Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lo sviluppo dell'Italia


star_fields_Hubble.jpg

In un Paese dove l'evasione è congenita e premiata, la corruzione è spesso il secondo abito dei partiti e dell'amministrazione e gli sprechi una costante, indicare i tagli è relativamente semplice. Lo sviluppo è invece, molto più complicato. Tagliare è necessario, ma bisogna avere un'idea di futuro (oltre che riformare profondamente lo Stato). L'Italia deve ripartire. E' chiaro cosa non è sviluppo. Non lo è l'economia del cemento, delle automobili, della finanza speculativa e della distruzione dell'ambiente, dei flussi migratori incontrollati.
L'Italia deve ripartire, c'è riuscita altre volte nella Storia, con i Comuni, il Rinascimento e la parte più nobile del Risorgimento. Bisogna sognare, ma anche essere molto pratici. Non c'è più tempo e la classe politica è totalmente incapace di proposte, è un'accozzaglia di vecchi parassiti con il contorno di qualche ex giovanotto vanaglorioso. Merce avariata per il nostro futuro.
Qualche modesta proposta:
- il marchio Made in Italy deve essere utilizzato solo dalle aziende che producono in Italia, il marchio vale spesso quanto il prodotto, oltre ai capitali devono rientrare gli stipendi dei lavoratori
- le aziende che producono utili e li reinvestono in ricerca e sviluppo devono essere detassate
- i finanziamenti europei, pari a 9 miliardi di euro annui, ma che potrebbero salire a 13 se fossimo più efficienti nel predisporre i progetti da presentare, vanno investiti in società esistenti e start up votate alle nuove tecnologie in modo trasparente e dopo una discussione parlamentare
- i 22 miliardi della Tav in Val di Susa vanno destinati alla Ricerca Universitaria
- i 6 miliardi della Gronda di Genova vanno destinati all'eliminazione del Digital Divide e alla diffusione della Rete
- i 4 miliardi del Ponte di Messina vanno destinati allo sviluppo della Cultura, valorizzando i musei e i luoghi storici e d'arte
- la dorsale telefonica, oggi gestita da Telecom, deve essere resa disponibile da un ente terzo a qualunque azienda offra servizi attraverso la Rete
- la tassa CIP6 va erogata integralmente al finanziamento delle aziende di energie rinnovabili, non più a inceneritori e agli scarti delle imprese petrolifere
- incentivazione agricoltura nazionale, in particolare prodotti a km zero, con l'obiettivo di rendere l'Italia autosufficiente dal punto di vista alimentare
- la distruzione dell'ambiente, dal capannone industriale abusivo all'inquinamento dei corsi d'acqua. deve diventare un reato contro il patrimonio comune, ogni (pesante) sanzione dovrà andare in un fondo apposito per lo sviluppo del Turismo.
Aspetto le vostre indicazioni, non vedo l'ora di leggerle!
Ps: grazie per le proposte sulla manovra economica, seguiranno sondaggio sui punti e documento in Rete

Soldi rubati - di Nunzia Penelope

Soldi rubati - di Nunzia Penelope
I cittadini sono poveri perché i delinquenti sono ricchi
Acquista oggi la tua copia.


lasettimanabanner.jpg

20 Ago 2011, 14:43 | Scrivi | Commenti (1054) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Li offro di prestito di 1.000 euro a 800.000 euro ad ogni persona capace di rimborsarlo con interesse ad un tasso che va di due a cinque percenti secondo la somma chiesta e la durata di rimborso. Allora se avete bisogno di fare un prestito la fornitura di alcune parti vi sarà richiesta. Scrive al mio e-mail privato che è: Posta elettronica: oceany_finance@hotmail.fr

NB: Astenersi se non siete seri sotto pena d'azione giudiziaria

oceanyf 02.04.13 20:46| 
 |
Rispondi al commento

ho notato che un paio di anni fa molti qui nel sito avevano commentato problema delocalizzazione,acquisto prodotti cinesi in massa ecc. poi l'argomento è scmparso,forse si sono tutti concentrati nelle storie di berlusconi...in realtà posssiamo fare tutte le manovre che vogliamo,ma per creare lavoro la soluzione è solo limitare importazioni da paesi dove si lavora troppo,senza diritti e pagati niente.e ci includo anche corea,ricca e sviluppata,ma hanno 5 gg ferie all'anno e vendono in dumping per schiantare concorrenza.ci vorrbbe un azione di massa per chiedere dazi su importazioni( questo feticcio del libero commercio e globaliizzazione a chi giova?), e agire a livello individuale scambiandosi informazioni sui prodotti che siano realmente fabbricati in italia, e non solo marchiati. in internet non si trova,ma se ci impegniamo possiamo smascherare chi importa mette solo etichetta, e previlegiiare,anche se più caro, chi veramente resta a lavorare in italia, o come minimo nella cee.

marco f., genova Commentatore certificato 02.12.11 03:01| 
 |
Rispondi al commento

Non ce la faremo mai, siamo votati all'autodistruzione!!

Maurizio Martin 04.10.11 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, condivido tutte le tue osservazioni.
Tutti uniti. Roberto R.

roberto rossin 04.10.11 16:10| 
 |
Rispondi al commento

detassare l'IRAP SAREBBE OTTIMO PER LE IMPRESE.
CI SONO IMPRESE CHE SI STANNO AUTOSMANTELLANDO PER RIDURRE IL PERSONALE A LIBRO PAGA.RIMANGON 3 RESPONSABILI E IL RESTO SI PRENDE FUORI.ANCHE MOLTO FUORI VEDI ROMENI CHE LAVORANO CON I LORO CONTRATTI DA STACCIONI,ECC

BISOGNA PRODURRE QUA!
CHE I ROMENI PRODUCONO LA!
CHE I NOSTRI CERVELLI PRODUCANO QUA!

CHE GLI INDUTRIALI ATTUANO QUESTO RIBASSO FISCALE
SUBITO

ALESSANDRO BUZZI 03.10.11 04:10| 
 |
Rispondi al commento

propongo di togliere la patrimoniale sulle imprese piccole e medie.
Se ad esempio acquisto una macchina utensile o utensile per fare lavorazioni saltuarie, ma che sono in grado di migliorare la qualità del lavoro, non vedo perchè debbano essere tassate come se io le utilizzo tutti giorni.
Oggi funziona così, quindi meno macchine hai meno paghi, la conclusione è che tu potresti produrre piu' qualità contenendo il prezzo, e quindi in breve periodo aumenteresti la produzione, invece non ti conviene farlo perchè quei cani che ci governano vogliono soldi, tanti e subito,da chi lavora regolarmente.
Con la patrimoniale le piccole imprese saranno sempre piu' piccole, a loro crescere non conviene, a discapito dei posti di lavoro e della qualità dei prodotti, fondamentale per competere sul libero mercato.
Spero di essermi spiegato perchè voi di lavoro credo ne capite poco,

Marco Blua 02.10.11 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia fondamentale innanzitutto un cambio antropologico della mentalità degli italiani, possibile solo lavorando "a monte", cioè sulla qualità e l'importanza della scuola, dell'istruzione primaria. La preparazione e la capacità da parte degli insegnanti di "creare" buoni studenti dovrebbere essere testata profondamente e remunerata a dovere, a tutti i livelli, dalla scuola elementare all'università. Questo porterebbe a risultati nel medio-lungo periodo, ma sarebbe importante iniziare subito a cambiare registro, per ridare il paese in mano alla cultura e al sapere invece che ai maneggioni, ai papponi e agli ignoranti.

Più a breve termine, sarebbe fondamentale istituire pene severissime per gli evasori fiscali (equiparabili all'omicidio, in quanto di omicidio dell'equilibrio della comunità sociale si tratta), i corrotti e corruttori, i mafiosi, etc. Il tutto condito dall'istituzione di organismi di controllo i cui responsabili siano ben pagati e continuamente testati per verificarne l'incorruttibilità (con intercettazioni ma anche finti corruttori che provino a "tentare" il responsabile).

Una volta assicurate pene severe e controlli capillari, sarebbe necessario abbassare le tasse per liberi professionisti e (soprattutto) per aziende di nuova formazione, assumendo che il rischio d'impresa di per sè meriti un riconoscimento, in quanto utile all'intera nazione, e facendo quindi pagare meno tasse. Questo per incentivare la creazione di nuove professioni e aziende, iniziando a creare negli italiani una maggiore attitudine al rischio, impossibile con le attuali imposte (se un giovane ricercatore vuole aprire una piccola azienda spin-off, ci pensa 1000 volte e poi non lo fa, perchè la tassazione è eccessiva e c'è il rischio (grosso) che paghi più di quello che incassa, soprattutto nelle prime fasi.

Sarebbe poi fondamentale finanziare la ricerca di base ma anche istituire centri di ricerca focalizzata su problemi specifici: nuove energie rinnovabili, trasporti,etc.

Leonardo Ricotti 01.10.11 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per combattere l'evasione fiscale, bisognerebbe abbassare subito le aliquote e dare la possibilita a tutti di detrarre o dedurre dal proprio reddito tutte le spese di ogni genere, che ogni individuo, di qualsiasi età, sostiene.
salute e saluti a tutte e a tutti.

ivan padula 01.10.11 00:20| 
 |
Rispondi al commento

La mia proposta:

al fine di liberare il territorio dall'edilizia selvaggia, propongo di defiscalizzare totalmente le demolizioni mantenendo per x anni però il diritto di riedificare la cubatura.

VANTAGGI: mi sbarazzo di immobili fatiscenti. La demolizione la deduco totalmente dalle tasse. FAccio lavorare imprese del settore. Non pago più oneri e tasse su un immobile inutile.

Però al contempo non perdo il diritto edificatorio, ma lo conservo per un tot di anni (10-20-30?). Un domani se si ripresenteranno le condizioni potrò riedificare. Magari per quella legalmente!

Penso che in tal modo si possa rendere appetibile quello che ora è solo corrisponde solo ad un onere e alla perdita di un diritto acquisito.

Grazie,
Riccardo

riccardo pippo 30.09.11 20:51| 
 |
Rispondi al commento

legalizziamo le droghe leggere. Cosi si garantisce la libertà del singoli che vogliono fumarsi uno spinello, si svuotano le carceri dei migliaia di ragazzi arrestati per qualche spinello, si evitano i costi che i tribunali sostengono per portare a processo questi ragazzi, si toglie alle mafia un importante parte del loro business, si aggiunge una entrata per lo stato grazie agli introiti che si potranno ottenere, la percentuale di fumatori potrà diminuire poiché quello che non è proibito tira meno di quello che è proibito (in Italia la percentuale di fumatori continua ad aumentare mentre in Olanda continua a diminuire).

VINCENZO terrusi 30.09.11 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Siccome non mi fido più di nessun politico, oltre alla riduzione dei parlamentari almeno di due terzi per la camera dei deputati e del senato, e riduzione dei parlamentini regionali al 50%, va fissato uno stipendio per gli uni e per gli altri da 3000 a 5000 € netti e non devono aver diritto a nient'altro. Tutti i benefit, i vitalizi ecc. devono essere eliminati. Tutti i doppi, tripli ecc. incarichi e pensioni devono essere eliminati. Durante il mandato parlamentare ci deve essere il divieto di esercitare la professione precedente e conservare il diritto al rientro alla fine del mandato. Non più di due legislature per evitare che le radici si espandono a dismisura. Loro sono dipendenti del popolo e non devono potersi aumentare lo stipendio a loro piacimento ma proporre ad un organo terzo, scelto a sorteggio tra il popolo e valido per una sola seduta perchè altrimenti se lo comprano, il quale deve decidere sulle richieste che riguardano i nostri dipendenti. Loro sono in continuo conflitto di interessi perchè nessun lavoratore dipendente può stabilire lo stipendio ed i benefit a suo piacimento, loro sì. Inoltre, la loro pensione deve essere il risultato dei contributi versati per 40 anni di servizio come per tutti gli altri. Se dovesse andare a lavorare a Roma o a Milano un qualsiasi vincitore di concorso, gli danno lo stipendiuccio e null'altro. Rendere sconveniente, per alcuni, fare politica farebbe bene al Paese. Bisogna fare in modo che la politica la faccia chi ha la passione per la politica e non per i quattrini. Bisogna starci col fiato sul collo sempre. Mael

Emanuele 30.09.11 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
perchè in questo paese è così difficile fare delle cose semplici...perchè gli italiani sono così disinteressati a cosa c'è da fare per il paese, cosa c'è da fare direttamente e non delegando altri.
Eppure provvedimenti semplici appunto potrebbero essere adottati e darebbero sicuramente uno slancio a questo paese e a tutti gli italiani. Cose già dette e ridette:
1) abolizione del politico di professione, presente solo in Italia. Una carica politica, qualsiasi, dal consigliere al sindaco al parlamentare, insomma qualsiasi, può essere ricoperta una sola volta nella vita.
2) lotta evasione fiscale, con carcere vero a chi evade, controlli serrati come in America, dal piccolo commerciante alle grandi industrie
3) basta finanziamento pubblico ai partiti
4) nessuna carica politica, qualsiasi essa sia, a condannati con sentenza
5) incentivazione energie alternative, basta petrolio. case ecologie e indipendenti energeticamente, auto, moto, mezzi di trasporto a emissioni zero
6) basta finanziamento ai giornali
7) non si può possedere più di un giornale o di una emittente TV o radio
8) incentivazione alle nuove tecnologie. sono stato a comperare i libri di scuola ai miei ragazzi e ho visto lo speco di soldi, carte, tempo e lavoro, che si fa ogni anno. Eppure pensavo che basterebbe incentivare l'uso di un e-book, scaricare i libri via mail, installare tutto sull'e-book e quindi basta carta, basta zaini stracolmi, basta sprechi, tutto li in un e-book per tutte le materie
9)riduzione del numero di parlamentari e elezione diretta per qualsiasi carica politica
10) adeguamento stipendi delle cariche politiche agli standard europei
11)investire nella ricerca, istruzione pubblica e formazione post scuola
12) erogazione cassa integrazione a fronte di servizi socialmente utili
13) incentivi alle aziende a produrre in Italia e disincentivi a delocalizzare produzione all'estero
14)dismissione impianti inceneritori e adottare politiche per rifiuti zero. Incentivare raccolta di

Ciro Tieri 29.09.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

MA CHE GRANDE SEI BEPPE!!!Ed io pienamente soddisfatto,SOTTOSCRIVO TUTTI I PUNTI SHE CI HAI FIN QUI ELENCATO!!Perchè è anche ora che la si finisca di stàr quì fare...:la verdura di palazzo chigi!!Ma porca paletta!!E poichè le idee per migliorare,ogni giorno si rinnovano e le soluzioni,non son mai abbastanza!Proporrei di affondare tutti quei più vecchi pregiudizi,per rinnovare,più utilmente(!):la casta del popolo!!
Dove sarà più l'adunanza dei cittadini:A DECIDERE SECONDO QUEI TEMI PIU' IMPORTANTI A TUTTI I LIVELLI!!MA PORCA PALETTA!!Buonasera!S'andrhò

AlessandroPaoloRho 29.09.11 15:04| 
 |
Rispondi al commento

legge antievasione: 1 azienda = 1 finanziere o team di finanzieri x grossi gruppi. E man mano si recuperano soldi si abbassano le imposte alle imprese...

Stefano 29.09.11 12:21| 
 |
Rispondi al commento

-Creazione di un concorrente pubblico in tutti i settori ove c'è un forte rischio di oligopolio.
(es. Istituzione di una assicurazione di stato i cui proventi siano devoluti alla manutenzione e alla sicurezza stradale )

-Pubblicizzazione di tutti i servizi intrinsecamente in regime di monopolio.

-Gestione totalmente pubblica delle infrastrutture (ad esempio anche i centri commerciali dovrebbero essere considerati delle infrastrutture).

Dario Chiantello 29.09.11 12:07| 
 |
Rispondi al commento

CARO GRILLO TRA LE PROPOSTE PER IL RILANCIO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MANCANO DUE COSE ESTREMAMENTE IMPORTANTI:
1) IRAP PER LE AZIENDE DA CORREGGERE A FAVORE DEL COSTO DEL LAVORO (OGGI SI PAGA L'IRAP SUL COSTO DEL LAVORO E SI DETRAE PER GLI ACQUISTI FATTI AD ESEMPIO NEI PAESI A BASSO COSTO DI MANODOPERA)
2) LO SCUDO FISCALE PER I SOLDI (E SONO TANTI!!!) TENUTI ALL'ESTERO DOVRA' ESSERE ELEVATO ALMENO AL 25% OPPURE COMPLETAMENTE DEFISCALIZZATO SE REINSERITI NELLE AZIENDE PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI!!!!

WALTER DEL GATTO, SAN BENEDETTO DEL TRONTO Commentatore certificato 29.09.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Per fare sviluppare l'Italia:
1) Riforma della Giustizia: obbligo restituzione del danno causato (in denaro+ interesssi+danni collaterali a terzi) e se impossibilitati = lavori forzati ed obbligo da parte di chi muove accuse (magistrato), nel caso perda, di subire la condanna per la quale muoveva le accuse con solo due gradi di giudizio.
2) Legge che obblighi le Banche a pagare un interesse, sui depositi di denaro, non in percentuale assoluta ma in percentuale aggiuntiva all'inflazione, per esempio; come minimo un punto in più dell'inflazione (poi si faranno concorrenza tra loro a chi offre di più...).
3) Legge che obblighi le Assicurazioni Auto a suddividere le Categorie di Danno (alla propria vettura ed a terzi) con pagamenti separati per il tipo di rischio e, per quelli alla propria vettura, con tetto massimo del valore della vettura stessa, per esempio: se assicuri la vettura per furto e la vettura vale €10.000 e paghi una rata di € 1.000/anno, dopo 8 anni non paghi più niente - e l'assicurazione resta per sempre - perchè hai già pagato l'intero valore della macchina (che nel frattempo si è svalutata).
4) Legge che obblighi a remunerare un dipendente anche con una parte degli utili aziendali.
5) Eliminazione TOTALE di ogni beneficio extra stipendio per coloro che lavorano per le Pubbliche Amministrazioni (parlamentari inclusi): includendo la regolamentazione delle loro pensioni.
6) Tassa sulla vendita di tutto ciò che non viene prodotto in italia.
ecc., ecc., ecc., ecc..

Nicola Loconte 29.09.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti. La mia proposta è di trasferire il trasporto delle merci a lungo tragitto dalla "gomma" alla rotaia od ancor di più al mare (il nostro paese è completamente attorniato dal mare!), lasciando al trasporto su strada solo e SOLAMENTE quello che potremmo definire l'"ultimo miglio". Tutto ciò consentirebbe un risparmio in termini di inquinamento ambientale e probabilmente anche una riduzione dei costi ma soprattutto servirebbe a salvare molte vite umane. Ricordo a tutti che la maggior parte degli incidenti stradali, almeno in autostrada, è causato o coinvolge da mezzi pesanti.

Luigi Ferrante 29.09.11 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Il vero dilemma, cari commentatori, dipende dalla difficoltà nel mandare a casa questi signori. Noi parliamo, apriamo meetup, gruppi su FB, discussioni infinite e a volte ci mandiamo anche a quel paese ma la CASTA dei fantozzi travestiti da politici resta al suo posto a 25.000 € al mese.

Corrado Di Puccio (), Genova Commentatore certificato 29.09.11 02:55| 
 |
Rispondi al commento

PROPOSTA
vISTO E CONSIDERATO CHE IL RISPARMIO è TUTELATO COSTITUZIONALMENTE SAREBBE IL CASO CHE SI CHIARISSE LA DIFFERENZA TRA RISPARMIO E il capitale di rischio, perchè un conto è quello che mette da parte una famiglia in tutta la vita (500.000 ?!, un milione di EURO?!) e altra cosa è possedere miliardi di EURO come i fondi sovrani.
Allora il RISPARMIO è giusto tutelarlo nel suo potere d'acquisto (magari con Buoni del Tesoro speciali che coprono interamente l'inflazione), viceversa il C.D. Capitale di rischio.
Purtroppo non capisco perchè fino ad oggi nessuno si sia posto il problema di DISTINGUERE, anche per fare capire a noi comuni mortali con gli interventi pubblici chi dovremmo salvare?

Giuseppe TOMAO 28.09.11 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Abolizione della tassa dei rifiuti calcolata sui mq. Faccio la differenziata chirurgica, separo l'etichetta di carta dal vetro, ritaglio la finestra di plastica dalla busta di carta... Al supermercato uno dei miei parametri per l'acquisto è il minore imballo. Quando porto i rifiuti in strada per la raccolta mi scappa sempre l'occhio sui sacchi da 40 lt di "mistone secco fantasia" del vicino. Paga la metà di me di tassa perchè abita una casa più piccola ma produce 4 volte i miei rifiuti e non differenzia. E' giusto che qualcun'altro paghi i suoi rifiuti? Se la tassa la pagassimo al momento dell'acquisto del prodotto, sarebbe più equa e avremmo più rifiuti "veramente riciclabili" (vetro, alluminio, acciaio, carta ecc.)

mario bellocchio 28.09.11 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Non so se è stato già detto perché non ho potuto leggere tutte le proposte, ma io vorrei aggiungere anche la valorizzazione dei beni culturali italiani con relativo impiego di circa 4 milioni di dipendenti pubblici (attualmente sono 4,5 milioni e la Francia va avanti con 300 mila) nei musei che lo Stato DEVE costruire per sfruttare il patrimonio culturale. Ciò darebbe lavoro anche le imprese edilizie, che finalmente costruirebbero qualcosa di utile, invece delle solite cattedrali nel deserto (leggi migliaia di appartamenti sfitti e invenduti senza infrastrutture con relativa deturpazione dell'ambiente), e potrebbe far incassare moneta sonante portata soprattutto dall'estero che andrebbe ad alleggerire in modo spaventoso la nostra pressione fiscale. Considerate che già una quindicina di anni fa, un grande economista disse che se l'Italia avesse sfruttato le risorse di "beni culturali", sarebbe stata una delle nazioni più ricche al mondo. Ergo, invece di stanziare 66 miliardi di euro per la TAV a favore di qualche colluso con la politica, perché non sono stati destinati alla costruzione di musei e di infrastrutture dando lavoro a milioni di italiani? Provate ad andare da Bari a Reggio Calabria: non c'è nemmeno un'autostrada e bisogna fare il giro da Napoli come nel Monopoli!!! Però facciamo la TAV perché è fico e per far arricchire le solite imprese che hanno i giusti appoggi.

Andrea Vezzi 28.09.11 19:26| 
 |
Rispondi al commento

ora che abbiamo il programma.... perchè non andiamo a presidiare montecitorio????
So che ognuno di noi è impegnato con i casini della propria vita, ma se ci diamo il cambio riusciamo a creare gli INDIGNADOS ITALIANI e farci sentire a tutto il popolo italiano e proporre le idee di un vero programma!!!

Proviamo a salvare questo BELLISSIMO PAESE!

L'altro giorno ho visto presa diretta (RAI3).... e mi piangeva il cuore vedere cosa hanno costruito in Germania senza avere nulla..... noi siamo la patria della cultura, dell'arte, della natura ma soprattutto dell'ingegno!!!

ITALIANI PRESIDIAMO AD OLTRANZA IL PARLAMENTO!!!
i media italiani o stranieri saranno costretti prima o poi a riportare le notizie!

marco zanandrea 28.09.11 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Incentivazione del trasporto collettivo e conseguente riduzione del trasporto individuale, con trasferimento di risorse (soldi) dallo Stato alle imprese di trasporto pubblico.
E basta con 'ste auto scorreggione di gas velenosi!

oreste l., albenga Commentatore certificato 28.09.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Leganord=Mafia - Mafia=Leganord

Per i babbei padanilegaioli che non comprendono l'equazione diciamo...
Chi ha permesso a berlusconi di rimanere al potere negli ultimi 17 anni con conseguenze economiche spaventose ? Chi si è trasformato da partito del popolo a partito casta ? Chi è stato condannato per tangenti enimont? Chi si è reso responsabile in prima persona della legge porcata ?

Dopo Milanese anche il ministro delle politiche agricole Romano sarà salvato. La Lega si allinea alla posizione della maggioranza e il ministro dell'Interno nega persino le critiche della base.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/24/romano-maroni-non-ce-motivo-di-sfiduciarlo/159752/

Leghisti e legaioli avete salvato l'ennesimo delinquente un certo "milanese", ora salvate anche Romano, capisco che ormai siete romani, fate una cosa seria nella vostra vita seppellitevi e questo paese comincerà a respirare un'aria più pulita !

http://www.repubblica.it/politica/2011/09/22/dirette/milanese_voto-22047813/

Andate a lavorare o seppellitevi anche se la prima opzione è impossibile per voi avete scelto la politica per far soldi, ben sapevate che era un'occasione unica e irripetibile, quindi non vi resta che la seconda opzione tanto prima o poi la morte arriverà anche per voi e c'è già chi spera sia prima possibile.

E vai con l'ampolla cosa ci avete messo dentro pipì o cianuro?
Poi il bossoli dice "Speriamo che l'acqua del Po ci porti fortuna" mi domando a chi spero porti fortuna ai cittadini italiani che ne hanno piene le palle delle balle dei segaioli padani.Andate a lavorare in miniera razza di ignoranti, adoratori del nulla, idolatri perenni.

http://www.corriere.it/politica/11_settembre_16/bossi-monviso-italia-padiana_930b1c38-e059-11e0-aaa7-146d82aec0f3.shtml

Castelli leganord. Sono povero Guadagno solo 145mila euro l'anno. Così il viceministro alle Infrastrutture durante la trasmisisone de La 7 'Piazza pulita'
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/castelli-sono-povero/2160919

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.09.11 16:43| 
 |
Rispondi al commento

I beni sequestrati che hanno una forte perdita di valore nel tempo (Es. auto, elettronica ecc..) e/o costi di deposito elevati e/o facile usura. Verranno immediatamente messi all’asta (su internet). Il ricavato verrò congelato fino al termine del processo, al termine del quale verranno restituiti se risulterà non colpevole altrimenti andranno allo stato.

In questo modo lo stato non affronterò i costi di deposito, la merce non sarà a rischio usura e obsolescenza, sia il cittadino e lo stato al termine del processo non si troverà con in mano prodotti di scarso valore (confrontato con il valore di inizio processo).

Lo stato in questo modo non avrà i costi di deposito e nel caso l’imputato fosse colpevole riuscirebbe ad incassare un valore notevolmente maggiore e un prodotto di più facile commercializzazione.

Es. Sequestro di un parco macchine 100 auto, il processo dura 4 anni, per questi 4 anni le auto hanno avuto un costo di deposito, sono state soggetto ad intemperie e hanno perso il loro appeals sul mercato e un forte abbassamento del valore monetario.

Andrea Rossi 28.09.11 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono contento che buona parte delle proposte siano destinate alla valorizzazione culturale del nostro paese con conseguente sviluppo del turismo, risorsa primaria dell'Italia.

Ludovico Manzotti 28.09.11 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Nella trasmissione GLI SGOMMATI di venerdì sera, c'è stata una splendida Gag con Tremonti fulminato dal Signore poichè aveva chiesto al Papa di abolire l'8 x Mille alla Chiesa.

Ma è davvero così improponibile questo taglio di finanziamenti alle Istituzioni Religiose?

Marco Palazzi 28.09.11 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Puntare alla autosufficienza sostenibile dei territori, non solo ambientale, ma anche sociale, economica, energetica, ecc...,

la sostenibilità e l'autosufficienza devono essere gli obiettivi da perseguire per sostenere la vivibilità ed il benessere di tutti,

chiunque mini questi principi dovrebbe essere sanzionato o gli deve essere impedito di farlo, perchè minerebbe il benessere di tutti,

benessere ovviamente inteso che non tutti diventiamo "ricchi" ma che ogni individuo abbia di che sostenersi e vivere degnamente,

Saluti

Gianluca Sassi 27.09.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

vorrei segnalare la MYBNK che e' stata fondata da una ragazza italo-inglese a Londra . la chiamano la banchiera dei giovani e fa microcredito ai giovani ispirandosi al sistema inventato da Muhammad Yunus.
lei si chiama Lily Lapenna.
per saperne di piu' visitate www.mybnk.org
ciao a tutti dall'inghilterra.
p.s. Beppe non mollare mai........

franco c., bath spa Commentatore certificato 27.09.11 02:05| 
 |
Rispondi al commento

Per recuperare un po' di dignità, dobbiamo riappropiarci della moneta circolante, il PIL dovrebbe solo servire a gestire la sua quantità ma ormai tutti i concetti di economia sono a ndati a farsi fottere e quindi dobbiamo riprenderci la moneta sovrana, l'Euro dobbiamo usarlo solo per comprare ciò che viene da fuori ma non dal nostro panettiere....
Moneta complementare su Ecologicaleaving con GAIA

ascanio tagliaferri 26.09.11 00:33| 
 |
Rispondi al commento

Le cose da fare sono tantissime fra le più urgenti:
-Abolizione dell' otto per mille
-Nazionalizzazione Banca d' Italia, Società Autostrade,SNAM
-Nazionalizzazione beni immobili e crediti di proprietà di partiti
e di sindacati
-Abolizione immediata della legge 30 sul precariato
-Ritorno alla tariffa equo canone con penali per il non utilizzo
degli appartamenti
-Rinserimento della scala mobile sugli stipendi dei lavoratori
dipendenti
-Moratoria immediata della cementificazione di aree verdi
-Stop completo di tutte le opere pubbliche che non hanno un
ritorno economico come ad esempio la coogenerazione
l' efficenza energetica o la connessione libera e gratuita
-Riforma delle pensioni in base ai contributi versati e con un
un tetto di massimo 2500 €
-Riforma delle società cooperative solo mutualità prevalente
-Ritorno immediato del controllo dell' acqua da parte dei
comuni.
Ci sarebbero altre mille cose da fare da ognuna ci rimette u potente ma ci guadagna un cittadino
-

-

Luca Toni 26.09.11 00:11| 
 |
Rispondi al commento

E un piacere leggere che c'e' un Italia fatta da persone indignate e operose. Persone consapevoli che il paese e avvolto in una spirale di sprechi, mal governo e cattivi costumi. Bene tutto questo lo sappiamo gia' e finche' non ci doteremo di una legge elettorale che esprime il consenso dal basso e non shiava delle decisioni dei partiti non avremo gli strumenti e le persone che possano riorganizzare il sistema paese.
Quindi e propedeutico rifondare la legge elettorale immaginando doppi turni dove qualsiasi lista civica si possa presentare senza essere sponsorizzata da questo o l altro polo (tanto sono tutti le stesse cozze) e al secondo turno eleggere quei candidati che hanno vinto il primo turno, espressione di una scelta popalare libera, che premia l impegno civico e la capacita di attrarre consensi su programmi concreti e non false ideologie. Una volta ottenuta una classe politica di altro stampo si dovrebbe procedere a riqualificare l Italia e le sue regioni in aree Agricole, Industriali, Culturali e di Sviluppo, Turistiche per mezzo di patti territoriali che tenendo conto del costo locale della vita agevolino le condizioni per la creazione di nuove inprese e lo sviluppo di quelle gia esistenti. Lo stato inoltre a mio avviso deve essere una struttura snella al di fuori dai processi produttivi e gestionali della economia quindi si a privatizzazioni in cui non si creino nuovi monopoli nel campo dei servizi urbani, nella gestione di carceri, strade e autostrade, acquedotti,sanita, scuola, reti elettriche e telefoniche, dove si premieranno con adeguate detassazioni quelle strutture chemigliorano il rapporto costo/prestazione. Inoltre per l'istruzione andrebbero accorpate varie scuole e dotate di servizi post scolastici come campi di calcio, piscine, piste di atletica ecc dove allevare i campioni di domani.
Non toccherei invece le grandi industrie manifatturiere ma incentiverei il trapasso tecnologico con le universita e detasserei tutti gli investimenti in ricerca.

Alfio Biondi 25.09.11 20:51| 
 |
Rispondi al commento

BENE
- riutilizzo e riciclo dei "rifiuti" secco e umido nazionale;
- incentivo sviluppo energia da fonti rinnovabili casalingo, comunale e industriale tramite riconversione delle centrali;
- incentivo alla produzione di auto elettriche;
- incentivazione dell'agricoltura biologica e biodinamica, a Km0, e della filiera corta;
- incentivazione del Made in Italy solo per industrie che producono in Italia!
- ri-progettazione della viabilità dentro le città e a lungo raggio (individuazione delle aree di sviluppo)
- ri-progettazione dell'urbanizzazione (individuazione delle aree di sviluppo) dentro le città, e non più fuori, in base alle risorse naturali esistenti e al loro mantenimento (senza ambiente, niente uomo)
- incentivare il rientro di capitali aprendo i nuovi mercati delle rinnovabili, dei trasporti pubblici (riconversione non inquinante e potenziamento ferroviario);
- STOP definitivo alla guerra e tagli drastici alla difesa per ripristinare la sicurezza delle forze dell'ordine e della giustizia per lo sradicamento della corruzione e dell'evasione fiscale;
- sviluppo del turismo (mare, montagna, parchi, archeologia, scienza, ARTE, artigianato, enogastronimia)! incentivo alla realizzazione di infrastrutture turistiche pubbliche (si ritorna ai trasporti, all'urbanizzazione e alla viabilità)
- informatizzazione delle istituzioni (e conseguente sburocratizzazione)!!
- potenziamento della RETE Internet tramite WiFi e/o WiMax libero e gratuito
- disincentivazione e/o tassazione petrolieri, rendite finanziarie, speculazioni immobiliari, aziende inquinanti (anche chiuderle in assenza di adeguamento), ecc...
- incentivazione del VEGETARIANESIMO, pensate che se fossimo tutti vegetariani avremmo risolto la fame nel mondo e l'inquinamento da gas serra!!!!!!!! informatevi!!!! Basterebbe limitare l'uso della carne a 2 volte a settimana sostituendola con altri tipi di proteine non animali.... pensateci! è un mondo affascinante la gastronomia alternativa!
|) Peace

Alessandro D., Anzio Commentatore certificato 25.09.11 15:21| 
 |
Rispondi al commento

e quando diventerò ministro delle finanze farò così:

Lettera aperta al presidente del consiglio e ministro delle finanze.
Ogg.: FaF (finanziaria a fiducia)

Perché non pensare una finanziaria che dia fiducia al popolo italiano? Il popolo da la fiducia al governo tramite il voto ma il governo che fiducia da agli italiani? [parliamo di fiducia misurabile quanto il voto]
Ecco cosa consiglierei ai governanti ,prima di alzare le tasse o inventarsene di nuove. Abbiamo internet e la feroce-veloce tecnologia delle comunicazioni? allora usiamola !!!

Promuoverei una nuova aliquota per la tassazione all'impresa ed al lavoratore. unica e nella misura del 30% (oggi siamo intorno al 60%).
Poi lancerei al popolo italiano una sfida sulla fiducia, stabilirei 2 mesi prima della data di scadenza della denuncia dei redditi una presentazione pro-forma facendo notare a tutti che se si evadono le tasse è ovvio che la tassazione sale. Sensibilizzerei tutti a dichiarare tutto.
Renderei pubblico il budget di entrata da raggiungere.
Dopo la simulazione, se il budget di entrata è stato raggiunto o superato manterrei la promessa della tassazione al 30% altrimenti lascerei tutto come prima. Idem per i lavoratori dipendenti. Provate ad immaginare una ritenuta globale del 30% anziché quella attuale? I dipendenti che un bel giorno prendono il 20% in più? Ecco l’impennata dei consumi…
Questo non costa un nulla , è una simulazione ed in particolare è un segnale di fiducia Governo-Popolo. vi pare poco? vi pare difficile?
Poi metterei i contribuenti nelle condizioni di scaricare tutto, dalle sigarette al pane alla benzina a tutto . come? soltanto conservando lo scontrino fiscale. e che ci vuole a creare una gestione nazionale incrociata di scontrini fiscali tramite internet?

Non importa se destra, centro o sinistra, è importante l’approccio strategico e trasparente delle problematiche. L’importante è coinvolgere il popolo creando partecipazione al raggiungimento di obiettivi.

fabio lombardi 25.09.11 12:49| 
 |
Rispondi al commento

1) Creare una scuola veramente professionalizante. Si fa un percorso di studi per imparare un MESTIERE o per prepararsi all'università. Occorre una forte e vera semplificazione delle scuole superiori e delle facoltà universitarie.

2) Eliminare tutta quella selva di contratti super flessibili per i giovani e creare un contratto unico di apprendistato (facendo interagire scuole e aziende) in modo che i migliori e i più volenterosi che escono dalla scuola siano in grado velocemente di apprendere, realmente, un mestiere e inserirsi successivamente nel mercato del lavoro vero e proprio.

3) Fondo di sostegno a quei giovani che, senza soldi, ma con delle idee e un progetto promettente vogliono aprire una propria attività.

4) Affidare a soggetti terzi la gestione delle rete elettrica, del gas e delle ferrovie.

5) Smantellamento dei grandi monopoli.

6) Creare nella pubblica amministrazione meccanismi che premino i migliori e non i più raccomandati.

7) Lotta alla corruzione e all'evasione fiscale.

super 87 25.09.11 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Vivo in Francia, dove ho appena iniziato a fare gli studi universitari, prima però vivevo a Londra. In questi due paesi ho notato come i mezzi di trasporto pubblici sono in grado di rivoluzionare le condizioni in cui si vive: "mezzi pubblici" va di pari passo con "democrazia". A Padova, dove vivevo, se non hai una macchina (o due) per famiglia sei relegato al tuo quartiere, anche in piccole città da 200 mila abitanti. I mezzi pubblici che ci sono funzionano male, con orari del tutto casuali e corse che terminano spesso alle 20, mai oltre la mezzanotte.

Prendiamo l'esempio dell'Inghilterra: a Londra, metropolitana che va ovunque a qualsiasi ora (non di notte, ma per quello ci sono gli appositi bus anche alle 4 del mattino), treni efficientissimi (anche se costosi), etc. Insomma, se hai una macchina sei quasi scemo.

Forse non tutti lo sanno, ma a Londra (e nella maggioranza delle città francesi) esiste un servizio di condivisione di biciclette. Centinaia di stazioni con migliaia di bici a disposizione, carta di credito, prendi una bici gratis per la prima mezzora, la poggi in un'atra stazione e stai tranquillo. A qualsiasi ora. Cose che in Italia non vedremo mai, eh?

Una "rivoluzione dei trasporti" deve partire dai mezzi pubblici nelle città e dai treni regionali, che fanno entrambi pietà e rendono la vita impossibile agli studenti e ai giovani in generale.

Poi:

- Digital divide, a cui va assolutamente posto rimedio
- Riduzione dell'IVA almeno al 15%
- Abolizione (o reinquadramento) della SIAE, vera e propria organizzazione mangiasoldi: non è possibile che sta mafia legalizzata si intaschi 40 euro sul mio lettore mp3 nuovo solo perché "potrei metterci roba illegale dentro". Inoltre, sapete quanto costano in meno i prodotti di editoria all'estero?
- Finanziamento alla ricerca e all'istruzione
- Incentivare l'afflusso di cervelli
- Incentivo agli studenti senza fonti di reddito (in Danimarca hanno 700 euro al mese)

Queste le prime cose che mi vengono in mente.

Andrea Naccarato 25.09.11 12:07| 
 |
Rispondi al commento

LE AUTO BLU.
vorrei vedere auto ITALIANE che si contino sulle dita delle mie mani e max 2000 cc di cilindrata. Tutto il parco macchine che avanza riverniciarle e passarle alla polizia di stato che ha un parco macchine che supera i 200.000 km CD, cosi abbiamo la polizia che può girare ed un risparmi sulle auto blu (manutenzione,benzina,autostrade,svalutazione mezzi,autisti) pari a 18-20 miliardi l'anno. naturalmente i jet di stato (dove viaggia il papa, e ministri che vanno alla partita del quore) si viaggia sulla compagnia di bandiera, a cui vengono svenduti gli aerei. il papa quando ha saldato i conti dell'ici e quant'altro, allo stato Italiano protrà avere un biglietto sulla linea di bandiera agevolato, il suo seguito paga intero.

paolo grechi 25.09.11 10:24| 
 |
Rispondi al commento

abolizione dell'inps a carico di dipendenti ed autonomi. Detassazione importante per le aziende che assumono dei dipendenti a tempo indeterminato (l'apprendistato è razzismo, le aziende sono spinte ad assumere solo i giovani, quando abbiamo una montagna di persone di 40 e più anni che hanno perso il lavoro e non lo troveranno mai più).Partita Iva libera, senza codici e codicini di settore.La partita Iva dev'essere per tutti, per fatturare anche i lavoretti fatti al vicino di casa la sera, gli extra saltuari ecc..Possibilità per le famiglie di detrarre le sue spese totali (dalla spesa all'idraulico).Snellimento dei requisiti per aprire delle nuove attività di qualunque genere siano:commerciali,artigianali ecc..Sgravi fiscali importanti per le nuove attività.Tassazione delle abitazioni e degli uffici (affittabili poichè in buone condizioni) SFITTI.Blocco delle aperture dei vari franchising Carrefour, Trony, Euronics, Auchan ecc.. Fanno chiudere le piccole attività come l'alimentari di paese o il piccolo rivenditore di elettrodomestici.

carol 25.09.11 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Una cosa da eliminare immediatamente é la speculazione dell'incentivo delle energie rinnovabili.
STOP a tutti i mega-progetti di impianti fotovoltaici su terreni destinati ad uso agricolo ed invece incentivare lo sfruttamento di edifici industriali, edifici pubblici ed incentivare poi con finanziamenti ai privati per rendere gli edifici residenziali energeticamente autonomi. Il 40% dell'energia consumata in Italia é per uso domestico! Per cui 3 Kw per ogni abitazione e l'Italia si renderà energeticamente autonoma.

Lorenzo Padovan 25.09.11 00:41| 
 |
Rispondi al commento

Un 'problema' irrisolto: come calmierare i prezzi esorbitanti per gli affitti o per le vendite di case e magazzini commerciali(sono centinaia di migliaia). Immobili lasciati sfitti da parte di proprietari super ricchi che piuttosto di richiedere il giusto valore di mercato lasciano vuoti ed inutilizzati gli immobili. Ecco la proposta: costruttori o pluripropietari che dopo sei mesi o poco più dalla fine della costruzione di un immobile, o allo scadere di un affitto, dovranno pagare allo stato un mensile equivalente ad un terzo del valore. Il risultato sarebbe duplice. Molti giovani troverebbero finalmente affitti a prezzi corretti e dal costo di mercato reale, ed anche i prezzi di vendita si calmierebbero notevolmente, grazie ad una grande offerta di mercato. Obtorto collo, i pluri propietari sarebbero così tassati per un ignobile spreco sociale ed una speculazione indegna, e si ritroverebbero costretti a vendere o affittare a prezzi equi. Di certo non sarebbero tassate così prima e seconda casa, ma forse sin dalla terza, quarta ecc. se reiteratamente inutilizzate. Si potrebbe chiamare la 'Robin Hood Tax'.

Iscriviti o effettua l'accesso per poter
votare questa proposta

Baroneblù 24.09.11 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Riforma del sistema bancario in 3 punti:

1) Divisione NETTA fra banche commerciali (che erogano prestiti e mutui a privati e aziende) e banche di investimento (che investono in borsa). I due tipi di banche non possono avere controllanti o controllori comuni.

2) Innalzamento delle tasse da rendita finanziaria pari alla pressione fiscale nazionale dichiarata dall'ISTAT.

3) Decurtamento degli oneri fiscali del 50% per i guadagni delle banche commerciali derivanti dall'erogazione di prestiti e mutui agevolati alle aziende che assumono almeno 10 disoccupati in età tra compresa tra i 18 e i 35 anni.

Andrea P. Commentatore certificato 24.09.11 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Tutte proposte molto interessanti, io personalmente eliminerei i contributi a pioggia che vengono sfruttati solo dalle grandi imprese e detasserei quelle che reinvestono utili nell'attività, per la serie se sei in grado ce la fai da solo, altrimenti cambia mestiere.
Un idea anche per il sovraffollamento delle carceri, invece di mandare a casa tutti con amnistie e indulti vari, propongo che chi è colpevole di reati minori sconti la pena ( ridotta ad un terzo ) con lavori socialmente utili, non del tipo accompagnare le vecchiette, ma selezionare rifiuti non differenziati in un centro di smistamento dove magari vengono recuperati come materie prime secondarie, oppure ripulire fossati e canali di scolo delle acque piovane, senza pesare con i costi sulla comunità.
Passerei poi al sequestro coatto di tutti i beni a quei soggetti che si rendono responsabili di pensioni di invalidità fasulle, a partire dal dottore che certifica il tutto.
Insomma, una gestione dello stato come se fosse un'azienda, con un occhio alle spese e uno maggiore agli sprechi.

Eros Vinti 24.09.11 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Le mie proposte:

- Stabilizzare gli incentivi per la riqualificazione energetica (55%) prorogandoli di alcuni anni o renderli fissi con parametri più elevati. Ritornare alla detrazione su 5 anni anzichè gli attuali 5 anni.

- Allargare la detrazione del 36% sulle ristrutturazioni edilizie portandolo ad una percentuale maggiore (50% - 55%) per gli interventi di miglioramento sismico del patrimonio edilizio esistente.

- Ridurre gli oneri per il rilascio delle concessioni edilizie per gli interventi di ristrutturazione nei centri storici e all'interno del perimetro edificato delle città, contemporaneamente alzarli per gli interventi che vanno ad occupare suoli inedificati.

- Favorire le attività connesse con il ciclo dei rifiuti e alzare la quota di raccolta differenziata nei comuni al 75 - 80%

- Abbassare i prezzi dei prodotti che hanno imballaggi interamente riciclabili.

Giordano Cappella 24.09.11 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Beppe urge il nuovo portale per discutere di queste cose! il blog non è pratico! dai che siamo vicini alla vera democrazia diretta

giovanni 24.09.11 15:18| 
 |
Rispondi al commento

io propongo:

- 22 miliardi della TAV nella ristrutturazione di scuole (1 su 3 è inagibile)=> molto lavoro per molte persone
-Giustizia: un solo grado di giudizio, togliere la prescrizione, ampia differenza di pena tra chi patteggia (anche se di una multa) o collabora all'individuazione di delinquenti e chi invece fa ricorsi o non collabora
- cambio dell'incentivo sulle energie fotovoltaiche. Qui il discorso è più articolato.
Ora l'incentivo è pari al min tra energia prodotta e consumata. Ne consegue che al più non si paga la bolletta. Chi fa un contratto invece deve pagare le tasse sul guadagno.
Per incentivare: le società che distribuiscono l'energia devono pagare al cittadino l'energia netta che produce (differenza prodotta-consumata)almeno 1/3 di quella a cui lo stesso cittadino l'acquista. Poi se lo Stato ha i fondi aggiunge un'altra parte. Il guadagno di tale introito è esentasse. Il tutto vale all'inizio SOLO per fotovoltaico/eolico su tetti di strutture esistenti (case, negozi, capannoni ecc.ecc).
In questo modo tutti quelli che hanno la possibilità sono spinti a investire nell'energia rinnovabile=> molti posti di lavoro

- Informatizzazione della PA e della Giustizia=> molti posti di lavoro e nel tempo molta più velocità dei processi e delle pratiche burocratiche

- Togliere i notai sul modello Americano=> velocità di apertura aziende, abbattimento dei costi e dei tempi.

bulba peppe 24.09.11 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Da Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Impianto_fotovoltaico#cite_note-4):
" ...per coprire il consumo energetico elettrico italiano sarebbero necessari 1.861 km²[5] pari allo 0,62% del territorio italiano ...
il valore si ottiene considerando una potenza elettrica di picco di un modulo FV di circa 0,100 kW/m², con un tempo equivalente di funzionamento attorno alle 1500 ore/anno e considerando che il consumo di energia elettrica in Italia (tolto quanto coperto dalla attuale produzione idroelettrica) è di circa 300·10^9 kWh."

Giovanni Romeo 26.08.11 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se volete prendervi la briga di firmare (io poi la incollo),prego.
http://pinoz6700.blogspot.com/

Giuseppe D., CAGLIARI Commentatore certificato 25.08.11 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Ho una idea strampalata, ma se tutto può servir a fare cassa....

Si potrebbe far pagare diritti di copyright a coloro che usano nei loro film figure statali, ad esempio: se il registga inserisce nel suo film un carabiniere, questo deve pagare i diritti.
Un poco come le marche delle macchine insomma...

Francesco Colao 25.08.11 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei rendere pubblico quanto sono dannosi i CONI per l'igiene dell'orecchio.
Non è vero che tolgono il cerume, fanno solo sciogliere la cera o la paraffina nell'orecchio così da sembrare che abbiamo liberato l'orecchio da un tappo di cerume.
Ho vinto una causa contro il ministero della salute presso il tribunale di Imola (BO) e a distanza di circa 8 anni non li hanno ancora vietati.
Sono in possesso della documentazione che attesta quello che affermo, chi vuole pubblicarla me la puo richiedere alla mia mail: marco_nulla11@hotmail.com
Marco

marco Cavina 25.08.11 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Come bene illustrano i vari affreschi del Buon Governo sparsi nei palazzi municipali degli antichi Comuni (es. http://it.wikipedia.org/wiki/Allegorie_ed_effetti_del_Buono_e_Cattivo_Governo)
non c'è prosperità e sviluppo dove la giustizia non funziona.
Ridurre e semplificare le leggi (che lo stuolo infinito di avvocati italiani si trovi un altro mestiere, possibilmente non il politico o il costruttore edile), aumentare gli organici, snellire le procedure, insomma fare tutto ciò che è possibile per sanare la nostra giustizia malata. Investitori e imprenditori italiani e stranieri seri potrebbero finalmente fare affari in questo paese e l'economia e tutta la società civile ne trarrebbero subito un gran beneficio. Come fare? Beh ma di paesi dove la giustizia è rapida e funziona ce ne sono, andiamo a vedere come fanno.. scendiamo un po' dalle cattedre! I problemi son gli stessi in giro per il mondo.. qualcuno risolve i contenziosi tra aziende in giornata? qualcuno riesce a farsi pagare le tasse? qualcuno ha i fiumi puliti e i mari puliti? come c'è riuscito? Non sarà mica cosi complicato!

Fabio Zanini 25.08.11 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Credo che per poter ripartire bisogna assolutamente intervenire su tre macro-problemi e cioè:MAFIA - BANCHE - SERVIZI
Fermo restando che questi tre punti sono secondo me strategici affinchè ogni decisione presa sia efficace , provo a dare qualche suggerimento spicciolo.
1 - Fare uno storico di almeno 5 anni di quello che una qualunque attività ha versato allo stato (iva-irap-inps- 730- ecc)e calcolare mediamente quanto è stato pagato(si può fare sul singolo/categoria - su base regionale/provinciale/comunale)
.Prendere questo ammontare,aggiungere ogni anno la quota di svalutazione e farlo pagare a priori eliminando tutta la fiscalità attualmente in essere .Si avrebbe un immediato risparmio di 3/5mila euro l'anno perchè il contribuente non ha più bisogno del commercialista e lo stato avrebbe un'entrata sicura.
2 - Eliminare immediatamente la cassaintegrazione e trasformarla in contributo alle aziende che intendono riconvertire l'attività senza licenziare.
Es. - Una ditta di salotti con 20 operai può usufruire di un contributo pari a 6mesi di cassaint.x n°operai se riconvertirà la produzione( es.pellets)
Se ciò non è possibile la cassaint.verrà erogata solo se l'interessato si dedicherà a lavori di pubblica utilità.
3 - Dare un grande spazio contributivo a tutto quello che abbiamo sempre dimostrato di saper fare bene
TURISMO - milioni di persone impiegate in hotel-alberghi-ristoranti-campeggi-b&b-bus-guide-agenzie ecc - Contributo a fronte di un'aumento di fatturato
AGRICOLTURA -difesa del made in italy-incentivare prodotti km0-possibilità della vendita diretta ecc
COMMERCIO -riordino e regolamentazione riguardo le licenze ( la deregulation di Bersani è stata fatta da uno che non ha mai lavorato)-fiscalità agevolata (vedi sopra)-
PUBBLICO - interventi di riconversione aree urbane e spese oltre un limite stabilito , vanno approvate solo dopo la consultazione dei cittadini interessati(basta giunte di 18/20 persone che decidono x 10.000 )

luigi sventura 25.08.11 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Concordo, si potrebbero inserire una serie di corollari, ma hai colto l'essenza. Le catastrofi annunciate possono essere evitate.

Franca Tietto 25.08.11 06:25| 
 |
Rispondi al commento

tutte queste idee dovrebbero diventare un progetto politico serio discusso dai comitati 5 stelle; è vero che il passaggio al nazionale porta il rischio di infognarsi in una struttura tipo partito ma la crisi economica ci dice che non possiamo aspettare troppo tempo!
il problema più delicato è che più ci si avvicina a livello nazionale e più è difficile controllare i rapprentanti o i responsabili di enti e istituzioni: questa è la sfida più grande per un movimento politico che vuole rinnovare questo paese in scatafascio.
Bisogna pensare a una strategia che porti il più possibile vicino alla situazione ideale: ogni cittadino diventa parlamentare e/o amministratore dello Stato. In pratica eliminare la mediazione politica o quantomeno diminuirne il potere assoluto.
La prima idea che mi era venuta in mente è creare un sistema fiscale sul modello del 5x1000; il cittadino decide a chi vanno le sue tasse. Ad esempio il 5xmille a gli operatori della comunicazione(tv, giornali) che lo hanno informato meglio, il 5 mille alla struttura sanitaria ha fornito migliori servizi, il5x1000 al fornitore di energia, al sistema di trasporti,alla costruzione di una infrastruttura ecc.
Deve essere possibile decidere anche di non versare per protesta, destinado i fondi ad altro.
in pratica il cittadino fa la finanziaria ed esprime un voto non solo sull'operato del governo ma anche degli amministratori degli enti pubblici. Ogni anno.

Luca D., Palombara Sabina (RM) Commentatore certificato 24.08.11 15:43| 
 |
Rispondi al commento

uno dei danni più gravi all'economia è la speculazione edilizia(in particolare mercato degli affitti) perchè specula su un bene primario, senza possibilità di non acquisto da parte del cliente(non si può stare senza casa); gli affitti non producono niente(lavoro, beni economici)succhiando soldi che non vengono spesi in beni di produzione,impoverendo famiglie ed economia: il danno economico e umano è immenso.
Soluzione possibile:
1 introduzione reato affitto in nero con multe salatissime, confisca beni, controlli a tappeto;
2 ici intelligente (paghi meno se: affitti casa o in base al n°di persone x metrartura,efficienza energetico-ecologica,valore urbanistico)altrimenti paghi tantissimo;
3 contratto nazionale d'affitto:pochissime tasse se affitti a1 prezzo basso stabilito in modo da renderlo conveniente;
4 controllo mercato edilizio: il valore di una casa è stabilito da criteri fissi (efficienza energ-ecol,metratura(non vani!),valore urbanistico)chi vende di+viene tassato oltre la metà).
Queste soluzioni potrebbero portare a un abbassamento dei prezzi e a una maggior offerta di posti oltre a una diminuzione della cementificazione(abbiamo più case che abitanti!)

Di questo problema se ne parla molto poco perchè molti italiani-compresi quelli segueno il blog-hanno investito in immobili e hanno paura di perdere soldi.
Controllare il mercato edilizio è tuttavia una scelta obbligata così come liberare dalle leggi di mercato i beni primari:acqua, energia, cibo, casa, informazione e comunicazione, sanità.

Luca D., Palombara Sabina (RM) Commentatore certificato 24.08.11 15:16| 
 |
Rispondi al commento

http://pinoz6700.blogspot.com/

Giuseppe D., CAGLIARI Commentatore certificato 23.08.11 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Vogliamo che tutti, dico tutti, i professionisti rilascino regalare fattura e i commercianti scontrino fiscale? Se chiunque denunciasse chi non emette fattura o scontrino ricevesse un premio, o in denaro o bonus fiscale, certamente vedremmo la fila davanti la GdF e tutti i "furbetti" se la farebbero addosso per la paura di essere denunciati.
Mi sembra un provvedimento a costo zero, perchè comunque i premi verrebbero ricavati da una piccola parte delle tasse prima evase e finalmente recuperate.

Andrea Palazzi 23.08.11 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Fissare le indennità dovute ai politici di qualsiasi livello in misura pari a 2'500,00 € lordi ed ominicomprensiv, con totale abolizione dei vari benefit che ancora oggi ci rubano.

Siro ., Squinzano Commentatore certificato 23.08.11 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo investire più l'istruzione e sul benessere psico fisico dei nostri bambini e dei nostri giovani, sembrerà una banalità,ma secondo me si dovrebbero:
1. creare più posti nidi e nella scuola dell'infanzia (mantenendo un giusto rapporto fra bambini e insegnanti, altrimenti diventano solo dei parcheggi);
2.investire sulle scuole a tutti i livelli sia come strutture che come corpo docente (limitare al massimo il precariato che è dannoso sia per gli insegnati, ma soprattutto per i ragazzi);
3.creare un'università seria che spenda i soldi in ricerche serie, che 'sforni' dei laureati competenti e soprattutto che sia integrata con il mondo del lavoro.
Da mamma di due bambini piccoli direi anche che, si dovrebbero aiutare di più le mamme e le famiglie in genere, perchè se le nonne lavorano fino a 65 anni, gli asili non ci sono e le mamme devono lavorare chi li fa più i bambini?

Maria Guerri 23.08.11 15:12| 
 |
Rispondi al commento

oltre alla prostituzione anche una bella impresa di pompe funebri fa molto guadagnare ed è un lavoro che non muore mai.
Il titolare delle pompe funebri del mio paese possiede una casa enorme e molto bella in posizione panoramica, nonchè un'altra bella casa antica nelle vicinanze, in via di ristrutturazione, ed altre, ha un macchinone e non solo!!!
pensateci

un'arrabbiata 23.08.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Avete problemi economici?
Non riuscite ad arrivare alla fine del mese? Vorreste poter andare in vacanza, ma non potete permettervelo?

C'é una soluzione semplice e molto redditizia, un mestiere come un'altro ma che pare non abbia alcun lato negativo. Adatto sia a uomini che a donne e soprattutto consigliato alla generazione di giovani senza futuro.
Strano che non ci abbiate pensato prima!

*PROSTITUITEVI!*

Fate in fretta peró, perché c'é chi vuole tassare la prostituzione, per cui la pacchia non durerá a lungo...

Pippilotta Långstrump, Stoccolma Commentatore certificato 23.08.11 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe
abbiamo bisogno si uno sviluppo economico per la pace, non di comprare superbombardieri e finnziare navi, sommergibili, carri armati,militari,...
Politici di professione ed amministratori pubblici siNO pagati quanto un operaio, lavorare per il bene pubblico dovrebbe essere già un privilegio ed una stima pubblica. Finito il mandato ritornino al lavoro di prima. Non vogliamo gente che nasce politico per grazia ricevuta.
Basta cemento ed eventuali necessarie nuove abitazioni coibentate.
Ricerca e sviluppo per una economia di pace e per il bene pubblico, non per armi sempre più micidiali.
Lavori burocratii ridotti al minimo, riconversione in lavori utili per il turismo,il paesaggio, l'agricoltura, la produzione di macchine multifunzionali e riciclabili e senza obsolescenza programmata per un consumismo che ci porta in un pozzo senza fondo.
Democrazia diretta e partecipata. Almeno avviciniamoci a quella svizzera.
Pagare di più i lavori utili, di quelli di segretari, notai, ecc.
Controlli indipendenti sui funzionari pubblici anticorruzione, con licenziamento immediato a chi truffa i cittadini.
Ecc.ecc.

gianfranco cunsolo 23.08.11 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Nella marea di idee e proposte che condivido pienamente, non mi pare di aver visto nulla che riguardi:
1 - risarcimento dei danni provocati alle aziende di stato da "manager" incapaci. Alitalia
Enel, Telecom, Ferrovie,ecc. le hanno mandate in malora, hanno prodotto solo debiti e noi li abbiamo pagati con stipendi d'oro poi, non contenti, abbiamo anche elargito loro buonuscite faraoniche per toglierceli dai piedi. Credo sia cosa buona e giusta che ritornino alle casse dello stato quanto hanno rubato, condonando magari (non vorrei eccedere in buonismo)la rimanenza nel caso le proprietà, loro o dei parenti di I e II grado (mobili ed immobili, in Italia o all'estero) non fossero sufficienti a coprire il "buco" che hanno provocato. Se a quel punto, per campare dovessero finalmente lavorare per 1300 euro al mese li si potrebbe consolare dicendo loro che una marea di italiani devono arrivare alla fine del mese lavorando per molto meno .... benvenuti tra noi!
2 - Eliminare l'evasione delle tasse doganali. Stando a quanto rivelato da "Report" l'evasione è pari, annualmente, ad una finanziaria.
3 - Istituire il lavoro obbligatorio per i detenuti. Potrebbero essere utilmente impiegati per la riqualificazione e la valorizzazione ambintale e in quei lavori dove il personale non è mai sufficiente (perchè impiegare l'esercito per raccogliere i rifiuti?). Il controvalore delle loro prestazioni dovrebbe servire a partecipare alle spese necessarie alla loro detenzione con una percentuale da definire (va bene il 50%?) e l'eccedenza dovrebbe essere accantonata come una sorta di TFR affinchè il "lavoratore-detenuto", al termine del periodo "lavorativo-detentivo" si trovi con una disponibilità che lo aiuti a reintegrarsi nella società civile.
4 - Favorire l'integrazione degli stranieri siano essi rifugiati, immigrati, Rom, ecc. Gli aiuti devono avere un termine e non un vitalizio, inoltre chi vive in Italia deve dimostrare di non vivere di espedienti e pagare le tasse.

Massimo Mariani 23.08.11 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo altri spunti:
1. Favorire le società sportive che creano vivai sportivi in Italia. MA è possibile che le società di calcio ora investono centinaia di milioni di euro per comprare esclusivamente all'estero? Non sarebbe molto più produttivo per la nostra economia se si investissero quelle stesse somme per allevare atleti in Italia?
2. Penalizzare il reato di creazione discariche abusive e creare un sistema efficiente di rintracciabilità di tutti i rifiuti prodotti. Incentivare la rilevazione e la pulitura dei milioni di ettari che attualmente sono stati impiegati a tale scopo. La valorizzazione dei prodotti enogastronomici italiani non può prescindere dall'eliminare le migliaia di discariche abusive nascoste in tutto il territorio nazionale.
3. E' possibile che le casse dello stato paghino centinaia di milioni di euro per pagare la cassa integrazione delle aziende fallite per colpa degli amministratori? Piuttosto obbligare le aziende a stipulare assicurazioni private che paghino la cassa integrazione. Poi voglio vedere se ci saranno così tanti fallimenti!

Paolo Z. Commentatore certificato 23.08.11 11:43| 
 |
Rispondi al commento

in questo sito la realtà americana
http://www.presstv.ir/usdetail/195234.html

questo lo stesso sito tradotto con google
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.presstv.ir/&ei=QlNTTqeTAu7a4QTl97TxBw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CDcQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dpresstv%26hl%3Dit%26rlz%3D1I7ADFA_it%26prmd%3Divns

50 STELLE E STRISCE gentilmente chiarisci.

domenico c., palmi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.08.11 09:35| 
 |
Rispondi al commento

riuscire se possibile ridare il vero valore all'euro per i pensionatie per chi ha stipendio fisso;
non è possibile che una classe politica con a capo l'imprenditore piu' ricco d'Italia abbia consentito che 1000 lire di stipendio rimanessero 1000lire, mentre 1000 lire di spesa per il cibo diventassero 2000 lire: vedi passaggio da lire ad euro dove 1000 lire sono diventate 1 euro ma non le pensioni e gli stipendi.
impoverimento da paura di milioni di pensionati, operai e lavoratori dipendenti

aldo bianchi 23.08.11 03:27| 
 |
Rispondi al commento

riuscire a creare insieme a tutti gli altri stati europei ed occidentali una unica moneta che abbia lo stesso valore nel mondo e rivedere le regole della globalizzazione; non ha senso la globalizzaizone se a 10000km d idstanza c'è qualcuno che possa competere con me ma senza regole (es no rispetto diriti lavoratori, regole di sicurezza etc)

aldo bianchi 23.08.11 03:19| 
 |
Rispondi al commento

SORTO GRAVE PROBLEMA RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE!!!
http://pinoz6700.blogspot.com/

Giuseppe D., CAGLIARI Commentatore certificato 23.08.11 01:02| 
 |
Rispondi al commento

Per esempio Stato e Amministrazioni Regionali sostanzialmente si limitano, in materia di energia, a recepire quanto propongono i fornitori di energia. Un esempio concreto: Enel Green Power e la geotermia che è quasi totalmente toscana. L'Enel la gestisce e con oculatezza, al momento opportuno alza il prezzo( da pochi milioni di euro a 650 in cambio del raddoppio di produzione). Come mai? Pare che la Regione continuasse a percepire il il KW geotermico al prezzo del petrolio primissimi anni ottanta. Ecco il divario. E poi per il KW geotermico ( aggiornato questo sì) Enel è disposto all'aumento sempre che gli sia garantito di percepire accanto al prezzo di vendita del KW, i certificati verdi ( stabiliti per l'energia pulita e rinnovabile) e il diritto in quanto Ente virtuoso che utilizza una fonte pulita e rinnovabile a convertire centrali a metano in centrali a carbone. Quindi l'Enel incassa 3 volte. E i 650 milioni in questo periodo di vacche magre fanno comodo alla Regione titolare dei diritti di concessione. Ma il fluido geotermico amiatino ha il record di inquinanti, le centrali dell'Amiata sono classificate così nel mondo. E quindi ci sono dei morti in più, delle patologie 'inspiegabili'. Dimenticavo l'acqua, l'Amiata per le sue rocce porose alimenta innumerevoli sorgenti ( sempre più inquinate al punto che hanno dovuto mettere degli abbattitori per l'arsenico) che soddisfano un bacino di utenza di 700.000 persone. Ma c'è un pauroso calo in quest'acqua, di circa il 50%. Sono centrali di 50 anni fa, obsolete per lo più. Enel negli USA fornisce quelle ultimo modello, a ciclo binario, senza fumi, con reinezione dei liquidi. Quasi perfette. Ma in Toscana dice che non si possono fare. Dimenticavo. Sapete che in Groenalandia spopolata il fluido geotermico non ha praticamente gas inquinanti? Enel Green Power, una beffa.

carlo carlucci, arcidosso (GR) Commentatore certificato 22.08.11 23:36| 
 |
Rispondi al commento

1) sostituzione di tutti i lampioni stradali con quelli a led (fatto nel mio comune con un risparmio per bilancio) si dimezzano davvero i KWh e le bollette. eventuale sostituzione lampade domestiche con LED

2) eolico offshore con 2000 pale in 10 anni arriviamo al 20% + Kitegen (aquiloni di alta quota, la vera soluzione ai fabbisogni energetici) fotovoltaico domestico per autoproduzione del fabbisogno famigliare

3)auto elettriche se proprio dobbiamo avere auto

4)compostaggio domestico spinto, tassa su PET e PVC (chi compra oggetti non riciclabili deve già pagare la sua quota di smaltimento)

5)piano energetico nazionale.

6)prodotti a filiera corta e Km zero

7)coibentazioni, stile casa clima, pagate con i risparmi sul lungo periodo obbligando le banche a questi "prestiti/investimenti"

8)ricerca e brevetti, siamo o non siamo un paese di inventori

9)democrazia partecipata e bilanci partecipati nei comuni

10)ripartire dalle buone amministrazioni nei comuni, cambiare l'Italia dall'alto è difficile, dal basso è sempre più una realtà

Fabiano Cabrini 22.08.11 20:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Regolarizzare almeno le droghe leggere porterebbe tanti vantaggi, anni fa Beppe Grillo ne parlava spesso, ora un po' meno... spero che riprenda in mano questo tema così delicato e scomodo ma che allo stesso tempo non può essere ignorato.

Pietro F 22.08.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento

- RIFIUTI ZERO CON IMPLEMENTAZIONE DEI SISTEMI DI RICICLAGGIO

- RIORGANIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE ITALIANO CON INTERVENTI MIRATI E URGENTI AI SITI PIU A RISCHIO

- PREVEDERE PIU' FINANZIAMENTI E SBLOCCARE QUELLI ANCORA NON ESEGUITI A PROGETTI INNOVATIVI

- FAVORIRE I COMUNI CHE MIGLIORANO IL TRASPORTO PUBBLICO

- POLITICHE SERIE IN TEMA DI ENERGIA RINNOVALBILE MA SOPRATTUTTO RISPARMIO ENERGETICO

OTTIME IDEE:
-detassazione aziende che reinvestono l'utile in ricerca e sviluppo
-ICI sugli immobili del vaticano

Nicoq 22.08.11 18:14| 
 |
Rispondi al commento

AVVISO: a Beppe, allo Staff, alle liste civiche locali, agli amici di Beppe Grillo

L'organizzazione per mobilitarsi e venire a Roma il 10 Settembre procede troppo a rilento!

E' davvero necessario che il blog faccia un post in cui si rilancia l'iniziativa. Magari con un countdown in homepage. Ci vuole piu' tensione quotidiana per creare aspettative e mobilitazione.

Sarebbe anche molto utile un appello da far girare localmente tra gli attivisti che solleciti l'organizzazione di pulmann per il viaggio. Dobbiamo essere tantissimi se no e' tutto inutile.

A Roma quel giorno ci sara' anche il corteo indetto dal popolo viola. Una ragione in piu' per essere una marea sotto Montecitorio..!

luca forcolini, biella Commentatore certificato 22.08.11 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

<<< "bisogna avere un'idea di futuro"
sono tante le cose che avrei da dire; non è stroppo tardi se invio domani il mio contributo...

Simone Bella Ciao Martini, Carpi Commentatore certificato 22.08.11 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Oltre alle sanzioni, salate, anzi salatissime, per il reato contro il patrimonio comune, se di carattere ambientale, storico o quant'altro, io non disdegnerei anche un po' di galera. Perchè oggigiorno, a mio avviso streminare un ecosistema non è molto diverso che accoppare qualcuno.

Ade 22.08.11 15:52| 
 |
Rispondi al commento

considerato che non volete far rispondere i nostri politici della politica fallimentare e disonesta da essi attuata, proporrei l'emissione dei BTC al posto di altri tipi di titoli di stato.
CHE COSA è IL BTC ( BUONI inTER CIAPP ):

BTC: titoli di stato cauzionali.

A tutti i politici di tutti i livelli statoregioneprovinciacomune che siano oggetto di indagini, anche retroattivamente (e qui invito M5S a collaborare), viene sequestrato tutto il patrimonio , valutato e convertito in BTC con interesse annuo forfettario. Se al termine del processo il politico risulta colpevole, il BTC si estingue...se innocente viene riscattato, se colpevole ma collabora a beccare i soci, viene risarcito in percentuale da definire.Ma sapete la cosa divertente ?? nel caso di parlamentari che hanno agito con la evidente intenzione dolosa di allungare i termini dei processi ostacolando la giustizia puntando alla prescrizione...il BTC si prescrive insieme al processo...COSì IMPARANO A NON FARSI PROCESSARE E IL DEBITO PUBBLICO SI ESTINGUE !!!!!!! GENIALE !!!!!!!

tina ghigliot 22.08.11 15:43| 
 |
Rispondi al commento

- 1) un prezioso suggerimento su come creare posti di lavoro ce l'aveva fornita il premio Nobel Joseph Stieglitz in un'intervista rilasciata a questo blog; l'Italia potrebbe creare da 200.000 a 800.000 posti di lavoro puntando sulla riqualificazione energetica degli edifici pubblici e privati! a questo scopo bisognerebbe consentire la deducibilità fiscale totale a chi ristruttura la propria casa seguendo i criteri di sostenibilità ambientale, e lo Stato dovrebbe stanziare dei fondi da erogare a chi vuole ristrutturare la sua casa aumentando l'efficienza energetica. sarebbe ottimo anche per la nostra amata Terra! ( molte ton in meno di CO2 nell'atmosfera ogni anno!)
- 2) L'Italia deve puntare sul Turismo: 2A-in questa ottica bisognerebbe varare quanto prima una legge che vincoli i Comuni e le Regioni al " Consumo di Suolo Zero " 2B- inoltre bisogna inasprire notevolmente le pene per quei criminali che, deliberatamente, incendiano i boschi: al " piromane " andrebbe fatta una accurata visita psichiatrica; se risulta essere un malato psichico potràrà curarsi, anche a casa, ma dovrà essere " monitorato " per essere sicuri che stia " guarendo " dalla piromania e per evitare " recidive ". se, invece, la persona colta in flagrante mentre incendiava un bosco con una tanica di benzina in mano risulta sana di mente, dovrà scontare almeno 30 anni di carcere effettivi. 2C- propongo l'abolizione della caccia PER SEMPRE su tutto il territorio nazionale ( salveremmo milioni di alberi e di animali e i turisti verrebbero molto più volentieri in un Paese senza roghi boschivi e con molti animali selvatici! )
- 3) l'Italia deve puntare sull'agricoltura biologica, sulla filiera corta e sul " KM 0 " perchè aiuteremmo l'Ambiente e creeremmo molti posti di lavoro!
4) revoca immediata di tutte le concessioni rilasciate alle compagnie petrolifere per le trivellazioni off-shore! abbiamo dei mari stupendi con una meravigliosa biodiversità, un solo incidente potrebbe causare un disastro!

Manuel Barone 22.08.11 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Non so se l'ha scritto qualcun'altro, ma è allucinante che in Calabria le arancie mature rimangono sull'albero perché è più economico importarle dal Nord Africa, dove non c'è nessun controllo della catena alimentare e produttiva, piuttosto che coglierle in Italia.
Incrementare l'utilizzo delle campagne italiane (e del Made in Italy) e quindi diminuzione costi e inquinamento per trasporto.

Paolo Zuccarini 22.08.11 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le concessioni sulle spiagge devono essere rinnovate ogni 3 anni e a prezzi di mercato!!!

Stefano De Vecchis 22.08.11 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il signore con aggio sfrutta una frazione della riserva a caccia di uccio dei pascoli

giorgio zorza 22.08.11 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Vista la fragilità del nostro territorio e la ricchezza del patrimonio , i piani regolatori devoro essere sottratti agli enti locali e vanno assegnati ad un organismo formato di tecnici, urbanisti, archeologi, ingegneri ambientali, storici.
Una volta disegnati i piani, procedere alla demolizione di tutte le strutture non rientranti negli stessi, utilizzando i fondi europei.

fabio 22.08.11 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna partire dai comportamenti virtuosi: richiedere sempre le fatture agli artigiani, anche se poi aumentano il prezzo. Così facendo in effetti il loro imponibile aumenterebbe notevolmente e pagherebbero più tasse. Denunciare inoltre alla Guardia di Finanza chi propone pagamenti in nero. Sono misure durissime per il popolo della penisola, lo riconosco, ma così funziona altrove, dove il senso civico dei cittadini spinge a denunciare istantaneamente comportamenti fuori dalle regole. Controllo, controllo, controllo è questa la parola d'ordine se si vuole FARE qualcosa. Chi controlla le spese dei parlamentari e gli amministratori? Chi controlla i falsi invalidi e i pensionati a 40 anni od ha almeno il coraggio di dire loro VERGOGNATI in faccia? Chi controlla che tutti paghino le tasse? Chi tiene pulita la citta di Napoli? Risposta: il cittadino, in prima persona, senza delegare ad altri. Certo è una fatica ed una lotta continua, non te ne puoi stare seduto a guardare il televisore, devi incazzarti, rompere le balle e farti gli affaracci degli altri, però alla fine avrai uno Stato in salute e funzionante. Si può chiedere al popolo italiano, e quindi a me, di fare ciò?

Apo Decra 22.08.11 12:21| 
 |
Rispondi al commento

ENNESIMA CENSURA. Andate a controllare, hanno ripulito tutto un'altra volta.
Ho capito. Le proteste e le polemiche le potete fare solo voi. Non vi piacciono gli insulti? Anche se fossero davvero tali (ammesso e NON concesso), mi sembra che in fatto di violenza verbale e di volgarità il vostro papa sia un esempio per tutti.
Non è sua la liberalizzazione del vaffanc.lo? L'urlo di rabbia contro la censura del La Repubblica?
Cito la bannata Z.O.E.: SI AMMIRINO LE PREDICHE DEL GRILLO PARLANTE CONTRO LA CENSURA :
il fervore democratico di Beppe Grillo nel post dal titolo “La Repubblica e
la censura preventiva” in:
http://www.beppegrillo.it/2009/04/la_repubblica_e_la_censura_preventiva/ind
ex.html

Vedi anche la severità di giudizio nello stra-democratico Grillo in
http://www.beppegrillo.it/2008/12/la_censura_morb/index.html

* * *
Gli altri che hanno da ridire
su di lui, invece, sono degli idioti. Mi piace uhm... ottimo senso critico.
Sempre più interessante vedere crescere la classe "pol(l)itica" del domani. Mi viene da pensare a un passo della "Repubblica" di Platone: "Il castigo supremo sta nell'essere guidati da chi è moralmente inferiore". Se si riflette un po' sul passato e sul presente, si rafforza sempre + la convinzione che il popolo italiano questo castigo, invece di scongiurarlo, continuino a invocarlo e a favorirlo. Sembra quasi la maledizione dei maya in via d'attuazione.

Voi Grillo Boys siete privi di qualsiasi senso morale se non capite l'importanza basilare della LIBERTA' DI PAROLA. Rifugiatevi in un blog privé se non vi piacciono le voci fuori dal coro

ernesto dellaserna 22.08.11 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Programma :

1. Soppressione dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza accorpandoli alla Polizia di Stato. Riduzione di due gradi di tutti gli ufficiali di questi due corpi.

2. Esodo incentivato. Incentivare l'emigrazione dal nostro Paese con soppressione della cittadinanza di chi ne fa richiesta. Chiunque vuole andar via dal nostro Paese (con perdita della cittadinanza italiana) se ne può andare senza avere mai + niente a pretendere e non dovere nulla allo e dallo Stato Italiano. I beni del richiedente rimasti sul territorio italiano vengono interamente confiscati.

3. Selezione naturale degli enti locali. Qualunque ente locale in dissesto finanziario viene smembrato e diviso tra gli enti locali limitrofi. Tutti gli amministratori dell'ente perdono il diritto all'eleggibilità in modo perpetuo e i cittadini del territorio dell'ente perdono il diritto di voto per anni 5.

4. Abolire il concetto di azienda municipalizzata.

5. Rai ridotta ad un solo canale istituzionale, con notiziari spartani (senza commenti e approfondimenti) e programmmi di esclusivo servizio pubblico. Mai più fiction, documentari, film, varietà e altre idiozie con i soldi dei cittadini.

6. Privatizzazione totale dell'istruzione.
7. Obbligo di stipulare un'assicurazione sanitaria per accedere ai servizi del Servizio Sanitario Nazionale.
8. Per risolvere il problema energetico, approfittare del periodo di confusione attuale in Libia per ottenerne l'annessione. Mobilitazione generale e richiamo alle armi delle classi 1984,85,86,87 per invadere la Libia e marciare su Tripoli al grido "Tripoli, terra incantata sarai italiana al rombo del cannon".

Antonio I 22.08.11 11:18| 
 
  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

contrario a toccare il tfr ,è una risorsa per i dipendenti ,è rivalutato in percentuali che in banca manco te le sogni, se andasse in busta verrebbe decurtato dall'irpef che sarebbe in tantissimi casi più alta della tassazione a cui ora è soggetto il tfr . Infine molti entrati al lavoro dopo il 1995 il loro tfr lo investono nel fondo pensione

guido d. Commentatore certificato 22.08.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Continua dal precedente
4) E’ anche necessario intervenire sulla mobilita’ dei capitali. Attualmente, in nome della teoria Ricardiana del vantaggio comparato si e’ favorita una liberalizzazione della circolazione di capitali e merci. La teoria Ricardiana (sul libero commercio) tuttavia prevedeva che I capitali fossero immobili (http://www.globalpolicy.org/component/content/article/162/27995.html). La mobilita’ dei capitali oggi comporta l’erosione di diritti civili e di fatto la reintroduzione della schiavitu’. In virtu’ di una troppo facile mobilita’ dei capitali, grandi imprese possono ricattare I lavoratori intimandoli di rinunciare ai loro diritti (Pomigliano?) pena il trasferimento dell’azienda in un paese in via di sviluppo.
5) Rilanciare l’agricoltura nazionale, con particolare riferimento alle techniche a basso impatto ambientale (agroecologia) e la produzione propria attraverso la diffusione di orti. In generale uno dei maggiori rischi associati al nostro sistema produttivo in generale (incluso il settore agricolo) riguarda il fatto che e’ eccessivamente interconnesso (i.e., gli shock si propagano molto velocemente, effetto domino) e dipende sostanzialmente da un’unica risorsa: il petrolio. Questo implica anche che sia altamente vulnerabile. E’ necessario promuovere un sistema di produzione del cibo che sia locale, che non dipenda eccessivamente da un’unica risorsa esauribile come il petrolio, ma si basi di piu’ su l’uso di “risorse rinnovabili” come le persone (in tal senso e’ interessante l’esperienza cubana http://news.bbc.co.uk/2/hi/8213617.stm). La produzione propria non solo favorirebbe l’uso di prodotti locali, ma contribuirebbe anche a riconnettere le persone con la propria terra e con la propria comunita’.


Spero di non aver usato troppo spazio e spero che alcune di queste proposte possano risultare se non utili almeno stimolanti.
Continua cosi’ Beppe!
Graziano Ceddia

Graziano Ceddia, Vienna, Austria Commentatore certificato 22.08.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Propongo la seguente idea:
Perché la scuola pubblica non decide di organizzare corsi per i privati nei periodi in cui le scuole o gli istituti sono chiusi? Gli introiti potrebbero servire all'autofinanziento e le aziende private di qualunque settore potrebbero usufruire di un patrimonio di conoscenza e cultura illimitato. Che ne pensate?

Simone De Angelis 22.08.11 10:50| 
 |
Rispondi al commento

continua dal precedente

3) Un altro importante meccanismo riguarda lo sviluppo tecnologico e il mantenimento della piena occupazione. E’ chiaro che con il progresso della tecnologia l’unico modo per mantenere il numero di occupati costante e’ attraverso la crescita macroeconomica. Io credo che la tecnologia di per se’ non sia ne’ buona ne’ sbagliata, dipende dall’uso che se ne fa. Non vorrei nemmeno apparire retrograda, pero’ penso che sia importante avviare un processo di discussione e valutazione collettiva degli usi della tecnologia e gli effetti sul lavoro. Certamente l’avvento delle macchine agricole ha permesso di facilitare la vita di molte persone, “liberandole” dalla schiavitu’ del lavoro dei campi. I contadini liberati sono prima diventati operai, poi lavoratori del terziario ed infine precari/disoccupati. Va da se che il bagaglio di conoscenze pratiche perse, il legame con il territorio e il capitale sociale saranno difficilmente recuperabili. Ci sono sicuramente lavori che non rimpiangeremo, ma in ogni caso la transizione tecnologica va mediata attraverso una discussione collettiva sulle conseguenze dell’uso delle macchine. Inoltre, se l’effetto dello sviluppo tecnologico deve essere davvero liberatorio, allora i benefici ad esso associati andrebbero ripartiti in maniera piu’ equa includendo anche I lavoratori. Questo potrebbe volere significare che magari e’ necessario trovare altri modi di fare impresa, in forme cooperative (i.e., se I lavoratori contribuiscono a sostenere I costi delle macchine, possono poi goderne I benefici in termini di minori ore di lavoro a parita’ salariale e dedicarsi ad altre attivita’ quail famiglia, comunita’ ecc.).

Graziano Ceddia 22.08.11 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
trovo entusiasmante la tua iniziativa di raccogliere proposte per lo Sviluppo dell’Italia. Sicuramente riceverai tantissime proposte, e nel mio piccolo vorrei farne alcune:
1) La crescita economica perpetua (del PIL) e’ insostenibile. E’ necessario un dibattito su cosa sia veramente la qualita’ della vita e quail fattori vi contribuiscano. In sostanza c’e’ la necessita’ di lavorare a nuovi indicatori che meglio riflettano le condizioni di benessere collettivo. Si potrebbe seguire l’esempio della Germania (http://www.polsoz.fu-berlin.de/en/polwiss/forschung/systeme/ffu/forschung/projekte/laufende/07_wohlfahrtsindex/bmu_final_report.pdf). La letteratura e gli esempi sono infiniti.
2) Il sistema economico attuale incorpora vari meccanismi che lo spingongo verso la crescita. Per liberarsi dalla necessita’ della perpetua crescita economica e’ quindi necessario intervenire su questi meccanismi. Il primo riguarda il sistema monetario. La maggior parte della moneta (oltre il 90%) viene creata dale banche attraverso il debito, che va poi ripagato con interesse e di qui la necessita’ di espandere l’economia. Nel medio lungo periodo l’ideale sarebbe arrivare ad un’eliminazione completa del sistema di riserva frazionaria delle banche, che impedisca loro di creare moneta. Le banche cosi’ diventerebbero puri intermediari finanziari riallocando il risparmio di risparmiatori consenzienti verso attivita’ produttive (va da se che in tal caso i risparmiatori perderebbero l’accesso alla liquidita’ per la durata dell’investimento). Mi rendo conto che una riforma del genere possa richiedere molto tempo. Nel frattempo si potrebbe intervenire creando moneta (anche locale) senza debito (moneta fiat, http://www.lietaer.com/2010/03/the-worgl-experiment/, http://en.wikipedia.org/wiki/United_States_Note) da utilizzare in supporto alle famiglie ma anche da indirizzare verso lo sviluppo di imprese ecologiche (http://www.feasta.org/wp-content/uploads/2011/07/Deficit_easing_RD.pdf).

Graziano Ceddia 22.08.11 10:45| 
 |
Rispondi al commento

FRANCHIGIA LIBERA
Poichè posso pagare io un danno di 1.000 o 2.000 € al danneggiato senza rovinarmi vorrei che le Assicurazioni Auto offrissero una franchigia libera e una conseguente riduzione di premio, come accadeva in passato. Si rifletta sul fatto che chi paga da sè il piccolo danno che ha causato presumibilmente non è un truffatore.
La franchigia attuale di 500€ è ridicola e la offrono pochissime compagnie.

lucio pedrazzoli 22.08.11 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Occorre decidere uno due settori in cui
si deve investire e diventare leader
mondiali (come la Finlandia per i
telefonini).
Io propongo l'energia solare sia, solare
termico che fotovoltaico.
Siamo il paese del sole. Sfruttiamo
questa risorsa gratuita che abbiamo.
Rendiamo obbligatorio in tutte le nuove
costruzione e nelle ristrutturazioni
l'installazione di pannelli solari termici
e fotovoltaici.
Il maggior costo sarà ripagato in pochi
anni dal risparmio sulle bollette. Così si
può sviluppare un mercato interno e, con
una classe dirigente degna di questo
nome, anche una ricerca e sviluppo
nazionale in questo settore.

Furio Forni 22.08.11 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Da dove volete che inizi... i problemi sono tanti, ma non so se il contributo di solidarietà di chi dichiara 90000 € possa salvare l'Italia. Ricordatevi che chi dichiara molto non è necessariamente più ricco di chi non dichiara niente. Il problema in Italia sono i furbi. D'altronde il contributo dovrebbero darlo tutti i cittadini, per far capire a tutta la popolazione quanto l'Italia sia nella merda, a cominciare dai PENSIONATI che sono in pensione senza avere versato nulla....o avendo versato cifre risibili (agricoltura), o avendo lavorato 19 anni (15 se donne con figli)(finanzieri, esercito, carabinieri, polizia...). Ci sono decine di migliaia di persone andate in pensione a 40 anni che però campano fino a cent'anni succhiando pensioni che non si sono pagate per niente...e ci sono persone che hanno iniziato a lavorare pagandosi una pensione di tipo contributivo, riscattandosi anni di laurea, specializzazione, militare, anno di precontribuzione e che stanno pagandosi l'allineamento (informatevi su cosa sia e quanto costa ad un libero professionista onesto) qualche centinaio di migliaia di € per poi avere una pensione di 17.000 € lordi... all'anno.
Servirebbero delle scelte politically uncorrect, verso i 19 milioni di pensionati molti dei quali non sanno neanche cosa sia un contributo da versare visto che godono di pensioni regalate, pensioni di reversibilità, accompagnamento regalato, e via scialacquando. Quello che servirebbe è una manovra strutturale, diminuzione spesa pubblica, tutto il resto è un incasso una tantum che procrastina la morte già certa della nazione Italia

luigi sagheddu 22.08.11 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Non è mai semplice sovvertire una situazione così grave e radicata nel tempo. Certo le cose da fare non sono poi così tante e sono anche chiare, quelle che dice Beppe più o meno. Però occorre dimostrare al Mondo che è possibile e per farlo non c'è altro modo che che farle. A partire da un comune dove sia possibile aver peso.

David Pancani 22.08.11 09:38| 
 |
Rispondi al commento

I SACRIFICI dovrebbero essere finalizzati a qualche cosa.I SACRIFICI in ITALIA solo solo fine a se stessi.Ho potuto constatare di persona lo SVILUPPO dell'ITALIA,industriale ed economico si intende.Dagli inizi degli anni 6o ho sentito parlare di CRISI!La crisi c'è sempre stata anche in quel tempo che oggi vogliono far passare alla STORIA come l'epoca del BOOM.Il mio Titolare,di una nascente industria metalmeccanica,ogni anno piangeva lacrime amare,davanti ai suoi dipendenti."C'è la crisi!" diceva,intanto accumulava miliardi.Nel 75,la CRISI PETROLIFERA,non c'era più petrolio dicevano.La FIAT chiedeva ed otteneva sussidi statali.Intanto vendeva milioni di auto agli italiani.Per le strade un lampione acceso ed uno spento.C'era la crisi e gli industriali si arricchivano.Esplodeva BENETTON,RIELLO,SANSON,I MANGIMI VERONESI,IL POLLO AIA.La crisi imperava e facevano soldi.Ma a sentir loro c'era sempre la crisi.Gli stessi che oggi piangono miseria e ricordano i tempi passati come l'era della prosperità.Anche l'Impero MARCEGAGLIA si espandeva e consolidava con la "crisi" di allora.Adesso siamo ancora in crisi.Io sono sempre stato in "CRISI".I padroni e le banche no!Finiamola una buona volta!Forse la CRISI ORA C'E' perchè abbiamo tutto,abbiamo acquistato tutto quello che ci dicevano,che ci imponevano di comperare.Il mercato è strasaturo.La gente ha tutto!Ha l'auto nuova,la tv al plasma,il pc,il frezeer,la mountan bike,la moto,il motorino,il telefonino.Cosa dovremmo fare per rimettere in moto un mercato in cui la gente ha tutto e di più.Buttar via quello che abbiamo comperato come idioti,che funziona,che è nuovo per ritornar a comperarlo il giorno dopo,per assecondare questo mercato drogato,in cui fior di ECONOMISTI sono stati pagati per indurci a credere che non ci fosse un punto di saturazione,che il PIL per il bene della NAZIONE avrebbe continuato a crescere all'infinito?La CRISI l'han creata loro,i potenti,i politici,gli Industriali,dagli occhi più grandi della pancia!

sanna alessandro 22.08.11 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Due semplici provvedimento che risolverebbe tutti i nostri problemi.

Scudo fiscale per gli tutti gli evasori e utilizzatori di servizi in nero.

Seria lotta all' evasione con pene severe tipo Stati Uniti.
Chi ha evaso negli ultimi 10 anni può condonare il tutto pagando il 50% del dovuto, anche rateizzato.
Chi non lo fa è soggetto a controlli a campione, chi è beccato oltre a dover pagare tutto il dovuto degli ultimi 10 anni con relativi interessi, va direttamente in galera, no a fare il signore ma a lavorare.
E questo per tutti, anche per gli utilizzatori di servizi a nero, affitti in nero etc. etc.
Tutti gli italiani si metterebbero in riga.

Pene certe e severe per qualsiasi tipo di reato.
Pene doppie o triple a seconda del ruolo ricoperto dai soggetti incriminati. Per i politici e amministratori pubblici, pene quintuplicate.

giuliano 22.08.11 09:02| 
 |
Rispondi al commento

la prima riforma dovrebbe riguardare la giustizia civile. Un'azienda deve essere in grado di recuperare un credito nel giro di pochi mesi e non in circa 5 anni come accade attualmente. Tale obiettivo può essere agevolmente raggiunto attraverso:
1) la specializzazione dei giudici (chi si occupa di diritto di famiglia, non può occuparsi in pari tempo di brevetti industriali, diritto penale etc. La specializzazione produrrebbe come effetto immediato una maggiore competenza ed una più agevole definizione del carico di lavoro pendente(faccio sempre e solo quello e quindi non ho bisogno ogni volta di ristudiare la materia). Si pensi ad esempio, al campo medico, ove la specializzazione professionale è già in atto da anni.
2) semplificazione del rito civile (gran parte dell'attuale contenzioso si basa, infatti, su eccezioni procedurali)(competenza per territorio, per valore, per materia etc) mentre risulterebbe preferibile porre attenzione alla sostanza delle cose (chi ha ragione e chi ha torto)
3)abrogazione della mediazione civile quale condizione di procedibilità della domanda (pochi lo sanno ma dal 20 marzo 2011 è entrato in vigore il decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 (Gazzetta Ufficiale 5 marzo 2010, n. 53)che prevede appunto lo svolgimento (attraverso delle agenzie private) di un tentativo obbligatorio di conciliazione in materie di stretta attualità, come ad esempio: condominio;diritti reali; divisione;successioni ereditarie; patti di famiglia;locazione;comodato;affitto di azienda;
risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti;risarcimento del danno derivante da responsabilità medica;
risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o altro mezzo di pubblicità;

antonio francesconi 22.08.11 07:35| 
 |
Rispondi al commento

Oh Beppe,una cosa:

-quando compilerai bene la manovra segna accanto a ogni puntO le PERCENTUALI di Ricavi rapportandole al debito. ex:

Debito pubblico=1900 miliardi

-->Legalizzazione prostituzione= guadagno di 10 miliardi (0,5% di debito pubblico) Lo volete si o no?

-->Riprendersi i soldi ricavati dalle slot machines=guadagno di 68 miliardi (3,5% di debito pubblico)Lo volete si o no?

-->Moneta elettronica digitale contro l'evasione=guadagno di 320 miliardi l'anno( 17% di debito pubblico)Lo volete si o no?


Te lo consiglio per il tuo eventuale discorso in piazza e per la pubblicazione della lista.
GLI ITALIANI,NON LO SAI,ADORANO LE CIFRE STATISTICHE E LE PERCENTUALI!!!!

F.P. 22.08.11 01:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fermare l'invasione straniera del nostro paese che sta rapidamente portando alla scomparsa del popolo italiano come diversità nel mondo, come di tutti i popoli europei, per trasformarli nel popolo unico multietnico uguale dappertutto.
Chiamare ciò che sta accadendo "immigrazione" è assurdo, questo fenomeno va chiamato col suo vero nome che è quello di "invasione", perchè così si chiama quando un oceano inarrestabile di persone entra in casa tua contro la tua volontà.
Fermare questo disastro epocale in corso con la chiusura totale e immediata delle frontiere.
Questo nulla c'entra col razzismo o con la xenofobia, ma solo con un sano e naturale istinto di sopravvivenza che tutti popoli sani hanno e sempre hanno avuto, in funzione della difesa vera delle diversità del mondo, che ci sono già e che ci sono sempre state, e di cui i popoli europei con le loro specificità sono una parte essenziale, e che il sistema invece sta distruggendo decretandone la scomparsa.
Ripeto, chiudere subito le frontiere e agire severamente su chi invade il nostro paese, con respingimenti totali puntuali ed inesorabili, il che non significa disumanamente, ma essendo molto rigidi nell'impedire che questa invasione continui in modo inarrestabile fino alla scomparsa degli italiani ed alla loro sostituzione col popolo unico multietnico voluto dal sistema.

Marco Zorzi 22.08.11 01:43| 
 |
Rispondi al commento

HEY QUI CE N’E’ PER UN TRATTATO INTERO DI… DEMOCRAZIA!
Ho notato che non è stato dato sufficiente rilievo all’educazione infantile e primaria..
Non ci serve solo il benessere materiale, ma anche un Popolo che conosca il vero VALORE DELLA VITA e sappia generare un Paese felice!
MONTESSORI, c’era pure sulle millelire, ma dove sono le sue scuole in Italia??

emiliano bonapace 22.08.11 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Beppe,
oggi leggevo l’articolo sul blog (la manovra economica dei cittadini), e a dire il vero, sono rimasto molto deluso, che soluzione è proporre tagli indiscriminati a drenare, i pochi posti di lavoro rimasti, la residua ricchezza, simile soluzione genera depressione, povertà generalizzata. Sembrava di leggere un delle tante scellerate proposte che i tanti vermi della politica propongono facendo finta di avere acume politico. Nascondendo con rara dovizia il vero problema, la fine delle sovranità la schiavitù monetaria. Parole come SIGNORAGGIO, CLEARSTREAM, EUROCLEAR, HEDGE FUND, CAYMAN, la feroce OLIGARCHIA MASSONICA ANGLO-OLANDESE che certi REALI praticano con inaudita ferocia, non devono significare nulla,vanno tenute fuori,i padroni non si toccano. Voglio pensare che certe proposte sono dettate dalla buna fede. Per dare un futuro al mondo c’è una sola strada, combattere l’inganno.

Cosimo De Laurenzis 21.08.11 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Situazione politica e origini della lega nord.
Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via.Adesso per non perdere i voti rimasti dei vecchi pensionati bossoli li rassicura le pensioni non si toccano.Ci credete ?cerrrtoooo più di qualcuno in padania ci crede ancora.

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 23:25| 
 |
Rispondi al commento

Regole per deputati, senatori e consiglieri regionali eliminando l'attuale diritto al vitalizio.
B) Liberalizzazioni: prevedere per chi vuole intraprendere un’attività imprenditoriale e/o commerciale la possibilità di aprire la P.I. e dichiarare quanto effettivamente incassato per minimo 3 anni senza gli oneri di una P.I. che oggi ha convenienza quando si ha un fatturato minimo di € 35.000 anno. In questo modo il cittadino che ha perso il lavoro o a rischio disoccupazione possa tentare di avviare una propria attività con facilità. In questo si agevola il rilancia dell'occupazione, garantendo la libera impresa ed il libero esercizio dell'attività economica, in un ottica di economia di mercato, come fattori di sviluppo e di progresso in una società di livello europeo.
C) Eliminazione dell'esame di stato per tutti gli ordini con obbligo di un tirocinio- stage per un anno presso una struttura riconosciuta dei nuovi laureati. Accesso diretto per chi è già in età lavorativa e non è iscritto all’ordine professionale. Non obbligatorietà d’iscrizione all’ordine professionale.
D) Trasferire il Tfr in busta paga garantirebbe da subito un aumento dei consumi.
E) Accorpamento di Enti pubblici in particolare di quelli che si occupano della stessa materia.
Ad es. : accorpamento all’INAIL dei servizi di vigilanza sul lavoro presenti nelle Direzioni Provinciali del Lavoro, delle ASL, ARPA; in questo modo si avrà maggiore efficienza, efficacia ed economicità, con notevoli risparmi della spesa pubblica anche in termine di personale.
Accorpamento all’INPS dell’INPDAP.
Accorpamento dei servizi degli alimenti e veterinaria al Ministero dell’Agricoltura servizio antifrodi.

Sandro 21.08.11 23:03| 
 |
Rispondi al commento

ma è possibile che per leggere qualcosa di politicamente interessante debba andare sul sito di un comico?

alessandro s. Commentatore certificato 21.08.11 22:47| 
 |
Rispondi al commento

RIFLETTEVO CAGANDO
http://pinoz6700.blogspot.com/

Giuseppe D., CAGLIARI Commentatore certificato 21.08.11 21:40| 
 |
Rispondi al commento

PENSIONI, LA MIA PROPOSTA.
- 40 anni di contributi per tutti ( molti hanno iniziato a lavorare a 14 anni, giusto che dopo 40 anni di lavoro possano andare in pensione)
- eliminazione dei vitalizi ai parlamentari (anche quelli che sono in Parlamento da 50 anni)
- Importo max della pensione: 3.000 euro come già detto da Beppe.
ASSOLUTAMENTE VITALE ELIMINARE IL FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI.
Chi può fare un conto del risparmio?
Nuova legge elettorale e ELEZIONI AL PIU' PRESTO!

anna i., alessandria Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutt@
Un paio di riflessioni su come uscire dalla m***a
Proporrei:
- sgravi fiscali e incentivi (aiuti per partecipazione bandi fondi comunitari) per le aziende che assumono a tempo indeterminato, poniamo fine al precariato che rende il paese precario...
-incentivi per i privati cittadini,per le ristrotturazioni di immobili già presenti sul territorio.
- chiusura delle trasmissioni Rai via digitale terreste, diffusione delle tv via rete come già per altro avviene
-Restituzione immediata di tutti gli incentivi erogati dallo stato per finanziare i decoder del digitale (ma chi gel lo aveva chiesto?!?!) e impiego dei fondi per il potenziamento della rete italiana , che a mio avviso fa pena.
Per ora, di getto questo mi viene in mente...
Buona serata Gabriele

Gabriele 21.08.11 20:27| 
 |
Rispondi al commento

....dal momento che il pesce puzza sempre dalla testa, io comincerei dal decimare i parlamentari partendo da quelli condannati in via definitiva e da quelli che sono presenti da piu di 3 legislazioni anche se non consecutive, azzerarne i privilegi economici e legali, compreso l'immunità o quant'altro,basta doppi incarichi in politica, basta finanziamenti ai partiti, basta finanziamenti all'editoria, multe onerose a chi inquina e/o lorda il suolo, l'aria o/e l'acqua, a partire da chi getta mozziconi di sigaretta e borsine dalle auto in corsa, farei detrarre ogni tipo di spesa certificata incentivando in tal modo a certificare ogni spesa con scontrini fatture ecc,obbligo di rintracciabilità per spese sopra i mille euro, multe onerose alle ditte che effettuano soprusi di qualsiasi genere sui lavoratori (a partire dal lavoro nero e dall'abuso del precariato) le ditte dovrebbero poter usufruire del lavoro precario a costi più elevate nella percentuale massima del 3% del totale dei lavoratori assunti e per un tempo non superiore ai 3 mesi ripetibili solo 3 volte nell'arco di 5 anni, passato questo periodo obbligo di assunzione di almeno 1 dipendente o basta precari nella medesima azienda.confisca dei beni, compreso quelle dei famigliari di 1-2-3 grado ai finti invalidi totali che non abbiano un invalidità reale di almeno 80% di quella presunta (non credo possibile che un genitore, un fratello, la moglie o un figlio non sappiano se si percepisce un assegno di invalidità senza che l'invalidità sussista.
penso che appliocando tutte queste semplici regole più quelle già citate sul blog, l'Italia azzererebbe il debito pubblico in poco tempo...

Claudio Prandini 21.08.11 19:58| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me un ottimo incentivo per riportare la produzione nel nostro paese sarebbe di non far pagare l'IVA alle aziende che sviluppano e producono il loro prodotto in Italia o addirittura nelle vicinanze della sede legale e con almeno una buona percentuale della mano d'opera italiana

Walter Picinin 21.08.11 19:44| 
 |
Rispondi al commento

È EVIDENTE STA SUCCEDENDO DA NOI E ALTROVE.
Chi vi scrive è un pensionato di anni 65 a l'estero ricevo i miei 38 anni di contributi è mi ritengo fortunato, molti non avranno mai questa possibilità. Cosa fare allora ? credo che anche questa tempesta epocale si potranno ritrovare condizioni ottimali.
La crisi non è una cattiva bestia ! è una specie di frullatore che impazzito trita tutto e tutti in piccolissime particelle. Qualcuno potrebbe pensare che questo sia inutilizzabile da buttare, io al contrario credo che sia una possibile opportunità.
Quante valli, quartieri, rioni, paesini si sono addormentati, perdendo la propia gente che aspirava avida al posto in banca al posto in ufficio, rappresentante,operaio, portiere, bidello, funzionario ecc... ecc...
e tutte queste anime partecipavano in quei sopracitati luoghi abitati dai nostri nonni lasciati soli.
Ora quanti di questi erano, Ciabattini, Falegnami, Idraulici, Elettricisti, Meccanici, Carpentieri,Muratori, Aggiustatori, Arrotini, Cuochi, Macellai, Salumieri,Sarti, Lavandai, Pastori, Barbieri, Panettiri, Pasticceri, Imbianchini, Contadini, Allevatori di carni e di pesce, Verdurieri, Apicultori, Carbonai ecc.. ecc...
Ecco tutti questi mestieri sono svaniti, non appena la grande bocca del consumo ci ha ingoiato e lasciando alle spalle i luoghi che una volta possedevano un'anima.
La qualifica e la faciltà di fare l'impiegato in Banca era piu ricca piû prestigiosa, anche se quel impiegato avrebbe potuto fare prima un apprendistato di Pasticcere.
Inconsciamente veniva da molti chiamato "botte di ferro" é un'espresione che ho sentito spesso in Italia un dato di fatto, l'Italiano e sempre alla ricerca del CONTENITORE, vedi Politici, Sportivi, Veline e altre categorie che vendono aria per far miliardi. Il richiamo della foresta ! i luighi dei nostri nonni ci ritroveranno attorno a una bel calderone di polenta più felici. Certo che il dubbio rimane...ma questo è sempre con noi in particolare oggi.

silvo sarra 21.08.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento

TUTTO QUELLO CHE E PRIVATO DIVENTA DELLO STATO. ABOLIRE LA MONETA E METTERE UNA TESSERA A PUNTI PER MANGIARE RISCALDARSI. TUTTO IL RESTO E GRATIS.FINITI GLI STUDI SI LAVORA TUTTI SENZA STIPENDIO. PAGATO IL DEBITO QUELLO IN PIU SI DIVIDE IN PROPORZIONE AI BENI IMMOBILIARI CHE SI POSSEDEVANO PRIMA E A CHI NON POSSEDEVA NIENTE SI DA DELLA TERRA .SE ABOLIAMO I SOLDI COME FANNO A RUBARLI?E LE FABBRICHE NON POTRANNO ESSERE PORTATE ALL'ESTERO PERCHE STATALI.

claudio casalinis (stilofe.56), ferrara Commentatore certificato 21.08.11 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna trovare dei fonfi per finanziare le attività agricole che lavorano in biologico e biodinamico perchè i loro prodotti possano competere sul mercato e così mettere sotto scacco le grandi multinazionali. Potremmo così volorizzare le risorse del teritorio, incentivare l'agricoltura bio e salvagardare l'ambiente, forse niete di che ma....

Filippo Oliva 21.08.11 19:35| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=lngt5kVD4PA&feature=player_embedded

W L'ISLANDA
W L'ECUADOR DEL PRESIDENTE COREA (DEBTOCRACY SU YOUTUBE)

mauro menicucci 21.08.11 19:24| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio ripetere le idee interessanti ed esaustive degli altri navigatori che appoggio e condivido al 100%, ma ne aggiungo una sola:

BIOGAS

qui in Svezia ci si sposta sempre con i mezzi pubblici, ma quando non si puo fare a meno dell´automobile non si usa petrolio, ma biogas! gli svedesi lo producono nel loro paese in 2 modi: con la fermentazione della componente umida dei rifiuti di casa,(il cosidetto umido) e dalla raccolta di liquami agricoli e dalle acque fognarie.

il biogas viene usato nelle auto come fosse una normalissima benzina, costa 80c di € ma rende un po meno di una benzina.

vantaggi: il biogas viene prodotto in loco e quindi si incoraggia l economia locale, la fiat ha gia questi motori in casa, l Italia ha la rete di distribuzione di metano piu sviluppata d´Europa, risparmieremmo 30MLD di € allánno rispetto al petrolio.

svantaggi: serve coraggio politico per andare oltre le lobby del petrolio e realizzare una piccola, enorme rivoluzione!
la potenza del motore diminuisce, ma chissenefrega!!!

per chi fosse interessato: http://www.swedishbiogas.com/us

Ivan Cusini,
Ingegnere ambientale e per lo sviluppo sostenibile,

Stoccolma

Ivan Cusini 21.08.11 19:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I beni e i patrimoni delle cosche mafiose devono confluire in un fondo dedicato esclusivamente alla Giustizia. In questo modo, lo Stato avrebbe a disposizione risorse e investimenti per far ripartire la macchina giudiziaria, distrutta da B. e dalle sue leggi ad personam, con la gentile collaborazione del centrosinistra.

Giacomo Ferru, CA Commentatore certificato 21.08.11 18:53| 
 |
Rispondi al commento

http://pinoz6700.blogspot.com/

Giuseppe D., CAGLIARI Commentatore certificato 21.08.11 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Proposta : tagliare il numero di università in modo significativo. Esempio : non ha senso che in Sicilia ci siano praticamente tutti i corsi di laurea in 3 università, ne basterebbe uno in una delle 3 università, a seconda dei casi. Abolire tutte le sedi decentrate, che hanno in genere pochissimi studenti. Eliminare il finanziamento di università private (vedi universita' di Enna) e di tutte le scuole private.
Sviluppare la pratica dell'insegnamento a distanza, che costa molto meno, anche in termini di difesa dell'ambiente.

Gianfranco La Manna 21.08.11 18:06| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO,
mi fai tanta tenerezza! E ...... ti voglio bene ....... Amico mio, fratello mio!!!
MA..... mentre tu esponi i tuoi validi e sani “Progetti .... PER SALVARE IL PAESE .....
Costoro “ I Pezzi di Melma ....... “ .... hanno già ideato, studiato, concertato e deciso:
Sono TUTTI d’accordo ....... !!!!!!!!!!!! Credimi !!
LEGGI:
http://www.gazzettaufficiale.it/guridb/dispatcher?service=1&datagu=2011-08-13&task=dettaglio&numgu=188&redaz=011G0185&tmstp=1313268384095
VAI ai Titoli (I – II – III – IV) : e leggiti piano e bene tutti gli articoli.

I NOSTRI POLITICI vanno Tutti licenziati in tronco, denunciati TUTTI per Alto tradimento in quanto..TUTTI responsabili della rovina dell’Italia. (DATI Istat/Svimez)
Devono essere spogliati IMMEDIATAMENTE di tutti i loro Beni Patrimoniali, rubati indegnamente al Popolo
Italiano ...... Giudicati (Class Action) dalla Magistratura
(NO, De Magistris! ........ NO, Di Pietro)
Condannati al risarcimento dei danni!!! SUBITO .... .. ..... SUBITO ..........
(per Costoro necessita un Tribunale Militare: ..... (1944) .... Corte Marziale e fucilazione alla schiena)
http://it.wikipedia.org/wiki/Galeazzo_Ciano
all’Estero, ci considerano così :
http://www.economist.com/node/18805327
L’Italia è finita ...... .(Tremonti..... L’esperto in Paradisi Fiscali)....
i Pezzi di Melma si stanno “parando” le loro schifose, luride chiappe
(leggi personali, processo lungo, termini di prescrizione,ecc. Capitali e altri beni All’Estero)
Nessuno reagisce più! Mi spiego bene!!!?? Un popolo di inermi, senza orgoglio, stimoli e emozioni!
Accettano passivamente le menzogne delle TV e dei Media: Nessuna reazione! Tutti Zitti!
E’la loro grande impreparazione, la loro inconsapevole immensa e desolata Ignoranza .....
Salvati, Amico mio! Fratello mio! Abbandona l’Italia...... è una palude ......
Sabbie mobili ..... Vai Via, subito!! Salva almeno te e i tuoi figli ....
Roma, 21 agosto 2011
Robincook


Robincook P., Roma Commentatore certificato 21.08.11 18:04| 
 |
Rispondi al commento

RIMINI - Il popolo di Comunione e Liberazione del Meeting di Rimini ha accolto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appena arrivato nella sala dell'Auditorium della Fiera, con alcuni minuti di applausi, numerose standing ovation e cori.
--------------
Lui crede di essere ospite invece è ospitato.
Così come l'Italia crede di "ospitare" lo stato del vaticano.
Nessuno stato laico può reggere il potere temporale della chiesa e i suoi istituti offshore.
In Francia lo sanno bene, in germania anche ... mica sono scemi.
Lasciano a noi volentieri l'onore "storico".

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 17:58| 
 |
Rispondi al commento

( continua)
-Accorpamento degli otto(!) Corpi di Polizia che vigilano sugli Italiani in un unico Corpo di tipo civile.
Il suddetto Corpo avrà il quadro-ufficiali scelto dallo Stato, ma i sottoufficiali e la truppa potranno essere scelti dai sindaci del Dipartimento in cui si estende la sua giurisidizione.
Nel caso che i Dipartimenti non siano in grado di poter procedere a tale scelta( catastrofi, rivolte...), l'intero Corpo ricadrà sotto la giurisdizione dell'Esercito- Marina nel caso di Comuni costieri od isolani- per ritornare sotto la giurisdizione civile passata la fase dell'emergenza.

Il momento è grave, ma non è il caso d'abbandondarsi al festival dell'utopia come ho notato in molti commenti, bensì di mantenere i piedi per terra.
I modelli per le mie proposte sono:
- http://it.wikipedia.org/wiki/Dipartimento

- http://it.wikipedia.org/wiki/Berlino#Gro.C3.9F-Berlin_.E2.80.93_la_riforma_del_1920
( accorpamento dei Comuni)

- http://it.wikipedia.org/wiki/Acquisto_dell%27Alaska
( cessione delle Regioni)

- http://it.wikipedia.org/wiki/Metropolitan_Police_Service
( unico Corpo di Polizia)

- http://it.wikipedia.org/wiki/Royal_Irish_Constabulary
( Corpo di Polizia in fase d'emergenza)

A. Bahn 21.08.11 17:58| 
 |
Rispondi al commento

un altro punto decisivo per fermare il consumismo sfrenato è la pubblicità: si deve regolamentare l'attuale eccessiva visibilità del capitalismo che in molti settori di mercato ha devastato l'artigianato e la mano d'opera del territorio, la mia idea è quella di statalizzare con un dazio e una regolamentazione di sistema e poi contare tutt le società che producono in italia per ogni settore imprenditoriale e dividere il tempo che si dispone in televione, in radio e in internet e le uscite dei giornali e dei manifesti per gli spazzi pubblicitari, in modo che ogni ditta, impresa italiana, dalla più povera alla più ricca possa avere la stesso tempo per apparire in tv, cosi facendo non vedremmo la stessa pubblicità ogni 20 minuti ma una alla settimana o al mese
...dobbiamo creare un sistema di mercato dove non è possibile arricchirsi ma vivere un esistenza economica serena

uto

Acul utopiA Commentatore certificato 21.08.11 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Se mi consentite propongo di stornare i 17 miliardi di euro destinati alla difesa. Non acquisterei i caccia a 141 ml di euro l'uno o altri armamenti. Queste risorse vanno destinate invece al turismo ambientale, parchi nazionali, riserve ecc... Ricordo solo, ad esempio, che la finanziaria, la penultima, ha dimezzato il finanziamento al parco nazionale d'abruzzo da 7 ml a 3,5 ml. La spesa complessiva per i parchi è di 50 ml di euro nel nostro paese.

Marcello Marcellini 21.08.11 17:37| 
 |
Rispondi al commento

...Prove tecniche?!?...


http://tv.repubblica.it/sport/inno-nazista-alla-premiazione-gaffe-ai-mondiali-di-canoa/74530?video&ref=HRESS-5

anib roma Commentatore certificato 21.08.11 17:32| 
 |
Rispondi al commento

I soci privati delle Banche Centrali (private)

I SOCI DELLA BANCA D’ITALIA

Gruppo Intesa (27,2%), BNL (2,83%)
Gruppo San Paolo (17,23%) Monte dei Paschi di Siena (2,50%)
Gruppo Capitalia (11,15%) Gruppo La Fondiaria (2%)
Gruppo Unicredito (10,97%) Gruppo Premafin (2%)
Assicurazioni Generali (6,33%) Cassa di Risparmio di Firenze (1,85%)
INPS (5%) RAS (1,33%)
Banca Carige (3,96%) privati (5,65%)
I SOCI DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA (BCE)

Banca Nazionale del Belgio (2,83%) Banca centrale del Lussemburgo (0,17%)
Banca Nazionale della Danimarca (1,72%) Banca d’Olanda (4,43%)
Banca Nazionale della Germania (23,40%) Banca nazionale d'Austria (2,30%)
Banca della Grecia (2,16%) Banca del Portogallo (2,01%)
Banca della Spagna (8,78%) Banca di Finlandia (1,43%)
Banca della Francia (16,52%) Banca Centrale di Svezia (2,66%)
Banca Centrale d’Irlanda (1,03%) Banca d’Inghilterra (15,98%) (Non ha l’euro)
Banca d'Italia (14,57%)
I SOCI DELLA FEDERAL RESERVE U.S.A.

Rothschild Bank di Londra Kuhn Loeb Bank di New York
Warburg Bank di Amburgo Israel Moses Seif Banks d’Italia
Rothschild Bank di Berlino Goldman, Sachs di New York
Lehman Brothers di New York Warburg Bank di Amsterdam
Lazard Brothers di Parigi Chase Manhattan Bank di New York

I personaggi qui sotto possedevano banche che a loro volta possedevano azioni della FED. Le banche elencate hanno un controllo significativo sul New York FED District, che controlla gli altri 11 FED Districts. Queste banche sono in parte possedute da stranieri e controllano la New York FED District Bank:

First National Bank di New York Levi P. Morton
James Stllman National City Bank, New York M.P. Pyne
Mary W. Harnman George F. Baker
National Bank of Commerce, New York Percy Pyne
A.D. Jiullard Mrs.G.F. St. George
Hanover National Bank, New York J.W. Sterling
Jacob Schiff Katherine St. George
Chase National Bank, New York H.P. Davidson
Thomas F. Ryan J.P. Morgan (Equitable Life/Mutual Life)
Paul

luciano 21.08.11 17:31| 
 |
Rispondi al commento

oltre... come la campagna del pd-l
-formazione di nuove generazioni per la gestione del patrimonio artistico e paesaggistico, inglese e informatica obbligatori dalle elementari, eco sostenibilità e riciclo
- semi privatizzazione a progetto e a tempo delle opere d'arte
-liberalizzazione droghe leggere e prostituzione
-contributi pensionistici per scelta
-defiscalizzazione indipendenza dei condomini per luce gas fabbisogni alimentari
-defiscalizzazione in sviluppo per mezzi di trasporto alternativi al petrolio
già metà delle cose basterebbe e avanzerebbe per un paese che volesse prendere coscienza di se stesso e cosa può diventare

marco g., roma Commentatore certificato 21.08.11 17:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il personal banker,(al telefono)dice: tieni duroooo,mio zio 90 anni la borsa si alzera e recupero tutto,gli rispondo si col viagra,i soldi non sono i suoi, e facile fare i busoni con il culo degli altri.

Maurizio Giannattasio, Vado-Monzuno Commentatore certificato 21.08.11 17:30| 
 |
Rispondi al commento

Viva l' Islanda! I debiti li paghino loro e basta!
Non ce ne frega niente di niente delle loro proposte, quello da farsi lo decide la maggioranza dei cittadini se no incrociamo tutti le braccia e il pil se lo fanno loro e i loro amici.

lupin terzo 21.08.11 17:28| 
 |
Rispondi al commento

RIPRISTINARE UNA SORTA DI "CONTROLLO SOCIALE" ANTI FURBIZIA ITALICA E' ORA POSSIBILE, COSI' COME AZZERARE OGNI PRIVILEGIO QUINDI:

- PUBBLICAZIONE IN RETE DELLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI
- PUBBLICAZIONE IN RETE DELLA “COMPOSIZIONE PROPRIETARIA” DELLE SOCIETA’
- OBBLIGO PER QUALSIASI ATTIVITA’ DI ESPLICITARE IN MODO BEN VISIBILE QUANTI E QUALI FONDI PUBBLICI FINANZIANO L’ATTIVITA’ IN CORSO
- ABOLIZIONE DI QUALSIASI PRIVILEGIO (CHIESA, AUTONOMIE LOCALI …)
- PUBBLICAZIONE IN RETE DELLA RILEVAZIONE DEL TERRITORIO CON GIS. PERCENTUALE IN PROPORZIONE AL DANNO ARRECATO A FAVORE DI OGNI SEGNALAZIONE DI ABUSO ANDATA A BUON FINE.
- SENSIBILE ABBATTIMENTO DELLA TASSAZIONE PER I PASSAGGI DI PROPRIETA’ IMMOBILIARE. PESANTI SANZIONI IN CASO DI FALSE DICHIARAZIONI.

LAO 21.08.11 17:27| 
 |
Rispondi al commento

MASADA N° 1316. 20-9-2011. E’ SEMPRE TITANIC

Il nuovo contratto sociale del XXI secolo: il nostro silenzio è il nostro suicidio - – Ci stanno massacrando – Quando il Pd salvò lo scudo fiscale – Sylos Labini lo aveva predetto – La truffa dell’obolo di solidarietà – E se scaricassimo tutti l’Iva con le tasse? – Commenti e proposte – Evasione ed evasori – Attacco all’articolo 18 – Io sono un calciatore e non pago – Chi finanza il meeting di CL? – Usa, la fragilità di un colosso – Non paghiamo il debito! – L’eliminazione delle feste civili – Province: nullafacenti a peso d’oro

“Stupidità e violenza viaggiano sullo stesso sentiero”
Grazia Francescato
..
Valter Conti manda
Il nuovo contratto sociale del XXI secolo

..
(Per leggerlo clicca il mio nome
oppure vai a http://masadaweb.org)

viviana v., Bologna Commentatore certificato 21.08.11 17:25| 
 |
Rispondi al commento

ABOLIRE COMUNIONE e LIBERAZIONE

CL benedice con Napolitano la svolta trasversale per il dopo Berlusconi

La parola d'ordine del meeting di Rimini è trasversalità.

Lo si capisce dagli ospiti che oltre al Capo dello Stato inaugureranno la kermesse:

Lupi del Pdl e Letta del Pd.

E Formigoni, lo storico leader che scalda i motori per il post B, avrà un ruolo defilato in modo da non destare troppi sospetti

Nessun nemico, dunque. Trasversalismo prima di tutto, passando per la sordina alla politica e per l’esaltazione della “società civile”, che è poi il campo di gioco preferito di Cl. É su quel terreno che la Compagnia delle Opere coltiva da tempo la trasversalità con le coop rosse.

A Rimini il numero uno della Lega Coop Giuliano Poletti e il presidente Pd della provincia di Roma Nicola Zingaretti intratterranno i giovani ciellini sull’imperdibile tema “Il lavoro come bene comune”.

Il convegno è organizzato con la collaborazione di Obiettivo Lavoro, società di lavoro interinale molto nota, anche se non tutti sanno che è nata

dall’alleanza tra Compagnia delle Opere e Coop rosse.

Una parentela incarnata dalla figura di Massimo Ferlini,

esponente del Pci coinvolto e assolto nell’inchiesta Mani pulite,

oggi vice presidente della stessa Compagnia delle Opere.


Del resto non è un caso che l’incontro inaugurale con Napolitano sia organizzato con la collaborazione dell’Intergruppo parlamentare per la Sussidiarietà,

parola totem per il pensiero sociale cattolico attorno alla quale Cl raduna un plotone di politici di ogni schieramento.

La trasversalità non guarda solo a sinistra. In un programma meno generoso del solito con i politici non mancherà la ribalta del sabato mattina per il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, beniamino dei giovani ciellini, nè quella per il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/08/21/cl-benedice-con-napolitano-la-svolta-trasversale-per-il-dopo-b/152672/

ENZO D., BARI Commentatore certificato 21.08.11 17:20| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

( continua)
-Le Regioni a Statuto Speciali non vengono abolite.
Invece, andranno cedute agli Stati con cui hanno legami etnico- storici( Trentino-Suedtirol alla Germania , Val d'Aosta alla Francia, Sardegna alla Spagna...): ovviamente, la suddetta cessione andrà corrisposta nella cessione di una parte delle riserve auree della Nazione acquirente, in una percentuale dal 10% in sù.
I Comuni che desiderassero far ancora parte dello Stato Italiano verranno esauditi, escludendoli dalla cessione, ma questa misura non si rifletterà in alcuna autonomia, né amministrativa né economica.
Nel caso che gli Stati in questione non possano o non vogliano procedere, eventuali Stati terzi possono entrare nell'accordo al loro posto( Es. la Russia acquista l'Arcipelago della Maddalena) fermi restando il rispetto dell'accordo sulle riserve auree ed il rispetto della volontà dei Comuni e della loro popolazione, nonché l'obbligo di procedere ad installazioni militari, anche semplici acquartieramenti per eventuali forze di gendarmeria, solo dopo previo assenso dello Stato Italiano.
(segue)

A. Bahn 21.08.11 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Beppe..insieme al movimento dovete spiegare anche come vorrebbe funzionare la vostra idea di struttura democratica per un eventuale(e felice) futuro.Cioè un progetto che dimostri che sia concretamente fattibile.

Per esempio(questo è un iter molto lungo e complesso,però è solo come esempio):
1)In ogni comune si raccoglieranno le proposte che hanno un certo tot di firme.

2)ogni tot di tempo verranno votate e le proposte che raggiungono una certa percentuale passeranno(per dire,ma si può evitare)alla Regione,che raccoglierà tutte le firme.

3)La Regione voterà e raggiunta una certa percetuale passeranno alla Corte Costituzionale che,constata la loro legittimità,permetterà al Parlamento di proporle ogni tot.su internet per votarle.
I parlamentari avranno la facoltà di proporre le loro idee senza necessità di seguire l'iter ma solamente tramite la normale consultazione parlamentare.

4)Rimarranno lì un tot di tempo e verranno analizzate da TUTTI i punti di vista e da persone autorevoli pro e contro.

5)Si vota.In base alla Costituzione, alcune richiederanno una maggioranza qualificata,altra quella semplice etc..


-In ogni caso..BISOGNA GARANTIRE LA TRASPARENZA E CHE IL VOTO SIA UNICO E SEGRETO.BISOGNA IMPEDIRE CHE SI POSSA FIRMARE SE SI è COSTRETTI CON VIOLENZA.Come si fa?
Ci vuole uno staff di diritto e d'informatica qualificato con cui organizzare la struttura che garantisca questi principi.Altrimenti il voto elettronico dal computer potrebbe non essere possibile.

F.P. 21.08.11 17:17| 
 |
Rispondi al commento

#manuela

"Non sono gli uomini al servizio della democrazia, ma la democrazia al servizio degli uomini".

Lo dico e lo ripeto anche, e apprezzo il tentativo di mettere in gioco la tua intellighenzia, seppur sarcastico, quindi unilaterale.
Per farti un esempio, è come dire "non sono gli uomini al servizio della legge, ma è la legge al servizio degli uomini". Non è possibile pensare che i concetti dei quali ci serviamo, e che quindi derivano dalla nostra realtà (fenomenica) e dalla nostra cultura, assumano dimensioni autonome dove noi con il nostro stesso pensiero forgiante risultiamo infine ad essere sudditi di tale concetto. O pensi davvero che potremmo mai distruggere la nostra civiltà per servire le leggi? Lo vedi il paradosso no? Lo stesso vale per il concetto di democrazia. Quando diciamo democrazia, facciamo riferimento al bello della nostra vita, che deriva proprio dall'esistenza del mio "vicino", che avendo "assolutamente giustamente" il mio stesso significato, contribuisce a determinare il mio "arrivare" a determinare il concetto. Per bello si intendono tutti i passaggi che portano a renderti debitore della tua comprensione e delle tue possibilità. Questo per dirti che se infine facessimo l'errore di concepire democrazia considerandolo un concetto a priori, non faremmo altro che snaturare l'intelletto che ha portato proprio alla formulazione di ogni concetto, compreso questo, ovvero entreremmo in contraddizione con la nostra esistenza intellettiva.

Andrea C., Milano Commentatore certificato 21.08.11 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Domeica 21 agosto su rainews il segretario del Partito radicale chiede la soppressione dell'8 per mille alla chiesa,ossia del finanziamento alla Chiesa Cattolica con cui essa sfama con la Caritas i barboni e gli immigrati che altrimenti morirebbero di fame.Se perdete il lavoro,l'unica speranza per chi vuole mangiare o una coperta per il freddo è la Chiesa Cattolica.Senza i sacerdoti la societa' scivola da uno stato spirituale a animale,con una sfrenata lussuria bordelli a cielo aperto,droghe e alcolismo,poi si passa non avendo piu' alcun amore per gli altri ad eliminare i soggetti scomodi quali i bambini con l'aborto e gli ammalati con l'eutanasia.Il progetto del partito radicale è dopo aver tolto i finanziamenti è chiedere la soppressione del Vaticano come istituzione,in pratica vuol dire che si avvicina il tempo della persecuzione,il martirio per chi vuole essere cristiano,come predetto dai padri della chiesa(Il regno dell'Anticristo).L'ateismo non esiste,se una persona si dice atea,vuol dire che odia Cristo,e l'odio a Cristo porta alla Chiesa di Satana,sono i suoi seguaci,i suoi adepti che vogliono abolire il primo maggio,festa di San Giuseppe lavoratore,poi il loro odio aumentera' di continuo fino alla persecuzione.E' incredibile gli scontri accaduti a Madrid,se un cantante portasse un milione di turisti,tutti sarebbero stati contenti perchè le spese vengono recuperate dall'introito turistico,quindi la questione non è economica,ma morale l'odio anticristico,non si risolvono i problemi economici dei paesi rubando la ricchezza della Chiesa(che sono i poveri come disse San Lorenzo prima di essere ucciso perchè cristiano).

Leonardo Graniti 21.08.11 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un punto importante di un futuro programma di sviluppo è naturalmente il lavoro. l'occupazione deve venire non dalla costruzione di improbabili ponti e/o tunnel all'amianto, bensì dalla messa in sicurezza del territorio attraverso l'opera di prevenzione di frane, alluvioni, incendi, ecc

pino 21.08.11 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti Grillo, finalmente cominci ad essere un pò piu pragmatico e concreto nelle tue proposte.
Avanti cosi! (..ed avrai il mio voto)

liberodipensare 21.08.11 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Sarò pessimista, quindi realista, ma vorrei anche premettere che questo assioma non vuole essere un atto d'accusa generalizzato, e quindi a chi si sentisse ingiustamente accusato, chiedo scusa. E' piuttosto una resa incondizionata da manifesto malcostume in contunua evoluzione.

Popolazione italiana: 60.600.000; dipendenti pubblici: 3.400.000. A colpo d'occhio, senza usare una calcolatrice, si evince che ogni diciotto cittadini, uno è impiegato a vario titolo nella pubblica amministrazione. Bene, ipotizziamo che almeno tre su diciotto abbiano collegamenti lavorativo/familiari con altri tre che non sono impiegati nella pubblica amministrazione e magari questi abbiano famiglia, amici, conoscenti e/o parenti che, a loro volta, sono in contatto diretto con altri tre cittadini dei diciotto di partenza. Il conto è partito solamente da tre dipendenti pubblici e, se non avete perso il conto, in due passaggi siamo già a metà dipendenti pubblici in contatto con altri cittadini. Matematicamente ho semplificato molto, ma se facciamo mente locale e pensiamo a come ci comportiamo quando ci fanno una multa, quindi chi cerchiamo per farcela cancellare, oppure a chi ci rivolgiamo per un aiutino per un posto di lavoro, piuttosto che per avere il nostro favore di turno o per ottenere qualcosa a discapito del prossimo, ecco, forse non siamo molto lontani dalla realtà, perchè questo è esattamente ciò che accade in modo a qualsiasi livello socio/economico. E per carità, non diciamo che il nostro è un peccato veniale, perchè tutto è relativo. E questo lo spirito italiano che ci contraddistingue.

In definitiva, prima di scatenare una caccia alle streghe ai personaggi che godono di privilegi più o meno legittimi, dovremmo farci un esamino di coscienza per vedere se siamo veramente disposti a fare piazza pulita di un sistema che, in un modo o nell'altro, ha dato e continua a dare dei privilegi anche a noi che ci lamentiamo di un sistema che non funziona.

Grazie per l'attenzione.

Daniele 21.08.11 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Occorrono solo due o tre cose: 1) combattere l'evasione fiscale a brutto muso senza tentennamenti, quali quelli ultimi che hanno ridato fiato agli evasori come la diminuzione dei controlli programmati e le critiche ad Equitalia, al di là dei dovuti controlli e della possibilità di difesa dei debitori d'imposta. Manette, poi, per chi ha evaso cifre consistenti. 2) Allegerire la pressione fiscale a chi, lavoratore dipendente o pensionato, percepisce meno di 40.000 euro annui di reddito, di almeno 5 punti percentuali tra IRPEF ed addizionali, in modo da rilanciare i consumi. 3) Tagliare i costi della politica sia a livello centrale che nelle Regioni ed enti locali, superando tutte le norme che impediscono i tagli delle poltrone con una norma di priorità legata al default prossimo venturo dell'Italia nel suo complesso.

Chiara Mente Commentatore certificato 21.08.11 16:51| 
 |
Rispondi al commento

Sviluppo Italia

1) Turismo: Roma, fuori i Ministeri ed Ambasciate dalla città, si costruisce una mini isola con grattacieli fuori citta come Canberra (Aus), Ottawa (Can)ecc. Traffico risolto. Tutto centro area pedonale, rievocazione qualitativa e ben studiata dell'Antica Roma, verrà tutto il mondo a vedere. E questa e solo una.Venezia, Firenze edgni città e ha un patrimonio interminabile da sfruttare. Pesino i piccoli borghi medievali potrebbero ospitare Università internazionali rianimandole.

2) Ecologia: milioni di posti lavoro, e miliardi di €uro fra risparmio e benessere generato fra recupero del territorio deturbato (abbattimento capannoni in disuso/abusivi, ripulitura parchi spiagge e fiumi) divieto auto a benzina a favore auto elettriche prodotte in Italia (a milioni).

3) Anziani come risorse didattiche per giovani e bambini per inseganre artigianato e rispetto valori e principi. Facciamoli entrare nelle scuole..

4) Agricultura; favorire i mercatini biologici in tutti i paesi, agevolare i turisti nei campi per le raccolte, inserire l'orto ed i giardini botanici nel curriculum di tutte le scuole,

5) Edilizia: per nuovi progetti permettere solo costruzioni auto sufficienti per energia, acqua, rifiuti, orti in comune,parcheggi bici, piste ciclabili ovunque.

e comunque sviluppo affiancato da "decrescita-felice" , non possiamo spendere metà dei nostri stipendi duramente guadagnati su puttanate che si rompono dopo pochi mesi. Poche cose ma buone, che servono veramente e poi vedrai che con risparmio in ; benzina, Enel, telefonia con Skype/Voip, smaltimento rifiuti, ecc come riusciamo a vivere meglio e con meno.

Dai gente facciamo questa rivoluzione!

Nick C

NICHOLAS C., CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Alla fine i leghisti si sono dimostrati per quello che sono.

I politici leghisti non sono altro che la controparte dei politici sudisti.
Stessi maneggioni, stessi approfittatori e stessi affama popolo, uguali in tutto tranne che nella pronuncia.


Carlo Carletti Commentatore certificato 21.08.11 16:45| 
 |
Rispondi al commento

I miei 6 cents( 2x3) per uscire dalla crisi.
-Abolizione totale di Regioni e Provincie. Tutti i Comuni vengono raggruppati in Dipartimenti, organizzati su basi geografica( valli, fiumi,etc.) e non storico-amministrativa. Detti Dipartimenti non hanno né Giunta né Presidenze fisse: i componenti sono scelti dai sindaci dei Comuni facenti parte. Se detti comuni si trovano nelle adiacenze, o fanno comunque parte, delle aree metropolitane( Roma, Milano, Torino...) vengono assorbiti tout court all'interno dei comuni metropolitani( Grande Roma, Grande Torino, etc.)
(segue)

A. Bahn 21.08.11 16:38| 
 |
Rispondi al commento

E' la terza volta che invio un commento , che non appare .

cecco 21.08.11 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una cosa essenziale nel programma del m5s(non per la manovra):
-INSEGNAMENTO DEL DIRITTO(sin dalle medie fino alle superiori<--i cittadini devono conoscere i loro diritti/limiti)
-INSEGNAMENTO DEL COMPORTAMENTO CIVICO (che deve comprendere anche lo studio della politica con le sue idee e lo studio delle notizie più rilevanti in maniera totalmente a-politica)

Federica P. Commentatore certificato 21.08.11 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Pare che ci siano 6 frequenze TV del Digitale da assegnare e sembra che chi dovrebbe preoccuparsi i metterli all'asta, il governo del Signor Berlusconi, se ne freghi e sia disposto a regararli ai due più grandi operatori presenti sul mercato, Rai e, guarda caso, Medisaet.

Questi delinquenti pure in piena crisi si permettono di fare guadagnare il solito noto, Silvio Lucky Luciano Berlusconi.

Scendiamo in piazza e facciamoli fuori !

Carlo Carletti Commentatore certificato 21.08.11 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Occorre fare in modo che le SPA tornino alla loro ragione originaria : finanziare idee produttive attraverso il concorso di è disposto a investire, con risorse sue, e a lavorare sul futuro di una scommessa industriale.

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 16:28| 
 |
Rispondi al commento


Gli ultimi....saranno i primi.....

Sparisco dal blog per ferie forzate e accade l'inverosimile. Un post migliore dell'altro , un comunicato politico n. 45 che meriterebbe piu' approfonditi commenti, tempo e che spazza via i rischi di partito , nonchè chiarisce COMPITI , RUOLI E RESPONSABILITA'.....poi il programma di sviluppo.
.......
Tutti sono importanti , ma nessuno è indispensabile ....o meglio conta uno come gli altri. Quindi importante anello in un processo spedito che viaggia benissimo da solo , senza capetti , aspiranti leader , furbi e sani.
.........
Una proposta meglio dell'altra ; a fronte di una vivacità intellettuale , concreta , proposititiva degli ESCLUSI DALLA CASTA ,CHE si contrappone una classe dirigente di MORTI , COGLIONI E LADRI.
...........
Si parla di lavoro e nessuno parla di incentivi alle piccole e morienti piccole imprese ( made in Italy vero , detassazione per chi produce in italia e incentivazione alle assunzioni ) detassazione ) per chi fabbrica ancora un prodotto italiano. La creazione di una banca etica o esistente che finanzi il mondo sano le imprese made in italy o lo facciamo ORA o moriranno quasi tutte .
..........
Non ho nel cilindro nulla da aggiungere a quello detto ; ricordo solo che già il programma a 5 stelle è ricco.
L'abolizione delle lobby che sorreggono la casta è un punto importante .
Mi riferisco a quanto è già inserito nel programma ; l'abolizione degli ordini professionali ; 200 MILIARDI DI EURO di giro d'affari e secondo gli studi della banca d'italia una ZAVORRA , LAPIDE ALLA CRESCITA ECONOMICA IN GRADO DI ABBASSARE IL PIL DI 11 PUNTI.!!!!! grazie alla rendita moinopolistica dei DIS-servizi. NOTAI , ingegneri , architetti , ORDE di avvocati ( i piu' numerosi d'europa ) , PARCELLE DI CASTA ....e IMPUNITA' SE SBAGLIANO.

o LA LOBBY DEI farmacisti ....LA SALUTE IN ESCLUSIVA LORO....

In grado con CENTINAIA DI DEPUTATI di confermare
o no' un governo.....

BUona domenica ...calda...issima...

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 16:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono d'accordo su questo attacco generalizzato al Vaticano...
Concordo invece su un attacco frontale!!!

Il Vaticano (ci fosse mai giustizia) andrebbe occupato! Esiliato il Papa e gli alti prelati.
Le guardie svizzere rispedite oltrepadania. La cassaforte dello Ior fatta saltare con la dinamite ed il contenuto portato a riduzione del debito. Il patrimonio immobiliare confiscato e destinato ad edilizia popolare. I preti mantenuti unicamente dalle questue dei loro polli...ehm, ehm...dei loro fedeli e finalmente in grado di operare in povertà assoluta (come dio comanda).
Aohhhh ci succhiano sangue da duemila anni (chissà com'era invidioso Agnelli che ci ha succhiato sangue solo per pochi decenni). Il Vaticano è nostro ancora più della Fiat...

Hasta scelleratoni...

maurizio spina Commentatore certificato 21.08.11 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

- le società residenti in paesi offshor non possono esercitare alcuna attività nel nostro paese.

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 16:25| 
 |
Rispondi al commento

ebbene sì..maledetto Carter, hai vinto anche stavolta.

I travestimenti più belli di Stanislao Moulinsky (alias Giosby)

http://www.nickcarter.it/stanislao/stanislao.htm


^_^

manuela bellandi Commentatore certificato 21.08.11 16:11| 
 |
Rispondi al commento

La messa conclusiva di Benedetto XVI
"Testimoniate agli altri la vostra fede"
Si conclude la visita del Papa in Spagna...
--------------------------------------------------

Grandissimo sollievo a Madrid...ora i bambini possono finalmente uscire di casa.

Hasta scelleratoni...

maurizio spina Commentatore certificato 21.08.11 16:09| 
 |
Rispondi al commento

1) Tassare la chiesa
2) regolarizzare la prostituzione
3) ridurre spese politiche portando la loro pensione al livello di tutti noi, meno portaborse, meno autoblu, meno guardie del corpo ecc ecc
4) Nostro impegno: chiedere lo scontrino fiscale anche per una spesa minima di 10 centesimi, se poi ci fosse una carta sociale dove registrare tutte le spese con scarico e carico dell'iva......beh.....sarebbe il massimo;)

marco pellegrinelli 21.08.11 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se non abbiamo paura di perdere anche le mutande, riprendiamoci le braghe!
DEDICATO: Agli Studenti, ai No-Tav e ai pastori sardi, agli operai e ai cassaintegrati, ai disoccupati come ai lavoratori con un contratto di schiavitù determinata. Se ti piace, DIFFONDI IL MESSAGGIO
http://www.youtube.com/watch?v=OwHWmDGHJRQ

Simone S., Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 16:07| 
 |
Rispondi al commento

...ma, c'è anche questo... ;)

Don Paolo Farinella: “Per etica e coerenza la mia parrocchia paga l’Ici”

http://vergognarsi.it/2011/08/21/don-paolo-farinella-%E2%80%9Cper-etica-e-coerenza-la-mia-parrocchia-paga-l%E2%80%99ici%E2%80%9D/

anib roma Commentatore certificato 21.08.11 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Per tutti e per il movimento:
http://www.youtube.com/watch?v=y36j4zEUG38&feature=related

Restiamo Umani!! 21.08.11 15:59| 
 |
Rispondi al commento

...qualcuno sapeva di questo?...

L`articolo 49 della legge istitutiva dell`8 per mille prevede che ogni tre anni si valuti l`andamento del gettito, per evitare eccessi in-un senso o nell`altro.

Nel caso modificare l`aliquota. Negli ultimi anni gli incassi della Cei sono quintuplicati: dai 210 milioni, in euro, del 1990 al miliardo di oggi. E invece gli stipendi dei preti, a cui principalmente dovrebbe servire questi soldi, sono solo raddoppiati.

http://vergognarsi.it/2011/08/21/staderini-lotto-per-mille-va-dimezzato-lo-dice-la-legge-palazzo-chigi-tiene-segreti-i-documenti/

anib roma Commentatore certificato 21.08.11 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe,
sono ingegnere meccanico, mi occupo di ottimizzazione dei processi produttivi e ho avuto esperienza di ricerca in Italia e mi stimoli con queste proposte. Le mie proposte per un serio sviluppo sono:
1. Finanziamenti (e classificazione) per le università in base al "placement" a 3/5 anni. Eliminazione delle Sedi non produttive e classificazione a cascata con meccanismo di placement per tutte le scuole dei livelli di istruzione.
2. Gestione Autonoma degli Istituti di Ricerca con Bilanci individuali e chiusura di quelli improduttivi.
3. Gestione della dirigenza di Confindustria con obiettivi territoriali (mancato obiettivo, a casa senza liquidazione). Sostegno alle PMI in termini di Progetti di Formazione per la classe dirigente (proprietari, imprenditori, medium and high management) per l'innovazione tecnologica e lo sviluppo di processo (automazione) e prodotto (partecipi ai corsi, sviluppi dei business plan seri per ricerca, ricevi agevolazioni fiscali e ricevi ispezioni serie con possibilità di commissariamento se bluffi)
4. Gestione ad obiettivi territoriali (vd.p.3) per i dirigenti dei sindacati. Politica massiccia di incentivazione alla formazione professionale della classe operaia (non si può tutelare oggi un operaio che per 20 anni fa il "montatore guarnizione parabrezza" senza una crescita - vedi servizio Report - e che non può essere pagato meno di 800 euro. In Italia dobbiamo avere personale più "elevato" dei cinesi)
5. Per la Gestione dei servizi pubblici (acqua, autostrade, ecc.) le amministrazioni territoriali possono cedere la gestione a fronte della definizione di terget di prezzo e qualità di servizio con controlli e penali per mancato rispetto dei target (es. garanzia tempi di percorrenza, al casello d'uscita se ho trovato troppo traffico non pago. L'azienda migliora il servizio con calcolo di break-even sull'investimento come tutti i progetti di miglioramento).
Spero di essere stato di stimolo e aiuto

Saluti

Michele

Michele P 21.08.11 15:42| 
 
  • Currently 3.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento

Sono un'agricoltore di 34 anni che da circa 15 lavora nella propria azienda famigliare, convito del lavoro che svolgo cerco di lavorare al meglio che possso, sotto tutti i profili e soprattutto quello deontologico, tutti i giorni sono a confrontarmi con il mercato economico agricolo che ad oggi non esiste più e questo grazie prorio agli incentivi che ci hanno fatto diventare schiavi di un mondo che non ci appartiene più da anni.
L'agricoltura non è più un mondo "naturale" ed autosufficente: gia dai primi del novecento con la schiavitù delle mutlinazionali che ci hanno relegato in aziende dipendenti da concimi,fitofarmaci,cloni di varità che dovrebbero essere conosciute e non lo sono affatto.....
Gli organismi di certificazione ed autocontrollo non esistono è solo un'altro sistema mafioso autorizzato di certificare un'azienda che ti paga per essere certificata......ma che cazzo di sistema malato è questo?
Se vogliamo che l'agricoltutra ritorni un pilastro importante dell'alimentazione sana ed ecosostenibilie dobbiamo ripensarla completamente!
1- Concetto di chi sbaglia paga: eliminare tutte queste società difficilmente riconoscibili, metterci la faccia in ectichetta e se poi il prodotto che si dichiara non è conforme alle carateristiche non si deve più avere la possibilità di produrlo.
2- No CERTIFICATI ma Controllati da organi di polizia adeguati ed indipendenti pagati con una tassa apposita.
3-SEMPLIFICAZIONE della burocarzie per chi crea un mercato a km ZERO.

NO AGLI INCENTIVI ALL'AGRICOLTURA! SI ALLA RIDUZIONE DELLA BUROCRAZIA DELLE AZIENDE INDIVIDUALI PICCOLE MEDIE O GRANDI CHE SIANO!

Saluti da un Contadino Italiano che ama il prorio lavoro.
Alessandro M.

Alessandro Meucci, Montevarchi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 15:37| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

Lo sviluppo dell'Italia
Salve e buona giornata a tutti, secondo me lo sviluppo passa attraverso la modernizzazione, e a valorizzare ciò che si possiede.
Prendiamo un esempio, il fotovoltaico, e l'energia rinnovabili in generale. investendo in ricerca in questi settori si possono creare nuovi posti di lavoro, e nuova occupazione.
ma andrei oltre, in Italia ha tre vulcani attivi, con tecnologie adeguate si potrebbe produrre energia geotermica non indifferente, e per realizzare ciò, di nuovo ce nuove possibilità di impiego, nuove materiali ecct.
Non realizzare più discariche, ma fare "THOR" (della CNR) http://www.agoravox.it/Rifiuti-il-CNR-da-le-soluzioni-al.html
Valorizzare ciò che ce già, pensate alle innumerevoli manufatti, statue, vasi, dipinti o cose del genere.
Innumerevoli sono giacenti il depositi di vari musei, o seppelliti per questioni economici.
possiamo mettere in asta con obbligo di dichiarare la provenienza e la manutenzione del opera, poi dove sta e solo il luogo, ma di fatto e sempre un opera che cresce e pubblicizza l'Italia, nel mondo, in cui dove si trova.
Terzo, Italia ha la fortuna di avere una clima ideale per il turismo, ma nonostante la (spella mento del turista di turno ) e disservizi offerto, mantiene la sua attrazione.
Se da vero ci investissero per valorizzare, potrebbe essere una principale fonte di reddito per molti.
Italia e povera di materie prime, per questo motivo si dovrebbe investire più sul la ricerca.
E naturalmente alla applicazione di esse, in tutti i settori ( industria, scuole, medicina...).
Arrestiamo la cosi detto " fuga dei cervelli".
Solo solo idee, si possono migliorare di sicuro, ma almeno sarebbe un inizio.
salute a tutte le persone di buona volontà.

imre k., S. Marinella Commentatore certificato 21.08.11 15:28| 
 |
Rispondi al commento

I mercati locali devono dare almeno il 50% di spazio , in forma gratuita, a chi produce prodotti locali

g. r., Pomezia Commentatore certificato 21.08.11 15:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema fondamentale secondo me è proprio nel popolo, non si può stilare un semplice decalogo di cosa fare per risolvere veramente, o anche solo per pensare di risolvere... abbiamo televisione, giornali, informazione totalmente assoggettata a colui che dirige il nostro paese; si può dire: "bè, ci penseranno i suoi alleati in parlamento a farlo crollare", invece nemmeno, è circondato da una schiera di inetti che sa
PERFETTAMENTE che senza di lui non andranno da nessuna parte, e quindi lo appoggiano.
Io sono un ragazzo di 20 anni, e vi assicuro, la situazione è MOLTO più tragica di come la dipingete; sono circondato da coetanei che ignorano la storia, non sanno nè cosa è successo (e quindi non hanno metri di valutazione) nè cosa sta succedendo (e quindi ignorano le manovre che rivoluzioneranno il loro futuro); è ammirevole che persone come i giovani del MOV.5 Stelle si diano da fare, ma la spinta che danno viene annullata dal peso morto dei coetanei che ignorano tutto il resto.
Conosco persone che alle elezioni votano quello che i genitori gli dicono di votare (20 anni o più, ribadisco), altri che votano il simbolo più promettente, perchè per loro sono tutti uguali!
Non so se tu Beppe riuscirai a leggere questo commento, vista la mole di persone che ti scrive, ma sappi che se si vuole cambiare questo paese bisogna innanzitutto partire dai giovani, perchè sono loro che purtroppo versano nelle condizioni peggiori; i quarantenni si saranno anche abituati a sta merda, ma molti di noi ci sono nati in mezzo, e non sanno riconoscerne l'olezzo....
Molti miei amici mi chiedono perchè io mi interessi di politica (specie italiana), poichè sono di san marino, mi sento dire: tanto noi qui stiamo bene, non dobbiamo preoccuparci, mentre se Tremorti non firma un accordo con san marino (e non sembra intenzionato) rischiamo di finire come l'argentina, molto prima che l'italia stessa... e di mezzo non ci finirà chi ci ha ridotto così, ma chi ha sempre pagato per evitarlo...

Elia Ugolini 21.08.11 15:19| 
 |
Rispondi al commento

proposta immediata per la manovra: ai fini della lotta all'evasione fiscale avrebbe senso una misura per rendere detraibili dai redditi tutte le spese per prestazioni professionali. questa misura si tradurrebbe in un vero risparmio per i clienti.. i quali pretenderebbero la fattura e il mercato espellerebbe da solo gli evasori.

cristiano o. Commentatore certificato 21.08.11 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Molte proposte sono davvero interessanti e spero che trovino vie di applicazione rapide, soprattutto le questioni che riguardano beni e concessioni della Stato.
Volevo capire meglio però, come si possono normare le concessioni statali, in modo che siano i cittadini a guadagnarne e si ottimizzino i ricavi per le imprese concessionarie. Ovvio, sono a favore di una sana e non cieca nazionalizzazione della gestione dei servizi. Per esempio autostrade, dovrebbero essere gratis, ma i costi di gestione restano. Telecomunicazioni, di chi sono? Sono private, sono state pagate, stiamo guadagnando? Io sono a favore delle nazionalizzazioni normali, perchè sono cosciente che le privatizzazioni all'italiana sono una frode, ma temo anche le nazionalizzazioni all'italiana.

Fabio Battiso 21.08.11 15:13| 
 |
Rispondi al commento

http://www.senzasoste.it/anniversari/george-jackson-il-rivoluzionario-con-il-sangue-agli-occhi

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 15:12| 
 |
Rispondi al commento

5) Limite di ospitalità nel territorio: Eventuale chiusura temporanea dei confini per bloccare il sovraffollamento, l'aumento delle spese statali e l'aumento della disoccupazione, introducendo un limite al numero degl stranieri nel paese, limite calcolato in base all'indice della disoccupazione italiana e alle condizioni vitali di ogni cittadino italano.

6)Cambio del sistema delle pensioni calcolate in proporzione agli anni lavorati
es: x chi ha dai 40 anni ai 60 anni
hai lavorato 5 anni 50euro x anno: riceverai 250 euro al mese x 4 anni
hai lavorato 10 anni 45euro x anno: riceverai 450 euro al mese x 9 anni
hai lavorato 15 anni 40euro x anno: riceverai 600 euro al mese x 14 anni
hai lavorato 20 anni 35euro x anno: riceverai 700 euro al mese x 19 anni
hai lavorato 25 anni 30euro x anno: riceverai 750 euro al mese x 24 anni
hai lavorato 30 anni 25euro x anno: riceverai 750 euro al mese x 29 anni
....in questo sistema:
- dai 40 anni ai 60 anni è possibile andare in pensione in qualsiasi momento che se ne senta il bisogno
- è possibile andare in pensione e riprendere a lavorare, più volte nell'arco della propria vita.
- è possibile percepire la pensione e lavorare negli stessi anni
- la pensione del lavoro potrà essere accumulata con la pensione sociale all'età di 65 anni
- ai lavoratori dopo il primo anno di lavoro, per formare le pensioni verrà sottrattogli per conto dello stato una somma da incassare ogni mese pari alla cifra che percepirà il lavoratore, somma civilmente proporzionata al numero degli anni di lavoro.

7) Per i residenti far pagare più tasse per il suolo pubblicco a chi pesa di più. Es: hai un Suv? Per la ricostruzione delle strade pagherai di più di chi gira in bicicletta...

8) Liberalizzare droghe e prostituzione con centri di servizio puliti e controllati

9) Introdurre un articolo nella costituzione per far votare le leggi a tutti i cittadini con l'utilizzo della rete anche in cetri pubblici adibiti a questo servizio.

10) La lista d beppe


Ragazzi..non ci voglio credere..siamo tornati veramente alla DITTATURA!
Quella che subiamo adesso è una dittatura ancora peggiore perchè è subdola!!
Mi sembra veramente di assistere a uno di quei romanzi di Orwell!!Stanno plagiando gli italiani fino all'osso..e non se ne rendono conto o si rassegnano!!

DOBBIAMO PROPORRE LA NOSTRA MANOVRA IL 10 SETTEMBRE!DOBBIAMO INVITARE TUTTI GLI ITALIANI A SCENDERE IN PIAZZA A OLTRANZA FINCHè NON CI RESTITUISCONO LA DEMOCRAZIA!Grillo non ci sarà per sempre!!

F.p. 21.08.11 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Circa il 40 per cento dei cittadini decide a chi destinare l’otto per mille, e tra questi più dell’80 per cento sceglie la Chiesa cattolica. Chi dice esplicitamente che intende destinare l’otto per mille alla Chiesa cattolica è insomma circa un terzo dei contribuenti. C’è un però: stando alla legge, non è il singolo contribuente a decidere a chi destinare la sua quota di IRPEF ma è lo Stato che consulta i cittadini – facendo quindi una sorta di “sondaggio” – per decidere a chi dare l’otto per mille del gettito dell’IRPEF. In questo modo alla Chiesa cattolica va l’80 per cento di tutto l’otto per mille, non solo di quelli che l’hanno dichiarato esplicitamente: una cifra che si aggira intorno al miliardo di euro l’anno. Come dichiara la stessa Chiesa cattolica, più di un terzo della cifra viene utilizzato per pagare gli “stipendi” dei sacerdoti, mentre agli “interventi caritativi” va circa un quarto del totale. Le modalità di destinazione dell’otto per mille e il suo impiego da parte della Chiesa sono stati spesso oggetto di discussione e polemiche.

Altri fondi che lo Stato versa a vario titolo alla Chiesa cattolica o per finanziare attività confessionali cattoliche sono: i sovvenzionamenti statali alle scuole private confessionali; gli stipendi degli insegnanti di religione cattolica nelle scuole pubbliche; altre agevolazioni, una delle più curiose delle quali è forse la fornitura idrica gratuita alla Città del Vaticano, prevista dall’articolo 6 del Trattato tra il Vaticano e il Regno d’Italia del 1929 (accordo non toccato dalla revisione del Concordato del 1985).

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 14:54| 
 |
Rispondi al commento

E la riduzione delle tasse???

in italia siamo in 60.000.000 di persone e paghiamo più tasse dei 90.000.000 di tedeschi (che oltretutto godono di maggiore reddito).

Claudio L., Pizzighettone Commentatore certificato 21.08.11 14:52| 
 |
Rispondi al commento

x 10 settembre....
ho trovato questo vecchio post che dice qualcosa....forse non tutto ma una buona parte per iniziare una discussione:
I miei figli vanno a catechismo. Qualche domenica accompagno la mia famiglia a messa alla chiesa di Sant'Ilario.
Non sono un cattolico osservante, posso definirmi un credente, un simpatizzante di Gesù.
E’ un fatto mio, privato.
Se credessi a Odino o a Buddha sarebbe comunque qualcosa che riguarda solo me.
Quello in cui credo non deve interferire con lo Stato, le istituzioni, le leggi, la stampa, le vignette satiriche, i partiti, le scienze. Insomma con tutto il resto.
Durante il mio spettacolo “Incantesimi” ho fatto vedere una breve scena di Submission, il film per cui è stato ucciso Theo Van Gogh e che chiunque può vedere in Rete con un un’applicazione P2P, come eMule o Kazaa.
L’ho fatto per affermare la libertà di espressione, quella che non sta bene agli integralisti di ogni religione.
Fosse per me abolirei l’otto per mille, i crocifissi nei luoghi pubblici, i simboli religiosi nei partiti, l’uso della fede a scopi elettorali, personali, economici.
Abolirei ogni influenza di mullahcardinalirabbini sullo Stato e punirei con leggi molto severe l’incitamento all’odio religioso.
Non riesco a credere, anche sforzandomi parecchio, che esistano popoli eletti (gli altri cosa sono?), popoli da sottomettere alla propria religione, che un Dio giustifichi la violenza dell’uomo sull’uomo. No, non riesco a crederci.
Ma adesso? Beh, spero che i musulmani abbiano un minimo di senso dell’umorismo (per la mia incolumità, belin) e che il cardinal Ruini abbia il senso del ridicolo e si astenga da dichiarazioni elettorali (per l’incolumità degli italiani).

Postato il 6 Febbraio 2006 alle 17:34 in Politica Commenti (2242)
Cosa ne dici?

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Tracciabilità dei soldi partendo da almeno 200€ collegate soprattutto con le buste paga al fine di evitare che i nostri ragazzi vengano sfruttati.
Galera pura a chi non paga le tasse e reintroduzione del "Falso in Bilancio". Impossibilità di costituire nuove società (per sempre) a coloro i quali si siano macchiati di reati anche penali (societari).
Tracciabità e controllo della filiera dei prodotti alimentari incentivando non solo le aziende agricole "giovani" ma controllando che i finanziamenti siano in linea (sempre) con un bilancio programmato o bussinis plan. Il controllo deve essere effettuato costantemente dai vari funzionari possibilmente interregionali. Forte penali che andranno alla ricerca ed innovazione (ad enti pubblici) in agricoltura.

giovanni l., policoro Commentatore certificato 21.08.11 14:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE SACRE TAVOLE DI UTO

1) Riequilibrio economico sociale sul guadagno: introduzione di un tetto limite di guadagno mensile per ogni lavoratore o imprenditore il quale non potrà guadagnare oltre una determinata somma di denaro, l'eccesso dovrà essere ridistribuito ai cittadini più disagiati. Es: in un mese di lavoro un cittadino non può superare una somma netta di 4 mila euro come single e 7 mila euro come nucleo famigliare.

2)Riordinamento delle ricchezze: Inserimento di un tetto limite di possedimento calcolato annualmente, nel quale ogni individuo non potrà superare una determinata somma di averi(case, barche, auto, ecc.), l'eccesso dovrà essere ridistribuito in forma di denaro ai cittadini più disagiati. Es: in un anno un cittadino non può possedere oltre un valore totale di 700 mila euro

3)Tassazione sulla produzione "facile" automatizzata: Introduzione di una tassa a tutte quelle imprese che per produrre e per servire la popolazione investono e fanno uso di attrezzature tecnologiche e meccaniche automatizzate, tale tassa dovrà durare per tutta la vita del macchinario e la stessa dovrà essere pari al costo dei lavoratori necessari per la produzione o per il servizio dell'impresa. Es:Un'industria che ha investito su un macchinario che sostituisce la forza lavoro di 10 operai dovrà pagare una tassa pari al costo del mantenimento dei 10 operai.

4) Trasformazioe strutturale economica e sostituzione della moneta fisica con la moneta elettronica controllabile: eliminazione totale della moneta fisica con l'introduzione di una moneta virtuale usabile con uno strumento elettronico tecnologicamente avanzato con il quale sarà possibile acquistare con il proprio pollice di riconoscimento, ogni strumento sarà collegato ad un grande ced statale nel quale verranno registrati tutti i movimenti del dare e avere. Ai confini del territorio verrebbero introdotte delle macchine per convertire in euro.

attenzione: per questioni di spazio proseguiranno altri punti...

Acul utopiA Commentatore certificato 21.08.11 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Polizia Penitenziaria, Guardia Forestale, Corazzieri, ecc…) in un unico corpo civile, da suddividere in gruppi operativi di non più di cento unità, da destinare agli enti di governo del territorio. Si potrà derogare alla regola impiegando ulteriori gruppi operativi dove le esigenze territoriali lo richiedano. Aumento del numero di magistrati del 30% rispetto all’attuale, ma imponendo l’obbligo di concludere il procedimento entro mesi tre dal loro inizio, con ammende e sanzioni fino al licenziamento per chi non rispetti tali termini. Pagamento di un’imposta annua per i possessori di beni immobili con uso diverso da prima abitazione, nell’ordine del 10% del valore catastale. Sono ricompresi in tale obbligo tutti gli edifici sul territorio nazionale, eccetto le Ambasciate ed i Consolati. Non sono esclusi i luoghi di culto, le attività ricreative né i circoli e le associazioni. Sono intese a tutti gli effetti come società a fini di lucro anche le cooperative con fatturato annuo lordo superiore a € 100000. Rilancio dell’Istruzione pubblica imponendo un limite (20) al numero di alunni presenti in una singola classe. aumento degli insegnanti di sostegno e delle risorse per la scuola. L’insegnamento della Religione potrà essere inserito nel percorso curricolare se l’insegnante sarà regolarmente (e sindacalmente) retribuito dall’istituzione religiosa che ne promuove l’insegnamento. Gli istituti bancari ed assicurativi non dovranno superare un attivo di bilancio stabilito da un’apposita norma. Il surplus sarà totalmente finalizzato al miglioramento dell’offerta formativa e della ricerca scientifica. Le imprese straniere che vorranno investire in Italia per un periodo minimo di tre anni saranno, per tale periodo, incentivate con una detrazione sulla tassazione pari al 10% annuo. Abolizione di tutte le imposte ed accise oggi esistenti, sostituite con il regime di tassazione sopra enunciato. Vendita del patrimonio immobiliare dello Stato, non di interesse storico.

Attilio Giorgi, Sassari Commentatore certificato 21.08.11 14:37| 
 |
Rispondi al commento

La mia ricetta anticrisi.
Dimezzare numero di deputati. Abolire Senato. Abolire Presidenza della Repubblica e affidare le sue funzioni a Presidenza del Consiglio. Abolire le provincie. Abolire le Regioni. Abolire le comunità montane. Abolire tutti gli Enti. Creare enti di governo del territorio uno almeno ogni 300000 abitanti e per i grossi centri urbani creare un unico Municipio, senza Municipalità e circoscrizioni. Per ognuno di questi enti, il rapporto impiegati (compresi dirigenti, autisti, assessori,…)/ abitanti non potrà superare il rapporto di 1/1500. Riportare tutti gli stipendi pubblici e le pensioni ad un tetto massimo di € 6000 lordi omnicomprensivi, anche quelli già in godimento. Impossibilità di cumulo stipendi e/o pensioni. Certificazione delle entrate/uscite fiscali mediante abolizione del denaro contante, con obbligo di adozione di valuta elettronica. Scaglioni IRPEF progressivi: 0% al di sotto di € 1000, 15% tra € 1000 e € 2000, 28% tra € 2000 e € 6000, 35% oltre € 6000 a tutti gli stipendi pagati per attività lavorativa sul territorio nazionale, inclusi preti, calciatori, aziende straniere). Imposta sulle rendite finanziarie del 5% al di sotto di € 5000, del 15% al di sopra. Tassazione alle imprese secondo tabella IRPEF al punto 11, con sconto dell’1% ogni 10 unità lavorative assunte, fino ad un massimo del 12%. Ulteriore sconto del 3% su attività innovative, con ricadute positive sul numero di addetti impiegati nel breve periodo (dopo 12 mesi). Privatizzazione dei servizi pubblici, con obbligo di rispetto, da parte delle aziende, di parametri di rispetto ambientale, costi al cittadino, sicurezza sul lavoro da stabilire al momento della cessione. Riduzione delle forze armate a 10000 unità, da suddividersi in 4 contingenti, con uso prevalente nella Protezione Civile. Riorganizzazione di tutte le forze dell’ordine (Carabinieri, Polizia, Polizia Urbana e Provinciale, Guardia di Finanza, Polizia Rurale e Idraulica, Guardia Costiera,

Attilio Giorgi, Sassari Commentatore certificato 21.08.11 14:35| 
 |
Rispondi al commento

GLI AFFITTI
INDICAZIONI PER ABBASSARNE IL COSTO

In Italia vi è un immensità di case sfitte! Nonostante questo e nonostante la crisi economica il prezzo degli affitti non scende. Come mai?

Per far sì che i prezzi degli affitti calino è necessario snellire i contratti di affitto smettendola di nascondersi dietro il "diritto alla casa" - un diritto che comunque non è mai stato rispettato.
Paradossalmente bisogna smetterla di tutelare solo l'inquilino, ma bisogna tutelare anche l'affittuario; solo così egli affitterà a un prezzo più basso. Oggi se ti affittano una casa tu ci puoi stare dentro per una vita (almeno per 4 anni) senza mai pagare un solo euro d'affitto e nessuno ti può mandare fuori di casa. In queste condizioni è chiaro che chi affitta chiede molti soldi, e se nessuno glieli dà preferisce lasciare la casa sfitta. Così i cittadini. Invece alle banche e ai grandi proprietari immobiliari fa comodo questa situazione perché così ci guadagnano di più.

Due semplici regole per far abbassare drasticamente e in breve tempo i prezzi degli affitti:

1. Introdurre un contratto di affitto che renda lo sfratto immediato. In USA al secondo avviso di un affitto non pagato il proprietario ha diritto di entrare in casa, cambiare la serratura, e l'inquilino perde i diritti di proprietà su tutto ciò che vi è all'interno della casa.
2. Tassare molto tutte le seconde case e gli immobili sfitti, e detassare tutti gli introiti da affitti.

In questo modo dei beni inutilizzati - le case - che pesano sulla società (anche solo per il fatto di occupare spazio), tornerebbero a diventare dei beni produttivi.
ciao a tutti.

vittorio p. Commentatore certificato 21.08.11 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

salve
all'oggi sono assalito da enormi dubbi....
il pianeta continua a perdere pedine importanti per la sua vita e la nostra...in un giorno perdiamo diverse specie di animali,estinzione dovuta all'ingordigia di un solo essere tiranno...devo fare soldi per che cosa? la vita è solamente ricoprirmi di carta(se va bene,se no è di color marrone)dimenticandomi chi sono e chi appartengo?...punti di domande....

luca cicerone 21.08.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, io crearei una consulenza 5 stelle per le imprese che metta assieme le competenze e le esigenze delle aziende. Spesso quando si decide di fare un investimento (vedi fotovoltaico o co-tri generazione) non si sa mai a quale interlocutore affidarsi. Lo stesso vale per i progetti di finanza agevolata che vanno sempre ad agevolare i soliti noti. Da una parte quindi le esigenze delle aziende dall'altra le competenze di professionisti che sposino il movimento 5 stelle (applicando tariffe etiche), con l'obbligo di coinvolgere nelle varie attività gli studenti (non solo università ma anche istituti tecnici) che potrebbero fare esperienza sul campo! Investire sull'intelligenza di cui siamo dotati non costa niente! Dai forza mettiamo in campo casi concreti di attività! Tanto più ne presenteremo tanto più il movimento sarà credibile. Ciao

Gabriele nanni 21.08.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

*
**
***

Calderoli: "Montezemolo è una scoreggia di umanità".


finalmente ne ha detta una giusta ...


amen


***
**
*

guido _guida, zena Commentatore certificato 21.08.11 14:19| 
 |
Rispondi al commento

per abituare la gente a diminuire la carne nella dieta (che fa venire gli infarti, colesterolo cancro e inquina con gli allevamenti) io direi di piantare alberi da frutto anche nei parchi, nei viali, nei giardini, avanti casa, lungo le strade, abituarsi al profumo della frutta, anche quando cade per terra e marcisce profuma l'aria, non solo guardarla nelle ceste dei supermercati, abituare i bambini a guardarla appesa agli alberi, vederla crescere e colorarsi, obbligare le mense carcerarie, scolastiche, le scuole, le caserme di proporre macedonie di frutta gratis per tutti, macedonia a secchiate per tutti, alberi da frutto nei cortili delle carceri, delle fabbriche, scuole, uffici, regalare frutta, frutti per i vagabondi senza lavoro che non possono comprare nulla e non vogliono rubare. la frutta è un sollievo alla vista, per la mente, per il sangue, per il sistema nervoso. il lavoro serve per mangiare principalmente, perché dobbiamo spaccarci la schiena il doppio quando basta cogliere una mela per sfamarsi?

marco, italy (fruit of the moon) 21.08.11 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Molte proposte,
la grande maggiranza delle quali,
intelligenti e teoricamente condivisibili,
alcune assurde, ma tutte indicative
di vitalità e partecipazione,
tutte però presuppongono che l'italia continui
a rimanere in questo sistema della follia.
Rendetevi conto che,
in un sistema folle,
le proposte di buon senso,
vengono considerate folli!

l., ancona Commentatore certificato 21.08.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Le aziende che hanno ricevuto finanziamenti pubblici e che poi sono andati ad investire all'estero (esempio Benetton, Fiat, ecc.) devono restituire quanto ricevuto, con gli interessi di legge.
La cittadinanza italiana non va data a chi è entrato clandestinamente in Italia, ha commesso furti, frode, crimini. Deve essere pulito per meritarsi l'accoglienza e sentirsi parte di una Nazione.
I carcerati vanno impiegati come forza lavoro per pagarsi il vitto e alloggio, con turni 8/16/24 così si limita il sovraffollamento e il rincoglionimento fisico e mentale; va inserito lo studio per conseguire diplomi/lauree; è l'ignoranza che genera il più delle volte la violenza.
Se sei medico e lavori in un Pubblico Ospedale, non puoi esercitare la libera professione nè servirti di macchinari e/o attrezzature dell'ospedale, nè puoi svolgere un secondo lavoro, perchè il tuo impegno e la tua energia va data al 100% a chi ti paga; se non ti sta bene, fai il libero professionista fuori dalla struttura pubblica.
Revisione del concordato tra Stato e chiesa, in particolare se sei cittadino italiano sei soggetto alle leggi dello Stato Italiano, diversamente per entrare in Italia, mi presenti il passaporto, mi dici dove alloggi , quanto ti fermi e cosa sei venuto a fare e, ovviamente NON VOTI!
Il lavoro è un diritto, ma se cazzeggi, o tiri a campà, te ne vai e non ti becchi un cent, perchè se sei nella scialuppa in mezzo all'oceano, o remi come tutti gli altri, oppure scendi.

Giampaola Mazzon 21.08.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento

ho appena visto la campagna pubblicitaria dell'agenzia delle entrate su canale 5 che diceva la stronzata del secolo :pagate le tasse e avrete piu' servizi. questa e' una stronzata colossale , se dovessero entrare piu' soldi allo stato italiano i nostri poitici andrebbero piu' spesso a troie e transex (a seconda dei gusti) , si alzerebbero stipendi e privilegi , creerebbero oltre alle provincie anche i rioni , il consiglio politico di condominio ecc. ma di servizi niente. raddoppierebbero il ponte sullo stretto e la galleria della val di susa la farebbero rivestita in pelle di figa. per fortuna che ci sono quelli che non pagano le tasse e che rimettono i soldi in circolo , perche i soldi dati allo stato italiano sono piu' inutili che pulirsi il culo con le banconote da 500. angelo

angelo mora 21.08.11 14:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/08/06/e-se-non-pagassimo-il-debito/150220/

giovanni 21.08.11 14:01| 
 |
Rispondi al commento

X LO Staff:
Considerati i commenti sotto sulla pedofilia,sul Concordato e quindi sulla sovranità dello stato Italiano nei confronti della C.d.V, sarebbe auspicabile poter avere un Post sul questo Blog per un'ampia discussione fra i partecipanti!
Grazie!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Paolo Farinella,prete: "Sono orgoglioso di annunciare che da quando sono parroco, la mia parrocchia di San Torpete paga regolarmente l'ici perché non mi sono mai avvalso delle esenzioni per motivi etici e di coerenza evangelica e civile. Lo dico per giustizia. Un abbraccio a tutti" ........Paolo Farinella, prete. Siamo stra-Orgogliosi di Annunciare La Grande Forza, della Coerenza Civica Costituzionale, del Cittadino Paolo Farinella Prete, la cui specchiata Onestà Intellettuale , brilla e risplende in questa, sempre più oscura e buia, Notte della Nostra, Democrazia Costituzionale sempre più degradata e degradante per Tutti. GRAZIE DON PAOLO !!!!!

everSilvio Berluschionne (gheddaffy duck), Tre-poli Commentatore certificato 21.08.11 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Credo che questo sia interessante...

'una legge che renda nulli per vizio di forma i debiti stipulati dai Comuni italiani con le banche'

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8832

Alessio B., Firenze Commentatore certificato 21.08.11 13:41| 
 |
Rispondi al commento

http://www.megachip.info/tematiche/beni-comuni/6651-ai-cattolici-giusti.html

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Un punto per lo sviluppo ed il futuro è una strategia importante ed efficente di attenzione all'infanzia ed ai giovanissimi. Introduzione come materie sin dalle elementari di pratica teatrale, musica, alimentazione, tradizioni Italiane e cucina con incontri e laboratori. Dove la cultura sia strumento di sviluppo e non conoscenza. Dove la fantasia dei più giovani torni ad essere risorsa per il futuro. Con una commissione (altro che commissine di vigilanza!! I peggio cagnacci in commissione, con poteri enormi)per la gestione del palinsesto televisivo per i ragazzi. E la possibilità, tramite la scuola di frequentare nel pomeriggio attività di laboratorio e di sport con scopo socializzante e formativo. Abolirei l'ora di ginnastica sostituendola con una certificazione di frequenza di almeno 6 ore in attività privata o con corsi, obbligatori per chi non svolge altra attività, di sport a scelta gratuiti da svolgere a scuola in orario pomeridiano.

Stefano Arditi 21.08.11 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto nessuno dei "parassiti" che ci sono al governo può obbligarmi a lavorare oltre i 35 anni.
Ho già lavorato 5 anni in più e ancora non so quando mi daranno la pensione:maledetti!.
I sacrifici devono prima venire da loro poi chiederli ai cittadini. Stipendio massimo 3000 euro al mese e niente pensione. In pensione ci vanno quando è ora anche per loro e in base ai contributi versati con il loro normale lavoro: come tutti!
Persone che decidono di dare il loro contributo al paese senza interessi e che una volta terminato il mandato ritorneranno a fare il loro lavoro e basta!
Quante volte mi sono trovato da dentisti, fisioterapisti, meccanici, falegnami, idraulici, ecc. che mi dicono: tot. con e tot senza ricevuta...che schifo! BASTAAAAAAAA! La possibilità di scaricare tutte le ricevute fatte da questi "signori" e con l'iva della metà: così lo stato,cioè NOI,quello che perde dalla finestra rientrerà dalla porta!
Sindacato: vietato per legge entrare in politica.
Non svolgi più il sindacalista...te ne ritorni in fabbrica!
Eliminazione dei "parassiti notai"
Manager qualificati in tutti i servizi e le società pubbliche nate con il denaro dei cittadini: perchè,per esempio, le autostrade sono e devono ritornare ad essere una fonte di guadagno immenso per lo stato anche dimezzando i pedaggi...pensate che un bravo manager non sia in grado di gestire le società autostradali come stanno facendo ora quelli privati ma solo facendo l'interesse di pochi e sulla pelle dei cittadini?
Perchè i pedaggi non vengono abbassati del 40%, ora che ci sono impianti che producono asfalto utilizzando il fresato raccolto e quindi risparmiando appunto il 40% degli inerti e del bitume? (tecnologia italiana si da il caso!)
Perchè lo stato deve vendere ai privati quello costruito con il denaro di tutti, quando può benissimo esso stesso fare cassa con dei manager s qualificati? Ma dove stà scritto che le aziende devono essere per forza private?
Saluti da Danilo

danilo p. Commentatore certificato 21.08.11 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Erminio Boso
Dirigente della Lega Nord

Bossi e Tremonti sono molto preoccupati per la situazione economica. Ma molto, molto, molto.

E meno male che ce l’ha detto, altrimenti avremmo pensato a una tranquilla passeggiata agostana.
E non avremmo nemmeno mai immaginato che il ministro dell’economia avesse accanto a sé un collaboratore che lo aggiornava sull’andamento delle Borse. L’analisi che hanno fatto i due – un’analisi, mica un semplice scambio di battute – è che «si sta veramente mettendo male». Una vetta di pensiero difficilmente raggiungibile anche per l’ufficio studi della Banca d’Italia.
Erminio Boso, l’Obelix leghista, in fondo è un gigante buono. Ormai è entrata nella leggenda la sua proposta di prendere le impronte dei piedi agli immigrati, ma quella – come può testimoniare chi scrive – fu un’invenzione mediatica cui il corpulento senatore si limitò a dare copertura.
Però ogni tanto qualcuna ne ha fatta. Nel 1997 fu indagato insieme a Bossi, Pagliarini e Maroni per «istigazione alla secessione».
Tre anni prima un’accusa più grave, poi caduta nel nulla: l’allora vicepresidente del senato, Marcello Staglieno, lo denunciò, assieme a Massimo Dolazza (uno che entrava a palazzo Madama – dove è rigorosamente vietato introdurre armi – con una Smith&Wesson), per essere stato minacciato di morte.
Adesso vorrebbe diventare sottosegretario alla montagna. A Calalzo, tra un aggiornamento di Borsa e l’altro, ha parlato anche di questo con i suoi interlocutori.
Non sappiamo se riuscirà a coronare il suo sogno. Certo fa parte di quella genia leghista un po’ primitiva, a suo agio più con i proclami celduristi che con i codicilli ministeriali.
È sempre stato un fedelissimo, di Bossi. Ma basterà? Per il momento si è semplicemente dovuto acconciare a subire le critiche, le contestazioni degli “ex leghisti, gente che non ha mai fatto un c... di niente». Gente che lui conosce bene.
Andrea Tognotti

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Tv, sei frequenze digitali in regalo
così lo Stato rinuncia a 3 miliardi

La procedura scelta prevede la concessione a chi ne ha i requisiti, in corsa Rai e Mediaset. Pd all'attacco: "Il governo deve metterle all'asta". Vita: "Lottiamo dal 2009 per evitare un simile scempio, c'è il precedente della gara per l'Umts

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 21.08.11 13:08| 
 |
Rispondi al commento

x 10 settembre...
credimi che io volevo solo dirti che il Grillo non ha taciuto i problemi della Chiesa anzi ha riportato anche commenti dei Radicali questo a dimostrazione che non ha sottaciuto o che sia stato pagato per farlo.
credimi nelle tasche del grillo non ci guardo,ma affermare che grillo è con la chiesa ...bhè mi sembra esagerato.
Poi se hai di questi problemi puo scrivere allo staff che ti facciano un post come vuoi tu...almeno sarai contento.
Preciso inoltre che il Beppe non è il mio guro perchè alla mia età credere a queste cose è come dire che la mia esperienza politica non è servita a nulla,il chè è da dimostrare.
Di certo tu sei giovane e il non credere a nulla vale a dire che non ci sarà futuro per le generazioni a venire.
Per me la questione è chiusa.
Ti saluto e lasciami almeno la speranza che qualcosa di nuovo possa avanzare...dopo tanti anni di luridume politico....!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

-stop a qualsiasi cambio di destinazione d'uso dei terreni: agricoli, vincolati, industriali/artigianali devono restare tali e non essere convertiti al residenziale.
Inoltre, all'interno di ciascun Comune deve essere fatto il calcolo, in base alla popolazione residente e all'estensione territoriale, di una percentuale fissa da destinare ad agricolo e una percentuale a verde. Se non ci sono, si devono trovare. No a nuove edificazioni se non giustificate (non PRIMA costruire case o capannoni dove c'e' terreno e POI, eventualmente, trovare gli acquirenti, ma il contrario: costruire solo per comprovata necessita', privilegiando ristrutturazioni o demolizioni con premio di volume).

- stop assoluto alle seconde case improduttive. Privilegiare altre formule come aparthotel e forme di ospitalita' e residenza intermedie.

- incentivi all'agricoltura locale. Penalizzazione di prodotti esterni con bilancio energetico altamente negativo: introdurre una apposita tassa ambientale che non sia protezionismo, ma penalizzazione di prodotti di basso costo e qualita' a spese delle persone e del pianeta.

- trasformare il riciclo dei rifiuti in un vero affare economico, che produca ricchezza e posti di lavoro con la produzione di materie seconde.

- incentivi solo alle rinnovabili, eco tax su carbone e inceneritori per pagarne i costi ambientali e sociali e renderli non competitivi come devono essere

- istituzione di "isole ambientali": certe zone della nostra Italia sono di per se' un patrimonio paesaggistico e culturale, vanno preservate creando una apposita economia foraggiata da turismo sostenibile, e gestita da figure apposite sia nel campo dell'ospitalita', sia della conservazione (agronomi, guardie ambientali, restauratori, archeologi... con diplomi appositi)

Ne avrei tante, ma mi fermo qui perche' ho quasi finito i caratteri.

E per favore...per le donne di questo Paese e le povere immigrate, smettetela di proporre le case chiuse. Che tristezza.

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grillo come sempre sei strepitoso,ma noi italiani dobbiamo cominciare a capire che parlare non serve a un cazzo di niente...ma ci va tanto a scendere in piazza e mandare a casa sta gentaglia incapace,corrotta,inutile e che fanno i grandiosi con i nostri soldi?ma dai a parlare non serve a niente...ci si vede il 10 settembre a roma con grillo and company.

antonio t 21.08.11 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Questa è un po’ forte ma la sparo lo stesso (e chi se ne frega).
Il Papa sicuramente è andato in Spagna al solo scopo di controllare la consistenza e lo stato del vivaio di papaboys, di cui può disporre per allietare le "faticose e stressanti" giornate dei cardinali & C.

Franco F. Commentatore certificato 21.08.11 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io dico una cosa primo cambiare la legge elettorale chi ci rappresenta deve essere eletto e non nominato (2) chi ha o ha avuto problemi con la giustizia niente incarichi pubblici (3) metà parlamentari con stipendio fisso (4) dopo 2 o 3 legislature stop via tutti i privilegi solo 4 auto blu e altroper ultima cosa ogni regione si tiene le tasse in casa si stanzia un tot a roma e vedremo se le cose cambieranno visto che la sicilia ha fatto una nuova provincia.

maretto maurizio 21.08.11 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe , io non sono un economista ma sono daccordo con quello che proponi,penso che un buon contributo arriverebbe dall'introduzione dell'ici anche sulla prima casa in misura con il reddito. poi l'abolizione dei privilegi concessi alla chiesa la cui attività e beni non sono tassati . 500milioni di euro passono venire dall'abolizione del contributo alle scuole private.
Un miliardo circa puo' venire dal prestito in custodia espositiva , dei milioni di reperti conservati anche in malo modo nei depositi dei centinaia di musei archheologici e d'arte.L'opera di restauro dei nostri beni culturali ,se fatta bene, può dare lavoro a migliaia di persone direttamente e a centinaia di migliaia indirettamente ...il turismo d'arte ha margini di crescita enormi. Lo STATO deve riprendere in mano la sua autorità sulla moneta. come mezzo e non come fine, per dare la possibilità a tutti i cittadini d'avere un lavoro duraturo.Il lavoro c'è o ci sarebbe se l'ntenzione fosse quella di RIMETTERE LE COSE A POSTO.......le coste deturpate ,ampie areee del paese inquinate, industrie obsolete...etc etc...riconvertire la produzione agricola e industriale nel rispetto dell'ambiente in cui viviamo è un passo inevitabile se vogliamo andare avanti e dare un futuro ai nostri figli.Poi dobbiamo aiuare l'Africa e i paesi poveri a crescere con i nostri stessi parametri ambientali non con gli scarti.basti pensare alla ferrovia circum-africana e trans -africana ,che da sola risolleverebbe l'economia mondiale, opere pubbliche in senso globale.Non si può più pensare solo a noi come se fossimo isolati, per stare bene dobbiamo fare in maniera che anche altri stiano bene . Non ci devono essere schiavi che lavorano per noi , per permetterci un livello alto di vita. Il mio pensiero è più ampio ma quì e per ora penso sia sufficiente.

massimo pulignani 21.08.11 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Anche mio figlio e' in Spagna !

Non con gli IDIOTI papaboys !

E' a Benicassim...Il piu' importante festival indie del mondo !

Sono orgoglioso che mio figlio non sia in idiota papaboys !!!

ORGOGLIOSO !

http://fiberfib.com/en/line-up/fib-benicassim-festival-2011

Charles Bukowski

HANCK BUKOW (hanck17) Commentatore certificato 21.08.11 12:36| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno. Vorrei dare il mio piccolo contributo con un'idea da valutare chiaramente e che riguarda il trasporto pubblico.
Abito in provincia di Venezia e per andare a Padova dove lavoro uso i mezzi di una delle migliori aziende di trasporto pubblico del Veneto, La Marca di Treviso dove i mezzi di trasporto sono sempre nuovi e puliti, gli autisti professionali e quasi sempre puntuali.
Si tratta di una delle linee più importanti del Veneto, la Treviso - Padova.
Mentre da settembre a maggio i bus sono sempre pieni di persone, nei mesi estivi sono quasi deserti (riempiti se va bene al 20% nelle ore di punta, in agosto eravamo in 5 persone alle 730 di mattina).
L'idea è questa: considerando che ogni 100km questi bus consumano 6-7 litri di gasolio quando va bene, non si potrebbero col prossimo fine ammortamento comperare dei bus piccoli, da 20-30 persone, da utilizzare non soltanto in estate ma anche nelle ore che non sono di punta, tipo le 11 del mattino?
Chiaramente servono altri dati per studiare meglio una simile soluzione, come i flussi giornalieri di pendolari cosa che grazie all'elettronica e informatica le aziende di trasporto dovrebbero già conoscere a inizio mese con la vendita degli abbonamenti mensili, e aggiungendo una percentuale relativa ai biglietti venduti nello stesso periodo dell'anno precedente, etc etc...
Valutate se l'idea potrebbe essere interessante, anche in termini di inquinamento.
Buona giornata.

Simone Mazzucato, Noale - Venezia Commentatore certificato 21.08.11 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Vedi quale è il problema ;;) che siete tutti involutariamente mezzi paulotti....

qualche decenio fa conobbe gente di sinistra in italia che si diceva "comunista"

ma essendo anche io abitante di quel paesino le domenica li vedevo andare in chiesa

e io dicevo che rari questi comunisti italiani;)


adesso ascolto la Rossi Bindi non no è comunista!

madre di dios!

certo ma sempre ebbe io un certo aprezzamento per lei perche molto centrata in sua vita politica

ricordo quando era ministra della sanità e cosa fece per la donazione di organi dove italia era ultima a livello mondiale.

ma tornando a oggi eccola!

non vuole che la chiesa paghi il ICI... cazzo! la cosa più giusta solo roma capitale un terzo è dal vaticano!

e mi vengono in mente i comunisti di paese che la domenica vanno in chiesa.

Per me sapete cosa è???

Neo colonialismo vaticano, sutile, continuo, silenzioso ma nel momento giusto

ZAK!!

Eduardo Dumas ( edu latino), milan Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 12:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ogni cosa ruota intorno al lavoro, ma non è vessando pensionati e operai (come, sfacciatamente, afferma la Marcegaglia) che si riavvia l'economia di un Paese, bensì restituendo dignità e importanza al concetto stesso di "lavoro", incrementandone la qualità e avendo un occhio di riguardo anche per le necessità dei datori. Epperciò, ci sono solo DUE COSE da fare:

1) Reintrodurre tutti i diritti dei lavoratori (orario di lavoro umano, pause pagate, no al mobbing da parte dei capi, ecc.); cancellare il lavoro interinale e tutte quelle agenzie di squali che si arricchiscono sfruttando il tempo e il sudore dei "miserabili operai" (categoria virtuale che comprende laureati costretti a lavorare in call centers e altri templi dell'Assurdo). E, contemporaneamente,

2) Dimezzare le tasse di tutte le imprese con almeno due operai a carico - quindi: dal salumiere, dal bar, dalla piccola libreria... fino a quelle fabbriche che contano centinaia e/o migliaia di dipendenti.

Vedrete che, con tali manovre, nessun imprenditore trasferirebbe più la sua azienda all'estero e nascerebbero nuovi posti di lavoro (anche nel sempre più tartassato artigianato, che è potenziale deposito di tantissimi neo-occupati). Ergo: ci sarebbero molti più impiegati, e "impiego" è sinonimo di "consumo".

Peter Parisius, Colonia Commentatore certificato 21.08.11 12:25| 
 |
Rispondi al commento

'giorno
***

82.250 le adesioni ora

http://www.facebook.com/VATICANOPAGATU

(e un doveroso pensiero ai supporters
Casini, Bindi e Formigoni..)


Rosy Bindi, a proposito della protesta che da giorni imperversa sul web con la quale migliaia di cittadini chiedono di far pagare la manovra finanziaria anche al Vaticano, visti i miliardi di euro che gli italiani gli versano da anni, “Penso che non la appoggeremo. Credo che la Chiesa sia una grande ricchezza per la società italiana, l'unica veramente impegnata con il volontariato nella lotta alla povertà''.

Ecco un altro valido esempio per rendersi conto della fine di merda che ha fatto il PD, imbarcando gente simile.

Franco F. Commentatore certificato 21.08.11 12:23| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un progetto strategico per l'Itaglia deve essere imperniato sulle sue aree di eccellenza: Turismo, manifattura artigiana, agricoltura e alimentazione, industria di punta e design.
In questi campi non c'è nessuno al mondo che può farci concorrenza, e quindi il rilancio a breve, medio e lungo termine dell'economia deve partire da qui.
Se l'Italia fosse anche demilitarizzata, le risorse ci sarebbero eccome, e non avremmo neanche "nemici" esterni. Fuori dalla NATO, e la NATO fuori dai coglioni!

Terminator -- (), L.A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 12:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Legalizziamo la cannabis.....creerebbe 2.000.000 (duemilioni) di posti di lavoro, con un introito per lo stato di 2.000.000.000 € (duemiliardi€)......

I.F.76

Luca Patrucco 21.08.11 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisognerebbe baipassare l'ufficio brevetti così com'è concepito oggi.
Creazione di un sito nazionale che faccia da ufficio brevetti per le invenzioni e innovazioni in campo tecnologico.
Una persona qualsiasi invia il suo progetto al sito (protetto) con schemi, filmati ecc (come meglio può).
Il progetto viene obbligatoriamente valutato da un'equipe di esperti puri (nessuno di loro legato ad alcuna azienda).
Se il progetto "passa", cioé viene ritenuto valido, innovativo ma soprattutto UTILE per l'Italia, viene pubblicato sul sito con tutte le specifiche.
Il brevetto rimane esclusivo per l'Italia (ma da caso a caso si potrà valutare) e cioé le altre nazioni non potranno copiarlo né modificarlo per almeno 5 anni (dovranno comprarlo da noi) e l'inventore riceverà un premio, ricompensa, una tantum anche nell'ordine di qualche milione di euro.
In questo modo l'invenzione non passerebbe subito ai privati e per uso privato e l'inventore non sarebbe costretto a "vendere" il suo progetto a qualche azienda privata.
Inoltre l'inventore, o presunto tale, non dovrà spendere alcuna cifra per far valutare la propria invenzione e questo per incoraggiare la creatività a 360°.
Tutti quelli che invierenno il proprio progetto, anche in caso di rifiuto, dovranno ricevere almeno una risposta.
L'inventore che utilizzasse il "sito nazionale" per la valutazione del proprio progetto, una volta presi i suoi soldi, non potrà vantare più alcun diritto sull'invenzione stessa (a parte, forse, il nome) ma avrà così venduto i diritti allo Stato che lo utilizzerà nei servizi e per il bene comune.
Se la "tantum" sarà abbastanza alta, questo incoraggerà anche i numerosi cervelli scappati dall'Italia ad inviare il proprio progetto nella madrepatria.

Adriano Perrone 21.08.11 12:06| 
 |
Rispondi al commento

-Rottamazione della casa
-deframmentazione del territorio (forse è già stato detto)
-Che fine ha fatto l'olio di colza al posto del gasolio?

Gianni D. 21.08.11 12:05| 
 |
Rispondi al commento

nell'articolo:
"Due Buone Azioni per l'Italia"
Manovra economica e Ristrutturazione Produttiva
che trovate al link:
http://www.unmondopossibile.net/articolo/art1917.htm

abbiamo elencato solo alcuni elementi per una rinascita socio-economica in Italia, ispirata dalla Teoria Economica PROUT (Teoria della Utilizzazione PROgressiva) al sito: www.irprout.it

Per una rinascita socio economica in Italia sono necessari alcuni fattori:
* rinascita culturale / intellettuale su valori neo-umanistici (valori che informano la trasformazione socio-economica)
* rivoluzione agraria
* rivoluzione industriale

Per realizzare questi obiettivi è necessaria anche unità sociale. Come realizzare questa unità sociale, come unire la gente verso obiettivi comuni, quando in Italia è divisa in tre filoni culturali principali: destra, sinistra e centro e in mille altri rivoli? C'è la necessità di puntare su valori condivisi, necessità umane comuni, aspetti che uniscono...

Non voglio farvi la predica, ma è necessario un movimento integrato di rinascita socio-economica sulla base di valori condivisi... Troviamoli.

Tarcisio Bonotto

tarcisio bonotto 21.08.11 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Formigoni parla e propone (bisogna azzerare tutto e fare le primarie) e sentenzia (doveroso intervenire sulle pensioni) e...

Quando uno come il Formigoni comincia ad emettere spropositi disconnessi tra loro è probabile che non dorma molto bene la notte.

Sarà il caldo, l'umidità, qualche pugnetta di troppo... qualche fetida scoreggia... qualche rutto puzzolente (Roberto, devi stare attento all'aglio)... o, forse sarà, qualche forma virulenta di cacazzo (devi guardare la data di scadenza degli yogurt)... sarà....

Ahhh! potenza dei sondaggi...

http://www.sondaggibidimedia.com/2011/08/incredibile-sondaggio-swg-cdx-ai-minimi.html

Mao M., Verona Commentatore certificato 21.08.11 12:03| 
 |
Rispondi al commento

X 10 settembre..il vacanziero:

Qui sotto hai alcuni post di grillo a dimostrazione di quanto falsamente rispondi a maria:
Pedofilia mediatica Postato il 2 Dicembre 2005 alle 18:40 Commenti (1261)

Giustizia per i bambini Postato il 14 Aprile 2010 alle 15:52 Commenti (136)

Libero Stato in libera Chiesa intervista a Don Farinella - Libero Stato in libera Chiesa Postato il 26 Marzo 2010 alle 21:30 Commenti (451)

Una giornata di ordinaria follia- Blog di Beppe Grillo 2 mag 2009 ... Io non parlerei tanto di pedofilia, in quanto ritengo la pedofilia quanto di più atroce possa essere fatto ad un bambino innocente. ...

La Rete del Grillo del 2009/03/07
7 mar 2009 ... Una legge per combattere il reato di pedofilia l'avrei magari scritta in
collaborazione con una Onlus che si occupa dell'assistenza dei ...
http://www.beppegrillo.it/laretedelgrillo/2009/03/07/index.html

L'altro volto di Wojtyla- Blog di Beppe Grillo 4 mag 2011 ... Il terzo capitolo è la copertura della pedofilia anche attraverso l'appoggio a
Marcial Maciel, il padre fondatore dei Legionari di accusato ...

Legge Lussana per una galera sempre più lontana- Blog di Beppe Grillo 8 ago 2011 ... Lignano Flaminio? dove ci sono quei sospetti casi di pedofilia da parti degli
insegnanti, i difensori potrebbero citare l'intera scuola, ...

La Rete del Grillo del 2009/03/12 12 mar 2009... una bieca iniziativa atta a proteggere il copyright delle major a colpi di
censura usando la lotta alla pedofilia come paravento. ...
Un saluto e viva il m5*

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 12:02| 
 |
Rispondi al commento

https://www.facebook.com/pages/Il-25-aprile-e-il-1-maggio-NON-SI-TOCCANO/145097265577793?sk=info

Aderite dai. Ciao. Ivan

Ivan MNF8 21.08.11 12:00| 
 |
Rispondi al commento

"Tutti i pagamenti con moneta elettronica"

Una proposta più cagata di questa cagata è difficile da concepire!

carmine d9 Commentatore certificato 21.08.11 11:59| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 14)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti a tutti post,bravi davvero....
mi permetto di aggiungere:
- riapertura delle case chiuse con controllo fiscale e sanitario quindicinale a sorpresa.
-in caso di incentivi su vetture,elettrodomestici ecc. che vengano erogati solo nel caso di prodotti effettivamente fabbricati in italia.
- potenziamento e maggiore liberta' di azione alle forze dell'ordine,costruzione nuove carceri e certezza della pena.
- Inasprimento controlli persone straniere presenti sul territorio di qualsiasi etnia.
- Incentivi per l'assunzione dei nostri giovani poi per gli stranieri.Vorrei precisare che io non sono leghista(esiste la libertà di opinione),all'estero alcune delle mie proposte sono normalissime,prima vengono i cittadini del luogo poi gli stranieri,questo senza voler essere razzista,solo protettivo verso il nostro futuro.

max cr, cremona Commentatore certificato 21.08.11 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono mesi che sento le parole crisi, tagli, manovra economica, tasse... Ma e il futuro? Sono contento che sul blog ricompaiano le parole "sviluppo", "futuro". Ho 28 anni, non posso credere di dover assistere solo ad un lento ed inesorabile declino dell'Italia. Io non sono un tecnico, comunque bisogna al più presto ricominciare a parlare di scuola, soprattutto dell'idea di scuola che abbiamo in mente. Io vorrei una scuola che accompagni l'individuo a manifestare liberamente se stesso, che coltivi le qualità che via via emergono in lui, non che imponga i suoi dogmi, i suoi sistemi, come se gli studenti fossero tutti uguali. Bisogna avere un'idea precisa della scuola, o almeno un'idea, forse non ce l'abbiamo, per questo poi le cose vanno male.
Se uno cresce con mille ostacoli anche a scuola, come puo' poi esprimersi al meglio nella vita?

Manuel Tommasini 21.08.11 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo a tassare il calcio.
Avete mai fatto il calcolo di quanto ci costa ogni domenica inviare polizia e carabinieri in trasferta negli stadi per domare quel branco di deficenti che guardano altri 22 deficenti ignoranti miliardari che tirano calci ad una palla?

20 partite a domenica tra serie a e b , x almeno 50 uomini dello stato che di media costeranno almeno 200€ al giorno tra lavoro domenicale, trasferta etc arriviamo a circa 200.000€ a domenca.
Perche' non far pagare le forze dell'ordine alle squadre di calcio in modo da non far pesare questa INUTILE SPESA a cittadini che vorrebbero piu' soldi per la cultura, per i teatri, per l'universita'?

Marco Lamacchia 21.08.11 11:51| 
 |
Rispondi al commento

A chi critica BEPPE......dico solo:dovete solo Ringraziarlo......perche' almeno e' uno di quelli che ha avuto le PALLE per Svegliarci da un sistema mondiale Dormiente!!!!Almeno lui al Coraggio di parlare e nel piccolo di fare qualcosa.......non come questo Popolo ITALIOTA che continua a fregarsene e a vivere nel suo piccolo mondo Falso.....a fare lo SCHIAVO/SENZIENTE DORMIENTE e senza PALLE!!!!!BEPPE.....e' Ricco???Beato lui potrei dire!!!Poi BEPPE non fa' di cognome:VATICANO-ROCKFELLER-ROTSCHILDS-BERLUSCONI-BUSH- o tanti altri......cosa volete che dia al mondo le Ricchezze terrene????Altri lo devono fare!!!!Poi se BEPPE.....mettiamo il caso.....fosse anche parte del sistema con i Casaleggio.....saro' il primo ad ammetterlo.....ma se qua' non si fa qualcosa....be' signori.....dite pure ADDIO alla LIBERTA'/VERITA'/PACE/BENE e tutto il resto!!!!Intanto LUI.....IL BEPPE QUALCOSA HA FATTO......E NOI INVECE?????LIBERTAAAAA'......e M5S

alberto pepe, torino Commentatore certificato 21.08.11 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo programma!
Aggiungerei
- la nazionalizzazione delle banche (come ho letto stanno facendo in Islanda) Gli utili devono essere solo dello stato, cioè tutti noi
- eliminazione della carta moneta: evitando così di pagare il signoraggio alla Bce
- utilizzo di carta di credito per tutti i pagamenti al fine di rendere tracciabile qualsiasi introito o spesa( comprese mazzette e prestazioni sessuali) e così tassare alla fonte tutti e non solo i lavoratori dipendenti e pensionati.
Solo con queste tre cose si potrebbe recuperare ogni anno la cifra prevista dalla manovra attuale e forse anche di più.

franco de marchi, L'viv ucraina Commentatore certificato 21.08.11 11:42| 
 |
Rispondi al commento

I tagli alla spesa sono necessari così come lo è la potatura di una pianta con l'eliminazione delle foglie secche e dei rami indesiderati. Attenzione però, non tagliare mai sotto la gemma, perchè rappresenta il futuro.
Parlando di futuro, a mio avviso è stata bruciata un'intera generazione e se non ci sbrighiamo ne sarà bruciata un'altra!
Per lo sviluppo 2 priorità:
1) GIUSTIZIA
2) FORMAZIONE SCOLASTICA

GIUSTIZIA
Un paese che non garantisce lo stato di diritto non agevolerà mai investimenti.
Inoltre, occorre garantire processi veloci ed efficaci in tempi certi (3 mesi ad esempio).
Alla giustizia è associata la riforma carceraria, suddividendo i carceri in classi differenti A, B, C, D, E (braccialetto), a seconda della gravità dei reati. Altro punto è la certezza della pena, senza sconti.
Tutto questa creerà la cultura della legalità indispensabile allo sviluppo.

FORMAZIONE SCOLASTICA

Occorre riformare la scuola, in particolare l'università che è inadeguata. Pensate che insegnano ancora a ripetere le cose che sono già scritte sui libri, ma all'uscita si è in capaci di generare valore.
Occorre creare dei distretti puntando alla sinergia tra imprese ed università. Se vuoi ad esempio fare ingegneria biomedica non la devi trovare in tutte le città, ma dovrai andare laddove c'è il distretto di eccellenza, dove sarai coinvolto in progetti di ricerca con le imprese del settore. Il governo e confindustria dovrebbero finanziare master all'estero per specializzazioni da riportare in Italia.

"Ci vuole un nuovo modo di pensare
per risolvere i problemi
prodotti dal vecchio modo di pensare"

A. Einstein

masemada71@libero.it

Massimo Rossi 21.08.11 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il medio oriente...il disastro prossimo venturo....l'Egitto si è liberato del tiranno ma i prossimi padroni saranno "i fratelli mussulmani"...i tagliatori di gole dei cristiani copti...amici di AL Queda e dei fondamentalisti...prossima guerra con Israele! La Libia di fatto diverrà un protettorato francese...attantati in vista da parte dei fondamentalisti infiltrati...

marco aurelio, reggio emilia Commentatore certificato 21.08.11 11:41| 
 |
Rispondi al commento

L'origine del debito pubblico italiano? Brunetta, Tremonti e Sacconi consulenti di Craxi (21 Agosto 2011)
A metà degli anni ‘80 il governo Craxi aprì la voragine del debito pubblico italiano passato dal 73% del Pil nel 1984 al 96% del 1988.

Ricordate i manifesti col "garofano" socialista negli anni '80? C'era scritto "Cresce l'Italia"...
Lo stiamo ancora pagando, moralmente, socialmente, politicamente ed economicamente...
A chi appartengono oggi 1577 miliardi di euro che costituiscono il nostro debito pubblico?
Il 15% delle banche italiane, il 14,6% dei gruppi assicurativi esteri e fondi comuni europei, il 14% di investimenti privati, il 12,3% di banche estere, l’11,4% di compagnie assicurative italiane, l’11,1% di altri investitori internazionali...
E noi paghiamo...

E, da ultimo ma non per ultimo, sapete in quegli anni quali erano i tre consulenti economici e finanziari della presidenza del Consiglio dei Ministri? Tremonti, Sacconi, Brunetta...

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fra tutti i punti, certamente condivisibili, quello più importante anche dal punto di vista strategico, a medio e lungo termine, è l'autosufficienza alimentare.
Bisogna iniziare ad insegnare nelle scuole, anche dal punto di vista pratico, come si fa un orto!
Bisogna progettare gli edifici residenziali prevedendo spazi per gli orti oltre che parcheggi, anche micro-orti sulle terrazze (conosco chi sulla sua normalissima terrazza di appartamento ricava fantastiche zucchine, pomodori e altro).
E soprattutto ci vuole un rivolgimento culturale che ridia al coltivare la terra la dignità che giustamente merita, al pari (se non di più) delle attività industriali e del terziario.
Firmato: un ingegnere.

n s 21.08.11 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Il mio punto è uno ed è sempre quello.mettiamo in ginocchio le multinazionali cominciando a consumare la metà di quanto consumato fin'ora..io ho smesso di fumare,mangiare carne e tutti quei cibi inutili e dannosi di cui siamo circondati,spengo la tv,spengo le luci che non mi servono,ho dimezzato la mia ricarica telefonica(la compagnia telefonica è impazzita letteralmente,mi bombardano di messaggi per spingermi a sprecare più soldi). Facciamolo tutti insieme,consumiamo meno,consumiamo meglio,liberiamoci del superfluo. Siamo consumatori spesso deboli passivi dipendenti. Liberiamoci.

Amy Guarini 21.08.11 11:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fino a quando la politica è al servizio della finanza disonesta,avremo SEMPRE governi corrotti a fare investimenti su mega opere,che servono solo ai soliti per arricchirsi e allo Stato a indebitarsi.

Giuseppe V. Commentatore certificato 21.08.11 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo una ricchezza che in tutto il mondo ci invidia: i beni artistici!
Ma ai nostri governanti non conviene valorizzarli interessa più i ladrocini su appalti ,cemento,autostrade,opere faraoniche inutili eccc.
A dimostrazione di ciò ai Beni culturali si sono sempre susseguiti gran coglioni;le scuole di restauro sono state chiuse,e neppure terminate;una grandissima quantità di opere sono nascoste in scantinati;la ricerca in tale campo abbandonata!
E pensare che musei,personale specializzato , opere d'arte e turismo con tutto l'indotto, sarebbero il fiore all'occhiello di questa Italia massacrata ed inquinata da politici incapaci!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Queste sono le mie idee:

- educare tutti i giovani che al giorno d'oggi BISOGNEREBBE SPORCARSI di piu' le loro belle manine e anziche' fare TUTTI gli avvocati, ministri, ingegneri...tutti lavori da buone paghe, facessero ANCHE un lavoro che gli faccia tornare alla CULTURA della terra, quindi NON ridurre questo impiego solo per "sporchi immigrati" (con TUTTO rispetto per loro!)

- ELIMINARE GLI ULTRA 70/80 enni della casta e portare gente GIOVANE dalle idee FRESCHE E CULTURALMENTE VIVACI. SOLO così ci sarà un cambiamento radicale! MA è OVVIO (purtroppo) che in Italia siamo tutti capaci a criticare ma di agire (ohimè) ce ne passa...

- REDISTRIBUIRE in modo GIUSTO le tasse e che i servizi vengano GIUSTAMENTE forniti (qualitativamente parlando) in base alle medesime (i.e. tasse equipartite correttamente + SERVIZI DI QUALITA')

- TAGLIO DI TUTTI i maxi stipendi dei parlamentari al salario medio di un comune mortale (1000/1100 €...SE va bene!)

...il resto mi ripeterei con ciò che hanno riportato gli altri utenti del blog. Saluti.

Pietro Cesare Avgvsto 21.08.11 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho scoperto recentemente, ahimé per esperienza personale che gli assegni di accompagnamento per invalidità civile, che vengono concessi dopo un iter che dura oltre un anno (noostante abbiano informatizzato il processo di richiesta!), periodo durante il quale chi ha veramente bisogno può tranquillamente crepare e con lui chi è coinvolto(!!!), dicevo che ho scoperto che il criterio con il quale viene accordato l'assegno (parliamo di 450 euro/mese) èesclusivamente legato alla perdita totale di autonomia in tutte le attività quotidiane, MA NON ANCHE in funzione della situazione economica del richiedente! Da ciò deriva che anche chi può economicamente affrontare la spesa per la propria assistenza, se fa domanda, può vedere riconosciuto tale contributo! Trovo questa cosa di una ingiustizia sociale enorme perché chi ha la possibilità economica non dovrebbe avere accesso a questi contributi che dovrebbero essere destinati SOLO a persone le cui condizioni fisiche ed ECONOMICHE non possono prescindere da questo seppur risicato aiuto. E magari con questa scrematura, l'aiuto economico potrebbe essere anche più sostanzioso! Quindi propongo di rivedere i criteri di assegnazione degli aiuti sociali, CONTROLLANDO LE SITUAZIONI, sia rispetto a questo che ad altri tipi di aiuto! Non per una questione di risparmio, non si può risparmiare sulla pubblica assistenza, ma per una questione di giustizia!

Elisabetta Moretti 21.08.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Essendo questo un Governo di ladroni e puttane,il
loro unico interesse è arraffare soldi a + non posso
Logico quindi che non glie ne fotte un cazzo di creare sviluppo e lavoro:i soldi che ci sono se li devono mangiare loro.
Di conseguenza godono a veder lavorare i 60enni,
che non essendo + al massimo della prestanza fisica,potrebbero non essere in grado di soddisfare i puttanoni di regime !!!!!!!!!!

basilio grabotti 21.08.11 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Scusate,qualcuno sa cosa fa la moglie di alfredo?
Hihihihihih...giovannino...giovannino!!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 21.08.11 11:07| 
 |
Rispondi al commento


BENTORNATO MARX!

maxr 21.08.11 11:04| 
 |
Rispondi al commento

L'attuale modello di sviluppo si impernia sul CONSUMISMO, e quasi tutti noi, chi più chi meno, siamo CONSUMISTI.

Per cambiare l'attuale modello di sviluppo bisogna agire dal lato della domanda, cioè ridurre, sino a estinguerla, la nostra propensione (spesso nevrotica) al consumismo, a cominciare dal consumo di TV (volano di tutti gli altri consumi nevrotici e alienanti).

Per riuscirci occorre sostituire la coazione a consumare con l'attività conoscitiva (leggere e scrivere articoli, saggi, romanzi), con l'attività sportiva e ricreativa (sport praticati in prima persona, ballo, giochi sociali), con l'attività artistica (fruizione e creazione di opere d'arte, film, spettacoli teatrali), con l'attività culinaria (prima e magnifica arte) e con l'attività turistica (viaggi e soggiorni ecologici e intelligenti alla scoperta del mondo umano e naturale).

Conclusione:

* disincentivare tutte le forme di consumo passivo e appropriativo-nevrotico;

* incentivare e promuovere i consumi attivi creativo-ecologici.

Saverio Mauro Tassi, Milano Commentatore certificato 21.08.11 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Tempo fà ho proposto di mandare i detenuti ai lavori (forzati) pubblici ( rete idrico-fognaria, riqualificazione-bonifica territori, ecc. ), invece di esser pagati dai contribuenti ( ovvio che vale lo stesso anche per politici, imprenditori e vaticano ).
Qui il link -> http://www.meetup.com/Gli-amici-di-Beppe-Grillo-di-Napoli/messages/boards/thread/12854521/0/#46232511

Terrore Nero 21.08.11 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Posso soltanto suggerire alcune idee per stimolare l'economia, almeno nel mio settore turistico alberghiero.
1)facilitare l'assunzione di personale abolendo tutti i contratti a termine assumendo tutti a tempo indeterminato, ma con più facilità di licenziare.
2)TFR, 13° e 14° mensilità tutto in busta paga
3)creazione di un'ufficio unico per facilitare l'ottenimento delle licenze richieste.
4)creazione di un'unico ufficio per la promozione turistica dell'ITALIA.
4)Mantenere efficenti e visitabili tutti i siti archeologici/ artistici (se non ci sono soldi per preservare la Domus Aurea dai crolli o le Mura Aureliane o Pompei, non ci dovrebbero essere i soldi per pagare gli stipendi a ministri, assessori...consiglieri..
6)ABOLIRE PER CONTRATTO AD AUTISTI ATAC, SPAZZINI, VIGILI URBANI, CARABINIERI L'USO DEL TELEFONINO PRIVATO QUANDO SONO IN SERVIZIO PER FARLI DEDICARE CON PIù DEDIZIONE AL PROPRIO PREZIOSO LAVORO.
Saluti.
Carlo

Carlo P., Roma Commentatore certificato 21.08.11 10:52| 
 |
Rispondi al commento

L'agricoltura locale andrebbe incentivata:
- obbligando davvero i rivenditori all'ingrosso e al dettaglio a indicare il luogo di provenienza di frutta e verdura
- vietando sul serio, impedendo, eliminando per sempre il caporalato
- imponendo, mediante controlli ma anche mediante rimborsi dei contributi assistenziali e previdenziali, il rispetto dei contratti di lavoro e la giusta paga a tutti i braccianti, italiani e non
- bonificando i suoli inquinati dalle mafie che hanno seppellito tonnellate di rifiuti tossici nelle terre più fertili
- espropriando le terre bonificate e quelle comunque lasciate incolte dagli speculatori e distribuendole a giovani apprendisti contadini
- garantendo ai giovani apprendisti contadini adeguata formazione sul campo fornita da vecchi contadini esperti (retribuiti per questo insegnamento dallo stato).

Gimpiero Arpaia 21.08.11 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Ho 45 anni e due figli di nove,questo paese deve avere un futuro ma senza tutti questi inutili "politici"vecchi in tutti i sensi.Penso che ognuno di noi sia responsabile nel scegliere le proprie azioni, i propri pensieri, quotidianamente.Se ci arriviamo al 2013 voglio votare io chi voglio.Tutte queste straordinarie proposte sarebbe possibile farle conoscere anche a tutte quelle persone che non usano il web e sono comunque indignate?

moreno maurutto 21.08.11 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Come la dorsale telefonica, anche le linee ferroviarie devono assolutamente ritornare alla gestione pubblica che consenta la circolazione di più aziende del trasporto ferroviario in concorrenza tra loro. Non dimentichiamoci il caso Arenaways di pochi giorni fa!!!

Alberto P. Commentatore certificato 21.08.11 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Pensione ed età pensionabile legata al numero di figli.
Chi ha cresciuto e mantenuto più figli ha contribuito più di altri alla sostenibilità del sistema pensionistico. Questo andrebbe preso in considerazione nel determinare pensione ed età pensionabile oltre che i contributi dovuti a tal fine.

Silvio Cabrele 21.08.11 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Beppe,oltre a una serie di commenti davvero idioti, segno che gli imbecilli si trovano un po' ovunque,ti sono giunti suggerimenti davvero interessanti.
L'ostacolo però è sempre lo stesso e, secondo me, ci conduce ad un unico primario problema: Come fare per neutralizzare gli attuali ladroni le cui mascelle sono sempre più serrate sull'osso?
E' vero che loro non molleranno mai e noi neppure, però noi vivono e affoghiamo nelle ingiustizie e nell'indigenza, mentre loro si ingozzano sempre di più. Alla fine,temo che vinceranno loro. Occorre far presto. Io ho ormai 72 anni e non voglio andarmene prima di aver visto i miei figli che vivono in un mondo dove ci sono ancora speranze e umanità. Quindi ti ripeto
la mia domanda: Come facciamo a metterli in
galera, tutti, indistintamente, di destra, di sinistra, di centro. So che non puoi darmi la risposta che io vorrei tu mi dessi, però dimmi solo se, secondo te, ho qualche buon motivo per tener duro. Ti ringrazio e ti saluto con la stima che da molti anni ho nei tuoi confronti per quello che fai.
Con affetto
Giancarlo Vigorito

GIANCARLO VIGORITO, Casal Velino Commentatore certificato 21.08.11 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

varie idee:

- divieto agli alti dirigenti delle società di ricevere stipendi superiori a 5 volte lo stipendio del dipendente che, a tempo pieno, percepisce di meno.

- Divieto a tutti i supermercati di vendere acque minerali non prodotte nella propria regione o, in alcuni casi individuati, entro una certa distanza.

- Blocco dei piani regolatori cementificatori, divieto di costruire se non in casi di documentata necessità, investire nel verde cittadino.

- Obbligo della raccolta differenziata in tutti i comuni con regole ferree e dure sanzioni per chi non ricicla

- forte detassazione per chi investe nella cultura, nel lavoro giovanile, nella ricerca

- abolizione delle concessioni autostradali, anche a costo di pesanti indennizzi, e inserimento del bollino obbligatorio annuale o mensile o in altra forma per chi utilizza le autostrade.

- controllo statale del costo degli immobili e degli affitti

- cambio del paniere dell'inflazione

- forti incentivi per auto elettriche, a gas ma anche ibride

- aumento degli ispettori del lavoro, più controlli, rotazione degli ispettori ogni lustro

- abolizione canone rai e redistribuzione delle frequenze televisive in base a criteri di economicità

- partecipazione dei privati alla Rai nella misura dell'80%, con azionisti singoli o società che non possono sforare il 5%. Stesso principio nelle tv private con quota singola max 20%

- abolizione dei contratti a progetto, forte riduzione dei parametri per l'apprendistato, tirocini retribuiti sia salarialmente che contributivamente, obbligo di assunzione senza se e senza ma al terzo rinnovo di contratto a tempo determinato

- determinazione di nuove aree inalienabili per il loro interesse naturalistico o culturale, acquisto delle aree presso i privati.

- obbligo per ogni comune di non costruire edifici direttamente sui mari e di non concedere più del 10% della costa comunale per gli stabilimenti balneari.

- Obbligo di conversione in elettrico o metano per tutti i mezzi pubblici

Stefano S. 21.08.11 10:36| 
 |
Rispondi al commento

NOTAV..........per chi volesse andare alla Baita NOTAV....trovera' Forze del Disordine.....che ti fanno anche passare......maaaaa....ti devono chiedere documenti e ci si deve far Fotografare.....con la piu' ampia VIOLAZIONE dei DIRITTI e della PRIVACY....e aggiungerei Liberta'!!!!!!CHIOMONTE che ricordiamo si chiama KIOMONTISTAN......continua ad avere un Sindaco il RENZO PINARD.....detto l'uomo che cade dalle nuvole......che continua a prendere per il Cxxx i propri Concittadini e la VAL SUSA.....e cosi' la MILITARIZZAZIONE AUMENTA e anche il Cantiere della MORTE con tanto di filo spinato!!!!ON.ESPOSITO PD non c'e' limite alla Stupidita' umana......ESPOSITO il profeta TAV!!!!NOTAV:iniziative-dibattiti-feste-da venerdi' 26 a martedi' 30 agosto Venaus-Bussoleno....siti Notav per informazioni!!!!NOTAV " NO AL MOSTRO ".......L'ECOMOSTRO TAV...portera' solo DISPERAZIONE....!!!!LIBERTAAAAAA'.........

alberto pepe, torino Commentatore certificato 21.08.11 10:33| 
 |
Rispondi al commento

sono molto d'accordo con chi propone misure disincentivanti la "delocalizzazione" o la "dismissione" di aziende. Questa è una delle ragioni che hanno indebolito la nostra economia e minato pesantemente il nostro tessuto sociale. Quanto valore e non solo economico è andato perduto con la chiusura di migliaia e migliaia di piccole,medie e grandi realtà produttive? Quanta miseria sociale e culturale e schiavitù questo impoverimento ha creato e sta ancora creando?? Bisogna FERMARE questo massacro, invito quindi chi ha conoscenza e competenza in questo settore a continuare a sviluppare l'argomento e presentare proposte mirate. Se questo paese deve ripartire, bisogna restituire LAVORO alla gente per ridare loro dignità. In tutto questo sfacelo quel gran "genio" di sacconi infila in questa porcheria che va sotto il nome di manovra finanziaria, l'abolizione di ulteriori diritti dei lavoratori permettendo il facile licenziamento, per avere non più lavoratori, ma schiavi da ricattare in ogni momento!!! E i sindacati che fanno, bisticciano, fanno finta di non essere d'accordo e poi siglano accordi sottobanco e fottono coloro che avrebbero dovuto difendere e rappresentare!! Ho letto anche opinioni contrapposte sull'uso del denaro "elettronico" al fine di assicurarne la tracciabilità. Devo dire che da un lato trovo la proposta giustificabile per contrastare corruzione, riciclaggio, lavoro nero etc., però qualcuno ha insinuato il dubbio, a mio parere non senza fondamento, che ciò darebbe ancora più potere alle banche e trovo che questa sia una prospettiva dalla quale fuggire, visto che le banche e le finanziarie sono tra i responsabili di questa grave crisi. Se c'è qualcuno esperto in queste materie, potrebbe cortesemente spiegare i pro e i contro in modo che chi non ne sa possa capire un po' di più?? Grazie

Elisabetta Moretti 21.08.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento

L'italia ha bisogno di 1) MERITOCRAZIA, quindi lotta alla corruzione, alle raccomandazioni, ai conflitti d'interesse ad ogni livello e ai privilegi. 2) SVECCHIAMENTO radicale della classe politica e dirigente.

Giacs 21.08.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento

per il ponte i milIARDI SONO OTTO E NON QUATTRO

giuseppe 21.08.11 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Penso che finalmente si sia centrato il problema.
Il mondo è cambiato, il commercio dall'Atlantico si è spostato nel Pacifico. Inutile sognare di continuare a produrre utilitarie, lavatrici, vestiti a basso costo, ecc, quelli li producono o li produrranno cinesi ed indiani, i coreani già lo fanno, con prezzi bassi e qualità crescente.
La manovra è insufficiente, si limita a tappare malamente un buco, ma alcune entrate sono incerte o temporanee, il taglio delle spese minimo ed alcune uscite solo rimandate al 2014.
La manovra dovrebbe pensare a creare un avanzo di bilancio al fine di diminuire il debito pubblico, è l'Europa che ce lo chiede, siamo al 120% del PIL di debito pubblico mentre il trattato di Maastricht ci impone il limite del 60%.
Man mano che diminuisce il debito diminuisce la spesa per interessi e questo ulteriore risparmio può essere usato per lo sviluppo.
Hai fatto proposte, io ritengo che l'Italia debba puntare sull'agricoltura e prodotti biologici, quelli i cinesi non possono copiarli, il turismo, siamo un museo a cielo aperto e le energie alternative. Imponiamo che tutte le centrali termoelettriche usino solo metano ed idrogeno, lo stesso con le autovetture: saremmo all'avanguardia nel mondo. Imponiamo, come hai detto, che il marchio made in Italy sia usato solo per prodotti progettati, disegnati, fabbricati e confezionati al 100% in Italia.

Alessandro G. 21.08.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento

contro l'evasione,eliminare le spese x cliente e negoziante per le operazioni bancomat prelievi/acquisti fino a € 100,00,se il negoziante non ha spese fisse può accettare il bancomat anche per 3 pagnotte,quelli che non vogliono il pos per (incassare in nero)sarebbero destinati a sparire.Pos (point of sale) obbligatori a professionisti ,dentisti ,medici....

massimo armaroli 21.08.11 10:19| 
 |
Rispondi al commento

BINDI e CASINI.....: "IL VATICANO non si Tocca"........!!!Sapete gente........vogliono diventare nuovi CARDINALI.......della CHIESA LADRONA.....!!!!Eeeeee siiiiiii.........fossi in Gesu' o qualcuno lassu' li punirei per Alto Tradimento......troppo duro??????VATICANO=FEDE=BUSINESS=RICCHEZZA=POTERE=FALSITA'=DOMINIO=TRADIMENTO=etc etc!!!!!BINDI E CASINI ......presto nuovi Cardinali.....Fame nel Mondo Poverta'.......e loro con la Panza piena belli ciaciotti,e pieni di ricchezze che adornano i loro corpi!!!!Con i MORTIDEMONI....i MORTIVATICANI......bello eeeeeee'???!!!!LIBERTAAAAA'.........

alberto pepe, torino Commentatore certificato 21.08.11 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Yes, political!
Riprendiamoci la PoliticaNaviga tutti gli articoli con tag »sottosegretario alla montagna«
La risposta leghista alla contestazione: un sottosegretario alla montagna

ippolita ., genova Commentatore certificato 21.08.11 10:16| 
 |
Rispondi al commento

Mentre i lavoratori di oggi arrancano, girano allegramente tra viaggi e località vacanziere quelli dei cosiddetti "diritti acquisiti". Sono i pensionati della prima ora andati in vacanza a cinquant'anni (chi anche meno) senza aver versato contributi adeguati. Sarebbe ora di far pagare il conto a loro dell'enorme debito pubblico generato da un sistema sbagliato. Hanno percepito per intero il loro tfr hanno avuto un sistema sanitario che li ha curati pure per un raffreddore, hanno avuto posto fisso e diritti sindacali oggi rimessi in gioco per i giovani.

La mia proposta? Facciamo pagare il contributo di solidarietà a chi percepisce pensioni indebitamente in base alle regole di oggi e rimettiamo così in ordine i conti dello stato.

Il debito pubblico è stato generato da e per quelli dei diritti acquisiti mica dai giovani d'oggi!

Roberto D., Bergamo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, proponi un terzo V-Day: una legge di iniziativa popolare con le proposte di legge che stai / stiamo postando.

il corsaro rosso () Commentatore certificato 21.08.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

http://caneliberonline.blogspot.com/

domenica 21 agosto 2011
LE RELIGIONI, LA POLITICA, PIU' LA MEDICINA....di cos'altro abbiamo bisogno che continui ad incutere paura, per condizionare i pochi neuroni positivi rimasti?

Caneliberonline 21.08.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Proporrrei la legalizzazione delle droghe leggere con gestione diretta da parte di empori pubblici, con ovvi benefici in termini di entrate. Anche la coltivazione di tali piante in Italia potrebbe creare lavoro. Inasprimento delle pene per chi vende/compra al di fuori del circuito pubblico

Federico Avidano (superpalomo), Asti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.08.11 10:11| 
 |
Rispondi al commento

x alfredo

rapporto genova centro-ponente

alfredo qui a genova ponente ci sono gli alpini e finanzieri per far figura che fermano il solito pirla italiano che si alza tutte le mattine per andare a lavorare e poi gli stessi passeggiano tra prostitute, spacciatori, contrabbandieri, alcolizzati, night club, sexy shop, cantine e box che diventano appartamenti, vagabondi che aprono bidoni della spazzatura e chiedono l'elemosina, ancora bande di sudamericane (i peggiori) e albanesi che si accoltellano, rom accampati che vivono di furti e rapine, il tutto contornato tra l'inquinamento portuale tra carbone e fumi dei traghetti, il disagio di un cantiere aperto ogni 100 metri e i ghetti di stranieri sucidi e lepegosi del centro storico e della periferiria del ponente

Acul utopiA Commentatore certificato 21.08.11 10:09| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe,

ti voglio un bene dell anima. hai la forza di di fare vedere che un cambio di 'stile' italiano, non solo puo avvenire ma, sta gia accadendo alla velocita di cui abbiamo bisogno.

rifletti la parte buona che c e in noi. l'italianita' che mi rende fiero di condividere.

un abbraccio a tutti gli amici della rete ... siamo tutt insieme qualcosa di veramente meraviglioso ...

: )

giorgio passalacqua 21.08.11 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il prossimo autunno sarà caldo....vorrei che fosse caldissimo e che organizzassimo proteste forti ,è il momento che dobbiamo svegliarci.
Intanto per gli amici della Spezia, prima grande festa del M5S a falconara di Lerici, 25 e 26 agosto!
Alba Latella

fioralba latella, la spezia Commentatore certificato 21.08.11 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Le nostre proposte di manovra economica e di Governo della Nazione mi sembrano IL MIGLIOR PROGETTO POLITICO DEGLI ULTIMI 60 ANNI.
Le caste percepiscono mensilmente fior di quattrini per creare disastri sociali ed economici.
Noi gratuitamente siamo capaci di sviluppare le soluzioni più sensate senza per questo definirci dei tecnici.

I VERI "ONOREVOLI" SIAMO NOI. A COSTO ZERO.

Damiano B. Commentatore certificato 21.08.11 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Dagli oggi, dagli domani, passa il tempo, pensi che non accada nulla, ma in realtà il blog di San Grillo ti apre la mente, ti aiuta a riflettere e ti rendi conto che è venuto il tempo di cambiare. E come per tutti i cambiamenti che si rispettino bisognerà adoperarsi opportunamente ... perché nessuno ti regala un lavoro, un futuro, se non lo crei. Il lavoro è un diritto dovere, se non ce l'hai, se non lo trovi, sei legittimato a difenderti ...

franco p., catanzaro Commentatore certificato 21.08.11 09:57| 
 |
Rispondi al commento

POLITICA FAMILIARE
L'ITALIA è UN PAESE DOVE L'UNIONE NON FA LA FORZA
SPOSARSI NON CONVIENE FISCALMENTE
FERE UN FIGLIO DEVE ESSERE UN INVESTIMENTO PER IL FUTURO NOSTRO E DELLA NOSTRA NAZIONE NON UN PROBLEMA ECONOMICO

claudio f., treviso Commentatore certificato 21.08.11 09:45| 
 |
Rispondi al commento

DETASSAZIONE totale del lavoro a qualunque livello
(anzi va incentivato con prestiti d'onore.)
LIBERAZIONE professionale non solo taxi ma anche farmacie studi legali ecc
DEBUROCRATIZZAZIONE es: un imprenditore prima apre la sua attività e poi autocertifica ecc..
abolizione delle PENSIONI ma un contributo uguale per tutti a richiesta di chi vuole ritirarsi dal lavoro massimo 1000 euro ( che se ne fa un ottantenne di 3..4 10.000 euro al mese?)
AMMINISTRAZIONE PUBBLICA privatizzata
BANCHE E IMMOBILI statalizzati (che se ne fa un singolo individuo di 100 appartamenti è quanto meno disumano) ABOLENDO AFFITTI E MUTUI è normale un aumento dei consumi e del benessere individuale e familiare.
PREMIARE LA PRODUZIONE e punire le sterili RENDITE.
CONFLITTO DI INTERESSE totalmento abolito es (il politico puo' avere accessi anche molto privilegiati ma non può maneggiare denaro)
DEMOCRAZIA DIRETTA tutti coloro che lo desiderano possono seguire i dibattimenti al parlamento e votare le leggi "on line"... tanto per cominciare:)

michele maria quinci, verona Commentatore certificato 21.08.11 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Ho notato che molti caldeggiano l'avvento della moneta elettronica e mi piacerebbe veramente si aprisse una discussione su questo tema,in quanto personalmente la reputo di certo un'arma molto efficace contro l'evasione ...però a doppio taglio
in quanto ci ritroveremmo tutti quanti al collo il guinzaglio delle banche (così odiate di questi tempi...)

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 21.08.11 09:43| 
 
  • Currently 1.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

POLITICA FAMILIARE
SE LA MIA FAMIGLIA GUADAGNA 100 MA SIAMO IN 5 FORSE DOVREMMO PAGARE LE TASSE COME UNO DA SOLO CHE GUADAGNA 20 100:5=20

claudio f., treviso Commentatore certificato 21.08.11 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono d' accordo con tutte queste proposte.
A livello economico incentiverei tanto il turismo e la cultura perchè sono risorse sottostimate e mal sfruttate. Secondo me ci potremmo campare molto con questi 2 settori economici se sviluppati intelligentemente.
L' educazione alla cittadinanza però non va trascurata:mi rifaccio anche alla proposta fatta da byoblu qualche tempo fa sul suo blog con l' introduzione della patente a punti del cittadino.
http://www.youtube.com/watch?v=pw5D6eqHzmc
Chi non si occupa del bene comune,dimostrando ignoranza politica e poca coscienza civile o addirittura compie reati non potrà votare.

Fabio Piccinin 21.08.11 09:31| 
 |
Rispondi al commento

POLITICA FAMILIARE

SE LA MIA FAMIGLIA GUADAGNA 100 ED è COMPOSTA DA 5 PERSONE E TU DA SOLO GUADAGNI 100, SECONDO IL FISCO ITALIANO CHI PAGA PIù TASSE?
P.S. FRA 50 ANNI I MIEI FIGLI PAGHERANNO ANCHE LA TUA PENSIONE

claudio f., treviso Commentatore certificato 21.08.11 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
Quello che manca in questa "manovra", ma in realtá manca in tutta l'azione di questo Governo FANTASMA fin dalla sua nascita, è proprio una POLITICA INDUSTRALE e di SVILUPPO.
Nessuna idea innovativa, nessun provvedimento, nessun scenario di sviluppo, giusto o sbagliato che fosse.
Ecco allora una proposta concreta che non comporta alcuna spesa nè pubblica e nè privata:
Bisogna "costringere le banche a dare credito e finanziamenti alle Piccole e Media Imprese italiane, la vera spina dorsale e forza economica ed innovatrice di questo nostro Paese. Come farlo? Emanando una norma che preveda l'obbligatorietá (anche con degli incentivi eventualmente) di destinare una congrua parte della raccolta di danaro che effettuano proprio ai finanziamenti delle PMI. In questa "Obbligatorietà" sarebbe bene far rientrare anche le Poste che sono dei grossi raccoglitori di risparmio dei cittadini privati.
Alle imprese ed imprenditori italiani non mancano le idee ma chi voglia scommettere ed investire su di loro.....provate a chiedere loro che difficoltà hanno nel finanziare le loro imprese e capirete!
Questo il succo. I dettagli andrebbero approfonditi in altra sede con molto più tempo e spazio a disposizione.

GerRdo Graziano 21.08.11 09:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vi dico come stanno le cose, gli eventi accelerano perche' ci troviamo in un sistema a progressione geometrica, e' il sistema che ci siamo scelti ed e' destinato a collassare, non ci vuole un genio per capirlo. Se vogliamo fare qualcosa dobbiamo farla subito perche' potremmo non arrivare troppo oltre, ora a prescindere dal sistema capitalistico, economico e finanziario che sono solo una cortina fumogena , il vero problema e' l'aumento del tenore di vita dei popoli del terzo mondo e la conseguente redistribuzione della ricchezza visto che le risorse sono limitate. Voi potete giocare con i tassi di interesse, il cash flow, il quantitative easing, stampare soldi ma alla fine, nel mondo reale succede che un cinese che prima campava con una ciotola di riso adesso vuole anche il latte e una macchina e l'ipod e questo provoca quello che vedete e che e' stato ampiamente preannunciato dai manganellati, terroristi, assassini (secondo le tv) di Seattle, in un mercato globalizzato.
Ci sono essenzialmente due vie d'uscita a questo cu-e-sac

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 21.08.11 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Il papa dalla Spagna prega per voi peccatori.

Immagino quanto siate contenti !

Sapere che il papa,assieme ai papaboys, sta pregando per voi dannati deve essere un orgasmo .

Inginocchiatevi,
cospargetevi il capo con la cenere,
pentitevi e gioite al perdono che dio padre misericordioso vi concedera'!

... Madrid in questo momento e'la capitale dell'idiozia umana.

Charles Bukowski

HANCK BUKOW (hanck17) Commentatore certificato 21.08.11 09:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le pensioni scontro generazionale
Riforma da applicare subito:
1)Pensionamento per tutti a 65 anni.
2)Dal eta di 55 anni il lavoro dovrebbe essere ridotto di due ore per ogni anno che manca al età di 65 anni. ( questo servirebbe per due motivi a)Integrare i futuri pensionati alla vita esterna.
b)Passare le esperienze lavorative alle future generazioni in modo non traumatico.)
3)Integrazione dello stipendio, per via delle ore non lavorate con lo sconto sui contributi da versare all'inps.
4) Assegno della pensione non superiore di 5000€

Romano Jarc 21.08.11 09:12| 
 |
Rispondi al commento

- Servono investimenti cospicui nella valorizzazione dei beni archeologici e ambientali.
Abbiamo un patrimonio infinito sommero, intere città romane o etrusche sepolte perchè non ci sono soldi per farle venire alla luce.
- Tutti i treni dovrebbero poter ospitare obbligatoriamente le biciclette, in modo che chi prende il treno poi va in bici

Alberto 21.08.11 09:11| 
 |
Rispondi al commento

http://paolaics.altervista.org/SIGNORAGGIO.html

luciano 21.08.11 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Principali azionisti della Banca d'Italia (90,17%).

Gruppo Intesa (26,81%)
Gruppo San Paolo IMI (17,44%)
Gruppo Capitalia (11,15%)
Gruppo Unicredito Italiano (10,97%)
Gruppo Assicurazioni Generali (6,33%)
INPS (5%)
Banca Carige (3,96%)
Banca Nazionale del Lavoro (2,83%)
Banca Monte dei Paschi di Siena (2,50%)
Cassa di Risparmio di Firenze (1,85%)
RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà (1,33%)

Fonte: R & S (Ricerche & Studi) di Mediobanca, 2004, p. 1160

luciano 21.08.11 09:05| 
 |
Rispondi al commento

E' verde,

viene d'estate,

dentro e' piena di semi.

Cos'e' ?

Charles Bukowski
risposta nei sottocommenti

HANCK BUKOW (hanck17)