Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il golpe inglese - Mario J. Cereghino e Giovanni Fasanella


ginglese_cereghino.jpg
Il golpe inglese, un libro scritto da un bravissimo archivista, Mario Josè Cereghino e da un giornalista, il sottoscritto, Giovanni Fasanella. Sottotitolo molto significativo del libro: da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell'Italia.

Intervista a Giovanni Fasanella e Mario J. Cereghino, autori de "il golpe inglese":

Documenti Top Secret (espandi | comprimi)
Blog: Perché il titolo: “Il golpe inglese”?
G. Fasanella: s’intitola “Il golpe inglese” perché ricostruisce il colpo di stato forse più lungo della storia: il tentativo britannico -durato almeno 50 anni, dall’assassinio di Matteotti al caso Moro- di condizionare il corso della politica interna ed estera dell’Italia, che Londra ha sempre considerato un proprio “protettorato”.

Enrico Mattei e l' intelligence (espandi | comprimi)
M.J. Cereghino: Il mio nome è Mario J. Cereghino e mi occupo di archivi britannici e statunitensi.
Blog: Perché l’Inghilterra considera Mattei nemico?
M.J. Cereghino: L’Eni di Enrico Mattei procura parecchi grattacapi agli inglesi. I giudizi non potrebbero essere più espliciti. “Mattei punta in alto. A nostro parere, è un uomo potente nonché pericoloso”, scrive il Foreign Office nel 1957.

8 Set 2011, 16:32 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ecco una polemica in favore della tesi che le potenze occidentali vogliono una bomba iraniana. Si utilizza il libro Il Golpe Inglese.

http://ziontruth.blogspot.com/2011/12/did-western-great-powers-ever-want-to.html

Eliyahu 19.12.11 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Utile libro che verrà presentato a Roma
Martedì 20 settembre, alle ore 17.30, dall'Associazione Radicale "Esperanto" (ERA) nel salone del Partito Radicale in via di Torre Argentina 76. Insieme all'autore Giovanni Fasanella ci saranno per parlarne: Giuseppe Di Leo, giornalista e vaticanista, Gabriella Fanello Marcucci, saggista e Direttrice degli Archivi di Radio Radicale e Giuseppe Rippa, Direttore di Quaderni Radicali; introduce e modera il Segretario dell'ERA Giorgio Pagano.

Giorgio Pagano 17.09.11 02:01| 
 |
Rispondi al commento

per quale ragione il mio commento è stato cancellato? non conteneva offese
ma una semplice ricostruzione della biografia di Fasanella.
Ex biografo di D'alema di cui ha avuto l'onore di raccontare per primo la
sua storia in:D'Alema. La prima biografia del segretario del PDS, 1995;
la seconda pubblicazione è:
D'Alema. L'ex comunista amato dalla Casa Bianca.
A seguire da giornalista dell'unità passa a Panorama al soldo di B. e
cambia anche la sua bibliografia con titoli come:
Intrigo internazionale
in cui sposa teorie assurde sulle stragi italiane tra cui la teoria di
Cossiga sulla strage di Bologna che vede nella pista palestinese la
soluzione di tutti i dubbi,andate a Bologna a chiedere a Bolognesi cosa ne
pensa...
Ma anche altri titoli come:
Il morbo giustizialista
Ora chiedersi se è il caso di concedere a tale giornalista l'onore del
lancio in pompa magna sul sito di Beppe è qualcosa che deve essere
censurato? E per quale ragione? Sono anche stato eliminato da you tube.La
censura va bene?

SceriffoLobo 14.09.11 17:54| 
 |
Rispondi al commento

la tesi sostenuta e' di una banalita' sconcertante. E' ovvio che la Nazione che fino a 50 anni fa dominava il mondo, cercasse di influenzare (anche) la politica italiana. Ma come si fa a scrive un libro su una simile banalita'?

Jane Daisy 11.09.11 10:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

nel lbro non si parla di miniere che erano in Sicilia o di Massoni Garibaldi o Mazzini massoni è una cavolata,ognuno scrive quelle che vuole senza citare le fonti non andiamo in americanismi che pur difesi dagi stessi americani non si pò infangare il nome senza avere le prove anche S. Paolo è stato accusato diperseguitare ed uccidere gli ebrei ma non si hann le prove.Perchè quando vi è stato lo sbarco dei mille a Palermo i francesi si ritirarono: è un dubbio storico, si potrebbe pensare che la guerra nonli avrebbe risparmiati a Garibaldi solo con 2 generali a Palermo circondati dai francesima certe volte anche la fortuna gioca un ruolo nelle guerre. Interessi politici ed economici hanno sempre mosso le guerre ma non penso che gli inglesi abbiano avuto molto peso nel manipolarefino a fare il colpo di stato con Mussolini, ed altri episodi più che altro giornalistici che storici, ognuno di no ha i propri ideali e deve metenersi su di essi nessuno è scevro di peccati perchè per gli inglesi era come pentirsi di aver aiutato l'Italia credendo forse no al pericolo comunista ma alla loro decadenza da inizio secolo come scrive Denis Mack Smith è tutto un processo di piccole manchevolezze per la famosa diplomazia inglese fino a Gheddafi in anni recenti nelle qualè stata affidata all'Italia il ruolo di diplomazia con la Libia.

Santo Vaiana 09.09.11 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno sa spiegare in breve come gli inglesi fecero cadere il fascismo nel luglio 43?
grazie
Marco

Marco 09.09.11 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Da un po´di tempo il teem di Beppe elimina i miei commenti: troppo liberi?
Distinti saluti

Antonio Russo 09.09.11 12:25| 
 |
Rispondi al commento

La globalizzazione ha radici storiche e le intelligence dei Paesi forti hanno sempre esercitato un controllo sugli altri Paesi. L'Italia non è mai stata forte e nemmeno è riuscita a controllare bene se stessa con l'intelligence. Questo non esclude che influenze autonome di organizzazioni di italiani, di ex italiani e criminali italiane abbiano acquisito grande influenza negli Stati Uniti, nel Sud-America, in Nord Africa. Se guardiamo a come è oggi l'Italia devo dire che un po' più di influenza estera non ci avrebbe fatto male.

Peter Amico 09.09.11 08:22| 
 |
Rispondi al commento

Era il principio.
1860: La Fiaba dell'impresa dei Mille,
Ancora oggi leggiamo nei libri di scuola che 1000 uomini armati alla peggio partirono da Quarto in Liguria e sbarcarono a Marsala in Sicilia l'Italia possano aver sconfitto da soli un esercito di 30.000 effettivi borbonici.
Che ruolo ebbero gli inglesi a livello militare (ma anche con il finanziamento della spedizione garibaldina) nell'annessione del Regno delle Due Sicilie a quello Sabaudo senza peraltro che fosse dichiarata alcuna guerra?
E' vero che il regno Sabaudo nel 1859 era in grave crisi di liquidità (con un enorme debito pubblico diremmo oggi), nel 1861 ad annessione avvenuta istituì istituì la Guardia di Finanza sostanzialmente per sottrarre le casse e la liquidità al regno delle Due Sicilie e colmare con queste i debiti del regno sabaudo?
Come ogni governo imperialista che si rispetti anche quello sabaudo trasformò i sudditi del Regno delle Due Sicilie in briganti (i terroristi e poi "insorgenti" di oggi) il numero effettivo dei caduti (anche interi villaggi con donne e bambini) in quella vera e propria guerra civile è ancora sconosciuto.
E' vero che mentre da un lato vi erano giganti come Mazzini e Garibaldi avevano creduto davvero in un nuovo stato repubblicano con una nuova bandiera e nuova costituzione scelta dal popolo, dall'altro vi erano nani come i savoia e le potenze massoniche europee interessate ad eliminare i Borbone dallo scenario europeo, oltre che desiderosi di appropriarsi delle miniere di zolfo (necessario per fare le guerre) del Regno delle Due Sicilie ed alle sue casse naturalmente?
E' vero che per sottomettere il popolo napoletano ribelle ai savoia si procedette ad una alleanza con i capindrina della camorra ai quali in cambio furono "condonate" tutte le malefatte con la promessa dal canto loro di controllare totalmente la popolazione e sedare sul nascere ogni tentativo di rivolta? (vedi Liborio Romano prefetto di polizia e camorra)...


ebbene sostituire le "settesorelle" con l'odiata
Inghilterra non è il volere di santaromanachiesa!

meglio il nemico "inglese" (che io non amo lo stesso) che l'odiato yankee - vaccaro del Texas ! d'origini di Sion , no!

eppure... c'è qualcosa da sapere... a proposito
di nemici ...non troppo nemici !!!

La guerra dei Trent’anni
Appunti del Prof. Amedeo Paolucci
Inizio secolo, più che una pace... una tregua

I primi vent'anni del XVII secolo furono caratterizzati da un relativo equilibrio
politico tra le maggiori potenze europee: Spagna, Inghilterra e Francia.

La Spagna di Filippo III (1578-1621) del casato degli Asburgo e l'Inghilterra di
Giacomo I (1566-1625), avevano messo da parte antichi attriti, fino a ipotizzare
un matrimonio tra il figlio di Giacomo I (il futuro Carlo I) e una principessa
spagnola. Il progetto non ebbe seguito solo per la ferma opposizione dei
protestanti inglesi.

A Filippo III successe, nel 1621, Filippo IV, che regnò fino al 1665.
A Giacomo I nel 1625 successe Carlo I. Regnò fino al 1649.
La Francia di Enrico IV (1553-1610) della dinastia dei Capetingi del Ramo dei
Borboni, anche a causa delle guerre intestine, si era estraniata dalle vicende internazionali. A Enrico IV, nel 1610 successe Luigi XIII, che regnò fino al 1643.

Anche in Germania si godeva di un periodo di relativa tregua. La pace di Augusta del 1555 aveva garantito un certo equilibrio anche se, le tesi sostenute, il "cuius regio eius religio" (a ogni Stato la confessione del suo sovrano), non
aveva accontentato nessuna delle parti in causa.
Solo nel Baltico, Danimarca e Svezia, si confrontavano militarmente, per questioni territoriali, in un conflitto che preoccupava i commercianti delle Province Unite e della Spagna, che vedevano in grave pericolo i loro scambi.
Ma le nuvole temporalesche dovevano venire dal Sacro Romano Impero.

http://www.amedeopaolucci.it/Storia/La%20guerra%20dei%20Trenta%20Anni/La%20guerra%20dei%20Trent%27anni.pdf

LENIN no friend max, Roma Commentatore certificato 08.09.11 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti davvero agli autori per la scoperta dell'acqua calda!

Arturo G., Genova Commentatore certificato 08.09.11 22:16| 
 |
Rispondi al commento

L'Inghilterra ha sempre considerato l'Italia un suo protettorato fin dal cosiddetto Risorgimento. Basta considerare come è avvenuta l'unità d'Italia e che ruolo ha avuto la massoneria inglese direttamente e tramite i suoi affiliati italiani tra cui Garibaldi e Mazzini. Nella conferenza di Parigi, successiva alla guerra di Crimea, colsero l'occasione di servirsi del Piemonte per abbattere, loro anglicani, il potere temporale dei papi di Roma e per distruggere il fiorente Regno delle due Sicilie, autentica spina nel fianco per le loro rotte commerciali, per lo zolfo siciliano (importantissimo al tempo) e per le sue capacità industriali e tecnologiche competitive. La corruzione delle gerarchie militari napoletane attraverso l'intelligence e l'appoggia ai loro ascari Savoia ha consentito quella impresa incredibile del loro corsaro Garibaldi "il leone imbecille"


cosimo 08.09.11 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Sicilie autentica spina nel fianco per le loro rotte commerciali, per lo zolfo siciliano (importantissimo al tempo) e per le sue capacità industriali e tecnologiche competitive. La corruzione delle gerarchie militari napoletane attraverso l'intelligence e l'appoggia ai loro ascari Savoia ha consentito quella impresa incredibile del loro corsaro Garibaldi "il leone imbecille"

cosimo 08.09.11 21:56| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
HANNO ANCHE TENTANTO IL GOLPE GLI INGLESI,CAVOLI,CI AHNNO MANIPOLATO PROPIO PER EBEN.E' UN BENE CHE CI SIANO PERSONE GIOVANNI FASANELLA E MARIO J COREGHINO,GRAZIE ANCORA PER AVER AFTTO LUCE SUI NOSTRI MYSTERI ITALIANI
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 08.09.11 18:05| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori