Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

54 alunni in una classe


scuola_troppi.jpg
"A Modica, in provincia di Ragusa, una terza classe del Liceo Scientifico è composta da 54 alunni. Già, cinquantaquattro!!! Quando andavo al liceo, quindici anni fa, eravamo in 17. Neanche riesco a immaginare come si possa stare in una classe di 54 alunni. Si conosceranno tutti fra loro entro la fine dell'anno? Ironia a parte, credo che la scuola sia uno dei settori più distrutti degli ultimi anni. Le varie riforme la stanno devastando: ho amici che per sei/sette anni hanno lavorato da supplenti, con incarico annuale in province del Nord. Quest'anno non hanno speranze. Sono già tornati a casa. Intanto le classi sono sovraffollate e di conseguenza la qualità della didattica scade. Questo significa solo una cosa: le future generazioni non solo saranno disoccupate, e senza pensione. Ma anche più ignoranti. Proviamoci a riprendere questo Paese, prima che sia troppo tardi. Ma forse è già troppo tardi."
Alberto V.

18 Set 2011, 21:45 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Premessa: ritengo gravissimo lasciare commenti offensivi verso la fede cristiana (complimenti ai moderatori di questo blog)!!!
20 anni fa entravo in un liceo, eravamo 34, nessuno si lamentava, nessuno scandalo, quasi tutti i professori erano con le palle e preparatissimi. Ebbene, se vi facessi un elenco di cosa sono diventati i miei ex colleghi, rimarreste scioccati. Avvocati, medici ricercatori internazionali, professori, giornalisti, sociologhi e psicologi... Il punto qual'è quindi? A tutti piace lagnarsi e non fare il proprio dovere. Questo ormai si insegna ai ragazzi, chiedere tutto l'impossibile e non fare nulla. Tanto la mamma Stato paga ugualmente e le vostre coscienze saranno lavate dai sinistri intellettuali anticav.

Luciano 19.09.11 17:17| 
 |
Rispondi al commento

quando fini il mio ultimo anno di liceo scentifico a milano ci diplomammo tutti eravamo in 11..... allora odiavamo la Falcucci chissà oggi cosa direbbe della scuola il ministro di allora!

roby 19.09.11 16:13| 
 |
Rispondi al commento

troppo tardi per cosa ?
L'anno scolastico è appena iniziato non saranno già tutti ignoranti, ..., comunque il processo per rendere ignoranti gli italiani è iniziato da anni, ..., già ci sono scuole dove non si bocciava per non perdere alunni e classi, in molti posti non si può bocciare fino a poco tempo fa non si poteva rimandare e già quando facevo le superiori gli insegnanti si lamentavano che da anni dovevano fare verifiche semplificate altrimenti dovevano bocciare tutti ... del resto se sono 15 anni che c'è Berlusconi ci sarà un motivo ...

Matteo Pietri Commentatore certificato 19.09.11 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Stento a crederci, in queste condizioni imparerebbero di + a lavorare.
Gli insegnanti fanno da baby sitter anzichè da insegnanti.
E' una sorta di doposcuola. Mi viene da chiedermi è una situazione generata da conseguenze, o da scelte precise? Non voglio sempre pensare ad un complotto. Ma pensavo tempo fa che il principale nemico di ogni regime o violenza di Stato è sempre stata l'istruzione.
Molti intellettuali si convincono di questi tempi che siamo costretti dall'economia internazionale, dal confronto col terzo mondo eccetera. In nome di questo stiamo rinunciando ai nostri valori? A anni di lotte? Ne vale la pena? Aiuterà l'economia? O forse ci stiamo semplicemente infilando nel terzo mondo di proposito? Ci stiamo dando l'eutanasia culturale e sociale e molti intellettuali istruiti approvano.

Andrea P. Commentatore certificato 19.09.11 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Caro Alberto,

essendo di Vittoria (anche se abito in Lombardia da tanti anni) mi ha colpito molto leggere che a Modica ci sia una classe di 54 alunni! Mio figlio frequenta il Liceo Scientifico di Abbiategrasso e per fortuna sono ancora in numero accettabile.

Comunque non c'e' da temere.... hanno distrutto l'istruzione, questo e' vero, ma vuoi vedere che ora faranno qualche appalto con la cricca per una nuova edilizia scolastica ovviamente a debito?

D'altronde ora che non ci sono gli insegnanti, ci vorranno delle nuove strutture per ospitare 54 alunni!!!!

Saranno 54 somari, ma avranno una scuola nuova e il PIL cresce!

Salvatore Mandara, Vigevano - Italia Commentatore certificato 19.09.11 12:37| 
 |
Rispondi al commento

mi spiace e' gia troppo tardi. In ogni caso occorre ripartire.
Non so se mi spiego. Ormai moltissima gente e' stata segnata irreversibilmente da questi 20 anni di fallimenti. Ed anche se domattina cambiasse tutto e cambiasse tutto nella direzione giusta, in ogni caso moltissimi comunque entro la fine della loro vita non godranno degli effetti del cambiamento. In ogni caso occorre fare qualcosa anche per le nuove generazioni, quelli che devono ancora nascere. Occorre affrontare la cosa con spirito non egoista, pensando a chi verra' dopo di noi.
e' gia' troppo tardi

MimmoLimmo 19.09.11 12:33| 
 |
Rispondi al commento

paghiamo oltre 100 miliardi di interessi per il debito pubblico finto per soldi creati dal nulla da banchieri privati.

Questi 100 miliardi sono oltre il 22 per cento delle spese dello Stato.

Lo volete capire o no che è una truffa colossale che sta distruggendo la scuola,la sanità,le pensioni?
Ma cosa altro devono fare per farvi svegliare e iniziare a votare gente che non sia serva di questi?

Rockerduck Feller 19.09.11 11:25| 
 |
Rispondi al commento

non è mai troppo tardi

Alberto M., Sanlucar de Barrameda Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 19.09.11 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Ce la dobbiamo riprendere x forza nn possiamo piu' stare a guardare il compimento di questo scempio continuo!

Enzo Buglione 19.09.11 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Ho 43 anni e non sono lontanissimi i tempi delle mie elementari. Si partiva sempre l'annata con la classe di 31 o 32 bambini. Poi durante l'anno si perdeva sempre qualcuno, ma poi fra calci nel sedere e aiuto da parte di qualche insegnante di sostegno si arrivva alla quinta. stessa storia alle medie, ma con qualche bocciato ed allora la classde passava da 32 a 22 nel percorso dalla prima alla terza. le superiori invece fungevano da spartiacque. un taglio netto al supporto didattico. se non ce la facevi da solo ti mettevano da parte, anzi ti bastonavano e le classi si decimavano tanto che si in quinta le classi erano da 15 persone, ma composte da 2 sezioni diverse con le prime che partivano da una trentina di persone. il primo assaggio della vita, ma anche l'evidenza che la dirttiva era di lasciare nell'ignoranza piu' persone possibile, portando avanti solo quelli che problemi non ne davano. una professoressa di matematica in terza mi disse chiaramente che mi dovevo ritirare, ceh non mi avrebbe mai promosso. be, dito medio alla signora. il mio diploma ora ce l'ho e statale!!! non privato. ma la direttiva resta e non cambia: l'italiano va lasciato evidentemente ignorante....

alessandro ginesi, Genova Commentatore certificato 19.09.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più disoccupati, senza pensione e più ignoranti, per quanto riguarda l'ignoranza sono contenti i leghisti,
è per questo che i vertici della lega vogliono che sia nelle scuole che fuori si pari solo il dialetto,loro stanno già un passo avanti...

gianni m. Commentatore certificato 19.09.11 00:07| 
 |
Rispondi al commento

fino a quando la gente crederò che la madonna era vergine e berlusconi un pover disgraziato perseguitato significa che la scuola avrà fallito perciò non credo neppure che sia così conveniente spedere tanti soldi per tenerla in piedi così com'è con tutte le menzogne che non svela ai futuri cittadini!

provate a controllare quanti di quegli studenti conoscono la costituzione a memoria!

in verità si vince 19.09.11 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Se una persona e' ignorante la puoi fregare , se ha studiato.... no!

Mr SPOCK, VG Commentatore certificato 18.09.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento

il problema è anche oltre alle classi numerose come in questo caso,che molti professori sono assolutamente impreparati di bravi ce ne sono veramente pochi.poi ci sono i problemi legati al cambio di professori anche più volte in un anno(e ognuno riparte da capo).il problema poi nasce quando si va all'università e ci si rende conto di non sapere nulla di una determinata materia.per esperienza personale io di inglese ho avuto 2 professoresse alle medie (di cui una faceva le verifiche e ci diceva come si scrivono le parole l'altra preparata).alle superiori 3 di cui una non sapeva bene l'inglese e ci ha insegnato gli errori.di diritto la prof ci parlava dei fatti suoi e ogni anno faceva come minimo 1 mese di assenza .avevo una prof di cui invece mi ricordo bene.il problema è che se ci sono degli incapaci non si ha neanche voglia di studiare......

ilaria leonardi 18.09.11 22:40| 
 |
Rispondi al commento

ci trattano come polli d'allevamento

stefano s. Commentatore certificato 18.09.11 22:18| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori