Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I partiti sono il passato


cinque_estellas.jpg
I partiti sono il passato, la democrazia diretta è il futuro.
""No a Zapatero, no a Rajoy". Il grido della Puerta del Sol si alza contro il premier socialista e contro il leader dell'opposizione. La rabbia delle piazze di Spagna accomuna i due maggiori partiti del Paese. Ma alla vigilia delle elezioni amministrative la rivendicazione del "Movimento 15-M" finisce per rafforzare il Partito popolare già lanciato verso una schiacciante vittoria. "Apoliticos, superpoliticos", dice un cartello nel centro della capitale. "Vogliamo cambiare questo sistema dei partiti, non voteremo per i socialisti di Zapatero ma nemmeno per i popolari di Rajoy o per Izquierda Unida" dice Cristina Rodriguez, 23 anni, una delle tante voci di questa protesta. "Daremo la preferenza ai partiti minori, oppure meglio annullare la scheda o votare scheda bianca".
È una degli "indignati", una tra le migliaia di spagnoli di questa sollevazione spontanea, nata dal passaparola della strada e dalla capacità di coinvolgere di Internet."
Caspita! Ma sta gente farà perdere Zapatero e la sinistra!" Alex Scantalmassi

22 Mag 2011, 15:50 | Scrivi | Commenti (41) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Io sono d'accordo con il 90% di quello che dite e fate, condivido che si deve superarare questo sistema di partiti, come dici tu Beppe, andare oltre, Tutto cosi bello, ragazzi puliti, puri da quasiasi contaminazione, interessi. Ci credo che ci sia un modo migliore di fare politica. essere partecipi e responsabili, ma a volte mi chiedo se forse miriamo un po troppo in alto, D'altronte 5 stelle significa ottenere il massimo, il non plusultra del meglio. Chi non lo vorrebbe, ma penso che oggi la classe politica attuale abbia un disperato bisogno di energie nuove pulite, alternative, come vi definite voi, non capisco a volte questo estranearsi dalla realtà,condannarla, ma rinunciado a impegnarsi a sporcarsi le mani, penso che sia in corso una guerra di civiltà, un potere oscuro che cerca di rovesciare di manipolare la realtà, sembra che questo sia un fatto che non vi riguardi, non vi tocca, limitandovi a dei commenti distaccati. Voi siete puliti forse, perche avete paura a sporcarvi le mani per immergervi in questo immondezzaio politico. Non si puo dire che tutto fa schifo, ma non si fa niente perche è uno schifo. Oggi credo sia in corso una lotta per la democrazia, come dici tu Beppe, bisogna cacciare dal parlamento questi signori inquisiti, corrotti, ci sono quelli corrotti, condannati, inquisiti, fiancheggiatiori, complici,indagati,non credo siano propio tutti uguali,ci sono delle differenze dei gradi di giudizio diversi.Cosi mi permetto di dirti che Pisapia Non è uguale alla Moratti cosi come De Magistris è diverso da Lettieri Cosentino, e via dicendo, lo so che sei originale a volte divertente quando ti esprimi, sarà deformazione professionale.Credo Se ti fermi solo all'atto di denuncia, senza fare una scelta di campo, ritardi ancora di più quel cambiamento di sistema ke anke tu credo vuoi, forse non ci si rende conto che dicendo, sono tutti uguali, si fa il gioco del cavaliere e dei suoi compari,ma a voi questo non vi interessa, attendiamo altri 100 anni.Auguri..

michele di nicola 26.05.11 01:18| 
 |
Rispondi al commento

"Caro Beppe
alla prima tornata delle amministrative della mia città (Reggio Calabria),
per la prima volta nella mia vita, non mi sono recato ad esprimere il voto:
non mi sentivo e non mi sento rappresentato da una politica che, al di là
dei nomi, fa del "riciclo" la sua ragion d'essere, da una egemonia dei
partiti che vanifica la libertà di voto, da rappresentanti che non mi
rappresentano perchè lontani da una idea condivisa e condivisibile. I
risultati del primo turno mi hanno dato ragione: la Calabria, ancora una
volta in controtendenza rispetto al dato nazionale, ha mostrato la sua
storica incapacità di rompere con il passato sia remoto che prossimo,
assegnando consensi a scatola "aperta", bendandosi gli occhi, tappandosi il
naso e le orecchie di fronte a scandali, connivenze, sprechi, malaffare.
In un contesto siffatto il mio consenso avrebbe avuto il sapore della
connivenza, avrebbe offeso la mia appartenenza alla città ed alla regione,
avrebbe contribuito ad un consilidamento di logiche che mi sento di non
condividere e tantomeno di sostenere.
Mi auguro di cuore che il movimento che tu sostieni con tanto calore possa
far breccia anche in una realtà come quella calabrese, seppur lontana, non
solo geograficamente, dai principi che lo ispirano e lo caratterizzano.
Giuseppe Messina

giuseppe vincenzo antonio messina, reggio calabria Commentatore certificato 25.05.11 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
alla prima tornata delle amministrative della mia città (Reggio Calabria), per la prima volta nella mia vita, non mi sono recato ad esprimere il voto: non mi sentivo e non mi sento rappresentato da una politica che, al di là dei nomi, fa del "riciclo" la sua ragion d'essere, da una egemonia dei partiti che vanifica la libertà di voto, da rappresentanti che non mi rappresentano perchè lontani da una idea condivisa e condivisibile. I risultati del primo turno mi hanno dato ragione: la Calabria, ancora una volta in controtendenza rispetto al dato nazionale, ha mostrato la sua storica incapacità di rompere con il passato sia remoto che prossimo, assegnando consensi a scatola "aperta", bendandosi gli occhi, tappandosi il naso e le orecchie di fronte a scandali, connivenze, sprechi, malaffare.
In un contesto siffatto il mio consenso avrebbe avuto il sapore della connivenza, avrebbe offeso la mia appartenenza alla città ed alla regione, avrebbe contribuito ad un consilidamento di logiche che mi sento di non condividere e tantomeno di sostenere.
Mi auguro di cuore che il movimento che tu sostieni con tanto calore possa far breccia anche in una realtà come quella calabrese, seppur lontana, non solo geograficamente, dai principi che lo ispirano e lo caratterizzano.
Giuseppe Messina

Giuseppe Messina 25.05.11 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma sapete che dall'intervento a reti unificate di Berlusconi, il tg5 ne trasmette quotidianamente un sunto?

Stefano corti 24.05.11 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Ormai il tam tam è partito....purtroppo la strada è ancora lunga e tortuosa...aderire ad un movimento che non sta ne su ne giù ne a dx e sx richiede un salto "mentale" troppo impegnativo per molti italiani....
Chi come noi, ha deciso di superare il "varco" della partitocrazia, non tonerà più indietro....noi abbiamo scelto il n/s "william wallace"(Beppe) per guidarci...Lunga vita a Beppe!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 24.05.11 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se adesso scriverò qualcosa che non ha nulla a che vedere con questa pubblicazione, pero' non sapevo come darVi questa notizia fresca fresca: questa mattina verso le ore 10.00 e' giunto a Parma il Ministro Maroni per un vertice in Municipio, il tutto nel più assoluto silenzio, infatti ad attenderlo vi erano un inspiegabile numero di Forze del Ordine, Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale oltre ad un elevato numero di guardie del corpo private, insieme ad uno stuolo di giornalisti di regime, a parte il fatto che la Piazza era deserta, mi chiedo perche' tante forze del origine e guardie del corpo? forse il ministro ha paura dei cittadini? secondo chi paghera' tutto quel servizio d' ordine? infine di cosa dovevano parlare il ministro con il sindaco di tanto segreto da tenere all' oscuro i cittadini? " sapete Gente che ho cercato di pubblicare questa notizia su facebook e non sono riuscito a farlo?

Arturo Ganguzzi 24.05.11 13:28| 
 |
Rispondi al commento

l unica certezza sul mondo politico
e che
il capitalismo distribuisce male la richezza
il comunismo distribuisce benissimo la miseria

E VI SFIDO A DIMOSTRARE L INCONTRARIO
CON FATTI E NON TEORIE O PROPAGANDA
SMENTITE DALLA STORIA
un altra certezza e che tutti i politici sono gay
ma FANNO I GAY CON IL CULO DEGLI ALTRI

UN ALTRA CERTEZZA E CHE IL POPOLO BUE
NON MERITA DI MEGLIO DI QUELLO CHE HA.

leggete queste post sul blob e avrete
il motivo di tanto pessimismo
che differenza fa essere vittime della ..destra
e peggiore di essere vittima di un regime di ..sinistra
cosa cambia per noi
un assassino di sinistra e meno colpevole di un assassino di destra???
votiamo anche senza scegliere perche
qualcuno ha detto che dobbiamo farlo e basta
siamo schiavi e dobbiamo volerlo essere
possiamo scegliere solo tra due padroni
MA NON POSSIAMO SCEGLIERE QUELLO CHE VERAMENTE VOGLIAMO
NON CI E PERMESSO
e la teoria del lombroso in pratica
LA VOLONTA DEL RE SUI SUOI SCHIAVI

lo leggiamo tutti i giorni su questo blob
insultiamo il berlusca e lo facciamo
solo per sostituire e sostenere UN ALTRO BERLUSCA
MA DI COLORE DIVERSO

ma che coglioni che siamo
invece di pensare da liberi come uomini liberi
CONTINUIAMO A AVOLERE LA SCHIAVITU

i partiti sono morti
la politica dei partiti e morta
FINCHE NON CAPIREMMO QUESTO SEMPLICE PENSIERO SAREMO SEMPRE DEI SCHIAVIVOLETE ESSERE SEMPRE DEI SCHIAVI


stefano b., rovato Commentatore certificato 24.05.11 00:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

beppe non so quanti siamo noi del movimento, non ne ho idea ma credo almeno 2 milioni. e non so quanti sono quelli che leggono il blog. ti propongo una cosa, spero sia d'accordo: per ogni cosa che non ci piace facciamo un referendum. facciamo prima un "conto" sul sito e poi andiamo con i banchetti in tutte le città doc'è possibile andare. raccogliamo firme per tutto quello che ci interessa beppe. dobbiamo picconarlo questo sistema, per farlo cadere o almeno cambiarlo.

faccio 2 esempi a caso, giusto per far capire: pubblichi il modulo -permanente e in formato pdf stampabile- per cancellare il canone rai;

pubblichi il modulo di disdetta per l'abbonamento sky -permanente e stampabile in pdf- che vuole cancellare l'unico baluardo della libera informazione in italia: current tv per una decisione SOLO politica;

pubblichi un volantino da distribuire in giro per il referendum del 12-13 giugno -stampabile in pdf- che noi possiamo scaricare e fotocopiare a piacimento e distribuire/appiccicare in tutte le nostre città.

dobbiamo insistere con questo movimento dal basso,facciamo azioni più concrete di quelle che gia stiamo splendidamente facendo. ogni giorno è importante per salvare la democrazia e il nostro paese. vi avviso che posterò questo messaggio in altri 4 post del sito: non voletemi male. se siete d'accordo pollice in su altrimenti mi ritiro e vado a studiare ancora e poi in palestra :D....

scusate ma mi sono fermato a vedere 2 video su youtube del puttaniere mafioso di arcore e mi è diventato il sangue nero e amaro. PROVIAMOCI, uniamoci a la revoluciòn, il tempo sta passando!!!

marco m., nuoro Commentatore certificato 23.05.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Ci stiamo organizzando come la Spagna...Sono finiti!

Roberta Masala 23.05.11 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Democrazia diretta?? Siete impazziti.
Inutile illuderci, noi italiani (ancor più degli altri) non siamo assolutamente in grado di pensare al bene comune.
Tra mafie, giri d'affari, appalti, la storia recente ci ha dimostrato come sia facile pilotare il consenso popolare.
Sono 17 anni che ci facciamo prendere per il culo da "un grande comunicatore", chissà quanti anni che lasciamo che politici facciano affari sporchi, spesso perché ne guadagniamo anche noi, o amici di nostri amici.
In politica serve competenza, altrimenti un qualsiasi comico, di quelli che sappia coinvolgere, che gridi, che faccia clamore, apparirebbe come il futuro messia, colui che rivela la verità, senza che nessuno si ponga un problema fondamentale: cosa è in grado di fare per noi? [ops, mi sa che è già successo]

Federico Labriola 23.05.11 13:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lanciamo un forum europeo a 5 stelle:
Una 5 giorni in cui i cittadini europei indignati possano condividere le esperienze di una nuova politica dal basso e discutano di 5 punti comuni importanti.
Che ci si possa così rendere conto della forza e delle possibilità che ciascuno deve saper esprimere come cittadino partecipante.
Beppe, fai una chiamata ai movimenti. Ma t'immagini, che bello?? EUROWOODSTOCK A 5 STELLE

stefano testi 23.05.11 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Che bel capolavoro che han fatto gli "Indigniados", eh? Consegnare roccaforti PSoE alla destra clericale e oscurantista del Partido Popular... così come il M5S, col suo motto "oltre e avanti", finirà con l'aiutare B. a vincere...

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 23.05.11 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi non possiamo farlo perchè in parlamento i partiti minori sono cmq schierati nel letame dei partiti maggiori... quando il movimento si candiderà in parlamento sicuramente dal blog, dal fatto, da annozero, ci saranno milioni di voti pronti, noi siamo qui che aspettiamo, con queste maggioranze risicate basterebbero 10 o 20 parlamentari 5 stelle per non far passare leggi porcata :)

Massimo Rui 23.05.11 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Il terzo polo è il movimento 5 Stelle. Ora bisogna arrivare ad essere incisivi nell'intero Paese e prepararci per le prossime elezioni dei due rami del Parlamento. Credo che l'unica possibilità sia la costituzione di un partito politico, che segua le stesse regole. Bossi ha cominciato con un solo senatore (lui stesso), noi possiamo fare anche di più, se riusciamo a coinvolgere anche una sola parte del popolo disgustato dei non votanti, che è quasi il 30 % dell'elettorato.

Claudio Scarponi 23.05.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spendo volentieri una parola a difesa di Zapatero.

Ha fatto tutto quello che aveva promesso poi ha detto che non si ripresenterà.
Non ha fronteggiato la crisi economica? Nessuno l'ha fatto.
E' giusto che paghi. Ma se gli spagnoli sperano in Rahoi credo che rimarranno delusi, mentre la Chiesa conservatrice e i nostalgici si stanno fregando le mani. Buona fortuna agli Indignatos

Maia 23.05.11 06:45| 
 |
Rispondi al commento

Perche deputati prendeno la pensione per solo un mandato.Si potrebe fare un referendum per abolire e constrigerli di lavorare come noi 40 anni

EDUARD RELJC 22.05.11 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Questa è la vera ed unica risposta alla Democrazia sclerotizzata Italiana basata che è campata fin troppo sul privilegio, sul clientarismo, sull'inefficienza pur di mantenere lo status quo. Siamo ancora una volta ad un bivio, speriamo che questa volta sia imboccata la strada maestra, senza tentennamenti per il vero cambiamento e rinnovamento culturale Italiana al fine di dare una speranza ai nostri figli. Altrimenti, meglio scappare consapevolmente all'estero perché chi resta muore!!! Grande la trasmissione odierna di target: Grande programma di vero giornalismo. Grazie Target!!! Abrogazione Bianca dei partiti che si sono spartiti e fatti a pezzi questo paese e la sua popolazione. Liberté, L'égalité, Fraternité!!!

francesco Grappolini 22.05.11 22:45| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di rappresentanza parlamentare senza vincolo di mandato, penso che in Italia i parlamentari non abbiano la maturità per poter rappresentare gli italiani in modo coerente e allora perché non inserire un vincolo con il quale il parlamentare quando cambia partito perde la carica di parlamentare ed esce fuori dal parlamento? (vedi parlamentari che si fanno comprare, che cambiano schieramento, ecc.)
Inoltre, dovrebbe essere creato un meccanismo tramite il quale lo schieramento che vince le elezioni dovrebbe dimostrare, con delle verifiche periodiche, che sta attuando il programma per il quale è stato votato.
Ovviamente i candidati dovranno essere scelti con le preferenze e non nominati.
In questo modo ci sarebbe una reale rappresentanza dell'elettorato e qualora il governo non potesse dimostrare (magari annualmente e con dei parametri prestabiliti) che sta attuando il programma, automaticamente si dovrebbe tornare a votare.
E' vero che ci sarebbe un rischio di populismo ma penso che basterebbe semplicemente pensare a modellare la Costituzione con dei paletti tali da non permettere una deriva in tal senso.

Domenico Muscolino 22.05.11 22:12| 
 |
Rispondi al commento

Caro Alex, non ho ancora capito
se ci sei, o ci fai.
A me sembra che tu e grillo
ci stiate prendendo per il culo,
con questa storia dei morti.
Questi partiti cosiddetti "morti",
a me sembrano più vivi e potenti che mai,
e continuano a massacrarci,
come e più di prima.
Però voi siete contenti, avete il 2-3-4%
a livello nazionale,
quindi potete essere soddisfatti,
ed affanculo i problemi del popolo.
Forse non te ne rendi conto,
ma vi state comportando proprio come i partiti che tanto odiate.

luigi d. Commentatore certificato 22.05.11 21:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono morti! Morti che parlano. I talk show a cui partecipano i nostri politici sembrano giganti casse da morto. MORTI CHE PARLANO!!

alex 22.05.11 21:46| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' NON SI FA NIENTE PER PROMUOVERE I REFERENDUM?
PERCHE' NON CI SONO ANCORA POST DEDICATI A QUESTO ARGOMENTO?
IL REFERENDUM E' UNO STRUMENTO IMPORTANTISSIMO DI DEMOCRAZIA, NON LASCIAMOLO INARIDIRE.

stefano l. 22.05.11 21:09| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo,
dici che i partiti sono il passato e la democrazia diretta il futuro. Messa così la cosa, potrebbe rientrare nella serie "meglio ricchi e in buona salute che poveri e ammalati". cioè una pura banalità se non si chiariscono alcune cose. Per esempio:
1 - Il Movimento 5 stelle non è esso stesso un partito? O ha la pretesa di rappresentare il "tutto"?
2 - E' vero che Internet consente un'agorà contenente tutti i cittadini interessati a una consultazione, ma chi fissa gli argomenti sui quali deliberare? E come scegliere le persone chiamate a governarli?
I partiti che tu vuoi fare uscire dalla porta rientrerebbero dalla finestra e in modo molto più devastante per il bene comune.
Diverso è il caso del referendum propositivo senza quorum. Questa è una forma di democrazia diretta che però postula l'esistenza di partiti, come in Svizzera, altrimenti l'ordine del giorno dell'agorà da chi sarebbe fissato? Da Beppe Grillo?

Renato Rossini, Follonica GR Commentatore certificato 22.05.11 21:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma perchè le rivoluzioni si fanno all'estero e con le palle e mai in Italia?

angelo f., milano Commentatore certificato 22.05.11 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanta bella gente a La Puerta del Sol!

Incredibile.

Finalmente il popolo reagisce!

Il risveglio è iniziato.

Stefano B..., FI Commentatore certificato 22.05.11 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Ricomincio da qui !!!
Mai avrei creduto...
Da un Italiano emigrato in Spagna, la speranza di una rinascita per il nostro Paese

E' passato solo un anno da quel giorno in cui decisi di lasciare il mio paese e cioe' l'Italia.
La vita era diventata insostenibile, il lavoro mancava e i soldi per arrivare a fine mese non bastavano mai. A ciò si aggiunse una nausea profonda alla politica Berlusconiana e non, e ad una totale disugualianza tra i cittadini del mio amato paese.
Ma la cosa che piu' mi feriva giorno dopo giorno era il totale menefreghismo della gente che, forse troppo impegnata a capire come arrivare a fine mese, si lasciava scivolare addosso tutto e di piu'. Incominciai con seguire Beppe Grillo (cosa che tutt'ora faccio) aprii un mio blog chiuso pochi giorni dopo da Libero senza nessuna spiegazione, tentai di muovere le coscienze nel mio piccolo paesino del trevigiano.
Pensavo nel mio piccolo fosse possibile cambiare qualcosa ma davanti a me regnava l'indifferenza totale. A parole tutti d' accordo, ma quando c'era da esporsi in prima persona ecco che si materializzava il nulla cosmico.
E cosi la mia decisione di andarmene a vivere in Spagna, paese sicuramente in crisi ma con un senso civico maggiore del nostro e soprattutto con una coscienza ancora viva. Bene, mai avrei creduto! qui in Spagna e nelle sue maggiori citta' sta accadendo cio' che io sognavo accadesse nel mio Paese di santi e navigatori ma che di eroi oggi ne ha ben pochi.
Spero di cuore che la protesta si sposti presto anche in Italia. Spero in una democrazia che parta dal basso,che dia ascolto alle fasce piu' deboli e che non faccia del dio denaro la prima ragione di vita.
Guardatevi attorno Italiani, smettete di osservare solo il vostro giardino: questa forse e' un'occasione irripetibile!

Ringrazio la redazione di "Cado in Piedi" per aver pubblicato il mio pensiero !

Flavio Bordin 22.05.11 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Il momento si avvicina!!!In Italia arriviamo sempre dopo,comunque arriviamo.

mauro r., lucca Commentatore certificato 22.05.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Giusto!SPAGNA siete GRANDIIIIIIII;speriamo che anche quà in italia prima o poi ci SVEGLIAMO;perchè quà noi,a MORTI,siam messi bene,anzi MALE!TROPPI MORTI.Penso che siamo l'unico paese al mondo ad avere,dei MORTI distruttori così.Libertad......lottate.W gli INDIGNADOS.Noi abbiamo i 5 STELLES....ola-ola.

alberto pepe, torino Commentatore certificato 22.05.11 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Buttano giù il rudere
per costruirlo nuovo,
ciao e grazie

INNAZIU Z. Commentatore certificato 22.05.11 17:00| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
E' LA PIENA DIMOSTRAZIONE CHE I PARTITI SONO LA STORIA,ANZI SONO TRAPASSATI
ALVISE

alviseafossa 22.05.11 16:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori