Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'audience di Falcone


Falcone_anniversario.jpg
"Ieri sera torno a casa dopo una lunga giornata di lavoro e trovo mia moglie che segue su RAI1 il film su Giovanni Falcone. Mia suocera che capisce quasi una cippa di italiano mi chiede chi era Falcone... Le spiego in breve e a grandi linee, alla fine del film ci sta quel pezzo in originale dai funerali dove parla in chiesa la moglie distrutta dal dolore di uno degli agenti di scorta morti insieme a Falcone nell'attentato... Mi giro e vedo moglie e suocera commosse, anzi, in lacrime... Mi chiedono: "Ma che fine hanno fatto poi i colpevoli...?" Rispondo: Gli esecutori stanno in galera a vita... I mandanti li abbiamo messi a governare il paese... Ma tutti noi italiani non ci si dimentica mai di elogiare e commemorarare ogni anno la memoria di persone con un senso civico e dello Stato così alto da arrivare a farsi ammazzare, compensando alla mancanza di tali qualità della maggior parte, per difendere i diritti e la libertà di un popolo di coglioni che eravamo e siamo...! Purché faccia audience,il "sistema" Italia é disposto anche a mostrarsi in tutto il suo squallore umano e parlare male di se stesso... Tutto rimane rigorosamente funzionale al "sistema"... In mezzo il popolo coglione, almeno secondo il "sistema", che prima girava la testa dall'altra parte invece adesso c'é chi la alza... Una parte per cercare le facce e gli sguardi dei veri colpevoli... L'altra per continuare a commuoversi davanti alla TV...". Donato S., Vienna

23 Mag 2011, 19:14 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

"Amare una terra e una gente al tempo stesso che si detesta, sentirsi somiglianti e diversi, volere e disvolere, bisogna riconoscere che è un bel guaio. In questo guaio viviamo tutti noi siciliani e un guaio non è mai bello. E' certo più difficile essere siciliani che milanesi. E' forse per questo faccio il lavoro che faccio. Perché la mafia non è la Sicilia e il siciliano non è un mafioso".

Non ho trovato parole migliori di quelle che utilizzava Leonardo Sciascia quando parlava della sua Sicilia, per esprimere quel senso di rabbia che mi morde lo stomaco in giornate come queste. Oggi è 23 maggio, e diciannove anni fa, sull’autostrada A29, veniva ammazzato Giovanni Falcone. Quello che Sciascia esprimeva da siciliano nei confronti della sua Sicilia, però, io lo provo come italiano pensando alla mia Italia. Ché certamente, oggi, è più difficile essere italiani che tedeschi; ed è doveroso gridare, inoltre, che la Mafia non è l’Italia, e l’Italia non è la Mafia.

Pensando al nostro Paese, quindi, ai suoi eroi e ai suoi martiri di ieri, e agli uomini delle istituzioni di oggi, mi sale un moto acre di sdegno. E forse mi vengono in mente pensieri che sono banali, ma poco importa: del resto, in questa Italia, ormai, l’indignazione è diventata qualunquismo, e dunque chi si scandalizza è sempre banale. Preferisco rischiare di essere banale, allora, piuttosto che lasciarmi addormentare dall’anestesia che ci viene somministrata ogni giorno, e che ci fa accettare qualsiasi indegna violenza ci venga rivolta.
Per esempio, accettiamo l’ipocrisia e la sfacciataggine delle nostre classi dirigenti come se nulla fosse; come se, dopo tutto, l’ipocrisia non fosse altro che una dote necessaria per fare carriera. E allora accettiamo che a ricordare Giovanni Falcone, a commemorarne la morte e a celebrarne l’onore, quest’oggi, siano le stesse persone che nei restanti 364 giorni dell’anno non fanno altro che infangarlo, il suo ricordo, distruggendo ciò per cui lui ha dato la vita.
Perché s

Valerio Valentini 24.05.11 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Semplicemente un post FANTASTIC!!!Donato s.COMPLIMENTI!In breve hai spiegato la realtà ITALY.GRAZIE....!!A chi a scritto nei commenti:sei un credulone;tu invece sei un ........!A chi ha scritto:ma cosa hanno fatto per onorarli?Dico stavano per darci la Verità,ma li hanno fermati,prima di darci la Libertà!Prima degli attentati stavano per far saltare fuori dei dossier,che cari miei,i Demoni avrebbero fatto tanto-ma tanto di quel rumore cadendo!Comunque;POST MUI BELLO.Spiega l'ITALIANMAFIASTYLE;poi facciamo i PIANGINA quando ci dicono magari all'estero,che siamo Spaghetti-Mafia-Mandolino;oooooohhhhhh!MA è LA VERITààààààà POPOLO!!Adesso siamo quelli del BUNGA-BUNGA,non ci stupiamo.LORDARK ALFANO ma lo vedete???Minghiaaaa aaaaaahhhhh!Aaaaaaaa MAFIAAAAAA!Non vedo-non sento-non parlo,MOTTOITALIANO di grande prestigio ancora oggi.Ma poi saranno anche al 41bis i capi e i picciotti,ma che cavolo li teniamo a fare?Lo sapete che li MANTENIAMO,vero????Fanno vedere che adesso li catturano tutti;ma che stranooooooo!Provenzano e gli altri tutti in casa.Fanno vedere che sequestrano tutti i beni per MILIARDI e MILIARDI;ma dove vanno a finire?STATO E MAFIA O CAMORRA O N'ANDRANGHETA non sono Insieme;Maaaaà!Sììììì come noooooo!Domanda:ma un boss secondo voi e contento d'esser in affari con dei MORTI-DEMONI viscidi e infami???Così... è una curiosità che mi pongo dall'altra parte!!!Ci governano e siamo CREDULONIIIIII!E cari miei SVEGLIARSI è DURA,e purtroppo ancora in TANTI si devono SVEGLIARE.Magari mi direte che sembro uno di quei cospirazionisti megalomani;vi dico:siete sicuri che i cospirazionisti son tutti fuori di testa??Pensare che le Mafie dovrebbero avere un codice comunque"""d'onore"""per dire,nella quale non dovrebbero andare Oltre;in passato le TRIADI cinesi e YAKUZA giapponese quantomeno un codice morale ce l'avevano ancora;ma quà bòòòòò!Valli a capire;in effetti in Italia capire qualcosa,e compito ARDUO.Caro Donato s.,da Vienna ti saluto,e bravo per il post.SVEGLIAMOCIIIII

alberto pepe, torino Commentatore certificato 24.05.11 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Continuano i soprusi da parte di Equitalia, che non si limitano alle sole ipoteche, ma vanno molto oltre, non facciamoci più prendere in giro manifestiamo il 16/06/2011 a Roma contro Equitalia è ora che dalle parole si passi hai fatti o imprese e famiglie saranno sempre più perseguitate e vessate!

http://www.snarp.it/websnarp/rassegnastampa/dettagliocomunicati1.asp?id=722

Marco Grisotto 24.05.11 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Che bello quello che hai scritto, e come è vero! In poche righe sintetiche hai trasmesso lo schifo in cui siamo,la speranza, la commozione e il rispetto per persone che purtroppo non ci sono più e chissà se ce ne saranno ancora...Complimenti!

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 24.05.11 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hai perfettamente ragione Donato,a noi mi viene da dire ci va un po meglio dato che stiamo all estero ma e davvero triste la realta in Italia.
(Anche io sto a Vienna)

Dario Mancia 24.05.11 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Li abbiamo messi a governare il paese".
Che credulone che sei.

giamps(belluno) 24.05.11 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Lo stato e' la mafia, il male come sempre viene da dentro

Giorgio Rossi 24.05.11 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo Commento,
racconti di cose tanto VERE, quanto...DOLOROSE.
...che amarezza...

Ciao Donato

anib roma Commentatore certificato 24.05.11 11:16| 
 |
Rispondi al commento

"Tutto rimane rigorosamente funzionale al "sistema"..."

non potevi dirla più giusta.

Forza e coraggio.

Fortunato Semitrovi 24.05.11 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Farsi ammazzare per una nazione che, affossa il lavoro fatto e che decretò la propria condanna a morte, lascia soli i congiunti dei militari della scorta periti per difenderci, sbeffeggia la memoria facendo ricordare pubblicamente i fatti dalle stesse persone che furono oggetto delle indagini, e per sfregio cambia persino i cartelli commemorativi dalle strade dedicate ...se non è eroismo fare un tale lavoro in un epoca dove tutti cercano il tornaconto facile, la notorietà ad ogni costo e gli ideali vengono ridicolizzati...Mi chiedo dove saremo finiti se non fossero mai esistiti, o non esistessero personaggi del loro calibro !!!

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.05.11 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Giustizia: sulla riforma botta e risposta Grasso-Alfano. Vedendo le immagini televisive ho notato che il signor Alfano non guardava mai negli occhi il suo interlocutore. Ecco quale è l'immagine dei nostri politici, i veri mafiosi della democrazia.
Non vedo, non sento, non parlo.
Per non parlare del signor Tremonti, il quale dopo avere letto in qualche agenzia di stampa che l'Italia è un paese sull'orlo di un precipizio, ha subito ribadito che il nostro paese è solido.
Chissà di quale paese parla!!!!!!!!!!!!!!
Gente strapagata per ascoltare le esigenze dei CITTADINI e per risolverne i problemi che si porta dietro il memorandum berluscones e recita la sua particina di comparsa in attesa del premio oscar. Per un paradosso il più "estremista" politico di oggi è tale cardinal Bagnasco: politica inguardabile e stampa troppo fusa con la politica. A Beppe e a tutti gli amici del M5S desidero rivolgere un invito: non è più possibile aspettare, abbiamo un dovere nei confronti nostri, dei nostri figli e nipoti e delle future generazioni. PORTARE LA DEMOCRAZIA IN QUESTO PAESE
LOOK YOUR EYES
Guardiamoli negli occhi.
Con dignità, con coraggio, con convinzione.

Rosario T., Imola Commentatore certificato 24.05.11 07:40| 
 |
Rispondi al commento

Davvero bel post: impietosa fotografia dell'italia (i minuscola voluta) del nostro tempo.

Antonio P 24.05.11 02:39| 
 |
Rispondi al commento

DAVVERO UN COMMENTO MOLTO SENTITO E REALISTA.

Anna A., Foggia Commentatore certificato 23.05.11 23:50| 
 |
Rispondi al commento

STRANO MA VERO

A Palermo sabato il quotidiano repubblica
è stato distribuito con molto ritardo.

Quando ho potuto comprarne una copia,
non mi ero accorto che mancava la pagina
dedicata alla mia città.

E visto che domenica, non vi era nessuna citazione
alla ricorrenza della strage di Capaci e ai Magistrati Falcone e Borsellino, devo dedurre che le notizie attinenti alla manifestazione stessa, erano in quelle di sabato.

Quanto da me scritto, non vuole assolutamente
mettere in dubbio che qualche giornale ne abbia parlato. Ma, resta il fatto che, coicidenze a parte molti lettori sicuramente saranno rimasti all'oscuro sia della ricorrenza che dei cambiamenti in corso dei percorsi del corteo.

Il canterino Commentatore certificato 23.05.11 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Un post veramente toccante, di rara sensibilità.
I miei complimenti.

Alina F., Varese Commentatore certificato 23.05.11 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Grande Donato.....

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.05.11 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Permettetemi una cosa? Tutti ne parlano...ma qualcuno avrebbe la cortesia di spiegarmi cosa poi avrebbero fatto di cosi importante Falcone e Borsellino?
Grazie.

Marco ., Pontremoli Commentatore certificato 23.05.11 20:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

pienamente d'accordo

Michele Ambrosini 23.05.11 20:17| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=Dub3kZH6ohE&feature=fvst

POVERA PATRIA.

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 23.05.11 20:09| 
 |
Rispondi al commento

un bell'articolo a riguardo..
http://generazioneprecaria.wordpress.com/2011/05/23/gli-occhi-e-il-sorriso-di-giovanni-falcone/

LuxTux 23.05.11 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Commento bellissimo Donato.

silvanetta* . Commentatore certificato 23.05.11 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori