Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

USA, debito pubblico e armi


US_Air_Force.jpg
Se la Grecia va in default le conseguenze saranno comunque limitate. I greci diventeranno più poveri, la UE più instabile, l'euro perderà valore e chi ha comprato titoli di Stato ellenici, come Formigoni (115 milioni di euro) per la Regione Lombardia, si attaccherà al tram (in questo caso più i lombardi del loro governatore abusivo). Se gli Stati Uniti vanno in default la questione è completamente diversa e gli effetti imprevedibili. Di fronte al debito pubblico americano di 14.260 miliardi di dollari la mente vacilla. E' un numero incomprensibile per un essere umano. Sta per essere raggiunto il tetto massimo di 14.294 miliardi oltre il quale per legge è previsto il default. Il segretario del Tesoro americano Geithner per evitare il crollo economico ha proposto di alzare il livello di indebitamento. Geniale, quasi meglio di Tremorti. La soluzione più ovvia, quella di diminuire drasticamente le spese militari in cui gli Stati Uniti sono primi al mondo con investimenti pari a circa 10 volte quelli di qualunque altro Paese, non è stata presa in considerazione. Forse perché gli armamenti, oltre a produrre il debito, lo garantiscono.

18 Mag 2011, 22:19 | Scrivi | Commenti (86) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ragazzi svegliamoci se no ai nostri figli lasceremo macerie e dolore'quindi incominciamo a dire basta a questa casta sporca e corrotta e promoviamo questo referendum per l'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti,si devono finanziare con le tessere degli iscritti e azzeriamo gli stipendi di tutti i politici

lincimario 11.07.11 23:52| 
 |
Rispondi al commento

"Si, i fessi sono LA CINA, Il GIAPPONE e altri stati esteri che detengono
oggi il debito pubblico americano. Comunque oggi il maggiore acquirente dei
Treasury Bonds è la Federal Reserve (70%)che stampa moneta con la quale
compra i bonds emessi dal tesoro attraverso la formula del Quantitative
Easing, una bella parolina che significa stampa di carta straccia in cambio
di altra carta straccia, alla quale il pubblico riconosce un valore
formale. Se la Fed smettesse di colpo l'acquisto dei bonds non ci sarebbero
acquirenti a sufficienza sul mercato per finanziare le astronomiche spese a
meno che il tesoro decida di alzare di un bel pò i tassi di interesse 8-10%
almeno. Questo porterebbe l'onere per l'interesse sul debito pubblico a
livelli esplosivi...sounds familiar?"

alessandro scaglietta 20.05.11 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Non solo le spese anche militari garantiscono il debito USA ma anche la fedelta' di molti politici non USA.Infatti bisognerebbe capire dove vogliono andare a parare tutti i magheggi che ci sono intorno a Strauss Kahn e all’euro considerato che la probabile successora di DSK all’FMI e’ la ministra francese Lagarde che proprio oggi se ne uscita dicendo che la Grecia e’ a rischio default. Affermazione che mi sembra strampalata sia per un ministro di un paese UE che dovrebbe difendere l’euro dalla speculazione sia per la pochezza dell’economia della Grecia che ricordiamoci ha solo 11 milioni di abitanti cioe’ il 5% della UE. C’e'poi la solita agenzia di rating Fitch, quella che durante il governo Prodi minacciava sempre di abbassarci il rating, che ha, ovviamente in linea con la Lagarde, abbassato il rating alla Grecia. C'e' una lotta assurda per difendere il dollaro come unica moneta per gli scambi commerciali contro l'euro. E in questa battaglia sembra che Sarkozy e tutto il suo staff siano scesi a fianco degli USA come per l'aggressione alla Libia. Magari a Sarkozy, se dovesse perdere le elezioni presidenziali francesi, pur con il favore che gli USA gli hanno fatto con il presuntissimo stupro di Strauss Kahn, saranno state fatte promesse di un posto alla JPMorgan, come per Blair o chissa' dove. Comunque siamo sicuri che la Francia di Sarkozy sia ancora un paese UE?

Maria Cristina Ginobbi 20.05.11 18:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gli USA non possono fallire, il dollaro e moneta sovrana (come la lira di una volta ) semplicementa la svalutano, esempio: chi possiede una cambiale USA un debito di 100.000 DOLLARI oggi può andare in USA e si puo comprare una casa, svalutandolo chi possiede la cambiale da 100.000 dollari va in USA e si compra un panino e cosi il debito e annullato, chi ci rimette e il fesso che ha anticipato qualcosa agli USA in cambio della semplice carta con su scritto 100.000 dollari.

domenico c., palmi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.05.11 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In realtà, il debito americano è pagato da tutto il resto del mondo, in quanto il dollaro è la moneta di scambio internazionale, e tutte le tensioni su questa moneta si scaricano quindi, automaticamente sul mercato.
E' vero poi, che l'immenso debito americano non è garantito dai titoli emessi dal governo, ma dagli F16 e dai cruise.

luigi d. Commentatore certificato 20.05.11 14:42| 
 |
Rispondi al commento

La verità e che questa ricchezza si fonda sul debito e sulla desurpazione, se le nostre donne vogliono le pellicce se tutti vogliamo l'automobile ecc... bisognerà per forza depredare qualkuno, l'uomo da quando è nato depreda kn le guerre ma è naturale ke sia kosì, purtroppo x noi siamo riusciti a costruire l'ultima arma usata quella nn ci sarà più niente... Il mio consiglio è godetevela finke potete, cambiare costa troppo nn è x noi nn è x l'uomo prendere consapevolezza di ciò ke lo circonda ed adattarsi ad esso, rispettare il prossimo meglio uccidere il prossimo x prendergli tutto ciò ke si può... Nke xkè kosì facendo porto il pane a casa e mia moglie è felice più ke se dovessi rispettare tutti, e tutti sono più felici.

Jack Trek 20.05.11 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io sapevo che gli USA avevano tagliato moltissimo alle spese militari nonchè alle missioni aereospaziali.
Per esempio erano stati accantonati i progetti di un elicottero ed un nuovo aereo stealth (che sarebbero costati miliardi di $ solo di progettazione per non parlare della costruzione), inoltre sono state annullate le nuove missioni sulla luna e mandati tutti gli shuttle in pensione senza averli rimpiazzati.

Sicuramente hanno fatto meglio di noi in quanto a tagli (contando soprattutto quelli politici!), però purtroppo mi rendo conto che tagliare a zero le spese militari degli USA non è cosa facile se non impossibile, certamente qualcosina è stato fatto.

Da noi sarebbe utilissimo tagliare del 70-80% le spese militari, visto che da noi i soldati hanno la stessa utilità dei politici come Mastella, ossia nessuna.
Magari parte dei fondi potrebbero dirottarli sulla protezione civile e sulla sicurezza, e un'altra grossa fetta al ripianamento del disastrato bilancio pubblico

alessandro s. Commentatore certificato 20.05.11 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Un cambiamento così repentino modifica sia gli aspetti sociali che il tessuto finanziario e industriale dei vari paesi membri dell'euro. In aggiunta una politica monetaria di questo tipo serve come supporto ad un controllo dei tassi d'interesse e quindi al rientro dei debiti pubblici. L'attualità se controllate vede sempre la BCE preoccupata per l'inflazione e tassi d'interessi. Questo processo d'assestamento implica riforme pesanti come quella delle pensioni e la totale privatizzazione o quasi delle strutture pubbliche. Ma in alcuni casi tali riforme sono insostenibili e la società implode come in Grecia. Cosa succederebbe se, per trovare l'equilibrio matematico dei conti pubblici, la prossima riforma delle pensioni dovrà alzare l'età ad 80 anni ad esempio? Quindi questo processo si sta muovendo cercando di applicare le riforme più drastiche e al tempo stesso accettabili ma richiederà tempo. Serviranno decadi prima che esso si riequilibri. Questo va di pari passo con l'uomo, poichè l'economia è l'attività dell'uomo. E l'ultimo dato di studio riguarda appunto l'andamento demografico, non solo nazionale. Vi è infatti un problema di fondo che sarà sempre di natura Malthusiana, solo che nel passato era regolato da mercati diversi o da sistemi comunisti mentre ora si cerca di regolarlo con un mercato di concorrenza perfetta perchè teoricamente quello più efficace ed efficiente. Può darsi che il sistema sarà in equilibrio con una popolazione mondiale di 3 miliardi di persone invece che di 6, nessuno può dirlo a priori. E' probabile che questa soglia sia già stata nettamente superata senza averne coscienza. E mentre i mercati si riequilibreranno dovremo vedere se l'ambiente, cioè la Terra, sarà in grado di sostenere il genere umano.

Giovanni F. Commentatore certificato 20.05.11 11:11| 
 |
Rispondi al commento

in effetti mi stavo chiedendo da tempo come facessero a non crollare ...

nello stesso tempo vedo che purtroppo, non sta succedendo se non in minima parte quello che speravo succedesse, ovvero che le guerre finissero (almeno) per mancanza di soldi ...

peccato che la carte di credito servano anche per fare le guerre

Claudio Porcellana 20.05.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Gli economisti concordano che per creare un sistema equilibrato e in grado di reggersi sia necessario un mercato di concorrenza perfetta. Questo mercato è una sorta di utopia. Esiste da un punto di vista teorico, tonnellate di libri vi sono dedicati, ma all'atto pratico è difficile da realizzare. I mercati per essere tali vanno regolamentati con meccanismi legislativi che devono essere applicati. E' un modello di riferimento al quale bisogna puntare secondo gli economisti anche se all'atto pratico difficile da raggiungere in toto. Un esempio è il passaggio dal sistema pensionistico retributivo a quello contributivo. Questo tipo di mercato è in grado di autoregolarsi, tuttavia attualmente questa spinta è stata persino abbandonata dalla UE. Il problema principale è che nello stesso momento temporale, cioè nello stesso periodo storico, i nostri giorni, si sta attraversando una fase di globalizzazione per i paesi asiatici, sud americani e, in fase d'avvio, gli africani e la tempo stesso di regolamentazione dei vecchi mercati occidentali. La combinazione di questi 2 fattori sta spingendo le società mondiali verso lo scontro perchè tale processo avviene troppo velocemente. Per regolare tale cambiamento, che era già stato previsto da politici ed economisti, si sono fatte diverse politiche monetarie, tra le quali la creazione della moneta unica europea. Una guerra che oltre a vedere società e mercati coinvolge anche le monete. L'euro forte viene tenuto apposta per avere maggiore potere d'acquisto sulle materie prime. Tuttavia questo implica sacrifici per l'economia degli stati europei. In modo particolare per stati che già vantavano un deficit strutturale. Se da un lato tale politica monetaria mira al cambiamento dei rapporti economici interni,verso l'estero ci fa passare dallo stato - a +. Prima l'Italia svalutava la lira ed esportava. Ora i vantaggi sono tutti nell'importare.

Giovanni F. Commentatore certificato 20.05.11 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, leggere le news in questo Blog sta cominciando a diventare come guardare Report in tv. Ci vuole una preparazione a base di Valium!
:(

Giuseppe C., Catania Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 20.05.11 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Ma se esiste un debito pubblico così alto in 1
continente dove lo Stato Sociale è ridotto al minimo
i ns. che cazzo ci rompono i coglioni con pensioni,
sanità,istruzione,etc.......??????????????
Ricordiamoci sempre che R.Kennedy se ne sbatteva di
PIL e debito pubblico.

basilio grabotti 20.05.11 05:58| 
 |
Rispondi al commento

Il debito pubblico "ufficiale" degli USA è soltanto una goccia nel mare rispetto a quello reale. Oggi in America abbiamo un "warfare-wellfare" State. 45 milioni di americani mangiano con i buoni pasto "food stamps" mentre hanno truppe in circa 90 paesi nel mondo. Inoltre, le "unfunded liabilities" cioè le spese sociali previste per previdenza e sanità appena andranno in pensione i baby boomers porteranno la spesa pubblica totale tra i 50 e i 75 trilioni di dollari che sono 50.000 miliardi dollari (fonte Bud Conrad del Casey Research Center e altri). Questo debito è irrepagabile se non stampando masse enormi di denaro che potrebbero scatenare un'iperinflazione senza controllo (runaway inflation) con prezzi di petrolio, materie prime, metalli preziosi e derrate alimentari che potrebbero aumentare in maniera esponenziale. le classi meno abbienti e medie rischiano di venire economicamente distrutte e le valute pari alla carta straccia. Già oggi ne vediamo gli effetti, qualche dato: nell'ultimo anno l'argento ha guadagnato + 140%, oro + 30%, zucchero +80%, petrolio + 150% (min.2008) e così via..nei prossimi anni vedremo prezzi ancora più alti perchè i politici non vogliono dire la verità e il loro interesse è solo quello di sopravvivere per un altro mandato elettorale piuttosto che mettere in atto sane (e dolorose) politiche di ristrutturazione dell'economia e risananmento del debito pubblico.

alessandro scaglietta 19.05.11 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli americani al potere sono schiavi dei soldi e del potere........per fare altri soldi..........
Esempi: Halliburton, raytheon, fondazione Clinton sulle ricognizioni minerarie e poi c'è la guerra con tutto l'indotto!!!

Rispondetemi!!! Dove sono le armi di distruzione di massa di Saddam, per le quali tanti soldati sono andati in guerra ed alcuni sono morti? Non esistono! erano un trucco mediatico per giustificare una guerra per il petrolio.........Vi ricordate vero?
Mi piacerebbe una vs.riflessione.........

Pier Ivy 19.05.11 17:57| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno mi può spiegare cosa succede dopo che uno stato va in default!?

Morris I., Vicenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.05.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Magari è un cane che si morde la coda, a causa del debito sovrano, si finanziano gli armamenti, che richiedono ulteriore debito che induce ulteriori finanziamenti militari.
E alla fine magari scopri che senza gli armamenti militari, non c'era neanche debito.

RBendo 19.05.11 16:07| 
 |
Rispondi al commento

COSA ACCADREBBE SE SI PENSASSE CHE GLI STATI UNITI SONO VICINI AL DEFAULT?

Lunedì il governo degli Stati Uniti ha raggiunto il limite dettato dal suo statuto per la concessione dei prestiti (14,29 trilioni di dollari), il cosiddetto "tetto del debito". Ciò significa che il Segretario del Tesoro, Timothy Geithner, ha iniziato a mettere in opera il piano emergenziale per mantenere in sella il governo e per pagare i possessori dei bond mentre la Casa Bianca e il Congresso stanno elaborando i dettagli finali dell’accordo sul bilancio. Ma le manovre contabili di Geithner funzioneranno solo per un breve periodo. Se per l’inizio di agosto non verrà raggiunto un compromesso sul bilancio, "l’ultimo prestatore” e gli Stati Uniti andranno in default.

Alcuni parlamentari Repubblicani credono che un default non sarebbe così grave e che i possessori di titoli e i beneficiari della Social Security avranno gli assegni solo un po’ di tempo più tardi. Ma questa gente davvero non comprende come stanno le cose e quello che è realmente in gioco. Con le parole di Greg Ip, dell’Economist: "I debiti del Tesoro sono il fondamento di una vasta e complessa rete di relazioni finanziarie in tutto il mondo che verrebbero sconquassate anche da un default tecnico." La sola allusione al fatto che gli Stati Uniti ritardino i pagamenti ai possessori delle obbligazione sconvolgerebbe i mercati e causerebbe un danno irreversibile alle casse del Tesoro. E porterebbe la quotazione del dollaro in picchiata e, probabilmente, sarebbe la fine del ruolo del dollaro come divisa di riserva del pianeta. Ecco un estratto da un post di un economista, Menzie Chinn, che riassume tutto perfettamente:"....se tutto questo provocherà una contrazione del valore del dollaro, impedirebbe di poter alzare il tetto del debito in modo opportuno.

Segue.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente un post che parla di debito pubblico in dollari, invece delle inutili percentuali sul PIL.

Mi preme segnalare che il "tetto massimo di 14.294 miliardi" è cresciuto gradualmente col tempo, non è che Geithner sta facendo qualcosa di strano, è sempre stato aumentato il limite di debito, si tratta di un numero sulla carta.

Non è certo un numero particolare, un limite massimo deciso alla nascita degli stati uniti :)

La spesa militare è dettata dal petrolio. Chiedete ad un americano che cosa scegliere tra
la pace nel mondo e il petrolio a $1.50 al gallone.
È immorale, certo, è sbagliato, ma è una scelta totalmente razionale: il piú forte prende il petrolio.
Come puoi spiegare agli elettori (qua e negli USA) che il petrolio è scarso, sta per finire, ed è solo normale, ovvio ed anche giusto che il prezzo salga, magari a $10 al gallone. La cultura
che hanno loro è questa.
Anche da noi, la popolazione protesta per
l'alto costo della benzina, dove si paga quasi 1.6€ al litro ($8.50 al gallone). Ricordiamo che un gallone sono 3.7 litri!!

Tutto nasce dal ruolo che deve avere il governo, se il governo deve prendersi cura dei cittadini e dargli un lavoro, e mantenere il prezzo della benzina basso, e dare le pensioni, e organizzare la produzione, e organizzare la scuola... ecc ecc.
non c'è alternativa, in quel caso ci vuole una macchina burocratica enorme, che fa promesse di pensioni, che promette di pagare tutto, e quindi il debito aumenta esponenzialmente, fino a quando
saranno costretti a stampare le banconote da un
milione di dollari.

Se invece si pensa che il governo dovrebbe garantire solo la sicurezza, che non deve entrare nel mercato e stabilire i prezzi delle cose, che ognuno si paga la sua cazzo di pensione, e che
ad ogni centesimo di tasse deve corrispondere qualche servizio utile... allora i governi non avranno i soldi per andare in guerra.

Le pensioni!! La truffa del tipo: Tu paga la pensione a Tizio oggi, domani Caio la pagherá a te.

Marco P. Commentatore certificato 19.05.11 15:35| 
 |
Rispondi al commento

beppeee ... beccati questo!!!

http://www.youtube.com/watch?v=s85ugsP1bCA&feature=player_embedded

oltre a questi,

- http://www.youtube.com/watch?v=rD-n94o7MSw&feature=related
- http://www.youtube.com/watch?v=lXNIyRxxjog&feature=related
- http://www.youtube.com/watch?v=MNdpGjeYxp0

...e questi

-http://www.youtube.com/watch?v=00DcQeB21OQ&feature=player_embedded#at=476

o sei moooooolto ingenuo, o sei un falso. una delle due. ma questo riguarda te, quindi poco rilevante a livello collettivo.
per coloro che seguono grillo consiglio loro di svegliarsi e capire(anzi accettare visto che capire non è molto difficile) i veri motivi della crisi planetaria nella quale siamo immersi. ci vuole solo onestà e amore.

- http://www.eugeniobenetazzo.com/so-things-they-are.htm

- www.stampalibera.com
- www.comdonchisciotte.org

non copiarmi il nick rick () Commentatore certificato 19.05.11 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L’America è bancarotta, grazie agli ultimi tre presidenti che l’hanno gestita, Clinton, Bush, Obama, più gestirla l’hanno tradita ..hanno tradito il popolo americano e trascinato il mondo nell’abisso finanziario, sociale, con le loro guerre hanno fatto in modo che quasi tutti i popoli della Terra odiassero l’America. Obama, presidente in carica poteva cambiarne le sorti, ma ama di più andare a leccarsi un gelato alle Haway che pensare ai problemi del popolo americano ormai martoriato dai debiti che il suo predecessore “Bush” gli aveva lasciato come eredità, anzi.. Obama li ha triplicati quei debiti e adesso ne paga le conseguenze.

Dal mese prossimo in america non saranno pagate le pensioni i dipendenti pubblici e agli statali, per sostenere ancora tutte queste inutili guerre il governo americano ha deciso di mettere mano nelle casse pensionistiche, già da alcuni giorni girava la voce che il tetto di deficit statale era stato raggiunto: 14,3 Billion è il massimo che era stato accordato ed è stato già raggiunto, con la sospensione del pagamento delle pensioni vogliono risparmiare 150 Miliardi di dollari per poter continuare a buttare bombe inutili ed uccidere persone solo per il piacere di ASSASSINARE.

http://www.mentereale.com/articoli/end-of-a-dream-the-game-is-over

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 19.05.11 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo, che tutti gli indicatori economici convergano su un unico punto, si sta per realizzare la tempesta perfetta. In Italia dove la stampa, tv e superficiale non e stata data la notizia che il Giudice federale, di New York ha messo sotto accusa, tre grandi Banche per la crisi del 2008. La FED non commenta e questo non e un buon segnale...

HENRY VENIS 19.05.11 15:14| 
 |
Rispondi al commento

quando dieci anni fa investii in immobili negli USA con i miei soldi delle proprietà Italiane vendute, cominciai a guardare con più attenzione il sistema finianziario. Dopo alcuni mesi gridai la mia incredulità su cosa già da un decennio stava accadendo...tutti gli Stati e il governo centrale stavano lasciando le lobbies finanziarie saccheggiare il proprio Paese con il sistema dei crediti facili, creando una bolla speculativa matematicamente impensabile. La bancarotta degli USA e del mondo non ce stata per la semplice ragione che hanno stampato tanto di quel denaro e titoli che, ovviamente, senza una reale contropartita di reali risorse, unitamente alla cervellotica strategia militare,(724 basi militari in tutto il mondo) non hanno fatto altro che accumulare un mega debito pubblico dove soltanto un altro miracolo economico potrebbe ridimensionarlo..o..oppure un'altra guerra mondiale..con tutti gli scongiuri del caso.
Ora, se una Nazione come l'America ha fagocitato la sua costituzione e, quindi la sua libertà, rimanendo impotente davanti al Nuovo Ordine Mondiale che spadroneggia sopra le sovranità nazionali..per noi non cè più speranza..o no?

MARIO B. Commentatore certificato 19.05.11 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Sulla riconversione dell'industria bellica americana (e non solo) sfondate una porta aperta, sul default Greco un po' meno.

Quando uno stato fallisce non è né cosa semplice né indolore,tanto per lo stato interessato e i sui abitati che per i sui vicini. Basta leggere Furore di Steinbeck, punto. I marocchini o i rumeni (tanto avversati da questo sito) sarebbero un pacioso ricordo.

Saluti

Luca

Post Scriptum ribadisco il mio pensiero ma in questo movimento c’è un volenteroso laureato o laureando in economia? , bah?!

Anche io ho letto Collasso di Diamond (l’ho intravisto nella libreria di Grillo nella sua celebre intervista fiume nell’ultimo anno zero), ma serve a poco o nulla, se non è addirittura dannoso leggere tali libri senza una formazione di base.

luca 19.05.11 14:24| 
 |
Rispondi al commento

Fatti, non parole.

Al 30 Giugno 2010 il debito pubblico e privato sommati era:

- USA = $ 13,980,000,000,000
- Unione Europea = $ 13,720,000,000,000

Quindi non una grossissima differenza, circa 260 miliardi di dollari.

Pero' pero'...poi ci sono il debito pubblico e privato delle SINGOLE nazioni.

Mentre gli USA sono considerate un'unica nazione, l'Unione Europea non lo e' quindi, tanto per fare qualche esempio:

- United Kingdom = $ 8,981,000,000,000
- Germany = $ 4,713,000,000,000
- France = $ 4,698,000,000,000
- Italy = $ 2,223,000,000,000

Chi e' il fallito?

SURPRISE!!!


default = rivoluzione
Siamo sicuri che sia veramente un male arrivare al default?
Chi morirebbe di fame sarebbero proprio quei porci che non hanno mai lavorato in vita loro:
Banchieri, finanzieri, consulenti finanziari, e primo di tutti quel megaporco del tronchetto.

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 19.05.11 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Hanno nominato Draghi alla guida della BCE. Secondo voi è un caso? Perchè ho il sentore che la politica monetaria europea mira al controllo Malthusiano della popolazione?

Giovanni F. Commentatore certificato 19.05.11 11:41| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di bancarotte finanziarie globali guardate questo video sul tema:
http://www.youtube.com/watch?v=3P0yKqZpwOo
Parla del MONDEX, progetto di denaro elettronico a cui aderiscono 20 paesi. (sconvolgente)

Riccardo Marson 19.05.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia opportuno fare chiarezza sui numeri.
Ad aprile 2011 i dati relativi al debito US erano i seguenti:
PIL US 14 trilioni di dollari
Debito del tesoro 9.1 trilioni di dollari
rapporto debito/PIL 65%

se al debito del tesoro aggiungiamo i debiti scolastici e delle Agenzie arriviamo a 11/12 trilioni di dollari per un rapporto debito/pil del 79/85%

Tuttavia queste cifre non sono esaustive e non comprendono (al contrario di quanto facciamo in europa): il programma "social security" del costo di circa 7.9 trilioni di dollari; il programma "medicare" del costo di 22.8 trilioni di dollari; il programma "medicaid" del costo di 35.3 trilioni di dollari.

Sommando tutte queste voci arriviamo alla ragguardevole cifra di 75 trilioni di dollari.
Questo significa che il reale rapporto debito/PIL americano si aggira attorno al 500% (il Giappone, quello ufficialmente messo peggio è al 200%).
Gli USA sono già in default se vogliamo, quello che li salva per il momento è il totale della ricchezza stimata di tutto il sistema che più o meno si aggira su quelle cifre.

Massimo Turla, Genova Commentatore certificato 19.05.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Ancora con set frottole..Gli USA usano una moneta sovrana, fanno default solo se le e lite criminali lo decido.. Non sono la GRECia o l'Italia che usano una valuta estera.
Studia dall MMT capra di un GRILLO

Andrea Colagicomo 19.05.11 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Non ho capito per quale motivo il debito pubblico americano abbia un limite. Se potete spiegarlo sarei felice. Comunque il dollaro verrà sempre accettato perchè ha sostituito l'oro. Possono stamparne a più non posso, l'unico problema che creerebbero sarebbe una mega svalutazione di proporzioni bibliche e la vendita del paese a quattro soldi.

Giovanni F. Commentatore certificato 19.05.11 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da persona non-esperta di mercati, borsa, finanza etc. mi sono sempre chiesto: ok che noi abbiamo perso la guerra e siamo indebitati con l'America come molti altri paesi e per questo (in teoria) siamo "obbligati" a fargli realizzare basi militari sul nostro territorio etc. Ma l'America che le guerre le ha vinte tutte, con CHI é indebitata? che senso ha parlare di debito di uno stato a cui la maggior parte degli altri stati devono soldi? poi ho cominciato a leggere riguardo il Signoraggio bancario. Mi sto aprendo gli occhi (come su molte questioni di cui non sono esperto ma che tramite il blog di B.G. finalmente e tristemente comincio a capirci qualcosa).
Spero che piano piano tutti si risveglino come ci stiamo risvegliando noi nonostante la nostra classe politica ci anestetizzi con il cloroformio.

Max 19.05.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se gli U.S.A. vanno in default il primo paese ad avere un contraccolpo sarebbe la Cina che in questi ultimi anni ha comprato a man bassa titoli americani.
Comunque c'è una notizia positiva per il debito italiano che è sceso di 3 miliardi nell'ultimo mese rilevato.
Mi ricordo ancora articoli pubblicati qui sul blog in cui si facevano i conti con 80 miliardi di debito accumulato ogni mese dall'italia.
Prima sono diventati 30 ogni mese e oggi siamo stabili intorno ai 1850 miliardi di debito.

giamps 19.05.11 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Io contrariamente a te Beppe...vedo la "Messa in Scena" della morte di Bin Laden...come un'anticamera del "DISIMPEGNO" militare americano...e speriamo anche nostro!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 19.05.11 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Credo che questa vicenda di Strauss Khan, purtroppo c'entri eccome con il debito americano. è proprio Geithner quello che ha chiesto la testa di DSK alla guida dell'FMI. ed improvvisamente si è riaperta la possibilità della libertà su cauzione. dall'11 settembre 2001 l'euro è sempre stato sopra il dollaro. Oggi: ammaziamo Saddam, Bin Laden, Gheddafi (quasi), ci manchiamo solo noi europei !

carlo 19.05.11 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Il business degli USA e´la guerra, il business della Cina e´il business.
E l´assurdo e´che la prima si propone come nazione "democratica" che ha a cuore il benessere dei propri cittadini.
Mentre la seconda e´vista come una nazione che calpesta ogni diritto.
Forse il diritto a sopravvivere viene prima di ogni altro diritto.

Patrizia B 19.05.11 07:56| 
 |
Rispondi al commento

La loro specialità è stravolgere le verità per costruirne una loro. Un gioco che dura da anni...
ma prima o poi ci si batte il naso... Loro sono là per se stessi ... i loro occhi non vedono, le loro orecchie non sentono.

alma gemme 19.05.11 05:53| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco come si possa vivere senza conoscere un pò il sistema monetario, quello presente e quelli possibili, in un mondo regolato sul denaro. Non ha molto senso.
I cittadini USA, come molti europei, non sanno quasi nulla di quali siano i meccanismi che regolano le loro vite; se gli USA non avessero moneta sovrana starebbero leccando il pavimento da tempo. Accadrà comunque.

Roberto Vian 19.05.11 02:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo scusa per la ripetizione del post.

Problemi di caricamento.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 01:24| 
 |
Rispondi al commento

18/05/2011 Stati Uniti, il segretario al Tesoro: 'Innalzaremo tetto del debito pubblico'

Timothy Geithner propone il voto per innalzare la soglia attuale ed esclude qualsiasi rischio default: "State scherzando". Fiducioso nel "senso di responsabilità" dei Repubblicani.

Il segretario al Tesoro statunitense, Timothy Geithner, ha proposto il voto per innalzare la soglia massima del debito pubblico, attualmente stabilita a 14.294 trilioni di dollari. La manovra dovrebbe realizzarsi entro luglio, alcune settimane prima che il governo di Washington rischi di andare in default, nonostante lo stesso Geithner abbia escluso un tale possibilità rispondendo sarcasticamente ai giornalisti: "Impossibile, siamo negli Stati Uniti d'America".

Inoltre, riferendosi alla possibilità che i Repubblicani votino contro l'innalzamento del debito pubblico, il segretario al Tesoro si è detto fiducioso sul loro "senso di responsabilità verso il Paese", ed ha voluto evidenziare le complicate dinamiche politiche che animano Washington, "un posto complicato, in cui risulta veramente difficile separare il teatrino politico dalla realtà da ciò che accade",

http://it.peacereporter.net/articolo/28534/Stati+Uniti%2C+il+segretario+al+Tesoro%3A+%27Innalzaremo+tetto+del+debito+pubblico%27

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 01:10| 
 |
Rispondi al commento

18/05/2011 Stati Uniti, il segretario al Tesoro: 'Innalzaremo tetto del debito pubblico'

Timothy Geithner propone il voto per innalzare la soglia attuale ed esclude qualsiasi rischio default: "State scherzando". Fiducioso nel "senso di responsabilità" dei Repubblicani.

Il segretario al Tesoro statunitense, Timothy Geithner, ha proposto il voto per innalzare la soglia massima del debito pubblico, attualmente stabilita a 14.294 trilioni di dollari. La manovra dovrebbe realizzarsi entro luglio, alcune settimane prima che il governo di Washington rischi di andare in default, nonostante lo stesso Geithner abbia escluso un tale possibilità rispondendo sarcasticamente ai giornalisti: "Impossibile, siamo negli Stati Uniti d'America".

Inoltre, riferendosi alla possibilità che i Repubblicani votino contro l'innalzamento del debito pubblico, il segretario al Tesoro si è detto fiducioso sul loro "senso di responsabilità verso il Paese", ed ha voluto evidenziare le complicate dinamiche politiche che animano Washington, "un posto complicato, in cui risulta veramente difficile separare il teatrino politico dalla realtà da ciò che accade",

http://it.peacereporter.net/articolo/28534/Stati+Uniti%2C+il+segretario+al+Tesoro%3A+%27Innalzaremo+tetto+del+debito+pubblico%27

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 01:10| 
 |
Rispondi al commento

18/05/2011 Stati Uniti, il segretario al Tesoro: 'Innalzaremo tetto del debito pubblico'

Timothy Geithner propone il voto per innalzare la soglia attuale ed esclude qualsiasi rischio default: "State scherzando". Fiducioso nel "senso di responsabilità" dei Repubblicani.

Il segretario al Tesoro statunitense, Timothy Geithner, ha proposto il voto per innalzare la soglia massima del debito pubblico, attualmente stabilita a 14.294 trilioni di dollari. La manovra dovrebbe realizzarsi entro luglio, alcune settimane prima che il governo di Washington rischi di andare in default, nonostante lo stesso Geithner abbia escluso un tale possibilità rispondendo sarcasticamente ai giornalisti: "Impossibile, siamo negli Stati Uniti d'America".

Inoltre, riferendosi alla possibilità che i Repubblicani votino contro l'innalzamento del debito pubblico, il segretario al Tesoro si è detto fiducioso sul loro "senso di responsabilità verso il Paese", ed ha voluto evidenziare le complicate dinamiche politiche che animano Washington, "un posto complicato, in cui risulta veramente difficile separare il teatrino politico dalla realtà da ciò che accade",

http://it.peacereporter.net/articolo/28534/Stati+Uniti%2C+il+segretario+al+Tesoro%3A+%27Innalzaremo+tetto+del+debito+pubblico%27

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 01:10| 
 |
Rispondi al commento

18/05/2011 Stati Uniti, il segretario al Tesoro: 'Innalzaremo tetto del debito pubblico'

Timothy Geithner propone il voto per innalzare la soglia attuale ed esclude qualsiasi rischio default: "State scherzando". Fiducioso nel "senso di responsabilità" dei Repubblicani.

Il segretario al Tesoro statunitense, Timothy Geithner, ha proposto il voto per innalzare la soglia massima del debito pubblico, attualmente stabilita a 14.294 trilioni di dollari. La manovra dovrebbe realizzarsi entro luglio, alcune settimane prima che il governo di Washington rischi di andare in default, nonostante lo stesso Geithner abbia escluso un tale possibilità rispondendo sarcasticamente ai giornalisti: "Impossibile, siamo negli Stati Uniti d'America".

Inoltre, riferendosi alla possibilità che i Repubblicani votino contro l'innalzamento del debito pubblico, il segretario al Tesoro si è detto fiducioso sul loro "senso di responsabilità verso il Paese", ed ha voluto evidenziare le complicate dinamiche politiche che animano Washington, "un posto complicato, in cui risulta veramente difficile separare il teatrino politico dalla realtà da ciò che accade",

http://it.peacereporter.net/articolo/28534/Stati+Uniti%2C+il+segretario+al+Tesoro%3A+%27Innalzaremo+tetto+del+debito+pubblico%27

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 19.05.11 01:10| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=Vlw0aLFdmdU

Luca Tatullo 19.05.11 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Si, si, molto interessante...14.300 miliardi di debito...

Andatevi un po' a vedere com'e' PICCOLO il debito pubblico EUROPEO e poi vediamo chi piange...

Con una grossissima differenza:

Noi i paesi cosidetti PIIGS non li abbiamo.

Dettaglio per voi forse ininfluente:

Quello riportato nel post di oggi e' il tetto massimo di debito che gli Americani si sono imposti per legge, quindi sforarlo non portera' a nessun default, che significa non essere in grado di pagare un debito, non di essere falliti.

E' come se una famiglia si imponesse, che so, 10.000 euro massimo di debito e si trova poi costretta a spenderne di piu'. Mica fallisce e si trova sul lastrico. Se la sua economia funziona, sebbene farsi troppi debiti non sia mai bene, i debiti saranno ripagati.

A me sembra, ma controllero', che il debito pubblico Europeo complessivo sia ben oltre quello Americano.

Voi come pensate di ripagarlo? Tassando ancora di piu? Scatenando un'altra guerra mondiale?

Approposito di armi, fatevi una ricerchina e andate a vedere chi sono i proprietari delle piu' famose fabbriche di armi Americane.

SURPRISE!!!


i greci hanno una mentalità simile agli albanesi perciò se gli chiedi se e meglio 1 uovo oggi o una gallina domani ti rispondono meglio mangiare l'uovo oggi perchè forse domani non lo so se ci sono ancora al mondo....... ovvviamente domani non c'è l'uovo e si piange.

in altre parole non sono adatti a stare dentro la UE così come un sacco di altri paesi che sono stati fatti entrare non si sa per quale motivo se non per favorire le banche e gli interessi di alcune lobby.

bruno bassi 18.05.11 23:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La situazione del debito americano è abbastanza peculiare. peraltro per la prima volta nella storia si sono visti costretti a gestire un intervento pubblico nell'economia per salvare il sistema finanziario dal collasso nel 2008. ebbene, non che l'intervento pubblico fosse sbagliato.... Il debito crescente si sta ponendo su un sentiero esplosivo tant oche S&P lo scorso mese ha messo gl istati Uniti in negative watch insieme al giappone: la loro "fortuna" è che contemporaneamente, seguendo una politica monetaria sconsiderata la federal Reserve sta comprando debito americano stampando moneta (creando così una massa monetaria enorme che sta di fatto deprezzando il dollaro e creando inflazione aumentando il prezzo delle materie prime e degli alimentari in particolare)... I paesi emergenti in particolare stanno cercando di fronteggiare l'inflazione importata (alcuni semplicemente ricadendo in recessione a causa delle rivolte!) attraverso politiche monetarie restrittive (quelle che non fa la Fed)... Monetizzare il debito pubblico (quell che fa la Fed) consente di tenere i tassi bassi e assecondare la ripresa economica, una ripresa che al momento non sta producend ooccupazione ma solo una svagonata di liquidità che resta nelle aziende o si trasforma in dividendi... Ora, non credo che l'america tecnicamente defaulterà ma sicuramente appena la Fed smetterà di comprare debito per Obama non sarà facile gestire la politica fiscale: dovrà alzare le tasse... Ripeto però che il problema sarà più dei paesi emergenti.

cisco m., milano Commentatore certificato 18.05.11 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Secondo alcune stime tratte da The National Journal, la caccia a Osama Bin Laden è costata agli USA 3000 miliardi di dollari. Senza però portare veri benefici, in quanto l’organizzazione di Al Qaida continua ad essere operativa, continuano ad esserci migliaia e migliaia di soldati (solo gli USA ne impiegano ancora 150.000), con tutti i rischi sulla sicurezza che oggi, più di prima, preoccupano il mondo occidentale.

Altra cosa strana: Sembra che a soccorso della Central bank of Lybia sia arrivata nientepocodimenoche la FED, la Federal Reserve, la banca centrale del nemico numero uno di Gheddafi, gli USA! E non si parla proprio di bruscolini: sono 26 miliardi di dollari USA. Forse certe cose è meglio non capirle proprio…

http://intermarketandmore.finanza.com/la-caccia-uomo-piu-cara-della-storia-28155.html

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.05.11 23:29| 
 |
Rispondi al commento

I popoli queste cose non le sanno...la maggior parte della gente queste cose NON le sa!

Se le sapessero la maggioranza prenderebbe in mano il forcone!

manuela bellandi Commentatore certificato 18.05.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento

l'umanità prima dovrebbe garantire buonsenso, civiltà, acqua, cibo e un tetto sulla testa a tutti e poi forse la stessa, sarà anche libera di giocare e divertirsi con il danaro.


Caro amico mio la domanda corretta nn è: "se gli usa vanno in default" è quando? poiché il default americano è un fatto certo, manca da stabilire il quando e questo nessuno lo può prevedere ma è certo che salteranno e con loro salterà il Mondo così come lo abbiamo conosciuto (economicamente, ovvio).
andiamo incontro alla tempesta economica perfetta, lo dico da molto tempo anche su queste pagine, ma nessuno mi da ascolto, nemmeno Beppe...:-(.
ti do un dato: il Texas ha comprato un miliardo di dollari di oro puro e lo ha conservato in un caveau segretato...ci sarà un motivo?
le monete, salteranno, tutte, l'uniche monete che avranno valore, quando questo accadrà, saranno l'oro e l'argento! ricordatevi di questo e poi nn dite che siete stati avvisati!
ciao

danilo adriani 18.05.11 23:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori