Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Sardegna senza pace


Sardegna_militarizzata.jpg
"Nei prossimi mesi dovrebbero essere installati cinque radar militari, di produzione israeliana, su altrettanti promontori lungo la costa occidentale della Sardegna. I siti individuati dalla Guardia di Finanza, il corpo scelto per questa operazione, sono, da sud a nord, Capo Sperone nell'isola di Sant'Antioco, Capo Pecora nella parte che ricade sotto il comune di Fluminimaggiore, Punta Foghe nel territorio comunale di Tresnuraghes, Capo Falcone a Stintino e Punta Scomunica all'Asinara. I radar dovrebbero entrare a far parte di una rete di diciassette installazioni sparse in tutta Italia, per dar vita a un muro elettromagnetico a difesa della Fortezza Europa. Ma difendersi da chi? Questi radar saranno in parte adoperati per combattere le migrazioni dalle coste del nord Africa a quelle del sud Europa. Permetteranno di intercettare le barche di migranti a svariati km dalle coste ancora in acque internazionali, dove quindi sono concessi i respingimenti a mare, operazioni che causano migliaia di morti. D'altra parte questa rete elettromagnetica si prepara ad essere d'appoggio alle guerre neocoloniali che l'occidente ha intenzione di proseguire nel nord africa e rappresenta una militarizzazione ulteriore di un territorio già occupato e massacrato dalle servitù militari. I radar avranno naturalmente anche delle ricadute a livello paesaggistico, naturalistico, economico e sanitario. Infatti non è difficile pensare che un traliccio bianco di trenta metri non sia l'attrattiva di cui vuole godere un turista, flora e fauna patiranno moltissimo l'inquinamento." eva a.

19 Mag 2011, 22:40 | Scrivi | Commenti (41) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Questa politica è la continuazione di come la destra e la sinistra non riescono a fare i conti con tutti i cadaveri che hanno negli armadi di tutti i partiti (campi di sterminio nazisti e campi di lavoro staliniani.il cui obbiettivo principale di questi è stato sempre di distruggere tutti i tipi di opposizione democratica con l'eliminazione fisica).
Le guerre che oggi si fanno per la pace sono la continazione dello stesso disegno politico portato avanti da 250 cinquanta famiglie occidentali che hanno il possesso del 50% del bip mondiale le favole della democrazia occidentale sono solo dei talck sho che ci presentano in televisione .Lo scontro tra Debenetti sinistra e berlusconi non ci interessa,dietro questi signori ci sono trame di sinistra e didestra che al cittadino comune non possono interessaRE IN QUANTO
QUESTI SIGNORI SONO STATI SEMPRE DEI GOLPISTI DELLA DEMOCRAZIA DI BASE,DIETRO I QUALI SI CELANO I SIONISTI ;IL CUI VALORE ESSENZIALE è SOLO IL DIO DENARO.Distrugiamo questi personaggi dalle nostre teste e potremmo forse cominciare a costruire un mondo piu pulito.
e' la gente quella che conta e non dei premier che sono solo dei cadaveri anbulanti che raccontano falsita che fanno diventare verita ripetendole in televisione dalla mattina alla sera.La rivoluzione pacifica del terzo millennio è cominciata portiamola avanti.Filos

Montalto filomeno Luigi 21.05.11 09:00| 
 |
Rispondi al commento

5)
Calabria, Sicilia e Sardegna.

L’altro pilastro della partnership è rappresentato dalle esercitazioni dei reparti d’élite delle forze armate italo-israeliane. Buona parte di esse si tengono da alcuni anni nei grandi poligoni militari della Sardegna e nell’aeroporto di Decimomannu (Cagliari). Gli ultimi giochi di guerra in grande scala risalgono al novembre 2010, quando 38 aerei da guerra e oltre 600 militari italiani ed israeliani si sono dati appuntamento a Decimomannu per l’esercitazione “Vega”. Per diversi giorni sono stati simulati duelli aerei ed eseguiti bombardamenti con missili aria-terra. Protagonisti gli squadroni con caccia F-15 della base di Tel Nof (a sud di Tel Aviv) ed F-16 della base di Nevatim (Neghev) e un velivolo senza pilota “Eitam” G550, il drone di maggiori dimensioni sino ad ora costruito in Israele, al suo esordio in un campo di battaglia. In prima linea per l’Italia i cacciabombardieri Tornado ECR del 50° Stormo, gli F-16 del 37° Stormo, gli Amx ”Ghibli” del 32° Stormo e gli Eurofighter ”Typhoon” del 4° Stormo. Proprio i reparti che quattro mesi più tardi - con la benedizione del presidente Napolitano - sarebbero stati destinati da Berlusconi e La Russa alle operazioni di bombardamento in Libia.

http://www.forumpalestina.org/news/2011/Maggio11/19-05-11PartnershipItaliaIsraele.htm

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 20.05.11 22:54| 
 |
Rispondi al commento

4)
L’Università di Tor Vergata compare pure nel programma di sviluppo della rete di telecomunicazione satellitare “Savion” (Satellite Autoconfigurable Voice Image data Overlay Network) per il coordinamento degli interventi in “situazioni di sicurezza ed emergenza”. Il nuovo sistema, sperimentato nel maggio 2006 a Riva del Garda dalle società Telespazio e Maxtech, è finanziato dall’Unione europea e dai ministeri degli esteri di Italia ed Israele.

Il nostro paese, più che un esportatore di armamenti è un cliente preferenziale di Israele: negli ultimi due anni le importazioni di tecnologie militari hanno superato il valore complessivo di 50,7 milioni di euro. Tra le principali acquirenti l’industria Simmel che si rifornisce in Israele di componenti per bombe e la Beretta (componenti per armi automatiche, pistole e mitragliatori). Ci sono poi le acquisizioni di materiale bellico realizzate con fondi non provenienti dal ministero della difesa, come avvenuto ad esempio con una decina di radar fissi e mobili EL/M-2226 ACSR (Advanced Coastal Surveillance Radar) realizzati da Elta Systems, società controllata dalla Israel Aerospace Industries Ltd. (IAI). I radar entreranno a far parte della nuova Rete di sensori di profondità per la sorveglianza costiera che la Guardia di finanza sta implementando per contrastare gli sbarchi dei migranti. Acquistati grazie alle risorse del “Fondo europeo per le frontiere esterne”, programma quadro 2007-08 contro i flussi migratori, le apparecchiature hanno una portata di oltre 50 chilometri e sono appositamente progettate per individuare imbarcazioni veloci di piccole dimensioni. Gli EL/M-2226 fanno parte della famiglia di trasmettitori Linear Frequency Modulated Continuous Wave (LFMCW) in X-band (dagli 8 ai 12.5 GHz di frequenza)”, che operano emettendo microonde estremamente pericolose per l’uomo, la fauna e la flora. Per la loro installazione saranno sacrificate alcune aree protette e riserve naturali di Puglia,

Segue.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 20.05.11 22:52| 
 |
Rispondi al commento

3)
e i cui riflessi nel settore militare vengono opportunamente mascherati. Nel dicembre 2005, l’allora ministra per l’istruzione e l’università, Letizia Moratti, ha firmato un decreto con il quale sono stati finanziati 52 progetti con Stati Uniti e Israele, per un ammontare complessivo di 18 milioni di euro, in aree di rilevante interesse strategico quali “bioinformatica, bioingegneria, neurobiologia, chimica-farmaceutica, gnomica-proteomica, nanotecnologia, biotecnologia, Ict e linguistica computazionale”. Il sostegno ai programmi è avvenuto attraverso il Fondo per gli investimenti della Ricerca di Base del ministero mentre le attività scientifiche sono state realizzate dalle università di Milano, Roma (“La Sapienza”), Napoli (“Federico II”), Torino, Bologna, dagli atenei israeliani di Haifa e Tel Aviv, dalla Hebrew University, dal Weizmann Institute e dall’Istituto tecnologico “Technion”.

Attingendo sempre dai fondi del Ministero per l’istruzione e la ricerca scientifica, è stato co-finanziato il programma bilaterale “Shalom” per il lancio di due satelliti dotati di sensori iperspettrali in grado di captare emissioni. I due satelliti saranno collocati nella stessa orbita della costellazione italiana d’intelligence COSMO-SkyMed e “integreranno le osservazioni radar con osservazioni nell’infrarosso visibile e ultravioletto per numerose applicazioni, compresi monitoraggio ambientale, mappatura geologica, sicurezza e gestione dei rischi ambientali”, come afferma l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), partner italiano del programma.

Finalità militari ha pure il progetto di ricerca nel campo della fotonica finanziato dalla Regione Lazio attraverso Sviluppo Lazio che vede coinvolte l’Università di Tor Vergata, Selex Communications (società del gruppo Finmeccanica specializzata nelle “comunicazioni militari e protette”) e l’azienda israeliana Lynx Photonic Network.

Segue.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 20.05.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento

2)
le vendite autorizzate al governo di Tel Aviv superano complessivamente i due milioni di euro l’anno, e riguardano in particolare “armi di calibro superiore ai 12,7mm e aeromobili, sistemi d’arma ad energia diretta e apparecchiature elettroniche”. Tra le imprese italiane coinvolte spiccano i nomi di Simmel Difesa, Beretta, Northrop Grumman Italia, Galileo Avionica, Oto Melara ed Elettronica.

A ciò vanno poi aggiunti i contratti stipulati all’estero dalle società controllate dalle holding nazionali, non considerati nei rapporti del governo. Nel dicembre 2007, ad esempio, DRS Technologies Inc., azienda del gruppo Finmeccanica con sede a Parsippany, New Jersey, ha sottoscritto un contratto di 6 milioni di dollari con l’U.S. Army’s Tank-Automotive and Armaments Command (TACOM) per produrre autoarticolati da 80 tonnellate per il trasporto dei carri armati “Merlava” in dotazione alle forze armate israeliane. Finmeccanica che con ElsagDatamat si è recentemente aggiudicata in Israele un appalto da 10 milioni di euro per la fornitura di un sistema automatico di smistamento della posta, punta ad una maggiore visibilità nel mercato armato e spera di entrare nella megacommessa autorizzata a fine 2010 da Washington per la fornitura di 20 cacciabombardieri stealth di nuova generazione F-35A Lightning II. I caccia sono prodotti dalle industrie statunitensi Lockheed Martin, Northrop Grumman e BAE Systems con il modestissimo contributo di Alenia Aeronautica. Il valore dell’accordo è stimato in 2,75 miliardi di dollari, ma potrebbero essere superati i 10 miliardi se venisse esercita un’opzione per l’acquisto di altri 55 cacciabombardieri. Le consegne avverranno a partire dal 2016 con la partecipazione di Israel Aerospace Industries e Elbit Systems.

Altrettanto significativi i numerosi progetti di “cooperazione scientifica e tecnologica” che i ministeri italiani per l’Industria e la Ricerca scientifica hanno sottoscritto in questi anni con Israele

Segue.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 20.05.11 22:48| 
 |
Rispondi al commento

Partnership Italia-Israele nel nome delle armi
di Antonio Mazzeo

Peggior giorno non poteva scegliere il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per recarsi in Israele a ricevere il Dan David, il premio da un milione di dollari che il finanziere a capo del colosso internazionale delle apparecchiature fotografiche per fototessera (Photo-Me International Plc), riconosce annualmente ai vip distintisi nella “difesa dei valori universali della giustizia, della democrazia e del progresso”. La consegna del mini Nobel è avvenuta il 15 maggio a Tel Aviv nell’intervallo tra un incontro con il presidente Shimon Peres e quello con il premier Benjamin Netanyahu, mentre alla frontiera di Israele con il Libano e la Siria era in atto la feroce repressione dei manifestanti che commemoravano la Nakba, il giorno della “catastrofe” del 1948 quando con la creazione dello stato d’Israele, decine di migliaia di palestinesi furono costretti ad abbandonare la regione nativa. Almeno una ventina le persone uccise dall’esercito, ancora una strage che per l’ennesima volta non ha turbato l’élite politica ed economica italiana che insegue lucrosi affari con le imprese israeliane.

Il core business dell’asse Roma-Tel Aviv è rappresentato dal mercato delle armi e specie con Berlusconi, l’Italia si è distinta nel tessere sempre più proficue relazioni nel campo della “difesa” e della “sicurezza”. Oltre alla recente visita di Silvio B. in Israele, le tappe del riavvicinamento armato comprendono gli incontri del novembre 2009 tra il ministro della difesa Ignazio La Russa, l’omologo israeliano Ehud Barake e Netanyahu, la visita a Roma nel luglio 2010 del Capo di stato maggiore delle forze armate israeliane, generale Gabi Ashkenazi e il vertice a settembre tra il sottosegretario alla difesa, on. Guido Corsetto e l’ambasciatore di Israele in Italia, Ghideon Meir, per verificare appunto, “l’opportunità di eventuali e future collaborazioni nel campo militare”,

Segue.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 20.05.11 22:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono un abitudinario frequentaore di blog, però, inserendomi qua e la, ho notato che gli intestatari del blog non si inseriscono mai o quasi mai, neanche quando sono chiamati in causa personalmente.
Perché?
Posso avere una risposta seria?
Edmondo

Edmondo 20.05.11 21:30| 
 |
Rispondi al commento

A che caxxo servono due radar così vicino? uno a stintino e 'altro all'asinara (dove non puoi neppure fumare una sigaretta all'aperto per preservare l'ambinte)???

Daniele Biddau, Pavia Commentatore certificato 20.05.11 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Minano la nostra salute per i loro sporchi interessi !!! Firma ora la PETIZIONE NO RADAR www.scanomontiferro.it

mauro d. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.05.11 21:18| 
 |
Rispondi al commento

ma non dovrebbe essere un segreto militare o qualcosa del genere ?

alessandro trebbi 20.05.11 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Ci devono far ammalare di LEUCEMIA , TUMORE o ELETTROSENSIBILITA ´ prima di muoverci e reagire ? Firmiamo ora la petizione NO RADAR al www.scanomontiferro.it

mauro delussu 20.05.11 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Domanda:ma i sardi e la sardegna,cosa cavolo ci hanno fatto?Non so ho sono di un'altro pianeta,e vivo nel paese delle fantasie,non so!!!Adesso sta MEGA-STR...... dei 5radar militari,per cosa poi,monitorare gli sbarchi dall'africa!Domanda ai MORTI:ma ci credete proprio COGL....,appena nati?Vi piace proprio prenderci per il CULO dalla mattina alla sera?La SARDEGNA e sotto ASSEDIO!!Aziende industriali a rischio chiusura totale,con licenziamenti di massa,e famiglie pronte a far la fame.La SINDROME di QUIRRA,grazie a quello stramaledetto Poligono Militare NATO,URANIO IMPOVERITO,con cause di TUMORI di ogni tipo sulla popolazione,malformazioni su umani e animali, e inquinamento delle falde acquifere e terreni.Petrolieri MORTI che vogliono devastare le coste.Pastori e allevatori che stanno perdendo i loro terreni,il loro lavoro,e quant'altro.Adesso i 5RADAR militari,MOSTRI sull'ambiente;ETC.ETC.!ò ma stiamo dando i numeri????I 5 RADAR per monitorare gli sbarchi?Ma che C.... state a dì!Poi guarda caso,MA GUARDA CASO,i RADAR sono di fabbricazione ISRAELIANA.E sìììììììì......;AMERICANI-ISRAELIANI-INGLESI possono sempre fare quel che vogliono,e gli altri MUTI.La triade del mondo!!!Poi i RADAR ci devono difendere,MA DA CHI????Ma COSA!!!!!Difendere da qualche poveretto che scampa dalle guerre,dagli ufo,da qualche paese,COSAAAAAAAA!!!!Non oso immaginare quale tipo di porcata c'è sotto,a questi radar,i potenti MORTI quale casino stanno per combinare!!Italia sempre a 90 quando la triade chiama-ordina!!POPOLO SVEGLIAAAAAAA......!Alla SARDEGNA tutta la mia solidarietà,siete ITALIANI e fate parte di noi,SONO CON VOI al 100%,FORZA MOVIMENTO SARDO;quà a torino avete tutto il nostro sostegno,anche dai NO-TAV!!!Gente AIUTIAMO e SALVIAMO la SARDEGNA,e un patrimonio Nazionale come la sua Gente;e dura,perchè in ITALIA grazie ai "MORTI-DIPENDENTI"di MERDA ne abbiamo Tutti,fin troppa;ma possiamo farcela.E danno AMBIENTALE saranno sti RADAR!!FORZA,LIBERTààààààà,LOTTIAMO,per il futuro!5 STELLE.

alberto pepe, torino Commentatore certificato 20.05.11 18:15| 
 |
Rispondi al commento

i radar a terra non sono ideonei a vedere sul mare aldisotto dei 10-20 metri a causa delle perturbazioni causate dalle onde del mare. un barcone puo' essere avvistato solo dagli aerei anche perche' e' di legno e di piccole dimensioni. angelo

angelo mora 20.05.11 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Le menzogne hanno le gambe corte specie se le persone che le ascoltano macinano un po' di geometria.
Un radar per vedere un barcone alto 2 metri (per effetto della curvatura terrestre) dovrebbe essere alto 3km per vedere un barca a 200km di distanza, 100m per vederne una a 40km di distanza.
Sicuri che serviranno a vedere i barconi??

giojek 20.05.11 17:13| 
 |
Rispondi al commento

per essere precisi l'attenuazione delle onde radio e' 20 volte il logaritmo in base e del prodotto della distanza e proporzionale alla frequenza. piu' le frequenze sono alte piu' si attenuano. quasi tutte le normative mondiali stabiliscono un livello di 6v/mt come pericoloso. Un wifi ha un eirp di 10 mw (millesimi di watts) un radar anche 100 Mw (milioni di watt), i telefonini invece anche 1 w e i 6 volts li superano ampiamente in quanto l'antenna e' ad un centimetro dalla testa . nei radar saranno pure impulsivi ma ritornano ogni 4 secondi nella stessa posizione e se c'e' in mezzo una casa fanno danni fino a qualche centinaio di metri. in piu' le frequenze sono dei ghz. per sapere cosa fanno le onde radio basta vedere vicino alle antenne di radio vaticana a roma ,dove le leucemie sono da 4 a 10 volte sopra la media nazionale. in piu' le onde di radio mafiavaticana sono decametriche , meno penetranti. Sulla sterilita' vi posso garantire che sono un test vivente : ho installato per 25 anni ponti radio dove le potenze erano da forno a microonde , toccando le maniglie delle porte mi ustionavo le mani e ho una bambina bellissima. pero' sui tumori o leleucemie ci starei cauto , i dati medici sono chiari , i rischi ci sono e seri.

angelo mora 20.05.11 15:08| 
 |
Rispondi al commento

cosa vogliono mettere? il nucleare? toh!
http://lanuovasardegna.gelocal.it/sardegna/2011/05/18/news/radar-delle-polemiche-all-argentiera-incendiata-villa-4219928

Alessandro P., Assemini Commentatore certificato 20.05.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

sono allibito,leggo i commenti e vedo forse non fa male,magari e un bene,se non stai troppo vicino forse...voi non avete capito dove vogliono costruire,sono tutte zone incontaminate sul mare..ieri son stato all'argentiera,dove da un giorno all'altro hanno iniziato a sventrare una montagna,finche' non li hanno visti e cacciati,e ora la strada e'chiusa..vi descrivo il posto..dal paesino si sale in mezzo a valli di macchia mediterranea,finche' non si arriva sulla punta,una scogliera affacciata su un mare cristallino con vista mozzafiato,un paradiso,un posto dove fino al giorno prima la forestale non permetteva di raccogliere neanche la legna secca,e dove ci sono pecore(che per chi non lo sa si mangiano)..capite che la gente a prenderla per il culo poi e' normale che si incazzi..comunque ci sono presidi permanenti a tresnuraghes e sant'antioco,e mi dispiace per loro ma la gente non ne vuole sapere,la sardegna e'stanca di essere seviziata e umiliata da questa gente,ridateci la meta' delle zone occupate militarmente poi magari un radar ve lo facciamo fare...
p.s.questo e' un proggetto della comunita' europea che prevede una discussione e un'informazione per le persone del luogo..qui si fa tutto di nascosto...e ora non se ne fa niente..

paolo oggiano 20.05.11 13:44| 
 |
Rispondi al commento

contro i piloni eolici uno sgarbi qualunque sarebbe pronto a urlare "capra" per almeno 20 minuti. Contro antenne inutili di 30 metri non ho ancora sentito nessuna "capra" provenire da nessun sgarbi qualunque...

Ferdinando A. Commentatore certificato 20.05.11 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Decimomannu: Aeronautica, esercitazione italo-israeliana.

http://www.unionesarda.it/Articoli/News/203328

Arzân 20.05.11 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma no!

Non è possibile!!

E' tutto falso!!!

I sardi hanno votato per Silvio, no?

Quindi è per forza l'ennesima montatura della sinistra!

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 20.05.11 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Era proprio necessario il vezzo antisemita di sottolineare la "produzione israeliana" come se la colpa fosse di chi li produce e non di chi eventualmente li monta?

Paolo Tatti 20.05.11 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MANCANO SOLO 20 GIORNI AI REFERENDUM.
BISOGNA DARSI DA FARE.
PROPAGANDIAMO LA PARTECIPAZIONE AI REFERENDUM.
FACCIAMO IL POSSIBILE.
IL TEMPO STRINGE!!!!!!!

mario z. 20.05.11 11:36| 
 |
Rispondi al commento

I radar militari generano fasci a microonde molto collimati e potenti. A distanza di pochi metri io proprio non ci passerei... si rischia la sterilità.

Paolo Marani (marantz), Cesena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.05.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

ma ....radar a Stintino? ... i migranti arrivano dalla spagna???Che dista tra l'altro 400km...forse han paura che con il raddoppio dei prezzi dei traghetti per la sardegna la gente cerchi vie alternative :D

mario tosatto 20.05.11 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Se qualcuno aveva dei dubbi adesso ha la certezza che siamo il Paese delle Banane.
Ma come, eravamo all'avanguardia nell'elettronica e adesso non siamo capaci di costruirci una stronzata elettronica quale è un Radar?
Comperiamo tecnologia dall'estero. Bella prospettiva.
In compenso esporteremo monnezza?

giorgio peruffo Commentatore certificato 20.05.11 09:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma se le onde radio fan male che senso ha puntare su internet tramite wifi e umts? Sono tutte onde radio anche quelle, siamo immersi in un mondo di onde radio. C'è mai stato qualcuno che ha dimostrato che facciano male alla salute?

E' una vera curiosità la mia

Luca 20.05.11 09:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma è possibile che la nostra Sardegna debba soltanto subire? Si sono già presi il nord, la costa orientale, vogliono l'occidentale.. Dobbiamo fare un referendum anche per questo? La Sardegna appartiene ai Sardi, DIFENDIAMOLA!!

giovanni g. 20.05.11 08:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno rotto il cazzo, basta installazioni radio!!!!!!!!!!!!!!

Alberto S., Fiumicino (Roma) Commentatore certificato 20.05.11 04:02| 
 |
Rispondi al commento

il problema che tutti i radare di lunga ortata sono pericolosi se il fascio elettromagnetico colpisce degli esseri viventi a breve distanza.

per evitare che qualcuno possa trovarsi di fronte al fascio di onde elettromagnetiche si fanno dei tralicci alti per ospitare le parabole e si mettono questi radar in zone poco abitate.

le onde elettromagnetiche si riducono col quadrato della distanza perciò dopo quelche centinaio di metri il pericolo diventa minimo anche in virtù del fatto che il segnale è impuilsivo e non prolungato nel tempo.

speriamo che non facciano troppi danni alla salute dei residenti.

bruno bassi 20.05.11 02:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sicuramente alcuni(forse molti) di voi conosceranno gia' il DOCUMENTARIO:
STANDING ARMY !
Invece per quelli che ancora non lo hanno visto,
dategli un okkiata. MOLTO MOLTO INTERESSANTE..
Link: http://www.italiastage.com/index.php/documentario/standing-army-sub-ita-2010-streaming-documentario-megavideo/

Yankee Doodle Cripple

Giulio Bonnoti 20.05.11 00:31| 
 |
Rispondi al commento

Sì, in parte sono d'accordo, ma non credo che questi radar serviranno solo per scopi negativi. Sorvegliare e avere più informazioni per quell’area penso che sarà anche una cosa positiva. Magari sarà più facile intercettare un richiamo d’aiuto oppure trovare i colpevoli di crimini commessi. Come trovare i scafisti che oggi hanno buttato in mare dei profughi causando la morte dei 2 di loro…

Hendrik G. 19.05.11 23:24| 
 |
Rispondi al commento

un radar emette una potenza eirp di qualche milione di watt per pochi millisecondi. chi si trova a vivere all'interno del fascio di emissione , specialmente se bambini ha centinaia di volte possibilita' di ammalarsi di leucemia. negli anni 60 a berlino est il kgb aveva installato il piu' potente radar mai costruito, questo irradiava su berlino e infatti i casi di leucemia infantile erano molte volte superiori alla media , ma ai fobici militari ,che si devono costruire nemici altrimenti cessa lo scopo della loro esistenza, questo non interessa. angelo

angelo mora 19.05.11 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori