Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La pensione? A 100 anni


precari_pensionecento.jpg

"Un giovane esce dall'università con 110 e lode cosa gli offre il mercato del lavoro? i famigerati "contratti a progetto" dove al massimo lavori 6 mesi poi a casa 2 poi altro "progetto" fino ai 27 anni, chiaramente questi ragazzi hanno mansioni identiche a un lavoratore a tempo indeterminato ne ho conosciuti sul lavoro tanti. Al compimento del 27simo anno le diotte non hanno più interesse a tenerti perchè non hanno gli sgravi fiscali allora ne prendono un altro da spremere per 3/4 anni e poi via di seguito.
Con questo sistema contributivo se su tre anni ne lavori due è buona poi se per disgrazia dovessero portare a 96/97 la somma età anagrafica+contributiva questi ragazzi la pensione la vedono solo se riescono a spegnere le 100 candeline.
Altro aspetto di cui nessuno parla se dovessero toccare l'articolo 18 della Costituzione vale a dire la libertà di licenziare, oggi una coppia che vuole sposarsi gli viene concesso un mutuo pari all'80% del valore dell'immobile con ipoteca di primo grado a almeno uno dei due futuri sposi con reddito sicuro, dopo quali saranno le condizioni? sia a livello di tasso di interesse che di percentuale di erogazione mutuo?".
Felice P.

27 Ago 2011, 14:35 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

quanta confusione:
1)Esistono le pensioni di vecchiaia:se uno non raggiunge i requisiti minimi di anzianità retributiva abbinato all'età,puo' andare in pensione l'età di vecchiaia che in questo momento è 65 anni.
2)L'articolo 18 di cui parli tu,non è in costituzione,è l'art 18 dello statuto dei lavoratori.
Ragazzi,ma almeno voi che usate internet,informatevi prima di scrivere simili scemenze,ci vuole poco...

Roberto A 01.09.11 19:58| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe e staff e amici del blog..
non sarebbe meglio visto che le pensioni future nnon ci saranno piu ...cominciare già adesso
invece di vincere 4000 euro per 20 anni distribuire nei giochi d azzardo . LA PENSIONE AL CITTADINO ITALIANO VISTO I TAGLI EL FINANZIARIE SEMPRE PIU IN MANOVRA E ABBASAMENTO DEI COEFFICENTI FUTURI!! LA MIA E UNA PROVOCOZIONE VISTO CHE NESSUNO SE NE OCCUPA!!
IMPORTANTE ED ANDARE DAL DISTRIBUTORE E PAGARE LA BENZINA 1,6 AL LITRO CON IL COSTO AL BARILE 80$ SI DOVREBBE PAGARE UN EURO! E FARE ENTRARE nello stivale NELLISOLA DELLA FELICITà SEMPRE PIU IMMIGRATI! CON RIMBORSO SPESE DI 40 EURO AL GIORNO VITO E ALLOGGIO E SIGARETTE! VOGLIO PRECISARE CHE CHI VIENE IN ITALIA PER LAVORARE BEN VENGA ! MA ADESSO CON 2000000 DI DISSOCCUPATI LA CRISI ETC DI CERTO NON SARANNO LORO A PAGARE LE PENSIONI COME DICEVA QUALCHE IDIOTA DI POLITICO VISTO CHE PER OGNI CITTADINO BELIN CI SONO 35000 EURO DI DEBITO!! visto che chi viene lavora in nero e a basso costo!!
belin in italia puoi tirare come vuoi ma se la coperta e corta!
poi dopo la proposta di levare il servizio di leva ai fini pensionistici???? gli anni pagati di laurea??
IL FATTO CHE ITALIANO PIU PASSANO GLI ANNI PIU PERDE FIUCIA SU TUTTO ISTUTUZIONI ECONOMIA RISPARMI ETC !
DOVE SI ANDRA A FINIRE ??? PAGHERANNO SEMPRE GLI STESSI!! E IN CASO DI DEFAULT E RECESSIONE APPENA AVVIATA STAREMO A VEDERE!!!
PAGHIAMO PAGHIAMO PAGHIAMO SEMPRE NOI!!!
E SULLE PENSIONI A 100 ANNI NON LE VEDO TROPPO DISTANTI !!! ORMAI E CAMBIATO IL MONDO !!
BELIN !! SALUTI COME SEMPRE BEPPE E STAFF

mario mario 01.09.11 15:08| 
 |
Rispondi al commento

mi presento sono minou ansary, persiana di genitori e nata aginevra. vivo a roma perchè mia madre che si chiama parvin ansary e la trovi su internet, se vuoi. é venuta in italia e ha studiato al centro sperimentale con silvano agosti, andrea frezza ecc... Oggi ha dei films bloccati. io invece dipingo e ho preso il premio europeo. scrivo poesie sia intime che sociali. oltre libri.Noto che il problema degli italiani è che sono codardi e volta gabbana. tu hai una moglie con lo stesso nome di mia madre, ma sono sicura che ha la sua personalità e non dipende da te. Però a noi orientali ci vedono delle donne senza palle, grave errore nel periodo dello schià le donne erano capo dellatelevisione, ministri e cosi' via. purtroppo noi italiani e mi ci metto dentro per cittadinanza pensiamo solo ad inciuciare nei piccoli mondi di entrata facile " come leccare il culo a.... cosi' anche con la quinta elementare posso costruire un impero come esempio la p2 dove c'è la firma di costanzo e guarda caso mi consenta abbiamo il nano pure li'. vedi lui un giorno che fai ituoi bisogni uscirà dal tuo cesso perchè è ovunque. leggevo l'altro giorno rispetto alle pensioni dei politici come Amato. scritto da te , ti rendi conto che il nostro silvio supera tutti i soldi che si è fottuto il Vaticano. Ma se fare dal porta borse ai vertici si guadagna, non conoscono neanche la loro lingua. Parlano il dialetto la maggior parte e non conoscono i verbi della loro lingua madre. E tu mi parli di memoria? Ma se nessuno era fascista, tra un po' negano l'esistenza di Mussolini, nessuno era fascista. forse lo eravamo io te e travaglio, forse siamo noi ad aver perso la memoria. Ultima cosa anche la sinistra è penosa , parlavano tanto di SOFRI DELLA SUA LIBERTà. MA LA MEMORIA ANCHE LORO NON SANNO COSè. pER ESEMPIO QUANDO PARLA UN UOMO COME dI pIETRO STATO MAGISTRATO CON SUCCESSO E ADESSO POLITICO . SINCERAMENTE PARLA UN'ALTRA LINGUA, CREDO CHE DEBBA FREQUENTARE UN CORSO D'ITLIANO PER STRANIERI.BACI MINOU

minou ansary, Roma Commentatore certificato 31.08.11 00:18| 
 |
Rispondi al commento

Questa storia delle pensioni è allucinante, io credo si dovrebbe resertare tutto. La pensione dovrebbe essere considerata come sussidio minimo di sopravvivenza che lo Stato elargisce a chi non è più in grado di lavorare per limiti di anzianità raggiunti o per inabilità al lavoro.
TUTTI UGUALI...GENERALI, OPERAI, LIBERI PROFESSIONIATI, POLITICI, ecc.,ecc. e chi vuole di piú integri la sua pensione con versamenti volontari.
A chi invece, ha già versato marchette per tanti anni, venga sempre riconosciuta la pensione minima e una rendita finanziaria che matura annualmente dal capitale versato.
Solo in questo modo ogni cittadino sarà uguali davanti allo stato, vengono aboliti i privilegi, si tutelano gli interessi di chi ha già versato ed il monte pensioni che lo Stato deve pagare ogni anno si riduce drasticamente a beneficio del deficit.
SERVONO DECISIONI SCOMODE MA
PRATICHE E INCISIVE

Giancarlo di Bert 29.08.11 14:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io avrei una domanda da fare ai cosiddetti politici: mi spiegate per quale assurdo motivo (a parte mansioni iperspecialistiche) una ditta dovrebbe spendere di più per tenersi una persona a vita quando può spendere di meno, tenerla sotto scacco per il rinnovo del contratto, fargli fare orari massacranti (tanto il lavoro è "a progetto" e non si pagano straordinari) e quando ti sei rotto lo mandi a casa senza nemmeno licenziarlo????

Il lavoro a progetto o a tempo determinato devono esistere: MA DEVONO ESSERE PAGATI DIECI VOLTE DI PIU' RISPETTO AL LAVORO DIPENDENTE.

Solo così la ditta utilizzerebbe questo contratto in maniera corretta, cioè quando gli serve temporaneamente più personali per lavori una tantum.


Patrick D. Commentatore certificato 29.08.11 10:19| 
 |
Rispondi al commento

http://www.governo.it/DIE/dossier/contributi_editoria_2009/stampa.html
Tò...incazzatevi un pò..questo è link...dove sono pubblicati i dati sui finanziamenti pubblici(soldi nostri)ai giornali...e riviste.
A questi ci va sommato i soldi che tutte le P.A, buttano in ABBONAMENTI!...(anche questi soldi nostri)di cui nessuno conosce il reale ammontare!.
Tanto ci sono i soliti cretini "noi"che si paga..(compresi i leghisti)magra consolazione!.
Ora la domanda che mi faccio è questa:..ma chi avrà rubato di più, la Prima o la seconda Repubblica?.

roby f., Livorno Commentatore certificato 28.08.11 19:42| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono laureato nell'Aprile del 2010 in Informatica con 110 e lode. Due settimane prima della laurea mi chiama una nota multinazionale americana con sede a Milano chiedendomi se ero interessato a un colloquio. Immaginate la mia contentezza (anche se mi sono spostato dalla sicilia). Arrivo a Milano, faccio il primo colloquio; va benissimo. Faccio il secondo; ancora meglio. Mi offrono un corso di 5 sett a Milano con un rimborso indicativo di 600€ - 8% di non so cosa (ci hanno garantito che non erano tasse...) è chiaro che con 600€ ci paghi appena l'affitto, ma cosa non si fa per tirare avanti?!? Anche il corso va bene. Mi mettono in attesa di un progetto; 2 mesi senza paga! (Mi vogliono assumere con un contratto di inserimento di 18 mesi, poi contratto indeterminato) Nel frattempo mando altre cadidature. mi chiama un'altra azienda. Faccio il colloquio e sembrano interessati. Contratto? Esatto a progetto. L'interlocutore cerca di spiegarmi svantaggi e vantaggi del contratto, allorche io chiedo: dopo 6 mesi c'è la possibilità di una assunzione a tempo indeterminato? Risposta: è probabile.. ci sono ragazzi che ci chiedono loro stessi di prolungare altri 6 mesi di contr. a proget. per poter mettere qcs da parte... io sorrido e rispondo: ci sono tanti giovani che non sanno cosa farsene del futuro che hanno voglia di buttarlo via! Colloquio finito. Avevo una delusione addosso che mi sono detto: basta! ora provo all'estero! sono all'estero da 8 mesi ormai e guadagno 4 volte di più che in italia, ma un occhi è puntato sempre in patria per vedere cosa succede... Spero che i miei figli non dovranno vedere le faccie che vediamo noi in politica!

Calogero 28.08.11 17:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La legge 30 cioè la famigerata legge biagi,
andrebbe abolita immediatamente!
Il sistema delle pensioni sarebbe in equilibrio, se non ci fosse questo punto epocale di discontinuità contributiva!
Credo che solo il mov 5s. e la sinistra extraparlamentare abbiano nel loro programma l'abolizione della legge biagi, quindi quando andate a votare, datevi una regolata, e stateci con la testa.

l., ancona Commentatore certificato 28.08.11 17:00| 
 |
Rispondi al commento

"un giovane prende 110 e lode cosa gli offre il mercato del lavoro?"
vedete il punto non è l'età, il voto, lo studio, la specializzazione o la bravura...
la domanda da porsi riguardo il lavoro deve raccogliere tutti i giovani e non solo quelli bravi nello studio...
ecco perchè ragionare con il concetto di meritocrazia è una emerita stronzata

la domanda giusta è:

il futuro di una popolazione potrà ancora fondarsi sul lavoro?

Acul utopiA Commentatore certificato 28.08.11 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Vi serve una cosa sola

IL TASTO DEL RESET, in versione HARD.

Cioè staccare la spina totalmente e
ricominciare da una costituente.

saluti elvetici

Fernando Vehanen, Helvetia Commentatore certificato 28.08.11 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno a tutti, mi chiamo Gianluca,sono un cuoco di 29 anni e la mia ragazza e' pasticcera.
Lavoriamo una media di 240 ore al mese,nei mesi in qui siamo fermi iniziare le procedure per la disoccupazione sono un terno al lotto infatti ci ho rinunciato da tempo.
Le trattenute mensili sono allucinanti sapendo che la pensione non la vedrò mai,progettare un matrimonio e' impensabile,per non parlare di fare un figlio

Gianluca montin 28.08.11 14:18| 
 |
Rispondi al commento

(null)

Gianluca montin 28.08.11 13:55| 
 |
Rispondi al commento

L'articlo 18 riguarda il dovere dell'azienda di riassumere il lavoratore licenziato non per giusta causa.
Il problema delle pensioni è certo l'età ma come hai ben fatto notare è il fatto di non trovare lavoro, fermo restando che il concetto dei 97 anni è più che giusto, dopo che ne ho lavorato 40 a 60 avrò anche il diritto di andare in pensione, e se non ho lavorato non ci devo andare.
Il reale problema è che se il paese non cresce siamo morti.
Dovremmo eliminare questa classe dirigente e sperare ed il modo, tutto italiano, per crearne la successione, se non ce ne fossimo accorti viviamo in una oligarchia: penso che l'unica soluzione sia quella della Francia del 1789.

Emanuele G., Robecco sul Naviglio (MI) Commentatore certificato 28.08.11 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Il precariato è stato introdotto dal concetto di flessibilità ufficialmente per crere lavoro ai giovani. Ci hanno creduto in molti (alcuni sindacati compresi). In un sistema globale, ci veniva detto, ove le regole le decide il mercato, questa doveva essere la soluzione. Il sistema ora è al collasso 30 % di disoccupazione giovanile, cassa integrazione alle stelle, e lo stato sull'orlo della bancarotta. Il sistema globale non doveva essere lasciato in mano agli speculatori. L'80% della ricchezza mondiale non può essere concentrata nelle mani di un manipolo di persone. Le regole vanno riviste a livello globale, equilibranndo le condizioni di vita e azzerando lo squilibrio esistente. Non è un utopia, ci si arriverà prima o poi o in maniera politica o in maniera cruenta come la storia attuale di certi stati lo sta quotidianamente dimostrando.

roby b., Trieste Commentatore certificato 28.08.11 10:36| 
 |
Rispondi al commento

INFO

A qualcuno risulta se esiste un sussidio concesso dallo stato italiano agli extracomunitari sul suolo nazionale ?

Qualcno parla di 400-450 euro! L'ho letto in un post che non riesco piu' a trovare sul Blog!

Generale Marcos Presti () Commentatore certificato 28.08.11 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe grillo sapere cosa pensi delle università italiane del nord ,del sud e del centro. Se chi esce con 110 in giurisprudenza a Reggio Calabria come la gelmini merita un posto migliore di un contratto a progetto. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi davvero, per te le università ed i laureati sono intoccabili, a me viene da pensare che si e' arrivati a questo punto perche' la aziende non si fidano piu' dei laureati di queste universita' delle caste in decadenza e scadenti ma vanno con i piedi di piombo prima di assumere. Le aziende sono ovviamente informatissime della situazione. E chi protesta e' chi ha il votone 110 ma un contratto a progetto come lavoro, perché l'azienda ha capito che quello non vale il posto fisso, cioè con questo gioco si rischia di dare un posto fisso a persone che si comprano la laurea o sono raccomandate o fanno parte delle baronie universitarie.

Povero Pippo 28.08.11 03:30| 
 |
Rispondi al commento

CHIEDO AL BLOG se vi risulta un sussidio concesso dallo stato italiano agli extracomunitari sul suolo nazionale!

Qualcno parla di 400-450 euro! L'ho letto in un post che non riesco piu' a trovare sul Blog!

Attendo informazioni e comunque ho intenzione, in caso di veridicitò della notizia, approntare una inchiesta!

Generale Marcos Presti () Commentatore certificato 28.08.11 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Beh, la prospettiva di andare in pensione al compimento del centesimo anno di età non è poi così peregrina: già oggi si dice che i giovani che hanno dai venti ai trenta anni andranno in pensione a 70 anni. Considerando che mancano loro circa 40 / 50 anni, molto probabilmente, prima che maturino il diritto alla pensione, il termine per accedervi sarà stato innalzato a 80 anni.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 27.08.11 23:59| 
 |
Rispondi al commento

TOGLIERE questi incentivi, tanto servono solo alle aziende che ti possono sfruttare praticamente gratis e al 29° compleanno ti lasciano andare perche' diventi un costo.
Eventualmente se dovessimo usare degli incentivi cominciamo a darli alla parte + anziana se vuole lavorare.Altrimenti togliamoli del tutto.
Inoltre non capisco, l'imprenditore che assume questi giovani x pochi mesi, e poi li lascia a casa appena imparato il mestiere, potrebbero essere utili all'azienda , invece via avanti un altro, e quindi a parte il risparmio, l'eventuale
miglioramente aziendale perche' il giovane e' capace... lo mandiamo a casa? e poi li chiamiamo imprenditori!


Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 27.08.11 22:30| 
 |
Rispondi al commento

L'articolo 18 è quello dello Statuto dei Lavoratori (legge 300/70) non della Costituzione.

Leggetelo lo Statuto dei Lavoratori, fa sempre bene conoscere i propri diritti.

Enrico Ferri

Enrico Ferri 27.08.11 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bene che tutti coloro che sono in difficoltà, tutti coloro a cui non piace questo sistema, questa politica, questa manovra, tutti quelli che si lamentano insomma,
scendessero in piazza il 6 settembre e scioperassero con i sindacati che lo hanno indetto, al di là delle sigle, e delle preferenza politiche!

l., ancona Commentatore certificato 27.08.11 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Con questo sistema i giovani non possono formarsi, e di conseguenza le aziende perdono sempre più capacità e competenza (e prima o poi muoiono).
Ma gli imprenditori capaci di capirlo si sono estinti?

Obi Kenobi Commentatore certificato 27.08.11 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Guarda,io con il fatto della liberta' di licenziare sono d'accordo (con paracadute di un anno almeno di stependio e contributi pagati).Ho vissuto in UK edin Australia, qui gia' succede, ma le aziende assumono perche' sanno che sei un coglione ti possono licenziare. Ma se sei bravo ti pagano bene per rimanere,bene. Il problema qui e'l'opposto,le aziende non riesco a trattenere il personale perche'cambia per migliorare. Quindi il problema non esiste, in Italia salva il culo ai lavativi. Il vero problema e'cancellare TUTTI QUESTI CONTRATTI ridicoli e farne 2-3 uguali per tutti, dipendenti dall'eta' e dalla mansione. ELIMINARE LE COOPERATIVE DI LAVORO che hanno rovinato il mercato e far partire tutti dallo stesso piano. Vedrai come il sistema diventera' meritocratico e nessuno potra' piu' offrire contratti a termine, progetto e tutte queste bastardate. ANDREMO NEL FUTURO. COPIAMO LE COSE POSITIVE DEGLI ALTRI, NON LE NEGATIVE. PENSATECI.

Fabrizio Di Pietro 27.08.11 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono sempre stato critico con i Sindacati...questa volta però prendo atto che almeno la CGIL ha avuto il coraggio di "ricominciare a fare il Sindacato"!, discorso diverso per Cisl e UIL che sono i "lacchè" di questa politica!
Qualcosa si sta smuovendo..mi auguro che riusciamo ad organizzarci, con presidi permanenti in tutte le città d'italia!!!.

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.08.11 15:15| 
 |
Rispondi al commento

sono cose talmente ovvie...
e sono anni che il grillo parlante le menziona...

forse pensavano che erano battute, o forse l'italiano medio non se ne occupa fino a quando non ci sbatte i denti sopra...

c'e' anche da dire una cosa: ho il demerito (mea culpa) di essere universitario da molti anni (forse troppi) e ho visto una escalation al contrario della qualità dell'università.

ora l'università a furia di tagli puo' sopravvivere solo con le rette e + ce ne sono meglio è.
risultato: molti laureati di oggi non avrebbero passato nemmeno il primo anno, tutto per non perdere iscritti e rette.

la laurea si è svuotata di significato. dovrebbero laurearsi solo il 15-20% rispetto a questi anni.

poi vedrete che chi si laurea è già a buon punto, poi con il massimo dei voti meglio.

ma cosi'.

peggio ancora per il diploma superiore. ormai si diplomano tutti. ho visto voti incredibili. ora uno studente diligente porta a casa 8-9 anche 10. una volta se prendevi 7 stappavi lo spumante.

concludendo troppi laureati, poca professionalità, poco lavoro= situazione odierna.

ho 2 figli piccoli e quando sarà l'ora delle superiori o laurea vedro' cosa consigliargli. magari faccio come tanti anni fa e dopo la 3 media li mando a lavorare in un call center.

ivan m. Commentatore certificato 27.08.11 14:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori