Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Euro, mission impossible?


mission_impossible.jpg
Una cosa non ho mai capito. Perché la UE consentì all'Italia l'ingresso nell'Euro sapendo perfettamente che il nostro rapporto debito/Pil era astronomico, intorno al 100%. Per ogni nazione fu stabilito che non si doveva superare il 60%. Per noi (e per il Belgio, due anni dopo anche per la Grecia) si fece un'eccezione a condizione di rientrare nel tempo nei parametri. Era una missione impossibile, lo avrebbe capito anche Tremorti e persino Prodi. Un vizio di origine di questa crisi, che rischia di travolgere noi, e insieme a noi l'Europa. Ora, che il nostro rapporto debito/Pil è vicino al 120%, il doppio del limite massimo, ci si sorprende. Perché solo ora? A qualcuno ha forse fatto comodo che venisse adottato l'euro da Paesi con economie deboli. Sicuramente ai membri forti della UE, che hanno potuto esportare più di prima grazie all'euro. Se la Germania ritornasse al marco, moneta forte, le sue esportazioni nell'area UE potrebbero crollare.

30 Ott 2011, 17:27 | Scrivi | Commenti (87) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Se l'italia non fosse entrata nell'euro saremmo tutti più poveri, perchè la nostra economia fa ridere e il prestatore di ultima istanza c'avrebbe portato dritti nel baratro stampando moneta senza alcun criterio, fornendo ulteriore liquidità alle mafie per finire di depredare il paese, lasciando i cittadini con quattro lire bucate.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.11.11 00:22| 
 |
Rispondi al commento

Una famiglia che abbia introiti di 50 mila euro all'anno può fare un mutuo a 20 anni pari a 4 volte le sue entrate. Perché uno Stato non può avere un debito pari a 1 volta il suo PIL?
Per favore pretendete che quando fate operazioni di pronti contro termine lo si faccia su BTP italiani e non su titoli francesi (ad esempio).
Cerchiamo di bloccare il colonialismo economico in atto a nostro danno.

Pietro Benigni 03.11.11 08:07| 
 |
Rispondi al commento

vorrei quelle cinquantamilalire per farci un sacco di cose...

Egahim M. Commentatore certificato 02.11.11 12:17| 
 |
Rispondi al commento

perchè siamo uno dei 6 membri fondatori, ricciolone; non ti è chiaro il concetto di peso politico? Troppo comodo essere comico che non capisce una mazza quando ti aggrada e, sotto campagna elettorale, fottere voti in giro!

Economista Libero 01.11.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole una laurea in economia per capire che questi sono i risultati della SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE?con la CINA fabbrica del mondo e l'OCCIDENTE, USA compresa fabbrica di cartacce e titoli falsi,nonchè scommesse trasformate in variegati PRODOTTI FINANZIARI.L'EUROPA strozza la GRECIA,ma non eravamo UNIONE EUROPEA?
i BOND GRECI sono in DRACME?
Non parliamo delle AGENZIE di RATING!!!
Siamo inquaiati e non abbiamo ancora capito niente

Ambrogio Giordano 01.11.11 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Semplice lo scopo era di rendere quei paesi delle colonie, infatti è la bce che decide cosa devono fare gli stati in difficoltà!!!!! Alla Grecia hanno chiesto di vendere il partenone a noi chiederanno di vendere il colosseo e poi gli scavi di pompei e poi chissà cos'altro!!!!!
Io resto sempre della stessa idea non si deve versare più neanche un euro allo Stato italiano solo così forse riusciremo a riprenderci il paese!!!!!

rosaria rossi, napoli Commentatore certificato 01.11.11 04:54| 
 |
Rispondi al commento

Qualche giorno dopo l'entrata in vigore dell'euro,mi ero recato con mia figlia in un parco giochi che frequentavo spesso.Ci avviciniamo al videogioco a monete preferito di mia figlia e con rammarico scopro che lo stesso gioco,funzionante una settimana prima con 500 lire,ora chiedeva 50 centesimi!! Era l'inizio della fine!

Romualdo M., perugia Commentatore certificato 31.10.11 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Uscita dall'Euro e Sovranità monetaria sono l'UNICA Soluzione...

Dalla nascita dell'Euro abbiamo perso la sovranità statale sulla moneta ( che altri paesi hanno mantenuto, Japan, Usa, GB, Svezia, Norvegia, ecc)

Abbiamo fatto (impostoci dai potenti) un tasso di cambio Lira/Euro capestro (grazie a Prodi) che ha reso i nostri prodotti export fuori mercato (a vantaggio della Germania e Nord Europa)

Non potendo stampare moneta i soldi per pagare la macchina dello Stato li abbiamo dovuti chiedere alla BCE ( organismo privato in cui comandano i big della finanza) e abbiamo contratti dei veri DEBITI......l'inizio della fine......

Pier Ivy 31.10.11 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché è stato permesso all'Italia di entrare nell'euro con un debito pubblico del 100% sul PIL nonostante il Trattato di Maastricht prevedeva il 60% sul PIL (e il deficit al 3%)?

Per la stessa ragione per cui la Francia dal 1995 al 2007 con Chirac se n'è sempre fregata di questi parametri idioti imposti da tecnocrati sociopatici. Il deficit è sempre stato alto perché spendere a deficit per i propri cittadini (se la spesa pubblica è buona e non va a finire in corruttele e clientelismi tipici dell'Italia post-gold standard) è cosa buona e giusta.

D'altronde è stato lo stesso Sarkozy una volta eletto a garantire all'UE che questi vincoli non sarebbero stati rispettati: basta vedere oggi il deficit francese...

La verità è che abbiamo una moneta dei banchieri priva di un'istituzione politica sovrana (abbiamo un parlamento europeo completamente inutile) che determini quale POLITICA monetaria sia realmente necessaria in un momento come questo dove si chiedono solo manovre lacrime&sangue senza uno straccio di redistribuzione delle ricchezze che in questo decennio si sono trasferite dalla base della piramide alla cima (il famoso 1% - o 10% - e il 99%). Si lascia fare ai tecnocrati-banchieri e alle forze tutt'altro che libere del mercato (leggi oligopoli speculativi).

Alla Germania di oggi è stato inconsapevolmente concesso con l'euro quello che è stato fortunatamente impedito alla Germania di Hitler con le armi: diventare una superpotenza economica dominante sull'intero continente. A cui gli altri stati dovranno adeguarsi sudamericanizzando la propria forza lavoro per continuare in prospettiva a competere sulle esportazioni con la Cina. Qualcuno crede veramente che alla Germania interessino concorrenti che facciano le famose "riforme" così da tolgierle quote di mercato? Quel che conta in questa Europa delle banche e dei debiti è solo la miope competizione, i risultati trimestrali da presentare ai mercati.

Dei diritti e delle Costituzioni ce ne si può anche sbarazzare.

Riccardo 31.10.11 20:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il messaggio delle 18:36 riporta commenti della cancelliera Merkel in un articolo del 5 Ottobre 2011 che dice in pratica che è meglio che la Germania non abbia una moneta propria altrimenti si fà la fine della svizzera che non riesce ad esportare....pittosto della propria moneta meglio la solidariatà dice testualmente ..L'Italia allora tiene basso il valore dell'euro cosi la Germania può esportare ?? e cosa ci danno in cambio di questo favore ??

martino lorenzon 31.10.11 18:53| 
 |
Rispondi al commento

"Solidarity is always cheaper than if we were to go it alone and wind up with the problem Switzerland has -- that the currency level is so high that you can’t export any products anymore. Today, going it alone is no path to a better future.” “We must press ahead with the task” begun by former Chancellor Helmut Kohl when he made the political decision in favor of the euro after German reunification in 1990, she said. MARTINO DICE : Si e nel mentre vuoi far fuori tutto il l'Europa periferica per mantenere basso il valore dell'Euro cosi puoi esportare ? Ma un paese cosi si puo considerare un paese amico ? a me non sembra. Ma se non e amico cosa e ? L'Euro ha portato al annientamento della Grecia che altrimenti avrebbe svalutato, gli altri paesi periferici sono sulla buona strada..e tutto per far un piacere alla Germania ??? LA Germania ha davanti una scelta chiara ed inequivocabile: LA rapida ri adozione dell D-MARK e le scuse al resto dell'Europa !! e se gli va bene non gli chiediamo i danni !!

martino lorenzon 31.10.11 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi stupisco per la domanda ;semplice la risposta, l'Europa ci tiene in piedi, perché siamo un popolo numeroso e consumatore.
Poi la conquista è già stata fatta: non siamo più padroni di niente, dall'energia, ai soldi.
Importiamo di tutto e di più.
Quando mai i fornitori uccidono i consumatori? come se gli strozzini uccidessero i debitori solvibili: tengono il cappio lento, ogni tanto una tirannia e le cose si mettono a posto subito. Le "Vampate" d'orgoglio nazional-populiste, un po' da circo Magnum, vanno bene per il volgo.
Non abbiamo più nulla da vampate.
Sudditi fummo, siamo e saremo. Per storico destino e profonda vocazione.Cosa pretendete da un popolo che bruciò Giordano Bruno, ed esiliò Galileo??
Documentazione e bibliografia su richiesta!

Emilio Odescalchi 31.10.11 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Penso che basterebbe solo ed esclusivamente un Governo imparziale, che capisse le vere dificoltà del paese. Basta aiutare le Banche, basta aiutare le grandi industrie in crisi con i contributi a pioggia, basta con le grandi opere inutili......
Basta con i politici di mestiere, sindacati compresi.
1 Le banche devono essere ridimensionate nel loro potere, vietare gli aumenti che fanno a loro piacere sui conti correnti e le operazione mandandoti una semplice lettera con scritto o ti va bene o recidi il contratto, vietare nel caso una persona che ha problemi a pagare qualche rata del mutuo ( anche solo poche rate ) sia privato della sua casa sudata uan vita, ed infini finirla con tutta questa speculazione su una finanza che alla fine è solo fumo negli occhi....
2 Basta dare soldi a grandi gruppi perche' in difficoltà o per fareinvestimenti. tutti soldi buttati.... e alla fine si è sempre a capo... e non bastano mai. Al massimo si potrebbero fare dei prestiti ma con interessi ( anche se piu' bassi del mercato bancario ) ma prestiti e nn a fondo perduto... se no noi italiani siamo tutti azionisti di Fiat, Finmeccanica ecc.....
3 Basta con le grandi opere, ponte sullo stretto, alta velocità.... soldi buttati per opere che alla fine non verrano mai finite....cattedrali nel deserto..... oltretutto facciamo queste grandi opere quando abbiamo tanti altri proplemi... vedi ferrovie, strade, sanità e scuola..... forse bisognerebbe investire li..... e avere un paese progredito e non impoverito...
4 basta con questa politica mangia soldi e aggrappata alla loro poltrona e ai loro vantaggi.. passando da un partito all'altro... senza morale... e fregandosi di noi ... poveri e considerati solo un voto...per le prossime elezioni.....
Poi volevo fare solo una considerazione sull'euro... Mi ricordo quando ero un ragazzino si diceva che il petrolio costava troppo perche' la lira era debole... ok... perfetto... ma perche' oggi il petrolio è ai massimi storici... non abbiamo l'euro???

Luca Marri 31.10.11 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Senza dubbio l'Italia non doveva entrare nel euro. Contrariamente a quel che dicono tutti gli esperti economisti, politici, professoroni e giornalisti economici, L'Italia ha fatto un pessimo affare con la moneta unica.Lo dico dal punto di vista di un lavoratore e privato cittadino non da politico o economista.Le cose sono cambiate in peggio rispetto a prima. Tuttavia l'Italia può rialzarsi e riprendersi un pò quella leadeship economica che ha perso se solo si liberasse di questi inconpetenti e dilettanti allo sbaraglio al governo. Continuano ad annaspare nel vuoto rinchiusi nel loro bunker senza concludere assolutamente nulla. E POI RISOLVONO CON I LICIENZIAMENTI FACILI DICENDO CHE DARANNO DINAMICITà ALL ECONOMIA. ARRIVA IN TELEVISIONE QUEL IDIOTA DI SACCONI DICENDO CHE è PREOCCUPATO DELLE TENSIONI SOCIALI CHE POSSONO SCOPPIARE IN ATTI DI TERRORISMO E SI PREOCCUPA DEGLI ALTRI CHE SONO MOLTO ESPOSTI MENTRE LUI è PROTETTO.Sapete qual'è la verità? al governo quasi quasi sperano in atti terroristici in modo da distogliere l'attenzione sulle vere calamità del paese e puntare i riflettori su altro, cosicchè loro possano governare tranquillamente e dire che stanno facendo il possibile per il paese.E PIU FACILE OCCUPARSI DI 4 RAGAZZINI CHE ROMPONO LE VETRINE INVECE DELLE COSE REALI E URGENTI COME IL LAVORO E L'ECONOMIA PER IL PAESE.Tanto loro si sentono protetti...........

Gaspare M. Commentatore certificato 31.10.11 14:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da wikipedia:

" La lira rimane nello SME fino al 1992, quando due formidabili attacchi speculativi da parte di un finanziere senza scrupoli, George Soros, costringono la Sterlina e la Lira ad uscire dallo SME. La lira rientrerà nello SME il 25 novembre 1996, col cambio di 990 Lire per un Marco tedesco."

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 31.10.11 11:35| 
 |
Rispondi al commento

I paesi periferici tengono basso il valore dell'Euro cosi la Germania può esportare competitivamente!! LA Germania senza l'euro avrebbe una moneta fortissima. Difatti è la Germania che ha fatto salire il valore dell'Euro da quando è stato concepito. Mentre la Germania esporta competitivamente in più non ha una moneta che può rivalutarsi nei confronti degli altri paesi Euro ed i paesi periferici si trovano con una moneta sovra valutata ed assolutamente non competitiva. Dunque sono due aspetti che ci hanno fregato con l'Euro. Il meccanismo e spiegato meglio qui: http://www.facebook.com/groups/155749337847879/ La soluzione del problema e la ri adozione del D-MArk da parte della Germania !!! Loro (i tedeschi ) lo sanno benissimo e che fanno gli gnorri ..e noi gli lasciamo fare !!!

martino lorenzon 31.10.11 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Nonostante tutti sanno come mai nessuno raccoglie le firme per abolire i privilegi dei parlamentari?..Perchè non applicare anche a loro il contributivo?.Perchè una volta finiti di essere parlamentari non tornao ad essere dei mortali cittadini? Invece di seguitare ad approfittare dello stato fino alla loro morte con viaggi..uffici..e varie GRATIS?..Perchè non abolire i senatori a vita?..Perchè non abolire i doppi incarichi?..E' tutta una anomalia italiana..Perchè non inserire la politica a tempo?..Chi ha avito due incarichi consecutivi deve uscire dalla politica e tornare a lavorare...E' difficile tt questo?...Queste sono le cose da fare...prima di ogni altra....

Ferri sante 31.10.11 11:06| 
 |
Rispondi al commento

sulle speculazioni provocate dall'arrivo dell'euro:

non facciamo quelli di memoria corta, ricordiamo quando le varie associzioni di consumatori denunciavano quelle speculazioni e il duo tremonti-berlusconi negavano inventandosi la formula del' "inflazione percepita" e dopo, non potendo piu' negare, davano la colpa all'euro. per due anni non hanno fatto niente anzi hanno negato il forte rialzo di prezzi, che perseguiva anche lo stato, quindi loro. non hanno fatto niente comuqnue anche dopo.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 31.10.11 10:49| 
 |
Rispondi al commento

non stiamo a dare colpe all'euro, sono solo scuse che adottano gli attuali governanti.

senza l'euro eravamo gia' falliti negli anni '90 e se ce la sgavagnavamo lo eravamo oggi.

il problema e' che gli attuali governanti devono smettere di spostare la ricchezza interna dalle classi piu' deboli a quelle piu' forti (tra le classi piu' forti ci metto anche l'economia sommersa).

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 31.10.11 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo alcuni commenti, mi sembra che sia già cominciata la campagna elettorale il cui tema sarà: viva la lira, abbasso l'euro. Del resto Berlusconi ha già parlato contro l'euro (poi, rimangiandosi tutto o quasi come al solito...) attribuendo alla moneta unica tutti i mali del paese. Ignorante e in malafede. Vedo però che molti, anche qui, abboccano o anch'essi in malafede gli fanno da cassa di risonanza. I mali dell'Italia vanno in gran parte ascritti a Berlusconi e Tremonti, al governo da 10 (dieci) anni!!! Quali riforme strutturali hanno fatto? Che cosa hanno messo in campo per la crescita economica del paese? Che cosa hanno fatto per diminuire drasticamente il deficit di bilancio? Io ricordo solo le innumerevoli leggi per salvare le chiappe al padrone e le altrettanto innumerevoli bugie sulla crsi che non c'era e poi, senza mai essere arrivata, era già passata. E noi, parole del duo, eravamo usciti meglio degli altri... E infatti... Infine, citando Altroconsumo: non possiamo dire che il passaggio all'euro, dopo dieci anni di moneta unica abbia rappresentato un salasso per i consumatori. Fatta eccezione per il biennio 2007-2008, l'inflazione, in fondo, è cresciuta in modo fisiologico. Dati alla mano e non fanfaluche.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 31.10.11 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non solo: se la germania torna al Marco L'euro senza la Germania scenderà in valore. Difatti l'alto valore del 'Euro è dovuta alla Germania. Italia di per se e gli altri paesi perifierici tengono basso il valore dell'Euro per la Germania ma questo sta mandando noi ed i paesi perifierici alla distruzione!!!. La soluzione è proprio il ritorno del D.MArk !!! http://www.facebook.com/groups/155749337847879/

martino lorenzon 31.10.11 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Vi invito a leggere sulla pagina di facebook:

http://www.facebook.com/groups/155749337847879/

Ecco come la Germania ha approfittato e continua ad approfittare con l'Euro.

martino lorenzon 31.10.11 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Io so soltanto che con la lira avevo un lavoro, e campavo, non bene, benissimo. Ora con l'euro non c'è più lavoro, e si muore di fame. La colpa? Secondo me di chi (andando contro la costituzione) ci ha privato della sovranità monetaria e popolare, senza manco interpellarci. L'unica cosa che possiamo fare adesso, è: eliminare questa classe politica di delinquenti, tutti i loro benefit e vitalizi, addebitare a loro il debito (vedi Islanda), e portare via loro tutto ciò che hanno guadagnato (o meglio rubato) negli ultimi 20 anni. In politica ammettere solo incensurati e competenti. Soppressione delle provincie, e riduzione della metà del numero dei politici, infine tetto salariale a non più di 5000 euro al mese. Naturalmente lor signori andranno in pensione al pari di tutti gli altri lavoratori.


tutto questo è stato fatto per permettere alle banche di speculare.I tassi erano trppo bassi,con la speculazione di quest'estate i taasi si sono rialzati come aveva già dichiarato Draghi in giugno ,dicendo che i tassi dovevano saire,perchè le banche guadagnavano troppo poco.Ora i tassi si sono alzati e le banche possono speculare tutto qui .L'economia di carta è ripartita nel suo gioco perverso.

francesca battisti 31.10.11 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Che l'euro fosse fallimentare si era gia' capito prima ancora che nascesse in italia,ma grazie alla miopia degli italiani il progetto fu attuato lo stesso.
Perche' fallimentare? Perche' e' impensabile cambiare una moneta sovrana come la LIRA con una moneta in "affitto" come l'euro,eppoi come : 1 EURO = 1936 e rotte lire!

Ma lo capiva anche un bambino (non i soliti italiani coglioni che adesso piangono)che non avrebbe MAI funzionato.

Io personalmente perche' c'ero e avevo gia' piu' di trenta anni ai tempi,mi son preso di fesso piu' di una volta quando parlando con la gente sostenevo queste mie impressioni.
E ora?
Se non si capisce che bisogna ripensare rapidamente e COMPLETAMENTE il sistema bancario e che l'italia non produce nulla (vedi Mattei che fine fece)ma TRASFORMA ed esporta qua conviene cominciare ad attrezzarsi con porto di armi e schiantine varie per la guerra tra poveri che si creera' fra poco.
Catastrofico? mah....si vedra'...

matteo s., torino Commentatore certificato 31.10.11 09:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'euro e L'europa, la più grande "sola" storia!..l'euro è servito solo alle multinazionali e ai Banchieri!.
Così stampano le monete e noi li diamo "gli interessi" senza che questi facciano un cazzo, ci dicono quanto dobbiamo guadagnare,quanto spendere, e quanto pagare il loro disturbo!.
Bisogna interrompere questo circolo vizioso, il ruzzino è andato avanti anche troppo!..
anche benetazzo l'ha capito..!
Riprenderci la sovranità nazionale di "batter moneta" e quindi la politica economica!...

roby f., Livorno Commentatore certificato 31.10.11 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Un Europa che, per tanti secoli, è stata luogo di tanti conflitti, fra le nazioni che la costituiscono
(che hanno comunque, ''lasciato il segno'', non può essere unificata da un valore materiale come il denaro. D' altra parte, non mi sembra che questo nostro continente, abbia ancora, qualcosa di valido, da proporre agli stessi europei e al resto del Pianeta. Per chiudere: una Unione Europea dove SOLTANTO Francia e Germania, DETTANO LEGGE, è semplicemente patetica e nient'affatto credibile.Per cui, staccarcene, non sarebbe poi,
il peggiore dei mali.Mi sbaglio?

Ireneo G., Fermo Commentatore certificato 31.10.11 09:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La tua risposta è: Goldman Sachs
Questa banca d'affari sta dietro l'Euro e l'annessione dei Paesi che non ne avevano i requisiti, per la Grecia in particolare hanno fatto artifizi contabili da circo equestre.
Rappresentanti per l'Italia:
Prodi
Il Defunto Padoa Schioppa
Visco
DRAGHI
MONTI
A buon intenditor...

Donato Tobi () Commentatore certificato 31.10.11 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno imposto l'euro? Forse sarà vero, ma se l'Italia ne fosse rimasta fuori con la nostra liretta saremmo falliti quasi subito e ci avrebbero allora "salvato" annettendoci all'euro....insomma come la si rigira saremmo stati fregati ugualmente:

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 31.10.11 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si, e'tutto vero, a queitempi vi fu chi ragiono' con prospettive da maiale sapendo bene quello che faceva, intanto pensava il suino, ci riempiamo la pancia, in futuro si vedra'; stesso discorso per Grecia, Portogallo, Irlanda,Spagna tutte maialate
che come al solito poi lasciano sul terreno solo merda in quantita' industriali. Bisognera' vedere adesso a chi tocchera'spalarla via! Io ho una certa idea.....purtroppo!

Teste di Maiale 31.10.11 08:42| 
 |
Rispondi al commento

La cosa + bella del post è che il commento + votato fa pubblicità ad un libro all'eccelso m4rr4 (così non lo iidicizziamo su gogòl). Senza stare a ricorare chi è il personaggio, e la sua breve carriera da presidente della corte d'appello di milano, mi piace ricordare alcune delle sue + famose testimonial di libri, tra cui quella meravigla della arcuri (ora suora in odore di beatificazione perchè non la diede al Capo) e la nipote + famosa d'italia, la signorina el marough...

Zawardo Z. Commentatore certificato 31.10.11 08:06| 
 |
Rispondi al commento

Il mistero, il perché si svela ricordando che le mille lire sono diventate un euro solo, invece che quasi due-


in italia, dall'arrivo di berlusconi &c., e' successo quello che succedeva in america latina nei paesi che hanno devastato le loro economie: un governo corrotto che accumula debiti, scarica i costi alla gente che si impoverisce sempre di piu' e i soldi finiscono nelle tasche dei governanti e dei loro compagni di merenda.

e' successo e sta succedendo sotto i nostri occhi.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 31.10.11 05:26| 
 |
Rispondi al commento

non e' difficile da capire:

1) sul debito si pagano interessi che si basano sulla svalutazione che ha la moneta, cioe' sul suo valore di mercato.

2) con la lira gli interessi erano molto alti, se si ricorda la lira era uscita dal famoso "serpente monetario", cioe' la sua valutazione era cosi' fluttuante che andava considerata di giorno in giorno. eravamo in una brutta situazione, anche in quegli anni si parlava di fallimento. svalutazione della moneta a due cifre.

3) entrando nel circuito dell'euro (anche se la moneta non esisteva ancora fisicamente) automaticamente siamo entrati nell'orbita delle economie europee, siamo diventati loro soci.

4) quindi la svalutazione della nostra moneta si e' fermata e gli interessi sono calati di piu' della meta'.

5) in questo modo, a pari entrate dovevamo pagare meno soldi per gli interessi.

6) con i soldi risparmiati abbiamo calato il debito pubblico che dal 119% dei primi anni '90 e' sceso al 107% del 2000.

7) se si andava avanti cosi' in pochi anni avremmo rimesso a posto i conti pubblici senza sbatterci piu' di tanto. il debito pubblico sarebbe tornato nei parametri giusti cosi' come avevamo promesso all'eu per riuscire ad entrare nell'euro.

8) purtroppo gli italioti hanno scelto un certo governo con chissa' quale pensiero di diventare tutti ricchi e questi governanti hanno ricominciato ad accumulare debito pubblico e ci ritroviamo nella situazione in cui siamo adesso.

p.s. per chi dice che prodi aveva taroccato i conti pubblici, l'europa sapeva benissimo i nostri conti, solo il carisma di prodi e le sue promesse di rimetterlo a posto ci ha permesso di entrare nell'eu. e se si andava avanti con il suo sistema adesso avremmo il debito allineato a quello delle altre nazioni europee.

francesco pace (francesco pace 51), bologna Commentatore certificato 31.10.11 05:13| 
 |
Rispondi al commento

perchè Prodi ha trucato i conti, come? ha messo multe a tutte le imprese, quindi ha contabilizzato i soldi come incassati e ha ridotto il debito, una volta entrato nell'euro ha restituito, o non incassato i soldi con lettera di scuse per errori di contabilità, intanto ce l'aveva fatta :-)

mix 31.10.11 00:37| 
 |
Rispondi al commento

Assunto: l'Italia la Spagna la Grecia la Francia Spariranno, sparirà l' euro per colpa del debito pubblico.
Il debito è una chimera, organizzata da menti sopraffini per soggiogare le masse proletarie al fine di arricchire le poche illuminate persone degne di nota, il debito non esiste è un'invenzione tanto è vero che non esiste un'unico creditore ma una miriade di creditori intrecciati gli uni con gli altri di cui l' unico emittente rimane la banca centrale a sua volta partecipata dagli stesi stati sovrani.
come è arrivata la paura? chi l ha accesa? qual'è il fine di questa paura? riflettete e tutto sarà più chiaro, mentre i Ns Vs diritti ogni giorno vengono sempre più tagliati, in nome del debito che non c'è

AlexMe 31.10.11 00:32| 
 |
Rispondi al commento

PENSO CHE CHI HA SEGUITO " REPORT" DEL 30 OTTOBRE TROVI LE RISPOSTE DA SOLO AL PERCHE' DI QUESTA CRISI .

flavio f., udine Commentatore certificato 30.10.11 23:33| 
 |
Rispondi al commento

perché c'è un accordo tra la massoneria tedesca e quella inglese!

vecchio porcello 30.10.11 23:10| 
 |
Rispondi al commento

Sciocchezze, recuperiamo l'evasione che da noi è il triplo degli altri paesi, e saremo perfettamente in linea, se non meglio degli altri!
Recupero evasione=diminuizione del debito!
Semplice, lineare, fattibile!
Manca solo una cosa, la volontà!

l., ancona Commentatore certificato 30.10.11 21:51| 
 |
Rispondi al commento

quando in una casa cominciano a mancare le cose di primaria importanza,si cominciano a tagliare le spese voluttuarie,poi quelle superflue(le spese della POLITICA,COMPRESI I DEPUTATI,I SENATORI E TUTTO" L'INDOTTO")ed in fine se ancora rimane spazio si imitano i francesi ,rivivendo da "BUONI ITALIANI"IL 14-LUGLIO(LA PRESA DELLA BASTIGLIA)

carlo benedetto 30.10.11 21:50| 
 |
Rispondi al commento

l'Italia ha una economia sommersa circa del 30%, anche se è sommersa è pur sempre una economia reale, quindi il PIL italiano è sottostimato del 30% e di pari passo è sopravalutato il debito che invece del 120% sarebbe circa del 90% del PIL reale. Ma questo non cambia la drammaticità del momento ed ho paura che tra la primavera e l'estate del 2012 l'Italia farà il botto, fallirà, portandosi poi dietro Francia, Europa e tutto quanto.

MrTitian 30.10.11 21:50| 
 |
Rispondi al commento

Dimenticavo,visto che gli esseri umani sono sparsi in quasi tutto il pianeta e oggi si ci incontra anche molto lontano dal proprio luogo di origine è EVOLUTIVO pensare ad un unico mezzo di scambio ovvero una moneta unica globale

salvatore castellano 30.10.11 21:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il denaro deve tornare alla sua funzione reale,ossia MERCE DI SCAMBIO, LA RICCHEZZA prodotta in eccedenza dal proprio fabbisogno viene reinvestita in servizi,istruzione,ricerca,arte,tempo libero il resto è fumo

salvatore castellano 30.10.11 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Nei mesi intorno al trattato di Maastricht (1993) la Germania insistette perchè Italia e Spagna entrassero nell'Euro. I tedeschi avevano paura che Lira e Peseta potessero diventare troppo forti mentre la Germania, il paese d'esportazione per eccellenza in Europa, rimaneva al palo incatenata all'Euro.


il vero problema dell'euro è questo :

1936,27

forse era meglio lasciare tutto alla pari ...1 euro mille lire

se compravi un app.to e ti dicevano solo 80.000 Euro che vuoi che sia ...

( 160.000.000 milioni ) forse uno ci ripensava di fare un mutuo e i debiti.

vaffanculo

sabatino 30.10.11 20:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siete fuori strada. Il piano è facile da capire ma chiaro solo a pochi. Diciamo che c'è un gruppo di potere che controlla tutti da almeno 3 secoli ed ha un piano finale chiaro e definito e lo stanno raggiungendo, passo dopo passo. Tu ti indebiti (di carta straccia senza valore) con stratagemmi vari e poi mi svendi i tuoi asset reali!

adriano 30.10.11 20:22| 
 |
Rispondi al commento

Se la Germania ritornasse al marco, moneta forte, le sue esportazioni nell'area UE potrebbero crollare.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°Beppe

vorràdì che i tedeschi continueranno a mangiare
wurstell crauti e patate!
pensa quanto je ne frega no cazz a quelli delle
nostre INESISTENTI ESPORTAZIONI..
IN GERMANIA non gira 'na macchina italiana manco
a pagarla a parte..

forse qualcuna di italiani residenti lì per lavoro
e magari l'avranno comprata in Polonia !

mah!


lasciamo perde, è meglio va!
saranno cazzi nostri che con il ritorno alla lira
non verrà considerata manco dal Burundi !!!

LENIN il saggio (il verde appeso), Roma Commentatore certificato 30.10.11 19:53| 
 |
Rispondi al commento

appena entrati nell'euro abbiamo pagato tassi più bassi, solo che quanto risparmito è stato prontamente sputtanato in maggiore spesa pubblica.

FABER C., RIMINI Commentatore certificato 30.10.11 19:42| 
 |
Rispondi al commento

e spiega un pò che paggliacciata è questa.
Come mai l'Europa non ha mai detto niente sul fatto che l'Italia non ha MAI ratificato l'insieme delle leggi emanate dall'Unione Europea riguardo la CORRUZIONE?

umberto santacroce 30.10.11 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Sul Corriere di oggi c'è la lettera che Mario Monti ha indirizzato a Berlusconi a proposito delle scempiaggini dette da quest'ultimo sull'euro. Da leggere.

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 30.10.11 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi citato per traffico di minori in America
"... In May 2010, officials arrested two police officers suspected of trafficking-related complicity in a night club in Pisa. In February 2011, judges set a trial date for Prime Minister Berlusconi for the alleged commercial sexual exploitation of a Moroccan child; media reports indicate evidence of third party involvement in the case, indicating the girl was a victim of trafficking. .."
http://www.state.gov/g/tip/rls/tiprpt/2011/164232.htm

Matteo Pietri Commentatore certificato 30.10.11 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Su questo tema, consiglio vivamente questa lettura: http://www.paolobarnard.info/docs/ilpiugrandecrimine2011.pdf. Per me è stato come prendere la "pillola rossa" e uscire da Matrix... Mi ha fatto, e mi sta facendo, molto riflettere.

Alberto Varenna 30.10.11 18:39| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
IL PROGETTO DELLìEURO ERA FIN DALL'INIZIO UN PROGETTO FALLIMENTARE,PER LE ECONOMIE FORTI (GERMANIA,FRANCIA ETC),ADESSO NE FANNO I CONTI,CON QUESTA CLASSE DI NOSTRI DIPENDENTI INCAPACI ED INCOMPETENTI.MI AUGURO IN TUTTA ONESTA AL FINE DELL'EURO,MA NON DELLA DOPPIA VALUTA.
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 30.10.11 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Non ci ha fatto entrare nessuno, c'erano dei parametri da rispettare e le condizioni erano che si dovessere avere non tutti i parametri in regola, con la possibilità per ciascuno stato quindi di derogare su uno dei parametri, attuando poi politiche per rientrare.

L'Europa non c'entra nulla, sappiamo benissimo farci del male da soli. Senza l'Europa saremmo già falliti e a questo punto, vista la situazione Argentina, non credo sarebbe stato proprio un male...

Alessandro Arrigo 30.10.11 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è stato permesso per farci diventare una colonia,pronta per fare tutto quello che si vuole,
i fatti di questi giorni ne sono la prova.

giorgio p., san vittore olona Commentatore certificato 30.10.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il debito giapponese è del 200% del PIL e allora? Mica è fallito? Verso chi siamo indebitati, in cosa consiste il debito, quali sono le voci che compongono il debito? Aria fritta! Gli stati a moneta sovrana se ne infischiano del debito. La moneta è di loro proprietà. Era così per noi fino al 2002 poi, ta-taaaa! La BCE la presta ai 17 stati membri. Ecco il debito! Digitate su you tube avv marra e signoriaggio.

Luca Pino 30.10.11 17:46| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori