Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Riprendiamoci le spiagge!


Riprendiamoci_le_spiagge.jpg
"Abito da sempre a 80 metri dal mare. Da ragazzi andavamo in spiaggia a mezzanotte e cantavamo con la chitarra, il fuoco e poi andavamo a fare i tuffi al pontile. Esco di casa e mi accorgo che non si può più accedere alle spiagge perché c'è un muro. Dopo qualche centinaio di metri, un varco e un sacco di cartelli che indicavano l'accesso alla battigia. Purtroppo il varco era transennato. Altri 100 metri. Un altro varco... aperto. Non appena sono entrato, dietro di me arriva un tizio stile buttafuori con la radio e l'auricolare. Mi fermo per 10 secondi sulla battigia, è tutto buio e vuoto e torno indietro. Il "buttafuori" fa finta di non vedermi ma sborbotta qualcosa al radiocitofono. Decido di andare dove facevo i tuffi ed ecco un cartello municipale con scritto "Vietato fare tuffi, vietato introdurre cani", vietato RESPIRARE! Torno indietro e guardando verso l'alto mi accorgo che c'è una telecamera ogni 10 metri. Tra me penso "AZZZ qui è peggio della Russia ai tempi del KGB!". Mi viene l'idea di fare un paio di km in macchina per trovare una zona piu isolata dove forse poter fare 2 tuffi ma le telecamere sono dappertutto e non puoi parcheggiare. Allora prendo e mi incacchio e faccio la pipi davanti ad una telecamera e me ne torno a casa a 80 metri dal mare ... poi penso " Ma che caxxo ci vengono a fare i turisti a Marina di Massa?". E il municipio si lamenta perchè le presenze sono dimezzate?". un fesso

28 Lug 2011, 15:29 | Scrivi | Commenti (59) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Invochiamo l'arrivo di un moderno Garibaldi che liberi il Cilento una seconda volta. Oggi il tiranno non è Borbone, oggi il tiranno è il malaffare che si nasconde dietro la politica. Oggi il motto è roviniamo la gente, l'Italia, il Cilento. La spiaggia delle "Saline", nell'ultimo tratto ancora libero, dove sopravvivono maestose agavi e la Primula di Palinuro è stata occupata con tracotante prepotenza "dai nuovi VANDALI" che vogliono uccidere l'autentica vocazione del Cilento, quella di essere una terra selvaggia, rinomata per questo. Ho sentito lamentele di turisti francesi, tedeschi, belgi e anche italiani, pochi invece i cilentani quqasi sempre scettici e fatalisti sulla possibilità di fare qualcosa. Cilentani non commettete l'errore che commisero i vostri avi quando passarono per le armi i 300 di Carlo Pisacane, venuti a liberarli, salvo poi di fargli postumo un monumento a Sapri, con tanti ringraziamenti. In molti non torneranno a Palinuro: già hanno scento il Salento, la Sardegna, la Calabria, la Croazia, la Corsica dove ancora li aspettano Km e Km. di spiagge libere e incontaminate, come in Francia, Spagna e in tutti i paesi civili. Da noi i nuovi "Masaniello", smessi i costumi di "servi della gleba" e indossati quelli di politicanti da strapazzo sono diventati aguzzini peggiori dei tiranni. Invochiamo un nuovo Garibaldi che ci liberi da questo scempio. Cilentani!!! Per Voi non è indifferente che i vostri turisti cambino meta, il Cilento rischia di tornare ai tempi quando i pescatori di Marina di Camerota e Palinuro percorrevano decine, centinaia di Km. a piedi per vendere la loro mercanzia e conoscevano solo miseria. Il turismo è la vostra ricchezza. Il salto di qualità il vostro benessere è arrivato con il turismo, non fatevi fregare.

Claudio S., Roma Commentatore certificato 22.07.13 14:03| 
 |
Rispondi al commento

A Roma hanno aperto centinaia di negozi dediti alla vendita di sigarette elettroniche. All'inizio molti fumatori le hanno comprate, ma poi rendendosi conto che la "Sana" sigaretta non ammette surrogati, le hanno abbandonate. Ora queste attività, stanno chiudendo i battenti. A Centola invece a stagione iniziata i rari turisti sdraiati sui rarissimi tratti di spiaggia libera, vengono cacciati per far posto a nuovi inutili stabilimenti, destinati a chiudere per carenza di clienti e denaro. Ora il Comune fa cassa, ma poi? Hanno massacrato il tratto di costa tra Palinuro e Marina di Camerota con decine di stabilimenti, i Comuni incassano i soldi di concessioni e tasse e gli illusi che iniziano l'attività sono destinati a fare la fine dei negozi di sigarette elettroniche. Una vera presa per i fondelli. In questo periodo di crisi nel quale possono andare in ferie solo pochi fortunati, il Comune di Centola, già falcidiato dalla carenza di turisti allontana definitivamente i pochi rimasti e si appresta a far chiudere decine di piccoli imprenditori illusi, che non rientreranno neppure delle spese iniziali. Abbiamo un patrimonio inestimabile e lo stiamo distruggendo. In questo periodo in cui il denaro è un bene raro, tu Comune rivierasco a propensione turistica, fai pagare oltre l'albergo o la casa in affitto, il parcheggio e la fruizione della spiaggia (una famiglia media almeno 20 euro al giorno tra ingresso, sdraia e ombrellone). Significa fare del "terrorismo" turistico, facendo scegliere a tanta gente altri lidi, altre mete lontano da Palinuro e dalla Campania. Basta con le politiche borboniche o sabaude dove per far cassa si spogliava di quel poco anche chi non aveva niente. Libertà, Eguaglianza, Fraternità!!!! Questo motto non passerà mai di moda, nonostante facciano del tutto per cancellarlo dalla mente della gente.

Claudio S., Roma Commentatore certificato 19.07.13 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Quello delle spiagge è un problema nazionale, che poi si somma a quello dei posti barca. Per appropriarsi delle spiagge basta avere pochi scrupoli e tanti precedenti.....per creare i posti barca, basta essere deglia autodemolitori senza licenza.....Di fatto in un paese comme il nostro, circondato dal mare, il mare non si riesce a vedere.......Turismo assente con posti di Pasoliniana memoria........Radere al suolo tutto.....

giancarlo simeone 02.05.13 18:38| 
 |
Rispondi al commento

certo però che queste sono cose locali non so quanto possono interessare agli italiani fori dal locale.

ma volevo precisare come è la situazione al di la delle opinioni su pucci o su altri.

Una sola cosa è caerta.....

Marina di Massa potrà vivere e svilupparsi e offire ai turisti un buon servizio solo se sarà municipio autonomo così come Forte dei Marmi e lo si mostra il fatto che 2 luoghi praticamente gemelli, anzi Marina di Massa negli anni 60/70 era meglio, si ritrovano l'uno ad essere al massimo livello e l'altro in condizioni pietose con grave danno per i residenti!

bruno bassi 02.08.11 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Massa inoltre non ha ancora un depuratore che può essere chiamato tale., non esistono a livello provinciale tranne alcuni abbozzi piste ciclabili e quelle esistenti sono spesso pericolose e mal costruite, non esiste in buona parte del territorio la raccolta differenziata, nessuna bandiera blu per il litorale nessuna bandiera arancione per l’entroterra, non lamentiamoci perciò se il Marble Hotel non sarà mail ultimato se l’ex mediterraneo forse lo sarà nei prossimi 20 anni se la ex Colonia Motta insieme alla spiaggia adiacente alla Torre Fiat rimarrà un esempio di decadenza turistica e se Riva dei Ronchi rischia di essere o un complesso di seconde case oppure un area semi abbandonata.,
Purtroppo l’unica capacità di investimenti (se così si può definire nel litorale) da parte delle amministrazioni succedutesi è quella di aver creato un agglomerato di seconde case, fantasma nel periodo invernale ma oggi anche in quello estivo, dove Massa ha circa 6000 case sfitte.
Ma, nonostante tutto questo le strutture ricettive alla pari di cattedrali nel deserto sopravvivono.
Quando leggo perciò che lo sviluppo del nostro territorio deve essere quello industriale e non turistico rabbrividisco purtroppo mi rendo conto che si vuole riesumare degli Zombi senza un idea ben precisa di sviluppo, chi parla così ragiona solo al passato pensando poco al presente senza nessuna idea per il futuro.
Concludo dicendo,
Turismo vuol dire
Pulizia, miglioramento dell’ambiente in cui insistono queste attività, interscambio culturale, incremento del valore degli immobili che gravitano in quelle zone, presupposti questi anche per attrarre investimenti extra provinciali.
Ed ancora Crescita economica e soprattutto posti di lavoro.
Saluti a tutti e Buon lavoro
Claudio Lotto
(nota la provincia intera che è doppia massa+carrara ma se si prende solo Massa e ancora meglio solo la marina il 7% diventa?)

MARINA MUNICIPIO SE STANTE!!!

bruno bassi 02.08.11 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Esiste di fatto un problema politico perché la politica ha tratto vantaggi sia in termini di voti che in termini economici da scelte non turistiche , e chi ha governato non è stato affatto lungimirante pensando che questo circolo vizioso potesse continuare all’infinito ed i risultati sono quelli di un territorio irrimediabilmente compromesso.

Purtroppo i grandi stabilimenti manifatturieri e siderurgici, petrolchimici sono stati considerati solo per i vantaggi economici ed occupazionali connessi probabilmente anche tutt’oggi

Perciò in assenza di una legislazione adeguata e di una sensibilizzazione dell’opinione pubblica gli impianti hanno profondamente modificato inquinato e deturpato aree di grande valore per la vicinanza ai centri storici o per valori paesaggistici.

Dal dopo Farmoplant il territorio andava ripensato in funzione di una città verde turistica che sicuramente avrebbe migliorato la qualità della vita dei cittadini sia in termini occupazionali che di vivibilità del territorio, questo non è stato fatto e si è continuato a perseverare nell’errore.

Ma quando si capirà che il Manifatturiero in Italia e soprattutto nella nostra zona , quello dato dalla quantità di operai è finito, quando ci si accorgerà che esiste anche un'altra via quella del turismo che da noi si è fatto di tutto per affossare?

Facciamo alcuni esempi di come si è voluto in maniera scientifica limitare il comparto turistico con: la costruzione del complesso fieristico Marmo Macchine fronte Mare , l’ecomostro della Capitaneria, l’area retroportuale, destinata ad usi tutt’altro che ecocompatibili tralasciando poi il porto ultimato negli anni 50 ma soprattutto l’unica area rimasta libera che poteva essere utilizzata in funzione del turismo con l’Ospedale Unico. sapendo tutti che esistevano siti sia a Massa che a Carrara più funzionali e consoni a tale progetto, Meglio non si poteva fare per precludere delle aree al turismo.

bruno bassi 02.08.11 16:32| 
 |
Rispondi al commento

quel che accade a marina di massa dipende da 2 fattori.

1)marina di massa non è municipio a se ma è sempre stata utilizzata dal capoluogo per rimpinzare il municipio di denari che la parte interna della città non è mai stata capace di produrre, perciò a fronte di solo il 15% di abitanti sul litorale la marina tiene in piedi tutta la massa che notoriamente è poco produttiva per colpa di scelte politiche demenziali.

Un tempo fu fatto anche un referendum perso proprio perché la gente di marina è minoranza e perciò anche se avesse votato 100% per la secessone non avrebbe potuto mai e poi mai superare il 20% e ammesso e non concesso che qualcuno delle montagne .......... non si poteva comunque.

2)Mentre in passato gli inteessi della politica erano praticamente tutti verso la zona industriale, ora che la zona industriale è allo sfascio, i politici hanno deciso di "depredare" la marina.

Faccio notare che il sindaco pucci è riuscito a prendere un sacco di voti con una tecnica infima di promesse mai mantenute che seppur legali......

Sorprendecome ha fatto a vincere le elezioni sfuttando la legge eletorale new!

Ha presentato dei prestanome (spesso legati al no profit e anche gente in buona fede) in tutti i quartieri.

Il popolo nei vari quartieri, in buona fede credeva di votare per questi personaggi perché nelle locandine elettorali nulla lasciava intendere al popolo che far arrivare le preferenze a questi personaggi corrispondeva a votare pucci!

il popolo ingenuamente pensava di dare il voto a questo o quel personaggio del suo quartiere senza sapere che tutti questi voti sarebbero finiti nel calderone per far sindaco direttamente pucci.

Tutti si sono ritrovati un sindaco senza sapere manco perché cioè una specie di scambio di persona del tipo "io voto pinco ma con una clusola quasi illeggibile (come quelle clausole delle assicurazioni piccolisisme che ci vuole la lente di ingrandimento) che votare il tal personaggio del quartiere vuol dire votare pucci!

truffa?

puccio roberti 02.08.11 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riprendiamoci anche le aree pubbliche adibite a parcheggi dai comuni usurai

massimo baccelli 31.07.11 16:49| 
 |
Rispondi al commento

poesiola ermetica:

Il mare,
potrebbe annegare,
in mezzo ai grattacieli.

Bruno Bassi 31 luglio 2011

bruno bassi 31.07.11 12:19| 
 |
Rispondi al commento

"Italiani scelgono sempre piu' mare Slovenia e Croazia
'Viabilita' Italia', aumento transiti a barriera Trieste lisert"


e grazie al ca..o!

bruno bassi 30.07.11 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Se vi piacciono le spiagge libere di Sicilia vi consiglio la Riserva Naturalistica di Vendicari
http://www.oasivendicari.net/generale.htm
Non dovrai nemmeno pulire la spiaggia, non c'è monnezza (anche se pulire una spiaggia è una bella cosa).
p.s. Non ci sono nemmeno i cestini per i rifiuti, volutamente... la spazzatura la porta via chi la produce. Nei paesi del circondario avrai qualche difficoltà perchè in prov. di Siracusa si può gettare la spazzatura solo un'ora prima della raccolta (per non lasciare il tutto a fermentare per un giorno intero, gli orari sono scritti sui cassonetti) alcuni comuni, in via sperimentale hanno tolto i cassonetti per attuare la differenziata 100%, puoi comunque chiedere a qualcuno del paese di consegnarla per te, io faccio così.
Quando vedrai i luoghi capirai perchè vale la pena di sbattersi un po'.

Gaetano 30.07.11 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Davide S., se sei di Andora prova a spostarti fino a San Bartolomeo/Diano Marina per una gita/vacanza al mare...ci sono stata a fine Giugno e ho visto che lungo quel tratto di costa ci sono 2-3 spiagge libere piuttosto grandi. Ho passato lì un weekend e queste aree erano semi vuote (anche se le spiagge attrezzate davano la possibilità di affittare un ombrellone si trattava di pochi turisti). Questa era la situazione in bassa stagione, non so però se e come possa cambiare nei mesi di Luglio e Agosto...
Comunque è vero, nelle zone turistiche di mare è sempre più difficile trovare ancora spiagge libere per le vacanze.

Cristina Nespoli, Carugo Commentatore certificato 29.07.11 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricorda la situazione di Andora (SV) dove le pochissime spiagge libere sono state trasformate in spiagge libere attrezzate, che si sono dunque trasformate in spiagge a pagamento e non trovi nemmeno un buco libero per appoggiare solo un asciugamano. Ma qui la cosa bella è che il Comune ha pensato bene di chiudere l'unica spiaggia libera rimasta esente da queste "attrezzature" con un ordinanza che l'adibisce a "campo solare" (e ne vieta l'entrata ai non autorizzati). Tutto questo solo nei mesi di luglio ed agosto. Perchè l'hanno fatto, dato che tale spiaggia è sempre vuota ? Almeno durante i weekend in cui non c'è mai stato nessuno dentro da quando è partita l'ordinanza, perchè non la liberano? la risposta mi sembra ovvia... Oltre al danno la beffa !

Davide S. 29.07.11 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre amato le spiagge libere, da sempre mi organizzo con ombrellone, telo, termica con cibo e bevande ecc... adoro vedere i cani divertirsi in spiaggia, mettono di buon umore..
a maggior ragione oggi con i prezzi che ci sono per un lettino+ombrellone!
E' verissimo che in riviera al nord non esistono quasi piu', anche nelle marche sono sparse qua' e la, infatti da anni vado in ferie in Sicilia, dove ci sono ancora chilometri e chilometri privi di tutto, anche di un bar, ma basta organizzarsi. Non sono pulite, certo, ma chi fa da se' fa per tre e ci pensiamo noi a pulire il ns spazio e i d'intorni. poi si passeggia sul bagnoasciuga a raccogliere le bottiglie di plastica, sportine ecc... ma sei in ferie, rilassato, e si fa anche
questo...
Comunque la realta' e' che viviamo in un paese incivile, e si vede anche da questo!

simona s., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.07.11 13:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fondiamo il "Comitato di Salute Pubblica" italiano... incazzati al punto giusto lo siamo, allora iniziamo a fare le cose per bene!

Ray Milano Commentatore certificato 29.07.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno scippato tutto,han provato con l'acqua, ma non sono convinta che ci siamo riusciti, tutto ingoia lo Stato per garantire privilegi ai politici e ai privati amici.

tina . Commentatore certificato 29.07.11 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro beppe,
probabilmente i tuoi commenti sulle spiagge sono una caduta di stile e probabilmente prive di conoscenza.
Sicuramente non puoi generalizzare tutta italia non è come le descrivi tu le spiaggie almeno dalle mie parti sono accessibili a tutti, io sto a Pescara e per questo se ti capita di passare dalle mie parti ti invito presso il mio lido e sono disponibile ad ospitarti, tutto a mio spese per una giornata di mare pranzo e cena compresa(bevande esluse hahaha).

cordiali Saluti
Andrea Berardinelli

andrea berardinelli 29.07.11 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo le spiagge libere sono spesso abbandonate e tristi, quelle date in conessione belle pulite e organizzate. Che scelta hai? O fare il turista standard o quello selvaggio senza un minimo di comforts.
Ma ci sono delle spiaggete carine, pulite, libere con un chioschetto; poche ma si trovano. Ecco: ci vuole una via di mezzo. Spiagge libere, con un chioschetto per le bibite o uno snack, un ristorante a 100 metri per chi lo desidera. Ci deve essere spazio per tutti, per chi vuole l'all inclusive 33%, per il selvaggio 33%, e per la via di mezzo 33%. D-E-M-O-C-R-A-Z-I-A

Diego Etcheverry Commentatore certificato 29.07.11 09:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso che lo spettacolo di questi baracconi sul mare, chiamati STABILIMENTI BALNEARI E SPIAGGE ATTREZZATE, sia indecente, chilometri di strutture fatiscenti invadono le spiagge(cabine)e in anni anni si sono moltiplicate.
Le SPIAGGE o i LIDI, si contano ormai sulle dita e spesso sono sporche e poco attrezzate e talvolta difficilmente agibili.
E' notariamente risaputo che sono concessioni demaniali e che scadute le concessioni dovrebberò essere riassegnate tramite concorso pubblico...domanda:avete visto fare qualche concorso dai Comuni?...io no!
Posso anche capire chi svolge un servizio di noleggio sdraio e ombrellone e mette a disposizione dei servizi, a richiesta(come spiagge attrezzate) il chischetto per le bibite qualche bagno, un punto di assistenza...ma le baracche no è uno schifo italiano e basta....

roby f., Livorno Commentatore certificato 29.07.11 08:57| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia è sull'orlo del fallimento ma questo Giugno ho trascorso, sulle sue bellissime spiagge, 14 giorni da favola. La sera cena alla taverna, senza la gabella del "coperto", spendendo 15€ in DUE ! Appartamento sul mare a 30€ al giorno, senza l'angoscia dell'orario di check-out.

Con il mio misero stipendio da dipendente pubblico mi son potuto permettere vacanze da sogno a solo 20ore di viaggio dall'Italia (di cui 16 di nave).

E poi mi dicono: come mai non fai le vacanze in Italia ?

Michele P., Siena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 29.07.11 08:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

abbasso le concessioni demaniali

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 29.07.11 08:26| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto è che i beni comuni sono diventati i beni dei Comuni che possono pure venderserli alla faccia nostra.
E i Comuni sono in mano ai partiti cioè alla burocrazia che sempre più spesso lavora per se stessa o per le varie mafie che la controllano e la "proteggono" mettendo " a disposizione" i voti e i dossier quando serve.
Il popolo viene sfruttato, distratto dai media e soprattutto estromesso dalla vita pubblica attiva.
Hanno ragione le Madri de Plaza de Majo: no votar, no pagar empuestas;
Gandhi aveva capito: potranno avere il nostro cadavere ma non la nostra obbedienza.
E' sulla nostra rassegnazione e sulla nostra paura che contano per fotterci, smettere di temerli e auto-organizzarci nella disobbedienza collettiva senza più dare alcun riconoscimento e alcuna collaborazione, una vera diserzione sociale: questa sarebbe l'unica possibilità di sottrarsi al dominio

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 29.07.11 06:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

l'erosione costiera sempre più veloce ed aggressiva dovuta dall'innalzamento del mare che in questi anni è cresciuto a vista d'occhio, riporterà le cose nella giusta direzzione... ci vuole solo un po' di pazienza! nel frattempo consiglio i prati verdi delle colline.
Saluti

stefano c. Commentatore certificato 29.07.11 02:25| 
 |
Rispondi al commento

Maldetti ci hanno tolto pure il piacere delle spiagge. Dobbiamo assolutamente riprendercele!
Non è possibile che chi ama la spiaggia libera sia costretto in pochi metri quadrati.
BASTA, quello dei bagnini è divenuto un partito trasversale che sa in molti comuni di associazione per delinquere.
Si comportano, in barba alle leggi, come i padroni a casa d'altri riempiendo di cemento gli arenili.
Confermo che in Spagna sembra un sogno in confronto!

Viva il M5S

Marco D.P. 28.07.11 23:59| 
 |
Rispondi al commento

LE CONCESSIONI DEMANIALI DELLE SPIAGGE AI PRIVATI SONO UN'ATTO MEDIOEVALE ED INGIUSTO!

Basta oltreepassare di pochissimo i confini nazionali ed arrivare in Spagna, ad esempio, per rendersi conto che le spiagge sono sempre libere ed accessibili a tutti. Ciò che viene dato in gestione, sono SOLO le sdraio e gli ombrelloni. Di solito il Bar è dato in gestione ad altri. La spiaggia resta comunque di libero accesso a TUTTI!

NELL'ITALIETTA DEGLI INTRALLAZZI E DEGLI INCIUCI,
NELL'ITALIETTA DEI FORTUNATI APPARTENENTI A CASTE E LOBBIES...... tutto è consentito.

AL POPOLINO.....TUTTO E' NEGATO!

Marcos Presti (mba) Commentatore certificato 28.07.11 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Abito pure io a Marina di massa
il problema è che le spiagge libere non esistono piu'.... piano piano sono diventati tutti bagni privati "sono partite come spiagge libere autorizzate..." poi chissà prima un'ombrellone.. poi due.. e poi o prendi il loro o niente spiaggia.. uno schifo.. Marina di Massa e Marina di Carrara fanno schifo... mi basterebbe attraversare la strada per esser al mare.. ma son tutti bagni privati.. è possibile?

Samuele 28.07.11 19:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A volte vorrei che anche le spiaggie riccionesi fossero transennate e video-sorvegliate: d'estate i bagnini le tengono pulite, vero ma nelle -poche- spiagge libere (ossia dove non ci sono bagnini) certe volte...altro che discarica di Acerra! D'inverno poi....

Lucio Domizio (enobarbo) Commentatore certificato 28.07.11 18:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..non vedo come la truffa del trenino centri con il problema della gestione delle concessioni demaniali...e neanche come le cancellate che sono state costruite in alcuni lidi italiani assolutamente illegali debbano decretare la morte anche per quella stragrande maggioranza di concessioni gestite in maniera corretta e rispettosa del turista e delle leggi. Se si vogliono controlli più severi e togliere la concessione a chi non rispetta le regole sono completamenet daccordo..ma sullo sfrattare migliaia di famiglie che da sempre lavorano e gestiscono il demanio favorendo lo sviluppo del turismo italiano e tutelando le spiagge e i loro utilizzatori garantendo pulizia e sicurezza in mare proprio non sono daccordo..saluti.

Luca Maccarone 28.07.11 17:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LO stato (cioè la politica) concede ad alcuni privati (e chissà mai che non siano sempre gli amici degli amici) un bene della comunità per fare soldi a palate (infatti i canoni delle concessioni sono irrisori) sulle spalle della cittadinanza (ancora una volta)....SEMPRE IL SOLITO GIOCHETTO!

GIUSEPPE F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.07.11 17:04| 
 |
Rispondi al commento

...per risolvere il problema ,basterebbe un piccolo tzunami e il gioco è fatto!!!!!!

daniele betti 28.07.11 16:53| 
 |
Rispondi al commento

Prendete i vostri dirigenti e seguite l'esempio islandese o parmense...

Buttateli in mare!

Diego Rossi 28.07.11 16:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Siete dei patetici vigliacchi, e smettetela di piangervi sempre addoso, alzate il culo dalla sedia e fate qualcosa. Fanno bene se vi privatizzano anche l'aria cosi vi svegliate un po'. Che idioti.

William Giachetti 28.07.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....domenica ero a marina di massa in zona partaccia,con mia moglie e la bambina abbiamo deciso in serata di recarci in centro ma a piedi era un po' lontano...prendiamo il trenino?perfetto!...peccato che come saliamo il "cocchiere"(di chiarissime origini meridionali) ha avuto il coraggio di chiedere la somma di 20euro xun tragitto di circa 4\5km.a quel punto io e mia moglie ci siamo guardati in faccia e abbiamo consegnato le 20euro e ci siamo detti:INDIETRO CI TORNIAMO A PIEDI!...l'omino xo ci consegna un bigliettino dove c'e scritto che la corsa costa 1euro!io chiedo spiegazioni e mi sento rispondere...SE VUOI E COSI SE NO PUOI SCENDERE MA NON PENSARE CHE TI RENDA I SOLDI!!!
a quel punto mi sono rivolto ad un vigile in centro che per tutta risposta mi ha detto:che ci vuoi fare...e il sistema!!!
se lo sapevo andavo direttamente a reggio calabria,almeno ero preparato!

francesco 28.07.11 16:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'accesso alle spiagge e' libero, ma sempre per legge e' vietato la notte e con i cani...per legge...non per decisione dei concessionari degli stabilimenti.

La totale anrchia porta agli estremi : in romagna...accesso libero spiagge libere come per legge ogni tot metri.

A roma...accesso impossibile e nessumna spiaggia libera...e nelle poche che ci sono affitta ombrelloni abusivi ne occupano di fatto una buona parte.

Basterebbe far rispettare le leggi esistenti e non si arriverebbe a questi assurdi.

Ma liberare le spiageg dagli stabilimenti vorrebbe dire ...spiagge piene di vetri lattine conchigle escrementi di cani, chiazze di petrolio, alberi....che nessuno mai pulira'..se a voi piacciono queste spiagge per pasare un fine settimana al mare...lungo il litorale pugliese se ne trovano ancora.

Massimiliano P., Bologna Commentatore certificato 28.07.11 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Povera Terra Nostra... l'unica cosa che è rimasta da fare, è portare il M5S oltre il 50% nazionale!
AMEN

Maurizio Colella 28.07.11 16:22| 
 |
Rispondi al commento

confermo, quoto e rilancio dalla costa adriatica!
ho trascorso le vacanze su spiagge bellissime sul mar baltico: pulite, spaziose, accoglienti, organizzatissime ma semplici e razionali: insomma il contrario delle nostre: formentera ahahahahaha

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.07.11 16:04| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori