Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'inceneritore di Vigevano


Vigevano_inceneritori.jpg
"Mi sa che piano piano questi giudici comunisti arrivano anche in Lomellina e fanno piazza pulita! Cari giudici comunisti, vi do qualche suggerimento: l'ASM di Vigevano fa solo il 22% di raccolta differenziata sbattendosene della legge che imporrebbe almeno il 40% da anni e il 60% dall'anno prossimo!; il sindaco, bravissima persona e disponibile a dialogare con i cittadini, dichiara che serviranno 3-4 anni (avete letto bene non 4 mesi, 4 anni) per organizzare una raccolta porta a porta seria, ma la priorità è dividere al piu' presto la frazione umida (che non brucia) da quella secca; il comune, attraverso l'ASM, è parte in causa nel cancrovalorizzatore di Parona che brucia monnezza proveniente da tutta Italia regalando generosamente alla cittadinanza cancri, leucemie e altre malattie (la provincia di Pavia è prima per morti per cancro della Lombardia e fra le prime d'Italia). Il cancrovalorizzatore riceverà incentivi CIP6 per il secondo bruciatore fino al 2015. Quanti anni mancano al 2015? Esattamente 4..... non sarà per questo che ci vogliono 4 anni per la raccolta porta a porta seria?" Salvatore Mandara, Vigevano - Italia

9 Lug 2011, 16:57 | Scrivi | Commenti (25) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

A Vigevano no c'è la mentalità per la differeziata,finche ci sono glamici degli amici che non anno voglia di farla che mischiano tutto.

pietro luigi de rosa 08.03.13 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Nella vicina e di medesima appartenenza provinciale cè il comune di BRONI. Si sta svolgendo una battaglia impari tra i cittadini e le varie forze politiche che vogliono trasformare il comune in una discarica di AMIANTO o in un sito per fare un impianto di Cristallizzazione dell'amianto (qualcuno dice sperimentale altri dicono di salubre funzionamento).
Scrivo qui per collegarmi al discorso municipalizzate dove la Broni/Stradella spa ha affidato il primo lotto di bonifica dell'ex area Fibronit ( dove si lavorava l'amianto) ad una famosa ditta indagata per altre bonifiche; attualmente la commissione antimafia ha aperto una inchiesta per capire quello che per noi Bronesi era chiaro da tempo.
Tramite facebook è stato creato un gruppo ( bronicontrol'amianto) che in poco tempo è salito in modo esponenziale e causa pausa estiva è in fase di stallo, ma è servito per far indire dal sindaco una riunione pubblica a fine luglio dove spiegava ( in modo patetico ed insoddisfacente ) la posizione della giunta.
Ho anche personalmente scritto alla sede del movimento 5 stelle di Pavia, alla segreterie regionale e qui al Sig. Grillo, ma non ho mai e dico mai ricevuto risposta in merito. Ho quasi paura a dire che quando esce la parola AMIANTO per qualche motivo il post venga cancellato.
Cè qualcosa che fa paura in tutto questo? a noi di Broni si....si muore di Cancro!!!
Saluti

mauro negri 18.08.11 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Ahimè.....quando reagiranno gli italiani davanti a questo scempio generato da questa "politica"..orrenda....
Io ho una certa età,e dunque per me non c'è speranza,ma per i miei figli,per i miei nipoti!!!
solo il movimento a 5S può dare un indirizzo civile e decoroso alla futura politica (?).
mario vianello

mario vianello 14.07.11 12:25| 
 |
Rispondi al commento

L'INCNERITORE: io vivo a Roma, e come ben si sà abbiamo MALAGROTTA CHE STà COLLASSANDO, la vergognia è che già da moltissimi anni si sapeva che sarebbe arrivato questo momento ma non si è fatto nulla per ovviarlo.La beffa maggiore e che nonostante i cittadini continuino a fare la differenziata attraverso cassonetti oramai obsoleti e stracolmi, quando viene portata a Malagrotta tutta la "monnezza" viene scaricata senza dividerla. HO VISTO CON I MIEI OCCHI!Allora che senso ha fare la differenziata, usware sacchetti biodegradabili quando poi si mischia tutto? ALTRA PRESA IN GIRO PER I CITTADINI?

Massimo M., ROMA Commentatore certificato 12.07.11 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Qualche anno fa viaggiando sul treno ho avuto un dialogo con un ingegnere che conosceva bene la tecnologia di termovalorizzazione e mi ha detto una cosa che non sapevo:per la combustione si usano combustibili fossili e se non viene fatta la differenziata,soprattutto con plastica e carta,brucia meglio e serve meno gasolio a discapito dell'inquinamento.Meditate gente meditate.

roberto mantelli 11.07.11 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

All’inizio di maggio, a Parona sono venuti funzionari ed esperti della Provincia di Pavia
a spiegare come aumentare la RD. Non è difficile capire cosa balena nella testa dei politici, questi vorrebbero fare lavorare gratis i cittadini separando l’umido per fare bruciare meglio i rifiuti (l’inceneritore è già pagato per farlo) . A Ponte nelle Alpi (8.000 ab.) con la raccolta domiciliare è in grado di portare ad un record del 90% di RD, qui non si applica la TARSU (composizione nucleo, metratura) ma la TARSU puntuale (meno rifiuto produci e meno paghi come tassa). Solo così si può fare un discorso serio di RD finalizzata al riuso. Con questo concetto tutto comincerebbe ad ingranare, anche le piazzole ecologiche che oggi hanno più costi che benefici.
Non dobbiamo farci fregare, se i rifiuti si riducono veramente devono tornare anche i numeri. Se si aumenta la RD finalizzata al recupero dei materiali, deve automaticamente diminuire anche il quantitativo destinato al recupero dell’energia (incenerimento), se questo non avviene ci guadagna solo chi non merita, cioè gli inceneritori o peggio ancora i politici.
vedi: http://www.nuovastagione.eu

Renato Soffritti 11.07.11 06:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono con tutti Voi, basta patologie che ci attaccano tramite l'aria che respiriamo !!
Sensibilizzate i cittadini, riunitevi in comitati, organizzate voi la differenziata e vendete direttamente i rifiuti traendone profitto !!
Da loro non verrà mai nulla !!
BuonMov

Valter C., Gorizia Commentatore certificato 10.07.11 22:15| 
 |
Rispondi al commento

La percentuale da raggiungere entro il 2012 è il 65% e non il 60%.
Non è il decreto Ronchi (22/97) che lo impone, ma il decreto Matteoli (152/06) e successive modifiche.
L'Art. 205 impone che il 65% sia proprio di raccolta differenziata cosiddetta amonte, cioè fatta all'atto della raccolta e non con successive operazioni di recupero.
Per quel che riguarda i il numero di mezzi il calcolo è superficiale, sia perché un mezzo monoperatore a caricamento laterale ha emissioni molto più alte e non può avere alimentazioni alternative, cosa che è possibile con mezzi più piccoli (a metano o elettrici) sia perché i mezzi piccoli possono essere utilizzati per più raccolte es. utilizzando lo stesso mezzo minicompattatore per carta alternato alla raccolta degli imballaggi leggeri (plastica e alluminio).
C'è poi un ragionamento sul numero di stop&go, ma non voglio addentrarmi in analisi tecniche...
Come dimostrato da numerose pubblicazioni tecniche del settore con le raccolte di prossimità si riducono anche le emissioni e il traffico (un mezzo monooperatore blocca una via creando code, cosa che non accade con mezzi piccoli, ecc.).
Infine le raccolte di prossimità o domiciliari, comunque quelle che creano un maggior rapporto tra consumatore, scarti, aziende di raccolte, comune, produttori, facilitano un passaggio a tariffa puntuale e quindi l'applicazione di politiche di prevenzione e di responsabilizzazione delle industrie.
RC

RC 10.07.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Vi ringrazio per i vostri commenti.

Rispondere a tutti:

Carlo Portaluppi: non ho capito il calcolo per arrivare ai 16 mezzi. Facendo la raccolta porta a porta non occorre passare a svuotare ogni giorno tutti i cassonetti, ma e' sufficiente fare una raccolta a turno per le varie tipologie. Inoltre si potrebbe dare un incentivo (molti comuni virtuosi lo fanno gia') per chi fa compostaggio domestico. In questo modo tutte le famiglie che lo fanno contro uno sconto del 20% conferiranno il 40% in meno di rifiuti. Si dovrebbe arrivare al 90% di R.D. Io a casa mia arrivo al 95% nonostante il comune non mi aiuti affatti. Perche' con un sistema ben fatto non si dovrebbe arrivare ad una media del 90%? Il 10% che proprio non si puo' differenziare si mette in discarica senza bruciarlo. Bruciare qualunque cosa e' una cosa barbara e genera malattie, quindi e' da evitare assolutamente!


Gilda: i vorrebbe una legge che OBBLIGHI le case costruttrici a progettare il prodotto nel suo insieme per minimizzare l'impatto a fine vita. Darei degli incentivi a chi progetta prodotti che NON generano rifiuti, incentivi minori a chi genera rifiuti se riciclabili, multerei fino alla chiusura dell'attivita' per gli altri.

Alvise Fossa, Federico Vitali, Valerio, Paolo Cicerone: GRAZIE

Peter Amico: concordo in pieno. Non raccogliere l'umido e' una scelta assurda. A parte l'utilita' del risultato della separazione, solo l'umido pesa il 40% del totale! Sulle bottiglie, poi, credo non sia necessario commentare. Io bevo acqua del rubinetto dal 1998. Prima non potevo perche' abitavo in un posto in cui non era potabile. Dall'85 al '93 ancora rubinetto (abitavo a Roma). Dal 1966 all'85 acqua non potabile. Prima del '66 non ero nato!

Daniele Spina: mi fa piacere che concordi sugli inceneritori. Non conosco la storia del microscopio. Ogni tanto vedo che qualcuno ne parla... ma non vedo il nesso con l'argomento.

Salvatore Mandara, Vigevano - Italia Commentatore certificato 10.07.11 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando vi deciderete ad aiutare anche la cittadinanza di Falconara Marittima che sta lottando, anche mediante comitati cittadini, contro la società API e contro la stessa Regione Marche che appoggia senza compromessi il programma speculativo di questa raffineria che intossica noi ed i nostri figli?
Su facebook: norigassificatori - nocentraliapi
Abbiamo bisogno di aiuto, questa parte d'Italia ha bisogno di aiuto, quello che sta accadendo è peggiore del problema della TAV in Piemonte, ma nessuno ne parla.
Grazie
Cristiano Mariani


buongiorno,
concordo che per attivare un sistema di raccolta differenziata porta a porta non ci vogliano 4 anni, ma neanche 4 mesi, 1 anno è il tempo necessario per progettazione gare per adeguamenti vari per adeguare l'attuale sistema al nuovo (mezzi, attrezzature ecc.).
non concordo invece che differenziare sia tutto pulito, lindo, non inquinante, faccio un esempio, comune di 30.000 abitanti, raccolta rifiuti (rsu, plastica, vetro) con sistema a cassonetti a carico laterale necessita di 2 mezzi giorno in servizio, se vogliamo aggiungere anche la raccolta della carta altri 2 mezzi.
ora stesso comune con raccolta porta a porta di resto, organico, plastica, vetro, carta e verde comporta un impegno di almeno 16 mezzi giorno in servizio e questi mezzi a loro volta inquinano e rilasciano polveri sottili, magari non come un inceneritore però........
non vorrei poi dire una cavolata, ma mi sembra che il decreto Ronchi preveda, come da Lei menzionato, il raggiungimento del 40% ad oggi ed il 60% dal prossimo anno, ma non dice che debba essere raggiunto con la raccolta differenziata, ci si può arrivare anche con il recupero energetico di un termovalorizzatore appunto a recupero (energia, calore) e qui si apre tutto un altro mondo di discussioni sul tema.
personalmente sarei per differenziare organico, vetro e carta, tutto il resto lo manderei a termovalorizzatori.

carlo portaluppi 10.07.11 08:22| 
 |
Rispondi al commento

Olà Salvo!
proprio domani saranno 35 anni dal disastro dell'Icmesa, e anche lì sempre diossina era, questa maledizione che viene dalla stupida perseveranza di bruciare la plastica, con cui ci facciamo del male da soli!
Se una vita comoda vuol dire prodotti usa e getta che poi diventano cancro, e quindi dolore e anche spese pazzesche per la collettività, allora sarebbe meglio davvero tornare alle caverne.
Ma in realtà non ce n’è bisogno: c'è la soluzione semplice del riciclo totale dei rifiuti, la separazione del secco dall'umido ma soprattutto l'utilizzo di materiali che durano e non ci costringono a consumare come idioti qualcosa che poi ci sommerge di rifiuti tossici!
http://video.corriere.it/seveso-35-anni-fa-disastro-icmesa/1835e41c-aa02-11e0-9d03-960d18ba419d

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 09.07.11 20:03| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
VIGEVANESI,INCAZZATEVI DIFRONTE AL VOSTRO SINDACO,COSI' FDORSE CAPIRA'
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 09.07.11 19:02| 
 |
Rispondi al commento

4 anni... strana coincidenza.

federico vitali Commentatore certificato 09.07.11 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Bravi così, ormai è finito il tempo del silenzio e dell'indifferenza, d'ora in poi dovranno trovare un Movimento in ogni città!

valerio 09.07.11 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Grande Salvo!


A Milano la differenziata si fa, ma assurdamente senza racogliere l'umido. Quindi tanti residui di cucina e cibo che potrebbero facilmente diventare humus o cibo per animali finiscono in discarica. Inoltre che senso può avere l'aver introdotto sacchetti e plastiche di mais togliendo risorse alimentari alle popolazioni povere se poi questa roba finisce nel sacco nero della discarica? Per di più mi immagino che le presunte bottiglie biodegradabili, degradino soprattutto la qualità del Pet raccolto in differenziata con il risultato che fra un po' andrà anche questa parte della raccolta finirà dritta in discarica. Non comprate bottiglie di plastica biodegradabile, usate l'acqua di rubinetto.

Peter Amico 09.07.11 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono contento che si faccia una battaglia culturale contro gli inceneritori. Ma a questo punto mi chiedo come mai quel famoso microscopio ESEM sia ad Urbino quando invece era destinato a studiare le nanopatologie ?

Daniele Spina 09.07.11 17:19| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori