Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La crisi non era "prevedibile"


blog_Grillo_previsioni_2011.jpg
Solo chi è libero può dire la verità. I giornalisti non sono liberi. I giornalisti non possono dire la verità.
"La cazzata più ridicola che ho letto, sul Corriere (che evidentemente avvalla dato che non critica), è che "la crisi non era prevedibile". Allora la deduzione logica in base alle informazioni disponibili è considerata "magia" dal nostro governo e dai suoi giornalisti. Grillo e gli altri blogger della rete (e non) che hanno ampiamente previsto la crisi sono degli indovini! Speriamo che gli italiani non si bevano anche questa e rimandino a casa questa classe politica di inetti alle prime elezioni." r c

13 Ago 2011, 21:42 | Scrivi | Commenti (22) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Nasce "il partito Indipendente"..non so Beppe se l'hai saputo...(teniamoli d'occhio)..e vediamo che pesci sono..

roby f., Livorno Commentatore certificato 15.08.11 10:21| 
 |
Rispondi al commento

A leggere quello che scrivono economisti indipendenti la recente manovra non serve a nulla e vedremo infatti cosa diranno i mercati martedì
La manovra pare uscita , come al solito, da menti disturbate e pare rispecchiare la strategia di Franceschiello in caso di attacco a una delle sue navi: " in caso di attacco tutti quelli che sono a poppa devono correre a prua e quelli che sono a prua devono correre a poppa, quelli che sono in basso devono correre in alto e quelli che sono in alto devono correre in basso".
L' ultima manovra è proprio così , non risolve nulla.

Giuseppe maldera 14.08.11 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Per chi osserva da anni l'anomalia italiana questo non è che l'OVVIO RISULTATO FINALE.

Un governo che invece di fare la lotta alla corruzione (60 miliardi l'anno, 120 l'evasione fiscale), fa la lotta alla Magistratura e i condoni fiscali per i grandi evasori

Che ha fatto quasi tutte le leggi "salva-ladri" degli ultimi anni tra cui:

- la legge che ha depenalizzato (di fatto) il FALSO IN BILIANCIO,

- la Legge Cirielli, che porta la PRESCRIZIONE a un tempo così breve che impedisce di portare a sentenza definitiva il potente che può permettersi squadre di avvocati che possano tirare il processo per le lunghe

- la Legge sulle Rogatorie internazionali che limita l'utilizzabilità delle prove acquisite attraverso una rogatoria, con lo scopo di coprire MOVIMENTI ILLECITI SUI CONTI SVIZZER AD ESEMPIO

- la Riforma dell’Art. 513 del Codice di procedura penale per SILENZIARE O CESTINARE il contributo dei complici che accusano il contumace.

- La leggi "ammazza processi" (quella sulla prescrizione breve e la "allunga processi")

Un governo che si RIFIUTA ostinatamente di ratificare la Convenzione Europea Anticorruzione firmata nel 1999.

(in tale convenzione è punita ad es. la corruzione tra privati. La corruzione tra privati, così come il traffico di influenze, sono puniti in tutto il mondo, tranne che in Italia, il paese dove è più diffusa.)

Da un parlamento con 58 TRA CONDANNATI, PRESCRITTI E IMPUTATI PER REATI DI CORRUZIONE (con gli indagati si supera il CENTINAIO), finche riusciranno a rimanere al loro posto, non potranno mai mettere mano a tutto ciò perchè molti di loro devono a questa situazione il mantenimento del loro potere.
E quindi non potranno che continuare a fare stangate per i cittadini onesti.

Non c'è altro modo che costringerli ad andarsene o questi ci mandano in DEFAULT

Mario R 14.08.11 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Si se ne vadano a casa.
Ma qualcuno deve comunque esercitare concretamente la sovranita' popolare nella nostra nazione.
Nelle attuali condizioni (popolo inebetito dal regime mediatico e dalla farsa politica bipartizan) ritengo che l'unica soluzione sia lo spostamento delle'esercizio del potere politico in sede esterna all'Italia: il Parlamento Europeo.
A partire dalle manovre finanziarie fino a giungere alle altre competenze rilevanti per uno stato di diritto minimo(Giustizia, e Informazione poi Istruzione, Sanita').
Dopo dieci anni di questo "commissariamento/repulisti" il popolo italiano sara' messo in condizione di ripensare nuovamente e oggettivamente.
Niente sangue, solo un concreto commissariamento dei politicanti italiani.

mb 14.08.11 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Leggevo l'articolo di una personal- shopper che accompagna i così detti ricchi ( molti dei loro soldi ci sono stati in qualche modo rubati) a fare appunto shopping di beni di lusso per le diverse città. Ebbene parlava di una nostra parlamentare che ha acquistato, in tempi diversi, borsette extralusso da circa 20 mila (!) euro l'una e ne ha una cinquantina!!!!! Troia bastarda restituisci i soldi alla povers gente che lesina pure su uno shopper per la spesa al supermercato!
Vendetta non appena possibile

Giuseppe maldera 14.08.11 14:21| 
 |
Rispondi al commento

gli italioti si berranno anche questa sicuro ,si sono bevuti anche roba peggiore ...
anzi mi stupisce pesino la dichiarazione secondo la quale la crisi non era prevedile,gli italioti non si sarebbero neppure posti la domanda -

Panino A. 14.08.11 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Sto incominciando a pensare che se non ci sarà un "golpe" non usciremo mai da questa situazione..purtroppo è brutto doverlo dire, ma se continuiamo a tenere queste "...VOLPI A GUARDIA DEL POLLAIO"auguri!.
Qui vanno applicate le leggi della fisica, non c'è alternativa,questo decreto si rivelerà una presa per il culo!!.
Prepariamoci perchè sono anche "arroganti e strafottenti" questi amministratori pubblici, andrebebro arresati tutti per alto tradimento!!!visto e considerato che non vogliono "rinunciare alle poltrone",non c'è alternativa ad uno scontro diretto o tra 6-8 mesi sarà default reale!!.

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.08.11 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, seguitemi 1 minuto su questa riflessione: Lasciando da parte tutta la premessa alla valutazione, possiamo affermare che solo in 2 circostanze non avviene tassazione sul danaro. Quando è all'estero (in qualunque forma ci sia arrivata) o quando è "sotto il materasso". In tutte le altre circostanze, prendendo ad esempio 1 biglietto da 100, nei vari passaggi in cui viene adoperato, subitrà sempre uno storno percentuale che sia imposta diretta o indiretta. Ebbene, carta e penna alla mano, si scopre che la famosa 100 euro girando di
tasca in tasca finisce con il lasciare, udite udite, dal 75 al 90% del suo valore alla casse dello Stato. Quindi più tasse meno soldi girano e meno entrate incassa l'erario. Ergo, ci prendono per i fondelli. Tutto questo
è per condizionarci, per soggiogarci. Guardate la questione del signoraggio. I signori BCE, che dovrebbero farci da tipografi e da gestore, grazie al vuoto legislativo che non sancisce la proprietà della moneta alla'atto della sua emissione, si comporta come se fosse la proprietaria applicando una percentuale (che orwelianamente chiamano tasso di sconto) sul valore facciale ad ogni emissione. Pensate che tutto il volume di euro sostitutivi delle lire nel 2002 ci è costato una altissima percentuale di signoraggio. Attenzione, parlo di danaro circolante (quello peer pagare gli stipendi per intenderci) e non danaro prestato. Su you tube guardate genius seculi. Insomma, devono solo lasciare il palazzo e scegliersi un altro pianeta da vampirizzare!

Luca Pino 14.08.11 11:19| 
 |
Rispondi al commento

QUESTA CRISI E' STATA PREVISTA ANCHE DA UN IMBECILLE COME ME, FIGURIAMOCI DAGLI ECONOMISTI. LA CRISI PERTANTO E' VOLUTA E QUESTA MANOVRA E' SOLO LA PRIMA....ASPETTATE...NELLA SFERA DI CRISTALLO NE VEDO UN'ALTRA E POI MOLTE ALTRE... SAREMO STRANGOLATI PIAN PIANINO, SIAMO GIA' IN DEFAULT MA NON POSSONO DIRLO ANCORA.
PER EVITARE DI TOCCARE IL FONDO, DOVREMMO LANCIARCI VERSO IL FONDO,RINNEGARE EURO E GLOBALIZZAZIONE,NAZIONALIZZARE LE BANCHE, IMPORRE DAZI,INCREMENTARE UNA DRAMMATICA AUTARCHIA. NELL'IMMEDIATO FAREBBE MALE, MA ALMENIO SI SALVEREBBE QUALCOSA. VOI CHE NE DITE?

arthur schopenhauer, salerno Commentatore certificato 14.08.11 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Una puttana e il suo Magnaccio l'altra notte hanno percorso ubriachi in contro mano 30 km della a26 uccidendo 4 ragazzi francesi. Se la giustizia italiana non arresta questi delinquenti sbattendoli in galera inviterei i genitori dei malcapitati a giustiziare i colpevoli. Questo ovviamente e' il mio odio che prende il sopravvento perché la ragione non riesce a capire....

Enrico Fornasiero 14.08.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Ma gurada vedo che ve la menate con "l'evasione fiscale"...cazzate!L'evasione Fiscale la togli in due giorni come:
1-poter detrarre dal reddito imponibile tutte le spese sostenute dal cittadino, esempio chiamo l'imbianchino e mi faccio fare la ricevuta,chiamo il fabbro idem,vado dal medico specialista fattura,et voilà l'evasione fiscale non c'è più,..oltre a prevedere la possibilità di detrarre gli attuali ticket per piccoli lavori domestici;
Però...pero..s'inizia a eliminare tutto l'abusivismo che c'è in giro! senza se e senza ma, sia chiaro!!altrimenti ci si prende per il culo!!se vogliamo che la legge sia uguali per tutti!!!.
Certamente anche la Porstituzione potrebbe essere legalizzata(con le dovute cautele e misure di sicurezza);
Ma la domanda è questa: è possibile continuare ad essere amministrati da questa classe politica?

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.08.11 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sono di opinione diversa: per me questa gente è in buona fede. Magari qualcuno non è un modello di onestà, non brilla per acume, non sarà eccessivamente intelligente, ma sono in buona fede. Vi starete chiedendo come mai? Vivono in un mondo diverso dal nostro, per loro comunque la crisi non c'è. Secondo Voi chi di loro sofrrirà questa crisi, chi di quelli che l'hanno sempre ignorata, ne hanno vigorosamente sostenuto l'inesistenza (tra giornarlisti e politici) fino ad ostracizzare chi ne cennava, chi di loro avrà problemi al mattino per fare la spesa, per fare il pieno! Chi? Quindi: per loro la crisi non esiste. Semplice!
Io sono fermamente convinto che non si può incolpare questa gente, non si può usare l'alibi ma mi avevano detto ...... assicurato ..... i giornali i politici dicevano che.... L'ignoranza non è una scusa, ma una colpa. Quindi il popolo italiano (nella sua globalità, non noi frustrati che scriviamo su questo blog) è colpevole, è colpevole un'intera società che si è voluta sottrarre ai propri doveri, ai propri sacrifici, alle proprie responsabilità, che ha trovato più comodo girare le spalle al problema ed ignorarlo, piuttosto che affrontarlo, attaccandosi ed invocando vecchi rimedi (finanziamenti, prestiti, sovvenzioni, ........) ma non ha mai parlato di affrontare il vero problema.
Per troppi anni ho parlato, mi sento già stanco.
Me ne starò alla finestra, tanto prima o poi arriverà quel giorno in cui scenderanno in piazza e chiederanno conto a questa gente, con interessi da usurai, vedi Mussolini ed altri.

Buona giornata.

Giuseppe STRINO 14.08.11 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Il risparmio eliminando le Province è che elimini interi consigli pieni di politici che prendono stipendi alti e gettoni in continuazione e che per giustificare presso gli elettori la loro carica spendono, l'80% delle volte inutilmente o per soli fini clientelari, soldi pubblici per opere o iniziative assolutamente inutili, per non parlare di auto blu, viaggi all'estero etc... più le carriere facilitate ai dipendenti fedeli e proni ai loro voleri e le assunzioni inutili dei loro cari e amici. In queste cose si scatenano vere e proprie gare a chi più spende. Il fatto è che, ad inchiostro fresco della manovra appena scritta, la chiusura non riguarderà 36 Province ma già 28, con tendenza a 21. Alla fine, forse, ce ne scapperà qualcuna in più. Risparmio, dunque, zero o maggiori spese. Altra manovra, suvvia!!

Chiara Mente Commentatore certificato 14.08.11 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Guarda caso ma sui trasferimenti di fondi all'editoria (spesso giornali che nessuno legge e che si stampano solo per prendere soldi) nessun provvedimento contenitivo in due manovre consecutive lacrime e sangue (dei dipendenti e dei pensionati, però). Può essere libera l'informazione?

Chiara Mente Commentatore certificato 14.08.11 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Tutti lo sapevano che sarebbe andata così !!!!! Le scelte coraggiose, quelle vere....andavano fatte anni fa...altro che lo "scudo fiscale" e altre baggianate del genere.
La verità è una sola, in Italia solo una parte paga le tasse e viene regolarmente "massacrata" ogni qualvolta mancano i soldi per "tirare a campare....." da parte dello Stato. Per fare cassa e veramente riformare lo Stato io proporrei:
1. Abolizione di una delle due Camere (le leggi verrebbero approvate più velocemente senza interminabili doppie, triple, quadruple letture inutili....);
2. Equiparazione del reato di evasione fiscale all' OMICIDIO (perchè così è...chi non paga le tasse costringe gli altri a lavorare come pazzi per racimolare soldi per arrivare alla fine del mese e qualcuno ci lascia anche le penne), gli evasori quando scoperti e accertati, devono finire in GALERA e va buttata la chiave....;
3. Abolizione delle Provincie TUTTE !!!! Come anche delle Regioni a statuto speciale e di tantissimi enti inutili e mangia soldi.....
Sono folle ?


Emilio C. 14.08.11 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Questo video su you tube lo visto qualche anno fa..colpisce la precisione con il quale è stata pronosticata la debacle italiana.
Ad onor del vero anche l'istituto IBL aveva regalato l'orologio del debito pubblico alla Camera,andate e vedere come gira il contatore,costantemente aggiornato.
Detto questo, vediamo quale sono i punti dolenti di questa operazione:
1-Questo è un decreto ed è efficace per 60 giorni, poi va convertito in legge! quindi tutto quello che è messo sul tavolo può essere stravolto, mi riferisco ai tagli alle Provincie e Comuni.
2-le Le leggi delega su 2 punti focali "assistenza" e fiscalità,con le leggi delega il governo attua i provvedimenti presi in modo istanntene.
Come vedete c'è una differenza sostanziale tale da farmi pensare che poi si verifichi un "accordo sottobanco" per avere carta bianca sui DLd e salvare invece il Primo decreto.
Caro Beppe,la cosa Puzza!!!e di brutto!non solo, pensano di fare incetta di soldi, attraverso la norma "porto franco" che detassa i Bond rispetto alle azioni,anche le banche si troveranno un "concorrente" sleale e subiranno una perdita di liquidità, salvo offrire tassi pari a quelli dei Bond ai risparmiatori.
E' vero che sono ladri, ma almeno "accettano il rischio" nel prestare denaro alle imprese,lo stato nò!.
L'unica soluzione è andare alle ELEZIONI subito, con un programma serio chiaro!come quello n/s..e sia ben chiaro, con questo primo decreto non se ne esce!!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 14.08.11 08:43| 
 |
Rispondi al commento

Terzo tentativo di risposta: E monarchico. Come la nostra miserabile borghesia.

mario massini, roma Commentatore certificato 14.08.11 08:23| 
 |
Rispondi al commento

E monarchico. Come la nostra miserabile borghesia. Di fronte a lei la casta impallidisce sebbene abbia molti suoi esponenti al suo interno. Quando il "buon" Gianantonio ce ne darà conto raccontandoci le sue prodezze?

mario massini, roma Commentatore certificato 14.08.11 08:08| 
 |
Rispondi al commento

i giornalisti sono peggio dei politici,sono come le bandiere si spostano sempre dalla parte dove tira il vento.il corriere è stato socialista, fascista, democristiano.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 14.08.11 00:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NO FINANZIAMENTO PUBBLICCO AI GIORNALI!!!
NO FINANZIAMENTO PUBBLICCO AI GIORNALI!!!
NO FINANZIAMENTO PUBBLICCO AI GIORNALI!!!

Giovanni 13.08.11 23:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori