Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Acqua pubblica: la battaglia comincia adesso!


Acqua_dopo_referendum.jpg
Lunedi 13 il MoVimento 5 Stelle ha depositato 5 interrogazioni in tutti i Comuni dove è presente nel reggiano (Reggio, Castelarano, Guastalla, San Martino, Rubiera) per lo scorporo del settore idrico da Iren Spa passando ad una società interamente pubblica proprietaria delle reti già da in affido ad Iren Spa, la Agac infrastrutture. Agac andrebbe a sua volta trasformata (proposta M5S e Comitato Acqua Bene Comune) in un Consorzio Pubblico partecipato dove i cittadini ed i lavoratori di qeusta partecipano nelle scelte (elezioni del cda, bilanci in rete, autocandidatore tra cittadini etc...). Interrgazioni simili stanno per essere presentate sul fronte Iren Spa di Parma da consiglieri di Salso e Sala Baganza del M5S.
Pronta la risposta del Pd(menoelle) con il sindaco di Reggio Delrio che ha detto subito "NO" già lunedi pomeriggio...
Si sta prospettando un referendum consultivo comunale promosso dai Comitati Acqua Bene con l'appoggio di M5S e del Prc. Il Pd (menoelle) è in tilt e non ha saputo dir di meglio che "Cosi vince la destra"...

17 Giu 2011, 19:53 | Scrivi | Commenti (36) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ma davvero pensiamo che qualcosa cambierà in meglio? Già nell'87 pensavamo di aver "tombato" il nucleare, ma ieri come oggi questo referendum non mette la parola fine in via definitiva... nel '93 un altro referendum vietò il "finanziamento pubblico" dei partiti, e questi lo reintrodussero come "Rimborso elettorale" aumentandolo anzi negli anni in maniera impressionante... ora gioiamo perchè la gestione dell'acqua è rimasta pubblica, ma a che serve se poi diamo in concessione alle multinazionali le fonti... in lombardia per 8 miliardi di litri (800 milioni di controvalore commerciale) hanno pagato 0,15 milioni di rimborso... ha ragione questo tizio che ci stanno solo dando bastone e carota... http://giannigirotto.wordpress.com/2011/06/13/il-bastone-e-la-carota/

Pietro Pattini Commentatore certificato 22.06.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Bravi!!! Tutti i giorni una iniziativa.
Un supporto....purtroppo solo morale... dalla Svizzera!!!
Enrico

Enrico Casalino 22.06.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Abbanoa gestore unico della Sardegna.Se voi andate su www.google.com e scrivete "abbanoa proteste" ci trovate 21.600 casini create dal servizio dell'acqua http://www.google.com/search?hl=it&source=hp&q=abbanoa+proteste&lr=&aq=f&aqi=g-v3&aql=&oq=

spiga 14 21.06.11 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Ragazzi!
ottimo lavoro...


Ile

Ileana B, savona Commentatore certificato 21.06.11 13:32| 
 |
Rispondi al commento

forse il cognome del sindaco è sbagliato, credo si chiami "Delirio" non Delrio...

Roberto P., Pescara Commentatore certificato 21.06.11 12:46| 
 |
Rispondi al commento

se non sanno esprimere di meglio...che vinca davvero la destra!
anzi la speranza è che tutti quelli che votano a sinistra, o centro sinistra che sia, aprano finalmente gli occhi e comincino a voltar le spalle a questi partiti del piffero!

Filippo Monteleone 20.06.11 01:20| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è dubbio che risponda al vero che le condutture dell'acqua, in moltissime città italiane, fanno "acqua". (scusate il giro di parole) Ma perchè chiedere la privatizzazione, quando i comuni stessi possono intervenire tappando le falle? Che ci siano, sotto-sotto, degli interessi occulti? Scusate questa malignità. In Italia tutti quelli che "contano" sono, tanto, delle persone oneste.

Anna Cereto Altinama, Misilmeri Commentatore certificato 19.06.11 23:54| 
 |
Rispondi al commento

continuate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

mauro b., cavriago (re) Commentatore certificato 19.06.11 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Credo che De Magistris meriti il sostegno del Movimento...sta dimostrando un grande coraggio e un esempio da seguire...peccato che Beppe Grillo non la pensi così...speriamo sia il solo! https://www.youtube.com/watch?v=4AGN8gf6fo8

nadia z. Commentatore certificato 18.06.11 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo votato per l'acqua pubblica, ora le grandi finanziarie ci faranno pagare di più le materie prime e una valanga di denaro verrà sottratta alla produzione e agli investimenti.
Quando parleremo di sistema monetario sarà sempre tardi.
Il mattatoio è alle porte. E lo sappiamo

Roberto Vian 18.06.11 22:34| 
 |
Rispondi al commento

sì, la vera battaglia comincia adesso. Spero che i cittadini non ritornino a dormire.

maria barberio 18.06.11 22:01| 
 |
Rispondi al commento

E finirà così, che il PD, tronfio dei Nostri risultati, se ne accaparrerà il merito salendo al potere. Ma come per il Pdl faremo capire anche a loro che se ne devono andare, devono uscire dalla scena politica dove oramai le stesse facce ci hanno veramente stancato, non sono neanche stati in grado di fare opposizione, figuriamoci di governarci!
Nel frattempo però, è nata e sta crescendo una forza nuova, la nostra, quella della gente che vive giorno per giorno condividendo gli stessi problemi ma anche le stesse vittorie. Continuando così tra un po' di tempo saremo noi l'alternativa vera a loro. Il terzo polo, ma questa volta il terzo polo per davvero!

caterina mion 18.06.11 15:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Napoli il primo comune (la terza città più grande d'Italia) a realizzare il risultato referendario.
DE MAGISTRIS VA SOSTENUTO
----------------> Da Repubblica.it--------
Acqua, la scelta del Comune
"Totale controllo pubblico"
La delibera illustrata dal sindaco de Magistris e dagli assessori realizza gli indirizzi politici della giunta e concretizza le indicazioni referendarie: "Napoli esempio per le altre città"

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 18.06.11 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come si fa a cancellare questi professonisti del paraculismo e del parassitismo pubblico cancellando nel contempo il berlusconismo e i suoi adeptiti e leccaculo. Il PD, stando ai sondaggi, sembrerebbe tornato il primo partito con quasi il 30% dei votanti. La TV è monopolizzata dai due partiti principali. L'italiano medio si forma una idea di voto soprattutto tramite il piccolo schermo.
Bersani-Vendola-Di Pietro potrebbero essere i prossimi vincitori delle politiche.
Eccetto Tonino (che è l'unica attuale vera opposizione in parlamento), chi farebbe davvero gli interessi dei cittadini ?
5 Stelle + Idv (ultimi sondaggi) sono a circa il 10% su base nazionale. Valgono quanto la Lega.
Un patrimonio mica male, che li pone entrambi di fronte a grandi responsabilità.


Adesso basta aspettare. Sarà chiaro a tutti chi con il referendum non c'entrava nulla ma è voluto salire sul carro dei vincitori.

nelsonblu Commentatore certificato 18.06.11 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono un dipendente comunale che si è occupato dell’acquedotto pubblico per molti anni. Fino all’anno 2009.
Premetto che già nel 2005 ho firmato per la NON privatizzazione dell’acqua e che ho votato quattro SI.
Dal 1 gennaio 2010 l’acquedotto e le fognature sono state affidate in gestione alla Talete spa (società per azioni in cui azionisti sono la provincia di viterbo ed i comuni della provincia– ATO 1) e come è logico in Italia , per nostra sfortuna, i costi per l’utente sono triplicati ed il servizio non è cambiato assolutamente. Anzi quando era gestito dal Comune gli interventi di riparazione erano più tempestivi.
Chiuso il referendum, abrogate le leggi, si è rimasti fermi alla situazione attuale, con tutte queste società per azioni pubbliche tipo Talete spa, che continuano a vessare i cittadini con le loro tariffe triplicate per mantenere i loro consigli di amministrazione, presidenti, direttori generali ecc, che non hanno ragione di esistere per la gestione del servizio. Operai, tecnici e amministrativi bastano e avanzano per la gestione del servizi idrico, il resto (politicanti) sono spese inutili.
Considerato tutto ciò chiedo, una volta abrogate le leggi, di non fermarsi e promuovere azioni atte ad eliminare tutte queste strutture e figure parassite che aumentano i costi e che non hanno nessuna ragione di esistere.
Io personalmente creerei a livello nazionale il Ministero dell’Acqua e Fognature che gestisce il servizio, togliendolo ai Comuni. Il servizio (acqua, scarichi e depurazione) deve coprire tutto il territorio nazionale ed il costo deve essere uguale. Che differenza c’è con il Servizio Sanitario.

enrico cosimi 18.06.11 08:27| 
 |
Rispondi al commento

Nessuna meraviglia. Il PD ...... LORO sono al di sopra della legge, al di sopra dei cittadini. Poi dicono Berlusconi!!!!! SONO UGUALI se NON PEGGIO!! Si peggio perchè l' ipocrisia unito al raggiro di milioni di italiani è per me peggio di farsi delle leggi ad personam ..... che poi però forse valgono anche per altri!!

Charly Espe 18.06.11 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dedicato a tutti quelli che non ci credevano. La forza della partecipazione referendaria comincia a dare i suoi frutti: http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=107196
la rivoluzione è cominciata e adesso sotto con l' abolizione dei privilegi ai parlamentari e l' abbassamento del loro stipendio: il sacrificio deve essere per tutti ma chi governa deve dare il buon esempio.

antonio cicala 18.06.11 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Nella mia cittadina abbiamo lo stesso problema.
Ma non avevo dubbi che se ne sarebbero fregati della volontà elettorale.

PROPOSTA:

NON PAGARE PIU LA BOLLETTA DELL'ACQUA.

IO FARO' COSI E SE 26 MILIONI DI PERSONE FARANNO LA STESSA COSA VEDRETE CHE LE COSE CAMBIERANNO E DOVRANNO CORRERE AI RIPARI.

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 18.06.11 07:52| 
 |
Rispondi al commento

ci siamo bruciati 300 milioni di euro per non cambiare niente.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 17.06.11 23:57| 
 |
Rispondi al commento

come in tutta l italia loro non possono perdere una rendita annua cosi alta anche se abbiamo vinto il referendum ci sara da lottare siamo con te

salvatore casano, mesrte Commentatore certificato 17.06.11 23:55| 
 |
Rispondi al commento

come volevasi dimostrare.
i referendum non servono ad una beata M....a come dice laqualunque.

il cittadino non conta un piffero.

le amministrazioni comunali sembrano delle lobby top secret ed intoccabili.

"ma scusate c'è stato un referendum che ha stabilito che...". "Si ma.. forse... magari... populisti....comunisti...." intanto hanno fatto, fanno e faranno cio' che vogliono LORO alla faccia degli elettori, gli stessi tirati in ballo "noi dobbiamo rendere conto ai nostri elettori" APPUNTO!
è ora di finirla...

ne dx ne sx ma oltre....M5S forever.

ivan m. Commentatore certificato 17.06.11 22:08| 
 |
Rispondi al commento

Non ci possiamo stupire, l'ACAG e' "partecipata" dalle cooperative rosse, come volete che rinuncino a questa rendita liquida?

Greg Pulcher 17.06.11 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo sapere anche dei rimborsi elettorali in ogni comune, da Milano a Napoli, da Guastalla a Rubiera. Consiglieri del movimento, pretendete di sapere quanto soldi prenderanno i partiti per i rimborsi elettorali.

luxtux 17.06.11 20:42| 
 |
Rispondi al commento

non è solo a napoli, qui è tutto napoli. prima davanti al cassonetto c'era scritto VETRO, METALLO, CARTA e uno capiva. quello del vetro e quello della latta/metallo erano a campana con un foro rotondo, uno blu per il metallo e uno verde per il vetro. semplice anche se SOSPETTOsamente (volutamente?) troppo stretta l'apertura rotonda, e quindi c'era anche chi come i bar e ristoranti lasciavano tutte le bottiglie lì intorno dentro i sacchi di plastica e scatoloni di cartone. quello era il problema che andava aggiustato. un bel giorno mi telefona una di quelle che fanno le statistiche e mi chiede se nel mio comune i cassonetti della differenziata sono sufficienti. gli dico che sì sono sufficenti, però guardi signorina che chi come i pigri, o più semplicemente i professionisti del settore come bar e i ristoranti, alle due di notte quando chiudono e buttano le bottiglie e la monnezza accumulate in giornata, non si mettono ad aprire i sacchi davanti alla campana per buttare le bottiglie una alla volta. lo so perché vivo con tre bar sotto casa e ho lavorato in un ristorante/bar. quando il bar chiude, caricano i sacchi in macchina, controllano i cassonetti mezzi vuoti e buttano tutto dentro. poi specialmente nelle città alle due di notte mettersi lì a buttare le bottiglie una alla volta... primo, uno è stanco a fine giornata, senza contare che è pericoloso di notte starsene a fare canestro una bottiglia alla volta con le campane per la raccolta del vetro, magari allo scuro. le campane non funzionano cara. dovete fare la raccolta differenziata porta a porta almeno per gli esercizi commerciali, magari gratuitamente per i primi dieci anni. dice 'sono maleducati. senti comunque non vorresti che il tuo comune aumentasse il numero di cassonetti (capita la 'ntifena?:)'? gli ripeto che 'no, guardi che i cassonetti sono mezzi vuoti, il problema non è che manca lo spazio nei cassonetti o nelle campane. il problema secondo me è che per esempio, principalmente bar e ristoranti, ma anche




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori