Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Londra brucia!


Londra_disordini.jpg
"Mia figlia sta a Ealin e le rivolte sono arrivate anche lì, mi scrive che è andata in centro per aiutare, e che la polizia è scarsa, dati i tagli del governo, e il malessere è grande e ha raccolto gli attacchi di un settore della gioventù inglese che, anche senza motivazioni politiche e sociali, è in cronaca da tempo per acoltellamenti e atti di vandalismo, un equivalente dei nostri blac block o vandali da strada. Al di là di questi teppisti, queste sono solo le avvisaglie di ciò che accadrà quando il neoliberismo avrà distrutto anche gli ultimi resti dello stato sociale e ghettizzato i poveri come è avvenuto a Londra, come ovunque del mondo, mentre il governo taglia alla fasce più deboli, indebolisce le forze dell'ordine, chiude il futuro ai giovani. La rivolta londinese è un mix che non ha niente a che fare col multiculturalismo, ma si presenta ogni volta che, a Londra come a Parigi, nel Bronx, come a Liverpool, la rivolta degli esclusi scoppia dove la miseria e l'emarginazione hanno creato ghetti di sofferenza che si incrociano con isole di delinquenza selvaggia e devastatrice. A questa ribellione della miseria si lega sempre il vandalismo di giovinastri che non hanno né ideologia politica né protesta sociale, i casseur parigini ieri e oggi i giovani londinesi che appena ieri accoltellavano e aggredivano indipendentemente dalla razza e dalla cultura, e che sono la schiuma violenta di tutte le insurrezioni sociali." viviana v., Bologna

9 Ago 2011, 21:05 | Scrivi | Commenti (64) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Londra Brucia -
Il romanzo.

http://www.facebook.com/pages/Londra-Brucia/109206279206635?ref=tn_tnmn

lu 20.02.12 10:51| 
 |
Rispondi al commento

La mancata integrazione ha favorito la ghettizzazione delle periferie, la rivolta e le devastazioni (anche se sono ingiustificabili). Comunque i protagonisti di questo "inferno", come si vede nei filmati, sono ragazzi, talvolta ragazzini di colore (e non adulti) che sicuramente vivono una realtà di miseria e degrado (oltre ad essere cresciuti nell'ignoranza), non vedendo prospettive di futuro davanti a se. I loro padri immigrati già conducevano una vita austera e infelice, loro peggio ancora, vedono una realtà senza prospettive di cambiamento o evoluzione. I maggiori imputati di questo triste epilogo sono le autorità che hanno "svenduto" il proprio territorio senza una pianificazione sulle politiche migratorie e le grandi multinazionali (da sempre influenti sulle scelte politiche) che seguendo l'onda della globalizzazione guardando solo al profitto e alla forza lavoro intesa come "numeri e braccia" pagati in nero. Il fallimento del multiculturalismo selvaggio senza regole oltre ad aver portato squilibrio nelle società si sta riversando proprio su chi l'ha generato. Lo stanno capendo in molti in Europa anche le sinistre riformiste, anche Barroso (il quale durante la sua carriera politica giovanile milito' nella Federazione degli Studenti Marxisti-Leninisti) che solo pochi giorni fa la sua amministrazione ha elargito fondi per la costruzione di un lungo fossato delimitato da reti metalliche e barriere di filo spinato al confine tra Grecia e Turchia. L'unico paese che ancora non lo capisce é l' Italia con il nostro attuale governo che fa solo demagogia sulle politiche migratorie e le sinistre che se potessero (ma solo a parole guarda caso) inviterebbero tutti gli extra comunitari dentro le loro case solo per avere qualche voto in piu... che ipocrisia. Giusta l'accoglienza con un criterio equo e numerico, con una pianificazione sulle reali domande e offerte di lavoro, con una prospettiva di integrazione, sotto l'egida consapevolezza di considerare ospiti gli immigrati

Riccardo Faber 12.08.11 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Chi sta facendo questa protesta per le strade di Londra, sono persone che non hanno mai provato a lavorare ma che vivono da anni sulle spalle della nazione sfruttando il denaro che lo stato da loro per il periodo nel quale sono senza lavoro e nel quale dovrebbero cercarlo...Ma che fanno? invece di cercarlo, si rendono conto che con i privilegi a loro concessi ovvero casa gratis sconto sui mezzi pubblici e quei soldi settimanali possono vivere senza lavorare, (in piu magari spacciano) o fanno figli cosi per avere altri soldi dallo stato e vanno avanti per anni cosi. che succede poi tra 15 anni i loro figli faranno come loro come loro hanno fatto come i loro genitori. Questi ragazzi nascono senza famiglia praticamente sono cani sciolti non sanno cosa è giusto e cosa no, non riescono a rendersi conto che spaccando tutto danneggiano solo persone oneste che lavorano e magari che stanno peggio di loro, non si rendono conto perchè non hanno avuto mai nessuno alle spalle che diceva loro cosa è bene o cosa è male. E' il sistema che non va .... perchè non riescono a controllare tutti, non riescono a sapere se questi ragazzi stanno cercado lavoro o no, e ci vanno avanti fino alla pensione( ne conosco diversi) abito a londra...PS se morissero di fame spaccherebbero e ruberebbro nei supermarket come i TESCO, ma cosa rubano? cibo? gioielli? no felpe, scarpe, telefoni e tv perchè sono ragazzi e per loro quello che conta è avere la felpa dell'adidas e una tv al plasma....

Giordano T., Lucca Commentatore certificato 12.08.11 03:22| 
 |
Rispondi al commento

Quanto tempo deve passare ancora perchè invece di seminar violenza si ci prenda tutti per mano, ognuno col proprio fagotto, con l'intento di costruire un futuro più bello per i nostri figli?
La rivoluzione prima è nei nostri cuori, altro che rubare televisori, o incendiare bus come è accaduto in Inghilterra!!

Augusto Della Martina 11.08.11 22:24| 
 |
Rispondi al commento

ma in che modo possono farsi sentire le persone dopo decenni di sfruttamento, di disoccupazione, di disperazione ed emarginazione sociale in uno Stato che da decenni è sordo alle loro problematiche e fa finta che tutto vada bene e che non esiste alcun disagio sociale?
E giustamente lo Stato, i mass media, i vostri commenti e così via si sbarazzano del problema ed etichettano i disperati come teppisti o terroristi (è tanto di moda questo termine). Perchè non si scava nel problema in modo da rendersi conto che i veri responsabili del disastro sono stati i vertici politici volti solo a fare gli interessi delle elitè finanziarie e a fare guerre all'estero; incapaci di condurre politiche sociali e di governare nel vero interesse dei cittadini.
Come al solito siamo capaci di guardare solo a un palmo dal naso, chi ha la vista più lunga sa che il disagio arriverà ovunque in Europa nel momento in cui il sistema sociale verrà smantellato per i tagli dovuti al debito pubblico contratto grazie all'usura "legalizzata" dei banchieri.

anna piscitelli 11.08.11 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno ha il diritto di fare quello che è stato fatto per qualsiasi ragione, caspita! Io sono cresciuto in un quartiere abbastanza povero, ma c'era la dignità.
Il fatto è che quando noi eravamo ancora bambini ricevevamo un'educazione a scuola. Vietato alzarsi dai banchi senza permesso ecc... Se non c'era disciplina a casa dai genitori sicuramente la scuola provvedeva. le leggi qui in UK erano diverse, vietato punire corporalmente chi si non si comporta bene, genitori non facevano niente. E generazioni sono cresciute così. Io sono stato un pò selvaggio quando ero in gruppo e se nessuno ci puniva eravamo incoraggiati a fare sempre di peggio. In Gran Bretagna i poveri hanno tutto quello che gli permetti di vivere una vita dignitosa, benefici in denaro, ti danno la casa se non puoi affittare... Aho! Quando mai abbiamo avuto queste cose in Italia? Ma stiamo scherzando? Questi sono ragazzi che sono cresciuti senza voglia di lavorare e senza disciplina ed è il risultato di quello che è stato seminato. Un altra cosa. Se cresci in questo mondo materialista ci sono dei poveri che si lamentano sempre perchè non hanno quello che hanno i "ricchi" barca, seconda casa ecc... Si parla di questo gente, i veri poveri sono coloro che stanno morendo di fame nel corno d'Africa quelli non hanno praticamente niente... Ditemi chi mai è morto di fame in Occidente, ditemelo chi è che ci riescie? Siamo stati abiutati troppo bene ve lo dico io....

Buona giornata

Ramon Oliveti 11.08.11 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Signora Viviana di Bologna, tutto giusto il suo commento tranne la frase che "Londra brucia non per gli effetti legati al multiculturalismo". Invece sta proprio li la causa. Vero che ci sono degli effetti ben precisi dovuti alla emarginazione e la miseria... ma l'origine della rivolta sta non tanto nell'aver privilegiato alcune classi sociali rispetto altre (in realtà Cameron come i suoi predecessori ha dovuto fare tagli obbligati alla spesa pubblica), ma nella politica migratoria dissenata e senza regole che l' Inghilterra come la Francia e altri paesi europei (non tutti per fortuna) hanno permesso (inclusi ancora gli evidenti riflessi disastrosi di quelle che furono le politiche coloniali). Una prova ? Basta vedere i filmati delle distruzioni... sono tutti neri, mulatti, pakistani o indiani, meticci... immigrati e figli di immigrati che (non per colpa loro sia chiaro) sono stati inglobati dal sistema politico (conservatore o democratico che sia... poco importa) dentro la società e emarginati nelle periferie senza nessun criterio di equilibrio numerico, senza nessuna pianificazione sulle reali domande e offerte di lavoro...
Accettando tutto e tutti indiscriminatamente operando di fatto una emarginazione degli stessi é naturale che prima o poi gli stessi gruppi di immigrati o quelli insediati da tempo e di fatto non integrati (che rappresentano gran parte della società ghettizzata o schiavizzata nelle periferie ) esploda nella rabbia e nella devastazione. Da condannare le distruzioni e la criminalità ma fra i maggiori imputati sono proprio i politici che hanno favorito un multiculturalismo selvaggio che si sta rivelando con il tempo un boomerang contro la stessa società (non risparmiando nessuno) e la stessa classe politica incurante dei propri cittadini e del proprio territorio.

Riccardo Faber 10.08.11 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma quale emarginazione, finitela con questa retorica del povero emarignato che nessuno vuole ! questi non vedono l'ora di potersi dare al saccheggio per sfogare la loro frustrazione per essere dei nullafacenti sfaticati senza un ruolo nella società ! In gran parte sono di origne africana. Come potete parlare di emarginazione se tutti questi immigrati hanno avute spalancate le porte in occidente e ora lo stanno distruggendo? chi vuole essere partecipe della società si dà da fare per lavorare e inserirsi a pieno titolo nei meccanismi della collettività; anche con lavori umili, ma pur sempre lavori.

Piergiulio L., parma Commentatore certificato 10.08.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io vivo a Londra da quasi un anno, sto a Roehampton, una zona abbastanza povera vicino a Clapham. Mi trovo concorde con Sempliciotto. Anche io che vivo qua e vedo questi ragazzi tutti i giorni (e che ci ho scambiato anche qualche parola) e l'impressione è quella che siano sbandati senza una guida o un qualcosa in cui credere. Personalmente credo che in una società priva di valori seri e con la tendenza a volere tutto e subito sia in gran parte causa dell' "animalizzazione" (passatemi il termine) della società. L'istinto che prevale sulla ragione, rende tutti quanti bestie infatti, per me, i protagonisti dello scempio che si è visto qua per le strade agivano come animali. In tutto ciò, tuttavia, credo che un ruolo fondamentale abbia l'assenza di GENITORI ALL'ALTEZZA o l'impossibilità per alcune famiglie di stare dietro ai propri figli perchè il lavoro non lo consente (Londra è cara e dura). In ogni caso spero che la polizia prenda presto provvedimenti, perchè questa situazione sta danneggiando altri poveracci che nei "riots" hanno perso la casa, il negozio e purtroppo in certi casi anche la vita. Siamo tutti bravi a filosofeggiare come Shopenhouer, poi ti trovi la casa in fiamme senza un motivo e ti viene molto più difficile prenderla con filosofia. Son sicuro che anche Hitler avesse subito qualche trauma o avesse dentro di se qualche cosa che lo ha spinto a fare ciò che ha fatto, questo non lo rende meno infame e condannabile. Basta trovare sempre giustificazioni, io vengo dalla Sardegna, la regione forse più povera e disagiata d'Italia, ma non per questo quando ero un ragazzino andavo a spaccare le vetrine, a derubare i negozi, a dar fuoco alle case ecc.... E l'omicidio da parte della polizia del ragazzo a Tottenham è stato usato da questa gentaglia come pretesto per barbarizzare Londra e rovinare migliaia di vite.

Redangas 10.08.11 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Il problema di fondo, che è quello che poi è stato espresso con paroloni che possono sembrare incomprensibile, è la perdita di valori da parte dei giovani. Il cervello umano diventa adulto a 25 anni e le caratteristiche umane vengono assimilate alla fine dei 25 anni, prima siamo portati a comportarci come bestie e l'uso eccessivo di droghe, alcol e una diseducazione sociale può portarci, e si rischia in maniera definitiva, a essere bestie. Questa gioventù senza valori e dire senza religione e senza un qualcosa di vero in cui credere e su cui fondare la propria vita è naturale che sfoci in delinquenza e in atti violenti pur di accaparrarsi quello per cui sono portati a credere: i vestiti, il sesso, il successo, la moda, ... cosa inutili, aria direi ... nessuno che desidera una famiglia, che punta a un lavoro di successo, vogliono il consumo subito e senza faticare.
Non vi rendete conto che la TV bombarda i nostri ragazzi con questi messaggi in continuazione ? discoteca, droga, alcol, sei un figo se ti ubriachi, macchine di lusso, soldi successo e in alternativa cosa da la società ? finito il lavoro anche se sei laureato non avrai lavoro o dovrai fare lo schiavo, la TV è piena di vecchi che decidono per noi che mentono in continuazione e non fanno le riforme per il bene del Paese, ma per il bene del loro uccello ...
Come fa a credere un giovane nella società se questa ti fotte in continuazione, dai politici al negoziante vicino ? Come fai a credere nell'amore e nella famiglia se la TV ti fa vedere un modello di donna che è buona sola da chiavare ? Come fai a sperare in una famiglia se nessuno ti aiuterà e lo stato ti tassa di più se hai figli ? In un mondo così cosa vuoi che facciano i giovani ? diventano bestie
Ma questo è colpa nostra, perchè potremo stare un pò più dietro ai nostri ragazzi, quanti genitori puniranno severamente i loro figli che hanno devastato Londra ? o faranno finta che fra loro non c'èrano i loro figli ?
Qui va a tutto in vacca se non facciamo

Matteo Pietri Commentatore certificato 10.08.11 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Magari, la si sta facendo più conplicata di quello che è, ed il tutto e semplice vandalismo.
Però ci sono stati dei morti, quindi non è tutto tarallucci e vino, come vogliono far credere le grandi menti italiane, con 3 lauree da 110 lode, che vi sono emigrati e oggi scrivono su questo blog.

Davide R. 10.08.11 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Arthur Shopenhauer, io a Londra ci vivo e lavoro da 12 anni e ti confermo che quello che dice il Sempliciotto e' assolutamente vero!

Luca da Eltham 10.08.11 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma io non sono andato a Londra...però so una cosa..British Telecom molti anni fa inizio una campagna di licenziamenti dei propri addetti spostando i call centre in india..perchè costvano di meno....
Non contenti volelro superare se stessi...e iniziaro ad inviare anche i test di laboratorio per analisi ematiche e altro, sempre in India perchè costavano di meno!.
Noi invece abbiamo incentivo le cosidette "Badanti" per l'assitenza agli anziani(salvo chi se lo può permettere)dando stipendi da fame e turni h24...salvo poi scoprire che partano miliardi di euro verso l'estero di rimesse, soldi che non hanno una ricaduta sull'economia nostrana.
Un bell'esercito di persone sottopagate e sfruttate, mentre migliaia di famiglie si trovano in difficoltà nell'assitenza all'anziani.
Abbiamo migliai di persone che potevano esercitare quest'attività in strutture organizzate,bastava che lo stato mettesse a disposizioni strutture ricettive R.A residence Assistito, dando lavoro a migliaia di(osa), pagando una retta proporzionale al redditto personale..
Invece no!questo è solo il solito esempio dei danni causati dalla globalizzazione,voluta dai soliti teppisti dell'alta finanza mondiale!

roby f., Livorno Commentatore certificato 10.08.11 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Caro Semopliciotto, la Tua tesi è singolarmente simile al Tuo Nickname


Io sono appena tornato da Londra e non la farei più complicata di quello che è. La rivolta è nata da una manifestazione di protesta contro il presunto abuso di potere della polizia, ma poi è degenerata in vandalismo. Erano tutti ragazzi in età scolare, non disoccupati che non avevano scelta, e saccheggiavano e distruggevano i loro stessi quartieri. Le rivolte sono scoppiate sia in periferia sia in centro (oxford circus) sia a west london (notting hill), in modo assolutamente casuale e imprevedibile.
Non mi riempirei la bocca con teorie sul disagio sociale, le sacche di sofferenza, ecc, ecc... nessuno lì combatteva per l'affermazione di diritti fondamentali. Combattevano per televisori e gadget. Anche ragazzi "normali", non incappucciati, entravano nelle vetrine sfondate per rubare qualunque cosa, sfruttando semplicamente l'opportunità di poter mettere le mani su qualcosa.
Era il caos, non una rivolta contro il neoliberismo; non facciamola più complicata di quello che è stata.

il sempliciotto 10.08.11 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' sempre così quando cominciano sono sempre vandali teppisti poi se niente niente riescono a "imporsi" allora tutti a fare gli elogi "ma che bravi 'sti giovani!" .
Carissimi la frittata non si fa senza rompere le uova. Lapalissiano no??!!!

franco de marchi, L'viv ucraina Commentatore certificato 10.08.11 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che gli avvenimenti di quest'ultimo periodo non possono che metterci di fronte a ciò che è realmente la società che noi chiamiamo "civilizzata" e "del benessere". Tutto il male che abbiamo creato nel mondo e nei secoli, sembra che si sia materializzato e ricade sopra gli umani come una pioggia di follia e di dolore. Il sistema mondiale deve essere resetato e deve ripartire da un nuovo anno zero.

Spirtio della Valle 10.08.11 13:15| 
 |
Rispondi al commento

ovviamente i fighettini italiani a londra sono contro la rivolta.. a loro da fastidio che il ghetto si rivolta..

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Posso sapere che c'entra il neoliberismo con l'abbattimento dello stato sociale?
L'Argentina non è per nulla liberista, però lo stato sociale fa schifo. La Danimarca è forse il paese più liberista d'europa, eppure ha lo stato sociale più forte al mondo.

emil manzoni Commentatore certificato 10.08.11 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E´ una questione di moralita - intesa come costume - pubblico e privato: non esistono piu regole perche non esiste inferno ne paradiso, le cazzate che fai non hanno conseguenze, il mondo non e giusto ma e quello che e: dunque perche rispettare regole? Se Berlusconi ruba, corrompe, va a puttane con le minorenni e alla fine non gli succede niente allora perche io non devo rubare, corrompre andare a puttane con le minorenni? E questo vale per tutti i personaggi pubblici, spesso con i crismi delle varie chiese (un puttaniere al governo e la chiesa cattolica dov e?che dice?). La gente si e svegliata, in tutti i sensi, nel bene e nel male e le contraddizioni saltano all´occhio subito: perche in libia i rivoltosi sono liberatori mentre in Inghilterra sono delinquenti? che differenza c e? siamo onesti e non prendiamoci piu per il culo, please, vale, come sempre e valsa, la legge del piu forte

App Decra 10.08.11 11:25| 
 |
Rispondi al commento

RIPORTO UNO STRALCIO DI UN COMMENTO LETTO, DI UN PARTECIPANTE CHE HA VISSUTO IN INGHILTERRA:

" L'inghilterra e' la patria della rivoluzione industriale, oggi di fabbriche n'e' rimasta mezza"

GRAZIE ALLA GLOBALIZZAZIONE, IMPUTABILE AL CRIMINOSO DISEGNO DI CHI SAPPIAMO, MANCANO LAVORO E DENARO. SARA' SEMPRE PEGGIO, E' SOLO L'INIZIO. SE NON NASCE UNA POLITICA CHE FRENI IL TURBOCAPITALISMO SIAMO FOTTUTI.

arthur schopenhauer, salerno Commentatore certificato 10.08.11 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Ah ah che bello un altro post semirazzista però manca il finale che non hai avuto il core di scrivere:

Chi mette a ferro e fuoco le città come londra e parigi sono i negri di seconda e terza generazione che non hanno voglia di lavorare come i comuni cristiani, altro che indipendentemente dalla razza.....

a volte (ritornano) Commentatore certificato 10.08.11 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sono mai daccordo con qualsiasi forma di violenza!!!ma trovo che le manifestazioni dei giovanie le rivolte nel caso dell'inghilterra, siano il segnale piu' forte del fatto che il SISTEMA ha FALLITO!!!!.ancora una volta dopo millenni di storia dell'umanita' abbiamo un sistema che e' in grado globalmente di fallire!!!L'uomo come essere dominante del pianeta non riesce a prendersi cura di quest'ultimo, e finisce col distruggere se stesso gli altri e il pianeta in cui vive.il resto non conta!

robert p., ferrara Commentatore certificato 10.08.11 09:22| 
 |
Rispondi al commento

Mah... io a londra ci ho vissuto qualche anno non molto tempo fa e in generale non mi sorprende quanto stia succedendo. Sinceramente penso che non sia ne' una rivolta ne' abbiam implicazioni razziali, semplicemente sia la conseguenza du=i un vuoto.
L'inghilterra e' la patria della rivoluzione industriale, oggi di fabbriche n'e' rimasta mezza. La signora Thatcher con la controparte americana reaganiana hanno deciso un giorno che il lavoro era roba da paesi poveri, meglio se asiatici e bisognava puntare sulla finanza e sul terziario avanzato. Risultato: finanza anglosassone alle stelle, produzione e sindacati scomparsi. Tanta richhezza (apparente) in parte ridistribuita sottoforma di sussidi, specialemnete alle giovani mamme. Risultato: la "vecchia" classe operaia sostituita da una classe sussidiata consumista, gente che non ha uno scopo se non "guadagnare" il sussidio e spenderselo al pub e in vestiti firmati e cellulari. In inghilterra o sei banker (quindi ricco) o sei sussidiato (povero).
Semplicemente c'e' una grossa fetta di ragazzi che non ha nessun ideale perche' non ha mai lavorato e non e' stata abituata al lavoro, al massimo l'aspirazione e' il calciatore o chi compare in tv e sui tabloid.
SOno daccordo con chi dice siano teppisti: lo sono, conseguenza di una politica di deindustrializzazione che viene da 30 anni a questa parte. Cosa pensate, che la classe operaia scompaia dalla sera alla mattina? Semplicemnete senza coscienza (data dal lavoro) degenera. I poveri ci sono in tutto il mondo, le esplosioni di rabbia pure: nei paesi poveri si assaltano i forni, in quelli ricchi i negozi di moda.. Se a un quindicenne non dai ne' speranza ne' ideologia la rabbia e' l'unica soddisfazione.

Alessio G. 10.08.11 05:02| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse dobbiamo prestare Maroni all'Inghilterra. Per togliere la schiuma pare sia molto efficace Omino verde.

mario massini, roma Commentatore certificato 10.08.11 02:07| 
 |
Rispondi al commento

Viviana, tu scrivi
> "mentre il governo ... chiude il futuro ai giovani."

per me il futuro l'ha chiuso chi ha permesso per un decennio di over-spendere il denaro dei taxpayers creando un debito crescente che appunto dovra' essere ripagato da chi segue, non da chi ne ha beneficiato.
questo comportamento, comune a tanti governi, equivale a rubare ai figli per prendere i voti dei genitori.

Edoardo C 10.08.11 01:40| 
 |
Rispondi al commento

ovviamente un ottimo commento di Viviana del quale non si può non condividere almeno il 99%.. spero mi spieghi il significato di "schiuma violenta".. :)

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inanzi tutto mi scuso per la mancanza di accenti, sto usando una tastiera inglese che non ha lettere accentte e non sono esperto di mac quindi non so come farle.

Dopo la premessa, cerchiamo di fare un po' di chiarezza su quello che sta succedendo qui in UK, dove vivo da 7 anni.

Questa "rivolta" che poi di rivolta non ha nulla perche per chiamarla rivolta devi avere qualcosa a cui ribellarti e qui sinceramente a meno che questi individui non si stiano ribellando alla presenza di serrande a protezione dei negozi altri motivi non ne vedo.
La rivolta sta avvenendo a suon di assalti e saccheggi a negozi, centri commerciali e depositi di elettrodomestici, non c'e una rivolta in se, non si fronteggiano due schieramenti, ed il problema sta nel fatto che le forze dell'ordine qui non hanno la mano forte.
E di sta sera la notizia che la polizia potrebbe iniziare ad usare proiettili di gomma, ma signori io ancora non ho visto l'uso di fumogeni, lacrimogeni o cannoni ad acqua.
Il problema qui e che manca l'educazione da parte dei genitori. Voglio ricordarvi che il tasso di gravidanze al di sotto dei sedici "16" anni qui e altissimo. Ma uno a 16 anni come fa a fare il genitore? (e dico 16 per non dire 14...) Ci sono ragazzini di 11-12 anni che vanno in giro a spaccare vetrine e saccheggiare negozi la sera. ma stiamo scherzando? io a sedici anni mi sarei preso schiaffi finche non mi tornava la ragione se facevo una cazzata simile, e questo non perche i miei genitori fossero dei violenti ma semplicemente perche avevano intenzione di instaurare un senza del giusto e dell'errore! Il problema qui sta tutto nella scarsa educazione a livello famigliare, il governo ha fatto fin troppo, fino a creare una classe di persone che sforna figli per ottenere sussidi fino a a farne uno stipendio vero e proprio... altro che chiacchiere e cazzate varie che la gente e stata lasciata a se stessa, qui non siamo in italia!

Ubaldo Ulghi Commentatore certificato 10.08.11 00:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io sui fatti londinesi preferisco non pronunciarmi
in quanto non conosco le ragioni reali dei rivoltosi e di quello che dicono i media ho fiducia zero ! Di certo non centra nulla con questioni razziali o sociali in quanto la protesta coinvolge giovani di tutte le razze; disoccupati,studenti,tifosi da stadio e perfino "bravi ragazzi" della media borghesia.
Temo che il fuoco della violenza stia per dilagare in tutta europa e su questo fatto però ho assoluta certezza su quali sono le cause ed i responsabili !

dario del sogno, trieste Commentatore certificato 10.08.11 00:13| 
 |
Rispondi al commento

Le rivolte non sono altro che un esplosione di irrazionalità. Sono il fondamento dei diritti umani. Chi pensa che le rivolte debbano essere pacifiche e piene di sani ideali è un ipocrita e fa il gioco dei potenti che non si sono mai fatti problemi a fermare le rivolte col sangue... La rivoluzione francese è stata lo sterminio per decapitazione di un intera classe dirigente. La rivoluzione russa è stata il massacro di intere classi ricche, che prima sfruttavano i poveri. Sfruttatori moderni tremate! Si sente il profumo di una nuova rivolta, dovevate pensarci prima...

Stefano 09.08.11 23:34| 
 |
Rispondi al commento

RIPETETE 100 VOLTE OGNI GIORNO :
"IN ITALIA I LAVORI SONO SOTTOPAGATI! E LA VITA E' SEMPRE PIU' CARA, LA COLPA DI TUTTA QUESTA CONDIZIONE NON E' MIA MA DELLE BANCHE DEI PRIVATI INDUSTRIALI , DEI DIRIGENTI, DEI MANAGER, DEI VIP, DEI CALCIATORI , DELL'ELITTE' DI PERSONAGGI PIU O MENO NOTI E DEL PARLAMENTO TUTTO."


fate un grave errore a dedurre delle conclusione su quanto sta avvenendo da un caso estremo come quello riportato sul video, cosa pensate che i primi a rivoltarsi siano persone per bene? i primi sono i più cattivi di tutti ed è un fatto direi fisiologico per una rivoluzione che si rispetti...

...la rivoltà dei poveri verso i supermercati, le banche, agenzie assicurazioni ecc è più che giusta visto che i lavori sono sottopagati in orari assurdi e la vita sempre più, loro devastano chi ha creato queste condizioni e fanno bene....

Acul utopiA Commentatore certificato 09.08.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

...che scherasse l' esercito la GB !

ma quali poveri!!!
persone che riempono i carrelli di tv, hifi, cellulari e abbigliamento griffato non sono poveri. sono ladri... anzi bande di ladri !

un povero ruberebbe SOLO cibo e i primi vestiti che gli capita !

ma avete visto o letto l' elenco dei negozi assaltati ?

m t 09.08.11 23:18| 
 |
Rispondi al commento

Questo post non credo abbia centrato il problema e mi pare sia il tentativo maldestro di "tuttoilmondoèpaesizzare" quello che succede in UK secondo ciò che, chi scrive, vede in Italia. Non mi risulta che esistano ghetti a Londra e soprattutto il governo inglese non esclude affatto i giovani, anzi... in UK i giovani sono assolutamente valorizzati, esattamente all'opposto di ciò che avviene qui nella repubblica dei nani, dei lecchini e dei favori, dove il 90% di chi guadagna bene lo fa per rendita di posizione e parentela o per aver leccato il culo per 30 anni a qualcuno.

Riccardo A. 09.08.11 23:17| 
 |
Rispondi al commento

Quando si fanno arrivare milioni di individui provenienti da paesi sottosviluppati,arretrati culturalmente questo è l'inevitabile destino.

Sfruttati dalle industrie e quando manca il lavoro buttati in mezzo ad una strada nei quartieri ghetto,dove le subculture,l'ignoranza e il crimine regnano sovrani.

Intanto i padroni del vapore,i banchieri della city,se la ridono... guardando questi negri che bruciano le auto della povera gente,magari inglesi della working class o della middle class che fatica a pagare le rate universitarie del figlio.

Stop all'immigrazione selvaggia.Basta importare nuove povertà,ne abbiamo già abbastanza in casa nostra.

P.S.: ai comunisti che commenteranno "sei un razzista,xenofobo ecc." dicono solo che siete dei pagliacci e che non fate nulla per toccare i veri poteri forti nascosti (le banche)...avrete il conto del paparino in banca e studierete economia all'università e vi fingete comunisti su internet.
Tenetevi questi negri e balordi nelle vostre belle case comode

Aziz MustafàAlibabbà 09.08.11 23:13| 
 |
Rispondi al commento

cara viviana
condivido la tua preoccupazione per tua figlia,(è andata in centro per aiutare?????che cazzo dici,la rivolta è in periferia????ma quante cazzate di dice tua figlia???? e poi permettimi di fare un paio di puntualizzazioni:
primo la visione che hai tu della rivolta è come sempre stravolta da i media che ti raccontano un pò quello che gli pare e fa comodo....e tu ci cadi come da un pero....i blackblock non hai la minima idea di chi siano,ne dove siano nati come movimento ne cosa rappresentano...però fa figo tirarli in ballo,sopratutto affiancati ai vandali da strada...primo vaff...e quindi perchè no ci mettiamo un pò di multiculturalismo,termine da te coniato per l'occasione che tradotto in parole povere è il leghista,razzista che hai dentro...secondo vaff.....a londra come a parigi,nel bronx come a liverpool??????che stai a dì???per favore..giovinastri londinesi che appena ieri accoltellavano...dal profondo del cuore,quando uno non sa le cose è molto meglio se sta zitto...ripeto se tu sei preoccupata per tua figlia lo posso anche capire...ma perfare taci su tutto il resto...e grillo se evitasse di pubblicare ste cose per mamme antirock italiane isteriche farebbe solo bella figura

davide cenci 09.08.11 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"un equivalente dei nostri blac block o vandali da strada"
anche questa affermazione è molto interessante, da notare la trasmigrazione di questi teribili "blacK block" che nel 2001 sarebbero arrivati a Genova proprio dall'Inghilterra, mentre ora sono diventati "nostri" (forse il riferimento era a quelli della Valsusa?)
Si afferma che la disperazione portata dal neoliberismo genera ghetti di sofferenza, e questa quindi non sarebbe una protesta sociale?
Dia retta a me, lasci che a scrivere sia sua figlia, che di storie di seconda mano e piene di contraddizioni ne abbiamo sentito abbastanza ormai.
P.S.
"Giovinastri" è una parola che non usa manco più mia nonna

Daniele 09.08.11 22:55| 
 |
Rispondi al commento

Io vivo a Londra da ormai un anno e questa che sto vedendo sotto i miei occhi non e` una protesta mossa da sentimenti di ribellione a qualche specifico disagio sociale. Sono sicuro che un certo sentimento di rivalsa verso il governo dei tagli e verso le forze dell'ordine c'e`, ma certamente questo non e` il movente di cio` che sta accadendo in questi giorni nel regno unito. Londra non ha ghetti, i ricchi vivono in quartieri dove due isolati piu` lontano si trovano case popolari e quartieri disagiati. L'uccisione di Mark Duggan non e` stato che un pretesto per mettere in moto masse di delinquenti che non vedevano l'ora di fare scorribande e mettere a ferro e fuoco la loro stessa citta`, con l'unico vantaggio di potersi accaparrare una TV rubata qualora riuscissero ad intrufolarsi in uno dei negozi scassinati.
Questi ragazzi, per lo piu` giovani, sono cittadini britannici, non extracomunitari o clandestini! e non altro che delinquenti scalmanati ai miei occhi. Se volessero davvero cambiare in meglio le loro comunita` non dovrebbero dare fuoco ai loro stessi quartieri, rapinando negozi della loro stessa gente.
Al di la di questa evidente dimostrazione di idiozia e stupidita`, ci troviamo davanti alla chiara prova di come i popoli sono capaci di poter cambiare il volto di una citta` anche enorme e controllata come Londra. Se solo queste energie venissero impiegate per scopi positivi e d'aiuto per il bene comune, a quest'ora forse sarei io stesso in piazza ad aiutarli. Tutto cio` che mi ritrovo a fare stasera invece e` rimanere a guardare le news inorridito dalle nefandezze di un gruppo di imbecilli che stanno infangando la citta` in cui vivo e che amo.

Iacopo Di Luigi 09.08.11 22:53| 
 |
Rispondi al commento

Minkiaaa Viviana....a Ealin! Lontanuccio eh ?

Marcos Presti MBA () Commentatore certificato 09.08.11 22:44| 
 |
Rispondi al commento

Sottoscrivo totalmente il commento di Viviana.

Expat di Ealing 09.08.11 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Se questi bravi ragazzi inglesi fossero stati qui durante il G8 di Genova Toccafondi penderebbe da una forca insieme a tutti i pezzi di merda come lui.

Rasman, Sandri, Lonzi, Eliantonio, Cucchi, Aldrovandi, Bianzino, Uva.................

La notte però è ancora giovane.

Ilvo B. 09.08.11 21:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste sono le situazioni che nulla hanno a che vedere con una protesta utile e produttiva, qualora questa protesta fosse anche accesa.
Questa ondata di vandalismo opportunista dilagante merita solo la piu brutale delle repressioni, ed i cittadini stessi dovrebberi armarsi e fare piazza pulita.

Davide Tramma (attila khan), Sesto San Giovanni Commentatore certificato 09.08.11 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vivare',c'o sai che er compiuter mio ce mette 'na cifra p'aggiorna' e,quinni,'nder frattempo me stavo a legge de lato.
Nun ce crederai ma,quanno che so' arivato ar punto dove se dice"...che non ha niente a che fare col multiculturalismo(ber termine,puro che 'n po' lungo)...",me so' detto,visto che nun vedevo er finale,questa e' a Vivare',a possino...

Aho,c'ho 'ndovinato...

er fruttarolo? Commentatore certificato 09.08.11 21:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori