Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Poste Kaputt


Poste_ladro.jpg
"Chiedo a voi cosa sta succedendo negli uffici postali Italiani che sono da una decina di giorni bloccati, hanno problemi a funzionare anche stamane lunedi'la stessa storia. I giornali non ne parlano e la rete che dice?" gaeta carinucci roberto.
.........
"Vicino a me hanno chiamato i carabinieri per incidenti. Pensionati incazzatissimi e senza pensione vagano come ombre , raccomandate , avvisi , notifiche , rimborsi , fatturazioni , BOLLETTE NON PAGATE ,avvisi giudiziari .... DANNI PER MILIONI E MILIONI DI EURO PER I CITTADINI..... SPERO CHE LE POSTE RIMANGANO PARALIZZATE PER UN MESE ..... FORSE I COGLIONI SI SVEGLIANO DAL LETARGO. Chi paga i danni ? PRIVATIZZARE , PRIVATIZZARE ABUSI E NON SERVIZI......TUTTO CIO' CHE E' PRIVATO SI TRASFORMA.....IN CACCA...IN ITAGLIA.....E il ministro delle Poste .....? Esiste ancora o è INBUCATO? IMBOSCATO?" Tinazzi ., Albano Laziale

6 Giu 2011, 18:48 | Scrivi | Commenti (117) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

A proposito di poste ecco un mio articolo sul mio blog , un articolo di sfogo e denuncia! Ecco il link e se vi va commentate pure sul mio blog : http://pensieridiunuomocomune.blogspot.com/

Stefano Manecchia 29.06.11 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna avere onesta intelletuale e capirci....altrimenti non ci si leva le gambe...avere l'idee chiare..sul concetto di Pubblico e Privato!!
Prendiamo la Gestione dell'acqua...tema particolarmente sentito in questi giorni di referendum...e incominciamo a fare informazione corretta...
Prima di tutto in italia ci sono 300 aziende che distriubiscono l'acqua e che per il 90% sono a maggioranza Pubblica;
In seconda Battuta troviamo le ATO enti regionali, dove le nomne sono fatte dalla Politica=Pubblico;
Abbiamo differenti tariffe(ciclo idrico dell'acqua)differenti da provincia a provincia, da Regione a Regione;
Si parla delle dspersioni dell'acqua potabile, ma non si parla delle acque reflue(fognatura)perchè abbiamo un alta percentuale di immobili non raggiunti alla rete fognaria...
Eppure siamo in un regime d'acqua Pubblica, avete visto scendere le tairffe? è stato emanata una norma per depurare l'acque reflue, la dove la fognatura non esiste?...
Pubblico o Privato? Tariffe o Tasse? Perchè io devo pagare la depurazione e altri no? eppure oggi accade questo....e l'acqua è pubblica?
Molto debito pubblico di oggi è stato generato d'aziende Pubbliche di ieri..gestite "allegramente"....e non ho voglia di pagare per chi con la scusa del "pubblico" vorrebbe fare la beneficenze con i soldi altrui, o asserivre l'aziende ai politici di turno....magari aumentando tariffe e tasse....
PATTI CHIARI AMICIZIA CORTA!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 11.06.11 09:04| 
 |
Rispondi al commento

LA REALTA' E CHE POSTE ITALIANE SON DIVENTATE BANCA.
SI!! LA TRASFORMAZIONE HA BUTTATO NEL CEVEZO TUTTI I PRODOTTI POSTALI, INTERESSA SOLO I SOLDI AI PRIVATI,LA PRIVATIZZAZIONE E' SOLO PROFITTO.
PER STARE MEGLIO STIAMO PEGGIO.
BUTTARE AL CESSO I PRIVATI AIUTA LA SOCIETA'

Maverick 10.06.11 20:52| 
 |
Rispondi al commento

No...non è così....non è un problema di soldi...è un problema di costi di gestione...potere di veto..anche da parte dei lavoratori....o talune categorie...che hanno l'interesse di mettere a riparo i propri feudi....
L'esempio l'ho avuto stamani..."non ti consegno la a/r se non hai la fotocopia...what?"stiamo scherzando vero!...ovviamente potrei essere portato a pensare che sia una forma di "ostruzionismo" portato avanti dai dipendenti che "applicano il regolamento alla lettera"..(poi mi dovrebbero comunque spiegare, però, quale valore legale abbia la fotocopia...!).
Mi pare che poi, leggendo tra i post" nei quali, qualcuno dice che i dipendenti delle P.T..hanno un diatriba aperta con i vertici per "l'inquadramenti professionili...almeno mi sembra di aver capito cosi"....mhhh!.
Il Problema è che nel frattempo, questo paese rimane insabbiato...i servizi costa sempre di più e l'efficenza viene sempre meno...!!
Beppe ha sempre sostenuto "l'importanza della rete"...ma dx sx e centro,fanno finta di nulla...tent'è che la PEC è diventata un "miraggio"....forse è meglio tenere in piedi i soliti "baracconi"..pubblici o pseudo privati...vorrei ricordare che in italia ci sono circa 300 aziende Pubbliche/spa che gestiscono servizi come l'acqua...avete visto scendere il prezzo delle tariffe del ciclo idrico?...
E' bene sapere che in italia chi è proprietario di un immobile non allacciato alla rete fognaria..non paga la depurazione....e non è obbligato a pagarla....ma l'acque reflue dove finiscono?quanti di questi cittadini proprietari d'immobili hanno il depuratore o la vasca di fitodepurazione?.......perchè io pago e loro hanno solo pozzi neri a dispersione?....Beppe fammi sapere...!!!acqua pubblica?...e le fogne?

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.06.11 13:36| 
 |
Rispondi al commento

...potrebbe essere che ormai siamo alla frutta? Il disservizio, guarda caso, si ripete sempre nei primi dieci giorni del mese, quando, cioè, si pagano le pensioni. Dicono che la crisi dei mutui subprime non ci ha toccato, ma a me sembra che non circolino abbastanza contanti per pagare le pensioni per cui rallentano le operazioni di esborso quel tanto che basta a racimolare parte delle somme da pagare e tirano avanti. Fino a quando? Anche se tremonti ha pronto un aggiustamento di 40 miliardi di euro, spalmabile (come la nutella, ma decismanete, meno buono)ci salveremo? o dirigeremo più decisamente verso la grecia?

cristina rosa 10.06.11 12:56| 
 |
Rispondi al commento

The morning after....
Gente torno adesso dalle poste centrali, dove avrei dovuto ritirare la raccomandata....e qui viene il bello....stranamente gli uffici erano tappezzati di avvisi:"la corrispondenza inesistata viene consegnata da lunedi al venerdi, dalle ore 8.30-18.00..èèèèè!!infatti parlando csualmente con un altro "grillino"..ci siamo chiesti..ma il timbro riporta un orario diverso...mah!(onestamente non essendo gli unici ci puzzava un po')...dopo una mezz'oretta di fila viene il mio turno...presento la cartolina compilata per la delega e il mio documento...l'impiegata mi risponde:...manca la fotocopia del documento di sua moglie!!!cosa?...ho protestato dicendo che la delega è stata compilata...risponde che sulla cartolina tra le varie avvertenze c'è scritto a cartteri microscopici che è sufficiente una fotocopia...(tra l'altro un impiegato mi risponde in modo ironico..de non si può mica fare una manifesto...)al quel punto mi sono imbervito:
1-perchè il timbro da adito ad errori di lettura sull'orario;
2-mi devono spiegare che valore legale abbia una fotocopia...anzi è illegale prenderla, poichè essa non ha nessun valore legale probatorio!
3-le indicazioni fornite non sono evidenziate e poco evidenti.
Ergo che il sistema Postale per me era inefficiente prima e ora....ed è sempre costato troppo!!!
Ora mi chiedo..chi autorizzi questi signori ad "inventarsi" regole di questo tipo......che di legale hanno ben poco!
Stamani, per l'ennesima volta, mi sono sentito un"servo sciocco" del sistema...ed è inutile che i dipendenti...si appellino a questi regolamenti...voluti dai dirigenti...!!!e non penso che i "timbri" le appongano gli stessi superiori..!!!!
Comunque, per quel che può servire scriverò all'agcom......
Non è cambiato nulla e non cambierà niente! così come per i Referendum...memore di quelli fatti nel '93!!!
Per me i Postini li possa mandare tutti a casa!!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.06.11 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Vede voi...ieri mattina abbiamo ricevuto un avviso, per ritirare una raccomandata....allora sul timbro è indicato l'orario per il ritiro allo sportello....dalle 9.30 alle 10.00...dal lunedi al venerdì...il sabato dalle 9.30 alle ore 12.30...
Vorrei sapere se per voi è normale...per me no!però...però....se si attiva un servizio a pagamento, ti portano le raccomandate su appuntamento...!!!!allora!!!eppure viviamo "sommersi dalla tecnologia"come internet..perchè la posta elettronica certificata, non è libera e gratuita?....eppure più di una volta su questo blog,abbiamo ribadito che la connessione internet deve essere libera e gratuita..proprio per implementare i servizi ai cittadini a costo 0!!
Spedire un documento via mail....effettuare pagamenti senza bollettini in c/c o mav...con il risparmio ottenuto, potremmo versare qualche cent sulle transazoni e implementare la "rete"..gratis.....
Invece...i soliti "dementi" si dividono tra privatisti e pubblicisti....e qui si vorrebbe cambiare il mondo?....siamo ancora il paese dei timbri,foglio,marche da bollo.....almeno Brunetta c'ha provato a informatizzare gli uffici pubblici...e in parte devo dire che c'è riuscito...
QUesto è un paese per "vecchi"...e basta...

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.06.11 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Hanno investito tutto solo su prodotti finanziari e sula vendita: vendono di tutto, fra poco anche gli assorbenti e i condom.
Tagliano sedi di uffici postali in qua e in là, il più delle volte i terminali sono sempre bloccati per non parlare del servizio di trasporto merci...un colabrodo!!!!Mandano poveri giovani per in giro a consegnare pacchi costringendoli a viaggiare a 200 all'ora per rientrare nei tempi ( lo dicono stesso loro) e se abiti in campagna noj vengono nemmeno e danno come conseganto un pacco che non ti arriverà mai!!!
Che schifo! Vergognatevi state toccando il fondo

sonia coda 09.06.11 01:12| 
 |
Rispondi al commento

ecco cosa succede a fare le privatizzazioni!!!!!! servizi di merda e a costi più alti.
lo stato non può affidare a privati l'esercizio di servizi pubblici essenziali

Luca Montarani (vandamme84), San Martino in Campo Perugia Commentatore certificato 08.06.11 19:06| 
 |
Rispondi al commento

poste.it sta valutando l' opportunità o meno di chieder risarcimento all' ibm impundo così a loro il disservizio, vedremo se lo farà e quando perchè così facendo dovrà far mostrar sul tavolo del giudice tutte le Loro carte....

mi sembra un film già visto...ma si era Il derivato del comune italiano... quello che loro nn sapevano ciò che facevano... poverini si ritenevano un soggetto debole in balia dei cattivi banchieri, ora però...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/01/24/derivati-al-via-la-controffensivaora-le-banche-fanno-causa-agli-enti-italiani/88084/

cè tocca pagà non solo sti contratti ma anche i danni a loro subiti.. amministratori locali: che ve possano...!!!
subito class action nei confronti degli enti e comuni locali che han distrutto le risorse dei cittadini chiamando Tutti i diretti responsabili che han firmato sti contratti

Nicolai Rossi, milano Commentatore certificato 08.06.11 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE POSTE A CONDUZIONE PRIVATO..E' UNA VERGOGNA..TOGLIAMOLI VIA DAI COGL....QUESTI SIGNORI INCAPACI DI GESTIRE I NS PATRIMONI PUBBLICI,LE POSTE IN QUESTI ULTIMI GIORNI HANNO SUPERATO IL LIMITE DI SOPPORTAZIONE,I POVERI CITTADINI DOPO QUESTO QUESTO INASPETTATO FERMO POSTALE, CHE HA PRODOTTO UN DANNO DI MILIONI DI EURO ,ORA DOVRA' PAGARE INTERESSI, SU INTERESSI, MATURATI DOPO QUESTO RITARDO VOLUTO DA QUESTA GESTIONE A SCOPO DI LUCRO,SOTTRAENDO ENERGIE E DANARO AI POVERI UTENTI, COSTRETTI AD UNA FILA INUTILE.... CHI PAGHERA'QUESTO DANNO!!!,LE POSTE ATTUALMENTE OFFRONO UN SERVIZIO DA SUPER MERCATO, LI, TROVI DI TUTTO, ROMANZI, CARTOLIBRERIE,CD MUSICALI,GRATTA E VINCI,ADDIRITTURA SCHEDE TELEFONICHE "POSTE MOBILI", DIVENUTO DA POCO ANCHE GESTORE DI TELEFONIA MOBILE,INSOMMA UN VERO BISINISS PER I PRIVATIZZATORI AUMENTANDO I LORO UTILI A DANNO DEI CITTADINI.SE FACCIAMO UN CALCOLO DELLE ORE PASSATE NELLE POSTE, E LI MOLTIPLICHIAMO PER UN ANNO,CI RENDIAMO CONTO CHE QUESTO SERVIZIO, HA SOTTRATTO MESI AL NOSTRO TEMPO VITALE..BISOGNA CAMBIARE QUESTO SISTEMA VECCHIO E DISTRUTTIVO, FORSE ERA MEGLIO ANDREOTTI..

alvaro 08.06.11 06:34| 
 |
Rispondi al commento

il massimo è il postamat che va in tilt e spunta fuori il logo di windows 2000!

hehehheheheh

bruno bassi 08.06.11 02:20| 
 |
Rispondi al commento

pensate che contrariamente alle poste pubbliche quando ricevete una assicurata pagata quasi 10 euro, non ve la consegnano piu a mano con un portalette apposito ma viene trattata come le stampine da 50 cent dei preti!

il postino è il solito e non la consegna quasi mai ma lascia sempre l'avviso pure che siete in casa.

risultato che dovete andarla a prendere da soli.


come dire pagate 50 cent o 10 euro il servizio è identico!


decidete voi

bruno bassi 08.06.11 02:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

pensate che se un amico/cliente di un ufficio postale distante per esempio 150 km dal vostro domicilio vi paga con un assegno postale e voi lo volete incassare o vi fate tutti i 150 km pe dandarlo a incassare o vi tocca aspettare 2 o 3 settimane per riscuoterlo all'ufficio vicino casa!

giudicate voi!

bruno bassi 08.06.11 02:01| 
 |
Rispondi al commento

pensate che fino a qualche anno fa qualunque dipendente d'italia poeteva vedere al vostra situazione patrimoniale sul conto corrente!

ora serve il pin perchè dopo molte proteste di gente che si ritrovava degli strozzini veri e propri alla porta di casa dopo che qualcuno in poste aveva fatto la soffiata hanno preso dei provveidmenti.

il risultato è che se per caso ora vi perdete la carta e contemporaneamente il libretto assegni ( oppure non lo avete ) anche se possedete 1 milione di euro e vi trovate distanti dal vostro ufficio postale avete tutto il vostro patrimonio bloccato e inutilizzabile!


a voi il giudizio!

bruno bassi 08.06.11 01:58| 
 |
Rispondi al commento

E' un incidente di percorso.

Può capitare quando si ha a che fare con dei sistemi informatici molto sofisticati e
perdipiù non ancora del tutto collaudati.

La Posta si riprenderà come
prima e più forte di prima.

C'è chi preferisce la Posta e chi la Banca.

Io preferisco la Posta perchè le
Banche mi hanno sempre spennato.

Sempr e., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.11 23:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un'impiegata postale...da lunedì scorso devo gestire questo problema davvero frustrante, badate bene, x tutti anche x chi dall'altra parte dello sportello si trova a dover cercare di placare gli animi dei clienti giustamente inviperiti x la situazione...e' evidente a tutti che esiste un grosso problema di connessione alla rete ma con grande impegno i tecnici stanno risolvendo il tutto quindi spezzo una lancia a favore di chi in prima linea cerca di alleviare il disagio dei cittadini pur nella difficoltà prima di tutto e sempre con un sorriso e un impegno costante...grazie x la pazienza

Elena Altobelli 07.06.11 22:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STATALIZZIAMO...STATALIZZIAMO...STATALIZZIAMO!!!VOGLIAMO ANCHE GRILLO PUBBLICO, INTERNET PUBBLICO, GLI IPERMERCATI PUBBLICI, LE INDUSTRIE PUBBLICHE!! Sicuramente questo problema alle Poste è colpa della privatizzazione e non di tutti i problemi che si trascina da quando FU pubblica...sisisisisisisisi...sicuro...

aleandro s. 07.06.11 17:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BOICOTTIAMO LE POSTE! Le poste devono fare le poste e basta!! Non aprite c/c, non comprate libri, cartoline...niente! USIAMOLE COME POSTE E BASTA!! Dipende tutto da noi...come sempre!

Federico bais 07.06.11 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Io ho subito un furto di 600 euro dalla carta Poste Pay e a distanza di 1 anno e mezzo, nonostante denunce, molte raccomandate, infinite telefonate, ecc. nessuno e assolutamente nessuno delle poste si è minimamente interessato alla questione, porte chiuse in faccia! Non date i vostri risparmi alle poste, sono dei ladri, fanno schifo, piuttosto sotterrateli!

Sara P. 07.06.11 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dai non esageriamo.
Le poste sono in difficoltà per problemi informatici. Stanno aggiornando un software che dovrebbe far andare meglio le cose, e come spesso accade ci sono dei problemi di assestamento. I giornali le radio e le tv ne parlano eccome.
Ora non possiamo prendercela sempre con tutto e tutti e vedere sempre del marcio.
In questo caso il problema è semplice.

Diego tommasi 07.06.11 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Con questa classe partitocratica, non ne verremo mai fuori!!controllano tutto....e le autorithy? chi la viste?...comunque potrebbero essere anche "Prove tecniche di DEFAULT"...ahhhh!per vedere come reagisce il popolo.....siamo sicuri che tutto il problema sia un mal funzionamento dei programmi...mhhhh!!il fatto è che le pensioni le pagano cash....mentre l'accredito su c/c è in moneta elettronica...mhhhh!.
Comunque le ipotesi sono due: o cominciano a scarseggiare i liquidi da parte della previdenza.....oppure qualcuno s'è fatto due conti e avrà pensato:perchè non far aprire qualche milione di c/c...!piatto ricco mi ci ficco:::

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.06.11 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Poste in sfacelo. Forse un modo per migliorare il servizio postale ci sarebbe. Basterebbe che le poste facessero quello per cui sono state create e cioà fare da ufficio postale e basta. Invece loro pretendono di fare da banche, rivendite di libri e oggetti vari, aziende telefoniche e non sò quante altre cose ancora.

Mauro 07.06.11 15:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.....privatizzazioni, appalti e subappalti....il mito degli italiani che ciò che è privato funziona sempre...abbiamo visto come con le liberalizzazioni....benzina e assicurazioni a prezzi bassissimi per la spietata concorrenza che si fanno le compagnie, posta consegnata in tempo record e nessuna fila agli sportelli, ecc ecc

Luca Moruzzi (luca...) Commentatore certificato 07.06.11 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Virus informatico...

Giovanni Bernero 07.06.11 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Poi mancherà solo che ci arrivini dei solleciti per dei pagamenti non registrati ma effettuati regolarmente...
C'è da aspettarsi ormai di tutto in questo paese!

Maurizio B., Monza Commentatore certificato 07.06.11 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo anche nelle poste vige la regola del clientelismo.
Un impiegato che va in pensione può far subentrare al suo posto un figlio, un parente o un conoscente.
Ovviamente con questo metodo all'italiana non tenendo conto del curriculum del nuovo entrato, basta essere diplomati, possono verificarsi problemi del genere.
Essere figlio/a di un ex impiegato non garantisce qualità ed efficenza del servizio.

Viva L'(i)talia.

Stefano Regi, Arezzo Commentatore certificato 07.06.11 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tino
hai visto come sono ridotte le ferrovie?

Aldo. F., Napoli Commentatore certificato 07.06.11 12:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vorrei far notare che con il disguido postale di fatto si stanno ritardando i pagamenti delle pensioni..... mi ricorda tanto i momenti di black out che precedono le catastrofi.....chi di noi non ha provato, nei momenti di difficoltà, a ritardare fino all'ultimo momento un pagamento perchè non aveva il denaro? Guardo la faccia di tvemonti e mi viene in mente un poveraccio che non può pagare ......la differenza è che a lui per queste cose lo premiano pure, a me mandano a casa equitalia.

giovanni da penne 07.06.11 12:08| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Faccio cortesemente notare a quei geni che danno la colpa alla PRIVATIZZAZIONE delle poste che la società Poste Italiane, a cui fa il "servizio universale" (insomma fa tutto lei senza concorrenza) è al 100% del Ministero dell'economia.
Iniziare a ragionare con il proprio cervello invece che credere che sia colpa sempre del mercato e dei maledetti capitalisti, anche quando questi manco ci sono?

Emilio 07.06.11 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dato che nelle filiali si vende di tutto (libri giochi e l'altro giorno volevano appiopparmi anche un gratta e vinci ) volevo suggerire alle poste italiane di fornire alle filiali macchine del caffe cornetti bibite fresche e anche giornali cosi i dipendenti e i clienti potranno ingannare il tempo nei momenti di disservizio. Che vergogna......

mimmo casale 07.06.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei unirmi al coro che indignato,protesta contro il non servizio delle poste in italia.
Oltre agli innumerevoli ritardi e danni legati ad esso,spesso come stamattina da noi a Formigine o comunque nella provincia di Modena,tutte le attivita' legate a pagamenti CC e bollettini vari,sono bloccati o fortemente rallentati,dal sistema preistorico informatico del loro centro operativo.
Come sia possibile che nel 2011 in Italia il sistema postale sia a livello del Burondi o ferse peggio,non ci e' dato sapere.
Credo basterebbe chiedere alla Francia o Germania e tutto migliorerebbe alla velocita' della luce!!!!
Vergogna per la non Gestione delle Poste Italiane!!!

ALBERTO BATTAGLIOLI 07.06.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno dica a quest' idiota che il ministro delle poste e telecomunicazioni non esiste da un bel pezzo.

Giovanni C. 07.06.11 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma veramente le poste si sono messe a fare la "Banca"...Ossia Istituti di Credito...e sapevano che dovevano "mollare" le concessioni relative ad alcuni servizi....
Ma come al solito, le privatizzazioni all'italiana...non funzionano mai....tante che le "pensioni" le continuano a pagare allo sportello...(annoso problema) causato da pensionati "irriducibili" che si ostinano" a riscuoterle "brevi manu".
Ovviamente, questo tipo di servizio "costa" all'ente e all'utente, oltre a creare lunghe attese, nel periodo di pagamento delle Pensioni(ossia quasi sempre).
Se avessimo dei Politici "illuminati" e Banche meno ingorde ivi compreso il fisco..forse il servizio postale, funzionerebbe meglio e costerebbe molto meno...poichè le pensioni verrebbero depositate sui c/c.
Bisogna mettersi in testa che i "feudi" non devono più esistere...ed ogno servizio offerto al cittadino deve rispondere a criteri di economicità, qualità e puntualità.
Poi comincerei a parlare di ritirare le "concessioni"..cosa che in questo paese è tabu!..in italia, nessuno risponde mai dei disservizi pubblici...le privatizzazioni possono funzionare...se di contro il privato che investe rischia di perdere il capitale investito.!!!
Invece, qui, finisce sempre tutto a tarallucci e vino..
Io andrò a votare al referendum....basta poi che l'acqua Pubblica, non diventi il solito "carrozzone" asservito ai soliti potenti di turno.....

roby f., Livorno Commentatore certificato 07.06.11 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Dal 1996 Le poste hanno cambiato il loro status giuridico con il consenso dei Sindacati e la protervia politica. Nelle alte sfere vennero inseriti i politici emergenti PDL e Lega e dal quel momento le poste da Ente Pubblico passò a Ente Ecomico che si concretizzò con i primi contratti dei dipendenti sulla stregua di quelli privati:infatti le prime controverie lavorative vennero sanate dal Pretore del lavoro in prima istanza.
Nel contempo visto che gli istituti di credito Italiani,a seguito di una norma Europea,dovevano nel loro interno inserire sportelli di banche europee,le stesse cominciarono a lasciare a casa,dietro lauti premi,i loro dipedendenti perchè risultanti in esubero.
Questa manivra fu ideata anche perchè le Poste si sarebbero trasformate in Banche!!
Sta qui inghippo! Bancari pagati come postali e stipendi dei bancari che scendeva a livello dei Postali!
Questa è la politica die profitti non dei servizi!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 07.06.11 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono già diverse volte che le bollette mi arrivano quando sono già scadute!
E anche i solleciti che intimano a pagare entro una data arrivano in ritardo!
Ho telefonato alla direzione delle Poste e ho protestato anche con l'Enel, invitandoli a ripristinare i corretti tempi di spedizione!

Missy Elliott, Cittadina del Mondo Commentatore certificato 07.06.11 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Vi dico questa perchè è bella sulle Poste.
Fu fatto un contratto fra Poste e Bartoletti casa di spedizioni.
Se venivano consegnati i pacchi la ditta percepiva es. 1.000 lire ciascuno se non li consegnava percepiva 1.200. Voi cosa avreste fatto?
Inoltre quelli non consegnati venivano restituiti alle Poste del luogo,con evidenti oneri alle Poste e disagi all'utenza.
Allr poste per avvisi e recapito degli stessi e agli utenti perchè si dovevano recare a ritirare il pacco in un ufficio postale dedicato.
Ce ne sarebbero da raccontare di barzellete...solo per profitto del privato mica per migliorare i servizi!!!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 07.06.11 09:48| 
 |
Rispondi al commento

E pensare potrebbero lavorare con il PC in modalità provvisoria... evidentemente non sono ben addestrati.
Ai miei tempi si lavorara anche manualmente e a fine giornata si inserivono i dati nel compiuter!
Questo è il nuovo di quattro ladroni(passera in testa) che hanno demolito i serviziPubblici.
Non sono più poste sono un negozio(Bazzar) presi fra la morsa dei supermercati.
La posta prioritaria che fine ha fatto? E' servita solo per alzare le tariffe...infatti la prioritaria è diventata ...ordinaria!! hahha che ladri!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 07.06.11 09:18| 
 |
Rispondi al commento

Sono anzianotto e ricordo quando le poste erano un ente pubblico. "Erogavano" (si fa per dire) molti meno servizi di adesso ma funzionavano molto ma moooooolto peggio. Le aziende private manco prendevano in considerazione l'ipotesi di spedire una lettera di qualche importanza con il servizio postale. L'Italia era la mecca dei vari DHL e compagnia bella che ti caricavano con tariffe da rapina. Inoltre, udite udite, quando spedivi una lettera per DHL le poste pretendevano pure che ci mettessi il francobollo perchè erano un monopolio. Per non parlare dei "buoni fruttiferi postali" che te li revocavano a loro piacimento e manco ti avvertivano. Il problema NON è la privatizzazione ma la privatizzazione di un monopolio. L'acqua va bene pubblica, perchè è un monopolio naturale, ma non le poste che non sono un monopolio naturale e devono quindi essere soggette alle regole della concorrenza.

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 07.06.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...stanno ormai realizzando...
...Kaputt Italia!!!
...solokaputtuttiloropuòsalvarla!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ciao

anib roma Commentatore certificato 07.06.11 08:59| 
 |
Rispondi al commento

L'impero romano aveva due strutture pubbliche (oltre all'esercito, che serviva a costruirle).
Strade e Acquedotti.
La posta imperiale la portava l'esercito.
Noi a queste due dovremmo aggiungere Poste (e tlc, internet etc), Scuole e sanità (che ai tempi dell'impero romano era troppo poco sviluppata per essere un valore pubblico).

Se non impariamo dalla storia da cosa impariamo?!

Eugenio P. 07.06.11 08:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono arrabbiatissima e vado agli uffici postali solo se costretta da quando Brunetta li ha equiparati ad Amministrazione Pubblica, scavalcando i Comuni e le loro competenze!!!

Rita Toschi 07.06.11 08:10| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo un po' di chiarezza, il tabaccaio prende dai 70 ai 90 cent. a bolletta, il costo al cliente varia da 1,55 se pagate con punto Lis di Lottomatica (circa il 70% delle bollette e solo premarcate) e 1,80-2,00 se pagate con terminale fit. (90% delle bollette anche compilate dal cliente oltre che a MAV RAV) Solo con terminale fit, dei 2,00 € di commissione 1,10 va alle poste.
Per avere questi servizi il tabaccaio deve acquistare il terminale fit € 2000,00 e pagare una fideiussione di circa € 800,00 all'anno per avere tutti i servizi.
La tabaccheria sta diventando a poco a poco un centro sarvizi a servizio dello stato dove il tabaccaio si ritrova a lavorare 13 ore al giorno con guadagni risicati e pagando le tasse fino all'ultimo cent. perchè è tutto registrato e contabilizzato e non esiste nero.

Gigi A. 07.06.11 07:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

detesto quasi tutto ciò che deriva dai privati perchè danno beni e servizi sempre costoso o di scarsa qualità...

...e per la città non ho mai trovato un comune mortale a favore delle privatizzazioni..

io abolirei questa figura ....

le scuole più efficienti sono sempre state le pubbliche.... invece vi ricordate cepu?

l'efficienza pubblica ospedaliera tra le migliori d'europa e forse del mondo... invece vi ricordate gli scandali nelle cliniche chirurgiche private ?

...potrei continuare con altri esempi..

chi sceglie di diventare un privato in pratica decide di fare il ladro


andate su ebay e coprate qualcosa in cina

vi diranno spedizione a prezzo fisso 10$ in tutto il mondo!

non si inviano oggetti in ITALIA perché la percentuale di merce non consegnata è troppo alta!


che bella pubblicita!

bruno bassi 07.06.11 00:54| 
 |
Rispondi al commento

il problema è venuto fuori con la privatizzazione.

premesso che la posta è un bene di 1 necessità che si deve accollare lo stato anche a costo di andarci in rimessa.

Cosa è successo?

Semplicemente che la posta è stata trasformata in banca e ora ha 2 funzioni cioè quella postale che è indispensabile ma costosa e difficilmente da guadagno e quella bancaria che fa fare grandi guadagni.

quando la posta ha cominciato a fare da banca chiaramente i bilanci dell'ente privatizzato sono migliorati enormemente anche perchè un conto postale, nonostante una minore efficienza di quello bancario dava piu sicurezza ed era piu economico.

Ovviamente molto economico perché se mi prendi dei postini e li paghi dapostini e li fai lavorare da bancari è normale che ci guadagni!


Questi postini si sono ritrovati con uno stipendo da fame ad avere tutti i rischi e i problemi di un bancario e in più l'ente postale ha ragionato da privato cioè ha ridotto al minimo la qualità di quel che non rende (posta) e al massimo i servizi bancari.

oltretutto ora i servizi potali sono diventati così costosi che è meglio usare la banca senza contare tutti i percoli derivanti dalle carte di credito postali mai assicurati che sono pericolosissime da usare.


In definitiva i postali prendono poco di stipendio, sono stati vestiti come pagliacci, sono quasi tutti a 3 mesi, devono fare il lavoro da bancario a metà pezzo!

In piu non sono manco pubblici ufficiali al 100 ( lo sono quando facomodo e non lo sono se non facomodo alle poste).

Quelli ce sono in pensione si vedono calare 1 o 2 euro ogni spesso dalla pensone non si sa perché.......

Chiaro che si sono rotti il cazzo!

bruno bassi 07.06.11 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi l'ha detto che le poste sono privatizzate?

Fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Poste_italiane

"Poste italiane S.p.A. è la più importante azienda postale italiana. Nata come ente pubblico che gestiva in monopolio i servizi postali e telegrafici per conto dello Stato, ad oggi è una società per azioni il cui capitale è detenuto al 100% dallo Stato italiano attraverso il Ministero dell'Economia e delle Finanze."

100% di proprietà dello Stato!! Ma quale privatizzazioneeeee!!!

Adriano Cotella Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.06.11 00:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ersiliomattioni.it/Intervista_Con_Massimo_Sarmi_Ad_Poste_Italiane.htm

"
INTERVISTA CON MASSIMO SARMI, NUMERO UNO DI POSTE ITALIANE 

Il segreto del successo delle Poste, in Italia e all'estero? "Innovazione tecnologica, competitività e servizi di interesse pubblico"
 
Il manager 62enne, un ingegnere elettronico nato a Malcesine in provincia di Verona, guida le Poste dal 2002 e vorrebbe restarci: "Dipende dagli azionisti, non da me. Però auspico la mia riconferma, perché qui mi trovo benissimo". Ai suoi detrattori, che gli rimproverano di uccidere il mercato, nazionale ed estero, praticando ribassi del 70 per cento, risponde secco: "Cerchiamo solo di essere competitivi. E ci riusciamo, come dimostra la gara che abbiamo vinto in India". Le poste, grazie a un'alleanza strategica, distribuiranno nel Paese asiatico le carte di credito prepagate."

francesco 06.06.11 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Quante cazzate che ho letto in questi commenti.

Il problema è questo:
tutti gli uffici postali si stanno spostando su una nuova piattaforma (o nuovo sistema), molti uffici erano già passati su questa nuova piattaforma e i rimanenti (che ancora lavorano con la vecchia piattaforma) sarebbero dovuti passare proprio in questi giorni.

Gli uffici bloccati sono tutti quelli che sono passati sulla nuova piattaforma, mentre, gli altri (tutti gli uffici più grandi) hanno lavorato regolarmente.
Prima di scrivere informatevi.

Sempr e., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.11 23:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

giorni fa l'esproprio proletario alla aiazzone.

forse la gente quando non ha + nulla da perdere si sveglia!

ocio che la gente inizia ad avere le scatole piene.

ivan m. Commentatore certificato 06.06.11 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Questa è la privatizzaione voluta dalle merde del PD e del PDL.

BASTARDI!

tonj coccjo 06.06.11 23:09| 
 |
Rispondi al commento

ecco perchè in italia non esiste la class action...

altrimenti sai quanti bei soldoni sarebbero costretti a pagare ai cittadini le pseudo-spa statali-private?

o forse con lo spauracchio forse le cose filerebbero diversamente

ma vi immaginate come sarebbe potuta andare a finire la faccenda parmalat con una class action stile bronckovic??

ivan m. Commentatore certificato 06.06.11 23:07| 
 |
Rispondi al commento

che BALL ancora Tinazzi nei commenti :)

ma se invece delle poste
usate i piccioni viaggiatori ?

tanto merda in più, merda meno :D

Magestic * Commentatore certificato 06.06.11 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Da Wikipedia

Poste italiane S.p.A. è la più importante azienda postale italiana. Nata come ente pubblico che gestiva in monopolio i servizi postali e telegrafici per conto dello Stato, ad oggi è una società per azioni il cui capitale è detenuto al 100% dallo Stato italiano attraverso il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Passi da seguire:

1) Causare frequenti disservizi
2) Drastica riduzione del valore di mercato della società
3) Cessione delle azioni a valori irrisori a privati ( a volte scorporo in due società diverse - una "buona" ed una "cattiva" )
4) Rilancio dell'azienda !
5) Vasellina ed unguenti per popolo e piccoli investitori!

Marcos Presti (mba) Commentatore certificato 06.06.11 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Io aspetto ancora l'assalto ai forni che in italia ovviamente non avverra' mai. Per quanto ancora ci si fa prendere per il culo dal sistema?

Rosario Pasanisi 06.06.11 22:30| 
 |
Rispondi al commento

windows o virus...sarebbe meglio la seconda ipotesi ahahaha!!!!w il software free

roberto m. Commentatore certificato 06.06.11 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Quindi come potete vedere conviene loro far fare da esattore alle tabaccherie dipendenti senza retribuzione che già sono abbituati a lavorare per lo stato per cifre irrisorie servizi erogati già ora: bollo auto canone Rai pagamento ENI enel Telecom SKY equitalia rav fax fotocopie bolli francobolli moduli per dichiarazioni del reddito etc etc ma vi sembra un negozio o più un ufficio comunale?

Kagir kan 06.06.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento

A me stupisce il fatto che nell'epoca della rete globale ancora esistano le Poste. Qualcuno mi sa dire a che servono oggi? Davvero. Io sono almeno 7/8 anni che non metto piede in un ufficio postale.
Ci sono ancora i francobolli da leccare e appiccicare sulla busta?

Mario Bruscella 06.06.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento

posteeeeeeeeee
già vi mangiate 1,1 euro per ogni bollettino pagato e son 2.130 Lire poi vi mangiate ancora 0,13 euro a bollettino come commissioni e son altri 250 Lire per un totale di 1,23 euro che sono 2.380 Lire per pagar un bollettino postale PIÙ PARTE DELLE NOSTRE TASSE A INGRASSAR STA ACCOZZAGLIA DI FANNULLONI CHE NON SAN RECAPITARE UNA LETTERA REGIONALE ALMENO IN 5 GIORNI LAVORATIVI, e non parliamo delle raccomandate...uno schifo però ti vendono la raccomandata 1 che arriva dopo 2 giorni (se va bene e senza mai alcuna responsabilità....) però paghi il doppio: si parla di 6 eurini come minimo cioè 11.620 Lire per consegnar una lettera, poi ti rifilano la polizza vita (azionaria/obbligazionaria) da cui vengono smobilitati i tanto vecchi libretti di risparmio postale, poi il conto corrente a 0 euro che non si attiva mai, poi ti rifilano le matite gli album i giornaletti

poste e postini andate a ffanculooooooooooooooooooooo ...

ahh lo fate perchè ve lo dice il capo???
lo dicono sempre i servi consenzienti ed i kapò nei lager....ognuno fa il lavoro che più gli si addice.

riandate a fanculooooo!!!

minestro delle poste prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr r

Nicolai Rossi, milano Commentatore certificato 06.06.11 22:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa secondo me e più semplice vogliono liberarsi del servizio......
Mi spiego con la scusa dei malfunzionamenti scommettiamo che tra poco le poste italiane taglieranno gli sportelli e quindi gli impiegati ed affideranno la cosa ad altri enti a chi? Ma ai tabaccai ovvio lavorano senza costi sono sempre aperti e sono distribuiti su tutto il territorio,già alcune bollette già si possono pagare in tabaccheria ora li hanno pure dotati di una loro banca ( itb) così potranno pagare pure le pensioni.
Mi direte e le poste sono disposte a perdere € 1,10 dei pagamenti postali? Qui viene il bello perché lo prendono lo stesso infatti quando si va in tabaccheria si paga 1,55 perché le poste pretendono comunque la loro parte per intero ed il tabaccaio ed il fornitore dl servizio si dividono ben 0,45 cent .
Capito?

Kagir kan 06.06.11 22:15| 
 |
Rispondi al commento

Hanno inciuciato sicuramente con lo Stato che non c'ha nà lira per pagare le pensioni!

ps. ma vedete come si sono ridotte le poste italiane?... sembrano supermercati della Russia del 1970.

alberto carosi, ascoli piceno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.11 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Se il privato diventa cacca, il pubblico non ha certo Una forma migliore

LucaB 06.06.11 21:05| 
 |
Rispondi al commento

E' da quando sono apparsi i GRATTA E VINCI negli uffici postali che ho capito che qualcosa non gira per il verso giusto. I gratta e vinci agli sportelli sanno un pò di raschiatura del barile,
così come succede allo Stato che cerca di raggranellare qualcosa con le varie lotterie...
tanto per tappare provvisoriamente qualcuna delle tante falle dell'economia disastrata che ci ritroviamo (ma non si fa in tempoa tapparne una,che se ne aprono altre dieci...)
E' da una settimana che tento di spedire uno starlcio di raccomandata,ma l'uff. postale è starcolmo di gente che passa la voglia di entrarci
e quando poi arrivi allo sportello "i computer sono guasti... lenti ...il sistema è in tilt....
ecc.ecc..." Sono le prime avvisaglie della fine ?
Quando in uno stato non funzionano poste,trasporti,sanità : è la Fine ! Credo che anche in Libia sotto le bombe si riesca a speditre una raccomandata - qui no: E NESSUNO DICE UN CAZZO ?!? Sarà grave o no la cosa ? I TG riuscirannoa dedicarci un minutino al posto di un quarto d'ora d'informazioni tipo : quando fa caldo state all'ombra e bevete molta acqua ...
Io non ne posso più di questa italia e
finirò davvero col scapparmene via !

dario del sogno 06.06.11 20:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

forse non vogliono o non possono paqgare le pensioni....

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.11 20:28| 
 |
Rispondi al commento

Forse sbaglio a vederci ma secondo me le cose stanno in modo diverso.
se ritardano di pagare, hanno denaro a disposizione per più tempo sempre che ancora ce ne sia in giro.
se avvisi giudiziari sono in ritardo ci saranno interessi di mora.
Secondo me serve tutto a fare cassa.

Se anche solo spillassero 10 centesimi da ogni italiano, qui siamo in tanti ed è sul numero che si fanno i soldi.

nicola rigon 06.06.11 20:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oggi terzo giorno alla posta.......250 persone avanti a me.....quando ho provato a protestare mi sono sentito rispondere che questa è l'Italia....dove non c'è mai nessun responsabile, dove il tempo delle persone non conta nulla ma , soprattutto dove le persone stesse ti guardano rassegnate come se tu fossi un marziano.....E' questa l'Italia che vogliamo? IO NO!!!!!

pio ferraro 06.06.11 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Dopo parecchi anni di assunzioni clientelari (ormai poche) e postini assunti con il giochino dei tre mesi e poi a casa, con la benedizione di sindacati e governo, vi accorgete solo ora che le poste itagliane non funzionano?
SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!

angelo f., milano Commentatore certificato 06.06.11 20:08| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è causato dall'essersi affidati ad uno pseudo sistema operativo di una nota multinazionale americana, più nota, nella sua storia, a propagandare il proprio prodotto con mezzi poco o affatto leciti piuttosto che con la qualità e l'affidabilità dello stesso.

Enzo Femia 06.06.11 20:01| 
 |
Rispondi al commento

alcuni giorni fa mia madre ha chieso informazioni all'ufficio postale sul perchè di continui ritardi e disguidi nel consegnare la posta.
la risposta che l'ufficio di Valmadrera ha dato è che da tempo ( nn meglio precisato) una società privata ha vinto un appalto per la distribuzione della corrispondenza e quindi la mala gestione è imputabile a loro e nn a Poste Italiane.
Questo è quanto abbiamo avuto come spiegazione.

il becchino 06.06.11 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Tino...

Chissá perché...ma non mi sorprende affatto vedere un tuo post pubblicato a lato...

Ce ne fossero di Tinazzi...

saluti viennesi amigo...

Il Dona.

Donato S., Vienna Commentatore certificato 06.06.11 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ah,allora nun lo fanno apposta pe' nun ridamme e ventisei euri che m'hanno 'nculato??
C'hanno probblemi??

C'o sapevo.Mo',sta a vede che i perdo veramente...

er fruttarolo? Commentatore certificato 06.06.11 19:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggetto: delega di partecipazione a tavolo conciliativo con Poste italiane s.p.a. per ottenere il giusto risarcimento / indennizzo a seguito del disservizio postale subito in data___________ . Nonché atto di adesione a eventuale azione collettiva.
..........Codacons

http://www.carlorienzi.it/

Varie comunque sono le associazioni dei consumatori a cui rivolgersi , Adusbef e Federconsumatori , ADuc .

http://www.online-news.it/2011/06/04/poste-ora-i-consumatori-chiedono-un-risarcimento-pronti-alla-class-action/

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.11 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma le poste non sono private, sono ancora pubbliche... semmai questa vicenda è un esempio di quanta importanza e criticità abbiano assunto i sistemi informatici nel mondo di oggi.

Kenneth Chimenti 06.06.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Come Federconsumatori, ha precisato Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori, abbiamo chiesto immediatamente ai dirigenti di Poste Italiane l'apertura di un tavolo di confronto, utilizzando anche il sistema di conciliazione già esistente alle Poste, per definire i risarcimenti dei danni subiti dagli utenti ".

Poste Italiane ha risposto positivamente alla richiesta di risarcimento avanzata delle associazioni Adusbef, Codacons, Aduc e Federconsumatori, dando la propria disponibilità a fissare un incontro per stabilire le modalità d'intervento.

"Intanto i cittadini che hanno subito dei disagi - ha continuato Trefiletti- possono rivolgersi alle varie sedi della Associazioni dei Consumatori per denunciare i danni subiti e intraprendere delle azioni per essere risarciti".

http://www.justicetv.it/index.php/news/411-consumatori-disservizi-poste-aperto-tavolo-conciliazione

Luther Blisset * (**movimento**) Commentatore certificato 06.06.11 19:24| 
 |
Rispondi al commento

"Tutto ciò che viene privatizzato,
si trasforma in cacca!"
Urca!... Se sono d'accordo!
Si, si trasforma in cacca, per noi utenti,
ma in oro sonante per gli imprenditori.
Però è soprattutto colpa nostra,
noi,(voi) intendo gli italiani,
abbiamo avvallato questa svolta privatizzatrice, abboccando all'amo,
quando ci dicevano
che i servizi sarebbero migliorati,
ed i prezzi sarebbero scesi.
Io sono sempre stato
contro ogni tipo
di privatizzazione,
ed il mio scetticismo era considerato "antiquato", "fuori dal futuro" "Poco moderno".
Ehm...forse questi appellativi
vi ricordano qualcosa?
Certo è una ben magra consolazione scoprire
quando è ormai tardi, di aver avuto ragione.

luigi d. Commentatore certificato 06.06.11 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori