Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le scorie nucleari nella nostra bolletta


No_Nuke_Greenpeace.jpg
"Cosa paghiamo realmente con le bollette dell'Enel? Tra le varie voci il costo dell'energia ammonta solo al 30% del totale. E il resto? Circa il 22% serve per ammortizzare i costi di gestione della Rete. Un altro 14% sono imposte. Il ricarico che va agli operatori vale circa il 10%. Infine c'è una quota che varia dal 3 al 5%, la cosiddetta "componente A3"..."destinata a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili e "assimilate" mediante un sistema di incentivi...". Per fare un esempio, la Germania destina alle fonte rinnovabili il 10%. In Italia, invece, il 3-5% è ulteriormente suddiviso: il 35% viene assorbito dai certificati verdi, il 31% finanzia il Cip6 e quindi le fonti "assimilate" come l'energia prodotta con gli inceneritori. Le "assimilate" si sono mangiate la quota più grossa togliendo fondi all'energia verde. Secondo la relazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas del 2009, su 4.204 milioni di euro raccolti per gli incentivi Cip6, solo 1.268 sono andati alle rinnovabili. All'interno della voce A3 c'è, quasi nascosta, la voce A2 che copre i costi per lo smantellamento delle centrali già dismesse. Le stime (al 2007) indicano che i costi per i rifiuti nucleari sono arrivati alla stratosferica cifra di 500 milioni di euro all'anno. Se li intasca la Sogin. Nata nel 1999, 800 dipendenti, in 11 anni non è andata oltre un decimo del suo programma costitutivo." Dal libro "Spegniamo il nucleare" tratto da beppegrillo.it.
Segui la community su FB.

15 Mag 2011, 23:10 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

sono sempre stato per il nucleare , non capisco nemmeno la logica per cui " tutti " gli altri sono in disaccordo dico tutti perche' sinora non ho trovato nessuno che sia della mia idea , mi domando cosa passa per la mente delle persone che usufruiscono , pagandola il doppio , di energia nucleare gestita a pochi km. dalla loro abitazione pero' fornita da svizzera , francia , austria , ma costoro ragionano con la loro testa o semplicemente sono irretiti da idee non loro ? io credo che la sinistra , i vari grillo e compagnia ci sguazzino per il loro tornaconto , non mandatemi al diavolo perche' mi ci hanno gia' mandato da anni ... forse il diavolo non mi vuole ciao

marco polenghi 14.07.11 16:30| 
 |
Rispondi al commento


Purtroppo i valori riportati sono datati e non sono corretti.

In particolare il prezzo dell’energia rappresenta attualmente più del 50% di quanto paghiamo in bolletta (e non il 30%) e la componente A3 rappresenta attualmente il 10% del totale della bolletta (e non il 3-5%).

Se si prendono i valori attuali (relativi al secondo semestre 2011) per una bolletta domestica con un consumo di 2700 kWh annui (consumo medio famiglia italiana) il costo totale della bolletta è pari a 436,77 € al lordo delle tasse.

Il costo dell’energia nuda e cruda (solo componente PE) nella bolletta è pari a 221,8 €, senza contare il 10% di IVA, quindi siamo ben oltre al 50% del costo totale della bolletta. Anche se considerassimo il prezzo di acquisto dell’energia nella borsa elettrica (prezzo medio del 2010) saremmo comunque oltre il 40% del costo
della bolletta.

Il costo della sola componente A3 è invece pari a ben 48,14 € (IVA 10% inclusa). Quindi per la A3 siamo già ben sopra al 10% del totale della bolletta, come in Germania.

Bisogna comunque considerare che il grosso dei costi per le rinnovabili lo pagheremo attraverso gli aumenti dei beni di consumo e dei servizi che acquistiamo visto che le aziende pagano più del 70% dell’energia elettrica consumata in Italia.

Il peso nella componente A3 per le fonti assimilate CIP6 è stato dell’ordine del 25% nel 2010, nel 2011 è stimato essere dell’ordine dell’20% quindi attualmente circa l’80% della componente A3 va alle rinnovabili pure.

Chi volesse verificare i valori da me riportati trova qui il costo aggiornato
delle varie componenti ed il costo della bolletta totale:

http://www.autorita.energia.it/it/docs/11/030-11arg.htm

http://www.autorita.energia.it/it/docs/11/034-11arg.htm

http://www.autorita.energia.it/it/docs/11/035-11arg.htm

Per avere un’idea di quale sarà il peso annuo complessivo delle rinnovabili e del peso del Cip6 in A3:

http://www.autorita.energia.it/allegati/audizioni/parlamentari/012-11pas.pdf

gbettanini 20.05.11 19:36| 
 |
Rispondi al commento

secondo molti l'energia prodotta dal nucleare costa poco. Questo è un dogma di fede e non si discute. Vorrei sapere se qualcuno mi sà dire il costo di un KW atomico. Su internet c'è che una centrale costa 2.000-3,000 € per KW/h installato, in pratica quanto un KW/h di fotovoltaico, non c'è nessun riferimento per quanto costa produrre l'energia, non c'è nessun riferimento quanto ci costa il suo smaltimento e pensare che dovremmo essere pratici perchè dovremmo aver smaltito le nostre 4 vecchie centrali atomiche. Col fotovoltaico oggi si mette il pannello e domani inizia a produrre energia, con l'atomico ho sentito dire che ci vogliono circa 20 anni per la messa in opera e l'entrata in funzione. La differenza sostanziale è che gli impianti fotovoltaici portano spese divise fra moltissime persone quindi con difficoltà nel prendere mazzette milionarie, sul nucleare con miliardi di € di investimenti si possono benissimo prendere delle parcelle milionarie ed è forse per questo che molti spingono per questa forma di energia

luigi ercolini, civita castellana Commentatore certificato 18.05.11 22:35| 
 |
Rispondi al commento

Spero che ai ballottaggi si scelga il parziale cambiamento, "Pisapia"a Milano riduzione di assessori-consiglieri e stipendi.
A Napoli è dura ma De Magistris può essere la vera soluzione per Napoli. Via gli indagati e prescritti
Miglioriamo per il futuro altrimenti i nostri figli ci insulteranno.
Patrizio

Patrizio Gavazzeni 18.05.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento

La Società, controllata dal Ministero dell'Economia si chiama Sogin (Società Gestione Impianti Nucleari) alla quale sono stati conferiti tutti gli impianti relativi alla passata stagione nucleare. La sua mission è quella della messa in sicurezza e dismissione degli impianti nucleari. Morale, in questi 20 anni ha combinato poco o nulla per il semplice motivo, che nessun Governo, si è mai presa la briga per trovare una soluzione per la gestione del nucleare pregresso. L'unico tentativo fu quello di Scanzano nel 2004, dove doveva essere costruito un deposito dove stoccare le scorie e poter smantellare le vecchie centrali che ormai crollano a pezzi. Da allora si sono limitati a mandare all'estero il materiale nucleare per il trattammento (vetrificazione o cementificazione) necessario per rendere stabili queste porcherie che, in ogni caso, dobbiamo tenerci per diverse centinaia di anni. Sarebbe utile aprire un dibattito sul tema, dato che raramente anche in Rete, trovo argomentazioni che vanno al di là di affermazioni populiste. Ma i soldi si spendono invece per fare campagne deliranti sul ritorno al nucleare.

Stefano Milano 17.05.11 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma lo sapevate che alcuni enti pubblici non pagano la corrente elettrica da svariati anni,e cosi'poi ci dicono di fare il nucleare tutti al voto il 12 13 giugno.

Massimiliano C. Commentatore certificato 16.05.11 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi a proposito del referendum del 12 13 giugno vi do questo link parlatene con chiunque grazie.
http://www.forumcivico.it/referendum-12-13-giugno-2011-325.html

Massimiliano C. Commentatore certificato 16.05.11 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi faccio un invito a tutti quelli che leggono questo commento, di parlare del referendum del 12 13 giugno. I media non ne parlano per niente parlatene con chiunque ;in merito vi mando questo link di informazione ciao e grazie.http://www.forumcivico.it/referendum-12-13-giugno-2011-325.html

Massimiliano C. Commentatore certificato 16.05.11 21:35| 
 |
Rispondi al commento

SVEGLIAMOCI.
FACCIAMO QUALCOSA PER I REFERENDUM.
METTIAMO AI BALCONI LE BANDIERE CONTRO IL NUCLEARE E PER L'ACQUA PUBBLICA.

beatrice m. 16.05.11 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono contro il nucleare ma i conti non tornano.

Di 100, il 30% è il costo dell'energia. Il restante 70% è: 22% ammortamento gestione rete; 14% imposte; 10% ricarico operatori; 5% voce A3. Ma queste 4 voci non fanno come sommatoria nè il 70%, neppure se raffrontate al 100% del 70% al 51%.
Quindi il restante 19% dove finisce?

Solo per completezza.

Lorenzo Longo 16.05.11 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Ho cercato di controllare più e più volte la composizione del costo del KWh sulla bolletta dell' ENEL; RISULTATO: non ci si capisce una MAZZA!!!
L' unica cosa che si capisce è che sulla formazione del costo del KWh sulla bolletta ENEL è che ci si sono buttati sopra i soliti SQUALI per papparsi il bottino a scapito dei soliti fessi che pagano.

E' semplicemente VERGOGNOSO!!!

dr. Hause 16.05.11 18:41| 
 |
Rispondi al commento

“Sono stati completamente ignorati i pareri formalmente espressi sul testo dai comitati promotori dei referendum sul nucleare, sul legittimo impedimento e dei due referendum sull’acqua”, aggiunge. “Per queste ragioni - afferma Di Pietro - chiedo un’ immediata correzione di rotta che garantisca, nelle fasce di maggior ascolto e nei relativi notiziari televisivi e radiofonici, la messa in onda degli spot nelle trasmissioni di approfondimento e nelle tribune referendarie, al fine di garantire ai cittadini un’informazione ampia, pluralista e completa che finora è mancata. Ricordo che siamo di fronte ad obblighi di legge che, se inapplicati o aggirati, costringeranno l’Italia dei Valori a chiamare in causa, con il loro giudizio e con le loro sanzioni, tutte le sedi istituzionali preposte in Italia e in Europa alla tutela del diritto dei cittadini all’informazione”, conclude. (ANSA).

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.05.11 16:04| 
 |
Rispondi al commento

REFERENDUM:DI PIETRO A VERTICI RAI,SU SPOT IGNORATI COMITATI
ROMA
(ANSA) - ROMA, 10 MAG - Il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, ha inviato oggi una lettera al presidente della Rai, Paolo Garimberti, e al direttore generale, Lorenza Lei, per chiedere un’immediata correzione di rotta sugli spot referendari che la Rai sta mandando in onda in questi giorni. Nella missiva si evidenzia che “sono stati completamente ignorati i pareri formalmente espressi sul testo dai comitati promotori dei referendum sul nucleare, sul legittimo impedimento e dei due referendum sull’acqua. Infatti lo spot proposto dalla Rai risulta incomprensibile e burocratico ed è stata motivata questa non avvenuta modifica accampando un parere contrario del ministero dell’Interno di cui nessuno, però, ha fornito riscontro formale”. “La Rai - scrive Di Pietro ricordando altre precedenti lettere - è stata più volte sollecitata a trasmettere gli spot per illustrare la data, l’ora, la modalità di voto e il contenuto dei quesiti oggetto della consultazione referendaria del 12 e 13 giugno”. “Nonostante queste sollecitazioni, l’impegno dell’azienda del servizio pubblico appare del tutto insoddisfacente. Unica eccezione, la trasmissione ‘Annozero’ dedicata al tema dell’energia nucleare. Inoltre, è scomparsa dai telegiornali e dall’informazione Rai ogni notizia riguardante gli sviluppi della tragedia giapponese, mentre nessun cenno è mai stato fatto ai referendum sull’acqua e sul legittimo impedimento”, aggiunge il leader dell’IdV. Quanto agli spot per illustrare contenuti e modalità di voto, “in ritardo di un mese rispetto alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dei decreti di indizione dei referendum, la Rai si è decisa soltanto quattro giorni fa a mandarli in onda con incomprensibili e gravi limitazioni”.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 16.05.11 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo, la cosa che mi urta di più è l'essere preso per il culo, mi fa una rabbia che non vi dico. Davanti "Facciamo di tutto, facciamo questo e quello ecc ecc..." per darci il contentino e poi dietro, nell'oscurità prendono e ce lo mettono nel c**o senza vasilina, che bella la politica eh...
PROPONGO UN REFERENDUM PER LA MODIFICA DEGLI STIPENDI, DEVONO ESSERE SCELTI DAL POPOLO!!!!! Poi voglio vedere chi resta per "Amore della patria"

Maurizio Persi 16.05.11 13:26| 
 |
Rispondi al commento

http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_5_20110515233536.pdf
..e intanto non ho ancora sentito parlare del referendum sul nucleare in Sardegna! ..ma nessuno eh! ..sarà mica che abbiamo raggiunto il quorum? ..SIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!
Ci siamo, e il desiderio più grande non è che molti abbiano votato si, ma che il 100% si un grosso SI! Un suppostone formato nuke da ficcare inter posto a Cappellacci e Berlusconi!!!
http://www.youtube.com/watch?v=K-U3GuPKRi8&feature=feedu
Tottu impari pro sa Sardigna!

Alessandro P., Assemini Commentatore certificato 16.05.11 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ammiratore di Beppe Grillo e lo seguo con interesse, però non condivido il suo atteggiamento verso le energie " rinnovabili" che ritengo alquanto ingenuo.Fatta eccezione per l'idroelettrico, le energie rinnovabili sono un modo come un altro per togliere ai poveri ( che pagano le bollette maggiorate) e dare ai ricchi furbacchioni ( quasi sempre del nord )che con spirito "filantropico" , devastano il povero sud Italia , incassando incentivi stratosferici.Loro ci ripetono la favoletta dell'energia pulita e noi la beviamo e paghiamo contenti.

giuseppe 16.05.11 11:44| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
MA CHE SPENDIAMO SOLDI A FARE NEL NUCLEARE,ABOLIAMOLE ,ANZI ABOLIAMO QUESTA LEGGE SUL CIP6
ALVISE

alviseafossa 16.05.11 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè di queste cose non se ne è parlato sul blog nel momento in cui questo governo ha abrogato il decreto di incentivazione del fotovoltaico con la scusa di pesare troppo in bolletta? Premesso che va sempre bene parlarne, perchè non se ne è parlato quando era il momento più opportuno per farlo??

Alberto Curioni 16.05.11 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Se spendiamo 500 milioni all'anno per un ente che dovrebbe sistemare le scorie del vecchio nucleare quanto dovremo spendere se il nucleare tornerà a produrle? È vero che non ha fatto niente? E che stipendia 800 persone per questa attività? E poi manca il personale negli ospedali!! Non viene sostituito chi va in pensione! Si accorpano reparti ospedalieri e scuole!! Perchè non ci sono i soldi! Per questi enti si trovano!!
Il nucleare ci costa tanto ora che non c'è.
Figuriamoci quando ci sarà!!
Basta!! Diciamo a tutti di andare al referendum !!! Non ci facciamo predere per i fondelli!!!

Daniele Varanini 16.05.11 09:08| 
 |
Rispondi al commento

NewEarthquake Earthquakes Tsunamis
4.5 earthquake, Chiapas, Mexico. May 16 12:51am at epicenter (1h:09m ago, 52km SSW of Venustiano Carranza, depth 189km). http://j.mp/lhn2Lw
2 minuti fa Preferiti Retweet Rispondi


Earthquakes Tsunamis
@NewEarthquake Worldwide
GEO-tagged world earthquakes magnitude 4.5+ and tsunami warnings. Dynamic avatar shows last earthquake. Sources: USGS, NOAA, GEOFON.

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 16.05.11 09:04| 
 |
Rispondi al commento

CAGLIARI - Il referendum consultivo regionale sul nucleare in Sardegna è valido. Alla chiusura dei seggi, alle 22, ha votato più di un terzo degli elettori. Quando mancano solo i dati di tre piccoli Comuni dell'Oristanese, ha votato il 39,83 per cento degli elettori, oltre 6 punti percentuale in più rispetto al quorum di almeno un terzo degli aventi diritto richiesto dalla legge regionale n. 20 del 1957 per dichiarare valida la consultazione referendaria.

I SARDI SONO TROPPO AVANTI!!!!
E ORA TOCCA A NOI!!!!!!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 16.05.11 08:36| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
scusate potreste essere più precisi nell'indicare le componenti del costo dell'energia elettrica. La somma di quelle indicate spiega circa l' 80% di tale costo.

davide livera 16.05.11 07:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

carissimo beppe grillo,quello che ti voglio scrivere nonrientra nei meandri dei problemi dell'umanità o di questo popolo oramai expopolo,ma è una storia di tutti i giorni che colpisce chi nella vita si ritrova continuamente a dover lottare per poter avere,non una vita ma almeno una degna esistenza.Treviso 15 maggio 2011:antefatto;una mia amica di origine magrebina vive da circa un anno regolarmente registrata e RESIDENTE da una anziana signora in centro a TV,questa signora anziana nell'arco di un anno gli ha fatto tutta una seria di dispetti che hanno portato questa mia amica all'esasperazione.Alla fine questa ragazza (27 anni,vedova,con unfiglio a carico che non ha mai visto suo padre)decide di trovare un,altra sistemazione.dopo una lunga ricerca finalmente un mese fa circa trova un'altro alloggio sempre in centro a TV,il contratto nuovo parte da lunedì 16 maggio 2011,il giorno 15 alle ore 00'30 al ritorno dal lavoro,3km a piedi,arriva nell'abitazione che sta per lasciare ma trova la porta chiusa,la vecchia signora gli ha chiuso la porta dall'interno,lei è ancora residente per cui avrebbe tutto il diritto di entrare invece rimane per strada.I carabinieri intervengono,ma considerato,l'età della povera vecchia e l'orario, rimandano l'azione al giorno seguente.Ma quello che mi ha colpito sono state le lacrime sugli occhi di una persona che onestamente e con un sogno nel cuore di punto in bianco si ritrova tagliata fuori.In mezzo ad una strada in preda alla disperazione,tremante.E qui concludo,se questa è la realta che ci siamo creati allora benvenga tutto quello che verrà.Benvengano guerre atomiche carestie malattie pandemiche caos miseria follia estinzione.Non meritiamo assolutamente niente di buono visto che la meschinità è celata nei vecchi che dovrebbero essere la saggezza in persona.Queste storie succedono ovunque.questa storia è successa a TV qualche ora fà. grazie

stefano bergamin 16.05.11 07:03| 
 |
Rispondi al commento

E' passato un po' in sordina, ma in Sardegna c'è già in questa tornata elettorale (accorpato alle amministrative) il referendum sul nucleare nell'isola.

Alla chiusura delle urne, alle 22 della domenica, il quorum è già stato superato.
http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/223066
Domani andrò anche io con la mia famiglia a dare il nostro contributo.

Sono sicuro che dopo il risultato si farà di tutto per bloccare i referendum e per nascondere questo risultato a livello nazionale perché quando è importante l'italiano va sempre a votare... magari in costume e l'infradito se necessario.

AJO

Andrea, Sardegna 15.05.11 23:51| 
 |
Rispondi al commento

mi trovo a ripetere una cosa che già avevo scritto,
oggi purtroppo è solo la politica che crea posti di
lavoro,è molto probabile che la socetà creata nel 1999 sia stata voluta da qualche politico per sistemare parenti e amici vari,resta il fatto che ci lavorano 800 persone quindi 800 posti di lavoro.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 15.05.11 23:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori