Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Muammar Bossi


Bossi_Gheddafi.jpg
C'è qualcosa che accomuna Boss(ol)i a Gheddafi. Quando penso all'uno mi viene in mente l'altro. Non so perché. Forse per le loro continue sparate e quell'aria un po' così, sfasciata, di entrambi, o l'abbandono da parte dei loro sostenitori. Mahmoud Maroni potrebbe presto lasciare Boss(ol)i al suo destino come ha fatto Mahmoud Jibril, ministro di Gheddafi fino a pochi mesi fa, e ora nuovo premier della Libia. Il ricorso ai 300.000 fucili mai esistiti delle valli bergamasche... Assonanze tribali. La ridotta di Ponte di Legno come il fortino di Sirte. A Varese la sua tribù lo ha rinnegato. A Verona lo hanno fanculato. Il fuoco amico della Padania è in azione, chi gli sparerà l'ultima raffica?

24 Ott 2011, 18:49 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Bossi ormai è finito, morto definitivamente. Non ha più popolarità, nei suoi gomizi di piazza non ci và più nessuno, neanche i Padani stessi. é totalmente deprimente sentirlo parlare delle solite cazzate come la secessione ecc.Con lui è morta pure la lega che non ha più il consenso di una volta e che va regredendo sempre più. Come cazzo facciamo ad avere un ministro cosi nn si sà. Con idee regredite e un piede nella fossa.Muammar Bossi è il termine giusto. la sua ora è vicina, sfanculato dai suoi stessi sostenitori

gaspare 27.10.11 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Bossi...Maroni...Gheddafi...tutte facce della stessa medaglia. La medaglia di bronzo. Come le loro facce di mer*a!!

ciro c., Quinto di Treviso Commentatore certificato 26.10.11 16:30| 
 |
Rispondi al commento

comunque Gheddafi è morto da combattente. Niente a che vedere con le pecore di casa nostra. Marcella

Marcella ., Varese Commentatore certificato 26.10.11 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bossi e berlusconi, (le minuscole, sono volute) sono malati, ma chi gli da ancora credito, lo è di più

Silvano G., brescia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.10.11 07:33| 
 |
Rispondi al commento

Minimo (ma proprio minimo) Comun Denominatore fra gheddafi, bossi e berlusconi? ? Al primo la sifilide gli ha bruciato il cervello prima ancora della pallottola. Al secondo ci ha pensato la natura a demolirgli i neuroni. Il terzo? Si aspetta impazientemente che a bordo di un Ford "Transit" (gloria mundi) con al traino una "Escort" schianti i neuroni contro un muro.

Silvano B., Bellinzona Commentatore certificato 25.10.11 20:56| 
 |
Rispondi al commento

L'insegnamento della Francia all'Italia perché si tiri via dal suo cul de sac culturale-politico-economico è, rispettivamente, la libertè,la "legalitè" e la fraternitè.

Douglas Gattini 25.10.11 19:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è una soluzione?

almagemme 25.10.11 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Muhammar Gheddafi è stato assassinato insieme ad altri, anche un suo figlio, in modo brutale dopo che si era arreso, disarmato ed implorava pietà, è stato martirizzato e quindi ucciso con un colpo alla testa, alla faccia della convenzione di Ginevra e della pietà umana. Paragonarlo a Umberto Bossi augurandogli la stessa fine mi sembre veramente deplorevole, in quanto stiamo parlando di esseri umani, con i loro difetti anche gravi, ma pur sempre degni di rispetto. Del sangue di Gheddafi e delle decine di migliaia di persone uccise delle citta Sirte ecc rase al suolo dalla Nato di Sakofag, Camerron ed il premio nobel per la pace Osama Barakk, e dai tagliagole del cnt libico, i traditori di Gheddafi, suoi ex ministri. Paragonare quella immane tragedia alle nostre vicende miserabili della altrettanto politica italiana mi sembre errato e macabro. Poi Bossi ha il coraggio di andare per la sua strada, sulle pensioni la condivido pienamente.

GianniVB 25.10.11 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo che alla gente piacciano persone più decisioniste e chiare rispetto a quello che Bossi è ultimamente. Nel bene o nel male, non si puo' a livello politico sempre scendere a compromessi, cercando di tenere la botte piena e la moglie ubriaca. Purtroppo a volte si rischia di perdere tutto quello che si è creato, sulle spalle di gente che davvero non ne puo' più del peso inefficiente dello stato centrale.

Fabio Gatti 25.10.11 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Direi che prima di accostare quel coso di Bossi a Gheddafi si dovrebbe studiare la storia. Articolo banale e carico di nulla.

Stefano Albergo 25.10.11 14:32| 
 |
Rispondi al commento

ROmpirà o non rompirà...umbertin..con il suo datore di lavoro?....Quale scale e quali scalini stanno costruendo per i futuri pensionati!

roby f., Livorno Commentatore certificato 25.10.11 13:43| 
 |
Rispondi al commento

il nano si è bevuto la lega questa è la verità!

presto si bevrà anche l'udc a meno che la chiesa non riesca a costruire un'alternativa, che fortemente vuole!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 10:56| 
 |
Rispondi al commento

la verità è che il nano si è bevuto anche la lega!

ora con la corte all'udc tenterà di bersi la chiesa che rimanderà al mittente e casini rimarrà schiacciato tra i due.

perchè e come si è innestato questo virus autodistruttivo in italia?

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno sparera' l'ultima raffica a Bossi, o almeno cio' che rimane di lui; un uomo dal valore politico in picchiata meteorica, cosi' come le sue capacita' mentali. Io lo vedo piu' al parco a dare il pane secco alle papere comunali, chi puo' sparare a un relitto simile? Boh!

Donald Duck 25.10.11 09:40| 
 |
Rispondi al commento

la Lega è spesso oggetto di attenzione per sottolinearne il tradimento nei confronti della sua base....se ci pensate però non è ne meglio ne peggio degli altri partiti....(anche se forese rispetto ai responsabili un po meglio lo è, anche se nessuno li cita mai )...resta il fatto che mentre tutti gli altri fanno i camerieri felici di banche e bce, almeno la lega finge di brontolare !!!!!...quello che la rend più antipatica è che prima faceva la verginella e ora che si scopre baldracca come gli altri tutti la applaudono contenti!! che tristezza...speriamo che il M5S non faccia la stessa fine !!!!

tina ghigliot 25.10.11 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Care Peppe Grillo,
la Signora Campo Innocenza ti aveva scritto sperando in una tua risposta, ma lo scorso agosto, dopo avere lottato per otto anni, se n'è andata, stanca di chiedere giustizia. Il dramma è che due anni fa, stanca e delusa dalla Giustiza (una banca ha fatto sparire il suo conto corrente con tutto quello che c'era dentro), ha tentato il suicidio.
Ora, caro Grillo, è difficile accettare che una persona di 76 anni sia così stanca di rivolgersi alla Magistratura ed al Ministero della Giustizia, da tentare il suicidio. Alla sua memoria ho pubbblicato tre video per fare conoscere questo straziante dramma:
1)http://www.youtube.com/watchv=wyKOrRVLIoU
2)http://www.youtube.com/watchv=HPvC_VUsSoY
3)http://www.youtube.com/watch?v=2QIg1BY6Cdc
4)http://pensareliberi.com/2011/10/12/puo-sparire-un-conto-corrente-bancario-con-tutti-i-nostri-risparmi/
spero tanto in una tua risposta su questa dolorosa vicenda.
In memoria di Campo Innocenza Maria, Ragusa 1933-2011.
Damiano Nicastro

Damiano Nicastro 25.10.11 03:31| 
 |
Rispondi al commento

caro Grillo non mi sei particolarmente simpatico, ma sulla questione libica non sei tra i peggiori per come è stata raccontata. credo avresti potuto tralasciare questo accostamento, per rispetto di un grande leader barbaramente assassinato dai criminali della nato, veri artefici della cattura, della tortura e infine dell'uccisione di Gheddafi, morto combattendo a fianco del suo popolo depredato e massacrato. alcune fonti parlano di oltre 20 mila civili a causa dell'attacco nato a Sirte. http://www.stampalibera.com/?p=33495
mi piacerebbe molto che nel post venisse rimossa la figura di Gheddafi.

filippo d. Commentatore certificato 25.10.11 00:08| 
 |
Rispondi al commento

quando la nave affonda i topi sono i primi a fuggire per salire su un altra,sempre però nello stesso mare.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 24.10.11 23:53| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,mi chiamo Mattia e ti scrivo proprio da Ponte di Legno..ormai Bossi è un morto che cammina! Persino mio fratello(leghista da sempre) si infastidisce quando lo sente parlare in televisione..
La lega non è più quella di una volta,è un partito che come tutti gli altri non riesce più a sganciarsi da quelle maledette poltrone..
P.S: bella figura ieri a Bruxeles..
Noi ci siamo Beppe,anche da Ponte di Legno, non molliamo!!

Mattia Prando 24.10.11 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Sembra che il futuro dell'italia e del mondo sia appeso a 5 o 6 "miseri" anni di lavoro in più da fare prima della pensione,si insiste su questo argomento già da tempo e finchè non lo si metterà in pratica i bankenstein ci romperanno i coglioni(a mio avviso,al contrario di ciò che dicono,allungare l'età pensionabile prima della ripresa e prima della creazione di posti di lavoro, sarà penalizzante e devastante,soprattutto per giovani e anziani,meglio quindi trovare altre soluzioni prima).Governatori di banche,uomini politici,giornalisti,gente comune,sono ormai tutti convinti,direi quasi ammaliati o ipnotizzati da una teoria sado masochistica partita ed imposta da pochi loschi individui che vivono solo per fare soldi senza fare un ca""o e che per i quali andare in pensione è "antieconomico" e umiliante.Chi si oppone ai loro comandamenti verrà "pestato e giustiziato democraticamente",come Bossi appunto.


VIVA LA VERA DEMOCRAZIA E VIVA LA LIBERTA'!!!

sergio a. Commentatore certificato 24.10.11 23:09| 
 |
Rispondi al commento

http://www.youtube.com/watch?v=a5N-sO6vkNI&feature=player_embedded

non c'è bisogno di alcun commento!

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 24.10.11 22:51| 
 |
Rispondi al commento

preparo il bastone aguzzo....

roberto m. Commentatore certificato 24.10.11 20:50| 
 |
Rispondi al commento

gli italiani saranno svogliati a muoversi ma non scemi nel capire... Muammar Bossi a Roma dava ragione a Silvio serie B sulle pensioni, accettando il diktat del mezz'uomo, poi nei comizi padani, tra un bicchiere di vinello di troppo e una salsiccia tra i denti raccontava che loro della lega sono stati quelli che per poco andavano alle mani per la questione delle pensioni ed alla fine l'hanno spuntata loro...

mauro d. Commentatore certificato 24.10.11 20:19| 
 |
Rispondi al commento

I talebani hanno conquistato tunisia e libia.
Grazie NATO. Prima avete fatto la guerra agli integralisti ora gli avete consegnato due stati proprio alle porte con il nostro paese.
SAREMO I PROSSIBI A VIVERE SOTTO LE BOMBE.
UN SOLO SOGNO MI FA SPERARE: CHE I NOSTRI CAPI VENGANO LINCIATI COME GHEDDAFI.
FOTTETEVI PORCI

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato 24.10.11 20:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori