Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Siria, la vendetta dei bambini senza unghie


Daraa_Siria.jpg
"Forse qualcuno si ricorderà di come sia cominciata la protesta in Siria, nella cittadina di Daraa, al confine tra Siria e Giordania. Lo scrivemmo tra i primi. Grazie a un uomo d’affari intervistato da un quotidiano turco a Istanbul (Hurriyet, ndr), sappiamo come è crollato il muro della paura che per quarant’anni ha protetto il regime degli Assad. Il racconto svela che dopo la decisione di arrestare una decina di bambini tra i 9 e i 10 anni per aver fatto riferimento durante la ricreazione (scrivendo su un muro o canticchiando) allo slogan delle rivolte arabe “Il popolo vuole la caduta del regime”, i bambini sono stati arrestati dai servizi di sicurezza del regime. A differenza di quanto riportammo, non furono trasferiti a Damasco, ma internati nel carcere locale, sotto il controllo dei servizi di sicurezza del regime.Così, conferma l’interlocutore siriano al quotidiano turco, cominciò la sommossa a Daraa, per chiedere il rilascio di questi bambini. Pochi giorni dopo ci fu l’assalto a una struttura “degli apparati di sicurezza”. Durante quell’assalto i bambini furono liberati e quando li riportarono a casa i genitori scoprirono che erano stati orrendamente seviziati: gli uomini della sicurezza avevano strappato le unghie di tutte le dita delle mani a tutti, e alcuni li avevano violentati. Dopo quella scoperta Daraa e successivamente tutta la Siria sono insorte. Il link al quotidiano che ha pubblicato questo agghiacciante, credibilissimo racconto. Da "Il mondo di Annibale" di Riccardo Cristiano". Segnalazione di ippolita zecca, genova

30 Apr 2011, 16:21 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

perchè non riesco a mandare a me medisima su facebook questo articolo ,perchè non mi viene riconosciuta la mia email? come è possibile se quasi ogni giorno mi arriva un messaggio da beppe grillo su questa email?

angela mc keever 25.08.11 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
io invece credo che i bambini siano stati seviziati: le periferie delle dittature di solito sono molto sicure di sè e certe dell'impunità. Pensano che nessuno li guarda, anche se loro sono bravi come nella capitale. Può essere che lontani dal centro non ci si renda conto della gravità di un atto o della sua immediata risonanza. Il senso morale è naturalmente fuori questione.

In ogni caso, è ripugnante l'atto, oltraggiosa l'arroganza e giusta la ribellione. Cosa vada succedendo nel Vicino Oriente, è molto più difficile da accertare. Ognuno di questi Stati è importantissimo per il suo verso e per la sua posizione geografica ed internazionale.
E qui tutti vorrebbero capire, tutti vorrebbero condizionare.

Qualcuno certo lo sta facendo. Qualcuno sta certo promuovendo i suoi amici sul posto per ottenere trattati, contratti ed accordi. Qualcuno sta mandando i suoi specialisti da lontano. Si può sperar poco più nell'emersione di un intero ceto nuovo, di quanto si possa sperare in un piccolo gruppo dirigente: solo perchè un intero ceto sarebbe più difficile da manipolare ed eterodirigere di un piccolo gruppo. Ma anche quella situazione non sarebbe impossibile da gestire.

Speriamo. Speriamo che questi movimenti siano animati dalla gente e che la gente riesca a rappresentarsi, e che riesca a continuare a farlo tanto da stabilire delle prassi, dei precedenti, un modo buono e democratico di fare le cose.
Auguri, non possiamo veder arrestare e seviziare anche i bambini, e qualunque governo ritenga di aver bisogno di tali atti deve cadere.

Ciao EUSTON

p. ., firenze Commentatore certificato 03.05.11 12:30| 
 |
Rispondi al commento

La storia dei bambini non mi sembra credibile. Mi spiace, ma non torna. Quali pazzi, col medio oriente in fiamme, potrebbero commettere errori così madornali? Ucci ucci... sento puzza di fratellucci (mussulmani).
La repressione in corso, di una brutalità spaventosa, è però un fatto. Difficile capire cosa stia realmente accadendo nei Paesi Arabi: chi manovra nell'ombra? chi ha interesse a cambiare gli equilibri in corso? noi intanto bombardiamo là dove c'è il petrolio, per delimitare il territorio (i cani ci pisciano) e poi perché non si sa mai.

pippo pansa 01.05.11 23:34| 
 |
Rispondi al commento

non la voglio fare troppo palloccolosa come si dice dalle mie parti,per cui invito a leggere questo articolo bellissimo che spiega perfettamente quello che penso,,,,,,che sono tutte menzogne.......quando ci si mette i bambini .....ricordiamoci della menzogna delle uccisioni dei neonati negli ospedali del kuwait da parte degli iracheni,per poter poi invadere l'iraq il paese dei mostri......http://www.sinistrainrete.info/estero/1350-domenico-losurdo-che-succede-in-siria

alessandro nucci 01.05.11 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha perpetrato le violenze contro questi bambini (e bambine) va condannato senza pietà. Mi sono per la prima volta trovata in disaccordo con Furio Colombo, che in una risposta sul FQ insinuava la possibilità di considerare vittime del regime anche i soldati che obbediscono a Gheddafi. Una teoria che, semplicemente, mi ripugna. Disgustoso pensare che un essere umano uccida e stupri perché "costretto". Non puoi fare queste cose se non le vuoi. Una persona che tale sia rimasta, un uomo che abbia ancora un'anima, piuttosto si ucciderebbe (sono anche armati,possono farlo senza dolore). Ognuno fa quello che è, e non ci sono scuse, nemmeno quelle della violenza subita a loro volte. Non siamo automi. Chi si macchia di certi delitti è un mostro. Non tutto fa parte dell'umano, non se si è persa l'anima.
Ho il cuore spezzato per questi bimbi, e per le bimbe sulle nostre strade, e quelle che nei paesi di 3/4 del mondo non possono nemmeno studiare. Siamo peggio delle peggiori bestie, e lo sappiamo.

Lupa Beatrice 01.05.11 09:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sto seguendo la tragedia della Siria su facebook. A noi le informazioni arrivano ovattate. il popolo siriano è uno dei più tranquilli e gentili che io abbia mai conosciuto nel Medio Oriente,stanno solo manifestando e non hanno armi.. le forze di sicurezza li stanno massacrando.. uno per uno. La città di Deraa è sotto assedio e le forze di sicurezza hanno tagliato luce, gas, acqua.. hanno razziato negozi e farmacie. li fanno morire di fame.. I cecchini sopra i tetti sparano a qualsiasi cosa che si muove.. La gente non può uscire di casa.. Sembra che da ieri siano arrivati molti rinforzi : carri armati e soldati. Il regime non ha tempo, vuole sedare la rivolta con qualsiasi mezzo, prima che il mondo ( intendo quello della gente normale come noi) veda. I nostri governi lo sanno già benissimo ma per il momento stanno a guardare. Vi prego di provare a visionare su facebook questi due blog: BRITISH SYRIANS AND FRIENDS IN SOLIDARITY WITH SYRIAN REVOLUTION 2011 . e THE SYRIAN DAYS OF RAGE... L'altro sito, più completo è però in lingua araba ( THE SYRIAN REVOLUTION 2011 ). Penso che non possiamo stare a guardare...... siamo tutti responsabili di fronte a questo....

daniela s., Seregno Commentatore certificato 01.05.11 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto in Syria e mi dispiace leggere quanto scritto, non posso (e spero) non sia vero. la Syria ed il suo popolo é uno dei migliori che abbia conosciuto, chi c'é stato lo sa, e tante cose che si sentono , non sono vere, ad esempio ogni confessione religiosa é rispettata come pure i bambini sono intoccabili. Se veramente (ci sono prove?) di quanto é successo! C'é una volonta a stelle e strisce di portare confusione e guerra in tutto il mondo arabo e l'africa!!! Come dicono i cristiani syriani, Assad non é al potere democraticamente ma é il meno peggio, se salissero i fratelli mussulmani penso che quando andro' a Damasco non potro' e vedro' le donne girare libere a qualsiasi ora ed i giovani mussulmani, cristiani, ebrei stare insieme allo stesso caffé! Salamates

cristiana chiandussi 01.05.11 03:53| 
 |
Rispondi al commento

A TUTTI COLORO CHE PENSANO CHE TUTTO CIò SIA DISUMANO!!!!


Chi ha fatto tutto ciò? Chi ha seviziato bambini?

ALIENI?????

Basta!

Smettetela di giustificare l'umanità!Basta alibi!
Basta dare le colpe ad "ALTRI"
Cominciamo ad addomesticarla, la BESTIA!

INIZIAMO DA NOI STESSI

manuela bellandi Commentatore certificato 01.05.11 01:27| 
 |
Rispondi al commento

DISUMANO,inaccettabile questi comportamenti,non sono esseri umani,non i pazzi vanno emarginati ma queste persone,ci sono molte isole lontanissime da altra terra queste cose andrebbero messe li soli ad arrangiarsi per sopravvivere

salvatore castellano 30.04.11 21:45| 
 |
Rispondi al commento

ho il sospetto che qualcuno voglia costruire ad arte un clima di odio in tutto il nordafrica, con la palese conseguenza che l'ondata migratoria destabilizzerà fortemente l'europa.

federico b., PU Commentatore certificato 30.04.11 19:25| 
 |
Rispondi al commento

ciao a tutti io penso che invece il vero problema di questi fatti (che la storia ci propone da sempre)ai quali una persona normale non riesce nemmeno a sia: che questi regimi che anno creato questa distruziome morale e materiale a livello mondiale, sia con le dittature che con le democrazie dei pochi,sono riusciti nei loro in tenti paerche anno avuto chi gli eseguiva gli ordini(cazzo cè stato qualcuno che a preso pe pinze MATERIALMENTE e a strappato le ungnie a questi puccoli innocenti)allora io penso che fin quando non educheremo l'uomo alla non violenza non ne uscireno mai. Inbocca ala lupo A TUTTI

farncese amedeo 30.04.11 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Invece no, anche da noi si usava strappare le unghie. Lo facevano i fascisti italiani ai civili sloveni e croati.

France Slama 30.04.11 18:42| 
 |
Rispondi al commento

I Siria ai bambini strappano le unghie mentre in Italia se sono rom li puoi tranquillamente sbaraccare in qualsiasi momento con le ruspe e poi lasciarli soli in mezzo ad una strada e senza un ricovero decente.... Paese che vai violenza che trovi!!!

Giorgio Germinario 30.04.11 18:06| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
SIRIA COME ITALIA?
FORSE NON SIAMO TANTO DISTNATI,SOLO CHE INVECE DEI BAMBINI,CI SONO GIOVANI E NON SENZA LAVORO,ACCADESSE ANCHE DA NOI.........
ALVISE

alvisea fossa, nervesa della battaglia Commentatore certificato 30.04.11 17:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori