Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Oceani al collasso


oceani.jpg

"Il 20 giugno 2011 l'IPSO, International program of the state of the ocean ha pubblicato un rapporto sull'impoverimento ittico degli oceani, molto più grave del previsto per il gruppo di scienziati internazionali guidato da Alex Rogers, direttore scientifico e Senior Research Fellow all’ Institute of Zoology di Londra: "La situazione è così grave che si sta alterando la chimica dell’Oceano, con un forte impatto sulla vita marina e il funzionamento degli ecosistemi marini. L’oceano ha già assorbito oltre l’80% del calore aggiunto al sistema climatico e circa il 33% dell’anidride carbonica. Gli ecosistemi sono al collasso, le specie sono spinte verso l’estinzione a causa della distruzione degli habitat naturali". Particolarmente allarmante è poi che la pesca ha ridotto alcuni stock ittici commerciali di oltre il 90%. Non è solo più un problema di etica, se scegliere se cibarsi o meno di pesce. E' una questione di sopravvivenza dell'ambiente marino e quindi degli oceani che ha effetti sull'ecosistema globale e sulle nostre vite. L'oceano, ricordano gli esperti, è “il più grande ecosistema della Terra, che garantisce a tutti noi delle condizioni vivibili sul pianeta”. E' meglio continuare a cibarsi indiscriminatamente di pesci di ogni genere senza alcun ritegno o salvaguardare questo nostro sempre più malato pianeta? Sono convinto che la risposta la conosciamo tutti". Alessandro I.

23 Giu 2011, 22:44 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

considerando che l'overfishing e la pesca distruttiva-illegale-non selettiva insieme al riscaldamento globale stanno devastando mari e oceani e che gli allevamenti intensivi producono più emissioni climalteranti di tutti i trasporti umani sommati fra loro, dovremmo davvero diventare tutti vegetariani. i vegetariani hanno fatto una scelta che esprime un amore fortissimo verso tutti gli animali ma anche verso la nostra amata Terra. alla luce di quello che ormai sappiamo tutti sui crimini ambientali perpetrati da molti pescherecci, il vegetarianesimo diventa l'unica strada che in Occidente dovremmo percorrere per salvare il Pianeta. la salvezza del Pianeta passa attraverso 1)la tutela delle Foreste pluviali primarie. 2) la ricerca, lo sviluppo e l'uso sempre maggiore delle rinnovabili e l'incremento dell'efficienza energetica 3 ) gli occidentali sopra i 14-16 anni dovrebbero diventare quasi tutti vegetariani entro pochissimi anni. come dice Beppe 20 anni fa nei suoi spettacoli, noi votiamo quando facciaamo la spesa. quanto è vero e profondo questo concetto. con le nostre scelte possiamo davvero fare la differenza. i governi non ci salveranno. sono tutti, seppur in misura diversa, assoggettati ai potentati economici. la Terra dobbiamo salvarla noi.


che tristezza. so da anni che la situazione degli ecosistemi marini e oceanici è molto grave, ma non immaginavo fino a questo punto. più che altro, lo speravo. non ho mai mangiato il Tonno Rosso e da anni non mangio più il Tonno Pinna Gialla ( quello delle scatolette ), il Pesce Spada e il Merluzzo, perchè da anni gli scienziati e le associazioni animaliste ci avevano avvisato che i loro stock sono in uno stato critico. penso che tra le persone che leggono questo blog forse molti già non mangiano le specie di pesci a rischio estinzione, e da ora in avanti tanti lettori del blog, ora che sono a conoscenza del problema, faranno la stessa cosa. ma in Italia e in Occidente quante sono le persone che, pur sapendo che ci sono specie ittiche a rischio estinzione, sarebbero disposte a eliminare questi pesci dalla loro dieta? temo che a milioni di persone non importa nulla o poco se tantissimi pesci rischiano di sparire per colpa delle loro scelte aimentari. tanti non si pongono nemmeno il problema. la pesca industriale è insostenibile da anni, ormai! scienziati e ONG ambientaliste hanno spiegato bene il meccanismo: gli scienziati consigliano a un Paese di non superare la quota di 15.000 ton di pescato. poi il Paese in questione se ne autoassegna arbitrariamente 30.000. poi, finita la stagione di pesca scopri che il pescato di quel Paese è stato di 45.000 ton. molte nazioni si comportano così. il crimine atroce contro gli ecosistemi marini è che un peschereccio su due pesca con reti illegali: milioni di navi usano reti non selettive che uccidono ogni genere di pesce che trovano sulla loro strada. 1 pesce su 3 è privo di interesse alimentare e quindi commerciale. ogni giorno tantissimi pesci vengono pescati, uccisi e ributtati in mare. quello che una minoranza di nostri simili sta facendo al Pianeta e a milioni di animali e piante è davvero orribile. e troppe persone non sono cattive d'animo ma sono passive o indifferenti.

Manuel Barone 25.06.11 00:13| 
 |
Rispondi al commento

come fate a mangiare i vostri fratelli compagni di viaggi e di avventure loro vi amano vi stimano e Voi in ricompensa vi cibate dei loro cadaveri . brave persone sensibili e religiose .

salvino roma (com) Commentatore certificato 24.06.11 18:01| 
 |
Rispondi al commento

E vanti co sto Global Warming, ragazzi svegliamoci dai,non vi accorgete che ogni notizia è buona per propagare sta benedetta bufala della co2 ? ma del golfo del Messico avete più avuto notizie?? delle misteriose sparizioni di navi merci cariche di rifiuti tossici in Africa, degli esperimenti militari sulla modificazione del clima del disastro nucleare di Fukushima che sta contaminando l'oceano. Sapeto la quantità di inquinamento che riversano i fiumi contaminati dall'uomo? Informatevi sullo scempio che generano le trivellazioni petrolifere e le miniere minerarie in Africa e Sud America, poi cominciate a pensare alla co2 che fa vendere più elettrodomenstici e automobili a quelli che pagano le ricerche degli scienziati e le pubblicità sulle riviste pseudo scientifiche.Sul fatto del ridurre i consumi in special modo di carni sono in prima linea!

riccardo zovatto 24.06.11 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Alessandro, se fosse solo per il lettori del blog si potrebbe pensare di cambiare il modo di managiare. Purtroppo le masse in questo sistema globale impazzito non hanno ne il tempo ne la cultura necessaria per preoccuparsi della rovina prossima del pianeta; il loro pensieri sono di pagare il mutuo, le rate del frigorifero, le vacanze ecc... e se provi a spiegar loro che il tonno pinnagialla sara' estinto probabilmente nel giro di 10 anni ti guarderanno con un sorrisetto perplesso e imbarazzato per poi cambiare discorso velocemente. E' per questo che la cosidetta "democrazia" non esiste. I politici hanno troppa paura di andare contro gli interessi delle lobbies e di farsi portavoce delle minoranze pensanti.

Arch Stanton 24.06.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento

compriamo meno pesce e boicottiamo i mercati che impoveriscono gli oceani e...basta con la plastica!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.06.11 00:45| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=6SSMnFAJIXc&feature=related (ecco perche' molte speci si arenano ALTROCHE'CALORE)

gagliardo giuseppe 24.06.11 00:08| 
 |
Rispondi al commento

non riesco a capire.
la maggior parte del pianeta muore di fame, e la minoranza consuma talmente tante risorse da far collassare il pianeta.

BENE. poi si spendono miliardi di euro in massaggi, liposuzioni, palestre ecc.

a quando una bella estinzione di massa?

ivan m. Commentatore certificato 23.06.11 22:59| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori