Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'eco-fregatura


sistri_rifiuti.jpg

Circa 1 anno fa è stato istituito il Sistri per la tracciabilità del trasporto dei rifiuti. Io sono un piccolo commerciante che lavora nel settore delle forniture per uffici (quindi toner cartucce e similari). Subito mi sono attivato e via con i soldi ho fatto istallare sul furgone l'apparecchio con la scheda telefonica per il trasporto dei toner e cartucce, ho adempiuto a tutte le scartoffie e qui viene il bello. Dopo vari e soliti rinvii nell'applicazione della legge adesso con la finanziaria hanno pensato di eliminare tutto: si torna ai vecchi registri cartacei e quindi ai vecchi modi di trattare il mondo dei rifiuti. Ho inviato email per avere delle spiegazioni. Niente, non risponde nessuno. Forse facevo bene a seguire il consiglio di un mio collega (furbo) quando mi diceva "non fare niente tanto in Italia fanno le leggi per far tirare fuori un po’ di soldi e poi finisce tutto nel dimenticatoio”. Il bello che ho inviato email a un po' tutti i giornali e nessuno che abbia fatto un'inchiesta su chi magari si è arricchito costruendo gli apparecchi da montare sui furgoni!!!! Che amarezza questi (destra-centro-sinistra)hanno costruito una società dove i furbi vengono premiati sempre.
Giuseppe P.

26 Ago 2011, 15:10 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

oggi,1 ottobre 2013, nonostante tutto, è il primo giorno del SISTRI.
che imperterrito come un robot fuori controllo è stato fatto partire. nonostante tutto: la crisi economica, la quasi crisi di governo, le difficoltà immense delle imprese, la chiara evidenza che è una ciofeca senza pari e senza precedenti e via elencando all'infinito.
un Killer nato male , che non ha mai funzionato, totalmente inutile per contrastare le ecomafie, invalidante per gli operatori del settore (buono solo a vampirizzare denaro a favore di Finmeccanica e associate, nonostante gli arresti e le condanne di Selex) che inginocchierà un intero settore se non fermato, abolito, seriamente testato e modificato, in tempo.
tutti gli operatori sono disperati e nessuno dice niente????
aspettiamoci tragedie.
il M5S deve combattere questa battaglia!
se non lui, chi?
chi?????
chi????????????????????????'

Paola R., Forlì Commentatore certificato 01.10.13 17:14| 
 |
Rispondi al commento

l'italia deve morire....

ivan m. Commentatore certificato 27.08.11 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Il SISTRI è un vero scandalo.

Pensare un sistema del genere, così complicato e macchinoso, è quasi un opera da vero genio del male. Metterlo in atto era (come si sta rivelando) pura utopia. Giusto la mente di uno che non ha mai lavorato in vita sua poteva partorirlo.

Mi aspettavo ed ero convintissimo che non sarebbe mai partito e sono felice della fine che ha fatto perchè avrebbe reso impossibile lavorare e avrebbe garantito la massima impunità per ogni traffico illecito.

Ma qualcuno ha un idea di cosa avrebbe provocato, se applicato, questo provvedimento ? Nessuno e sottolineo nessuno degli agenti stradali sarebbe stato in grado di verificare alcunchè, si sarebbero dovuti istruire migliaia di addetti, creare piattaforme informatiche funzionanti per davvero, tecnici in grande numero, ecc. Insomma, costosissimo nonchè inefficientissimo e soggetto, per natura, a mille possibili disservizi (copertura GPRS, copertura GSM, possibili black-out informatici e altro).

Nel frattempo... hanno distribuito qualche milione di chiavette USB col logo del ministero (unica cosa che mi resta al modico costo di 500 euro a chiavetta), qualche decina di migliaia di "scatolette" GSM, altrettanti apparati GPS, hanno incassato milioni di euro di contributi d'iscrizione, hanno fatto attivare migliaia di apposite utenze telefoniche, hanno fatto incassare migliaia di euro agli elettrauti (ma solo ad alcuni, quelli abilitati) e hanno obbligato migliaia di imprese ad affrontare spese di informatizzazione e di aggiornamento.
Potete immaginare quanto ci sia costato tutto questo ? E loro con un minuscolo comma, cassano tutto e fanno finta di niente: Abbiamo scherzato.

In sostanza restano la grande, bieca e cieca presunzione di chi lo ha pensato e voluto, l'inettitudine macroscopica di chi ha provato a imporlo, e l'obbligato realismo di un triste ministro al tramonto che, con le tasche rovesciate ha capito che non è mai stato fattibile.

L'ennesima, enorme, figura di merda a nostre spese.

AGOR 26.08.11 18:52| 
 |
Rispondi al commento

specie quando a fare le spese della italica furbizia è l'ambiente ,tanto è di tutti e quindi di nessuno e allora ne faccio quel che cavolo mi fa più comodo

emi_cori 26.08.11 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Io non ho dovuto installare niente pero' sono gia' due anni che pago il contributo e aspetto che parta..... E se non pago un servizio che non funziona .... Multe...

Simone . 26.08.11 17:36| 
 |
Rispondi al commento

L'argomento è stato trattato più volte dal giornale online punto-informatico.it (unico in italia a trattare seriamente gli argomenti informatici) lascia perdere i giornali cartacei sono buoni solo per pulirsi il culo :-P Salvo giusto il fatto quotidiano (ma solo per argomenti di politica pura)

Elric Etnegar Commentatore certificato 26.08.11 17:34| 
 |
Rispondi al commento

o_O e adesso cosa fai con l' apparecchio???

cristina ., como Commentatore certificato 26.08.11 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il problema è che gli stessi apparecchi sarebbero dovuti essere applicati sui camion della spazzatura, compresi quelli di Napoli...
Indovinate un po' xkè nn se n'è fatto più nulla?

L A 26.08.11 15:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori