Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'uranio impoverito non fa niente


Portorico_uranio.jpg
Un po' di uranio impoverito in tasca non ha mai fatto male a nessuno.
"20/06/2011 Vieques,Tropico del Cancro. Dal reportage a Portorico, terra di esperimenti nucleari e di allenamento militare Usa. Un'isola vicino a Portorico, bellissima e contaminata. Per sessant'anni è stata usata dalla Marina statunitense come base navale, campo di addestramento e discarica per bombe e rifiuti tossici. Dal 2003 la popolazione si è liberata dei militari ma non del loro lascito. Qui l'incidenza dei tumori è la più alta di tutte le Americhe. Il reportage sull'ultimo numero di E il Mensile, a firma Alessandro Grandi Dedichiamo il video alle dichiarazioni di Umberto Veronesi:
L'uranio impoverito non fa niente. Sono radiazioni alfa: uno se lo può anche mettere in tasca. Non è pericoloso”.
Dichiarazioni rilasciate dallo scienziato ieri a Cagliari, mentre rispondeva in terra di esperimenti militari, con il Poligono di Quirra sotto inchiesta per attività simili a quelle che hanno distrutto il paradiso di Vieques e la salute dei suoi abitanti. Il problema, come al solito, non è solo nelle sostanze in sé. Ma nell'uso che se ne fa. E nell'uso che ne fa la ricerca militare. Un fatto che non può sfuggire all'intelligenza di Veronesi. (fonte peacereporter). segnalazione di THIRA FISHERMAN

21 Giu 2011, 22:20 | Scrivi | Commenti (44) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

La scienza insegna che anche la radioattività naturale di rocce e terreni, per quanto limitata, provoca comunque un certo numero di tumori, malformazioni e alterazioni genetiche negli esseri viventi.
Viene da se che chiunque innalzi, anche di poco la radioattività naturale si rende automaticamente responsabile del connesso incremento, tanto maggiore quanto più alto è l'innalzamento della radioattività ambientale,
delle citate malattie e malformazioni.
Pertanto chi pone in essere tale comportamento è responsabile del peggior crimine contro l'ambiente e l'umanità.
L'U 238 è utilizzato per realizzare i nuclei di vari tipi di proiettili perforanti ad energia cinetica e probabilmente anche il rivestimento interno di cariche cave montate su proiettili perforanti a energia chimica.
Nell'impatto con le corazze i primi le perforano con un tale sviluppo di calore che, appena le hanno attraversate, si infiammano innalzando istantaneamente la temperatura dell'aria circostante di almeno 1000-2000 gradi c°; i secondi formano invece un getto di metallo incandescente che perfora la corazza producendo i medesimi effetti dei primi.
nel primo caso almeno il 30% del nucleo si vaporizza in aerosol, nel secondo la quasi totalità.
Tali polveri entrano nel ciclo alimentare, sono ingerite e inalate dagli esseri viventi, contaminano tutto e arrivano lontano con le esportazioni di legno, cuoio, alimenti ecc, involontariamente rispedite anche ai mittenti.
Tali polveri radioattive sono in questo caso dannosissime perché scaricano la loro radioattività direttamente sugli organi interni e sono tossiche anche chimicamente.
Che senso ha liberare un popolo da regimi anche crudeli in maniera tale da condannarlo perpetuamente al subdolo avvelenamento radioattivo che, come una maledizione, colpirà una generazione dopo l'altra?
Tremino i responsabili perché se terribile sarà per loro il giudizio di Dio ancor più terribile sarà l'ira dei popoli costretti a subire il peggiore dei crimini.

michele mastrantonio 12.02.12 23:39| 
 |
Rispondi al commento

ma come si fa a sostenere che le radiazioni alfa sono innocue? tutte le radiazioni ionizzanti sono nocive ed hanno effetti sommatori (cioè non esiste EFFETTO SOGLIA sono tutte dannose xchè ionizzano gli atomi creando danni tissutali irreparabili).
Ci sono effetti deterministici cioè immediati, dose dipendenti, che danneggiano tiroide, cute,occhi,app. riproduttivo, ed effetti stocastici cioè probabilistici che manifestano i loro effetti nel tempo anche se si è esposti a piccole dosi ma ripetute (sarebbe come dire che farsi una radiografia al giorno per 40 anni non crea nessun danno - lo farei provare a chi sostiene il contrario).
L'unica cosa che anima i politici/nuclearisti sono gli interessi....mai sentito parlare di AREVA...; una centrale nucleare costa circa 7/8 miliardi di euro (nostri) per una tecnologia che finirà presto per mancanza di materia prima (U235) presente nella crosta terrestre im ppm (2-3 ppm), cioè milligrammi su kg e gr su tonnellata; inoltre l'U è presente in minerali sotto forma di miscele isotopiche U238 99%, U235 0,7%, U 234 0,3% circa, quindi necessita di una complessa e costosa lavorazione....senza considerare il problema delle scorie e gli anni che servono per la costruzione.
Ho un po divagato..scusate mi fermo qui!

Antonio Tavarelli, siracusa Commentatore certificato 28.06.11 23:05| 
 |
Rispondi al commento

In realtà il caro Veronesi ha ragione solo in parte ... infatti anche se è vero che l'uranio impoverito emette particelle alfa (cioè nuclei di elio) che vengono schermati anche da un foglio di carta, è altresì vero che il vero problema è costituito dall'inalazione della polvere di tale materiale che inevitabilmente si forma allorquando un proiettile impatta con il bersaglio.
L'inalazione di tale polvere fa sì che la pur minima radioattività venga TOTALMENTE assorbita dai tessuti polmonari aumentando la probabilità (rispetto alla media) di sviluppare tessuti tumorali.
D'altra parte le particelle alfa emesse dall'uranio sono le stesse che vengono emesse dal Radon e, a questo punto, mi chiedo come mai ci si allarmi tanto per quest'ultimo e, invece, viene minimizzato l'impatto sulla salute dell'Uranio.
Credo che la risposta la conosciamo tutti: --> SOLDI !!
Soldi 1: Evitare di far emergere un meccanismo di causa-effetto per evitare i risarcimenti alle persone che hanno sviluppato patologie cancerose (come i soldati in kossovo);
Soldi 2: Usare l'uranio impoverito nei proiettili è un buon modo di evitare i costi di smaltimento. Infatti, volendo esser cinici, al posto dell'uranio si potrebbe usare il Tungsteno ... solo che questo materiale è molto costoso, quindi meglio usare della "spazzatura" che costa praticamente nulla.

CHE SCHIFO !!!

Fabio 27.06.11 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Ho visto il filmato di uno dei primi attacchi aerei in Libia. Un aereo Nato colpiva un hangar con una bomba che prima lo perforava e successivamente esplodeva al suo interno. Suppongo che una azione del genere possa essere eseguita solamente con materiali sullo standard dell'uranio impoverito. Se quanto riportato in precedenza è vero e compatibile agli eventi accauti nella ex jugoslavia oltre all'aiuto porteremo anche la morte ........

Marco Benazzi 23.06.11 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Con questa teppaglia che vuole governare a livello mondiale tutto quanto,la parola IMPOVERITO ha un senso unilaterale,ciò che a a che fare con la povertà oppure è povero,è suddito ad ogni barbarie e soggetto passivo della propria esistenza.Fortuna vuole che quelli che per definizione vengono considerati POVERI,capita che si incazzino,la storia lo dimostra e,quando si incazzano non vanno per il sottile.Speriamo che questa tenacia che contraddistingue gli IMPOVERITI o POVERI di uranio e quantaltro,possa dare una LEZIO MAGISTRALIS a quei fetenti degli sfruttatori,parte dei quali si possono ritrovare in un popolo di MALEDETTI DA DIO E DAGLI UOMINI.

emi f., voghera Commentatore certificato 23.06.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Io direi che i politici dovrebbero, per legge, dimostrare con il loro esempio se quello che dicono è vero, o se stanno prendendo in giro i cittadini.
Ad esempio:
- per la costruzione di una nuova centrale (di qualunque tipo, nucleare, inceneritore, ecc) voluta da un certo numero di governanti, i quali sostengono che non è dannosa, renderei obbligatorio costruire le prime vicino alle loro case. In questo modo, e solo in questo modo, io come cittadino mi convincerei della buona fede delle loro affermazioni e acconsentirei alla costruzione di impianti analoghi nella mia regione/provincia.
- Veronesi: se era vero quello che affermava a spada tratta, e cioè che le centrali nucleari non sono pericolose, avrebbe dovuto abitare per qualche mese, con tutta la sua famiglia, vicino ad una centrale in Francia o dove voleva (magari con un portachiavi di uranio in tasca). Allora forse mi avrebbe convinto. Essendo un grande esperto di tumori, non c'era nemmeno il rischio che sbagliasse in buona fede.

Michele Alessandrini 23.06.11 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Dichiarazione di Umberto Veronesi:
“L'uranio impoverito non fa niente. Sono radiazioni alfa: uno se lo può anche mettere in tasca. Non è pericoloso”.
---
Caro Umberto Veronesi, anche le bottiglie di vino non sono pericolose se ti limiti a collezionarle in una cantina ben refrigerata e non le bevi... non fanno venire la cirrosi a nessuno.
---
Caro Umberto Veronesi, anche un proiettile sparato ad altezza d'uomo non è pericoloso, se ti limiti a non stare sulla sua traiettoria.
---
Caro Umberto Veronesi, anche le parole non sono pericolose se a dirle non è una persona che oltre alla cultura abbia l'umanità per poterle pronunciare... e abbiamo capito che tu non solo hai la cultura, ma la metti a disposione di chi distorgendo le tue affermazioni cercherà fino all'ultimo di lucrare su esse.
---
Caro Umberto Veronesi, un insegnamento voglio dartelo io, il signor uomo qualunque, ascoltalo:

"IL POPOLO E' COME IL MARE. PUOI INQUINARLO, RUBARE TUTTI I SUOI PESCI, PERSINO IL SALE... MA ALLA FINE, TU, LA TUA BARCHETTA CULTURALE, I TRANSATLANTICI DEI RICCHI, I CACCIATORPEDINIERE DEI GUERRAFONDAI VI RITROVERETE FACCIA A FACCIA CON UNO TSUNAMI. IL MARE, CARO UMBERTO VERONESI, HA SEMPRE RAGIONE!".
---
Alla tua età... non hai ancora capito che il silenzio è oro... e non hai neppure capito che chi è davvero colto, usa la propria cultura per capire quant'è ignorante e non per tracotare di sé.

Lo pensavo di Andreotti ed ora ci aggiungo te... "ma quand'è che potrò venire a "deporre fiori" alla vostra memoria?"
Magari a te ne porterò DU mazzi...

franco muzzi 23.06.11 02:01| 
 |
Rispondi al commento

Il prof. Veronesi non conosce la decenza e mistifica le problematiche dell'uranio impoverito nella balistica che ci viene spiegata molto bene e in modo semplice dal commento di Pierangelo Tendas.
Finanziare Veronesi e la sua fondazione significa finanziare la menzogna.
Rodingo Usberti

rodingo usberti 22.06.11 20:03| 
 |
Rispondi al commento

...a Veronè, quanto pigli per dire ste cszzate?!?! Lo possiampo vedere dalla tua dichiarazione dei redditi?!? O te li passano in nero!?!? Qualcuno te l'ha gia scritto, non in tasca te lo devi mettere l'uranio impoverito, te lo devi infilare in q

Walter C. Commentatore certificato 22.06.11 19:53| 
 |
Rispondi al commento

E' vero che l'uranio impoverito si può tenere tranquillamente in tasca o si può tenere sotto il letto.
Sfido però il prof Veronesi a far esplodere una bomba convenzionale che contiene uranio impoverito mentre lui si trova a relativa distanza in modo da poter ben respirare le microparticelle di uranio che con l'esplosione vengono emesse.
Se Veronesi è onesto non può solamente limitarsi a dire che il DU in tasca non è pericoloso, ma dovrebbe dire anche che è invece pericolosissimo se a seguito di una esplosione, ne vengono poi respirate le polveri. Le polveri sono doppiamente pericolose: 1) perchè radioattive, 2) perchè i metalli pesanti si sa che si depositano sulle ossa causando gravi anemie e leucemie.

Giuseppe Pappalardo 22.06.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione: non confondiamo le idee. Sull'ranio impoverito e' la tossicita' chimica dovuta al suo uso, non quella nucleare ad uccidere . L'uranio impoverito non irraggia o comunque le radiazioni rilasciate sono bassissime (come un pezzo di granito, per intenderci. Lo stesso granito che c'e' nelle piazze o in giardino per pavimentare). I morti di uranio impoverito (perche' ci sono stati e ci sono tutt'ora) hanno un deposito di metalli leggeri nel corpo, in quanto quando l'uranio impoverito colpisce una superficie (quella di un carro armato per esempio) produce una temperatura elevatissima che fa letteralmente evaporare il metallo e lo fa depositare sottopelle. L'uranio impoverito si usa (purtroppo) proprio per la sua alta penetrazione nei metalli. Si parla di morti per uranio impoverito senza sapere davvero perche' e' una causa di morte. Scusate la precisazione ma mi sembrava doveroso. Ho una laurea in fisica. Ho votato si' ai referendum, quindi non nego i danni provocati da radiazioni ed i rischi. Le persone hanno bisogno di informazioni complete. Sempre.
Grazie.

lucia armati 22.06.11 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Veronesi percheè non provi le supposte all'Uranio ??? Magari ti senti meglio!

Andrea Pioppo, Cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.06.11 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Grecia è sola.

La Grecia è sola, la Spagna è sola. Sole sono anche Irlanda e Portogallo. Sole di fronte ad un Eu che parla unicamente la lingua delle banche, preda di una follia ragionieristica che riduce l’economia ad una tavola aritmetica, cancellandone la vera sostanza che è fatta di uomini, di donne, che con la loro partecipazione alla vita della società, la loro intelligenza, il loro lavoro e consumi la alimentano. Ma come è possibile che si sia affermato un pensiero tanto contrario alla logica e alla vita, da poter sostenere che, affamando i suoi popoli, l’Eu potrà tornare ad essere un suolo produttivo di benessere e libertà per i suoi cittadini?
Questi paesi sono soli in mano ad una logica finanziaria ottusa usata da politici inconsistenti.
Oggi questi paesi sono soli domani lo saremo anche noi italiani.
Eppure tedeschi, francesi e tutti gli altri, appena hanno la possibilità scappano dai loro paesi per godere del clima, dell’ospitalità ,della bellezza, della cucina dei paesi adesso in fallimento.
Cittadini Eu, io rivolgo un appello alla vostra intelligenza, alla vostra sensibilità, nel vostro stesso interesse: usate la vostra intelligenza, tutta la creatività, le potenzialità della rete e mettetele insieme per dare una chance al futuro dei paesi in crisi e la darete anche a voi stessi.
Non è + il momento di stare a guardare, non è + il momento di stare in silenzio.
In attesa di poter far pagare chi veramente non ha mai pagato, in attesa di far finire una logica per cui il guadagno di uno è la miseria di cento, piccole proposte per cambiare logica e vedere il lato felice della solidarietà.
. con la crisi del nucleare il sole e il vento della Grecia, e di altri paesi del sud, sono una risorsa poderosa. L’Eu investa in energia rinnovabile in quei paesi, in modo da creare occupazione sana e duratura ;
. l’introduzione in questi paesi turistici di una piccola tassa di solidarietà, in modo tale che il mio essere turista riconosca a chi mi ospita un aiuto in

gianluigi mariani 22.06.11 16:14| 
 |
Rispondi al commento

VERONESI ha 86 anni, si appresta a passare a miglior vita (per noi infatti la vita sarà migliore).
il giorno che schiatta ricordatemi di festeggiare.
quando poi schiatterà il nano, faccio il bis.
a questa gente bisogna solo che augurare la morte.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 22.06.11 15:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'uranio è come il piombo,non fa male fino a quando qualcuno non te lo spruzza addosso con una canna di fucile oppure in alternativa, di cannone.cancronesi vaffanculo.

gigi boi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.06.11 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Le radiazioni Alpha non sono pericolose se ti metti dell' uranio 238 in tasca....peccato che sono devastanti se queste particelle bombardano dall'interno il corpo umano.Veronesi era quello che che doveva sovraintendere alla sicurezza nucleare,per fortuna c'e' stato il referendum a salvarci.

Alessandro Gabrielli, Velletri Commentatore certificato 22.06.11 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Si, e senza arrivare alle nanoparticelle (che riescono ad attraversare anche la pelle) l'uranio polverizzato si ossida con l'acqua, diventando ossido di uranio, che è molto solubile in acqua, quindi entra nell'organismo e si fissa nelle ossa e nei reni, con nefaste conseguenze.

Marco Gennari, Canossa Commentatore certificato 22.06.11 12:50| 
 |
Rispondi al commento

Di mestiere faccio l'analista di difesa, e certe cose sento il bisogno di chiarirle.

Umberto Veronesi parla del pericolo connesso alle radiazioni dell'uranio impoverito... e HA RAGIONE, nel senso che le radiazioni Alfa sono poco o nulla pericolose, e l'uranio impoverito di per se' è sicuro da maneggiare.

QUANDO É INTEGRO!!!

Perché il pericolo connesso al DU (così noi del settore lo chiamiamo, dall'inglese "Depleted Uranium") non sta nella sua natura radioattiva. Il DU si usa nel rivestimento delle munizioni anticarro perché quando viene sparato, nel corso della traiettoria, raggiunge temperature altissime (oltre 2000°C), che gli consentono, all'impatto, di perforare le corazze di carri armati e veicoli blindati. È allora che sorge il problema: all'impatto il DU si raffredda all'istante e si polverizza in particelle di diametro inferiore al Micron, che vanno a depositarsi a terra e ci restano, salvo poi essere sollevate dal semplice movimento di chiunque passi in quella zona dopo l'impiego, oppure rimanere attaccate ai vegetali che il bestiame mangia.

Tali nanoparticelle si depositano nel corpo; il DU è un METALLO PESANTE, e come tutti sanno la definizione di "Metallo pesante" è « Metallo per il cui smaltimento il corpo umano NON possiede gli enzimi adeguati». Esso resta dunque all'interno del corpo, depositato dove si trova, sia nei polmoni o nell'apparato digerente, e il corpo non trova di meglio, per proteggersi, che costruirvi attorno una "barricata" di cellule, che continuerà a crescere, dato che la particella non si dissolverà mai.

Ecco nato un tumore; che può essere un tumore al colon, allo stomaco, al polmone. O una silicosi.

Questo è il pericolo del DU. Certe cose vanno spiegate bene, altrimenti chi vuole stendere un bel velo di sabbia e ignoranza sull'argomento avrà sempre argomenti per tirare scema la gente.

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 22.06.11 11:54| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 24)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi volesse approfondire le proprie nozioni in tema di fonti energetiche, rinnovabili e non, consiglio il libretto "Energia oggi e domani" dei prof.univ.bolognesi Armaroli+Balzani che le esaminano tutte con metodo e criterio scientifico, ma senza tralasciare tutti gli importanti aspetti collegati. Lo trovate gratis su http://giannigirotto.wordpress.com/indispensabili/libri/

Pietro Pattini Commentatore certificato 22.06.11 10:22| 
 |
Rispondi al commento

Da Wikipedia riguardo alle particelle alfa:"Possono essere assorbiti dagli strati più esterni della pelle umana e così generalmente non sono pericolosi per la vita a meno che la sorgente non venga inalata o ingerita. In questo caso i danni sarebbero invece maggiori di quelli causati da qualsiasi altra radiazione ionizzante".
Possibile che il tanto decantato scienziato "nuclearizzato" sia talmente disinformato e che rilasci dichiarazioni allucinate???

Roberto Bergamo

ROBERTO BERGAMO 22.06.11 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Li avete visti gli spot della Fondazione Veronesi sulle reti Mediaset?

Se tanto mi da tanto......

Blu Notte 22.06.11 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Il vero problema è che a gente come Veronesi l'uranio non va messo in tasca ma direttamente su per il culo!

Massimo Rui 22.06.11 09:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiedete a Cancronesi di cosa sono morti i soldati italiani in Kosovo, magari se lo è scordato.

P.s.: i civili kosovari e non continuano a morire ancora oggi di tumori a causa dei proiettili rimasti nei muri e in giro, che continuano allegramente a sprigionare le loro innocue radiazioni.

Jacopo Maurizi 22.06.11 08:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Proponiamo a Veronesi di mettersene un po' in casa e di andare a spiegare alle famiglie dei soldati morti o malati che si sono malati per pura casualità. VERGOGNA VERONESI!!

Fabrizio Rudian 22.06.11 01:51| 
 |
Rispondi al commento

Veronesi vai a farti smaltire in una discarica di scorie radioattive...

Skynyrd Lynyrd Commentatore certificato 22.06.11 01:38| 
 |
Rispondi al commento

@Fernando Vehanen: solo una domanda: e del ciclo alimentare che diciamo? Se quella polvere cade a terra e gli animali lo mangiano, o i vegetali lo assorbono, non credi sia pericoloso?

Tranquillo, che prima o dopo arriverà anche su qualche tavola...

3mendo 22.06.11 00:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Veronesi, un altro che va rinchiuso o arrestato al piu presto come elemento pericoloso, peggio dell'uranio impoverito..

Rosario Pasanisi 22.06.11 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Le affermazioni di Veronesi sono purtroppo almeno in parte corrette; solo che vengono strumentalizzate e usate in modo vergognoso.

Meglio specificare. Ho avuto chili di uranio naturale sul tavolo di laboratorio e confermo; non ci vuole nessun recipiente particolare per contenerlo, ed è tutto VERISSIMO.

Tuttavia se con l'uranio ci faccio ordigni e li sparo, l'uranio si polverizza durante la combustione del proiettile e forma insidiosissime polveri fini che possono depositarsi nei polmoni e diventare una fonte radiogena interna, altamente cancerogena, e questo vale sia per gli ordigni atomici veri e propri (che poi chiaramente a causa della fissione producono nucleidi ben più pericolosi) sia per gli ordigni convenzionali che sfruttano unicamente l'alto peso specifico dell'elemento uranio (molto più elevato del peso specifico del piombo, e più elevato di quello dell'oro) sia la sua forte esotermia di combustione.

Quindi Veronesi con le sue affermazione è doppiamente cornuto; una volta perché difende l'indifendibile e la seconda perché lo fa con argomenti scientifici che però vengono confezionati per gli allocchi.

saluti elvetici

Fernando Vehanen, Helvetia Commentatore certificato 21.06.11 23:47| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le affermazioni di Veronesi minano la credibilità di tutta la comunità scientifica di cui lui( in questi casi ahime!!) fa parte.
Mai gli interessi lobbistici sono venuti meglio a galla.

P.S.: almeno 3-4 gioni fa vi avevo mandato la stessa segnalazione citando l'articolo della Nuova Sardegna. Comunque ok


ma tu ti fai le bombe per fare la guerra solo che queste bombe sono talmente potenti che distruggono anche te che le lanci.. fai esperimenti su uno degli elementi più instabili della tavola periodica l'uranio.. affermi di conoscerlo affondo!!
****************
io sono un elettricista.. affermo di conoscere l'energia elettrica e dichiaro non è pericolosa.. ed ho preso la scossa 18 volte nella mia vita..
**************
Ma una domanda:Ne vale la pena?? tutto questo a che cosa porta?? quale tornaconto può essere portare i tuoi figli a giocare in un giardino costruito sopra un mucchio di bombe arrugginite??
Veronesi uno scienziato pazzo!!! tutti i più grandi della storia sono stati derisi dopo le loro affermazioni..e tutti dicevano:non potrà mai essere... veronesi mi fa pena,purtroppo non e colpa sua, sarà stato plagiato fino alla nausea altrimenti uno scienziato non direbbe mai assurdità simili.. Saluti!!

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 21.06.11 22:55| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori