Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

I blog argentini


blogargentini.jpg

"Quanto sta succedendo in Argentina è veramente incredibile. Per bloccare due siti, gli ISP sudamericani hanno reso irraggiungibile più di un milione di blog. E’ come usare un bazooka per uccidere una mosca. Tutto è nato quando un giudice ha ordinato l'oscuramento del sito Leakymails, ospitato dalla piattaforma Blogger di Google. I provider, ricevuto l'ordine, per obbedire hanno scelto la via in grado di causare il massimo danno con il minimo sforzo, bloccando l'indirizzo IP tramite il quale si raggiunge certamente il sito incriminato ma anche più di un milione di altri blog, diventati da un giorno all'altro irraggiungibili dall'Argentina pur senza avere alcuna colpa. Questo sistema è vergognoso. Solidarietà ai blogger argentini."
El Tanque

24 Ago 2011, 17:58 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ci vorrebbe un RESET Generale!
Un Reset mentale, della rete, dei debiti...

Sono vent'anni che lavoro sui pc, alle volte per risolvere un problema ci si stà ore a smanettare, quando basterebbe un'oretta a formattare e reimpostare tutto.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.08.11 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Ci vorrebbe un RESET Generale!
Un Reset dei mentale, della rete, dei debiti...

Sono vent'anni che lavoro sui pc, alle volte per risolvere un problema ci si stà ore a smanettare, quando basterebbe un'oretta a formattare e reimpostare tutto.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.08.11 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Cameron pare abbia convocato una riunione con tutti i social network...cosa l'avrà detto?...la prossima volta vi oscuro!, ma una volta in inghilterra non c'era la democrazia..aahhh! ora ha cambiato nome si chiama Plutocrazia!!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 25.08.11 19:35| 
 |
Rispondi al commento

non esiste un paese libero mi sa...

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 25.08.11 08:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Innanzitutto, solidarietà a Leackymails, che è un Wikileaks argentino!

Qûr Tharkasdóttir Commentatore certificato 25.08.11 08:06| 
 |
Rispondi al commento

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Vorrei segnalare l'interessante iniziativa che sta nascendo in Spagna:" IL GRANDE FRATELLO AL CONTRARIO"!

Ovvero! Fino ad oggi era solo la Polizia e le Istituzioni che filmavano i cittadini, ne registravano le telefonate gli spostamenti eccetera. Adesso, in Spagna, almeno per gli abusi commessi dalle Forze dell'Ordine, non sarà piu' così. Le nuove tecnologie ed i grando numeri che contraddistinguono il popolo, rispetto ai poliziotti, consentono di pronosticare una "vittoria" dei primi rispetto a questi ultimi. I video dei pestaggi e delle manganellate senza ragione, degli abusi di potere e di divisa, verranno messi in rete, a disposizione della valutazione sia dei cittadini che della magistratura. Qualcosa comincia a cambiare....e mi pare nella giusta direzione!

http://www.bbc.co.uk/mundo/noticias/2011/08/110823_espana_redes_sociales_vigilancia_policia_jrg.shtml

Marcos Presti (general) Commentatore certificato 25.08.11 07:53| 
 |
Rispondi al commento

ma guarda che cattivoni questi argentini che filtrano gli utenti dei blog


qui invece siamo moooooollto piu bravini a pigliare per il culo i fessi che credono che qui ci sia libera opinione


questo blog è superfiltrato!

coccooo cooola 25.08.11 02:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

finche non si avrà la democrazia diretta non ci libereremo dei prepotenti...

Acul utopiA Commentatore certificato 24.08.11 23:35| 
 |
Rispondi al commento

L'Argentina spegne un milione di blog

Per bloccare due siti, gli ISP sudamericani rendono irraggiungibile più di un milione di blog.

[ZEUS News - www.zeusnews.com - 22-08-2011]
Argentina Leakymails un milione Blogger spenti


«È come usare un bazooka per uccidere una mosca»: così la Electronic Frontier Foundation ha sintetizzato l'ultimo caso di censura inetta.

La vicenda si svolge in Argentina dove un giudice ha ordinato l'oscuramento del sito Leakymails, ospitato dalla piattaforma Blogger di Google.

I provider, ricevuto l'ordine, per obbedire hanno scelto la via in grado di causare il massimo danno con il minimo sforzo, bloccando l'indirizzo IP 216.239.32.2 tramite il quale si raggiunge certamente il sito incriminato ma anche più di un milione di altri blog, diventati da un giorno all'altro irraggiungibili dall'Argentina pur senza avere alcuna colpa.

Pedro Meno Andrade, Senior Policy Counsel di Google per l'America Latina, fa notare come il sistema utilizzato non solo è eccessivo ma «lede diritti costituzionali quali l'accesso alle informazioni e la libertà di espressione».

Al momento Google sta lavorando insieme alle parti interessante per ripristinare l'accesso ai siti bloccati inutilmente.

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 24.08.11 23:24| 
 |
Rispondi al commento

...troppo presto per farsene un'idea del perché per bloccare un paio di siti, abbiano oscurato anche tanti altri, finché non si hanno informazioni adeguate é difficile capirne i motivi.

valentino Morandini 24.08.11 21:37| 
 |
Rispondi al commento

La cosa divertente è che la gente crede che dopo la rivoluzione l'argentina sia diventato un paese libero... un pò come chi crede che il dopo berlusca sia rose e fiori...

Sveglia!!!! Sarà peggio... per il semplice fatto che chi andrà lì non sarà come lui, ma come lui con più esperienza nel bloccare i sistemi che da sfogo possano diventare aggressivi verso il regime!!!

Guardate quegli argentini... ci sono vari bellissimi filmati... chi sono? Gente che non capiva, capisce e capirà mai na sega... non perchè sono stupidi, ma perchè non hanno capito na cosa: il loro sistema di vita LIBERO non è mai esistito in automatico... esiste per due motivi: la gente che lo compone, ed i re (o attuali "personaggi politici" di cui poco cambia la figura e le immunità) che lo comandano!

Nessun popolo dell'attuale democrazia è in grado, per adesso, di autogestirsi per il semplice fatto che la cultura ed il pensiero critico, il dubbio, l'intelligenza come valore e non come disturbo, il domandarsi le cose, ecc.... non è insegnato ne stimolato per chi se lo autoinsegna....

Quindi... inutile che chicchessia cerchi una rivoluzione con un paese fatto al 70% di "casalinghe di voghera", al 20% di infami ed al 10% di persone oneste e disposte ai sacrifici, perchè gli senari saranno solo 2 possibili:
1) Si "depone" le attuali oligarchie: le attuali oligarchie deporranno solo le loro "rappresentanze mediatiche", il 70% del popolo verrà instradato a pensare che quindi ora sia tutto a posto, sono stupidi e ci crederanno, il 10% verrà schiacciato e non sò se si alzerà mai più causa oligarchie che ormai hanno più esperienza...
2) Si "depone" le attuali oligarchie: le attuali oligarchie deporranno solo le loro "rappresentanze mediatiche", il 70% del popolo verrà instradato a pensare che quindi ora sia tutto a posto, sono stupidi e ci crederanno, il 10% verrà schiacciato e sapendo che ora o mai più passerà alle armi!

Prima cultura e conoscenza diffusa, morte di generazione di arresi, poirivoluzione

michele simionato 24.08.11 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori