Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La crescita di Brunetta


brunetta_crescita.jpg
"Le nozze debbono aver reso Brunetta ancora più “coerente” del solito. Il ministrino della Pubblica amministrazione ha dichiarato: “Basta chiedere a imprese e cittadini documentazione per informazioni che la Pubblica amministrazione già possiede, basta certificato antimafia, basta pacchi di certificati per partecipare ai concorsi, basta con il Durc". "La semplificazione - aggiunge - è una delle vitamine per la crescita”. Il suo esimio collega ministro Romani però deve, secondo lui, restare ben accozzato alla poltrona, nonostante sulla sua testa penda una richiesta di rinvio a giudizio coatto per concorso esterno in associazione mafiosa. Non si dica mai che Brunetta non sia solidale! E poi se semplificare è uguale a una "vitamina per la crescita" come sostiene, come dargli torto....?"
Silvanetta

26 Set 2011, 17:37 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

per uno che aspirava al Nobel per l'economia mi sembra poca cosa l'operato del ministro Brunetta.....forase si sbagliava a chiedere tanto........

aldo abbazia 28.09.11 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Certo che pure tu GRILLO, predichi bene e razzoli male... Dove ce l'hai parcheggiato il ferrari che ogni tanto tiri fuori, ne'?????

Sun S., London Commentatore certificato 28.09.11 06:41| 
 |
Rispondi al commento

A me sembra alto uguale,non vedo nessuna crescita

fra 27.09.11 22:39| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo devo dare ragione al ministro...non si tratta di accettare imprese che non abbiano determinati requisiti, ma di eliminare burocrazia. La cosa vale anche per il cittadino. L'amministrazione è già al corrente di molte delle cose di cui chiede al cittadino/impresa il "certificato". Qualche tempo fa non vi dico il giro che ho dovuto fare per un esenzione del ticket per motivi di salute.
-richiesta di visita specialistica dal medico curante;
-prenotazione visita specialistica in ospedale (non sempre è possibile telefonicamente);
- regolarizzazione ticket per la visita specialistica;
- visita specialistica;
- consegna certificato alla ASL;
-ritiro esenzione dalla ASL;
- Consegna esenzione al medico curante;
In sostanza il cittadino deve fare da usciere di uffici pubblici nei quali invece le informazioni dovrebbero viaggiare tranquillamente via etere:
-richiesta visita dal medico curante che prenota la visita e regolarizza il ticket con due "clic";
-visita specialistica con risultato direttamente inviato alla ASL con un "clic" la quale invia l'esenzione al medico curante con un altro "Clic".
Questo vale per tutte le amministrazioni, e chiaramente anche per il certificato antimafia.

Massimiliano Scuro 27.09.11 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Non mi sembra giusto prendersela con un ministro che soffre di gigantismo orizzontale e di bassezza mentale.


rettificare nome minisro Romano e non Romani,
cambia il nome ma la qualità nei due soggetti è uguale a 0 0 0 0 0

luigi caligiuri 27.09.11 14:14| 
 |
Rispondi al commento

L'unica cosa giusta che potrebbe fare Brunetta è levarsi di torno!
Nessuno si accorgerebbe della sua mancanza.

bradipa-mente 27.09.11 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è scusanti!!!per dignità dovrebbe dimettersi e dire:...non siamo riusciti a fare quello che ci eravamo prefissati!...e lui è responsabile con gli altri ministri..devono andare tutti a casa!!!
Non cambierà mai nulla ne con loro nel con il centro(figuriamoci poi gli ex dc!)e la sinistra sinistrata...sono tutti una massa di chiaccheroni..e basta!

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.09.11 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta sarà anche antipaticuccio e piccoletto. Probabilmenta spara anche molte *azzate. Ma VIVADDIO, sta proponendo di eliminarci qualche coda agli sportelli e tu sarcastico dici che non va bene e ironizzi sulla crscita (del nanerottolo)?? Piuttosto prendiamocela con Maroni che invece non vuole, oppure approfondiamo su questo illustre blog. O no? Niente male per un blog che dichiara superate tutte le ideologie, complimenti. Anche tu, NON sei una speranza amico mio.

Alberto S., pordenone Commentatore certificato 27.09.11 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Brunetta ha perfettamente ragione.
E poi a che serve il certificato antimafia? La mafia ormai fa tutto pulito. Si infiltra nelle società e si prende il 5%: tutto pulito e legale!!!

Lorenza 27.09.11 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aldilà del caso Romano, di cui aborro la scelta fatta in aula...ma questa è un'altra storia... Brunetta ha ragione.
Io concordo con la sua proposta che mi sembra davvero una delle poche sensate sentite uscire dalla bocca di un parlamentare di questo Governo.
E' come se noi chiedessimo ai nostri genitori una prova scritta per averci procreato....non ha senso.
La pubblica amministrazione ha tutti i nostri dati, perchè chiederli a noi se con un clik o con una richiesta tramite email possono avere una risposta dai loro colleghi....senza tormentare noi..

Laura 27.09.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Per la parte riguardante i certificati ha pienamente ragione, li deve chiedere l'Amministrazione Pubblica agli altri uffici dell'Amministrazione Pubblica poi se c'è qualche cosa che non và avvisare in modo che uno possa presentare la propria difesa.
Invece in Italia l'onere della prova della regolarità è sempre a carico del cittadino/azienda con costi extra.
C'è anche l'altro lato della medaglia, ovvero chi da parte dell'Amministrazione Pubblica non fà il suo lavoro verificando la documentazione necessaria (volutamente o per ignoranza, scarsa applicazione ecc...) a casa!

Donato Tobi () Commentatore certificato 27.09.11 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Toh! se svegliato ora!!!in tre anni non hanno fatto nulla...e ora si svegliano..!mentre l'italia è sommersa di carte,certificati,estratti,enti entucoli,para,sopra sotto statali..che la tengono impantanata nelle sabbie del '900...questi dopo tre anni si svegliano..no anzi dopo 10 anni di governo(quasi continuato)!.
Si sono accorti che con il durc..le aziende non facevano più credito alla P.A...dato i tempi lunghi di pagamento per la fornitura di beni e servizi,(in molti casi anche 2 anni di ritardo)queste non potevano pagare regolarmente i contributi!!!.
Il Certificato Antimafia...mah! è utile..nutro dei dubbi,visto l'imperversare da nord a sud dell'infiltrazioni mafiose e simili che vengono segnalate e denunciate!...mi chiedo e penso vi chiedete...ma perdavvero pensiamo che con la carta si fermi la mafia?....i soliti spot...
Memore del tentativo di iscrivermi alle liste di collocamento degli invalidi..non vi dico le stronzate delle procedure da seguire per l'iscrizione al centro dell'impiego della Provincia..roba da fucilate!nessun rispetto per gli invalidi con difficoltà motorie ridotte...un umiliazione!!tutto in nome di una bella sana robusta e dispendiosa impregnante BUROCRAZIA DI MERDA MESSA IN PIEDI DA QUESTI TECNOCRATI ULTRA PAGATI...!!!
Pensate che per ogni visita alle asl per Invalidità,revisione patente,lavoro,permessi di sosta, ogni volta occorre ripresentare ad ogni singolo ambulatorio tutta la documentazione fotocopiata medica!!!è assurdo!!!ROBA DA MATTI..QUESTO DA UNA STANZA ALL'ALTRA!!!!BASTA..BASTA...BASTA...SIAMO UN PAESE CHE E' GIUSTO CHE FALLISCA..QUI I POTENTATI ECONOMICI NON CI COMBIANANO NULLA!!

roby f., Livorno Commentatore certificato 27.09.11 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il durc è una cosa utile se per averlo ogni volta
che si esegue un lavoro non venisse a costare 300 euro in su...
non si capisce perche in italia per fare anche una minima cosa bisogna pagare lira di dio.
un artigiano ha un sacco di spese la pressione fiscale è quasi al 50% e queste spese (per chi non lo sapesse) durc eccetera sono tutte extra (obbligatorie)
fate due conti 50% di tasse + extra obbligatori.. poi ci si chiede perche c'e la crisi...
riflettete.

brunetta spara un sacco di cavolate ma sul durc sno daccorto una tassa extra da pagare in meno... se resta gratuita l'accetto volentieri.. ossequi saluti al forum.

kryus t. 27.09.11 00:48| 
 |
Rispondi al commento

Non è corretto essere sempre critici a prescindere. Stavolta Brunetta ha detto una cosa giusta: non deve essere il cittadino o impresa a chiedere certificati alla pubblica amministrazione (magari per darli a un altro ufficio della pubblica amministrazione), ma la pubblica amministrazione a cercarsi le informazioni che le servono da sola. D'altra parte lo Stato conosce tutto o quasi di noi, non si capisce perché dobbiamo presentargli dei fogli di carta su cui sono scritte cose che già conosce.

m r 27.09.11 00:17| 
 |
Rispondi al commento

inutile e vendibile, anzi regalabile questa inqualificabile zecca. Tutto ciò che è inefficiente nel pubblico nel 99,9% delle volte è dovuto all'ingerenza dei partiti nell'inserire personale da loro consigliato nei posti di gestione, vendiamo i politici, anzi regaliamoli, che non ci danno 1 euro per sti sacchi d'immondizia, non sono nemmeno riciclabili, non servono a nulla

gabriele . Commentatore certificato 26.09.11 23:57| 
 |
Rispondi al commento

Verra' il tempo in cui gli inferiori governeranno gli altri.Insomma solo per aver scritto questo Nostradamus proprio scemo non era,anche se non credo alle profezie.Ma questo tizio come cavolo c'e' finito dove e'?L'ultimo cialtrone in Italia non farebbe di certo peggio,anzi qualche idea buona l'avrebbe.

Alessandro Gabrielli, Velletri Commentatore certificato 26.09.11 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Guardatevi il film documetario DIARIO DEL SACCHEGGIO di Fernando Ezequiel Solanas e capirete meglio cosa intende """l'amico""" con la parola VENDERE. Buona visione

Mattia Raisi, Rovigo Commentatore certificato 26.09.11 22:57| 
 |
Rispondi al commento

qualcuno mi spiega quest'uomo come è arrivato lì?,a quanti a dovuto leccare il culo?gli unici certificati che funzionano lui li vuole togliere,il certificato antimafia lo conosciamo tutti,il durc è la giusta arma per combattere il nero è l'abusivismo sopratutto nei mercati e le fiere,la cosa che mi fà ridere che quando i comuni hanno iniziato a chiedere il documento,sono spariti tutti gli abusivi,e udite udite, una gran parte sono italiani,o marocchini,i cinesi sono quasi tutti in regola,perciò o Brunetta a qualche parente abusivo (a parte quello di palzzo grazioli),o è pirla.

luciano m., cuorgnè Commentatore certificato 26.09.11 22:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La democrazia diretta è la forma di democrazia nella quale i cittadini, in quanto popolo sovrano, non sono soltanto elettori che delegano il proprio potere politico ai rappresentanti ma sono anche legislatori aventi il diritto, costituzionalmente garantito, di proporre e votare direttamente le leggi ordinarie e la costituzione attraverso diversi istituti di consultazione popolare e diverse forme di partecipazione popolare.

La democrazia diretta è stata la prima forma di un governo democratico, essendosi affermata nel V secolo a.C. ad Atene. Un successivo esempio notevole di democrazia diretta è stata la Comune di Parigi oltre ai soviet in Russia e Germania nel 1917 che si erano formati in seguito alle idee rivoluzionarie che serpeggiavano in Europa in quegli anni. La democrazia diretta venne anche utilizzata nelle assemblee decisionali del Sessantotto. Può essere considerata democrazia diretta la forma organizzativa che in Messico si è dato il ramo civile del movimento zapatista chiapaneco.

La democrazia diretta è un'alternativa ideologica e pratica alla democrazia rappresentativa, molto più diffusa nel mondo occidentale.ps (belllaidea)

gagliardo giuseppe 26.09.11 22:24| 
 |
Rispondi al commento

brunettino sei un concentrato di stronzate...

Acul utopiA Commentatore certificato 26.09.11 21:24| 
 |
Rispondi al commento

brunetta!!! piccolo imbecillone, l'unica semplificazione possibile si chiama DEMOCRAZIA DIRETTA sistema utile a impedire di farti dire delle cagate!

Acul utopiA Commentatore certificato 26.09.11 21:22| 
 |
Rispondi al commento


peccato.

Ero curioso .

Forse non sapete perchè l'italia è invasa dalle
rotonde.

Si', anche su incroci con tre auto in tre ore nasce una rotonda di cemento...

Perchè non occorre il certificato antimafia.

E secondo voi a chi vanno gli appalti delle rotonde?

.....
Giro giro tondo......

sembra che Brunetta e GElmini sia una guerra a colpi di cazzate....negli ultimi anni....senza esclusione di colpi....

Pierino era un mito a confronto.

perchè non gettarli in un tunnel?

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.09.11 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Nasce il 13 aprile del 2008, nipote di Brunetto Latini, da padre Bruno e da madre Etta (anche se pesava qualche chilo), fratello del Puffo Brontolone. Nel gennaio 2009, è andato a fare visita ai suoi lontani parenti del Piccolo Popolo della Libertà. Leggende narrano che non abbia frequentato le elementari per il suo comportamento irascibile, e sia direttamente passato da un precario lavoro come impiegato al circo di Medrano (faceva la parte della scimmietta brunetta), al lavoro in politica (grazie agli insegnamenti del maestro Yoda). La vita al fianco del GRANDE Nano, oltre a esaltare il Nano stesso (si sentiva più alto del solito), permise al piccoletto di sviluppare la sua arte oratoria, prendendo una mirabile tecnica ciceroniana mista a quella berlusconiana, venendo a generare quella che chiameranno i suoi discepoli, un'arte Avogadrica. Notizie incerte dicono che sia ancora vivo. Ciò rende la sua vita ancora più triste. Ci uniamo al dolore dei suoi cari. Da fonti attendibili sembra che sia fuggito dal Cottelengo di Torino.

gagliardo giuseppe 26.09.11 21:06| 
 |
Rispondi al commento

brunetta assomiglia a quelle cose,quando alzi una pietra in giardino scappano.

gagliardo giuseppe 26.09.11 20:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo con Brunetta per una volta....vendere tutto quello che non serve!!!.......................chi vuole 1000 parlamentari a 50 centesimi?????

Antonio De Simone 26.09.11 20:26| 
 |
Rispondi al commento

non mi stupirei nemmeno tanto se dovessero davvero togliere il certificato antimafia ,a questi chi li ferma più ?

panino.A. 26.09.11 19:35| 
 |
Rispondi al commento

non me ne frega un cazzo se ne devono andare in torto.poi si cominci a fare politica,ma devono andarsene.

gagliardo giuseppe 26.09.11 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Che la crescita sia un'ossesione per Brunetta si può capire, è comprensibile.
Ma non sono le vitamine che fanno crescere sono gli ormoni.
Gli ormoni della crescita esistono, le vitamine non mi risulta.
Dargli gli ormoni, ormai, è complicato.
La semplificazione potrebbe essere dunque dargli una "tirata" ancorando la testa e i piedi.
Insomma un cappio, una corda, e un bel sacco di sabbia.

Kasap Aia, Cifre, borgo virtuale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.09.11 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Vendere luce , acqua e gas ?

BRUNETTA !!!!
abbiamo votato un referendum sull'ACQUA PUBBLICA !

Dopo non ti incazzare se ti prendono per il culo ...

Luca

LucaASolo 26.09.11 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Azzzzzzzzzzz ma stò Brunetta è un fenomeno !

Capisc'a me

*Antonio Cataldi. (capisc'a me) Commentatore certificato 26.09.11 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Sta volta nn ha tanto torto!

Mimmo 26.09.11 17:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori