
 |
Rispondi al commento

da giorni e giorni il mondo africano nel sangue; ieri la strage in siria:
e i nostri tg,1 e 5 in primis, che fanno? le nozze reali. questi non perdono occasione per dimenticare(?)di essere giornalisti e non pennivendoli

bob ryder Commentatore certificato 30.04.11 18:23| 
 |
Rispondi al commento

3) e la guerriglia delle tribù senussite le truppe fasciste non esitarono ad applicare la politica della "terra bruciata", deportando intere popolazioni e ricorrendo a massicci bombardamenti aerei, anche con l'uso di gas proibiti dalla convenzione di Ginevra. Con la nomina del generale Badoglio a governatore unico della Libia nel '28 e le feroci campagne militari del generale Graziani, successivamente nominato anche governatore, incarico poi passato al gerarca Italo Balbo, Mussolini ordinò di stroncare definitivamente e con ogni mezzo la resistenza del popolo libico: dai bombardamenti indiscriminati sulla popolazione alle deportazioni di massa, dai campi di concentramento all'incendio dei raccolti e i massacri del bestiame per affamare la popolazione, dall'avvelenamento dei pozzi ai massacri di intere tribù sospettate di aiutare gli insorti.
Secondo la ricostruzione degli storici in undici anni di repressione fascista la popolazione libica diminuì di circa 83.000 unità, di cui 20.000 fuggiti in Egitto e 63.000 morti per la guerra, la prigionia e le deportazioni. Un vero e proprio genocidio, sempre nascosto dalle autorità e nei resoconti ufficiali fino a non molti anni fa. Si pensi anche solo al film "Il leone del deserto", che narra le gesta dell'eroe libico Omar Al-Mukhtar, che guidò la resistenza popolare contro le truppe fasciste e fu fatto impiccare da Graziani su ordine diretto di Mussolini: il film è del 1981 ma in Italia ne è stata proibita la proiezione in pubblico con un divieto durato fino al 2009.
È questo il terribile bilancio della dominazione coloniale del fascismo in Libia, e sulle cui orme si va ad inserire direttamente l'Italia imperialista del nuovo Mussolini, Berlusconi e del nuovo Vittorio Emanuele III, Napolitano.

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 18:18| 
 |
Rispondi al commento

2) della decisione di inviare militari italiani in Libia, per la prima volta dopo la fine della dominazione coloniale fascista del Paese africano. Infatti ha farfugliato che questi "non hanno niente a che vedere con i consiglieri militari, e non saranno carabinieri, visto che devono aiutare un esercito. Sono semplicemente degli istruttori, cioè delle persone che danno nozioni di come un soldato deve muoversi e deve usare gli strumenti a sua disposizione". Alzi la mano chi ci ha capito qualcosa. Poi per confondere ulteriormente le acque ci ha aggiunto la ripetizione dell'ipocrita posizione del governo secondo cui "noi continueremo a mettere a disposizione degli alleati le nostre sei basi dove sono presenti circa 200 aerei della coalizione, ma non bombarderemo: i nostri aerei volano per mettere in sicurezza i bombardieri degli alleati azzerando i radar del regime". Azzerandoli con cosa? Ad ogni modo sono bastati pochi giorni per far cadere anche quest'ultima foglia di fico, quando il neoduce ha annunciato giusto in coincidenza con il 25 Aprile di aver accolto l'appello di Obama affinché anche l'Italia partecipi a pieno titolo ai bombardamenti della Nato sulla Libia. Decisione che il PD, per bocca di Bersani, si è detto subito disponibile ad appoggiare in parlamento, e che il nuovo Vittorio Emanuele III, l'interventista Napolitano, si è compiaciuto di definire "uno sviluppo naturale".
Sia l'invio di militari italiani sul territorio libico sia la decisione di bombardare quel Paese rappresentano un fatto di una gravità e pericolosità senza precedenti da almeno ottantotto anni a questa parte, cioè da quando nel 1923 Mussolini vi inviò un corpo di spedizione, agli ordini del generale Bongiovanni e con l'ordine esplicito di "pestar sodo", per riprendere il pieno controllo italiano della Tripolitania e della Cirenaica che si era allentato negli anni successivi alla prima guerra mondiale, dopo la conquista coloniale giolittiana del 1911-12.
Per domare la rivolta e la

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 18:17| 
 |
Rispondi al commento

In questo "paese" l'unica cosa di destra è la mano di Bossi che fa una sega al Cavaliere nei cessi di Palazzo Grazioli).

PDL LEGA PD UDC IDV FLI al rogo!


1) Ottantotto anni fa inviati da Mussolini, oggi da Berlusconi: i militari italiani tornano in Libia
L'Italia di Berlusconi e Napolitano bombarda la Libia
Primo passo per rioccupare l'ex colonia assieme agli altri aggressori imperialisti

Subito dopo quelli di Gran Bretagna e Francia anche il governo italiano ha annunciato che invierà "consiglieri militari" in Libia. L'annuncio è stato fatto il 20 aprile dal ministro della guerra, il fascista La Russa, dopo la visita a Roma del presidente del Consiglio nazionale di transizione libico (CNT), Mustafà Abdul Jalil, dove ha incontrato Berlusconi e Napolitano per chiedere un maggior impegno dell'Italia a sostegno dei ribelli nella guerra per sconfiggere le truppe di Gheddafi. Richiesta subito accordata dai due con l'impegno a inviare soldati italiani sul terreno, anche se con l'etichetta di istruttori militari; e anche, come è stato annunciato solo dopo qualche giorno, a partecipare ai bombardamenti della Nato.
Che possa trattarsi di un primo passo che ricorda sinistramente altri precedenti storici, come per esempio l'avvio della guerra nel Vietnam, è stato messo in evidenza da alcuni parlamentari britannici, e anche il ministro degli esteri russo Lavrov ha ammonito i tre governi europei sul rischio di escalation militare rappresentato dall'invio di istruttori militari: "In altri casi - ha detto - tutto è iniziato con l'invio di consiglieri militari, poi le cose si sono protratte per anni, con centinaia di migliaia di morti da entrambe le parti". Un ammonimento a cui hanno sembrato far subito eco le minacce del sanguinario dittatore Gheddafi a "l'Italia, la Gran Bretagna, la Francia e gli altri Stati neocrociati (che) devono stare attenti alle conseguenze di una simile decisione"; il quale ha anche fatto sapere che "tutti i cittadini, uomini e donne, hanno ricevuto armi per fermare l'invasione dei terroristi".
Nel dare l'annuncio il ministro La Russa ha cercato palesemente di minimizzare la gravità e l'impatto

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 18:15| 
 |
Rispondi al commento

In Italia, da alcuni anni si verifica un esodo biblico delle attivita' produttive verso la Cina e numerosi altri paesi asiatici, una fuga senza ritorno, con un trend in costante aumento. Ma cosa ci dice il Sig.Napolitano? Che l'italia deve sempre piu' essere fondata sul lavoro! W il Primo Maggio! Pero'a me e' venuta una emicrania.....

Botta Emikranika 30.04.11 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Tutta colpa dei fotografi.
(nonleggerequestoblog)
Ultimamente sono stati parecchi gli onorevoli pizzicati in pieno cazzeggio parlamentare, con i loro iPad sintonizzati su videogiochi e siti di gran mignotte. Ora vi chiedo, così, a naso, quale può essere stata la reazione di questi Onorevoli? ... Magari la seguente?:

Chiediamo scusa a tutti gli italiani, il Parlamento è il luogo sacro della democrazia, e non possiamo umiliarlo con comportamenti del genere. Inoltre siamo dei privilegiati, i politici più pagati d'Europa, e l'immagine che abbiamo dato non è in alcun modo giustificabile, soprattutto in un periodo come questo. Non accadrà più.
Ehm, no, purtroppo la reazione non è stata questa. Ma questa:

Chiediamo ai questori di Montecitorio - per evidenti motivi di privacy - di far interdire dal Parlamento le macchine fotografiche provviste di obiettivi da 400 millimetri, e cioè quelli che permettono di zoomare sugli schermi dei nostri dispositivi portatili.

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 18:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Alì il turco ha scoperto che questo blog è frequentato da qualcuno più a destra di lui (non ci vuole molto), ed è scappato a piangere.
Scappa scappa, che la Vera Destra a voi camicie verdi vi mastica poi vi sputa.


MASADA n° 1287. 30-3-2011. LA DEMOCRAZIA DIRETTA
Viviana Vivarelli

per leggerlo clicca il mio nome
oppure
http://masadaweb.org

viviana v., Bologna Commentatore certificato 30.04.11 18:07| 
 |
Rispondi al commento

"Avete commesso un crimine, l'ha commesso il Parlamento italiano. Ma ci rendiamo conto che non esiste un Parlamento in Italia, nè tanto meno la democrazia. Solo l'amico popolo italiano vuole la pace. Dov'è il Trattato di amicizia? Dov'è il divieto di aggressione contro la Libia da parte dell'Italia? Dov'è il parlamento italiano? E il governo italiano? E il mio amico Berlusconi? Credevamo aveste sentimenti di colpa per il popolo libico speravamo che l'Italia, il mio amico Berlusconi e il parlamento italiano condannassero la colonizzazione, invece sembra che non ci sia un parlamento nè tantomeno una democrazia in Italia...quindi porteremo la guerra nei territori nemici."

f.to: Gheddafi, un gran farabutto sanguinario, "MA ANCHE" la migliore OPPOSIZIONE degli ultimi 150 anni.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 30.04.11 18:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono tornato, viva il m5s,vedo che siamo a punto e a capo.
Non è cambiato nulla a quanto pare non mi sono perso nulla!!. VI SIETE DISSOCIATI DALLE TV? NO!SI! BEH! FATE VOI,IO QUELLO CHE DOVEVO DIRE L'HO DETTO,ORA TACCIO,FINCHè NON SI SARà APERTA UNA BRECCIA A MONTECITTORIO.W LA SARDEGNA!!! SARDI SVEGLIATEVIIIII!!!! MANDATELI TUTTI AFFANCULOOO!!! GLI SCRITTI NON BASTANO PIù ,è ORA DI CAMBIARE, ITALIANIII!!!.

Pablo S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Leghisti di merda, siete alleati con uno scopatore di marocchine ladre e vi lamentate che arrivano i negri.

Siete la vergogna della Destra (extraparlamentare, perchè a palazzo l'unica cosa di destra è la mano di Bossi che fa una sega al Cavaliere)

Dr. Benway 30.04.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Problema:

supponiamo che un padrone abbia un terreno con un raccolto di 10 mele prodotte da 3 contadini e cucinate da 1 cuoco

3 mele le mangiano i 3 contadini emigrati i quali lavorano 8 ore per arare seminare e raccogliere i frutti
2 mele le mangia il cuoco italiano che lavora 3 ore per cucinare e servire
5 mele le sbrana il capo proprietario il quale si adopera 1 ora per gestire e visionare di tanto in tanto il lavoro degli altri

il tempo passa, qualcosa cambia...

i 3 contadini si accoppiano e diventano 6 ma continuano a dividersi soltanto 3 mele
il cuoco deve cucinare anche per altri 3 e cosi è costretto a lavorare 5 ore mangiando però sempre 2 mele
e il padrone continuando tranquillamente a sbranarsi le stesse 5 mele con 1 sola ora di gestione


chi tra questi personaggi ci ha rimesso?
cosa si deve modificare per avere stesse ore di lavoro e stesse mele per ognuno dei personaggi?


caro Grillo, più che contrappasso, questo mi sembra l'effetto della globalizzazione: le multinazionali occidentali vengono trainate dalla concorrenza cinese verso la produzione a basso costo, senza garantire i diritti ai lavoratori (come avviene da anni in Cina), mentre in Cina e nei vari paesi arabi ormai con Internet si diffondono proteste per maggiori libertà (di pensiero, di culto, di stampa)... forse tra qualche decennio troveremo un mondo meno "squilibrato" tra occidente, africa e oriente.

Antonio Curcio 30.04.11 17:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continuano gli sbarchi Lampedusa al collasso: ogni ora 100 immigrati..

Potresti votare Forza Nuova invece che quai pallemosce leghisti con alleato uno che scopa le marocchine ladre.

Dr. Benway 30.04.11 17:50| 
 |
Rispondi al commento

Tutti i popoli hanno eguali diritti in tutte le parti del mondo, nessuno dovrebbe sottomettere per fini politici ed economici. Sono dell'idea che le persone che stanno giungendo in Italia e nel resto d'Europa siano una risorsa molto preziosa

Sabina M. 30.04.11 17:49| 
 |
Rispondi al commento

gheddafi ha detto che i bombardamenti su di lui sono barbari. i suoi invece sono prove d'amore.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 30.04.11 17:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando l'Italia sarà stracolma di tutta la feccia Nordafricana, che andrà ad unirsi a quella nostrana, e a quella dell'est, dando vita a fenomeni come la rivolta delle banlieu, NON VEDO L'ORA DI VEDERE LE FACCE DEI PRETI E DEI BUONI DI CUORE. Mi piacerebbe sapere da te, Beppe se trovi giusto che tutta questa gente si autoinviti a casa nostra.

LUCA M. 30.04.11 17:45| 
 |
Rispondi al commento

sabato 30 aprile 2011
lettera a Sua Eccellenza Gheddavi
Lettera all'Ambasciata libica in Italia dopo l'attentato a Gheddafi di ieri sera con i bombardanenti alla stazione televisiva dove stava parlando alla Nazione

info-ambasciata@amb-libia. it

=======

Esprimo grande ammirazione per il comportamento sereno, coraggioso, dignitoso, giusto tenuto sotto i bombardamenti dal Presidente Gheddafi che nonostante l'aggressione sia totalmente ingiustificata propone tuttavia di trattare con la Nato rivendicando il diritto sacrosanto di non lasciare il suo Paese che ha arricchito immensamente in quaranta anni di sapiente oculata amministrazione che ha fatto anche la fortuna dell'Italia.

Spero per la sua salute e che non venga ucciso come usano fare i barbari dell'Occidente verso coloro che ritengono di dovere punire quasi sempre ingiustamente.

Pietro Ancona
(medioevo sociale)

ippolita zecca, genova Commentatore certificato 30.04.11 17:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Wuaow!!!!!!!!!

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 30.04.11 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Se volete sapere come mandare a casa tutti i politici del pianeta leggete il libro "Angeli o Angeli" di Edoardo Pellegrini. Chiedetene una copia, in file pdf gratis, all'autore via e-mail
info@edoardopellegrini.191.it

Edoardo Pellegrini 30.04.11 17:37| 
 |
Rispondi al commento

beppe in streaming ora arriva in piazza a torino

http://it.justin.tv/torinolibera?utm_campaign=live_embed_click&utm_source=static.ak.facebook.com#/w/1145476848

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 30.04.11 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://it.justin.tv/torinolibera?utm_campaign=live_embed_click&utm_source=static.ak.facebook.com#/w/1145476848

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 30.04.11 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Modificate il P.S. , il link è corretto ma va fatto copia ed incolla sul browser perchè se ci si clikka sopra si apre una pagina bianca.

giamps 30.04.11 17:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma Celentano un tempo dalla sx non fu bettezzato "il re degli ignoranti?" cos'è...nel frattempo ha fatto le elementari?
marco aurelio

-----

Ma insomma, possibile che un' ne vada bene una?
Se gli artisti famosi tacciono o sono con il nano...allora sono codardi..ecc. ecc.
Se parlano bene, allora viene fuori che sono ignoranti?
Io ringrazio Celentano per il suo incoraggiamento al voto. Che sia un laureato o un licenza elementare un me ne po' frega' di meno!!!!

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.04.11 17:21| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 32)
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL NULLA ! oramai prevale quello...serve solo una autodistruzione. Con sincerità da un compositore.

Mario Bajardi 30.04.11 17:21|