Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Giro della Padania


Giro_della_Padania.jpg
Il giro della Padania è un'invenzione fantastica nel vero senso della parola. Viene infatti direttamente dal regno della fantasia. E' come un Gran Premio di Paperopoli o una gara sui pattini a rotelle intorno al villaggio di Asterix in salsa verde. Ogni arrivo di tappa un bacio di miss Padania e un discorso del Trota e poi tutti a mangiare camoscio e polenta in trattoria con Tremorti e Boss(ol)i. Moser ha affermato che la Padania esiste. Ne è certo, lo ha saputo da Boso, quello che voleva prendere l'impronta dei piedi agli extracomunitari, che gli ha raccontato, tra una grappa e un'ombra di vino, anche dell'Unicorno avvistato sulle Dolomiti e dello Yeti del Monte Rosa. Che bello sapere, mentre il Paese si inabissa, che qualcuno si inventa cazzate dalla mattina alla sera.

9 Set 2011, 15:53 | Scrivi | Commenti (50) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

non vedo lo scandalo, in un paese libero si potrebbe fare pure il giro nel paese delle meraviglie e bersi una tezza di tè ogni volta che si passa dal via!

Casomai lo scandalo sta nella rilevanza mediatica e politica che si è data a questa gara SPORTIVA

berna s., amsterdam Commentatore certificato 18.09.11 22:33| 
 |
Rispondi al commento

La Lapponia esiste e nessuno ne nega l'esistenza.
Esiste il popolo Lappone, i suoi dialetti. La Lapponia è divisa in 4 stati, Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia ma uno Stato Lappone non è mai esistita.
La Padania esiste, esiste geograficamente, esistono i suoi dialetti e le sue lingue che appartengono al sotto gruppo delle lingue gallo-padane, distinto da quelle delle lingue e dei dialetti italici.
Le ricerce genetiche di Cavalli-Sforza, basate sui mitocondri del DNA ha dimostrato che anche geneticamente la Padania è distinta dall'Italia.
La Padania esiste storicamente, nel resto dell'Europa i banchieri ed i mercanti provenienti dal Nord Italia venivano comunemente denominati "Lombard" (in francese Lombard vuol dire Longobardo) ecco perché nel centro di molte città del Nord Europa esiste la "Lombard Street" era la strada dei mercanti del Nord Italia.

A questo punto una domanda: perché se la Padania esiste geograficamente, culturalmente, storicamente, etnicamente c'è chi si affanna a negarne l'esistenza? certamente per motivi politici, un modo per ostacolare un partito a scapito di una popolazione, magari chi nega l'esistenza della Padania poi è in prima file per i diritti dei baschi, dei curdi o di altre minoranze maltrattate. Ma senz'altro il motivo principale è che l'Italia non esiste.
L'Italia è una espressione geografica, come penisola Iberica, Scandinavia, una invenzione come la Yugoslavia o la Cecoslovacchia. "Abbiamo fatto l'Italia ora facciamo gli italiani" una frase di Cavour che testimonia la conoscenza dell'irrealtà dell'Italia. Il fascismo dovette tornare indietro all'Impero romano per trovare un periodo in cui l'Italia esistesse (ma al Nord c'erano i celti e con Diocleziano Milano divenne una capitale imperiale.
Quindi l'Italia non esiste e per le fantasie di qualche ottuagenario un po' rimbambito si deve negare l'esistenza della Padania per darle ancora qualche anno di vita.....

Marco G. 14.09.11 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Padania è una identità economica, culturale, sociale e storica evidente. La mancanza di una democrazia autentica, la presenza di un squadrismo mediatico e di una dittatura reale sono i fattori che non permettono che possa diventare anche una entità politica.

Caimi Carlo 12.09.11 18:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si possono accettare le critiche alla Lega Nord per l'incoerenza nell'azione di governo degli ultimi tempi e per la recente arrendevolezza della sua leadership suggellata dagli inopportuni incarichi affidati al Trota. Non si può negare tuttavia che spesso sfoderano qualche eccellente iniziativa come questo Giro della Padania. Il nome attribuito alla corsa non indica solo il luogo ove si disputa, ma assume valenza politica ed identitaria per la gente locale. L'intento è quello di richiamare l'omogeneità delle regioni settentrionali rimarcando la distinzione con il resto della penisola. Ovvio che infastidisca tutta quella maggioranza di cittadini di destra, di centro o di sinistra, libertari e democratici a parole ma fascisti nell'anima, che mal sopportano l'idea di concedere ad un popolo il sacrosanto referendum per l'indipendenza. La definizione ( coniata, per inciso, non da Umberto Bossi ma da Gianni Brera nel libro "Storia dei Lombardi" ndr ) secondo alcuni detrattori potrà essere esclusivamente una mitologia di partito. Potremo chiamarla allora Italia Settentrionale o Nuovo Lombardo-Veneto Allargato oppure Terra Cisalpina se Padania, avendo l'imprimatur della Lega Nord, non piace. L'importante è che delimiti una zona nella quale una parte degli abitanti uniti dalle stesse sensibilità e radici linguistiche insieme ad una frazione immigrata che con essi condivide i medesimi valori etici e civili, possano riconoscersi in un sentimento di appartenenza territoriale, così forte da superare o contrastare il legame con la nazione del tricolore. Del resto leggere commenti di alcuni itali.oti che schiumano rabbia e grondano insulti mi riempie di soddisfazione e dimostra inequivocabilmente che l'obiettivo mediatico della manifestazione è stato pienamente raggiunto.

Brenno Spezzaroma 11.09.11 13:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per chi pratica il ciclismo amatoriale e crede nel valore di un esercizio che dà tanto perché pretende tanto la conoscenza di certe cose mette in dubbio anche la realtà.
Orbene, ordunque, cioè e comunque, da questo Paese gestito in regime clerical fascista c'è da aspettarsi ancora altro.
"Here, laws or facts are like playing cards: you simply have to shuffle them and fan them out to suit yourself". Tobias Jones, "The dark heart of Italy", 2003.
"Le classi superiori d'Italia sono le più ciniche di tutte le loro pari nelle altre nazioni. Il popolaccio italiano è il più cinico de' popolacci". Giacomo Leopardi, "Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'italiani", 1824, pubblicato nel 1906.

Alberto Gramaccini 10.09.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

io non contesto il giro della padania ma i ciclisti che stanno offendendo uno sport che reputavo nobile, accettando di fare gli schiavi di partito per 4 soldi, ascoltare un idiota vestito di verde che non parla neppure l'italiano. il giro di padania e' lo spartiacque tra i ciclisti seri e quelli che non meritano tale appellativo e quindi ben vengano sberle, sputi, spintoni.
Il gavettone di ghiaccio e' un dovere civico per tutti coloro che amano lo sport

giuseppe torquemada, bolzano Commentatore certificato 10.09.11 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' prio vero più sei str...... e in italia più galleggi in alto !!! Ma da chi ci facciamo governare, poveri noi? Ma la colpa purtroppo è tutta nostra che non li buttiamo dalle torri in un dirupo.!!

Carlo Perricone 10.09.11 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che in questo momento vi siano altri e ben più gravi problemi che preoccuparsi di una corsa ciclistica solo perché intitolata alla padania.
Perché non contestare le pubblicità sul calcio che in tv fa miracoli? O Mediaset che vi porta il calcio in casa per soli 10 euro al mese... il tifo calcistico è di tipo leghista, pensateci quando tifate x la vs squadra.

Rodolfo Gelli, Torino Commentatore certificato 10.09.11 04:46| 
 |
Rispondi al commento

.. Verrà il PadanNatale e il Padan Panettone. Il Cassanese dal dito medio facile e il Glande stanco di guardare all'insù ne riscrisse la storia. A parer suo il polo Nord guarda troppo a sud. I comandamenti sgorgavano dalle sorgenti del Po'. Primo: mai magiare la polenta con il pane. Gesù, nato a Ponte di legno venne riscaldato da un bue e un asinello di provvenienza sicura della valle Brembana. I Ré Magi guidati dalle luci dell'inceneritore di Brescia portarono in dono al nato: grappa, cemento e mista. .. e la grande padania ebbe le sue origini.

Antonio M.72 Commentatore certificato 10.09.11 01:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi sa che hanno fatto un gran favore… infatti dalle proteste tanta gente si è accorta che esiste un certo (giro della) padania…

Hendrik G. 10.09.11 01:19| 
 |
Rispondi al commento


Stavolta mi sono davvero incavolato, perciò scusatemi per il linguaggio, qualora non riuscissi a frenare le lettere che batto al pc. Ho sentito il Cavaliere...ma poi perché ancora lo si vuole chiamare Cavaliere? Non mi piace affatto chiamare un tipo come Berlusconi con l'epiteto più lusinghiero che gli sia stato mai affibbiato negli anni. Ho sentito un intervento del Presidente del Consiglio che si lamentava della situazione in Italia per la quale "se una legge non piace alla magistratura "comunista" allora questa la manda alla Consulta che la elimina dichiarandola incostituzionale"...ma santo cielo! L'ha capito oggi che la Costituzione ha posto la Corte Costituzionale come superpotere dello Stato (non superiore, ma "al di là" degli altri poteri) e che la Magistratura è posta staccata dal Legislativo ed Esecutivo, in modo da potersi non piegare fedele ad altri poteri? Ma beati noi che questo sistema esiste...solo perché qualcuno si può permettere di andar contro la sua volontà questo dovrebbe essere un problema? Sappiamo tutti che quella delle toghe è un'altra casta, ma meno male che ci sono (non sempre "meno male", in realtà). Poi di cosa si dovrebbe lamentare Berlusconi? Su quale base, qualora anche fosse ingiusto l'accanimento contro le leggi emanate dal Governo o Parlamento, vorrebbe porsi al di là di questo sistema di controllo? Forse che gli italiani possono definirsi davvero rappresentati dai propri parlamentari (scelti, in Italia, da una manciata di segretari di partito)? Ma per favore! Si abbia la compiacenza di tacere, talvolta. Non è che bisogna parlare sempre. Talvolta bisogna star zitti e rimanere al proprio posto (e non solo sulla propria poltrona).

Alexandro C. Commentatore certificato 10.09.11 00:52| 
 |
Rispondi al commento

..l'investimento del pubblico ufficiale è una pacchiana scena da film

Acul utopiA Commentatore certificato 10.09.11 00:48| 
 |
Rispondi al commento

viva la patania! hauhauuahuah cmq ho saputo da fontane certe che si cerca qualcuno da spedire su marte! mi vengono in mente una serie di candidati come:Umbriaco Bossoli,calderoli,(anche fassino poi ci ho ripendato:lui è già un marziano..secondo me) e ancora:il trota, una serie di concorrenti dei reality,una serie di banchieri (cavolo,avranno bisogno di soldi una volta li,no?) poi:tutte le società di calcio,quelli di google (visto che amano le ricerche li avranno tanto da cercare) ma anche tutti i parlamentari (europei) i principini kate e willy, anche la loro nonna,e i loro fratelli,una serie di giornalisti che mi stanno sui coglioni,poi qualche meteorologo (per sapere quando ci sarà la tempesta di sabbia),poi quelli che vendono le creme solari (secondo me li fa caldo),poi il presidente obama,la schiera degli illuminati,l'enel,la eni con il cane e lo scienziato della pubblicità..sono tutti! credo! (a no) anche quelli che cagano i reality, e tutta la merda che mandano in t.v.
questa poi,non dovrebbero chiamarla più t.v. ormai c'è solo merda, dovrebbero chiamarla direttamente W.C. (ma temo che poi la gente cominci ad usarla per farci ben altro) xd questo e quanto!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 10.09.11 00:42| 
 |
Rispondi al commento

La lega è solo un gruppo folcloristico. Una pro-loco per animare un po' di gente nelle alte valli del nord. MICA PENSERETE CHE E' UN PARTITO?????
Se voti lega devi accettare che il "trota" è tuo capo... AAAAH AH AH AH!! Come dicono a Torino: "CHE GRAN PICIU!"

sergente garcia 10.09.11 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Io sono stupito e incazzato, stupito perche' del fatto che si debba fare tutto questo clamore per una gara ciclistica che ha il diritto di chiamarsi come si vuole, e allora i vari campionati UISP e CSI? Incazzato perche' ho appena visto le immagini della tappa di oggi e vedo un BASTARDO CODARDO che sputa in faccia ripetutamente a tutti i ciclisti che passano,ma loro al di la di tutto che colpa hanno, di fare bene il loro mestiere? Ho il sangue che ribolle pensando a quel MAIALE.

GINOLATILLA 09.09.11 23:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Situazione politica e origini della lega nord.
Il celebroleso è tra i politici più ascoltati e seguiti al nord.L'ignoranza dilaga al nord (basta vedere chi viene votato), la leganord purtroppo dilaga al nord, MOLTO spesso le tre cose coincidono.Domandarsi cosa potrebbero fare di lavoro senza la politica i parlamentari leghisti no vero?
La verità e che la lega più degli altri partiti è scesa in politica per far soldi!http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche35/fioraniaipm/fioraniaipm.html
Un esempio su tutti:Umberto Bossi da Cassago Magnago, provincia di Varese. Una vita da film. Ha fatto tre feste di laurea senza essersi mai laureato. Alla prima moglie racconta di essere un dottore, si finge medico dell’ospedale Del Ponte di Varese. La storia va avanti per mesi. Quando lei scopre che è tutto inventato chiede il divorzio. Qualche anno dopo l’Umberto porta anche la madre all’università di Pavia per la consacrazione ma non la fa assistere alla cerimonia: è la solita balla, lui ormai c’è abituato. All’Università per qualche anno c’era stato. Pochi esami, parecchi guai ma anche l’incontro che aveva cambiato la sua vita: quello con la politica.La Lega lombarda, i primi assessori comunali eletti in Veneto e Lombardia.Bossi cavalca Mani pulite e l’insoddisfazione del profondo Nord. Non sarà laureato ma è scaltro l’Umberto. Lavora sull’immaginario collettivo, capisce prima di tutti che l’immigrazione sposta una marea di voti che la gente ha una paura fottuta. Poi c’è il folklore: Pontida, miss Padania, la Lega che ce l’ha duro, Roma ladrona, i comizi in canottiera. La Prima repubblica crolla, nel Paese regna la confusione, il momento è propizio. Bossi alza il tiro. Annuncia la secessione, crea il Parlamento del Nord, progetta di avanzare “città per città con le baionette” è così via.Adesso per non perdere i voti rimasti dei vecchi pensionati bossoli li rassicura le pensioni non si toccano.Ci credete ?cerrrtoooo più di qualcuno in padania ci crede ancora.

Pietro T. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.09.11 22:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non capisco il senso di questo mini-post; la Padania e' una cazzata? e l'Italia invece e' una cosa seria?? Spiegatemi una cosa: se io riesco a capire i dialetti che si parlano nelle regioni padane, e non capisco invece i dialetti che si parlano nelle altre regioni italiane, perche' devo considerare che la Padania e' finta e l'Italia invece e' vera?

piero grossi 09.09.11 22:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Povero coclismo italiano.La federazione ciclistica italiana hafatto un bel autogol, riducendo questo sportnazionale ad un fatto politico locale... ed ora come tiferemo da italiani ancora per Basso e per gli altri che hanno partecipato al giro della padania?

michela m. Commentatore certificato 09.09.11 21:55| 
 |
Rispondi al commento

ma chi la finanzia questa corsa ciclistica e tutto legale ? mi sa di nooo

graziano tegas 09.09.11 21:42| 
 |
Rispondi al commento

la Federazione ciclistica si è dopata il cervello

stefano s. Commentatore certificato 09.09.11 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Ad inventarle ci vuole poco, quello che stupisce è il fatto che tanta gente non ha altro di più interessante da fare che perderci tempo dietro.

Paolo Andrea 09.09.11 19:48| 
 |
Rispondi al commento

tutta propaganda e pubblicità ingannevole...

Morris Fleed (goblin) Commentatore certificato 09.09.11 19:35| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, leggi questa.
Coop Rosse finanziano il giro di Padania :

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/09/coop-rosse-finanziano-il-giro-della-padania/156352/

Antonio . Commentatore certificato 09.09.11 19:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quelli fanno il giro della padania per far parlare d'altro visto che non sanno cosa rispondere a tutti quei creduloni che li hanno votati che si chiedono come mai, come il solito, non hanno mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale...poveri creduloni...o forse poveri coglioni,come direbbe il berlusca!ogni tanto mi capita di vedere immagini del raduno di pontida o similari e mi vergogno di vedere la bandiera del friuli là in mezzo...io, orgogliosa di essere friulana e italiana.

tiziana a. Commentatore certificato 09.09.11 19:19| 
 |
Rispondi al commento

la padania esiste in quanto c e molta gente che la vuole e che ci crede
il problema e ESISTE IL PAESE ITALIA
e mi riferisco al italia dei italiani per gli italiani???
oggi abbiamo solo un terreno di caccia
per partiti e lobby
siamo un territorio aperto alle invasioni degli extracomunitari
ci lamentiamo se ai nostri confini (francia )
i nostri cugini li bloccano perche non hanno un documento che dimostrino chi sono E CHE C E LI RISPEDISCONO LA PATATA BOLLENTE
anzi siamo arrivati ad andarte a prenderli nelle loro acque nazionali
LO SCOPO E SEMPLICE PIU IMMIGRATI ...
LE DITTE PREFERISCONO ASSUMERE UN IMMIGRATO CHE LAVORA PER MENO E CON MENO DIRITTI
COSI DA FARE CHE UN ITALIANO SI AUTOOBBLIGHIO A LAVORI COME MENO DIRITTI E MENO SALARIO
in pratica importiamo IMMIGRATI SCHIAVI PER CONVERTIRE OPERAI IN SCHIAVI NOSTRANI PER LE
AZIENDE

siamo terreno di caccia per mafie locali e extracomunitarie
esiste l italia degli italiani
di sicuro dico di no
non esiste
l italia di oggi e di ieri era una conquista cruenta in nome del popolo ma di fatto solamente per un re demente come i savoia
l unico RE che meritava di essere
re d italia era il tanto denigrato
borboni di napoli
che erano molto piu democratici e
piu emancipati
SENZA CONTARE GLI ECIDDI COMPIUTI E TACIUTI PER AMORE DI PATRIA
(E ORA DI RISCRIVERE LA STORIA
E DI RIABILITARE )
e l italia del europa
solo perche ne abbiamo preso la moneta (ma solo la parte peggiore )
di europeo l italia ne ha solo la bandiera
un paese che obbliga per fame i propri cittadini ad emigrare per secoli ...non e un paese
un paese che regala i diritti dei lavoratori alle aziende NON PUO CHIAMARSI PAESE
UN PAESE CHE SI AUTOASSOLVE e poi condanna i propri cittadini senza processo
UN PAESE CHE UCCIDE I PROPRI FIGLI PER UN LAVORO E SUL LAVORO
L ITALIA NON ESISTE PERCHE GLI ITALIANI NON LA VOGLIONO
LA PROVA ??
GUARDATE CHE E CHI VOTANO ..GLI ITALIANI

stefano b., rovato Commentatore certificato 09.09.11 19:00| 
 |
Rispondi al commento

in Italia l'importante è che ci siano elementi di discussione, che noia altrimenti, non poter dire la nostra...

marco ganzerli 09.09.11 18:47| 
 |
Rispondi al commento

ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale ao ale

Amedeo Axel Rasponi, milano Commentatore certificato 09.09.11 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Magari l'arrivo lo facciamo a GARDALAND, la capitale della padania. Che coglioni che sono sti paisanotti.

Marco Politi 09.09.11 18:04| 
 |
Rispondi al commento

E pensa che domani passano sotto casa mia. Oltre il ridicolo della manifestazione in se, vi è la paura per la mia macchina o di danneggiamenti vari da parte di personaggi che nel bene o nel male adoperano mezzi coercitivi per far valere diritti o esprimere opinioni.

Luca Del Viscovo 09.09.11 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Francesco Moser, ex campione del mondo di ciclismo: «La Padania esiste, è inutile far finta di niente, quindi è giusto che la corsa si chiami così. Moser sottolinea poi che «i comunisti» organizzano «da una vita corse ciclistiche come il Gran premio della Liberazione e nessuno ha mai detto niente. Perché anche gli altri non dovrebbero farlo? Mi hanno criticato, ma quando ho corso il Gp della Liberazione, dove «i compagni» favorivano i russi, nessuno ha detto niente»

Christian Coccato 09.09.11 17:58| 
 |
Rispondi al commento

PROSEGUERE!!PROSEGUERE !! PROSEGUERE !!! SE PRIMA AVEVO DEI DUBBI ORA NON NE' HO PIU' HO LA CERTEZZA (DOPO AVER ASCOLTATO IL T R O T A CONSIGLIERE REGIONALE DELLA LOMBARDIA A 12.500 EURI AL MESE::) CHE QUESTO PER ME E' UN BUON VIATICO, HO CONSEGUITO LA TERZA MEDIA SERALE LAVORANDO DI GIORNO NEGLI ANNI 70 A MILANO..POSSO TRANQUILLAMENTE CANDIDARMI ALLE POLITICHE O AL SENATO O ALLA CAMERA ...E PROSEGUERIRO'.... PROSEGUERENDO E APPLICANDERO' IL PROGRAMMA DELL 5 STELLE DEL M 5 S PROSEGUIRETEMI NE vedrete delle belle!!!!!!

Gino De Pauli 09.09.11 17:50| 
 |
Rispondi al commento

LA PADANIA NON ESISTE !!!!
LA REPUBBLICA ITALIANA E' UNA ED INDIVISIBILE, metteteci una pietra sopra e finitela con le caxxate padane...se non vi piace andate fuori dai confini d'ITALIA e toglietevi dalle scatole una volta per tutte. Grazie e W l'ITALIA

Emilio C. 09.09.11 17:44| 
 |
Rispondi al commento

.. ero piccolo io e la "padania" esisteva. a scuola si insegnava ad identificare il nostro territorio anche con il toponimo "padania", nel linguaggio comune non è mai sparito. sarà che sono bergamasco e qui alle radici di solito ci teniamo.. adesso se parli di "padania" già bello se non ti insultano. sei leghista per forza. bene.. bisogna dire "pianura padana" allora? giro della pianura padana.. contenti voi.. ci fosse ancora gianni brera gli girerebbero vorticosamente. io resto padano ma non sono leghista. che si fa? e quando allo stadio non si poteva dire "forza italia"? vi fate davvero prendere per il culo..

dimitri rossi 09.09.11 17:14| 
 |
Rispondi al commento

E' mai possibile che nessuno al giro di "padania" abbia preso a sputi in faccia quel faccia da pirla del trota che costa ai contribuenti Italiani 15000 Euro/mese. 15000 Euro/mese a un pirla del genere messo lì a nostro libro paga dal padre ictato che ormai è un morto che cammina.
Cacciamoli tutti a calci in cuXo una volta per tutte quei cornuti che hanno rovinato completamente il Paese.

dr. Jekill 09.09.11 16:58| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

OTTIMO!!!

Damiano B. Commentatore certificato 09.09.11 16:48| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo questa risorsa sulla parola Padania:

http://parolapadania.altervista.org/

Gianmaria Allegretti 09.09.11 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Francesco Moser è l'esempio vivente del classico "chi non ha testa ha gambe".

andrea fontana 09.09.11 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori