Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le banche italiane e il debito pubblico


Grecia_giugno_2011.jpg
Il nostro debito pubblico, che si avvia verso i 2.000 miliardi, è insostenibile. Lo sanno tutti, la UE, il FMI, le agenzie di rating. Nessuno grida al fuoco perché l'incendio si propagherebbe a tutta l'Europa. La manovra di tagli proposta da Tremorti è un pannicello caldo per tirare avanti e spostare il problema più in là. La speranza è di arrivare alle prossime elezioni e lasciare il cerino in mano al suo successore. Le banche italiane, intanto, tremano. Le prime sei posseggono 200 miliardi di euro dei nostri titoli di Stato. Una polpetta avvelenata. Se ci fosse un default potrebbero essere le prime a saltare.

29 Giu 2011, 14:34 | Scrivi | Commenti (85) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il debito pubblico non è altro che un sistema inventato dalla finanza (che sostiene i politici) fatto per spostare, in modo continuativo, ricchezza vera (quella che viene dal lavoro) al pozzo senza fondo della finanza.
La soluzione? Facciamo come i cittadini dell' Islanda: STOP non lo si paga più, questo continuo travaso di vera ricchezza a quella fasulla della finanza che c'è stato in tutti questi anni li ha già arricchiti che basta e avanza.
Su questo punto però anche da voi non vedo chiarezza.

Paolino Bertazzo 18.11.12 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe potresti fare una precisazione in termini molto semplici come sai fare molto bene Tu, di cosa significa il parametro che deve essere (per la banca centrale oltre il 5%) per essere una banca FIGA!!!.
Da quanto ne so io molto ignorantemente credo sia la percentuale di denaro che nel caso in cui (per assurdo) tutti i clienti si presentassero alla cassa a ritirare i LORO SOLDI la banca è in grado di restituire.
Ma credo speigato da te sarebbe molto più divertente (NELLA SUA TRAGIDITA')

Alberto 17.07.11 12:00| 
 |
Rispondi al commento

S&P boccia il piano d'aiuti alla Grecia....siamo al punto che si nega l'evidenza e ciò che non potrà mai più pagare il suo debito pubblico(come noi).
Siamo al "minestro dei minestroni", e arriveremo ad un punto che non basterà più nemmeno vendere pezzi di paese,per saldare i debiti.
Ma questi vanno avanti imperterriti, anzi chiamano in causa le agenzie di rating, colpevoli di dire la verità.
Ma perchè non le hanno chiamate in causa, quando ci sono stati casi di crack come parmalat o i bond argentini?.
L'argentina è stata la prima a vendere pezzi di paese, per far fronte al debitoP..a gente come Bentton!.
Bisogna opporsi a questo andazzo...riappropriandoci della sovranità monetaria...ripristinare le frontiere.

roby f., Livorno Commentatore certificato 05.07.11 08:54| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE all'art. 10 - 18 co. della manovra finanziaria di luglio 2011: "I crediti, maturati nei confronti dei Ministeri alla data del 31 dicembre 2010, possono essere estinti, a richiesta del creditore e su conforme parere dell’Agenzia del demanio, anche ai sensi dell’articolo 1197 del codice civile.
VOGLIONO CEDERE I BENI DEMANIALI a pagamento del debito pubblico!!!!

Roberto Guglielmo 04.07.11 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Natura giuridica della proprietà dell'euro
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006243/2011
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Mario Borghezio (EFD)
Oggetto: Natura giuridica della proprietà dell'euro
http://leconomistamascherato.blogspot.com/2011/07/natura-giuridica-della-proprieta.html

Alla luce della discussione scientifica in atto a livello internazionale sul signoraggio della moneta e premesso che detto signoraggio sta a monte di tutto il sistema monetario, poiché si colloca nel momento di emissione della moneta;

posto che, allo stato attuale, non è dato individuare chi sia creditore e chi debitore nella fase della circolazione dell'euro, mentre i popoli europei hanno pieno diritto di conoscere se siano "creditori" in quanto proprietari o "debitori" in quanto non proprietari per un valore pari a tutta la massa monetaria di euro posta in circolazione;

può la Commissione precisare, in maniera chiara e definitiva, a chi appartenga giuridicamente la proprietà dell'euro al momento della sua emissione?

Marco Saba 03.07.11 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro amico, un facciamo di tutta un erba un fascio..è bene fare delle distinzioni..anzi è sufficiente portare un esempio molto semplice e chiaro, proprie di questi giorni.
Non sò se avrte notato..ma è stata presentata la manovra...con la quale si richiede un sacrificio anche ai pensionati,i quali in alcuni casi si vedranno una rivalutazione ridotta dei propri assegni...subito i SINDACATI si sono incazzati!..ritenendo ingiusti questi sacrifici.
PREMETTO che si poteva tagliare altrove...e abbondantemente..mi preme però sottilineare che i SINDACATI quando si parla di pensioni, si eccitano soltanto se trattasi di diritti acquisiti..salvo preoccuparsi poco o nulla del futuro previdenziale, dei lavoratori e no di oggi...
Pur sapendo che il rapporto tra i primi e secondi, ormai è insostenibile, ossia su per ogni 100 lavoratori ci sono 71 pensionati...
Questo è il classico esempio di come in italia operano le rappresentanze sociali..2 pesi e 2 misure...del resto è più facile tutelare chi i diritti li ha già...

roby f., Livorno Commentatore certificato 03.07.11 08:33| 
 |
Rispondi al commento

gente, le cose sono relativamente semplici: della spesa pubblica pazza abbiamo usufruito tutti, ovviamente chi più chi meno, ma tutti; ora che siamo alla frutta ognuno cerca di scaricare altrove: umano, ma improduttivo. l'economia funziona in un certo modo, inutile pensare di cambiarla in tempi brevi; ciò che ci serve sono poche cose, ossia crescita, minore spesa e riduzione dell'evasione, soprattutto crescita, quindi concorrenza, semplificazione, istruzione e formazione professionale serie, aumento della dimensione media delle aziende, ricerca di base serissima e ricerca applicata fatta dagli interessati (aziende) e non dal , pubblico e tanto tanto tanto senso civico, anche quando vogliono farci la TAV in casa...

zompa lifossi 02.07.11 19:18| 
 |
Rispondi al commento

Non pagare il Debito Pubblico
Il Denaro è Energia
signor-aggio bancario

luigi rossi 01.07.11 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Quello che fa pensare, oltre alle banche, sono i commenti dei ministri (cfr il ministro Rotondi) ai quali belli belli non importa un bel fico secco di quello che pensano i cittadini-sudditi: basta salvaguardare i privilegi. Stiamo parlando di un ministro, un rappresentante del popolo (sic!) che neanche finge di emendarsi, tanto nessuno lo può mandare via. Mi viene da pensare che gente come De Gasperi, Amendola, La Malfa (padre) e tanti altri padri costituenti stanno ribollendo nella tomba davanti a una simile, becera e laida protervia

Alessandro Serafini 01.07.11 21:56| 
 |
Rispondi al commento

Sotto osservazione ora c'è L'italia...e prima o poi la stangata "arriverà"...
Lo dimostra il fatto che già prima di questa manovra da "torta", le agenzie di rating avessero già messo sotto osservazione il debito pubblico e 16 banche...addirittura siamo messi peggio dell'irlanda e company...
Devo dire che non bisogna essere degli esperti, per giudicare la situazione...che è grave!.
C'aspettavamo che un Governo Serio mettesse mano agli sprechi..invece se ne escono freschi freschi..con qualche annuncio, su qualche taglio "rediolo"..evitando furbamente di mettere mano alle forbici per tagliare enti inutili e che sarebbero impopolari(ma solo per a politica).
Intanto ci dovremmo "cicucciare" l'aumento dei Ticket sulle prestazioni diagnostiche e specialistiche...che finiranno di pagare sempre i soliti...
Taglierann qualche auto blu(forse perchè alcune dovranno essere rottamate)..
Probabilmente,man mano che i giudizi delle agenzie di Rating, si faranno più duri, allora questi signori si sveglieranno e lanceranno anatemi di ogni tipo...magari dicendoli:siete comunisti...!!!.
Non c'è alternativa...devono andare tutti a casa...!!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 01.07.11 08:32| 
 |
Rispondi al commento

Caro Riccardo, io non ho auspicato nessun provvedimento speciale nè vorrei toccare le rendite dei superpotenti. Anzi, penso che molti ricchi sarebbero contenti di un nuovo modello fiscale e, a pensarci bene, penso che sarebbero contenti anche i molto meno ricchi. Garantisco tuttavia che risaneremmo il debito pubblico in men che non si dica.
Qualcuno di scontento ci sarebbe per forza, è ovvio, altrimenti il sistema che ho in mente sarebbe già stato posto in essere ed essendo scontento costui verrebbe fuori allo scoperto a protestare a viva voce così potremmo forse finalmente vederlo. Ovviamente sempre ben celato dalla sua maschera che, d'altra parte, sarebbe veramente molto difficile strappargli dal volto ed anche poco conveniente per moltissimi di noi (voi) che, alla visione, potrebbero avere la vita sconvolta per sempre. Meglio continuare a tenersi le orecchie tappate e cantare a viva voce lalalalalalala! Ciao.

Arturo G., Genova Commentatore certificato 30.06.11 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che la Grecia non fallirà, non ora.
Era riportato sul Fatto Quotidiano, che gli istituti di credito europei hanno assicurato il credito investito nella Grecia (78miliardi) tramite CDS con gli istituti americani.
Cosa succede quindi, se la Grecia fallisse, i 78 miliardi dovrebbero rimborsarli gli istituti statunitensi. Una bella botta.
Ovviamente i CDS hanno un costo, quindi se la Grecia alla scadenza dei CDS non è fallita, gli istituti europei avranno versato una percentuale di pagamento sul credito assicurato, realizzando quindi un guadagno minore sul prestito greco (forse addirittura una piccola perdita), ma comunque non sarebbero a gambe all'aria.
In pratica se la Grecia non fallisce gli istituti USA hanno incassato senza versare un soldo, bella mossa!
Se fallisce invece dovranno pagare in toto il capitale assicurato.
E' probabile che la Grecia fallirà quando ci saranno in giro pochi CDS americani sul suo debito. I CDS hanno una scadenza di solito quinquennale, ma non è detto.

Lo stessa cosa potrebbe valere per l'Italia, il nostro immenso debito è in mano a Francia e Germania, ma esse a loro volto potrebbero aver contratto CDS sul nostro debito con istituti di altre nazioni... USA? Cina? Non lo sò si dovrebbe spulciare un bel po'.
Quindi magari Francia e Germania se ne fregano se falliamo, ma ci potrebbero esser altre nazioni interessate al nostro salvataggio... Visto che nessuno grida qui da noi, sembra che per ora non ci sia ancora nessuno che scommette sul nostro fallimento... Il problema è che quando inizi a scommettere che qualcuno fallisca... di solito fallisce.

P.S. Essendo dentro l'euro, il se ne fregano era molto relativo, visto che potremmo decretare la fine della moneta europea.

David C., Pistoia Commentatore certificato 30.06.11 18:26| 
 |
Rispondi al commento

I carburanti, con buona pace della Lega, sono aumentati a causa di nuove accise per far fronte all'arrivo degli immigrati clandestini e no. Abbiamo le pezze al c..o e stiamo come il prezzemolo dappertutto ci sia una guerra o qualcosa che le assomigli. I nostri politici continuano a non toccarsi nemmeno il più piccolo benefit e anzi aumentano gli sprechi e i loro stipendi e vitalizi (vedi il supercazzolaio Vendola in Puglia); nello stesso tempo bloccano gli stipendi e le pensioni da 1300 euro al mese fino al 2014 pur in presenza di una inflazione tornata alta e sono in arrivo una valanga di nuove tasse sia a livello centrale che locale. E' come se in una famiglia diventata povera, la madre continuasse a comprare profumi costosissimi, il padre auto e vestiti, insieme ad organizzare feste e ad invitare ospiti mentre i figli e i nonni non hanno di che mangiare. Quando ne prenderemo coscienza? Sarà troppo tardi? come è stato in Tunisia, in Egitto, in Libia e in Siria, oltre - e questo ci interessa di più - come è stato in Grecia. Credo che questo sia il momento per organizzare (il M5S in primis) un grande e definitivo V-Day dell'economia per imporre a questi ineffabili zombie della politica una severissima cura dimagrante che comprenda, oltre ai loro sprechi personali e alla loro ingombrante presenza, l'archiviazione dei loro inutilissimi progetti quali la TAV e il Ponte sullo stretto.

Chiara Mente Commentatore certificato 30.06.11 18:19| 
 |
Rispondi al commento

...Tranquilli tutti gli onesti, ingenui, stanchi, e i rivoluzionari: il momento sta per arrivare...
Invece, pensiamo a prepararci come NON SBAGLIARE questa volta, evitando di ammazzarci alla cieca ed a farci rimettere come al solito i più deboli ed i più indifesi; tra l'altro, potremmo dare l'esempio storico di come si fà una VERA e moderna rivoluzione EFFICACE, UTILE davvero al popolo, e senza troppo inutile spargimento di violenza. La Nostra 1a rivoluzione Italiana! Almeno facciamola bene ed esemplare!
Ed allora:
1°: Bloccare frontiere ed esportazioni di capitali all'estero. Nessuno deve finire come Craxi e molti altri (anche in altri paesi..).
2°: Nessuno dei VERI responsabili del degrado e della povertà degli italiani deve finire appeso come Mussolini e sodali. I morti non servono a niente, e per di più, così facendo ci si sente pure male con la coscienza una volta passato il periodo di incazzatura.
3°: espropriazione totale delle proprietà e ricchezze di coloro che hanno costruito la loro vita ed il loro benessere eccessivo in questi ultimi 20anni macchiandosi di reati gravi in relazione al loro status sociale (quindi politici, imprenditori, banchieri, dirigenti pubblici, alte cariche militari colluse nel passato, professionisti senza scrupoli, capimafia e capiclan di qualsiasi specie).
4°: Utilizzazione di tali risorse espropriate per il pagamento dei debiti contratti dall'Italia con l'Unione Europea, e per una manovra di ricostruzione economico-sociale della Nazione.
5°: creazione di un Corpo od un Ente specifico che si occupi di gestire il lavoro forzato di tutta quella gente di cui sopra per il resto della loro vita o fino a che, appunto non si sia ULTRACERTI che si siano davvero ravveduti del loro malfatto, ed anche in modo che non c'è li si veda rispuntare fuori dopo qualche decennio autori di altre malefatte come ad esempio Carboni ed altri vari protagonisti della P3, P4, ecc...
6°: tassare opportunamente fino al risanamento i loro familiari al 1° grado.

Rolt 30.06.11 16:35| 
 |
Rispondi al commento

"ITALIANI" svegliatevi le partite di calcio,li dovete mandare ad affanculo,cosi come la tv,del grande fratello,sono tutte stronzate..Il problema e' molto pericoloso,L'ITALIA HA SUBITO LA STESSA AGGRESSIONE DELLA GRECIA..Siamo in mano alla truffa piu' grande del secolo..siamo nelle mani di TREMORTI, in questa ultima manovra da 43, che puo' arrivare fino a 47 miliardi di euro, e' il frutto di una politica che ha funzionato alla ROBIN HOOD, ALL'INCOTRARIO,cioe', "rubano ai poveri, per dare ai ricchi"..pagheranno sempre questi poveri cittadini dal cuore nobile..ritornando alla manovrina,voluta all'ultimo istante, fatto apposta per lasciare questo regalino, a chi governera'dopo di lui..il grosso (40 miliardi) e' distribuito nel 2013 e 2014 cioe' quando questo governo cessa di vivere..e' facile mettere le tasse ai cittadini,questo e' il GRANDE TREMORTI,un bravo economista avrebbe dovuto valorizzare per prima i piccoli artigiani,avrebbe dovuto incrementare il MADE IN ITALY famoso nel mondo.. ,avrebbe dovuto mandare ad affanculo le auto squallide, che servono esclusivamente a fare ammalare le persone,avrebbe dovuto promuovere l'energia pulita,ed in ultimo il turismo..bastava fare questo per essere il paese piu' ricco d'europa..altro che tasse!!DIMENTICAVO,LUI E' INNAMORATO DELLE BANCHE!!!ROBIN HOOD!!

alvaro 30.06.11 15:12| 
 |
Rispondi al commento

CARO BEPPE E STAFF
ITALIA E AL PENULTIMO POSTO DOPO AITI COME PAESI IN VIA DI SVILUPPO! SIAMO I PIU TASSATI D EUROPA CON I SALARI PIU BASSI E PENSIONI! LA CRESCITA E PIATTA DA ORMAI PIU DI 10ANNI CHE IL PAESE NON CRESCE !!! COSA SI FA SI PAGANO SEMPRE PIU TASSE VISTO CHE IL DEBITO AUMENTA!! MA LA COSA PIU GRAVE CHE SI SONO ACCORTI E CHE IL SOLDO NON GIRA!! NON FACENDOLO GIRARE ECONOMIA SI FERMA!! CI SARANNO SEMPRE PIU MANOVRE LACRIME SANGUE! PAGATE DAL SOCIALE E NON DAI BENESTANTI!! VOGLIO PRECISARE CHE NON SONO COMUNISTA!!
PER QUANTO RIGUARDA IL NOSTRO DEBITO NON ABBIAMO DA TENERE PERCHE ABBIAMO IL PAESE CON PIU CAPITALIZZAZIONE CIOE PER SPIEGARMI ABBIAMO MOLTI SOLDI NELLE BANCHE 10 VOLTE SUPERIORE AL DEBITO NOSTRO!!
CE DA DIRE CHE 1 PERSONA SU 10 POSSIEDE LA META DELLA RICCHEZZA DEL PAESE!! GLI ALTRI 9 VIVONO SOPRAVVIVONO O FANNO PUFFI!! NON ABBIAMO LEVATO LA PRECARIETA CHE E LA POVERTA DEL PAESE !!!
ABBIAMO ALLUNGATO LE PENSIONI FORSE GIUSTAMENTE O INGIUSTAMENTE FAACENDOLI DIVENTARE PER I CITTADINI
PENSIONI DELL IMMORTALITA VISTO CHE ARRIVARCI A PRENDERLA ??? DAL 2020 AL 2040 CI SARANNO BACCATE SUI COEFICENTI SI PRENDERA LA META NEI 40 ANNI DI LAVORO DELLO STIPENDIO!!!
LE ACCISE DELLA BENZINA AUMENTERANNO SEMPRE DI PIU !! VISTO CHE NON RIUSCIAMO A PAGARE INTERESSE DEL DEBITO PUBBLICO!!
IL DEFAULT NON E POSSIBILE VE LO SPIEGO TROPPI BENESTANTI E PATRIMONI IMMOBILARI PROPRI!!
NON ABBIAMO DEBITO PRESSO ALTRI PAESI AD ECCEZIONE CINA CHE SI E PRESA IL 13 % DEL NOSTRO PAESE DEBITO PUBBLICO!!
PREVISIONE AUMENTERANNO LE TASSE SEMPRE DI PIU CON CONFLITTI SOCIALI DI PIAZZA!! DISOCCUPAZIONE NON SI CONTERà PIU!!
BASTA GUARDARCI IN TONDO E VEDERE COME NEGLI ULTIMI ANNI COSA E CAMBIATO!!!
CHE DIRE IL DEFAULT DELLA GRECIA UN PAESE CHE ALL EUROPA INSIEME AL PORTOGALLO E IRLANDA OCCUPANO SOLO IL 6% DEL PIL EUROPEO.
SI POTEVANO FALLI FALLIRE SUBITO INVECE NO!!
PERCHE ??? PERCHE LA GERMANIA E LA FRANCIA HANNO TITOLI DI STATO INSOLVENTI GRECI QUINDI AIUTARLA A TUTTI I COSTI!!

mario mario 30.06.11 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Ma se io faccio un mutuo di 20-30 anni con una di queste banche e poi saltano??? Lo posso considerare estinto..no perché una volta ogni tanto mi piacerebbe metterglielo in quel posto a ste maledette banche!!!

fusari cesare 30.06.11 14:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

esiste ancora online questo sito

http://www.storianegata.eu/?p=5

vorrei che dipanassi eventuali false righe su cui odierni speculatori possano costruirci sopra.

grazie

marco rossi 30.06.11 13:42| 
 |
Rispondi al commento

ma come az.... e possibile che tutta la gente che e stata INFETATA con sangue infetto continua a morire e il mondo CONTINUA a far finta di niente?????????? ci si occupa piutosto della tutela degli animali,o di assegnare le spiagge per 100 anni, di un mucchio di altre cose, e nessuno parla che da 30 anni ce gente che MUORE PER H.C.V E H.I.V e che hanno il diritto di essere risarciti dallo stato DELINQUENTE E ASSASSINO che ancora oggi ci prende per il c... QUESTO E UN GRIDO DI AIUTO PER TUTTI COLORO CHE POSSONO AIUTARCI A MORIRE ALMENO CON LA SODDISFAZIONE DI AVER VISTO I NOSTRI DIRITTI RISPETATI

franco lorrai 30.06.11 12:30| 
 |
Rispondi al commento

E se tutti prelevassero i loro soldi dalle banche queste chiederebbero allo stato di rimborsare il proprio credito, I banchieri con i soldi all'estero se ne fotterebbero e rimarrebbero con il cerino in mano sempre i soliti. Se depositiamo soldi in banca lo prendiamo in quel posto, se lo Stato va in default ci rimettono sempre i soliti. Bisogna intaccare assolutamente privilegi politici, stipendi fuori da ogni regola per AD che non portano risultati ( vedi cimoli, Stanca )La meritocrazia deve cominciare da li rendi ti pago, mi fai danni economici te li faccio pagare.

Sergio Silvestri, Veruno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.06.11 12:20| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione è a portata di mano,
si chiama "legalità".
L'evasione fiscale è stimata, a secondo delle fonti, da 120 a 300 miliardi di €.
Recuperiamone 60-70-80, ed il gioco è fatto!
Come?
E' facile, galera, dura e lunga, per i grandi evasori.
Stesso discorso per la corruzione.
L'Italia diventerà un paradiso!

l., ancona Commentatore certificato 30.06.11 11:49| 
 |
Rispondi al commento

TREMORTI NON Sà DOVE PRENDERE I SOLDI?

1)RITIRO DEI MILITARI NEGLI SCENARI DI GUERRA

2)LEGALIZZAZIONE DELLA PROSTITUZIONE,CON PARTITA IVA

3)LEGALIZZAZIONE DELLE DROGHE LEGGERE,IL PROIBIZIONISMO FINANZIA LA MAFIA

4)RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEI POLITICI,E RIDUZIONE DEI POLITICI

-------------------------------------------------
BEPPE 6 UN VEGGENTE, NON SBAGLI UN COLPO....
MITICO

SIMONE ., prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.06.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Non domandatevi quale rivoluzione, rivolta o manifestazione appoggiare. In questo periodo ogni cambiamento è buono. Lo dice anche la statistica, in certe situazioni, per vincere, l'importante è cambiare. Siamo tutti sulla stessa barca, separati solo dalla demagogia e dalla disinformazione che ci ha riempito le teste di spazzatura e inutili pudori. Qualunque cosa facciamo noi cittadini... APPOGGIAMOCI!

Prepariamoci per la manifestazione NAZIONALE contro il sistema bancario, contro il sistema del debito e contro Equitalia il 6 Luglio a Cagliari, in Sardegna, in Italia! Dalla Sardegna si vuole replicare il risultato della rivoluzione Islandese... Appoggiamo la Sardegna, appoggiamo i sardi e tutti gli italiani attivi per non rischiare di rimanere indietro... perché loro, stavolta, non si fermeranno!

BISOGNA CENTRARE TUTTI GLI OBIETTIVI, UNO PER UNO. NON NE ESISTONO DI PIU' O MENO IMPORTANTI... NON ORA. NON ORA!!!

GRILLO, BEPPE! IL DESTINO NON AVEVA IN SERBO PER TE IL M5S, MA LA RIVOLUZIONE CHE TI PIACCIA O NO. SARO' UN ILLUSO, MA IO STO ASPETTANDO TE E NON CREDO DI ESSERE L'UNICO... MUORI PER VIVERE PER SEMPRE, MA FA MORIRE PRIMA ME!!! E NON SONO UN ESALTATO, SONO UN FELICE PADRE DI FAMIGLIA E HO UNA MOGLIE COSI' BELLA CHE SOLO AL PENSIERO DI NON VEDERLA PIU' MI SI PIETRIFICA IL CUORE... MA VOGLIO UN MONDO DEGNO, CAZZO, DEGNO... PER MIA FIGLIA... VOGLIO CHE VENGA A TROVARMI AL CIMITERO E POI VEDERLA TORNARE A CASA FELICE CON LA SUA FAMIGLIA, CON UN MARITO CHE AMA E CHE LA AMA E CON DEI FIGLI CHE CRESCONO SANI E SERENI........

Gianluca C., Savona Commentatore certificato 30.06.11 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno in Italia cita publicamente il numero di rate di mutuo non riscosse dalle banche.

maro sowclett Commentatore certificato 30.06.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia ha solo un quarto delle nostre problematiche reali e potenziali! Troppi benestanti e ricchi su internet? Si, ma vorrei trovare il modo di parlare a tutti quei MILIONI di cittadini che saranno il vero futuro dell'Italia dopo l'inevitabile guerra contro questo sistema... In passato i ricchi e i benestanti hanno sempre guidato le rivoluzioni e sono passati alla storia, ma bisogna essere ricchi anche dentro...

Gianluca C., Savona Commentatore certificato 30.06.11 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Signori,

pensando facevo una riflessione. Oggi il problema sono i soldi e chi detiene il potere e i soldi non si fa alcun problema a schiacciare chiunque pur di mantenere lo status quo....

....Quando il problema vero sarà il sovrappopolamento è cosi utopistico pensare che faranno di tutto per salvaguardare loro stessi? Le prove generali le stanno facendo con "l'esportazione di democrazia"...

A pensar male....

Andrea

Andrea B. 30.06.11 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Una curiosità:
Come pensate che si possa risolvere il problema?
Tanto per cominciare ci vogliono 47 miliardi
(ma saranno quasi sicuramente di più), nei prossimi
tre anni solo per l'azzeramento del deficit.
Dove trovarli?
Ancora tagli?

l., ancona Commentatore certificato 30.06.11 09:48| 
 |
Rispondi al commento

La manovra dovrebbe essere così:
i politici non percepiscono piu di 2000 euro al mese punto e basta 17 anni di governo pessimo.
Cosa faremo con un' amministratore di una società che non ha saputo gestire bene il tutto lo licenzieremo o non lo pagheremo ...... e cosi deve essere noi tiriamo la cinghia e siamo a casa e loro ???? noi li paghiamo sono nostri dipendenti e visto che non hanno gestito bene la crisi adesso non vanno a casa ma devono rispondere di tasca loro come succede ai maneger nelle aziende private, questa si chiama responsabilita e assunzione dei rischi.
Io sono un geometra e di rischi me ne assumo tutti i giorni per molti ma molti meno soldi.
Vedremo la manovra di Tremonti e vedremo cosa faranno i sindacati ma in primis i cittadini, la Grecia è scesa in piazza troppo tardi e la colpa della loro situazione e sopratutto della popolazione siamo noi che dobbiamo garantirci la liberta il futuro e lo sviluppo ognuno di noi (imprenditore,operaio,libero professionista, dipendente pubblico) ognuno di noi è un imprenditore che fa muovere l'economia e manda avanti il paese

Stefano Modotti 30.06.11 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
Vorrei scrivere riguardo la raccolta differenziata ed in particolar modo fare una proposta. Premetto che questa non è una mia idea ma ho preso spunto dai tedeschi dopo aver avuto la fortuna di eseer stato in Germania qualche mese.
In Germania quando si comprano bottiglie di acqua (plastica o vetro) o lattine varie, oltre al prezzo si paga una cauzione. Ad esempio la lattina costa 1€ e la cauzione 30 centesimi. La cauzione verrà restituita solo a condizione che l'acquirente riporti indietro la bottiglia o lattina.
Quali sono le conseguenze di tutto questo?
1) chi non differenzia ci rimette economicamente e quindi si stabilisce un principio più equo che a pagare di più è l'incivile e non pagare la tassa rifiuti in base alla superficie della propria abitazione.
In tal modo il cittadino percepisce facilmente dal punto di vista economico il vantaggio della raccolta differenziata.
2)La raccolta è fatta presso chi vende i prodotti e quindi con abbattimento dei costi per i comuni che non devono fornire bidoni particolari ai cittadini
3)Città più pulite. In Germania quando qualcuno getta per strada o nei vari contenitori dell'immondizia materiale differenziabile, lo stesso materiale viene raccolto da persone che vivono in condizioni economiche precarie e che dal ricavato delle cauzioni traggono qualche beneficio economico.

Ho in passato fatto questa proposta al sindaco della mia città (Bari) e all'azienda di raccolta rifiuti, ma mi hanno risposto, prendendomi in giro, che pur essendo una bellissima proposta perchè limitarla alla sola città di Bari e non a tutta l'Italia? Aggiungendo che per fare questo ci vuole una legge nazionale.

Ciao

Moretti Raffaele

Raffaele Moretti, Bari Commentatore certificato 30.06.11 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...sentire sparare fa rabbrividire. Il mondo si interroga se ci può essere una soluzione a partire dai capi di Stato e dalle politiche economiche... a loro una scelta,che non sia repressione, per salvare i Paesi. Se sono così bravi la trovino... Forse il gigante cinese ci guarda ed aspetta il momento giusto... Dare lavoro ai lavoratori per progetti sensati è la soluzione... A Bruxelle. a Bruxelle: l+ è il problema: riqualificare gli investimenti... che temgamo lontani tangenti e mafie...

alma gemme 30.06.11 05:32| 
 |
Rispondi al commento

...una rappresentanza qualificata (popolare e della intelligenza scientifica) dei NOTAV IN VAL DI Susa a Bruxelle per chiedere che i diritti civili e le volontà popolari siano rispettati e ristabiliti: non può dettare legge un Governo che non ci rappresenta più nè tantomeno che la democrazia sia interpretata come libertà del più forte, materialmente più forte, sul più debole. Come può la UE accettare questa interpretazione della Democrazia se non rinnegando i suoi principi fondanti? Assisterà con due parolette agli strazì che si sono compiuti e si compieranno ancora? Occorre andare con dati alla mano a Bruxelle, partendo da rappresentanti dei No Tav a politici qualificati dei referendum per caMbiare destinazione a quei 17 miliardi di euro...

alma gemme 30.06.11 05:21| 
 |
Rispondi al commento

Perché il debito pubblico,ammesso che abbia un qualche valore,lo devo pagare io che mi rompo i
coglioni tutto il giorno,e non il Papi e le sue
puttane ??????????????

basilio grabotti 30.06.11 02:12| 
 |
Rispondi al commento

questa è la globalizzazione.
se tanto ci da tanto, presto avremo la corte marziale: il loro vecchio desiderio di depopolare il pianeta potrebbe concretizzarsi in un nuovo olocausto. in forni crematori scavati sotto terra lontano da occhi indiscreti
andare a prelevare i giovani e tutti i civili potenzialmente dannosi per la preservazione dello status quo del potere sarà la parola d'ordine del prossimo diktat dittatoriale in europa. verremo prelevati casa per casa. il nanetto perverso ci sembrerà un pallidissimo ricordo.
io l'ho buttata lì. ma forse accadranno chissà quali imprevisti che impediranno alle elite di farlo. (che poi lo stanno già facendo in libia. ma tanto finchè sono africani che crepano la cosa non ci tocca poi tanto se non nel nostro orgoglio intellettuale)

www.stampalibera.com

non copiarmi il nick rick () Commentatore certificato 29.06.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa se ti correggo ma i titoli di stato in circolazione sono oltre 350miliadi se si applicasse una tassazione del 13%, sempre molto conveniente per il risparmiatore, anzichè del 12,5% salterebbero fuori 2miliardi quasi senza colpo ferire.

felice p., milano Commentatore certificato 29.06.11 23:22| 
 |
Rispondi al commento

mi dite perche' siamo sovrani di un debito? forse perchè chi comanda in europa sono la b.c.e e il consiglio europeo'? che nessuno elegge,andatevi a leggere il trattato di maastricht gli articoli 105 e 107...
altro che psiconano...alla prossima

marino vignali 29.06.11 22:52| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedo scusa ma mi è partito un "invio" messaggio non voluto così non ho potuto completare quanto volevo scrivere. Dicevo che bisogna riflettere attentamente sui numeri che ci propinano così come sul sistema fiscale che da secoli è adottato con qualche piccola variante più o meno in tutti gli stati. Ebbene la fregatura è proprio lì. Proprio i numeri che ci propinano mi fanno dire che sarebbe possibile sistemare il debito pubblico italiano (come quello di altri Stati), varando le leggi opportune, in meno di un mese. Non sto assolutamente scherzando. Puà darsi che qualcuno mi prenda per matto ma non credo di esserlo. Il problema è che chi governa non adotterà mai leggi del genere perchè sgradite a chi detiene il potere ultimo (e quindi sceglie chi governa). Salutoni a tutti.

Arturo G., Genova Commentatore certificato 29.06.11 21:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fino a che noi italiani non capiamo che siamo manovrati da gente senza scrupoli, che ci impone una moneta debito, il cui valore è creato dal nulla "l'Euro", non usciremo mai da questa situazione. Dobbiamo riprenderci la nostra sovranità, cosi come stà scritto sulla costituizione italiana, iniziare finalmente a stampare la nostra moneta, quella di proprietà del popolo italiano, non quella di proprietà della BanKa d'italia o Banca d'Europa che sono ORGANISMI PRIVATI. Solo così possiamo farcela

lorenza del carlo 29.06.11 21:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io non voglio fare la figura nè del saputo, nè dell'antipatico ma, meno che mai, quella del fesso. D

Arturo G., Genova Commentatore certificato 29.06.11 21:46| 
 |
Rispondi al commento

non dovete chiamarla "Manovra"
cominciate a chiamarla "Tremont tax" e ripetere il concetto in ogni occasione fino a quando non diventa un tormentone di uso cmune
solo così la gente comincerà a capire il piattino che gli sta preparando il ministro commercialista.

pippo de pippis 29.06.11 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono 50 anni che tirano a campare lasciando il cerino a quello che viene dopo. Per loro l' importante è pappare; sistemare mogli, figli, parenti, amici, TUTTI rigorosamente a nostro libro paga e poi chi s'è visto s'è visto.
Questo andazzo, ripeto va avanti da 50 anni, con poderose accelerazioni nell' ultimo ventennio p2ista dell' incantatore di rintronati ITALIOTI.

Soluzione: CACCIARLI TUTTI DAL PARLAMENTO A LEGNATE SUL GROPPONE.

dr. Hause 29.06.11 20:53| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

@giovanni la marca:
1- Allora bisogna chiarari se l'istituto dove hai il conto fallisce il tuo conto di qualunque tipo sia è garantito dal tesoro per 103.291,38euro, se il conto è in comune con la moglie la garanzia è raddoppiata quindi 206.582,76euro. Ovviamente il Tesoro deve avere fondi per coprire il fallimento della banca. Se ne fallisce una per quanto grande non ci dovrebbero esser rischi, il problema sorge se si genera un effetto domino e ne falliscono un buon numero.
2- Se hai il mutuo... Il bene è comunque tuo, l'istituto di credito ti presta dei soldi per acquistare, non acquista per te. Quindi di solito se una banca sta per fallire vende il tuo mutuo ad un altro istituto in cambio di liquidità, diciamo che vende il tuo debito verso di lei ad un'altra banca in cambio di moneta subito. Quindi per te non cambierebbe niente. O comuqnue dovresti pagare a chi subentra all'istituto, che sia un'altra banca o il curatore fallimentare.
3- Si la carta per il bagno non ti mancherà.

Quando una banca fallisce... si deve preoccupare chi ha crediti... chi ha debiti di solito può dormire tranquillo.

David C., Pistoia Commentatore certificato 29.06.11 20:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

prendi la borsa, quando tale azione è al massimo i ricchi vendono e i meno ricchi e la classe media comprano. poi, come sempre, quella stessa azione scende di prezzo e lascia al tappeto milioni di risparmiatori.
I ricchi avevano comprato la stessa azione ad un decimo di quanto l'abbiano rivenduta ai meno ricchi e classe media ricavando ingentissime plusvalenze.

Insomma, smettila di credere al tuo consulente finanziario se è uno che vive di stipendio e non riesce ad arrivare alla fine del mese, altrimenti sarebbe ricco come te e avrebbe bisogno di un consulente invece di star li a darti informazioni su come fare soldi, non credi?

danilo adriani 29.06.11 19:35| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

preparatevi a qualcosa di sconvolgente e non dite che non eravate stati avvisati.
I nostri politici, come quelli di gran parte del Pianeta, non sanno quello che fanno. sono essenzialmente concentrati per il prossimo turno elettorale e si guardano bene dal prendere decisioni antipopolari e per tale ragione nessuno si occuperà dei tuoi risparmi se non lo fai tu!
I politici non hanno a cuore i tuoi problemi, si preoccupano delle loro casse e non delle tue e allora è il momento di prendere in seria considerazione la più grande crisi che la storia abbia mai registrato.
la buona notizia è che se ti prepari e agisci, ora, potrai utilizzare quello che succederà a tuo vantaggio.
domanda: cosa pensi del tuo denaro? se avrai risposto che possiedi 5 milioni di euro in contanti e li tieni depositati in una banca all'interesse del X% l'anno garantito, allora vuol dire che avrai veramente bisogno di una vera e propria full immersion di istruzione finanziaria;
se pensi che il tuo denaro sia denaro, stai sbagliando e di grosso, il tuo denaro non vale molto, esso è soltanto valuta non è denaro!

Pensa che nella Germania di Hitler per comprare un caffè ci volevano milioni di marchi...che negli anni ' 90 in Brasile ce ne volevano altrettanti e che nell'80 l'oro costava 300 dollari l'oncia e ora ha sfondato il muro dei 1.500...

comincia a pensare seriamente a cosa costituisce la vera ricchezza se i soldi/valuta oppure qualcos'altro: bene tangibile, alienabile rapidamente e in costante aumento di valore.

i poco ricchi (altrimenti detti poveri) e la classe media, saranno quelli maggiormente colpiti dalla tempesta anche se alcuni della classe media potrebbero divenire estremamente ricchi con questo avvenimento a patto di concentrarsi su dove sta andando il vento.

purtroppo le persone poco ricche e la classe media sono sempre gli ultimi a muoversi e quando lo fanno sarebbe ora di vendere.

facci caso, la gente comune sale sul treno quando i ricchi ne scendono.
segue...

danilo adriani 29.06.11 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo i problemi segnalati da Beppe Grillo non sono da prendere sotto gamba. Beppe Grillo è uno dei pochi personaggi noti che può dirlo con libertà , forse perchè non è integrato nei ranghi di questa classe dirigente, di cui fanno purtroppo parte anche coloro che hanno messo il cappello sui segnali di cambiamento delle amministrative e del referendum. Io penso (e spero di sbagliarmi) che L'Italia, in un modo andrà in default per molti motivi diversi. Innanzitutto il sistema paese non è assolutamente in grado "dall' interno"di dare una risposta efficace alle cause generatrici del debito. Nessuna forza politica, ne quella attuale, e nemmeno quella dell' opposizione, ha l'autorevolezza necessaria per sradicarle. L'inevitabile default, è il costo che si pagherà per sostenere l'assurdo sogno di prolungare gli anni ottanta fino a oggi che stiamo nel 2011, dopol'11 settembre, le guerre in medioriente, e la crisi del 2008. Lo si vede dal Berlusconismo che rimane sistema dominante di questo paese, a progetti come il TAV validi negli anni ottanta, ma non oggi, il sistema delle tangenti e degli spropositati costi della politica a cui non è stato posto alcun freno. Berlusconi alla fine sta ottenendo quello che si è sempre prefigurato: fare terra bruciata, prima di uscire di scena, di modo che, mentre il paese sarà troppo impegnato a riprendersi dalle dolorose ferite, lui ha tutto l'agio di mettersi in salvo. L'Italia andrà in default, perchè gli interventi lacrime e sangue sono giusti se, le lacrime e il sangue se le impongono anche i politici, e più in generale gli apparati di potere, ciò significa che parecchie teste dovranno cadere (nel senso figurato del termine); ma non è accaduto nulla di tutto questo, e anzi vedo che accade l'esatto contrario ossia si potenzia la difesa della casta a danno della povera gente, e la manovra fatta da questo governo dimostra che banda di pirati è andata a finire a governo.

massimo esposito 29.06.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Ormai spero solo nel default!
Se non paghiamo più il debito cominciamo a vivere senza queste sanguisughe!
Non se ne può proprio più!

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 29.06.11 19:29| 
 |
Rispondi al commento

vorrei segnalare a grillo e a tutti il documento realizzato da due giornalisti greci che parla proprio di debito
http://www.debtocracy.gr/indexen.html

MOLTO INTERESSANTE

giovanni la marca 29.06.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento

noi italiani cosa possiamo fare? perchè non ci uniamo agli indignatos spagnoli e greci? facciamo qualcosa

patrizia del rosso 29.06.11 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Agli intelligentoni che sanno tutto, vorrei chiedere come farà l'Italia a pagare 80 MILIARDI DI EURO all'anno, mentre il debito totale continua ad aumentare e la crescita dell'economia va verso lo zero.
La risposta giunge spontanea, come diceva il famoso giornalista. A pagare saranno i lavoratori, sia privati che pubblici. Forse qualcuno dei famosi professori economisti, non si rende conto che l'economia di mercato è una balla colossale se non si rapporta alla società civile. In altre parole, l'economia del dollaro di pura carta, non ha alcun senso.

Pietro G., La Spezia Commentatore certificato 29.06.11 18:29| 
 |
Rispondi al commento

voglio riprendere il commento di Andrea delle 16.32

e svilupparlo. se posso.

quali scenari possono manifestarsi con un default o ball out dell'Italia?
quali categorie per prime subirebbero gli effetti negativi, ovviamente, del fallimento dello stato?
risparmiatori sprovveduti?
notai?
dipendenti a tempo determinato?
vecchi e nuovi parlamentari?
pensionati minimi?
Draghi?
lavoratori?
manager?
e quali effetti internazionali il default di un paese che sedeva al tavolo dei G7 può suscitare?

ci sono domande che non bisognerebbe fare.

psichiatria. 1 29.06.11 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Attendo sempre di incontrare qualche leghista tipo ad esempio un malato mentale come Massimo Polledri, sopratutto perchè se devi dargli un calcio nelle palle, con lui che dice di avere gli attributi, vai a colpo sicuro le centri senza possibilità di sbagliare.
Tempo fa aveva insultato una deputata disabile apostrofandola con "Stai zitta, handicappata del cazzo"...... ecco io attendo caro bossi,...... ti aspetto sulla riva del fiume prima o poi il tuo corpo dovrà passare pensi di cavartela facilmente senza dover rendere conto? Vedremo.......vedremo.......Il tempo è sempre galantuomo contro i depravati arroganti è sempre galantuomo.....sempre!

http://www.unita.it/italia/polledri-fa-il-leghista-macho-br-sotto-le-braghe-sorpresa-per-te-1.307197

Un leghista, speroni in questo caso alla velocità di 316 km/ora purtroppo tutto fila liscio come l'olio...............questo mancava...........

Peccato speriamo nella prossima..........
Dimenticavo speroni già che ci sei se in macchina hai posti liberi la prossima volta porta anche bossi, trota, e bricolo.Grazie

http://tv.repubblica.it/copertina/speroni-ad-alta-velocita-in-auto-a-316-kmh/71586?video=&ref=HREC1-1

PS:per cortesia astenersi segnalatori del caz.o sul fatto che la velocità di speroni non ha provocato nessuna infrazione è lecito raggiungere quelle velocità in germania, è altrettanto lecito che su quella strada un giorno o l'altro speroni trovi anche dell'oglio e che magari nella sua auto ci possa essere un cota un trota un bricolo un bossi.....sarebbe la combinazione perfetta!

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.06.11 17:43| 
 |
Rispondi al commento

x Andrea

succederebbe che le banche richiederebbero il rientro immediato (pochissime ore) del denaro prestato. Non potendolo restituire, la gente perderebbe tutto quello dato in garanzia al momento della stipula del mutuo.
Nonostante ciò non servirebbe a nulla, le banche fallirebbero comunque venendo comperate (esse ed i beni che si portano dietro) per quattro spiccioli da qualche bancona internazionale.
Poi ricomincerebbe tutto daccapo, col sistema debito in vigore ora prestando denaro inesistente in cambio di garanzie reali fino a spolpare quelli che la prima volta se l'erano cavata.

Francesco Santoro 29.06.11 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi,

mi veniva un dubbio che potrebbe interessare molti di noi..

Qualcuno sa cosa potrebbe accadere in caso di default a coloro che hanno acceso un mutuo bancario? Quali ripercussioni potrebbero esserci?

Andrea.

Andrea B. 29.06.11 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Cina si è offerta di comprare porzioni di debiti pubblici europei.

contenti?

psichiatria. 1 29.06.11 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In ogni bilancio economico, da quello semplice di una famiglia, a quello piu' complesso di una grande azienda, le prime voci che si tagliano sono quelle superflue...io ho tagliato le voci "elemosine" e "giornali". Sono comunque aggiornata grazie ad internet, anzi, forse meglio....
Lo stato ne ha a bizzeffe di spese superflue da tagliare in troco, dovrei suggerirle io??

Giulia B., verona Commentatore certificato 29.06.11 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo insistere per avere una posizione chiara della UE nei confronti dei NOTAV. Non è vero che è una questione politica interna al nostro Paese, perchè ogni decisione economica ha una caduta politica interna al Paese. La UE INOLTRE non può e non deve buttare i soldi in un impresa costosa ed inutile a costo di gravi ripercussioni e conseguenze su un qualsiasi Paese Intervenga la UE PERCHè I SOLDI VENGANO SPESI UTILMENETE.... magari a sanare il buco nel bilancio italiano.Utopia? Ma chi ci deve guadagnate a rurri i costi?

alma gemme 29.06.11 16:08| 
 |
Rispondi al commento

E quale sarebbe la soluzione giusta?

Victor 29.06.11 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve a tutti ,vi butto li una domanda un po banale ,ma a cui Sto provando a rispondere a quanto ammonta realmente
la spesa pubblica italiana ?

Valerio cardelli 29.06.11 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Parlamento dà l' ok al piano d'austerity da 78 miliardi 158 si 138 no.
Salvate le banche e gli interessi delle multinazionali.
Paga ancora una volta la povera gente.
Oii raga...ssi tra poco tocca all'italia.
"

M.O. 29.06.11 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E quindi??? Grillo propone di andare subito al default? Nel non produrre il debito ci si doveva pensare 20-30 anni fa

Francesco D., Bologna Commentatore certificato 29.06.11 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I vostri commenti non sono esatti se non in parte. E' vero che si usano soldi finti,inventati,ma li usano tutti,quindi c'e' un compromesso mondiale per andare oltre le semplici risorse di oro. Sputate nel piatto che vi fa mangiare,ma questo piatto vi ha permesso per la prima volta nella storia di avere una casa,vacanze,uno stipendio,una macchina,mangiare al ristorante e quant'altro. Il problema di fondo è un altro. L'economia è basata su un sistema di crescita, la crisi nasce con il calo del Pil,ma non si può crescere in eterno se non a fasi alterne. Ora l'economia dovrebbe adattarsi a un sistema di stabilizzazione e decrescita momentanea, ma è basata su regole di 50 anni fa,postbelliche. Non dobbiamo piu' ricostruire un mondo ma mantenerlo. Purtroppo ognuno di noi non vuole il bene dell'altro e non siamo capaci di dialogare nemmeno tra "poveracci",figuriamoci tra persone di potere. Nessuno di loro vuole metterci la faccia per aggiustare le cose.

Francesco M. 29.06.11 15:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I soldi che hano prestato le Banche sono soldi finti..sono soldi che non esitono perche non rappresentano un reale deposito nelle loro casse...si tratta solo di operazionei "Fantasma" che esistono solo sulla carta e che potrebbero essere semplicemente cancellate per legge. Se le banche cancdellano un debito (fantasma) posso prestare altri soldi per la stessa cifra.

Nessuna perdita per le banche nel cancellare i debiti sovrani...ma non e' il loro INTERESE!!!

loro VOGLIO impossessarsi con questo giochino del debito....della SOVRANITA' di ogni stato!

VOGLIONO CONQUISTARE E COMPERARE IL MONDO INTERO!

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 29.06.11 15:18| 
 |
Rispondi al commento

I soldi che usano le banche per dare i prestiti sono soldi FINTI...non sono soldi che possiedono realmente.

Basterebbe che le banche tutte cancellassero i debito sovrani degli stati e cancellassero dai loro conteggi quei prestiti...in quel modo potrebbero prestare altri soldi che non esistono.

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 29.06.11 15:13| 
 |
Rispondi al commento


E saltassero !!!

Le banche in Italia sono solo strutture usuraie, strozzano le aziende e le famiglie.

Perchè si dovrebbe salvarle?

A chi danno da campare?

Alla Marcegaglia forse, o a tutti gli imprenditori che fanno business con i nostri soldi, quelli dello stato italiano.

Al rogo !!!

Dexster, Arsago Seprio 29.06.11 14:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori