Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La Corte dei Conti contro la Tav


No_Tav_sindaci.jpg
07 Luglio 2011. Incredibile: la Corte dei Conti dice NO TAV.
1) l'opera è caratterizzata da CARENZE metodologiche del PROCESSO DECISIONALE che hacondotto all'adozione della complessa operazione: NESSUNO studio di fattibilità attendibile aveva quantificato la VANTAGGIOSITA' di tale operazione rispetto al sistema creditizio tradizionale per realizzare gli investimenti
2) emergono elementi di forte rischio dai rapporti negoziali attivi e soprattutto passivi ereditati dallo Stato: complesse clausole finanziarie PENALIZZANO spesso la parte PUBBLICA
3) è IMPOSSIBILE acquisire... alcun riferimento utile a calcolare nel tempo la distribuzione dei costi e dei benefici tra le generazioni di utenti e contribuenti interessati
4) l'opera PREGIUDICA L'EQUITA' INTERGENERAZIONALE, caricando in modo sproporzionato su generazioni future (si arriva in alcuni casi al 2060) ipotetici vantaggi goduti da quelle attuali.
5) i contratti attuativi si basavano su stime di flussi e di ritorni economici dell'opera non solo ALEATORI, ma anche IRREALISTICI e sostanzialmente INESISTENTI..." segnalazione di manuela bellandi

Scarica, leggi e diffondi il documento della Corte dei Conti sulla Tav

7 Lug 2011, 17:27 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Caro Beppe-perchè dire di no alla Tav?-..èèèèèè,tanto i soldi non li hanno...al massimo faranno 100mt....Io avrei una soluzione,in futuro potremmo mandarci tutti questi politici a scavare-muniti di mazzetta e scalpello,carriole,e caschetto munito di lampada ad acetile..poi li diciamo:...volete ta la TAV...incominciate a scavare..a mano così non inquinate..
Ovviamente il materiale dello scavo deve essere trasportato con carriole a Reggio..materiale che verrà utilizzato per riempire il canale di sicilia, così risparmiamo anche il ponte.

roby f., Livorno Commentatore certificato 08.07.11 18:34| 
 |
Rispondi al commento

io lo avevo proposto, e rimane tale.. se c'è tanta necessità di trasportare merci in tempi brevi e in maniera sicura, ti bastano due o tre aeroporti collocati nei punti giusti.. una decina di aerei di ultima generazione con grande capacità di carico e con motori ad idrogeno.. questo avrebbe un minore costo in termini economici,ambientali, e non toglierebbe lavoro ai camionisti che con la tv.. sarebbero gli unici a pagarne le prime conseguenze vere!! se chi vuole la tav per trasportare merci non valuta altri modi per trasportare queste ultime, allora non c'è solo la volontà di fare qualcosa di "necessario" (come dicono) ma anche la volontà di impossessarsi dei miseri spiccioli (soldi nostri di diritto) dell'dell'Unione europea.. o comunque, se si ritiene che questa sia un opera di utilità pubblica e giusto che siano i cittadini allora a decidere se serve o no!! quindi proponi il referendum!! e ovvio che non lo fai perché questo e un grande falso!! (rivolto ai promotori della t.a.v.)

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 08.07.11 18:03| 
 |
Rispondi al commento

Ehi! Che sta succedendo?
La corte dei conti si sta trasformando
da, allineato, organo di controllo a ricettacolo di sovversivi?
Prima intima a tremonti di farsela finita con i tagli generalizzati, e dà l'allarme sulla insostenibilità della manovra, poi boccia tutta l'architettura contabile della tav.
Che anche la magistratura contabile, sia invasa dalle toghe rosse?
Oppure forse, abbiamo raggiunto un limite tale di degrado, corruzione, e di incompetenza, da far inorridire persino i miti e moderati giudici contabili?

l., ancona Commentatore certificato 08.07.11 17:36| 
 |
Rispondi al commento

al punto 1 e 4 c'è un falso. Il soggetto delle frasi non è l'opera ma l'operazione, intesa come modalità contabile.

Cara Ballandi, fai come Minzolini?

E tu Beppe, non controlli?

Stefano Rinaldelli

Stefano Rinaldelli (porco rosso), Pisa Commentatore certificato 08.07.11 13:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domanda:

Ma i 98 miliardi di euro delle slot machines?

Attendo esaustive risposte...non solo io...

Nuke 'em All 08.07.11 12:47| 
 |
Rispondi al commento

beppe non mollare, il seme è germogliato,si intravedono i colori del nuovo fiore.dobbiamo stargli vicino e proteggerlo.rogazzi del mov.5stelle siete fantastici.

carlo faustini, rieti Commentatore certificato 08.07.11 10:57| 
 |
Rispondi al commento

E ADESSO CHE COSA SUCCEDE?
SCOMMETTIAMO CHE NON SUCCEDE PROPRIO UN BENEAMATO CAZZO??
AMMENOCCHEE IL PREMIATO TG1 STROMBAZZI LA NOTIZIA!!

nataniele m., stresa Commentatore certificato 08.07.11 08:48| 
 |
Rispondi al commento


finalmente una buona notizia !!!!!

iole genova 08.07.11 02:14| 
 |
Rispondi al commento

Sempre 2008 :


La polizia bandisce i fumogeni
«Sono troppo pericolosi»

STOP al lacrimogeni. La polizia italiana ha deciso di metterli al bando. È, a suo modo, una svolta epocale nella gestione dell’ordine pubblico nel nostro Paese. Il fumo dei candelotti ha fatto da sfondo ai momenti più tesi della storia nazionale degli ultimi decenni. Dalla rivolta di Genova contro il governo Tambroni al Sessantotto, dagli scontri di Bologna nel 1977 per giungere alle dure immagini del G8 del 2001. Passando per gli scontri scatenati dagli ultrà del calcio.

Ora si volta pagina. E il cambio di rotta, considerato dal capo della polizia Antonio Manganelli una priorità per caratterizzare in maniera sempre più “dialogante” il suo mandato, avverrà in tempi stretti.

Manganelli l’ha spiegato ai suoi uomini: «Non voglio discussioni infinite che non approdano a nulla». Così ha incaricato una commissione di studiare nuove formule di gestione delle criticità di piazza. Ha affidato il coordinamento al prefetto Oscar Fioriolli, direttore centrale per gli Istituti di istruzione. E ha posto un limite preciso per la consegna della relazione finale: il 31 gennaio. Entro quella data il gruppo di studio dovrà presentare le soluzioni alternative. Fermo restando il diktat di Antonio Manganelli: mai più fumo di lacrimogeni per gestire l’ordine pubblico...

http://www.ilsecoloxix.it//p/italia_e_mondo/2008/12/22/ALwNHDJC-fumogeni_pericolosi_bandisce.shtml


Come visto la Corte dei conti è un organo polifunzionale.

Notevole importanza riveste la funzione giurisdizionale nel campo dell'amministrazione pubblica. La Corte dei Conti è infatti giudice speciale amministrativo previsto dall'art. 103 della Costituzione. In tale veste ha giurisdizione nelle materie della contabilità pubblica e nelle altre materie previste dalla legge.
La Corte dei Conti è chiamata a decidere in merito alle controversie in materia di contabilità pubblica ed in particolare alle azioni di responsabilità amministrativa nei confronti dei pubblici dipendenti e dei pubblici amministratori, nonché degli amministratori e funzionari delle società sotto il controllo pubblico, e riguardo al contenzioso pensionistico.

La Corte dei Conti effettua un controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo e della pubblica amministrazione, ed un controllo di gestione a consuntivo sui bilanci dello stato, delle amministrazioni pubbliche e di quegli enti per i quali lo stato contribuisce alla gestione ordinaria.
Le funzioni di controllo della Corte sono estese alle amministrazioni decentrate dello stato (Regioni, province e comuni), al fine di garantire i vincoli di stabilità interni all'Italia e quelli derivanti dall'appartenenza alla Comunità Europea.
Anche per i controlli sulle amministrazioni locali, il controllo è sia preventivo, sulla legittimità degli atti, che consuntivo, sui risultati della gestione finanziaria. In questo caso le Sezioni decentrate della Corte riferiscono ai Consigli degli enti interessati.
La Corte svolge le sue funzioni consultive predisponendo pareri e referenti, quando è chiamata a riferire direttamente alle Camere sul risultato dei controlli.

La Corte dei Conti svolge il ruolo di magistratura contabile della pubblica amministrazione. In sede di controllo, con la forza di un titolo esecutivo può modificare, sospendere, annullare provvedimenti di altri organi dello Stato per una insufficiente copertura finanziaria o per l'impieg

gagliardo giuseppe 07.07.11 22:17| 
 |
Rispondi al commento

Ultimamente la Corte ha lanciato l'appello per 4 mld di euro. Le casse sono sotto la cantina. Si sono allertati i vigili che hanno fatto salti mortali per dare multe. Multavano anche le pulci dei cani che non attraversavano sulle strisce... è così nata una sorta di "raccolta forzata" di capitali, che li ha spinti a propinare 1.600 multe ogni ora in tutta Italia...

http://www.adnkronos.com/IGN/Mediacenter/Video_News/Multe-1600-ogni-ora-Comuni-puntano-a-4-mld-incassi_312196238676.html

FATE VOI!!!

3mendo 07.07.11 22:10| 
 |
Rispondi al commento

Tutti ripetono che il documento è del 2008...

LO SO! LO SAPPIAMO TUTTI che è del 2008...per questo si linka l'originale

GIA' nel 2008 si sapeva che quest'opera non andava fatta...che tutte le perplessità e le obiezioni dei NO-TAV sono certificate dalla Corte dei Conti

La Corte dei Conti è un organo istituzionale o no?

http://it.wikipedia.org/wiki/Corte_dei_conti

Perchè lo Stato va contro lo Stato?


occhio alle date: nel pdf non c'è la data, ma è dell'11 dicembre 2008. Non so come mai venga fuori solo ora. Mi pare, comunque, che da allora ad oggi non ci siano stati impoortanti rivisitazioni tecniche, per cui non cambia nulla. Anzi, forse 3 anni fa non c'era la crisi finanziari di oggi e i conti erano meno peggiori!

Luca Berta 07.07.11 20:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma scusate,il no della corte dei conti significa uno stop a tutto oppure sono il solito organo dello stato che non conta un fagiolino.
Spiegatemelo grazie.

alberto 07.07.11 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Il documento è del 2008

Fabio A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.07.11 19:45| 
 |
Rispondi al commento

cara manuela hai fatto un colpo grosso, complimenti!
non riesco a capire a che data risale questo documento, ma in ogni caso è veramente clamoroso.

se vivessimo in un paese non dico civile, ma almeno normale, i cantieri del TAV sarebbero già tutti sotto sequestro.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 07.07.11 19:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Me dispiace cara Corte, ma loro so loro e voi non siete un cazzo.

Dove siete tecnici ? E' possibile che tutti quelli che lavorano per i ministeri sono marci fino all'osso come questi politici folli e delinquenti ? Cosa aspettate a sputargli in faccia ? Senza di voi questi non sono buoni nemmeno a farsi le pippe (per quello ce la Ruby di turno).

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.07.11 19:11| 
 |
Rispondi al commento

ed ora cosa dovrebbe succedere , o comunque cosa ci si deve aspettare?

albano fini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.07.11 18:55| 
 |
Rispondi al commento

ah ah! se non fosse che si tratta di una cosa tragica, direi che è una COMICA!
comica tipicamente italiana, di quelle che ci hanno resi famosi nel mondo, di quelle che fanno ridere il mondo intero di noi italiani.
Ma sarebbe meglio dire dei nostri politici...
Potesse la casta mettere le mani anche sulla corte dei conti.....
e sulla consulta....
e sulla banca d'Italia....
e sulla MAGISTRATURA....................

certo: se gli italiani glielo permetteranno, ci riusciranno, eccome.
Ma il vento sembra cambiato ultimamente.....

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 07.07.11 18:35| 
 |
Rispondi al commento

...per chi ancora dubitava questa è la prova inconfutabile che beppe è davvero uno di noi..

Acul utopiA Commentatore certificato 07.07.11 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Trovato sul sito della corte dei conti, curiosa la data del file: 5/7/2011

http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/rassegna_stampa/ocr/2011070519124369.txt

Italia, tra burocrazia e proteste
un'alta velocità a peso d'oro
COSTI SPROPOSITATI. La spesa media europea è di 20 milioni di euro per un chilometro di strada ferrata. Nel nostro paese si arriva a 50 milioni. L'allarme della Corte dei Conti per i riflessi sul bilancio pubblico.
DI GIULIANO CAPECELATRO

Cercando meglio ho trovato anche questo articolo:
http://www.ilriformista.it/stories/Prima%20pagina/401311/

Chissà cosa ci faceva l'articolo de ilriformista scannerizzato (ocr) sul sito della cdc. Oppure essendo in Export è stato scritto dalla corte dei conti e pubblicato dal riformista....

Comunque il documento citato nell'articolo (Scarica, leggi e diffondi il documento della Corte dei Conti sulla Tav) è del 2008.

Ciao

Dario Lesca, Ivrea Commentatore certificato 07.07.11 18:26| 
 |
Rispondi al commento

se salta fuori l' uranio e amianto da gli scavi dove lo portano (l'europa sa queste cose?)chi se ne occupa? non e' che vanno alla ricerca di farsi sparare alle gambe?

gagliardo giuseppe 07.07.11 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti, Manuela! Hai trovato un documento ufficiale che è un altro tassello argomentativo contro quest'opera super costosa e di dubbia utilità per l'Italia.

Carmelo Di Stefano Commentatore certificato 07.07.11 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma tanto se ne sbattono della corte dei conti: una trentina (se va bene) di miliardi di dindi pubblici sono un osso troppo succulento perchè i cani a cui fa gola ci rinuncino senza combattere all'ultimo sangue.
Se servirà bombarderanno la Val di Susa col napalm.
Vedrete!

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 07.07.11 17:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori