Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Formigoni, l'antidemocratico


Formigoni_referendum.jpg
Formigoni ha deciso che non voterà ai referendum. Un atteggiamento molto grave da parte di chi rappresenta le istituzioni, anche se è presidente abusivo della Lombardia al suo terzo mandato consecutivo quando la legge ne prevede solo due. Sui referendum ha detto "il modo per bocciarli è dire alla gente che non stia a disturbarsi". E ha ribadito che il voto è un diritto, non un obbligo. Formigoni è antidemocratico. Sa perfettamente che non votare per non far raggiungere il quorum significa invalidare il voto di chi invece va a votare per senso civico. Deve essere introdotto al più presto il referendum propositivo senza quorum. Chi non vota ai referendum deve contare zero.
Il 12 e il 13 giugno votate 4 SI anche per mandare a casa Formigoni e la sua boria.

7 Giu 2011, 22:33 | Scrivi | Commenti (62) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Scusate, ma è tale lo sdegno che neanche il blog ha accettato la sua dichiarazione, la ripeto in questo commento successivo, sono sempre parole...scusate "rumori" suoi:
- Non è più possibile pensare che 40 anni di contribuzione possano garantire 35 anni di pensione -

Per le valutazioni tornate al commento precedente.

Santokenonsuda 23.08.11 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Il Formigoni è un essere speciale, fuori dalla normale tipologia della propria specie; riesce infatti a parlare senza alcun collegamento encefalico. Emette suoni sconnessi che a lui sembrano espressioni di concetti importanti, ma che in realtà sono irrazionali repliche di altrettanto irrazionali idee di partito. Quindi meglio non ascoltarlo...il suo slang è composto solo da una serie di inutili rumori.

Questa mattina (23/8) per esempio, il Formigoni, intervistato da Mineo su RaiNews, pur di difendere l'ennesimo assalto al sistema pensionistico italiano, ha dichiarato quanto segue (sono rumori suoi...riportati pedissequamente):
>.
Tralasciamo il fatto che un vecchio distrutto al tavolo di lavoro equivale ad un giovano disoccupato pericolosamente a
spasso per la strada, tralasciamo il concetto che la gente ha pur diritto di sapere, una buona volta, quando il limite di queste maledette pensioni venga fissato DEFINITIVAMENTE, tralasciamo anche la faccenda che l'INPS continua a dichiarare che il sistema è in equilibrio fino al 2050....ma 40 anni di contribuzione, più almeno 20 di età per poter iniziare ad accantonare contributi, più 35 di
pensione pagata dallo Stato fanno in totale 95.....si proprio 95 anni, per il povero Formigoni tutti i pensionati vivranno almeno fino a 95 anni!!
Ma ricoveratelo! L'alzheimer ha già iniziato a fondergli la materia grigia.....occorre una terapia se no neanche lui
arriverà a 95 anni.

Santokenonsuda 23.08.11 19:00| 
 |
Rispondi al commento

SOLO UNO SGORBIO UMANO COME BRUNETTA, FORMATO MIGNON, MALEDUCATO E SCOSTUMATO COME POCHI, POTEVA PERMETTERSI DI INSOLENTIRE UNA POVERA RAGAZZA PRECARIA CHE INTENDEVA PRENDERE LA PAROLA IN UN CONVEGNO PER DIRE LA SUA, DOPO LE SCEMENZE DETTE DAL MINISTRO BRUNETTA. QUESTO GNOMO DI MINISTRO, DAL CERVELLO BACATO, SI AUTO ESALTA DICENDO DI AVER RIFORMATO L'0RGANIZZAZIONE PUBBLICA QUANDO INVECE HA COMBINATO SOLO GUAI.NESSUNA DELLE SUE RIFORME E' ANDATA A REGIME PERCHE' ABORTITA NEL NASCERE DATA L'INCAPACITA' DEL MINISTRO A VARARE RIFORME SERIE E FATTIBILI.NEMMENO I FAMOSI TORNELLI FATTI INSTALLARE DAL MINISTRO NELLE VARIE ORGANIZZAZIONI STATALI, HANNO DATO RISULTATI TANGIBILI VISTO CHE NON FUNZIONANO. IN UNA INTERVISTA DISSE CHE DOPO LAUREATO ERA TANTO BRAVO CHE GIA' ASPIRAVA AL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA. NON SO SE SI SIA SPOSATO CON LA SUA TITTI CHE, VISTA L'ALTEZZA DELLA SUA COMPAGNA, EVIDENTEMENTE PENSA DI APPEDENDERE IL MINISTRO ALLA SUA CINTURA COME CIONDOLO. UN VECCHIO PROVERBIO DICE : GUARDATI DAI SEGNATI DA DIO. BRUNETTA HA DETTO CHE I PRECARI, CHE LUI HA CONTRIBUITO A RIMPINGUARE NELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA, SONO IL PEGGIO DELL'ITALIA. FORSE NON HA ANCORA CAPITO CHE IL PEGGIO DELL'ITALIA E' IL FECCIUME DI BERLUSCONI E DEI SUOI MINISTRI. UMBERTO

umberto caroli 16.06.11 05:54| 
 |
Rispondi al commento

ho sempre pensato che il Referendum deve essere senza quorum.
Primo perchè ha un costo che viene pagato da noi e non può essere invalidato con stategie.
Secondo perchè c'è gente che per senso civico và a votare, e poi se su 56 milioni di abitanti vanno a votare 3 persone significa che le altre 56 milioni meno 3 hanno delegato al risultato chi ci è andato.
Poi voglio vedere se i politici inducono ad andare al mare bruciando soldi dell'erario.
Beppe continua così

Paolo Brunetti 13.06.11 15:06| 
 |
Rispondi al commento

beppe.. quando io penso ad una cosa, apro il blog.. e scopro con stupore che tu la stai già facendo!! sei sempre così avanti, ma come fai???
****************
cmq il referendum senza quorum e una grandissima idea.. xkè cmq se votano 3 persone su dieci e 2 votano si,e 1 no.. deve vincere cmq il si, per la maggioranza.. le altre 7 potrebbero essersi astenute per mille e più motivi.. ma cmq la maggiorana ha deciso si.. quindi il voto deve avere valore xkè la parola di tre persone ha cmq un valore!! e cmq basterebbe aprire un sito internet apposta, dove vai metti il codice fiscale il numero della carta di identità\patente e metti si, o no!!
questo anche sarebbe utile,economico,e semplice.. ed aiuterebbe sicuramente il quorum!!

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 09.06.11 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Formigoni e gli altri politici possono pure astenersi dal voto.
L'importante è che il voto venga espresso da TUTTI NOI cittadini.
Poi magari i politici, che purtroppo governano (anzi, regnano) se ne infischieranno dell'esito, così come hanno fatto per l'abolizione dei finanziamenti ai partiti.
Però... però... dai e dai... prima o poi la corda si rompe.
E allora... 14 luglio 1789

Roberto Chiappa, Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.06.11 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A noi che lui non si reca a votare non interessa.
Importante e che ci andiamo noi e gli facciamo vedere che su certi temi non guardiamo in faccia nessuno.

Alfredo Bonetti, Molfetta Commentatore certificato 08.06.11 20:53| 
 |
Rispondi al commento

ma da quando in quà in Italia si fanno le cose legalmente ed in modo giusto??????? Pretendono di combattere l'evasione fiscale e tant'altro....ma poi guarda guarda gli esempi che abbiamo!!! Proprio dei bei esempi da seguire!!!!!!

lorenza Montagnoli 08.06.11 18:30| 
 |
Rispondi al commento

L'abusivo Formigoni esorta a non andare a votare il referendum,del resto cosa ci si poteva aspettare da questo ayatollah di comunione e liberazione!

Beppe C. Commentatore certificato 08.06.11 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Non è il quarto mandato?!?
http://it.wikipedia.org/wiki/Presidenti_della_Lombardia

Giandomenico Ielpo, Lauria PZ Commentatore certificato 08.06.11 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

VADO A VOTARE I REFERENDUM PER SALVARE E SALVARMI LA PELLE.....

Moreno Bettega, trento Commentatore certificato 08.06.11 13:25| 
 |
Rispondi al commento

IL FICHETTO FORMIGONI QUANDO PUO' SE NE VA IN LUSSUOSI RESORT DEI CARAIBI INSIEME AI SUOI AMICHETTI. LA COSA SCANDALOSA STA' NEL FATTO CHE QUESTI LUOGHI DORATI COSTANO SUI 40.000 EURO AL GIORNO AVENDO A DISPOSIZIONE 6 CAMERIERI ED UN MAGGIORDOMO. MA COME PROPRIO LUI FIGLIO DI....CL SPARTANO CATTOLICO OSSERVANTE ? SE LA LEGGE DICE CHE NON SI PUO' SVOLGERE PIU' DI 2 LEGGISLATURE PERCHE' LUI CHE E' ALLA TERZA E NESSUNO DICE NIENTE ? SEMPRE FIGLIO DI CL E'E QUESTO BASTA A DARGLI QUALSIASI IMPUNITA'. UMBERTO

umberto caroli 08.06.11 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Nel weekend pioverà in quasi tutt'Italia, quindi niente mare!!!Eheheheh....

opo cane Commentatore certificato 08.06.11 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Lo stipendio a Formigoni è un dovere o un diritto ?

Marco G. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.06.11 12:37| 
 |
Rispondi al commento

E no, sig. Grillo, io voto 4 si perchè credo in quel che voto. Per mandare a casa chi ci stà sulle palle, bisogna lavorar sul territorio e metterci la faccia... ma questa è un'altra cosa, che lei ben conosce. Io lavoro (e molto) nel comitato referendario piacentino e sono stanco di sentire che il referendum serve per mandare a casa qualcuno e dare valore a qualcun altro. Io lavoro nel comitato come cittadino. Il referendum è una cosa, le elezioni amministrative un'altra. E lo dico con profondo rispetto per questo luogo e le persone che lo frequentano. Cordiali saluti. Sartori Andrea

sarto78 sarto78 Commentatore certificato 08.06.11 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Questa gente vorrei vederla arrancare per sopravvivere, come spero gli italiani che lo hanno votato!!
Non può nemmeno vergognarsi, poverino.

Antonio M., Teramo Commentatore certificato 08.06.11 11:50| 
 |
Rispondi al commento

FORMIGONI È UNA MONETA DA UN CENTESIMO IN UN SALVADANAIO PIENO DI SOLDI SPORCHI!GENTE BISOGNA VOTARE..ALMENO PER L ACQUA, SI PUÒ ANCHE NON RITIRARE LE ALTRE TRE SCHEDE MA ALMENO PER L ACQUA...STIAMO ATTENTI!IN ITALIA L ACQUA È GIÀ PRIVATA E NON NELL'INTERESSE DEI CITTADINI!sOLO ED ESCLUSIVAMENTE NELL' INTERESSE DI VEOLIA, LA PIÙ GRANDE MULTINAZIONALE FRANCESE DI ACQUA, GAS, E RIFIUTI.VI CHIEDERETE DOVE È IL COLLEGAMENTO? SIAMO ALLE SOLITE...IL 70% DI VEOLIA È DI PROPRIETÀ DI BANCHE DI TUTTO IL MONDO IL RESTANTE È DI PRIVATI CON UN 10% DI PROPRIETÀ DELLO STATO FRANCESE...VEOLIA HA COME AMMINISTRATORE DELEGATO PAOLO SCARONI TRAMITE IL QUALE È ENTRATA IN POSSESSO DI UN INGENTE NUMERO DI SOCIETÀ IDRICHE ITALIANE E GESTISCE NUMEROSISSIMI INCENERITORI IN TUTTO IL TERRITORIO!SCARONI NON È SCHIERATO POLITICAMENTE MA ECONOMICAMENTE IN QUANTO POSSIEDE UNA PICCOLA QUOTA DELL' AC MILAN, CEDUTAGLI DIRETTAMENTE DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO IN PERSONA...L'ACQUA È NOSTRA, E TALE DEVE RIMANERE!

Stefano Ligas 08.06.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

20 anni fa (1991, referendum sulla preferenza unica) una cosa simile la disse Bettino Craxi…

Luigi Bonissi 08.06.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe ... una sola domanda x cercare di porre rimedi o almeno un freno:
ma non è possibile fare una CLASS ACTION contro i politici per le PENSIONI che loro percepiscono e da subito, per i DOPPI/TRIPLI INCARICHI, per il limite di NUMERO DI MANDATI non rispettati, per i RIMBORSI ELETTORALI DEI PARTITI, per i BENEFICI che si sono dati, per la NON POSSIBILITA' DI SCEGLIERE LE PERSONE da inviare al parlamento, ecc.????
Grazie e ciao

Dadry M. 08.06.11 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Formigoni ha ragione votare non è un obbligo, ma insieme ad un diritto, è un DOVERE di ogni cittadino

Marco Milli 08.06.11 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Assolutamente d'accordo, giusto ieri dopo aver fatto girare una mail a tutta la mia rubrica, invitando tutti ad andare a votare i referendum, qualsiasi fosse il loro voto, mi è arrivata una mail in risposta dove mi si diceva che anche non andare a votare, con l'obiettivo di invalidare il referendum non facendogli raggiungere il quorum era un'espressione di volontà, peccato che il signore in questione in questo modo rendesse vana la mia espressione e quella di tanti milioni di persone che cmq si scomoderanno ad andare a votare. Nemmeno con questi referendum in italia si riesce a giocare pulito, il quorum dovrebbe essere tolto, così sì sarebbe l'espressione di volontà dei cittadini, se vuoi che la tua opinione valga devi andare a votare se poi la maggioranza è d'accordo con te bene, se no ti rassegni. Ognuno vale uno, se vota, se non voti devi valere 0.

michela lai 08.06.11 11:24| 
 |
Rispondi al commento

12 E 13 GIUGNO SI VOTA.
PRIMA AI SEGGI E POI AL MARE.
DAREMO UNA LEZIONE DI DEMOCRAZIA DAL BASSO AL MONDO INTERO.
SCOPRIREMO L'ORGOGLIO DI ESSERE ITALIANI.

sara z. 08.06.11 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera al TG de La7 hanno fatto un lungo elenco di parlamentari e di ministri che hanno dichiarato che non andranno a votare. La trovo una cosa semplicemente vergognosa!!!!

Anna Galigani 08.06.11 11:14| 
 |
Rispondi al commento

FORMIGONI SUI REFERENDUM "il modo per bocciarli è dire alla gente che non stia a disturbarsi". E ha ribadito che il voto è un diritto, non un obbligo.

SPACCARGLI LA TESTA INVECE è UN'OBBLIGO E FORSE ANCHE UN DIRITTO.

al casula, cagliari Commentatore certificato 08.06.11 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'APOLOGIA DI ASTENSIONE E' REATO

Si dimentica che fare apologia di astensione dal voto è reato:
art.98 del D.P.R. 361/1957 (Testo unico leggi per l'elezione della Camera dei Deputati) IN COMBINATO DISPOSTO con l'art. 51 della legge 352/70 (Norme sui referendum):

ART.98 DPR 361/57:

Il pubblico ufficiale, l'incaricato di un pubblico servizio, l'esercente di un servizio di pubblica necessità, il ministro di qualsiasi culto, chiunque investito di un pubblico potere o funzione civile o militare,abusando delle proprie attribuzioni e nell'esercizio di esse, si adopera a costringere gli elettori a firmare una dichiarazione di presentazione di candidati od a vincolare i suffragi degli elettori a favore od in pregiudizio di determinate liste o di determinati candidati o ad indurli all'astensione, è punito con la reclusione da sei mesi
a tre anni e con la multa da lire 3.000 a lire 20.000.

ART. 51 l. 352/70:

Le disposizioni penali, contenute nel Titolo VII del testo unico delle leggi per la elezione della Camera dei deputati, si applicano anche con riferimento alle disposizioni della presente legge.
Le sanzioni previste dagli articoli 96, 97 e 98 del suddetto testo unico si applicano anche quando i fatti negli articoli stessi contemplati riguardino le firme per richiesta di referendum o per proposte di leggi, o voti o astensioni di voto relativamente ai referendum disciplinati nei Titoli I, II e III della presente legge.[...]

Cristian L. Commentatore certificato 08.06.11 10:56| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Quando il Grillo parlante dice non andate a votare, lo definite un saggio.
Se Formigoni dice che lui non andrà a votare ai referendum, lo definite un antidemocratico.

ma si puo essere più idioti di voi????????

la storia del referendum senza quorum è una scemata senza fine.


secondo la vostra illuminata intelligenza se mettiamo va a votare il 20% della popolazione e mettiamo ke il 60% approva il referendum significa nella realtà che solo il 10/15% della popolazione è a favore dell abrogazione della norma in oggetto al referendum. quindi la minoranza della popolazione.

se il popolo vuole abrogare una norma non deve far altro che andare a votare, non puoi obbligare la gente a votare ai referendum, lo si dovrebbe fare anche per le politiche.


CHECCO C. Commentatore certificato 08.06.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A vederlo in Tv mi viene il vomito
4 SI'naturalmente anche per andarli in c...

mariuccia rollo 08.06.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Formigoni ignavo.

Da wikipedia:

I cosiddetti ignavi sono una categoria di peccatori incontrati da Dante Alighieri nell'Antinferno, durante la narrazione del suo ipotetico viaggio nel regno dell'oltretomba.

Essi sono aspramente descritti nel Canto III dell'Inferno.

Questi dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre.

Dante li inserisce qui perché li giudica indegni di meritare sia le gioie del Paradiso, sia le pene dell'Inferno, a causa proprio del loro non essersi schierati né a favore del bene, né a favore del male. Sono costretti a girare nudi per l'eternità attorno a una insegna - non descritta, forse di una vana bandiera - punti da vespe e mosconi. Il loro sangue, unito alle loro lacrime, si mescola al fango dell'Inferno, come se questi dannati fossero dei cadaveri, morti viventi sepolti vivi, col corpo straziato dai vermi.

Non è a caso se Dante definisce queste anime come quelle di peccatori "che mai non fur vivi". Il disprezzo del poeta verso questa categoria di peccatori è massimo e completo. Tanto accanimento si spiega, dal punto di vista teologico, perché la scelta fra Bene e Male, deve obbligatoriamente essere fatta, secondo la religione cattolica.

Esperanto venkos 08.06.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento

ne parlavo giusto ieri sera .La questione del quorum per il referendum è una boiata incredibile, in questo pase la metà delle persone non va mai a votare,il peso del loro astensionismo è maggiore di quello di chi con senso civico va a votare,qualunque cosa voti.
Il referendum deve funzionare come le elezioni,la maggioranza deve essere il 50%+ 1 dei votanti non degli aventi diritto a cui non frega nienete di niente.ovviamente mi sembra inutile aggiungere niente alle parole di Formigoni , che con grandissima costanza , riesce sempre a commentarsi da solo
Un saluto a tutti

matteo M. Commentatore certificato 08.06.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

BRAVI. ;)

FORZA ITALIANI!!!!

Sari K. Commentatore certificato 08.06.11 10:10| 
 |
Rispondi al commento

politici miei, ma almeno statevene zitti!!!!!
ma di figure di m....a non siete proprio mai sazi ehhh!!!!formigoni gia' e' incostituzionale x essere al terzo o quarto mandato;adesso parla pure in maniera incostituzionale!!
la soluzione e' solo una:blocco dei beni e privilegi ai politici corrotti , e condanna a guadagnare 1000€ al mese ,pensione minima, e lavoro fino a 87 anni!!!!!

robert p., ferrara Commentatore certificato 08.06.11 09:57| 
 |
Rispondi al commento

che vergogna votare non è un diritto è un DOVERE per tutti i cittadini che devono dire la propria volontà! vergognati Formigoni!!!!!!!! speriamo che ti tolgano il tuo mandato illegittimo. La gente non ha piu' le fette di salame sugli occhi forse riesci ancora a prendere in giro gli anziani sprovveduti ma gli altri no. Verrà anche il tuo momento!

Raffaella Polles 08.06.11 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Hai capito il genio....andare a votare è diventato un "disturbarsi"
Qua oltre alla dignità....questi hanno finito anche il buon senso (sempre che ne avessero...sia dell'una che dell'altro)

hughich 08.06.11 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo quell'ignobile coretto sul palco con Berlusconi, la Polverini e altri servitori in cui recitavano "Credo in una Italia libera ecc ecc". Poi la risposta a un giornalista che lo incalzava a un giudizio sul bunga bunga in cui lui dava dei bacchettoni agli uomini della sinistra. E' un attore che recita stancamente un copione in cui nemmeno lui crede. E' uno schiavo di alto livello di un meccanismo. O si ritira o scoppia facendo qualche enorme cazzata.

Peter Amico 08.06.11 09:16| 
 |
Rispondi al commento

la faccenda del ricorso sull'abusività di Formigoni com'è finita? Anche quella a marcire in un cassetto?

Filippo C. 08.06.11 09:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Antidemocratico e pure un pochino pezzo di merda, direi...

Gianmaria Valente (cu chulaìnn) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.06.11 07:22| 
 |
Rispondi al commento

Perchè invece di tirare fuori leggi che fanno togliere le bandiere dei sì ai referendum dell'acqua e del nucleare, invece di tirare fuori leggi bavaglio per la rete o leggi che fanno rubare un canone Rai a chi ha solo una radio in casa non fanno una legge che se un politico incita la gente a non votare va in galera? E' antidemocratico, anticostituzionale, antiiistituzionale, antiitaliano.

Andrea Cusati, Bastiglia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 08.06.11 07:11| 
 |
Rispondi al commento

Ponzio Pilato di CL !!!! ...la dice lunga sul senso civico dei nostri politici, che chiagniano xchè la gente non si occupa abbastanza di politica e fottono facendo di tutto per non far avvicinare nessuno ai loro affari mafiosi e massoni !!!!!!...........arridacce i soldi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

tina ghigliot 08.06.11 06:25| 
 |
Rispondi al commento

la foto piu divertente che ha fatto un mio amico fotografo fu quando trovandosi nelle periferie padane del milanese immortalò un vecchiettino confuso davanti a 5 bidoni dell'immondizia di colore diverso che non sapveva dove buttare 3 cose.

la foto di per se non sarebbe stata interessante se sullo sfondo non ci fosse stato un bel tramonto in controluce con le ciminiere fumanti di una cosa nerogrigiastra che inquinava sicuramente piu di qualnque immondizia!

proprio come nella bibbia la pagliuzza e la trave!

bruno bassi 08.06.11 03:27| 
 |
Rispondi al commento

riflessione su milano:

ora forse non piu ma fino a una decina di anni fa a milano trovava da lavorare anche il classico "scemo del villaggio" quello che in nessuna parte d'italia lo vorrebbero a lavorare neppure pagati per tenerlo.

e allora vedevo gente inconcludente e incapace a fare qualche lavoro ( non si sa bene cosa e non si sa bene perché) e poi mi dicevano che milano traina l'economia italiana!

BOHH!!!!

bruno bassi 08.06.11 03:24| 
 |
Rispondi al commento

A Formigoni gli si deve bloccare l'ingresso alla regione ogni giorno perche' abusivo appunto.
E i Milanesi ignoranti zitti e muti che l'hanno votato pur sependo che non poteva essere eletto?
Ma siamo sul pianeta terra ancora o su quello delle scimmie..

Rosario Pasanisi 08.06.11 02:47| 
 |
Rispondi al commento

è un sistema bellissimo, un solo elettore potrebbe al limite eleggere l'intero parlamento, ma il 49% degli elettori (come accadde con il referendum x la caccia, votando contro il 98% dei votanti) non possono decidere su una semplice abrogazione di una qualunque leggina. W la matematica.

Claudik Claus 08.06.11 02:23| 
 |
Rispondi al commento

BORIA CHI MOLLA
Il mitico Formigoni, noto per la sua boria, non molla. La Lombardia non vuole centrali nucleari sul suo territorio. Bene. Ma al referendum, lui, il boriuomo, non andrà a votare. Detto da lui, anim’e core di CL (Comitato Liberiaffari) , sembra quasi un ordine di scuderia. Mentre la Chiesa, con le sue mille anime si schiera per il SI, lui, per non dare un dispiacere al suo socio Re Silvio I, fa il cerchiobottista. Le centrali nel suo regno lombardo, no (il che porta voti), ma il via libera al socio - per farne di nuove - si.
Anche per lui, come per Padre Pio, il dono dell’ubiquità, ovverosia, il piede in due staffe in attesa di saltare in groppa al cavallo vincente.
Riuscirà il nostro eroe a superare l’ennesima prova di equilibrismo politico?
Ai posteri del lunedì pomeriggio, l’ardua sentenza.


http://ostinatoecontrariogio.blogspot.com/2011/06/boria-chi-molla.html

GIOVANNI_ CAPUTO_, Rende (CS) Commentatore certificato 08.06.11 02:06| 
 |
Rispondi al commento

formigoni fai pena

m.luisa consiglio 08.06.11 01:34| 
 |
Rispondi al commento

I rappresentanti delle istituzioni, se ci fossero, dovrebbe sempre andare a votare altrimenti la chiamata alle urne diventa solo un paravento per far finta che siamo in democrazia. Proporrei comunque una legge che renda obbligatorio il voto e altrimenti multe man mano sempre più salate

saverio ., roma Commentatore certificato 08.06.11 00:48| 
 |
Rispondi al commento

Con l'aria che tira sicuramente meglio stare coperti vero Formigoni? Strano, dal 07 al 09 giugno si tiene in fiera a milano la conferenza dei costruttori europei delle centrali nucleari e nessuno si vanta della partecipazione a cotanta politica. Andate a conoscerli sul sito i nostri amiconi e se qualcuno ha un oretta libera non sarebbe male andarli pure a trovare in fiera, questi luminari. (http://www.nuclearpower-europe.com)

Sauro Tondelli 08.06.11 00:26| 
 |
Rispondi al commento

in una democrazia un politico dovrebbe come primo interesse occuparsi dell'opinione delle persone sul proprio operato. Ritengo che il referendum vada inteso come tale, e pertanto dovrebbe essere il politico stesso che dovrebbe esortare tutti ad esprimere la propria opinione e trarne le dovute conseguenze. Più persone condividono l'operato della classe politica al governo, più questa si rafforza e può andare avanti per la strada intrapresa con maggiore serenità e determinazione. Chi non vota non può essere contato come chi acconsente, semplicemente è un cittadino che non si è espresso e come tale si pone in una condizione di ambiguità che non legittima ne l'una né l'altra parte. Solo una classe politica corrotta che gioca sporco può appropriarsi di voti che non le competono. Io personalmente andrò a votare, perché è un mio diritto, e sono fiero di essere nato in un Paese dove il diritto di voto è da molti anni un diritto acquisito. So che non è stato sempre così e che è costato il sacrificio di migliaia di persone questo scampolo di libertà che ci è rimasto. Pertanto lo eserciterò, alla faccia di chi vorrebbe il contrario, per poter dire ai nostri politici che non voglio le centrali nucleari, che non voglio che l'acqua sia gestita dai privati, e sopratutto che la legge è uguale per tutti. 4 SI per dire no ai soprusi!

andrea poletti 08.06.11 00:20| 
 |
Rispondi al commento

La mia più sincera solidarietà,mi fai pena forminchioni!!!

Andrea M., Altamura Commentatore certificato 08.06.11 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Formigoni deve sapere che andare a votare per i referendum non è affatto un disturbo, anzi...un gran piacere soprattutto se i 4 SI' serviranno a fargli tanto male!!!!!!! Credo proprio di SI'

maria c., perugia Commentatore certificato 07.06.11 23:27| 
 |
Rispondi al commento

... vergognoso...
lui che si sarebbe espresso poi per un no alle centrali in Lombardia.. a casa d'altri si però...
Andrebbe preso a calci nel sedere questo abusivo rom di palazzo....

Giorgio Donnoli 07.06.11 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Chi non va a votare a questo referendum è una merda...aprite gli occhi!!!!


Hai proprio ragione. Basta con questa gente schifosa, mai sazia di rubare i soldi dei cittadini e che occupa abusivamente posizioni raggiunte con le clientele tipiche di comunione e lottizzazione benoltre i limiti della legge. A casa e per sempre.

Riccardo Mei (richard dawkins), Roma Commentatore certificato 07.06.11 22:49| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori