Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il degrado del Parco dei Castelli Romani


Parco_Castelli_Romani.jpg
"Lettera spedita all'Ente Parco Regionale dei Castelli Romani.
Elenco una serie di situazioni inquietanti a cui chiedo di porre rimedio. Sui sentieri si trovano spesso pietre smosse, vegetazione nei tracciati, pericoli anche mortali, come baratri o pareti instabili, non segnalati. I tracciati profondamente erosi dall’acqua sono ormai una consuetudine a cui, noi mtbikers e amanti del bosco, abbiamo fatto l’abitudine. L'ultimo disboscamento a Colle Iano ha prodotto situazioni di pericolo. Quando le pendenze della montagna sono molto elevate non si dovrebbe disboscare, lasciando una pianta ogni 40/50 metri quadrati. Il pericolo è che frane o slavine precipitino a valle. Le numerose frane intorno al cono di Castelgandolfo sono solo una parte di quelle dei prossimi mesi, se si continua a tagliare le piante. Urge mettere in sicurezza le pareti più a rischio, prima che “ci scappi il morto” ...come succede spesso in Italia. Nonostante io percorra 3.000 km/anno nel parco, si contano sulle dita di una mano gli incontri con i guardiaparco, sempre (badate bene) a bordo di pick-up fuoristrada con cassoni vuoti ed immacolati (a cosa serve un cassone se non per riporre qualche attrezzo, raccogliere immondizie o altro?). Ovunque rifiuti ingombranti, lavatrici, tazze del water, secchi di plastica o lamiera, migliaia di sacchetti con calcinacci, lastre di eternit... addirittura ben otto carcasse di veicoli .... rifiuti di cui qualche delinquente si libera, nottetempo, senza che si faccia nulla per prevenirlo o porne rimedio." Carlo R.

21 Ott 2011, 18:27 | Scrivi | Commenti (5) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

MALAGROTTA TRENT’ANNI DI VELENI E BUGIE.

Passeggiando per le strade di Roma in questi giorni mi è caduto l’occhio su alcuni manifesti che riportavano la scritta “Grazie Malagrotta: trent’anni di orgoglio per la città di Roma”.
Nel 2010 ISPRA ha effettuato ricerche nell’area di Malagrotta, a seguito dell’incarico dato dal Ministero dell’Ambiente, con lo scopo di indagare circa i livelli di inquinamento ambientale eventualmente riscontrati. Tale lavoro credo sia noto a pochi e quasi sicuramente nessuno si è chiesto come mai questo studio non sia stato riportato in alcun telegiornale.
Nella zona di Malagrotta emerge una situazione critica di inquinamento atmosferico con valori nettamente superiori a quelli di riferimento nazionale; il valore peggiore è attribuibile all’emissione di metano, imputabile alla presenza della discarica. Per quanto riguarda i metalli pesanti si riscontrano superamenti di valori nazionali per nichel e rame. Oltre questi inquinanti atmosferici è stata rilevata la presenza di mercurio (Hg) nei campioni di suoli e di foglie, prelevati in via di Malagrotta e nella tenuta di Castel di Guido.
Per quanto riguarda le acque superficiali: i livelli di inquinamento del Rio Galeria, ci indicano uno stato ecologico “pessimo” per tale fiume (ovvero una capacità di auto depurazione e di supportare comunità animali e vegetali ormai compromessa) ed uno stato “non conforme”, quindi non idoneo, per la vita dei pesci. Il Rio Galeria è dunque biologicamente morto. Per quanto riguarda le analisi effettuate su circa 39 pozzi ubicati dentro e fuori la discarica, si sono registrate concentrazioni elevate nelle acque sotterranee di metalli come: Alluminio, Piombo, Arsenico, Cadmio, Cobalto, Cromo, Ferro, Manganese, Mercurio, Nichel, Selenio e Tallio.
Mi piacerebbe moltissimo si parlasse più spesso dei problemi ambientali legati alle discariche, che in Italia sono ancora molto diffuse, purtroppo.

Dott.ssa Desiree Izzi

desiree izzi 25.10.11 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Il degrado dei Castelli Romani non è che un esempio di ciò che avviene sistematicamente in Italia, dove l'incuria regna sovrana.
Sono mtbiker anch'io, e posso ben capire ciò che provi tu, Carlo.

Roberto Chiappa, Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 22.10.11 19:10| 
 |
Rispondi al commento

la situazione è generalizzata ovunque. Vi faccio l'esempio di Viterbo. Ormai è una vita che il comune pulisce (se lo cogliamo chiamare pulire) solo il Centro. La ditta che ha l'appalto della manutenzione è commissariata e le periferie sono uno scandalo. Abbiamo organizzato un gruppo su facebook (viterbo pulita) che voleva dar l'esempio con dei cittadini che raccolgono la monnezza altrui visto che il comune non lo fa. La cosa più sconvolgente, di fronte a tutto questo scempio è che non ci sono nemmeno controlli per far pagare chi sporca e chi lascia di tutto in giro. c'è gente che addirittura getta i sacchetti dalle auto in corsa ai lati delle strade. E' tutto sporco, degradato, parchi di verde pubblico appena costruiti in totale abbandono (via della biga di castro). Alla prima pioggia sarà emergenza ed un temporale si trasformerà in monsone. non c'è un tombino aperto.. fortuna che siamo in discesa.

bruno pagnanelli 22.10.11 15:07| 
 |
Rispondi al commento

Anche nella zona di Rocca Priora sempre nel parco vicino all'acquedotto della doganella camminando per i sentieri si può vedere il degrado. Ho trovato abbandonata nei pressi di una radura molto all'interno, un'autogru per lavori stradali tutta ruggine, pneumatici di varie grandezze, vetri, plastiche varie e qua e là l'immancabile water che spunta dal verde coMe se il bosco fosse un cesso. In un sentiero ho trovato anche dell'eternit, materiale edile e poi qualche baracchino di lamiere semiabbandonato contornato da confini improvvisati con reti di letti legate. Non è certo un belvedere. In uno di questi sentieri vicino alla strada principale hanno scaricato di tutto. Da poco è stata messa una sbarra per impedire lo sversamento che però è senza lucchetto, si può alzare e abbassare con facilità, altre due sbarre in una via asfaltata che lambisce il bosco dopo essere stata ripulita da cumuli di spazzatura. Ci sono degli avvisi con divieti e sanzioni però sono scritti in piccolo su foglio A4. Ma i funghi che crescono sopra questi cumuli seminterrati non sono velenosi anche se sono commestibili?

giancarlo sartoretto 22.10.11 00:18| 
 |
Rispondi al commento

C'è il reato di degrato ambientale?
Beppe. Inseriamolo nel SuperProgramma del M5S!

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 21.10.11 20:44| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori