Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Rinascente con gli occhi a mandorla


La_Rinascente.jpg
La Rinascente è un altro pezzo di Italia che se ne va. Chirathivat sembra il nome di una divinità indiana. E' invece quello della famiglia thailandese che controlla la Central Retail Corporation (CRC), il gigante asiatico della distribuzione al dettaglio che ha acquistato l'azienda italiana più famosa di grandi magazzini. Fu Gabriele D'Annunzio a darle il nome nel 1917, ma la società risale al più lontano 1865. Il suo declino iniziò con l'acquisto della Fiat. I thailandesi mettono la parola fine dopo quasi 150 anni. Ci stiamo vendendo anche i fondi di magazzino dopo l'argenteria. Avanti il prossimo.

28 Mag 2011, 23:04 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Sinceramete la penso come te, in piu' ci sono alcuni motivi per cui non mi piace che sia finita in mano ai thai. Troppo lunghi da spiegare, comunque riguardano le loro leggi. Solo un esempio, prova a verificare se un italiano potrebbe comprare il 100% di una societa' thailandese. Ti assicuro pero' che, e parlo con cognizione di causa, vivo in Thailandia da 20 anni, poteva finire in mani peggiori. Ciao.

Fabio Fabbri. 16.08.11 08:28| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Una volta si diceva che il mondo è metà da vendere e metà da comprare, appurato questo...! Oggi noi siamo tutti dei poveretti, in primis lo scrivente. Non dobbiamo pensare che tutto sia dovuto. Siamo tutti uguali, no? Allora se la rinascente la comprava una multinazionale francese era diverso? Bisogna tornare local, comprare lo stretto necessario o sempre un pò meno, però rigorosamente prodotto nella propria provincia di residenza, in modo da poter "conoscere" chi ha fatto il prodotto. Se non è possibile va bene anche il "made in Italy". Ma tornare piccoli è il segreto per scampare al nostro tempo.
Dio Vi benedica.

alvaro ronchi (al1715), caltanissetta Commentatore certificato 31.05.11 09:35| 
 |
Rispondi al commento

il gov berlusconi fatto da veline culi tette pancie ingorde senza fondo, fatto da mediocri burocrati mercenari pagati con soldi pubblici che servirebbero al bene di tanti disagiati deve andare via devono essera tutti carcerati per i reati squallidi che hanno commesso e che ancora commetteranno non devono essere ricendidati nelle liste di altri partiti a pala e picco sotto il sole e la pioggia dovete andare ZOZZI!!!!

christian sbaglia 30.05.11 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, spero che almeno i Tailandesi diano una bella ripulita alla Rinascente perché in mano nostra è stata gestita da cani. Spero che abbiano l'accortezza di togliere l'articolo "IL" dal bar del 7mo piano. Con tutto il suo pavimento luccicante e materiali all'ultima moda cercano di nascondere delle pecche gestionali che non sono degne di una struttura come la Rinascente. Prezzi esagerati, servizio scortese e non all'altezza della location, poca disponibilità verso i clienti che sborsano parecchi quattrini per un aperitivo sotto la Madonnina. Spezzo una lancia in favore delle altre strutture sul piano. Il ristorante Maio tiene il ritmo rispetto ai prezzi che ha. L'obika mozzarella bar sempre impeccabile: servizio rapido e cortese alta qualità del cibo. Belle le altre idee sul piano anche se penalizzate dalla posizione. Sicuramente i restanti 7 piani vanno rivisti completamente. Personale datato e privo di stimoli. Private a distogliere un commesso dal suo viaggio mentale in previsione delle ferie estive: vi guarderà in cagnesco e facendovi sentire in colpa per averlo disturbato. Sapete che vi dico: abbiamo venduto? Ben venga...chissà che il vento d'Oriente non porti aria nuova e rinnovamento.

Bruno Taddei 30.05.11 08:58| 
 |
Rispondi al commento

A parte che quando son le nostre aziende a comprare ditte all'estero siamo tutti felici & contenti mentre se solo lo straniero osa far altrettanto da noi siamo tutti a gridare contro il colonialismo della nostra industria--- se i nostri managers sono incapaci che non riescono a reggere la concorrenza internazionale, che dobbiamo fare? Ricorrere agli aiuti statali ed al protezionismo? Possiamo anche far leggi contro l'acqusizione delle nostre industrie da parte di non-italiani ma poi? Poi una grossa fetta delle nostre tasse sarà ulteriormente sottratta alla sanità ed all'istruzione per mantener lo status quo ed ad ingrassare i soliti furbetti del quartierino e relativi compagni di merende.
Non siamo capaci di reggere il confronto con l'estero? Allora è giusto che soccombiamo ai loro assalti, così impariamo!

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 29.05.11 13:51| 
 |
Rispondi al commento

Certo che la rinascente...farsi dare il nome da un poeta-soldato notorio per essersi fatto asportare chirurgicamente delle costole onde riuscire a farsi i pompini da solo...io se ne fossi stato il manager me ne sarei vergognato ed avrei optato per un altro nome!

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 29.05.11 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Cina India Brasile Russia ecc tutti paesi in via di sviluppo che generano ricchi che vengono in Italia a comprare le nostre aziende e poi come se non bastasse dobbiamo accogliere gli immigrati da questi paesi e dargli un lavoro perchè altrimenti siamo razzisti. E come se non bastasse dobbiamo finanziare lo sviluppo di questi paesi perchè la loro popolazione non emigri basti pensare poi ai soldi che si beccano i paesi dell'Est quando sono entrati nell' U.E. o al fatto che fino a poco tempo fà davamo più di 250 milioni di Euro alla Cina perchè era un paese in via di sviluppo(e con quei soldi magari si comprono le aziende italiane).
Anche quando noi emigravamo gli inprenditori italiani andavano in America Argentina Australia a comprare aziende e a lasciare a casa gli auctoctoni?

Nerio Cappelli 29.05.11 13:27| 
 |
Rispondi al commento

allora se un thailandese prenderà in gestione una ditta in italia innanzitutto non gli interesserà di pagare le tasse italiane ma cercherà il modo di pagarne meno. Poi al thailandese, ma anche al paraculo italiano, non interessa niente dei lavoratori italiani ma se necessario farà arrivare menager thai che cercheranno di sfruttare al max gli italiani. Inoltre prendete un bel libro di storia e leggete com'è iniziata la colonizzazione da parte degli europei nel mondo..iniziarono come mercanti finchè il loro potere non si fortificò e crearono delle zone speciali che sottostavano alle loro leggi..le colonie appunto. Ecco ora andate a prato e in altre zone del mondo dove i colonizzatori sono gli asiatici..fra un po' di anni saranno loro che verranno a fare turismo sessuale da noi e orde di giovani disperate alla ricerca di soldi non gli diranno certo di no vista la terribile situazione dell'italia..SVEGLIATEVI!!!!!!!!

rumiscu 29.05.11 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con Simone Righini: se il nuovo gestore, direttore,, proprietario riesce a prendere in mano una ditta in passivo ed a trasformarla in una ditta che produce utili, chissenefrega della sua nazionalità?

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 29.05.11 12:49| 
 |
Rispondi al commento

Si possono vendere tutti gli alberghi, bar, ristoranti, discoteche della riviera romagnola ai cinesi, giapponesi, coreani, thailandesi ecc? Almeno così avremo la costa piena di bellissime ragazze orientali, le mie preferite!

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 29.05.11 12:42| 
 |
Rispondi al commento

mah non ho capito perchè questa negatività a priori quando si tratta di investitori esteri. Se i proprietati attuali dimostrano di non saper gestire l'economia alla base delle società, che male c'è nel cederle a chi invece magari lo sa fare? Società economicamente stabili anche se di proprietà estera lasceranno comunque le tasse in italia e faranno comunque lavorare mano d'opera italiana. Perchè mettere in piedi questo razzismo al contrario? Una ditta con gestione di ladri italiani è sempre meglio di una ditta con gestione estera? non credo. Voi perchè lo credete?

simone righini (seo), parma Commentatore certificato 29.05.11 10:58| 
 |
Rispondi al commento

siamo arrivati aala frutta

roberto m. 29.05.11 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo SOLO imprenditori buoni a piangere CASSA allo stato e chiedere GRATIS le concessioni come l'acqua!

come la MARCEGAGLIA, nell'ultimo suo discorso.

Poi...appena possono guadagnare poco in piu' si trasferiscono all'estero!

W le COOPERATIVE di cittadini!!!!!!!!!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 29.05.11 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma dove li trovano, su media shopping? cmq mi gioco tutto quello che ho.. (un pacchetto di sigarette) che la causa di tutto questo e un "certo" sign.tremonti! in arte sul blog "tremorti"..

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 29.05.11 09:34| 
 |
Rispondi al commento

La Fiat ha il dono di re Mida alla rovescia!

luca 29.05.11 09:25| 
 |
Rispondi al commento

Sono stato in Thailandia. Ho visitato anche la capitale Bangkok. A parte i momumenti (bellissimo il palazzo Reale) due cose mi hanno colpito per la loro grandezza e il loro splendore (per entrare nel tema del post): un centro commerciale pieno di negozi di abiti firmati e ristoranti alla moda e l'aeroporto. Pensavo come, in confronto, via Montenapoleone e l'aeroporto Malpensa fossero cose ridicole. Noi italiani ci sentiamo al centro del mondo, ma forse bisognerebbe allargare un po' la nostra visuale.

Claudio C 29.05.11 07:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perche ci danno la possibilita di comprare una cosa al momento senza darle soldi pero ci fanno fare una finanziaria ? Potete rispondere E GRATIS

andrea vargiolu, Cagliari Commentatore certificato 29.05.11 06:07| 
 |
Rispondi al commento

....
......può essere utile questo contributo?
http://www.youtube.com/watch?v=cMxpetcxDrA


Non c'è nessun declino.

è l'ASIA (e anche i paesi BRICS in generale,soprattutto Brasile) che sta crescendo a ritmi vertiginosi (la Cina,l'India... anche paesi come la Thailandia e che erano un tempo considerati terzo mondo) e che con i suoi capitali entra nella finanza,nell'industria,nel commercio dei paesi occidentali così come le multinazionali e aziende occidentali investono,comprano e producono nei mercati asiatici.

Se vogliamo parlare di declino...io lo vedo soprattutto nei giovani occidentali....figli di papà e di mammà che sanno solo lamentarsi.... pretendono di guadagnare migliaia di euro dopo essersi laureati e di avere un posto fisso.... andate a vedere come lavorano in Cina e in India i neolaureati in materie difficili.... poi forse vi sveglierete....

Un imprenditore oggi può avvalersi della consulenza di un ingegnere informatico indiano che costa un terzo rispetto ad un informatico italiano.... può chiedere una consulenza ad un chimico indiano che prende 400 euro al mese invece di 2500 (e che oltretutto parla inglese come un madrelingua inglese).

LA GLOBALIZZAZIONE è il nocciolo della questione.IL paese dei BALOCCHI con Don Camillo e Peppone è FINITO!!!... Ma noi ci ritroviamo ancora i vecchi modelli e schemi del passato... parassiti e imprenditori che vivono di rendite del passato....

Non vedete che siamo tutti arroccati nelle nostre cittadine (del cazzo che non contano nulla) a difendere i nostri piccoli privilegi? L'altro giorno parlavo con un professore ordinario che si lamentava dei tagli alla sua università di provincia... ha 30 iscritti nel suo corso magistrale... e a 50 km c'è un'altra Università con un numero maggiori di iscritti... DEVI MORIRE DI FAME perchè HAI RUBATO dei soldi al centro piu grande che poteva investirli in una maniera piu proficua... questo volevo dirgli... ma mi sono morso la lingua!...

Poldo Panino 29.05.11 00:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beh, paragonare la Rinascente a un fondo di magazzino, non mi pare molto azzeccato. Poi, io non ci vedo niente di male se la gloriosa Rinascente va in mani tailandesi, perché mai? Se questo significa il rilancio del marchio e magari l'aumento dell'occupazione (nel rispetto dei lavoratori), perché no? Non sempre imprenditori, o sedicenti tali, italiani sono da preferire. Fiat è già stata ricordata nel post, e Berlusconi con la Standa, chi se lo ricorda?

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 29.05.11 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Solo un tassello nel declino di ciò che si definisce "occidente". Se solo pensiamo alla Volvo. Certo è che nel declino l'Italia è sicuramente all'avanguardia

stefano giuiusa, novara Commentatore certificato 28.05.11 23:53| 
 |
Rispondi al commento

"il suo declino iniziò con la fiat",come quasi tutto ciò dove la fiat ha messo le mani,vedi lancia,autobianchi alfa romeo,ecc.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 28.05.11 23:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori