Il sorrisetto

debts-exposure.jpg

Il sorrisetto di Sarkozy è fuori luogo. Non per il soggetto al quale è stato indirizzato, sul quale ci sarebbe da sganasciarsi dalle risate per giorni, ma per i crediti amari della Francia. L'Italia potrebbe ben presto ridicolizzare la grandeur francese. Spezzeremo le reni ai cugini d'oltralpe, partiremo dal Col di Tenda e arriveremo fino al Golfo di Biscaglia senza colpo ferire. La forza del nostro debito schianterà le banche francesi. Altro che Mirage e force de frappe.
Le banche francesi possiedono 366 miliardi di dollari del nostro debito (*). E non siamo soli. Oltre al nostro debito, gli istituti di credito posseggono 53,9 miliardi di debito greco, 18,3 miliardi portoghese, 17,3 irlandese e 118 miliardi spagnolo. I debitori sono tutte nazioni a rischio default i cui titoli sono stati svalutati sui mercati dal 15% al 50%, e di riflesso il valore detenuto dalle banche. Il gran totale dei debiti dei Piigs nelle banche francesi è di 573,5 miliardi (**). Il cerino acceso del debito pubblico europeo è nelle mani di Sarkozy che non sembra preoccupato. Lui e l'altro vicini ricordano il film "Lui è peggio di me!". Nessun sistema bancario è esposto come quello francese al rischio di un default greco o italiano e alla diminuzione di valore sui mercati dei titoli portoghesi, irlandesi e spagnoli. Se fallisce la Grecia per le banche francesi sarà un terremoto, se salta l'Italia, la Francia ne seguirà il destino. Per questo la Grecia non può e non deve fallire e neppure l'Italia: per evitare il crack del sistema bancario, in particolare quello francese.
Perché la Francia ha comperato più di ogni altra nazione titoli a rischio? L'unica risposta è il voler ottenere, attraverso il debito pubblico, una parte della sovranità popolare di altri Paesi e imporgli scelte di carattere economico, come Alitalia e Parmalat, energetico, l'esportazione di centrali nucleari, e militare, il coinvolgimento forzato dell'Italia nella guerra in Libia. Il problema è che gli investimenti francesi in titoli di debito riguardano tutti e cinque i Piigs insieme. Cinque cavalli perdenti per il fantino Sarkozy. Essere disarcionati con il sorriso sulle labbra è un attimo.

(*) I valori riportati sono calcolati al netto dei titoli francesi posseduti dai Piigs

(**) fonte The New York Times

Era il mio paese

Era il mio paese - di Eugenio Benetazzo
Il futuro che attende l'Italia.
Acquista oggi la tua copia

Postato il 25 Ottobre 2011 alle 14:00 in | Scrivi | listen_it_it.gifAscolta | Stampa
| Commenti (821) | Commenti piu' votati | Invia il tuo video | Invia ad un amico

Tags: banche, debito pubblico, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Pigs, Piigs, Portogallo, Sarkozy, Spagna

Commenti piu' votati


Se l'Italia va in default ci va l'intera unione monetaria europea.

Questa sarebbe un'ottima notizia per chi vorrebbe un altro tipo di società, basata su altri principi e non basata sul PIL.

Il problema però è che non fallirà.

La gente verrà lasciata in bilico, con poco, ma con quel tanto che basta per avere paura di perdere anche quel poco che ci è restato.

Cadrà il governo berlusconi, o al massimo con grande fatica si arriverà al termine della legislatura, poi si andrà a nuove elezioni e poi, chiunque vinca, arriverà la stangata dell'Austerity imposta a tutti quei babbei che ancora vanno dietro a personaggi come Draghi e alle organizzazioni mafiose planetarie come il Fondo Monetario Internazionale.

Mettetevi l'anima in pace.

A meno che non si parta con un boicottaggio/sciopero planetario del sistema. Il che significherebbe che ognuno smette di partecipare a questo modello di società. Più semplicemente smette di consumare. Peccato che con il retaggio culturale attuale la cosa sia impossibile. Ad esempio chi mai è dispoto oggi a deporre il suo iPhone?

Nessuno, nemmeno Grillo.


1.
Il popolo islandese è riuscito a far dimettere un governo al completo; sono state nazionalizzate le principali banche commerciali; i cittadini hanno deciso all’unanimità di dichiarare l’insolvenza del debito che le stesse banche avevano sottoscritto con la Gran Bretagna e con l’Olanda, forti dell’inadeguatezza della loro politica finanziaria; infine, è stata creata un’assemblea popolare per riscrivere l’intera Costituzione. Il tutto in maniera pacifica. Una vera e propria Rivoluzione contro il potere che aveva condotto l’Islanda verso il recente collasso economico.
... cosa accadrebbe se il resto dei cittadini europei prendessero esempio dai “concittadini” islandesi?

2.
ma dove vivi ?? in islanda non c'è il petrolio

3.
l'ha detta giusta a modo suo!...sempre tronca! mai un discorso finito, eh!

e comunque hai ragione, però andrebbe sviluppato in altro modo.
per farlo serve conoscere un minimo di geografia, questa sconosciuta!
infatti l'Islanda è la prova lampante di un "postulato" che TERRORIZZA da oltre cento anni
i banchieri e le multinazionali voraci di sangue umano sottoforma di "DENARO LIQUIDO"

PRIMA con la nascita e la messa in opera del socialismo nella Russia dello zar
fatto molto insolito anche per il marxista-marxiano più accanito del tempo!

OGGI con questa Islanda non socialista ma piena di solo buon senso!
RIFIUTARE A PRIORI IL DENARO COME CONCETTO DI RISORSA !
considerando che è ricca di ENERGIA NATURALE dalle viscere della terra - geiser -
considerando che l'attività prevalente è la pesca nell'oceano
considerando che sono QUATTRO GATTI...

il resto vien da se !

magari soffriranno per mancanza dell'ultimo modello di mini o di golf
soffriranno per la mancanza di qualche i-phone
soffriranno per la mancanza del vaio o del mac !

ma chi se ne frega, eh!

LA VITA è UNA SCELTA...scegliere se mangiare o
possedere uno "status simbol" !

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 25.10.11 17:17| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 22)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il 29 Ottobre 2011 alle ore 15, in occasione della giornata nazionale di lotta al carbone, Beppe Grillo sarà presente al presidio davanti alla centrale di Vado Ligure per dare voce ai cittadini che vogliono dire STOP AL CARBONE e SI' ALLE FONTI RINNOVABILI!

Oltre al MoVimento 5 Stelle, saranno presenti tantissime associazioni: Uniti Per la Salute, Greenpeace, WWF Liguria, Emergency...solo per citarne alcune!
Ci sarà anche Flavio Oreglio! Sarà un evento unico!

PARTECIPATE NUMEROSI!

ps: ricordiamo che la centrale a carbone Tirreno Power è di proprietà di Carlo De Benedetti(tessera n°1 del PD),motivo in più per protestare!

http://www.facebook.com/event.php?eid=278792442155035

Mak 89 Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 18:16| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento

IL SORRISETTO.

Ridi su 'sto caxxo,

se dice a Roma!

Tanto che ci prendano per il cxlo i francesi,i tedeschi e tutti i politici italiani,poco cambia!

Quì se la ridono tutti,quelli che piangono sono solo i cittadini del mondo!

Un debito pubblico globalizzato vuol dire solo una cosa:

Tutti presi per le palle!

Le politiche mondiali fanno solo finta di cercare di arginare la crisi economica,ma in realtà l'hanno causata ben bene!

Infatti con questo giochetto chi non aveva un caxxo,continua a non avere un caxxo.

Chi aveva poco,non ha più un caxxo.

Chi aveva abbastanza,rischia di rimanere senza un caxxo!

Chi aveva tanto,adesso ha tantissimo!

I "magiordomi" delle banche poco si curano dei problemi della gente,loro servono solo per oliare l'igranaggio.

Fanno crollare gli stati con spese folli,opere assurde e titoli tossici!

Loro non sentono la crisi,loro la provocano!

Poi ci mettono qualche miliardo di spese con le guerre,così si "ciucciano" quel che rimane ai paesi che hanno ricchezze concrete.

Sarkozy,ridi su 'sto caxxo,te sei preso pure quell'attacca cappelli de tu moje,tutta 'na simpatia!

Sarkozy,ridi su 'sto caxxo,perchè a li francesi quanno je rode er cxlo,mica so' come noi,quelli te segano 'a capa!

Ridi,ridi,che mamma ha fatto i gnocchi!!!

Ciao Sarkò,sbrigate a fatte li caxxi tua,perchè se se decidemo noi,a fa zompà er banco,so' caxxi vostri,e de tutti!

Questa sarebbe la cosa da fare,quella de favve pagà li buffi(debiti)tra de voi,lo sai che ride!

Come quella vorta che tu moje ha riso tanto,tarmente tanto,che a forza de ride è cascata dal letto!!!

Ahahahahah!!!Come rideva!

Arrivederci e grazie,graziella e grazie al caxxo!!!

Nando da Roma.

Mejo che ridemo va,se no ce sarebbe da piagne!!

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 16:11| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 17)
 |
Rispondi al commento
Discussione

RISOLUZIONE DEL POVERACCIO


Voglio risollevare gli occhi da terra
alzare lo sguardo al cielo
fino a raggiungere il sole
magari facendomi ferire un po'
da quella luce.
E voglio smetterla di rotolarmi
nella polvere di un poverismo infinito
e voglio smetterla di ascoltare
le sirene del "Vola basso"
del "Ma che cosa vuoi fare?"
e del "Ma dove vuoi andare?"...
Non voglio contarmi più
croste, ferite e malesseri
e non voglio lo facciano i miei figli
né i figli dei miei figli;
ciò tanto vale poiché
tali cose esistono solamente
per permettere a potenti e avidi
di continuare a mangiarci sulla testa.
Da parte mia ho deciso:
non voglio e non accetterò...
più.


(Ottobre - 2011)


Ermanno Bartoli (barlow), Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 14:01| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il sorrisetto di Sarkozy è fuori luogo.
Sarkozy è fuori luogo.
Però come fai a non ridere quando hai di fronte il fratello stupido di LEONARDO DA VINCI,E SAI CHE LA GIOCONDA è AL SICURO NEL TUO MUSEO.

Neutrino . Commentatore certificato 25.10.11 21:00| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le parole del post sono le stesse che ha detto Giuliano Ferrara.


Lo spettacolo ridicolo del governo Prrrrr-odi, seguito dai governicchi lega- pdl- bocchini e scilipoti fra un bunga bunga e un lodo Al-nano....


E se Sarcozy e la Merkel ci prendono per il culo e ridono, vi incazzate ?

ANDATE A FARE IN CULO !


Io invece mi vergogno, perchè con questa gente abbiamo anche i debiti da pagare.


POVERA ITALIA


Capisc'a me

*Antonio Cataldi. (capisc'a me) Commentatore certificato 25.10.11 21:44| 
 
  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

I sorrisi di Sarkò e della Merkel non sono poi tanto fuori luogo.è Vero che neanche loro hanno molto da stare tranquilli in caso di default dell Italia e della Grecia,soprattutto la Francia, ma è anche vero che loro hanno al governo qualcuno che li rappresenti e che pensa alle cose importanti del paese, non al Bunga-bunga,decreti intercettazioni,conflitto di interessi ed altre cazzate simili.Berlusconi ha insultato vergognosamente la Merkel, fà delle figure di merda sempre,insulta i magistrati ecc.Viene naturale sorridere sarcasticamente parlando dell Italia visto ke a capo c'è quel puttaniere.ormai finchè ci sono loro al governo l'Italia sarà spesso ridicolizzata, checchè se ne dica dei debiti,dei titoli di stato e dell economia.

gaspare 25.10.11 15:50| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento

"QUANDO GLI INDUSTRIALI 'OSANNAVANO' SILVIO"

mARZO 2006

Ovazioni in sala (prima, durante ed a fine intervento), cori che scandivano il suo nome;

...

Credo che GLI INDUSTRIALI DEBBANO CHIEDERE SCUSA A TUTTI QUEGLI ITALIANI CHE DA ANNI dicevano che l'intera Nazione correva seri rischi con un individuo del genere al potere.

O avevano il prosciutto sugli occhi o erano collusi quando lo osannavano.

E se si VERGOGNASSERO anche un pò la cosa non sarebbe male.

Dino Colombo Commentatore certificato 25.10.11 21:38| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

MASCALZONATA PROSSIMA VENTURA

... e ruberanno i risparmi dei lavoratori
e della povera gente
e il lavoro
e le pensioni
per permettere ai grandi parassiti
ed evasori - in yacht e non -
di continuare ad evadere
e fare i loro porci comodi,
e loro porci comodi ancora,
sulla pelle di una nazione.

Ermanno Bartoli (barlow), Reggio Emilia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.10.11 10:25| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

In base alle ultime notizie di Bossi che "concede" lo slittamento elezioni a marzo vs l'intoccabilità "odierna" delle pensioni (domani non si sa...)avrei una proposta:
Beppe si presenta capolista del M5s alle prox elezioni nazionali senza necessariamente "scendere in campo" visto che non si vuole impegnare in prima persona; così come fa B che ad ogni elezione si presenta sempre in prima persona....altrettanto potrebbe fare Beppe....
andando a votare con la legge porcellum attuale, il M5s potrebbe ottenere molti + voti del 4% statistico che ci attribuiscono oggi(e di questo sono + che convinto...) e potrebbe dunque scegliere la lista di candidati da eleggere, ovviamente tutti M5s, di conseguenza ci sarebbe uno spiraglio x riformare il sistema "da dentro". Da qualche parte bisogna partire e questa mi sembra una possibilità. Non voglio rassegnarmi all'idea di andare di nuovo a votare il meno peggio sapendo che non faranno mai quello che va veramente fatto. BEPPE COSA NE PENSA DI QUESTA IDEA??? se a qualcuno piace qs proposta votate il commento così che possa essere letto da Beppe...

Eugenio Oceano 26.10.11 12:21| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se una potenza nemica attaccasse
l’Italia?
Proviamo ad immaginare.
Il Nemico, diciamo la Repubblica delle Banane, dichiara guerra ed
ammassa il suo esercito lungo le Alpi e la sua flotta lungo il Tirreno.
Primo giorno
il tg 1 dà la notizia dopo lo sport. Nessuna reazione dai politici.
Secondo giorno
Berlusconi dice che va tutto bene, lui è amico del presidente della
Repubblica Delle Banane, non sussiste pericolo. Bossi insulta chi lo
intervista. Calderoli va in Tv con la maglietta” Repubblica delle
Banane merda.”
Di Pietro chiede le dimissioni di Berlusconi.
Napolitano si appella all’unità nazionale.
Casini chiede un gesto di discontinuità.
Le parti sociali chiedono di essere sentite.
Terzo giorno
Berlusconi compare in TV e dice che, invero, si tratta di una mossa
eversiva dei magistrati di Milano.
Bossi dice che la Padania non corre alcun pericolo. Degli altri non gli
frega niente. (pernacchia).
La FIOM dice che è un complotto della Fiat. Intanto, il nemico sfonda
al Brennero.
La CGIL esprime contrarietà. Pannella inizia lo sciopero della fame.
DiPietro chiede le dimissioni di Berlusconi.
Bersani chiede un passo indietro.
Quarto giorno
Berlusconi compare in tv e, con un sorriso complice, dice: ” ho risolto
tutto, grazie ad una serata galante con la figlia del presidente della
repubblica delle banane. Ora siamo amici, il loro esercito si è
ritirato dal Brennero”
Berlusconi non sa che il nemico ha cambiato strategia ed ora attacca
dal mare.
Quinto giorno
La tv annuncia che il nemico è sbarcato in Sicilia. Bossi dice: la cosa
non ci riguarda. Gli fanno notare che la Sicilia fa parte dell’Italia.
Lui mostra il dito medio.
Casini chiede la convocazione di un tavolo di crisi con le forze
sociali. D’Alema si dice contrario e propone l’istituzione di una
Commissione Bicamerale ( si dice pronto a presiederla) per decidere la
strategia difensiva. La CGIL minaccia uno sciopero.
.......continua....

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 18:12| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

'tacci tuaaaaa gelmì!!!
non l'avete messe le mani nelle tasche degli italiani? sì, degli italiani ricchi, perchè quelle degli italiani così così l'avete sfondate.
non la pooossooo piùùùù sentire questa frase del cazzzzzzzzzz!!!!!
giuro che se mai qualcuno si azzarda a dirmela in faccia gli faccio mangiare tutti i dentiiiii!!!!!

liliana g., roma Commentatore certificato 25.10.11 22:58| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Propongo un bel processo a tutti questi politici, giornalisti, faccendieri, mafiosi che hanno distrutto l'italia e il suo futuro...
non devo passarla liscia... vanno processati e condannati per la loro arroganza nei confronti di una nazione.

Propongo che sia votata la proposta in rete

franco f. Commentatore certificato 26.10.11 00:00| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Buonanotte....


La notte è sola
a contarsi le stelle
senza riuscire
a prendere sonno
La notte è sola
a pensare ai dolori
e alle tribolazioni
della gente onesta
La notte è sola
a combattere le luci
artificiali piene di zanzare
La notte è sola
a dividere i sogni
che rimbalzano nel cielo
La notte è sola ,
sola come noi
poveri cristi sfruttati
e derisi da, e grazie,
omuncoli senza cervello e dignità.

Mary C., Senigallia Commentatore certificato 25.10.11 23:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le banche francesi possiedono 366 miliardi di dollari del nostro debito .

mò faccio er sor fruttarolo:

" aò, 'nsacco de vorte che so ito a Parigi m'avessero mai regalato 'no spillo!...tutto se so fatti pagà, senò corca che magnavi!
allora me piacerebbe da sapè ...,ma tutti sti sordi chi cazzo je la chiesti e achicazzo jelanno dati!!??? booooohccch !!!
nun famo i solitinfamoni...tirateli fora e aridatejeli !!!... capitooooo !!! "

- tragica commedia romanesca e italiota!

LENIN VIVE (), Roma Commentatore certificato 25.10.11 18:22| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

muore il bue e l'asinello
muore la pecora e l'agnello
muore la gente piena di guai
ma berlusconi non muore mai!!

:ma dimmi sei un vero ombrello o fungi? : fungo. 26.10.11 07:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

...senza dubbio perciò il tiranno non è mai amato e non ama . L'amicizia è un nome sacro , una cosa non da poco : esiste solo tra uomini per bene e nasce da una reciproca stima . Non si mantiene con benefici ma con la buona vita. Un amico si fida dell'altro solo in quanto ne conosce l'integrità:le garanzie che ne ha sono la sua buona indole, la fiducia e la costanza .Non può esservi amicizia dove c'è crudeltà , dove c'è mancanza di lealtà , dove c'è ingiustizia . Infatti se i malvagi si riuniscono , non c'è compagnia ma complotto. Non si amano scambievolmente ma hanno ciascuno paura dell'altro : sono non amici, ma complici......

Marco T., roma Commentatore certificato 25.10.11 16:12| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il post di Grillo è copiato da Giuliano Ferrara.

-------
Sarkozy ha dato il «la». Ma il primo a ridere di Berlusconi è Berlusconi, perché èun italiano sorridente e non un gallo cupo e ipercinetico. Però i banchieri e gli investitori e i risparmiatori francesi non ridono. Hanno in pancia oltre 400 miliardi di titoli italiani, il debito è puntualmente onorato, il Paese emittente ha un differenziale positivo tra entrate e uscite (avanzo primario), il patrimonio pubblico e il risparmio privato italiani sono imbattibili, l’indice di disoccupazione è migliore di quello francese, la capacità esportatrice competitiva. Le nostre banche si sono tenute relativamente fuori dalla turbolenza greca e dal contagio, quelle francesi ci sono entrate con tutte le scarpe e scoppiano di titoli semi insolventi. Corporativismi e freni alla crescita sono di casa da noi e da loro.Non so se l’ultimarisata, quella che conta, sarà dei donneurs de leçons .

----------

E i grillini applaudono.
Ora capisco perché festeggiavano la vittoria di Berlusconi in Molise.

A questo punto alleatevi direttamente con il Berlusca.

Marco A. Delissi Commentatore certificato 25.10.11 16:10| 
 
  • Currently 3.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 19)
 |
Rispondi al commento
Discussione

... Se noi non stiamo tanto bene...
Neppure gli altri stanno meglio.
Si,
Però... se mi permetti Beppe,
io il sorrisino del capo francese
l'ho gradito eccome.

Il problema però è un altro,
sarkozy o ill berlusca
(e a tutti quelli del suo harem)
se l'Europa va a bambe all'aria...
quelli SE NE FREGANO.

Hanno risorse tali da campare 1000 vite
a champagne , caviale e festini.

Se l'Europa va a gambe all'aria...
a noi poveri figli di nessuno,
ci tocca far la guerra per strapparci
l'un l'altro un pezzo di fame.

Quindi ... loro possono ridere quanto gli pare,
l'unico deterrente
sarebbe ogni tanto
mostrargli le foto di Gheddafi...
ma chissà se capirebbero...!!!!


..

sara paglini, carrara Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 16:11| 
 
  • Currently 3.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 12)
 |
Rispondi al commento
Discussione

1/di/2

UN PRIMO PASSO, LAVORARE MENO.

Il modo di produzione capitalistico ha manifestato chiaro e da sempre la natura del conflitto, la sua necessità di impoverire il lavoro per sopravvivere, per garantirsi una base decente di profitto. Svalutare il lavoro per tutelare il profitto è il leitmotiv che può essere colto nella sostanza di ogni discorso dei portavoce padronali.

Basterebbe questo, sul piano politico, per dire che la democrazia su queste basi economiche è un bluff. Comanda il capitale, le propaggini politiche obbediscono e le chiacchiere stanno a zero. Questa è la condizione che qualsiasi salariato sperimenta ogni giorno perché costretto dalla necessità a rinchiudersi nella prigione senza sbarre per almeno otto ore. Ed è lì che egli fa i conti con il tempo della propria vita che fugge e che nessuna lusinga pensionistica, peraltro sempre più incerta, potrà restituirgli da vecchio.

Da un secolo la giornata lavorativa è inchiodata a questa misura giornaliera media di sfruttamento nonostante gli enormi e strepitosi progressi della produzione sotto ogni riguardo e nonostante la massiccia disoccupazione e sottoccupazione specie nelle fasce più giovani del proletariato. Il vecchio slogan, lavorare tutti, lavorare meno, aveva indubbiamente una sua ragione. Irriderlo è servito a nulla, la realtà si prende la sua rivincita, sempre. Naturalmente non sarà sufficiente lavorare meno, ma cambiare il lavoro stesso e perciò con esso la natura dei rapporti sociali. Abbiamo oggi tutti i mezzi congrui per farlo. Perciò ogni idea in questo senso viene percepitata come pericolosissima, ridicolizzata, combattuta.

(continua)

Vento...Rosso 25.10.11 17:40| 
 
  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

2/di/2

Il modo di produzione capitalistico ha dimostrato a dismisura che per garantire la sua riproduzione allargata è costretto alla finanziarizzazione spinta a livelli un tempo inimmaginabili.
Una contraddizione quest’ultima indispensabile, ma ne minaccia la sopravvivenza e quella stabilità sociale tanto cara alle palinodie liberali.
Queste cose e altre ancora, segnano il limite storico di questo sistema economico.
Il migliore, dicono, a fronte di tutti gli altri.

Sarebbe un po’ come dire che la storia deve fermarsi qua, non deve andare oltre a causa del fallimentare tentativo di cambiamento sperimentato in alcune realtà e peraltro in determinate condizioni storiche nel secolo scorso. Le nuove generazioni, invece di interrogarsi su che cosa non ha funzionato e perché, semplicemente rinunciano a ogni tentativo di immaginare le traiettorie di uscita da questa trappola in cui ci troviamo coinvolti nostro malgrado.

Questo sistema lo vogliono riformare, non cambiare. Poi, dopo un po’ si scoraggiano e molti, preso atto con cinismo della situazione, diventano semplicemente dei reazionari. Evidentemente che l’idea di cambiamento possa trasformarsi nel socialismo reale di memoria novecentesca li scoraggia in partenza. Non è casuale questo fatto, e non si può dire che la regia non sappia fare il proprio mestiere.

P.S.
Lavorate, lavorate proletari (Lavoratori) per far più grandi la fortuna sociale e le vostre miserie individuali, lavorate, lavorate affinché, divenendo più poveri, abbiate ancor più ragioni per lavorare ed essere miserabili. Questa è la legge inesorabile della produzione capitalista».
[P.Lafargue - in Diritto all’ozio, ed.Feltrinelli]


http://diciottobrumaio.blogspot.com/2011/10/un-primo-passo-lavorare-meno.html

Vento...Rosso 25.10.11 17:40| 
 
  • Currently 3.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 11)
 |
Rispondi al commento

da tze tze - confessioni in ritardo di un leghista!

Roba di pochi minuti fa. Dichiarazione dell'Onorevole leghista Ettore Pirovano, Parlamentare della Repubblica e Presidente della Provincia di Bergamo:

Quando nel 1996 entrammo in Parlamento Umberto Bossi ci disse a tutti:

"voi siete delle pedine e non dovete pensare, dovete fare quello che vi dico io, e basta".

Nella Lega Nord ha sempre funzionato così, ha deciso tutto lui, e siccome va bene, non vedo perché dovrebbe cambiare. Meno si agisce in funzione delle proprie idee, meglio è.

ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah !!!
spero che la ivana e il mikiovano leggano !
invito a incollarla in vicinanza o sottocommenti
dei due encefalitici !

cos da pazz!


A Desio in provincia di Monza Brianza la nuova giunta di centro.sinistra ha fatto due cose: meno Mafia (non sto scherzando) e meno cementificazione, nella vicina Varedo continua a governare una giunta Berlusconi-Lega , un candidato del movimento 5 stelle con il suo apporto ha sottratto voti che sarebbero stati sicuramente decisivi a cacciarli anche da quella cittadina della Brianza.

torquebrada 25.10.11 18:23| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 10)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma per davvero Sarcozza si crede diverso da Berlusca? La differenza la vede solo lui. Ieri per la prima volta ho trovato giusto il comportamento di Berlusconi nei suoi confronti, perché si può capire la reazione della tedesca, offesa non poco, ma non la sfrontata ironia di quel coso. Vedere sulla sua faccia quell'aria di superiorità ho provato rabbia, in fondo stava ridendo anche di noi. Certo è verissimo che abbiamo un primo ministro indifendibile ma lui non lo dista di molto. Non so quanto grave sarebbe per noi uscire dall'Europa ma Sarcozza meriterebbe che questo accadesse e vedergli crescere la gobba per le tortorate dei francesi.


Grazie ai politici sia di dx che di sx che a La spezia ci sono sei morti e disastri ambientali ed economici.
Siiiii, dico grazie perchè non hanno abolito le Provincie!
Una provincia abbandonata da anni,il territorio ferito,privo di alcuna manutenzione,studi di bacino mai concretizzati.
In compenso molti dipendenti e dirigenti e politici stanno pensando a loro stessi e della cittadinanza e dei loro disagi se ne fottono.
Le prime avvisaglie si sono avute nel DICEMBRE scorso ed anche a Febbraio di quest'anno.
In tutte le circostanze mobilitata la protezione Civile e all'ertata la cittadinanza.
Stiamo mantenendo dei carrettoni politici e basta!
Che schifo! haaa... dimenticavo.. debbo anche ringraziare Bertolaso per il denaro buttato.
Questa è la politica del fare siii dei gran disastri!

oreste mori, La Spezia Commentatore certificato 26.10.11 12:17| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche Napolitano contro Merkel e Sarkozy: "Sull'Italia sgradevoli e inopportune espressioni"

'Caro' presidente...le espressioni 'SGRADEVLI' sull'Italia sono Saverio Romano, IMPUTATO DI MAFIA AL GOVERNO...LA PRESENZA DI PIDUISTI COME BERLUSCONI, CICCHITTO E COMPAGNIA CANTANTE al potere...

UN TERZO DELLA NAZIONE IN MANO A MAFIA, CAMORRA E NDRANGHETA SONO UN'ESPRESSIONE SGRADEVOLE.

E poi 'caro' presidente...i sorrisetti' erano per il capo del governo...e NON per tutta l'Italia.

Presidente...non ci prendiamo per il culo.

come pretende, presidente che non si RIDA DI UNO CHE CHIAMA "CULONA INCHIAVABILE" IL CAPO DI UNO STATO STRANIERO?...che c'è da aspettarsi se il nostro capo del governo fa di tutto per sembrare un 'pagliaccio' (parole di tanti osservatori esteri), che fa 'cucù'...che fa le corna...che urla per chiamare un altro presidente e cose simili?...

Ma possibile presidente che Lei debba sempre difendere un individuo INDIFENDIBILE?????

Dino Colombo Commentatore certificato 25.10.11 20:51| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione


potrei sbagliarmi ma l'articolo parla di dati ed indebitamento in dollari , billion dollards e non in euro.
Pertanto se è cosi' siamo esposti...con la francia di soli 262 milardi di euro...D! al netto del bsalance dare/ avere .

che xulo....

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.10.11 14:43| 
 
  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




 


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori










Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.



Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori