Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Sassi valsusini

  • 46


No_Tav_cavalcavia.jpg
"Valsusa - Alcuni esponenti delle forze dell'ordine lanciano sulla gente sotto al cavalcavia dell'autostrada sassi, proiettili di lacrimogeni vuoti e lacrimogeni rischiando il morto. Intanto il ministro dell'Interno, condannato nel 2004 dalla Cassazione per avere morso la caviglia di un poliziotto durante una perquisizione alla sede del suo partito, sostiene che tra i manifestanti ci fossero terroristi da processare per tentato omicidio." testo da YouTube

5 Lug 2011, 21:58 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 46


Tags: Maroni, No Tav, Polizia, Val di Susa

Commenti

 

La Valle di Susa è un esempio di ricomposizione sociale spontanea di esseri umani reali, oltre lo spappolamento etnico e culturale operato internazionalmente dalla cultura alienante del capitalismo planetario. Questo ritorno al locale con uno sguardo planetario è una resistenza all’acculturazione generalizzata di una civiltà produttivistica cui si oppongono ormai esplicitamente tutti i dannati della terra in vertiginoso aumento: dai campesinos senza terra del Brasile o dell’India agli zapatisti del Chiapas e altri resistenti di un Messico in mano alle mafie della droga e al solito Stato, altrettanto corrotto a Mexico City che in qualunque altra parte del mondo, a Tokio, a Washington, a Pechino, a Roma, a Londra, a Mosca, a Teheran o Tripoli…

http://barraventopensiero.blogspot.com/2011/07/valle-di-susa-e-little-big-horn.html

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 09.07.11 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ma xkè 'ste teste gloriose non le mandano in guerra visto ke ne sentono la necessità?
per teste gloriose intendo le persone di entambre le parti. non capisco xkè la gente si scorda che viviamo in un paese in teoria civile ma noi dovremmo renderlo tale

fasano giovanna 08.07.11 15:39| 
 |
Rispondi al commento

VIOLENZA DI STATO DI UNO STATO DI POLIZIA!

Saverio Mauro Tassi, Milano Commentatore certificato 07.07.11 15:01| 
 |
Rispondi al commento

allora,
il problema è che ci troviamo di fronte , non solo in italia, ai prodromi di una guerra civile.
in italia, a dire il vero, questa guerra va avanti in forme ed intensità variabili dal 1921-22.
Vi consiglio di leggere uno straordinario libro "Il nemico interno" di Cesare Bermani.Oggi che il regime post-guerra fredda italiano ha toccato il fondo, la repressione si ripresenta violentissima e capillare.Il default italiano (europeo?) prossimo venturo sarà la miccia di una ripresa generale della lotta di classe in tutta europa, vedi Grecia, tanto per fare l'esempio piu' ovvio.
Chiaro è che la forma di resistenza piu' efficace rimane la disobbedienza civile, la non-violenza perchè lo stato rimane , ad oggi, enormemente armato e "cattivo".La situazione italiana è radicalmente cambiata dall'autunno 2010 con le lotte nel mondo universitario dove si è vista la disponibilità di decine di migliaia di persone ( giovani in gran parte )di lottare e di rischiare in prima persona come non si vedeva da almeno 30 anni.Il 14 dicembre 2010 rimane una data importante.Poi arrivano le elezioni amministrative il referendum del 12 giugno: larghi, larghissimi strati della società italiana si sono rotti i coglioni dello stato di cose del loro Paese.
Credo che siamo all'inizio di tempi davvero interessanti, ma occhio! perchè lorsignori sono cattivi, molto cattivi e lo hanno ampiamente mostrato in passato.
ah! dimenticavo
massima solidarietà a chilotta contro la tav.
saluti

antonio 06.07.11 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Oltre 200 i feriti tra le forze dell'ordine, oggetto di sassaiole e di lancio di tutto, e ti fissi su un paio di "sfessati" che lanciano 2 o 3 cose!!! Che delusione! Mi piacevi dippiù quando facevi ridere. Adesso fai solo pena.
Francesco trippodo

Paco 06.07.11 19:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra impossibile che non esista per noi cittadini della Repubblica una qualche forma di iniziativa da intraprendere per abbattere il numero dei politici ad ogni livello e i loro costi: leggi di iniziativa popolare o referendum propositivi o qualsivoglia altra utile iniziativa. La stampa poi e i media in generale dovrebbero, se non fossero conniventi, maggiormente porre questa esigenza di moralizzazione: non è possibile andare all'ennesima manovra che introduce nuove tasse e blocca pensioni e stipendi da poco più di 1.200 euro al mese con una "Casta" che non si toglie nemmeno un centesimo dalle tasche per contribuire anche solo simbolicamente al risanamento del Paese. E' solo vergognoso e, in questa vergogna morale, sono assolutamente tutti eguali

Chiara Mente Commentatore certificato 06.07.11 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ma come serpente non era velenoso, quindi il morso alla caviglia non sarebbe stato mortale! come attuale Ministro lo ringraziamo per l'ingresso in Italia di 50.000 tunisini che, con permesso di soggiorno, si sono uniti ad altri 2.000.000 di persone immigrate che sulle spiagge italiane ci vogliono vendere di tutto e/o massaggiarci con una frequenza di proposte di una ogni 30 secondi, direttamente presso i nostri ombrelloni!

Chiara Mente Commentatore certificato 06.07.11 18:17| 
 |
Rispondi al commento

si potrebbe fare un sondaggio se le province sono necessarie ?

franco pasutti 06.07.11 15:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono stufo di questa gente che ci governa e che pensa solo ai fatti propri. Noi consumatori siamo presi per i fondelli e allora bisogna farsi furbi.Perché gli italiani non riescono a fare le cose bene come gli inglesi? Un amico mi ha segnalato www.glance24.com dove si possono comprare occhiali da vista online.
Ero dubbioso e ho ordinato un paio di occhiali molto semplici per mia madre che soffre di una lieve miopia.
Poi visto che gli occhiali che mi sono arrivati a casa erano perfetti e costavano meno della metà che dai ottici.Ho ordinato un paio per me progressivi e fotocromatici. Ricevuti in 10 giorni, perfetti e a buon prezzo.


Da quando in qua è un male lanciare sassi? Se si può da un verso, si può anche dall'altro.

simone olivieri 06.07.11 13:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Maroni,Chi sono i delinquenti? Noi lo appiamo. Lei fa orecchio da mercante?

mariuccia rollo 06.07.11 12:23| 
 |
Rispondi al commento

che eroi... veramente... hanno cercato in tutti i modi di evitare il conflitto... e c'e ancora chi ha il coraggio di dire che hanno iniziato l'oro... veramente eroi, un plauso alle forze dell'orine.
ps:. gia quasi dimenticavo... peccato peroche io c'ero, e ho visto benissimo come sono andate le cose !!!

massimiliano girardi 06.07.11 12:12| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=W31TyClM2Fs

Giovanni Favia 06.07.11 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che contro questi poteri di stato ti fanno passare sempre dalla parte del torto.L'unica cosa che possiamo fare è resistere senza mai arrendersi e alle prossime elezioni andare a votare e ricordarsi di cosa stanno facendo al nostro popolo e al nostro territorio,perche probabilmente non hanno capito che il popolo è sovrano non loro....

lorenzo olivieri 06.07.11 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Guardate che in ogni stato dove si forma un movimento o un gruppo di cittadini che contesta il governo e il sistema attuale e per disperazione è costretto a ricorrere alla violenza, come quelli che son stati definiti black block, da sempre vengono etichettati come criminali e perseguitati.
Visto che qualcuno ha parlato dei partigiani, anche loro inizialmente erano cittadini che "contestavano", poi sono stati costretti a ricorrere alle armi, noi oggi li chiamiamo eroi, ma solo perchè riuscirno a farcela, altrementi la storia li avrebbe dipinti come terroristi.

Quindi coloro che combattono contro il TAV, sono veramente criminali??? O è lo stato criminale?

Per me rimangono degli eroi, perchè lottano per un loro diritto contro chi vuole imporre con la forza le proprie decisioni.

E' l'ora di farla finita di fare gli equilibristi, è venuto il momento di prendere una posizione. Le mezze misure sono adatte ai politicanti.

David C., Pistoia Commentatore certificato 06.07.11 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Solo un commento ai sassi tirati dalle forze dell'ordine (insieme agli spari dei lacrimogeni ad altezza uomo)....
Maroni parla di tentato omicidio dei manifestanti nel rispondere alla violenza della poliza ma le azioni delle forze dell'ordine contro inermi cittadini non sono tentato omicidio??

giulia maria pognant 06.07.11 11:12| 
 |
Rispondi al commento

BRACCIANO, ANCORA RINVII A GIUDIZIO PER LE
NUMEROSE PRESUNTE ILLEGALITÀ EDILIZIE
Bracciano, 6 luglio 2011: Il Tribunale di Civitavecchia ieri ha rinviato a giudizio i responsabili di uno dei cantieri già sigillati dalla Procura della Repubblica alcuni mesi fa. Riguarda il Capo dell’Area Tecnica del Comune ing. Luigi di Matteo (è il secondo rinvio a giudizio a distanza di pochi giorni), del direttore dei lavori geom. Marco Sborzacchi, e del proprietario Tommaso Gullà. Si tratta del previsto negozio di piastrelle con garage e rimessa barche (via del Lago 12) autorizzato dal Comune e per il quale è stata sbancata la collina e deturpato il paesaggio in zona vincolata, sotto al belvedere dell’antica chiesa del Riposo e sotto al castello Odescalchi.

L’8 giugno scorso hanno subito la stessa sorte il sindaco di Bracciano Giuliano Sala con l’assessore all’Urbanistica Maurizio Capparella (abuso d’ufficio) e l’ex vicesindaco, oggi assessore al Bilancio, ing. Liberato Cavini (tentata concussione) all’epoca consigliere. Questo caso riguarda invece la lottizzazione della Lobbra.

Grazie agli esposti e alle denunce alla Procura della Repubblica sottoscritti da associazioni locali e da molti cittadini nell’ottobre scorso, pochi mesi fa sono stati sigillati tre cantieri, mentre altri sono tuttora oggetto di indagine.

Nonostante il Comune risulti parte offesa la cittadinanza non è rappresentata dalle istituzioni che avrebbero dovuto costituirsi parte civile.
Anzi, alcuni cittadini sono stati denunciati dalla giunta comunale per aver partecipato all’inchiesta di RAINEWS che si occupò dello scandalo urbanistico di Bracciano nel gennaio scorso. A tre cittadini e a RAINEWS, accusati di “aver diffamato il buon nome di Bracciano”, viene richiesto un risarcimento di 3 milioni di euro in sede civile (udienza a Roma il 18 gennaio 2012).
Fa piacere constatare che la magistratura sta confermando il contenuto del servizio televisivo, mentre l’amministrazione pubblica cerca d

Fiorenza Rossetto 06.07.11 11:05| 
 |
Rispondi al commento

e shoccante.. ma perchè la polizia non si ribella a certi ordini?? va bene fare il proprio dovere ma qui mi sembra che ci sia voglia di impegnare il tempo in qualche modo.. ma soprattutto chi li sguinzaglia a questi?? certo loro pensano agli stipendi da fame.. che non possono perdere per non saltare la rata della macchina.. certo loro devono farlo perchè lo dice un condannato alla poltrona in via definitiva!! ma il loro dovere non era servire e proteggere? dovrebbero spiegare allora chi servono e chi proteggono almeno ci si leva il pensiero!! saluti..

Domenico Granato, Cardito Commentatore certificato 06.07.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Analogia in Birmania
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/05/ex-birmania-il-potere-in-mani-civili-ma-la-repressione-resta-in-cima-alle-priorita/141507/

Ex Birmania, il potere in mani “civili” ma la repressione resta in cima alle priorità
“…Quello che è cambiato negli ultimi anni – ed è il fattore destinato a riaccendere i conflitti – è la politica del governo centrale, che ha avviato un vasto piano di progetti di sviluppo e grandi interventi infrastrutturali nei territori di confine, grazie ad accordi con imprese multinazionali. Il piano, che mira a sfruttare le risorse naturali, a incentivare il turismo e l’industria, è destinato ad avere un forte impatto sui territori abitati dalle minoranze etniche, in termini di insediamenti umani e di modifiche del territorio. Il casus belli per scatenare la guerra ai kachin è stata, di fatti, la costruzione di una diga e di una centrale idroelettrica che sommergerebbe villaggi e terreni, per fornire energia alla popolazione cinese oltre confine…“

Nicola Ulivieri, www.nicolaulivieri.com Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.07.11 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Chiedevo un suo commento sull'astensione del PD alle votazione per l'abolizione delle provincie, vorrei tanto un appuntamento con il presidente del consiglio per fargli delle domande esiste questa possibilità?

eugenia pelizza 06.07.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

secondo me tra i leghisti quel "marrone" è il piu normale di tutti.

Figuriamoci gli altri!

PS: un nuomo completamente sano di mente non credo che possa rimanere dentro la lega troppo a lungo.

bruno bassi 06.07.11 04:09| 
 |
Rispondi al commento

GLI EROI CARO GRILLO SONO QUELLI CHE HANNO DATO LA VITA PER LA PATRIA,PER LA GIUSTIZIA E PER LA LIBERTA'E NON CERTAMENTE QUEI PAZZI CRIMINALI CHE CON PIETRE,SASSI E BOMBE CARTA HANNO FERITO 200 POLIZIOTTIIN VAL SUSA .DEVI AVERE PIU' RISPETTO PER I NOSTRI EROI CHE CON IL LORO SACRIFICIO HANNO PERMESSO ANCHE A TE COME TUTTI NOI DI VIVERE IN UN'ITALIA LIBERA E DEMOCRATICA.E SOPRATTUTTO NON ISTIGARE ALLA VIOLENZA!!!

giulio cesare tobaldi 06.07.11 01:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se questo branco di sfigati rappresenta "il meglio" che il ministero dell'interno ha saputo mandare in Val di Susa e se come credo è della stessa pasta dei nostri "contingenti di pace" in Afghanistan non c'è da meravigliarsi troppo che i Talebani prendano a calci nelle palle le forze armate italiane da dieci anni come e quando vogliono...

Christian Rosenkranz Commentatore certificato 06.07.11 00:52| 
 |
Rispondi al commento

Il Sistema ora è davvero alle corde, l'utilizzo della forza in quel mondo e le menzogne dei media mainstream sull'accaduto sono stati un boomerang clamoroso e hanno dato la misura, anche a chi fingeva di non vedere, di quanto esso sia odioso, schifoso, ingiusto, intollerabile.

Christian Rosenkranz Commentatore certificato 06.07.11 00:45| 
 |
Rispondi al commento

si dice che la vendetta e sbagliato
ma se non esiste la giustizia anche la vendetta diventa un atto di giustizia

per il classico detto ..
..NON FARE A ME QUELLO CHE IO FACCIO A TE..

tra il fatto che i black block con la
questione notav non c entrano nulla

sembrano esserci solo per fare casino
OPPURE SU DIRETTA RICHIESTA DA PARTE DELLE FORZE DEL ORDINE SOLO PER
...DIMOSTRARE CHE IL,,,, NOTAV E FATTO DA ESTREMISTI
(se domani scopriremo che erano agenti di polizia trasvestiti da black block con l
unico scopo di CRIMINALIZZARE IL MOVIMENTO CIVILE (che fino a adesso LE HA PRESE DI MANGANELLATE IN TESTA )
NON MI MERAVIGLEREI PIU DI TANTO...
sarebbe troppo bello da crederci...
comunque io non condividuo tutte queste lamentele per gli incidenti
anzi spero che il notav abbai imparato la lezione e spero che la prossima volta ci
mandino almeno il doppio di agenti al ospedale
e poi il triplo .. e poi il quadrupplo...
CHE IMPARINO ANCHE LORO LA LEZIONE

CHI DI MANGANELLO FERISCE ...
DI MANGANELLO PERISCE

di sicuro sputerei in faccia al primo che si lamenta del fatto che gli agenti sono poco pagati per il loro pericoloso mestiere
di sicuro non siamo noi con le nostre
tasse CHE DOVREMMO PAGARCI IL LORO
MENSILE DATO CHE LAVORANO CONTRO DI NOI
DA SEMPRE

SI FACCIANO PAGARE DAI LORO VERI DATORI DI LAVORO

stefano b., rovato Commentatore certificato 05.07.11 23:49| 
 |
Rispondi al commento

NEL SILENZIO CI HANNO SBATTUTO FUORI CASA
http://www.youreporter.it/foto_Afragola_Abbattimenti_abusivi_con_cariche_su_cittadini_1

Filius Mundum Commentatore certificato 05.07.11 23:44| 
 |
Rispondi al commento

I black bloc si nascondono dentro certo forze dell' "ordine".
Nota bene, non è un caso, la più grave sospensione dei diritti civili in uno Stato "democratico" occidentale si è avuta in Italia durante i fatti del G8 di Genova; scuole medie DIAZ e lager della polizia a Bolzaneto dove persone sono state sottoposte a vere e proprie torrture. Dal G8 di Genova in poi le forze di "polizia" sono sempre intervenute duramente contro manifestazioni di protesta. Il tutto sotto la dittatura del PLURINDAGATO P2ista berlusconi e della sua banda di malfattori. Sta arrivandoil giorno che sarà presentato loro il conto con gli interessi. Sbirri macchiatisi di torture e omicidi compresi.

dr. Jekill 05.07.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se il presidente Napolitano l'ha visto. Ma chissà che gli avranno raccontato. Squadristi.

mario massini, roma Commentatore certificato 05.07.11 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono sicuro di aver visto con le mie orecchie e sentito con i miei occhi che tra quei delinquenti che si opponevano alle forze dell'ordine in valle susa c'erano dei seguaci di AL QUAEDA con zainetti riempiti di esplosivo. Li ho sentiti parlare in arabo. Diffondetelo alle agenzie di stampa.

A R pazzo 05.07.11 22:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo i Black Bloc, ecco arrivare sul mercato i BLUE BLOC!!!

Mauro A. Commentatore certificato 05.07.11 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Stupratori della democrazia e dello Stato Italiano...

GIUSEPPE F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.07.11 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Siamo alle solite, regna l' impunità in quanto protetti dall' anonimato.

Con un bel simbolo di riconoscimento sulla divisa da lupi diventerebbero immediatamente agnellini (e magari difenderebbero i cittadini).

l antidemagogo Commentatore certificato 05.07.11 22:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

........A parer mio i NO TAV così decisi e spartani dovrebbero imparare un po dai GRILLINI molto più pungenti ed efficaci ed allargare un po’ le vedute su quello che di positivo si potrebbe fare in valle.
Io credo che a questo punto sarebbe più utile continuare a diffondere la vera informazione attraverso qualsiasi canale alternativo e monitorare h24 le operazioni nel cantiere della Maddalena ormai aperto.
Monitorare legalmente tutto ciò che si muove, se si rispettano le normative e se i subappalti che ci lavorano rispettano la legge ( visto che solo per la recinzione pare siano già stati distribuite cifre da capogiro ai ben noti appaltatori….)
Sappiamo che tutto quello che ruota attorno a quest’opera è marcio, non ci resta che raccogliere le prove e procedere come si conviene in un paese civile. Fare a botte con i poliziotti non serve; loro sono chiamati a svolgere il loro compito e devono obbedire agli ordini; quindi noi obbedendo al nostro credo svolgiamo il nostro dovere....
Marco.

Marco Solavaggione 05.07.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

...o ma ancora poliziotti che insistono con questi atti di vandalismo, no gli è bastata la lezione di genova, vi hanno già arrestato una volta al g8 ricordate????

..siete proprio dei galeotti di partito con la divisa...
altro che forze di Stato, in galera!

Vergogna!

Acul utopiA Commentatore certificato 05.07.11 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Per cosa li paghiamo questi tutori dell'ordine? Chi sono davvero gli eversivi? Spaccare il setto nasale a gente inerme, spaccargli un manganello in testa, minacciare di morte, insultarli, sputargli adosso, pisciargli adosso e naturalmente questo anche quando ormai sei amnanettato in centrale, e' questo rientra nelle prerogative delle forze dell'ordine?? E anche quando vengono identificati la passano liscia...
Poi quando adesso fanno anche i troll sui vari blog, nascosti dietro i loro nick a giustificare quello che non eè moralmente giustificabile. Incredibile. Anche se si sta facendo passare il problema in Val di Susa come un problema di ordine pubblico e non di politica...certe cose ti fanno pensare se veramente non siamo sotto una dittatura!

Istevene A Commentatore certificato 05.07.11 22:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori