Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Un italiano a Londra


London_burns.jpg
"Voglio condividere quello che ho vissuto perché è più crudo e terrificante di qualunque foto o video che vedrete sui media. Sono un film-maker che da 4 anni abita a Londra, a Peckham, uno dei quartieri più poveri e ostili. Nel primo pomeriggio, in casa ho sentito un rumore inaspettato e poi voci, urla, e volanti della polizia. Ho visto un autobus in fiamme. Il 36, l’autobus che prendo tutti i giorni. Ho pensato che fosse il momento per filmare; sono sceso in strada e devo ammettere che forse non è stata una bella idea; rimanere un osservatore neutrale diviene difficile, quando ci si trova nel mezzo del corso degli eventi. Ho trovato dei poliziotti che allontanavano la gente, dopo aver spento le fiamme, hanno lasciato che ognuno facesse loro foto, come se fossero degli eroi. Ho sentito il forte odore della plastica bruciata, difficile da respirare. A poche decine di metri ho assistito ad una situazione surreale. Tutti i negozi aperti, catene di multinazionali, negozi di elettrodomestici, di cambiovaluta, di vestiti.. tutti saccheggiati. Di fronte alla biblioteca pubblica di Peckham si stavano fronteggiando 50 poliziotti e un gruppo di diverse centinaia di rivoltosi, divisi da una strada. A pochi metri stavano avvenendo gli scontri mentre le vetrine di un negozio vicino a me venivano distrutte. A un certo punto sono stato sollevato da dietro e tirato via, trovandomi a lottare per non perdere la mia telecamera. Un gruppo di giovani tra i 15 e i 25 anni, coperti da sciarpe sul volto, mi stavano urlando contro, ordinandomi di smettere di filmare a tutti i costi. Dopo pochi secondi in cui non riuscivo ancora a capire cosa stava succedendo, e faticando a rimanere in piedi, mi sono reso conto di essere più estraneo di di quanto pensassi alla realtà del quartiere in cui vivo da quattro anni. Cerco di dare loro spiegazioni. Vengo minacciato e non ho altra scelta se non scappare. Pensavo alla mia videocamera che era stata presa e tutto il materiale e le prove di quello che era successo. L’adrenalina mi ha fatto scordare lo shock, soltanto dopo ho preso coscienza del rischio corso. Chiamo Tom, un mio amico londinese che viene a prendermi con la sua Honda Hornet 600, per portarmi in centro, a Totthenam Court Road, dove tutto sembra tranquillo; la gente non ha idea di cosa succede a pochi chilometri di distanza. Il mio viaggio a Nord della città, dove dovevo incontrare un collega, continua. Tom mi lascia alla fermata della metropolitana; destinazione Camden Town. Un tabellone all’ingresso avverte quali sono le fermate non raggiungibili a causa degli scontri, tra queste Camden. Per questo scendo più a nord, Chalk Farm. Arrivato, comincio ad incamminarmi quando un uomo su una macchina a sirene spiegate grida di scappare. Vedo in lontananza la gente che corre verso di me, e, dietro di loro, un gruppo di persone incappucciate che distruggono le vetrine dei negozi con mazze e sbarre di ferro. Corro all’impazzata, senza pensare, corro. Arrivo quando stanno per chiudere la saracinesca di accesso alla tube. E’ panico, molte persone rimangono chiuse fuori, chiedono di entrare. Io salto dentro e corro giù per prendere l’ultima metro. Sono le 12pm, direzione Elephant and Castle.Si avvicina un taxi, gli chiedo “Mate, could you take me to Peckham?” (Mi porteresti a Peckham?), e lui, senza rispondermi, tira su il finestrino e riparte. Allora niente, cammini, prosegui per 15min in una strada fantasma, dove c’è solo degrado. Hai visto quella strada tutti i giorni per 4 anni; ora hai paura di chi è dietro e davanti a te. Scrivo mentre le sirene della polizia continuano a suonare. Londra non brucia come nel 1666 e neppure siamo ai livelli di Brixton negli anni '80 almeno per ora. Sicuramente nessuno se lo aspettava, polizia in primis che è stata colta impreparata." Michele Bonechi - Londra 9 Agosto 2011

10 Ago 2011, 19:15 | Scrivi | Commenti (58) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ho letto commenti che parlano di "bruttissima gente in inghilterra". Come al solito c'è chi fa di tutta l'erba un fascio e si preoccupa di guardare gli altri senza tenere conto della situazione in casa propria... i criminali ci son ovunque, in Ighilterra come in Italia, che messaggio pensate sia arrivato all'estero con gli scontri a roma? (tanto per fare un esempio)

Sognare Londra 11.11.11 12:36| 
 |
Rispondi al commento

....che brutta, bruttissima gente che c'è in inghilterra, dei delinquenti patentati proprio; credevo che erano solo in italiaquella gente la. Naturalmente mi riferisco ai poliziotti "chifosi", che bastardi a manganellare chi spacca vetrine, saccheggia e incendia con il casco in testa o un passamontagna, o chi distrugge l'esistenza della gente che ha la casa (che prende fuoco con dentro la propria vita) nel posto sbagliato e al momento sbagliato. Ma tanto la colpa è sepre e comunque dello stato e dei poliziotti che sono la con il manganello in mano. ma si facile, www il comunismo wwww la sinistra wwwww il 68. si perche tutto è nato da la dal 68, tutti sti qua che hanno nostalgia del 68.........tutti in piazza si ma non con il passamontagna a spaccare perchè poi non ti devi lamentare se poi ti spaccano la testa stonzo coglione, stai casa a zappare il campo che almeno fai qualcosa invece di piangere. A dimenticavo..........beppe vattela a pia n'ter cul.............. stron........ a te e chi te viene dietro imbambolato proprio come me fino a qualche mese fa' finche non mi sono svegliato.....

michele b 15.08.11 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Non comprendo come a tutt'oggi dopo le svariate finanziarie di questo eccellente governo "che se non erro a dire di qualcuno, è l'unico in grado di riportare questo paese a livelli economici tali da garantire a tutti, dico tutti a partire dal ceto più basso ad una vita accettabile, ma qui si sopravvive ed al massimo si riesce ad arrivare ad un pranzo completo al giorno e lor signori quando si tratta di tagliare si taglia solo ed esclusivamente ai soliti noti. Ora che avevano avuto l'idea di tartassare coloro che ad oggi vivono in una sorta di privilegi il premier ritorna sui suoi passi denunciando che non era suo intento alzare le tasse etc.. e noi mondo di individualisti siamo qui in silenzio a subirne le conseguenze umilianti." Non comprendo fino a quando dovremmo accettare ciò senza che alcuno alzi la testa. Oggi sinceramente se dovessi rispondere come vedo il tuo futuro risponderei "QUALE FUTURO ". Scusate lo sfogo.

cosimo santoro 15.08.11 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Come studioso del comportamento, nonché ospite di Londra da + di 20 anni, direi che le recenti rivolte nel Regno Unito vanno viste come una confluenza perversa di molti fattori. 1. Fattori di fondo: esposizione massiccia dei giovani a film e video-giochi violenti, orientamento consumistico della società, esempi dalla finanza e dalla proprietà dei media (v. Murdoch) di avidità estrema e comportamenti predatori (v. Banche). 2. Fattori contingenti: politiche tory che sospingono verso la povertà e la disperazione fasce sempre più ampie della popolazione più debole, tagli ai servizi sociali e all'istruzione, etc., che producono sentimenti di ingiustizia e di vendetta. 3. Fattori precipitanti: chiusura degli "youth clubs", i centri giovanili, che ha lasciato tanti giovani a spasso, e l'uccisione ingiustificata di un uomo da parte della polizia.
Non è la prima volta che azioni criminali e stupide vengono messe in atto come risposta (non politica, non razionale) a politiche irresponsabili.
Quindi: mentre le azioni di polizia sono indispensabili al momento per proteggere le comunità locali, ben altro c'è da fare per evitare che questi crimini si ripetano in futuro.

Lucio Sibilia 14.08.11 18:45| 
 |
Rispondi al commento

Aspetta, non tornare a casa, potresti trovare la stessa situazione qui con l'aggravante che siamo latini e "dovendo" trovare ad ogni costo un responsabile...... hai presente piazzale loreto?.
Non che serva a niente, sia chiaro, anche a piazzale Loreto, appeso il pirla i soci si sono cambiati la casacca e sono ancora oggi al loro posto magari i figli o i nipoti.
Il popolo bue pagò allora e pagherà oggi, stavolta con meno sangue ma piu fame
ciao Carlo

carlo molise 12.08.11 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei rispondere a michele,che solo resiedendo a Londra da "4" anni ,pensa di sapere tutto;io risiedo da 11 anni e ne so' meglio di te;prima di tutto Peckham,nn e' uno dei quartieri piu' poveri e ostili,ce ne sono peggio,ti consiglio di fare un giro tra le varie zone di Londra prima di sparare cazzate,e secondo invece di giocare a fare superman,andando a filmare dei teppisti sta' a casa tua,x questo ci pensano i giornalisti

ila gomez 11.08.11 23:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non credo che sia il degrado a produrre tutto ciò. Si lotta per qualcosa, qualsiasi cosa. Questi lottano per niente. Lottano contro se stessi, perché dentro non hanno niente. Non sono poveracci ed emarginati o disadattati ma semplicemente zombie che credono di essere ancora umani. Colpa della società? ma chi è la società? sono i genitori la società. Ciascun genitore. E se da noi un genitore vota berlu vuol dire che qualcosa come essere umano non va. Gli esseri umani si stanno estinguendo su tutto il pianeta, per adesso solo nel cuore e nella mente poi anche fisicamente.

maria barberio 11.08.11 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Sinceramente sono perplesso, perchè non riesco a capire del perchè di quel casino di rivolta o di saccheggio, ma in pratica che cosa vogliono ? dare voce a una protesta o che cosa !?
e noi italiani saremo ingrado di fronteggiare una simile situazione ? perchè c'è un paradosso ieri londra era alle fiamme il cile era alle fiamme ma almeno si sa del perchè protestano, il cile vuole la scuola publica di qualità, gratuita per tutti. ma gli imigrati londinesi che cosa vogliono ? il saccheggio !? per noia. un altro paradosso il casino è esploso nel giorno del ramadam, perchè ?

Roberto s 11.08.11 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Che per Ghandi hanno pianto


Un posto dove esiste l'Amore,
ci sarà?
Un luogo magnifico e puro
per costruire il futuro?
uno spazio nel tempo
nell'infinito momento
per fermare quel fuoco
che ci parla di odio?
Rinascere dentro
con la saggezza dei vecchi
e l'innocenza dei bambini,
trasformare la storia
non facendo i cretini.
Il passato è presente
e ricorda il terrore
siamo i figli di ora
siamo i nonni d'allora.
Non è tempo di piangere
qui bisogna reagire:
Vaffanculo! ai partiti
baronie degradate
razziatori disposti
a riempirsi le tasche
parassiti rimasti
che s'attaccano ai posti.
Stanno fuori dal mondo,
quello globalizzato,
c'hanno narcotizzati,
sfruttati, incantati.
Ma, l'abbiamo capito
che il comando assoluto,
per ch'impera nel tempo,
lo trasforma man mano
nell'assassino di madri
in magnaccia in ruffiano.
"loro", son sempre gli stessi!
Nonni, padri e nipoti
non contiamo le lobby
giornalisti e puttane.
Mentre "noi" sempre fessi
gli battiamo le mani.
Basterebbe poi poco
per mandarli a cagare
lasciamo stare le mazze
ripuliamo le piazze
con secchi e ramazze.
Si, si può fare la storia,
di Democrazia e di Pace
dove vince chi non tace
dando un voto all'Onesto
costa niente e poi piace.
Sarò uno strano cantore
che non voglio buttare
quella mamma col bimbo,
nelle acque del mare.
Non mi sento un Perlasca
e neppur Pasolini
sono uno dei tanti
tra gli ubriachi destanti
ma ricordo quei visi
tumefatti sorrisi
che per Ghandi hanno pianto
e hanno vinto... l'incanto.

Poesia di: Salvatore Azzaro da Giarratana, poeta e cantautore impegnato contro la mafia.

Salvatore Azzaro 11.08.11 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Questi non sono i segnali della crisi del capitalismo ma della crisi del welfare cosi come l'abbiamo inteso finora.
Ber decenni abbiamo pensato che mantenendo le masse con l'assistenzialismo avremmo tamponato i disagi della povera gente. Ma l'abbiamo trasformata da povera materiale a " povera di spirito" di evangelica memoria. Cosi si è uccisa la fantasia, la creatività, la voglia di riscatto.
Non per nulla queste bande giovanili non assaltano i forni od i supermercati alimentari ma i negozi di elettronica e di telefonini.
L'Europa è un cadavere spirituale!

Marco ., Pontremoli Commentatore certificato 11.08.11 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Grazie, Margaret Thatcher...

Alessandro Gervasi 11.08.11 16:55| 
 |
Rispondi al commento

non c'è niente da ascoltare: si incappucciano perchè non sanno parlare e ne sono incapaci perchè le zucche vuote dei violenti non hanno cervello; sono acefali violenti, vandali senza anima(fanno comodo a qualche politicante di merda x creare casino e strumentalizzarli, e credo non abbiano nemmeno quel minimo di astuzia x farsi pagare dal come sono spediti allo sbaraglio); sentire le motivazioni di chi con le spranghe coglie dove può? ci vuole tanta fantasia: qui non servono nè preti, nè psicologi, questi qua non hanno digerito nessun tipo di vangelo(che predica la pace da sempre)...no,
è la vittoria della Stupidità "relativa" di quei criminali(infatti le Persone anche x protestare no danneggiano i loro simili;distruggere un Mac Donald non fa un baffo a Mister Mac e soci, idioti, danneggia solo il tuo coetaneo che con quella attività tenta di lavorare magari mantenere la propria famiglia) che sfogano la propria aggressività contro gli Altri: distruggono le vetrine altrui, bruciano le automobili e le moto ma di certo non le proprie...e qualche intelligentone poi li maschera da ragazzi che protestano(tossici ed etilisti destinati a vivere poco e male, ma ognuno è responsabile delle proprie scelte alla fine)...e se ammazzano qualche poveraccio che mantiene la famiglia con la divisa, beh, è capitato, pazienza, sono ragazzi immaturi, non si sanno controllare...ma se un poliziotto x legittima difesa ne uccide qualcuno, passa x aguzzino, ed il suicida incappucciato viene trasformato in martire della Libertà(sì quella di rompere tutto e magari ammazzare, purchè siano gli altri, o chi non condivide le tue idee), o gli intitolano il nome di una via, specie se aveva la tessera di qualche dubbio Centro Sociale...ma quale civiltà! Siamo in pieno medioevo...ci combattiamo ancora con armi proprie ed improprie, invece che avere quel minimo di testa x discutere...perchè vige ancora la morale + o meno mafiosa che se ti ho ucciso, allora resto io ad avere ragione...

Simone Riberto 11.08.11 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che sarebbe interessante sentire cosa dicono questi rivoltosi..che motivi mettono alla base delle loro azioni...per ora ho letto molte interpretazioni ma nessuna parola da parte degli arrestati o di qualche rivoltoso...per capire cosa vogliono credo si debba ascoltarli (fermo restando che la violenza deve essere repressa nei modi dovuti)

alex77 11.08.11 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le rivolte di Londra secondo Chris Knight

Intervista all'antropologo cacciato dalla East London University per aver partecipato alle proteste contro il G20, figura di spicco dell'anarchismo britannico

http://it.peacereporter.net/articolo/29926/Le+rivolte+di+Londra+secondo+Chris+Knight

Renato I. Commentatore certificato 11.08.11 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno mi spiega perché i disordini succedono solo in Inghilterra e non in Scozia, Galles o Irlanda del Nort? Eppure ci sono situazioni di disagio sociale, di sottoproletariato anche li. Perché solo in Inghilterra?

MrTitian 11.08.11 07:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Davide Angeletti: Scusa, solo perché muniti di scopa e paletta, hanno ripulito le strade "L'Inghilterra è e sarà sempre una nazione straordinaria. La civiltà che si incontra tutti i giorni si vede anche nei momenti più difficili, dove i Londoners si riappropriano della propria città e insieme con le scope si rimboccano le maniche per proteggere l'amata città. Stupefacente. Sono orgoglioso di vivere qui."
In una realtà tra le più incivili, forse d'europa, tale Napoli, pulire le strade che poi puntualmente vengono risporcate dalla camorra, con i rifiuti anche del nord Italia, viene fatto ormai da anni.
Quindi, se dovessimo basarci su quello che dice una persona istruita ed intellettuale, quale un maestro elementare, a questo punto si potrebbe dire che Napoli (anche per via delle milioni di difficoltà) è la culla della civiltà. Anni più avanti di London e dei Londoners.

Davide R. 11.08.11 04:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io ho la mia idea in proposito...anche io anni fa ho vissuto a Londra, a Brixton per l'esatezza e non ho mai avuto problemi...Oggi però dei ragazzini dai 15 ai 20 anni mettono a ferro e fuoco un'intera nazione. Qualcosa non mi torna..da quel che sento da chi vive a Londra (parecchi amici) non c'è traccia di rivendicazioni politiche, non c'è una chiara connotazione razziale o religiosa, non si tratta certamente delle rivolte che capitano nei CPT italiani dove chi arriva ha veramente visto l'orrore e vive senza diritti o situazioni come quelle di Rosarno in Calabria. Si tratta di un mix si sottoproletariato urbano e sottocultura da stadio...ma...oggi usa e si organizza grazie a twitter, facebook e questo sembra essere cio che li rende in grado di organizzarsi..Vedrete questo sarà sicuramnete un casus belli per dare un giro di vite sulla rete...del resto se ne è parlato ai piu importanti forum politici internazionali..naturlamente tutto questo passerà e giustificherà nuove e misure di controllo in tutta Europa..a pensar male si fa peccato ma..

Istevene A Commentatore certificato 11.08.11 00:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve, da italiana in trasferta a Londra vorrei precisare che l'anima di questa rivolta,in tutta l'Inghilterra , sono i ragazzini di 16 -17 anni. Iniziata come un atto di vendetta contro la morte di un cittadino con precedenti penali ucciso dalla polizia, la marcia pacifica che ha sfilato qualche giorno fa ha visto unirsi numerose fasce poco abbienti della cittadinanza più giovane, che si sono organizzate e grazie alla tecnologia hanno montato la protesta come rivolta contro il sistema.

Questa è la conseguenza ai tagli alla spesa pubblica di Cameron, e l'aumento delle tasse universitarie a 9000 sterline l'anno.
Questi giovani ragazzi, figli di africani e asiatici di seconda generazione si sono visti tagliare di netto il futuro , grazie all'azione del governo che ha trasformato l'istruzione da ascensore sociale a privilegio di censo.
VI RICORDATE LE MANIFESTAZIONI DEI NOSTRI STUDENTI CONTRO IL DECRETO GELMINI QUANDO SCRIVEVANO I CARTELLI "SPACCHIAMO TUTTO?"

QUI L'HANNO FATTO DAVVERO

Marialuisa Cappelli 10.08.11 23:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao, sono un italiano che vive a Londra da anni ormai. Sono un maestro elementare. Mi dispiace per la disavventura di questo ragazzo del post, ma credo che l'avventura sia stata molto colorata. Questo ragazzo è sceso a filmare un saccheggio e si lamenta di essere stato minacciato. Forse sperava in un capuccino con croissant. Lui dice che abita a Peckham ma poi cerca di raggiungere Camden Town dove veniva consigliato di starci alla larga ma che è a nord e da lì cerca di prendere un treno alle 12pm (mezzogiorno??) per andare a sud a più di 30 km da dove si trova. Non so ma questa storia puzza un po'.

L'Inghilterra è e sarà sempre una nazione straordinaria. La civiltà che si incontra tutti i giorni si vede anche nei momenti più difficili, dove i Londoners si riappropriano della propria città e insieme con le scope si rimboccano le maniche per proteggere l'amata città. Stupefacente. Sono orgoglioso di vivere qui.

D

Davide Angeletti 10.08.11 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avrebbero potuto trovarsi faccia a faccia in un'aula scolastica, uno in cattedra e l'altro in un banco tra gli scolari. E' successo invece che il maestro elementare David Bailey, di 31 anni, e un bambino di 11 anni di cui non e' stato reso noto il nome oggi si sono trovati nella stessa aula di tribunale a Highbury Corner, nel nord di Londra, dopo essere stati entrambi arrestati per avere partecipato alle devastazioni e ai saccheggi di lunedi notte. I 'media' britannici online riferiscono che il ragazzino, l'arrestato piu' piccolo dei 'London riots', e' originario di Romford, un quartiere alla periferia est della capitale. La polizia lo aveva sorpreso assieme a altri teppisti che avevano sfasciato una vetrina di un grande magazzino Debenham. Il bambino si era portato via un cestino per la carta straccia del valore di circa 55 euro che, come ha spiegato al magistrato, non voleva tenere per se' ma regalare a qualcuno. Inizialmente era stato accusato di avere partecipato alla demolizione della vetrina ma la sua deposizione ha convinto il giudice che in questo non c'entrava. Il magistrato, James Henderson, lo ha rimandato a casa in liberta' provvisoria dopo avergli fatto una bella lavata di capo in attesa che venga preparato il rapporto sul suo conto che precedera' la sentenza. Il giudice ha detto comunque che vista la sua giovane eta' non lo potra' ne' mandare in carcere ne' farlo sorvegliare a distanza con il braccialetto elettronico. Il maestro Bailey era accusato di avere partecipato ai disordini di Croydon, nel sud di Londra, e al saccheggio di un negozio di articoli elettronici. L'uomo ha ammesso di essere entrato nel negozio ma di non avere preso niente. Il suo difensore d'ufficio lo ha giustificato affermando che come insegnante guadagna appena 1.000 sterline al mese, di cui 550 vanno nell'affitto. Il magistrato lo ha rinviato a giudizio. (ANSA).

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nel 1997 ho vissuto per alcuni mesi a nutcroft road, una via di Peckham. Conoscevo si e no 30 parole di inglese. All'inizio ho lavorato nel McDonald's di Victoria Station e spesso, per via dei turni, rientravo a casa alle 2 di notte, percorrendo l'ultimo tratto di strada a piedi. Ho conosciuto, in quei mesi, gente del quartiere semplice, umile, generosa. Non ho mai rischiato di essere aggredito, derubato; non mi sono mai sentito minacciato. Anche allora era cosiderato un quartiere "dormitorio" con sacche di degrado e insoddisfazione sociale. Ma il massimo che si poteva vedere era qualche "fuck" scritto contro qualcuno sui muri di cinta della scuola. Era il 1997. Un millennio fa...

Postamax 10.08.11 22:20| 
 |
Rispondi al commento

il minipost più lungo del post.. si sono possibilità
che questi scontri si propagano in tutta europa??
e quale è stato il vero fattore scatenante?
cosa c'è dietro gli scontri,giovani incazzati,o la volontà di qualcuno di servirsi di loro??
sano impaziente di una risposta!! aspetto magari i prossimi post e mini post!!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 10.08.11 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Michele, considerando che sei tu quello che porta sfiga, ti dispiacerebbe rientrare in Italia?
Sai, ho bisogno di un pc nuovo, di un lettore dvd, una macchina fotografica e un blackberry,perchp si da il caso che, per mantenere questi stronzi che fingono di governare mi trovo in bolletta, molto in bolletta.


TORNA!!!

:)


alfio o. 10.08.11 20:41| 
 |
Rispondi al commento

E questo è solo l'inizio. Ora i GRANDI (stronzi) DELLA TERRA, le lobbies, i magnati, i "rockfellerecompagni" insomma, si sono messi a giocare a MONOPOLI. Fin qui va abbastanza bene. Quando finiranno di spartirsi le banconote e si stuferanno, cominceranno a giocare a SOLDATINI. E lì saranno cazzi amari per tutti...

Jean Gauvin 10.08.11 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Michele Bonechi.

Per la tua esperienza, devi ringraziare soltanto “call me Dave”.

Non e` forse stato David Cameron's che ha detto: "hug a hoodie" - “more understanding of young criminals” ?

Quello che tutti noi stiamo vedendo, e` il risultato della sua politica permissiva e fallimentare.

Saluti dalla Mancunian land.

THIRA FISHERMAN Giuseppe - M - A. Commentatore certificato 10.08.11 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Meno male, che succedono solo in italia 'ste cose.

Daniele B. 10.08.11 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Una lezione per Beppe.... Poco fa dalla bella Inghilterra, cosa ci avevi raccontato? un idilio... infranto non solo da questa crisi strutturale, sistemica ma anche da 40 anni di immigrazione aperta e senza possibilità , da entrambe le parti , di integrazione. La prossima sarà la Francia, il mio paese, purtroppo sacrificato dalla confindustria francese. In Italia ci penserà il merididione e le mafie a fare finta di essere rivoluzionarie. Ma quando mai il popolo del nord si ribellerà agli intrighi mafiosi della lega?......

Marcello Trebs 10.08.11 19:41| 
 |
Rispondi al commento

ecco qui, nel video si vede CHIARAMENTE la polizia tanto "civile" che aggredisce dei ragazzini in bici:

London Riots - Manchester Riot Police Beat Teenagers On Bikes

http://www.youtube.com/watch?v=QgXpNqT2kJE

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ovvio che ti linciano se vai con la telecamera.. un pochino ingenuo..

continuo a sostenere che il punto non è se i ragazzi siano o meno giustificati da azioni criminali, il punto è che queste rivolte sono un fenomeno di esasperazione collettiva dei ceti bassi, dei decentrati dai servizi,dai diritti,dal benessere che inevitabilmente si associa al fallimento del modello capitalista ed occidentale

Infatti andare a Totthenam Court Road non c'è da meravigliarsi se è tutto tranquillo..
il "centro benessere" del capitalismo ha chiuso bottega per default

Renato I. Commentatore certificato 10.08.11 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori