Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Cittadini speciali


Sicilia_autonoma.jpg
Nelle Regioni speciali vivono cittadini speciali che godono di agevolazioni pubbliche speciali.
"Una domanda semplice e diretta: perchè le regioni a statuto speciale esistono ancora? Ci sono oggi i presupposti? Non siamo tutti uguali, non siamo ancora tutti italiani nel 2011?". Alessandro Serafini

10 Ago 2011, 19:33 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Nel programma dovrebbe esserci anche l'abolizione
delle regioni a statuto speciale.
La costituzione i cittadini sono tutti uguali davanti alla legge.Allora le regioni a statuto speciale sono di serie A e noi di serie B.
Questa legge deve essere cambiata.

Paolo.T Commentatore certificato 13.01.13 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Giò, regioni a statuto speciale!!...ma a che caxxo servono???....via tutte le province...accorpamento dei comuni sotto una certa soglia e io penserei anche di accorpare alcune regioni che non hanno senso di esistere se non per i ladri che si fottono gli stipendi!!....il 10 settembre si avvicina e loro non si rendono nemmeno conto di quello che accadrà.

Antonio 15.08.11 20:52| 
 |
Rispondi al commento

E tutto sto schifo solo in Sicilia. Figuriamoci che cosa combinano in tutta Italia. Poi dobbiamo fare sacrifici noi per evitare un default, che con questi presupposti, è inevitabile. Stendiamo un velo pietoso.....anzi.... Svegliamoci!!!!!!

Ismaele lombardo 12.08.11 19:44| 
 |
Rispondi al commento

Non ne vogliono sapere di chiudere i Comuni sotto i 5000 abitanti e le Provincie..e tutti gli enti inventanti..consorzi di bonifica, fiumi e fossi,catasto,ato,hanno già messo le mani avanti...
s'appellano alla costituzione...non c'è alternativa bisogna buttarli fuori a pedate nel culo...ormai hanno troppe mani in pasta,troppi feudi,troppi interessi...troppi compagni di merende...da mantenere.
Non si fermeranno mai, per questo occorre ormai un'atto di forza...(i dipendenti non devono temere nulla!!!)quelli che vogliamo cacciare sono i politici e i loro affari legati al potere!!!.

roby f., Livorno Commentatore certificato 12.08.11 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Non ci prendano per il culo...le agevolazioni ci sono e ne avanzano...state boni... a partire dalle rappresentanza in parlamento...via!!!...

roby f., Livorno Commentatore certificato 12.08.11 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Voglio rispondere a chi affermato che la Sicilia trattiene il 100% del gettito fiscale.

Parlo per la Sicilia, perché non mi permetto di parlare sulle altre regioni a statuto speciale di cui non conosco la situazione. Sottolineo un concetto che è poco chiaro agli italiani ed anche ai siciliani: la Sicilia è uno Stato confederato con l'italia (con il più vecchio parlmento al mondo 1097), il nostro Statuto non è una concessione, è più vecchio della costituzione italiana e per esigenze di politiche internazionale dopo aspro conflitto lo stato siciliano si è confederato sulla base dello statuto all'Italia. Il problema è che la Repubblica Italiana non ha rispettato il trattato, grazie ai rappresentanti politici siciliani che si sono venduti per piccoli e biechi favoritismi a scapito del futuro della loro terra.

Ritornando sul 100% del gettito fiscale...
Innanzitutto, la Sicilia non trattiene un bel nulla perché non ha un sistema di riscossioni proprio, un omologo "dell'agenzia dell'entrate" per intenderci i soldi vanno a roma e da roma scendono giù. Quindi le tasse irpef ed ires le incassa lo stato compresa l'addizionale e poi scende meno di quanto prodotto.
E poi di quale tasse parliamo? Le accise sulla benzina, sui tabacchi, sull'estrazione di minerali, sulla raffinazione di petrolio, sul gioco e l'iva vengono incassate dallo stato.

In Sicilia, si estrae la maggioranza del petrolio e si raffina la maggioranza del carburante e passa il gasdotto libico. Il risultato di questo grande contributo alla nazione viene ricompensato con: inquinamento, accise allo Stato e il più alto prezzo di carburanti ed energia in Italia.

Non possiamo avere un Casinò, perché altrimenti saremmo troppo pericolosi per gli affari di San Remo,Venezia e Campione d'Italia.

Con questo cosa voglio dire: dividiamoci! Dateci quello che c'è stato saccheggiato durante l'occupazione dalle casse del banco di sicilia e pagateci i danni per le politiche coloniali

TiempoLibre WebZine 11.08.11 23:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Alessandro, come mai ti vengono in mente queste domande!
Strano che ultimamente il Trentino Alto Adige venga tirato in ballo così spesso.Concordo con te che siamo tutti uguali ma allora come mai che se da noi si sta cosi bene il governo non ci ha preso ad esempio e modello senza che leghisti e affini si spaccassero la testa per fare una riforma federalista.In realtà conta poco essere autonomi se poi le cose non si riesce a farle funzionare.Il federalismo è una parola VUOTA se non viene affiancato dalla responsabilità, comunque non tutto funziona alla perfezione, anche da noi ci sono dei problemi da risolvere.

Moreno Bettega, trento Commentatore certificato 11.08.11 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono diversi i motivi storici, sociali ed economici per cui vennero istituiti gli statuti speciali principalmente nel '46 e nel' 48. Dopo vennero Friuli-Venezia Giulia nel'63 e Trentino-Alto Adige nel' 72.

Sardegna e Sicilia per via dei danni subiti durante la guerra e dei pesanti bombardamenti, l’acuirsi di fenomeni quali banditismo e consorteria in Sicilia (evolutasi poi in mafia) e dei movimenti separatisti, le spinte autonomistiche e indipendentistiche. Si sarebbe forse altrimenti rischiata una situazione simile a quella dell'Eire anche se per altri motivi.

Il Friuli Venezia Giulia per incentivare lo sviluppo delle zone e compensare i nuovi confini tra Italia e Jugoslavia con Trieste divisa fra i due stati.

La Valle d'Aosta per proteggere la minoranza francofona, il Trentino-Alto Adige, per la tutela dei germanofoni, per una pacifica convivenza delle diverse etnie dopo una forzata italianizzazione delle regioni.

Se siano ancora legittimi i motivi originali non saprei dirlo, alcuni sostengono si tratti di sperequazione, ma la diversitá di trattamento ha avuto un fondamento all'origine.

Lo statuto speciale garantisce una particolare forma di autonomia, ciò è tangibile nell'autonomia impositiva. Il Friuli-Venezia Giulia trattiene per sé il 60% della maggior parte dei tributi riscossi nel territorio regionale, la Sardegna il 70%, Valle d'Aosta e Trentino-Alto Adige il 90%, la Sicilia il 100% delle imposte. Tali regioni dispongono di notevoli poteri legislativi e amministrativi, come nei settori scuola, sanità, infrastrutture e di conseguenza debbono provvedere al relativo finanziamento principalmente con le proprie risorse, mentre nelle regioni a statuto ordinario le spese sono principalmente a carico dello stato.

Pippilotta Långstrump, Stoccolma Commentatore certificato 11.08.11 18:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FVG: i miei Nonni, abitando sempre nello stesso posto son nati austriaci, vissuti italiani...quasi diventati Iugoslavi.
Ovvero dopo che l'italia ha perso la II guerra mondiale l'effetto "terra terra" è che le province di Gorizia e trieste han perso l'80% del territorio; e di chie erano quelle terre?..beh sappiate che erano di qualcuno (tra cui i miei nonni) che han pagato la sconfitta perdendo ettari ed ettari di campi.
Ovvero la sconfitta è stata finanziata anche da quaste 2 province ecco perchè è giusto siano a statuto speciale.
Considerate che molta gente è ancora viva e vivo il ricordo (e non solo) di tutto quello che hanno perso e non è mai stato risarcito ovviamente.
Discorso "simile" per il Trentino Alto Adige.
Sicilia e Sardegna e Valle d'Aosta...mah...

fazaa 11.08.11 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno di voi vive in una regione a statuto speciale? Io si, vivo in Friuli Venezia Giulia, e col cazzo che siamo cittadini speciali. Venite qui a vedere come si vive. Qui si mandano i soldi a Roma, come tutte le altre regioni e non torna indietro una sega. A Trieste c'è il porto, L'UNICO PORTO FRANCO ANCORA RIMASTO IN ITALIA. Per rendere l'idea i porti franchi in Europa sono il fiore all'occhiello per occupazione e traffico delle merci. A Trieste si aspettano i soldi per mettere in moto il porto e dare lavoro alla gente, e invece da Roma sembra che si voglia lasciar tutto morire: la classe politica non si interessa, non gliene importa se la gente qui vuole lavorare. Loro incassano e basta! Qui più che trattamento, l'unica cosa ad essere speciale è l'inculata!

Andrea Lorenzoni 11.08.11 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno di voi vive in una Regione Autonoma a Statuto Speciale? Io si. In Sardegna. Venite a vedere se gli abitanti delle Regioni Autonome sono "cittadini speciali che godono di agevolazioni pubbliche speciali". Venite! Siamo trattati come colonie, piedi in testa e zitti. L'unico problema con l'autonomia è che è FASULLA!

Pierangelo Tendas, Tempio Pausania (OT) Commentatore certificato 11.08.11 12:52| 
 |
Rispondi al commento


Concordo pienamente con quanto scritto dal sig.Nicola che ha postato alle 11.29 e con l'amico siciliano che ha postato alle 3.33 l'11.08; ringraziandoli per il loro intervento.
Non mi ripeto ed invito i visitatori del blog a leggere i loro commenti.

Antonio Russo 11.08.11 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma se anzichè accorpare si andasse nella direzione opposte, come vorrebbe la lega??!!? In questi giorni ci dovremmorendere conto di quanto la globalizzazione e l'europeizzazione siano fallimentari. Secondo me meglio spezzare che unire..

Nicola Ravaioli 11.08.11 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con l'amico siciliano. Gli stessi fenomeni con i dovuti distinguo sono accaduti in Sardegna. Il Nord industriale si è arricchitto a scapito dello sfruttamento e della spoliazione dei beni del Meridione e delle Isole. La politica economica nazionale ha sempre favorito una classe borghese industriale incentrata al Nord a scapito dell'economia agraria del Sud e agropastorale nel caso della Sardegna (cosi come sostiene Antonio Gramsci nell'analisi della Questione Meridionale). Non volete le regioni a statuto speciale? Benissimo, nemmeno noi le vogliamo. Vogliamo solamente il diritto all'autodeterminazione che spetta a qualsiasi popolo con una propria terra, una propria cultura e una propria storia. In questo modo saremo tutti più contenti, voi vi liberereste di questi carrozzoni mangiasoldi che sono le regioni a statuto speciale e noi ci libereremmo di uno stato colonizzatore che da 150 anni blocca qualsiasi possibilità di sviluppo che possa toccare gli interessi costituiti delle regioni del Nord.

nicola 11.08.11 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

perché non possiamo essere tutti speciali?
perché ci deve essere sempre gente più uguale degli altri?

Gabriele L. 11.08.11 09:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma negl'ultimi 20 chi ha governato ? Berlusconi
ma chi l'ha votato ? gli italini
prima di lui chi governava ed'è dovuto scappare in Tunisia ? Craxi che del resto ha creato il debito pubblico, quel debito che sembra comparso dal nulla, mente molti gridavano da anni che l'Italia aveva il cancro, ma gli italiani dormienti sembravano sordi. Ora il cancro è in metastasi, mentre prima sarebbe bastato una piccola operazione
e chi c'era dietro a Crazzi ? Berlusconi
Quindi se l'Italia è nella merda è colpa di tutti gli italiani creduloni e che non s'informano è che lo hanno sostenuto e per me ancora più colpevoli sono gli italiani indifferenti, il 40%, che si lamentano e poi non vanno a votare, questi dovrebbero semplicemente stare zitti ... poi tutti che dicono che non ci sono alternative e appena si presenta un partito nuovo con buone idee non lo votano "per non disperdere i voti" dicono loro ... non disperdiamo i voti e sono 50 anni che ci troviamo governati da Berlusconi in modo diretto o indiretto che sia e adesso come buoni italini ci lamentiamo, ma se ha sempre fatto i cazzi suoi in modo evidente e da subito ha ammesso di essere entrato in politica per i suoi interessi, ma gli italini sono sordi e basta dirgli che non è vero e loro come pirla gli credono, ... una volta uno rispose che lo votava perchè parlava bene ... si a uno basta che gli venga detto che gli toglie le tasse e poi le raddoppia gli basta siamo proprio dei poveretti ... comunque io credo che quando un popolo è diventato uno zombi indifferente merita e gli fa bene una vera crisi, perchè è l'unico modo per svegliarlo e per ridare vita al popolo zombi, anche se la scozza della vita farà molto male, ma se nessuno ferma il male e tutti sono indifferenti e banalizzano il male questo primo o poi richiede il sangue che gli aspetta per il terpore che ci ha "donato"

Matteo Pietri Commentatore certificato 11.08.11 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Parlo per la Sicilia, un parere informale non ricomprendo alcun incarico istituzionale, sono solo un semplice appassionato conoscitore della storia siciliana.
Innanzitutto, l'Assemblea Regionale Siciliana è il più antico parlamento al mondo 1097 e si riunì nella sede attuale cioè Palazzo dei Normanni nel 1130. Mi pare quindi, più che meritato dal prestigio storico e dalla tradizione rappresentativa dell'assemblea, il titolo di onorevoli per coloro che in nome del popolo siedono in quella prestigiosa assise.
Qualcuno ha affermato che è un ricatto storico quello dello statuto speciale, io dirò di più: tutto il sistema clientelare è un ricatto storico per la spoliazione del territorio siciliano di tutte le ricchezze (Banco di Sicilia) di tutte gli asset strategici e di un mercato di sbocco importante per le merci; a seguito della conquista degli invasori piemontesi.
Il modello di sviluppo italiano è stato basato su una spoliazione del sud, per fare investimenti produttivi al nord, e fare del sud un grande mercato di sbocco dove il controllo del territorio veniva mantenuto attraverso la malavita.
L'Italia unificata ha fatto del sud quello che è oggi, con i suoi sprechi, con le sue clientele e distruggendo attraverso i sistemi degli aiuti a pioggia, qualsiasi possibilità di costruzioni di una classe industriale.
L'Italia repubblicana ha cercato di mettere una pezza stando attenda a dare i veri mezzi per uno sviluppo, effettuando una politica assistenziale e di investimenti a pioggia che hanno avuto l'obiettivo quello di tarpare le ali a qualsiasi speranza di sviluppo, per proteggere il nord "produttivo".
I veri investimenti, quelli sulle infrastrutture non ci sono stati, la Sicilia nel 2011 è: senza treni, sena autostrade, senza porti commerciali, senza aeroporti (abbiamo tre aeroporti inutilizzabili visto che uno è militare e gli altri due insicuri)... senza collegamenti navali e con una macchina amministrativa strapiena di incompetenti


la lombardia non è a statuto speciale ma stai tranquillo che di sprechi e di gente che mangia c'è nè una montagna,il fatto è che oggi è solo la politica che crea nuovi posti di lavoro.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 11.08.11 00:26| 
 |
Rispondi al commento

...veramente credete che se tutte le regioni fossero a statuto speciale le cose andrebbero meglio per tutti??...basta guardare la differenza tra sicilia-sardegna e trentino-altoadige....ma anche al contrario...pensate che il trentino-altoadige diventi terzo mondo se gli togliete l'autonomia??!!...pensate che qua siamo tutti ricchi??...che la gente campa alla grande??...

POSSIBILE CHE LA GENTE NON ABBIA ANCORA CAPITO CHE NON SONO TANTO LE LEGGI CHE SONO SBAGLIATE....MA LE PERSONE!!!!...PUOI AVERE TUTTI I SOLDI CHE VUOI MA SE NON GLI SAI SPENDERE E GESTIRE NON VAI DA NESSUNA PARTE...

se negli ultimi 20 anni avesse governato gente seria come dico io, a quest'ora la germania e la francia ci facevano una pippa...ALTRO CHE STARE QUA A FARCI UNA GUERRA FRA POVERI E DARE LA COLPA A CERTE CAXXATE...COME VOGLIONO I VOSTRI GOVERNANTI....SVEGLIATEVI!!!

william v., rovereto (TN) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 10.08.11 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo essere tutti uguali davanti al fisco. Perché loro non riversano le imposte a Roma, come facciamo noi. Propongo di non fare il federalismo ma di chiedere di essere tutti a statuto autonomo. ciao

Pietrolacc 10.08.11 21:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"perchè le regioni a statuto speciale esistono ancora?"

perchè c'è il ricatto (storico) di dichiararsi autonomi e NON ITALIANI (leggi indipendentismo), infatti da notare che sono 5 regioni al confine, di cui due isole

*****

"Ci sono oggi i presupposti?"

Credo che finchè ci saranno italioti e seguaci leghisti no, i tempi non sono maturi.

*****

"Non siamo tutti uguali, non siamo ancora tutti italiani nel 2011?"

Pare di no.. come al solito..

*****

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 20:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori