Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le biciclette di Brescia


Brescia_Bike_Mob.jpg
"La sonnolenta Brescia si è risvegliata in piazza Loggia con un Bike Mob, la piazza non riusciva a contenere le migliaia di cittadini con le bici venuti a protestare contro il provvedimento “colpiscilabici”. Per 30 biciclette “abusive” in sosta vietata, legate fuori dalle rastrelliere, rimozione forzata con tronchesi e deposito presso il Comando dei Vigili Urbani. Per riaverle bisogna pagare. Tutto previsto dal nuovo regolamento di polizia urbana. Fatti antecedenti... Il vicesindaco Fabio Rolfi (Lega) si è recato a Coimbra, in Portogallo, per il forum annuale europeo sulla mobilità, una "... rete di discussione e di confronto tra le 59 più evolute città europee in campo di mobilità e mobilità sostenibile... Brescia si presenta, grazie ai molti progetti in itinere, tra i partner più autorevoli dell’iniziativa. Per questo il vicesindaco e assessore alla mobilità, Rolfi, è intervenuto al convegno annuale ed ha illustrato le linee di sviluppo del settore mobilità di Brescia...". Cosa abbiamo fatto per arrivare tra le più evolute città europee per la mobilità sostenibile? Il costo del biglietto dell’autobus urbano è aumentato da 1 euro a 1.20. Ogni bresciano maggiorenne sta ricevendo la “Park City Card” che dà diritto allo sconto del 50% sulla sosta nelle aree a parcometro di Brescia. Un evidente disincentivo all’uso del veicolo privato..., che nei weekend si trova parcheggiato in doppia e tripla fila nelle piazze più importanti della città, ma di multe neanche a parlarne. Le piste ciclabili esistono solo sulla carta. Nella realtà solo strisce gialle pitturate per terra senza protezione per il ciclista e per i pedoni, dato che spesso sono disegnate sui marciapiedi. Rischi di uscire da un bar ed essere travolto da una bici. La maggior parte delle ciclabili inizia e finisce nel nulla, dopo essere stata occupata da cassonetti dell’immondizia, pali della luce e veicoli di ogni genere che nessuno multa o rimuove. Se Brescia è una delle "59 più evolute città europee in campo di mobilità e mobilità sostenibile" in quali condizioni possono versare le altre?". Vito da Brescia

23 Giu 2011, 18:58 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

le macchine però...no?

roberto m. Commentatore certificato 25.06.11 11:27| 
 |
Rispondi al commento

I luminari ci dicono che, specialmente ad una certa età, bisognerebbe fare del movimento.
Gli stessi luminari (Veronesi con l'aggiunta di Chicco Testa) ci dicono che il nucleare fa più bene dell'inquinamento.
Vigliacco se c'è qualcuno che non va al bar, dal tabaccaio, in posta o a prendere un chilo di pane senza prendere l'automobile.
A Brescia c'è di peggio. Hanno fatto le cd piste ciclabili con le strisce colorate e le rampette sui marciapiedi. Ai marciapiedi hanno fatto le rampe per i disabili. Risultato : le automobili parcheggiano comodamente sui marciapiedi e sulle rampe ciclabili.
Ho azzardato, tempo fa, a chiedere al Comune di mettere dei paletti a protezione dei marciapiedi.
Il comune mi ha risposto che non è decoroso, e comunque di chiamare i vigili.
A parte il fatto che dovrei stare 24 ore su 24 attaccato al telefono, ma i vigili mi hanno fatto sapere di essere sempre maledettamente occupati...
Quando in bicicletta si attraversa la strada sulle apposite strisce (che nessun automobilista riconosce), vigliacco se si ha la precedenza, piuttosto si rischia l'osso del collo o il diverbio.
Il risultato ?
A Brescia sulle piste ciclabili non c'è mai nessuno. Chi non ci crede può controllare

Questa è Brescia, una delle "59 più evolute città europee in campo di mobilità e mobilità sostenibile"

Dati i risultati, ma non era meglio se risparmiavano la pittura gialla delle ciclabili inutilizzabili o i soldi per le rampe dei marciapiedi ?

Hai ragione tu Beppe quando dici nei tuoi spettacoli che, come fanno nei paesi evoluti, bisognerebbe allargare le ciclabili e stringere le strade.

Da noi, invece, siamo al perenne sotterfugio : le piste colorate (evidentemente con decoro) in una delle "59 più evolute città europee in campo di mobilità e mobilità sostenibile"

[Vinkam :-) ], Brescia Commentatore certificato 25.06.11 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Con il prezzo del biglietto autobus a 1,20 mi spiegate la convenienza economica di spostarsi coi mezzi pubblici?

Ma a questa giunta, il cui sindaco,paroli,ha il doppio incarico,continua a chiedere soldi ai bresciani per la metropolitana, nonostante prima delle elezioni si fosse dichiarata contraria e gettasse la responsabilità sulla precedente, disastrosa, giunta di sinistra.

Ma i fondi per la metropolitana forse si trovano anche multando le biciclette, cioè trasformando un'inadempienza degli amministratori (posteggi insufficienti) in sanzioni verso la cittadinanza.

gianni fiorani, Brescia Commentatore certificato 25.06.11 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Io adoravo andare in bici. Detto questo sono anni che sto attendendo di sostituire la mia vecchia auto con una meno inquinante elettrica, ma dubito a questo punto di arrivare mai a possederla.
Luisa

Luisa B., Torino Commentatore certificato 24.06.11 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Riporto la notizia con disgusto e costernazione.

Questa notte durante le votazioni in Consiglio Regionale all ore 23.38 si è votato l'emendamento 3bis che prevede:

"L'assegno di vitalizio di Consigliere regionale della Sardegna non è cumulabile con l'assegno di vitalizio di parlamentare della Repubblica Italiana e/o parlamentare Europeo".

Il risultato è il seguente:
39 No, 15 Astenuti, 8 Si!
Tra i no tutto il centro destra, compreso UDC e FLI; tra gli astenuti il gruppo Pd; a favore, Roberto Capelli, 1 Riformatore, l'IDV, SEL.
La notizia è dello stesso on. Capelli

http://www.simonespiga.tk/

Alessandro Valentini 24.06.11 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao abito a Londra ed e' cosi' anche qui, ma nessuno rinuncia alla bici dato che hanno creato aree apposite per parcheggiare le biciclette e ogni datore di lavoro fornisce parcheggi per noi ciclisti, docce e armadietti. E' cosi' anche per i motorini.
In Bocca al Lupo

gianfranco polloni 24.06.11 13:57| 
 |
Rispondi al commento

stesse cose che scrivi tu pari pari anche a Pisa: piste ciclabili disegnate sui marciapiedi o sulle carreggiate senza alcuna protezione, rastrelliere del tutto insufficienti o proprio assenti del tutto, bici parcheggiate fuori rastrelliera alle stazioni rimosse e per riaverle devi pagare la municipalizzata... ci hanno fatto persino un servizio di Report un paio di anni fa... e nel frattempo macchine dappertutto, e parcheggi a pagamento dappertutto, sempre più cari... è solo un (altro) modo di spillarci i soldi... e intanto le case le costruiscono sempre più lontane dal centro, invece di dare il via a un programma serio di ristrutturazione di quelle esistenti, che sono anche per buona parte vuote perchè fatiscenti o sotto il vincolo della sovrintendenza, e tu devi usare l'auto per forza... bah...

Andrea A. Commentatore certificato 24.06.11 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Io non so quali siano le altre 59 città europee ma posso dirvi quello che stanno facendo qui in Francia a Lille ed hinterland , il progetto si chama V'Lille
http://benvenutinelnord.blogspot.com/2011/06/vlille-una-citta-in-bicicletta.html

monica s 24.06.11 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Letto della notizia. Allucinante. Sono stato a Brescia un paio di mesi fa e ho notato come a Milano la comune prassi della sosta selvaggia delle auto sui marciapiedi e in doppia fila. MI chiedo con che faccia tosta una giunta se la prenda con le bici legate ai pali e non con le auto o moto sui marciapiedi! La lega è alla frutta.

Gio Airagji 24.06.11 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Anche a Padova ci sono delle piste ciclabili inesistenti, dipinte solo con vernice per terra.
Le chiamiamo "ciclabili elettorali" perchè spuntano sempre prima di una campagna elettorale, giusto per far vedere che han fatto qualcosa...
Lampante è la pista ciclabile in centro alla zona Camin: in mezzo al traffico interno della tratta urbana Padova-Venezia, c'è una ciclabile dipinta di mezzo metro vicino ad un marciapiede di mezzo metro...E' vergognosa sola a vedersi!

Barbara B. 24.06.11 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Sono decisamente a favore dell'uso della bicicletta. Detto questo, vorrei aggiungere che spostarsi in bici implica la conoscenza del codice della strada e dell'educazione: non si va sparati sui marciapidi facendo zig zag fra le persone, magari anziane e malferme sulle gambe, non si va in senso vietato, si rispettano i semafori e si parcheggia pensando anche al prossimo. Spesso queste bici sono bloccate a un palo della luce, all'asta di un segnale stradale, ostruiscono il marciapide e magari impediscono il transito a una persona in sedia a rotelle, la costringono a scendere dal marciapiede, magari privo di scivolo, e spostarsi in mezzo al traffico, con evidenti rischi per la sua incolumità. Dunque, bici è bello, ma usiamola come si deve!

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 24.06.11 01:11| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

se la prendono con le bici "parcheggiate" male? le sequestrano?

ma allora siamo proprio alla frutta...

mamma mia quanta ipocrisia.

ivan m. Commentatore certificato 23.06.11 22:55| 
 |
Rispondi al commento

da me la pista ciclabile esiste solo nella villa comunale.. ma non porta da nessuna parte.. fa il giro della villa circa 2km sale su un pota a libro scende e risale su un altro ponte a libro la pista e costeggiata da un antenna per cellulari alta 130m.. che quando ti avvicini sembra che ci sia un raduno di mosche tanto e il rumore che emette!! poi basta che ti sposti di 200m guardi su e trovi i fili dell'alta tensione pericolosamente vicini al suolo.. domanda:se un filo si stacca dal Traliccio dato che il filo e lungo più di 500 m.. e peserà almeno mezza tonnellata!! cosa succede se qualcuno si trova di sotto? domanda di riserva: se un ragazzino lancia una palla e colpisce il filo, cosa succede?? cmq e ovvio che in italia a livello di mobilità stiamo messi male.. secondo me e tutta colpa dei petrolieri!!! tanto che ho deciso che come avrò un lavoro entro in borsa mi compro un barile uno solo.. e lo tengo per me per quando il petrolio sarà finito e lo rivenderò a mezzo milione al bicchiere!! xd xd

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 23.06.11 22:18| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
AVANTI COSI' BRESCIA,PER UN FUTURO SENZA MACCHINE,E CON PIU' BICICLETTE,BRESCIA
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 23.06.11 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Fabio Galva, sono bresciana anche io e posso tranquillamente dire che brescia non è sonnolenta ma rincoglionita completa.
Certo la città ha una nobile tradizione musicale culturale industriale .. ok tutto quello che vuoi.
Ma la nostra tradizione l'abbiamo messa sotto i piedi.
C'è una stagione lirica al teatro grande da fare schifo alle galline, è più facile trovare un biglietto alla scala che al grande.
Stagione teatrale, ne sai qualcosa??
MA quale vita intellettuale e colturale!

Quanto alla mobilità non è solo la città di brescia a fare schifo ma tutta la provincia.
Le ciclabili non esistono e dove esistono sono inutilizzabili, non sicure e inutili. Vorrei veramente che mi smentissi, ne sarei felice.

Le ztl sono un imbroglio portentoso, non si capisce mai a che ora puoi passare e a che ora no, la segnaletica è inguardabile, sembra fatta apposta per fregarti.

Però avremo la metropolitana... eh che figata... sarebbe bastato potenziare il trasporto pubblico no??

Brescia oggi è prima solo per centri commerciali in periferia, il centro cittadino è morto o al massimo tenuto in vita dai kebab-pitta e dalle prostitute. Le campagne sono schifosamente soffocate da capannoni eternamente vuoti e dal piscio dei maiali.

Forza lega, se ce la metti tutta riesci a distruggere anche quel poco che resta.

elena m. Commentatore certificato 23.06.11 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Questi leghisti cafoni che dovevano ribaltare il mondo e difendere i cittadini difendono invece pregiudicati, plurindagati, pappano pure loro a più non posso a Roma alla faccia dei cittadini che li mantengono a botte di 20.000 Euro/mese, favoriscono i ricchi che inquinano con i loro putanSUV e se la prendono con le biciclette.
Che SKIFO ! Che... SQUALLORE!!!!

dr. Hause 23.06.11 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Usare l'italiano è anacronistico? Perche "bike mob"? Bastava parlare di raduno o incontro e la cosa si risolveva senza servilismi linguistici.

Claudio Conti (iscritto dal 2005) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.06.11 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Sonnolento sarai tu! Stai parlando della quinta area metropolitana italiana, e della terza area industriale! A Brescia c'e' una vita intellettuale e culturale da far invidia a centri come Milano e Torino, brutto ignorante!

Fabio Galva 23.06.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.oh-barcelona.com/it/blog/2010/guida-turistica/trasporti/bicing-barcellona-4575
ecco come funziona qui a barcellona.

roberto bcn 23.06.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori