Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Ritorno in Puglia!


Puglia.jpg
"Sono pugliese e mi sto per laureare a Bologna, come tanti. Quando sono partito 5 anni fa mi dicevo che la mia vita sarebbe stata qui a Bologna o comunque da queste parti. Ora manca poco alla laurea ed ho un unica certezza: io torno in Puglia! torno dalla mia famiglia. Bologna mi ha dato tantissimo, ormai la sento quasi completamente mia. Quasi. Perchè la tua terra è la tua terra. Nelle altre ci si adatta; magari ci si adatta meravigliosamente, ma ci si adatta. Poi in questi anni ho capito che non mi interessa nulla dei soldi e della carriera. Preferisco un lavoro accettabile a casa mia che un ottimo lavoro chissà dove. stare vicino ai propri affetti, sentirsi padroni della propria terra, cercare di migliorare il proprio paesino dall'interno sono cose che non hanno prezzo. Tagliare il cordone ombelicale dicono. e per che cosa? Per affidare i propri figli ad una baby sitter anziché ai nonni ed affidare i nonni ad una badante anziché ai figli?? No grazie." Daniele Barchetta (ernest), Bologna

24 Apr 2011, 23:13 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sarà questo il senso della ns vita? prendere noi stessi x riportarci a casa!!Non temiamo il rimpianto se ci accontentiamo di essere felici ... godiamo col potere dell'immaginazione senza dover essere necessariamente "cuori impavidi".

francesca da polenta 03.09.13 12:51| 
 |
Rispondi al commento

"in linea i massima ci sono 3 categorie di persone, quelli che come te spinti da un ideale decidono di ritornare alla loro terra per migliorarla (encomiabile) , poi c'e' la maggioranza che si sposa, fa 2 figli , muore di fame, spesso divorzia, a volte e' costretta ad emigrare in posti agghiaccianti e cerca di fare la morale a tutti di come loro siano nel giusto (e non sfigati oltre ogni limite) e che la vita sia sofferenza, compromesso e della necessita' di camminare sempre a capo chino
Poi c'e' gente come me che si gode la vita, non ha figli perche' pensa che al mondo 7 miliardi di persone siano pure troppe, non segue alcuna convenzione, massima dinamicita', che viaggia e lavora piu' per divertimento che necessita' .. una vita da favola e immense risate osservando la seconda categoria .

Sposatevi in chiesa a 50.000 euro, fate il mutuo a 300.000 , andate su facebook (l'oppio dei popoli), giocate al lotto 3 volte alla settimana e mi raccomando tutti in fila in auto per andare a lavoro, 1.000 macchine a 2km/h con una singola persona a bordo "

Non pensi di essere anche tu come le persone che critichi? una persona è giusto che faccio ciò che si sente dentro a patto che non danneggi gli altri naturalmente.. Quindi se io mi voglio fare il mutuo, figli o se non faccio niente di tutto ciò. Nessuno mi deve dire che sia giusto o sbagliato l'importante è che io abbia il diritto di farlo. Se mi voglio vivere una vita in cui viaggio oppure rimango nello stesso posto per tutta la vita, voglio avere la possibilità di fare ambe due le cose .

Miki Lombardi 05.11.11 15:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io me ne sono andato da Roma per andare a lavorare all'estero. Dopo ormai 6 anni, non mi riesco più ad adattare alla mia città: troppi difetti, troppi problemi e troppe incazzature (nemmeno faccio l'elenco, che tanto li sapete tutti).
E allora è davvero la mia terra se mi trovo a disagio nel posto dove sono nato? E' davvero la mia terra se stare là è un sacrificio quotidiano? E' davvero la mia terra se quando provo a tornare, non vedo l'ora di andarmene di nuovo?
Beato te, che "ti senti padrone della tua terra"... io non mi sento proprio padrone di nulla, e allora tanto vale vivere dove ho opportunità e un livello di vita decente.

Lorenzo Maggiorelli 27.04.11 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Daniele, mi sono ritrovato nelle tue parole, anche io 4-5 anni fa, laureato al nord, decisi di ritornare, pensando che la vita è una e ho anteposto la famiglia, gli affetti e l'amore per la mia terra a una prospettiva di lavoro che anche al nord si fa sempre più ristretta. Non rinnego assolutamente quella scelta, seppure, non posso nascondere che esistono grandissime difficoltà per il lavoro e bisogna scommettere su se stessi e avere grande forza d'animo; lo sviluppo e il futuro del nostro sud passa dalle nostre scelte, questo è inevitabile, altrimenti non possiamo sempre lamentarci. Fortunatamente negli ultimi tempi ci sono molti amici che vanno, come sempre, ma noto che molti ragazzi stanno ritornando, credendo in un futuro nella propria terra. Chissà che una generazione di "senza futuro" come la nostra non riesca a porre le basi per un cambiamento solido della nostra terra.

Emanuele T. 26.04.11 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è nulla di male nell'avere tanto orgoglio per la scelta di tornare nella tua bellissima Puglia. Visto che lo sbandieri in tal modo dovrai far seguire i fatti. Altrimenti le tue parole rischiano di essere una specie di grido esorcizzante. Da abruzzese-ligure-spagnolo-tedesco che ha scelto con altrettanto orgoglio di vivere a Berlino e diffondere i valori universali in cui credo in terra straniera, ti faccio un grosso in bocca al lupo. E ricorda: alla fin fine, la tua casa è là dove hai la possibilità di dare amore e riceverlo. Tutto il resto è molto molto relativo.

Riccardo Di Salvatore 25.04.11 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti. Ho apprezzato tantissimo il tuo post.Qualcosa che mi ronzava da mesi nella testa e mi ha colpito tantissimo leggere.
Forse perche' e' un sentimento che si sta facendo strada in tanti giovani italiani, ancora in Italia o all'estero. Parli da UOMO MATURO, da PERSONA UMANA e da colui che ha imparato sulla propria pelle. Hai fatto il tuo cammino,
ce l'hai FATTA e HAI SCELTO !
Spesso (me compreso),succede cosi'.
Abbiamo bisogno di fare un percorso LARGO per apprezzare, tornare e lottare per la nostra terra di origine!
Come dici tu, PADRONI A CASA NOSTRA !
Ti auguro tanto tu lo possa fare presto...
...e lo auguro anche a me stesso !!
Dall'AMERICA con nostalgia..
Giulio

Giulio Bonnoti 25.04.11 21:21| 
 |
Rispondi al commento

sei un giusto, apprezzo quello che dici e spero che riuscirai a farlo!

mauro 25.04.11 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Guardate cosa consiglia Renzo Piano nella parte finale di questo intervento. Link youtube:
http://www.youtube.com/watch?v=AYiN4OlhQfE

Emanuele D., Glasgow Commentatore certificato 25.04.11 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Anche io ho fatto così..poi dopo aver avuto a che fare con la realtà del sud...dove ogni cosa che cercavo di fare era come spostare una montagna...allora invece di tornare a Bologna ...ho fatto la mia bella valigia e ho preso l'aereo per andarmene 12mila km lontano.
Videochiamo gratis ogni giorno la mia famiglia, grazie a voli low cost ci vediamo 2 o 3 volte l'anno e siamo felici come una pasqua!
saluti da un ex pugliese felice e contento.

Moreno Acampora Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.04.11 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sei un grande .In bocca al lupo

Danilo Villa Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.04.11 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma, a me sembra che ci si adatta piu' nella propria terra che altrove. E poi la mia terra ce l'ho nel sangue, non importa dove vivo o che faccio. L'importante e' vivere con gioia e lavorare con passione dovunque mi trovo. Un bocca a lupo a tutti.

MrG 25.04.11 13:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo il conforto del Suo parere sulla liberalizzazione delle farmacie che risolverebbe il problema di tanti laureati in farmacia i quali,quando non sono figli d’arte,possono solo sperare di trovare collocazione nelle farmacie di altri,contribuire all’arricchimento del farmacista titolare e sperare di non incorrere in un licenziamento.Sarebbe auspicabile annullare i privilegi delle lobby dei farmacisti e dare la possibilità a tutti,come succede nella maggior parte dei paesi occidentali,di aprirsi una farmacia,nel rispetto delle leggi che regolano la delicata questione dei farmaci.Chi non dispone di soldi per acquistarne una,potrebbe trovare la possibilità di aprirla in proprio.Spenderebbe meno.Tutto questo è voluto da generazioni di politici che non intendono inimicarsi la casta dei farmacisti.Che ne pensa?Faccia una trasmissione anche su questo problema.

Ada Testa 25.04.11 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Fossero tutti come te! Bravo fai crescere la tua regione.... Ma li l'univesità non c'era?

Gianluca 25.04.11 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti Daniele!! In bocca al lupo !!!

PAOLO COGORNO, Cogorno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.04.11 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per i tanti messaggi di in bocca al lupo, per i tanti consigli, per i commenti critici e per tutto il resto. Quando ho scritto quel commento ero a Bologna, ora sono in Puglia per le feste, nella MIA Puglia. Buon 25 aprile a tutti.

Daniele Barchetta (ernest), Bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.04.11 12:14| 
 |
Rispondi al commento

bravo daniele: e complimenti per il coraggio! perchè l'amore per la tua (nostra) terra è davvero ammirevole!
te lo dico da pugliese che vive e lavora (spero) al nord (la mia è stata una scelta di vita). qui la lega e CL stanno facendo morire l'economia locale, piazzando i propri amici incompetenti nei posti che contano, per interessi elettorali.
mi auguro che in puglia, nonostante gli sgambetti di fitto, vendola riesca a tirare su la regione, come mi pare evidente che stia facendo.
mi auguro che i commentatori razzisti che ti hanno risposto sul blog vengano bannati (poi ci si stupisce se rinascono i nazismi d'europa...) e che scompaiano dal mondo con le loro camicie verdi piene di odio ed intolleranza.
nel mio piccolo, proverò a migliorare questa terra che mi ospita e che spero di sentire casa mia, contribuendo a diffondere i valori di fratellanza che questa feccia capace solo di spernacchiare ha cancellato.

francesco poli 25.04.11 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao conterraneo(sono salentina)E' bello quello che dici, ma qui è difficile trovare lavoro. Comunque "va dove ti porta il cuore" Auguri!

mariuccia rollo 25.04.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente una buona notizia! Anche perché Bologna è invasa da pugliesi che chiamano e trovano posti letto e lavoro ai loro amici-parenti. E tra loro e gli immigrati a Bologna e in Emilia Romagna, stan facendo la fame gli italiani.
Bravo! Torna a casa, che tanto avete razzato tutto e a noi sono rimasti solo i vostri rifiuti da smaltire. Ma andate a fare in culo!

Aveterotto Icoglioni 25.04.11 10:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se nel tuo paesino non trovassi uno straccio di lavoro?e se tu non potessi fare una vita dignitosa ed essere sempre calpestato,sfruttato senza una luce di speranza?come la penseresti?a volte non si può sceglere.Comunque ti faccio tanti auguri un saluto.

mauro r., lucca Commentatore certificato 25.04.11 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Per come è messo il pianeta terra io cambierei galassia

Giuseppe Maldera, Chiavari Commentatore certificato 25.04.11 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Ti ammiro. Anche io sono pugliese e vivo a Roma da 20 anni. Anche io vorrei tornare a "casa" ma purtroppo non posso!!! Sono felice per te.

Raffaele Lanzilotta 25.04.11 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Dall'Italia si è andati via e si andrà sempre via vista l'imbecillità di chi pretende di governare: ciechi che vogliono fare da guida! O li lasciamo fare, assecondandoli, perché sappiamo che i pazzi possono diventare pericolosi, o ce ne andiamo da qualche altra parte e tutto sommato nn sarà così terribile. In fondo siamo sempre sullo stesso pianeta e anche adattarsi a nuovi stili di vita è pur sempre una bella sfida che vale la pena affrontare per uscirne anche più forti e maturi.

Giuseppe Maldera 25.04.11 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Daniele, condivido pienamente quello che hai scritto, avendo vissuto anche io la stessa situazione. Assunto per lavoro a Venezia, rimasto lì nel profondo veneto per quasi 4 anni. Credevo in quella vecchia canzone, che dice "paese mio che stai sulla collina......ti lascio e vado via....", credevo che scappare via verso un luogo più emancipato fosse la soluzione. Invece sono tornato nella mia campagna vicino Fiuggi Terme, perchè la terra, dove hai vissuto tutta la vita, la tua terra, è l'unico posto che può colmare il vuoto interiore, che ti fa sentire protetto. E credo che chi non apprezza questo, tra i vari esterofili e "urbanizzati", è perchè non ha una propria identità...o la rinnega!! ora, a 32 anni, con lo smog, il caro vita, i cibi contaminati dico....meno male che oggi piove, mi innaffia l'orto!!!! Un abbraccio a tutti, buona giornata. Franz

Francesco Ferroli 25.04.11 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Come fossero parole mie... Ho fatto la stessa scelta un anno e mezzo fa e non me ne sono affatto pentito. Ho studiato a Torino e poi sono tornato a vivere a Lecce, dove ho aperto un'attività e ho messo su famiglia (tra cinque mesi se Dio vuole divento papà :)

Perciò in bocca al lupo e tanti auguri!
Pietro

Pietro Santoro 25.04.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento

in linea i massima ci sono 3 categorie di persone, quelli che come te spinti da un ideale decidono di ritornare alla loro terra per migliorarla (encomiabile) , poi c'e' la maggioranza che si sposa, fa 2 figli , muore di fame, spesso divorzia, a volte e' costretta ad emigrare in posti agghiaccianti e cerca di fare la morale a tutti di come loro siano nel giusto (e non sfigati oltre ogni limite) e che la vita sia sofferenza, compromesso e della necessita' di camminare sempre a capo chino
Poi c'e' gente come me che si gode la vita, non ha figli perche' pensa che al mondo 7 miliardi di persone siano pure troppe, non segue alcuna convenzione, massima dinamicita', che viaggia e lavora piu' per divertimento che necessita' .. una vita da favola e immense risate osservando la seconda categoria .

Sposatevi in chiesa a 50.000 euro, fate il mutuo a 300.000 , andate su facebook (l'oppio dei popoli), giocate al lotto 3 volte alla settimana e mi raccomando tutti in fila in auto per andare a lavoro, 1.000 macchine a 2km/h con una singola persona a bordo

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 25.04.11 09:20| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Daniele, speriamo che molti altri giovani condividano la tua riflessione. Solo così si può cambiare!

ada martinelli 25.04.11 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo parlando della Puglia e dell'Emilia Romagna...regioni di una sola Patria l'Italia...
mica della Puglia e della Nuova Zelanda...
siamo e rimarremo sempre dei provinciali...
Detto questo sono solidale con il Signor Colucci...Io vivo "nella mia terra"...che ho lasciato subito dopo l'università quando ho visto che non avrei avuto futuro con "solo" una laurea in tasca e quindi ho fatto esperienza all'estero e nel nord Italiae dopo con il mio bagaglio di esperienza sono tornata e ho trovato grazie alla mia esperienza un buon lavoro qui...ma non tornare "solo" con la laurea rimpiangeresti amaramente la tua decisione (anche se ti faccio mille auguri) e altro che i figli ai nonni e i nonni ai figli...i poveri nonni si sorbarcheranno figli e nipoti!

Francesca Tito 25.04.11 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Se solo tutti i meridionali che si 'adattano' al Nord tornassero in madrepatria...

Paul Brown 25.04.11 01:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I/le ragazzi/e bravi/e competenti, giusti/e se ne vanno dal Sud'italia e i raccomandati incompetenti rimangono, che tristezza.

ENRICO RICUPITO Commentatore certificato 25.04.11 00:30| 
 |
Rispondi al commento

ciao Daniele,

le tue parole mi hanno toccato. Sei giovane e saggio. Io ho 43 ormai e sono figlio di emigrati dalla Campagna al Ticino (Svizzera); e sebbene il lavoro non sia quasi mai mancato, è comunque stato un sconvolgimento delle nostre vite.

Ora io ora lavoro a Zurigo, ancora più a nord del Ticino, quindi sono emigrato di seconda e doppia generazione. Nelle mie 8 ore settimanali di andirivieni Ticino-Zurigo per riabbracciare le mie figlie e malgrado io non sappia più con certezza quali sia veramente la mia terra, penserò con nostalgia alla tua saggia decisione. Buona fortuna. Pino.

Giuseppe 2 Di Pierri Commentatore certificato 25.04.11 00:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Daniele,
mi fa tenerezza il tuo post, io sono Campano, mi sono laureato a pieni voti in Campania e anche io, circa 3 anni fa, dicevo di non voler andare via, di stare qui con la mia famiglia.
Tu dici che "Preferisco un lavoro accettabile a casa mia che un ottimo lavoro chissà dove" ma poi? Cos'è per te un lavoro accettabile? Io dopo 2 mesi dalla laurea, sempre "giù" ho iniziato a lavorare per 300 euro al mese, dalle 9 di mattina alle 9 di sera, poi quei 300 euro sono diventati 800 con inclusi anche sabati e domeniche aggratis, il tutto condito con 1 ora e passa al giorno di viaggio per raggiungere il luogo di lavoro e viceversa, poi ti rendi conto che così non puoi andare avanti, non ti puoi creare una famiglia, come pensi di crescere un bambino in questo modo???
Così ho trovato lavoro fuori e sono andato via, a malincuore questo è certo, penso che a nessuno piaccia abbandonare la propria terra ma devo dirti che ora non tornerei più indietro.
Anzi se potessi porterei io la mia famiglia dove vivo ora, ma per ora questo non è possibile...in futuro si vedrà.

Ti faccio un immenso in bocca al lupo per tutto!

Aniello Colucci 25.04.11 00:15| 
 |
Rispondi al commento

Straordinario!

Nino Manocchio 25.04.11 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Auguri anche da parte mia, ho solo 24 anni, forse come te, ma anch'io è da anni che via via ho rivalutato tutte le impurità e le idee di sviluppo e grandezza che la comune volontà ti accerchia per fartele condividere. Non c'è nulla di più finto che un'evoluzione e una crescita all'interno di questo sistema, ci sono tantissimi bei progetti, molto più solidi che possono essere ricreati da zero e con amici fidati, senza rincorrere strade già calpestate e istituzionalizzate.

Stefano Fiammenghi 24.04.11 23:48| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
NO ARRENDERTI MAI E POI MAI DANIELE,DOPO L'UNIVERSITA' INIZIA L'"INFERNO" DELLA REALTA'
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 24.04.11 23:44| 
 |
Rispondi al commento

I miei migliori auguri.

Condivido completamente il tuo post, io ho fatto una scelta non uguale ma simile.ù

In bocca al lupo!

max palazzi, pesaro Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.04.11 23:40| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori