Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Italia Argentina


argentina_crisii.jpg
"Facciamo come l'Argentina!!! In otto anni sono riusciti a spazzare via la crisi, e sapete perché? Perché nonostante fossero finiti nel buio più assoluto, non avevano Stati che hanno impedito che la loro crisi seguisse ogni livello. Noi abbiamo Francia e Germania, che pur di non farci fallire (e di non perdere i loro crediti) allungheranno la nostra agonia all'infinito. Vivremo in una situazione di "simil-default" per anni, le tasse ci prosciugheranno le tasche, i conti correnti saranno tassati più volte, la disoccupazione schizzerà ancora di più. E solo perché non possiamo fallire, ce lo impediscono. Viva l'Argentina, allora. Oggi in Argentina si vota, c'è un'euforia pazzesca. Stanno riemergendo da una crisi senza fondo, perché hanno messo in campo le loro energie. Si son rimboccati le maniche. E noi?"
Zac

23 Ott 2011, 20:51 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Noi NON dobbiamo prendere esempio da altri, Noi DOBBIAMO dare l'esempio agli altri! Leviamo tutto quello hanno a Renzi e a Berlusconi e a tutti i loro seguaci/leccaculo e poi li mandiamo nei campi a zappare. E poi vedi come cambia l'Italia! Ne punisci 1 e si terrorizzano in 1000! Sento/Leggo sempre e solo bla bla bla e i fatti stanno sempre a ZERO!

diego t. Commentatore certificato 31.07.14 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Si dai, facciamo come l'Argentina, così falliamo pure noi. Ancora convinto della loro strategia?

Stefano Spanò 31.07.14 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Questo Beppe lavora e parla a nome dei Rockefeller come lo fa tutto il movimento 5 stelle. Penso che prendono bene tutti, abbastanza da poter dire che possono fare a meno dei tanti soldi che prenderebbero da politici e si contentano del minimo e...CERRRTOOO! Quando ti paga l'Élite, che te ne fotte no? Comunque, ho vissuto in Capital Federal e Florencio Varela(Buenos Aires) dal 2004 fino al 2008 e dal 2010 al 2012 e devo farti/vi sapere che va sempre peggio ed io, italiano e mia moglie Argentina, siamo scappati via, altro che ripresa. Devo dire che non si è sentita subito dopo il 2001 la svalutazione, questo succede dopo qualche anno e anche dopo un susseguirsi di bassi e alti fino al blocco del cambio e dico tutti i cambi possibili e immaginabili, non solo il dollaro e l’euro, tutte le monete, questo grazie a Cristina Fernández de Kirchner che, sicuramente fa lo stesso dei nostri politici italiani e di Beppe Grillo e Movimento 5 stelle, cioè: “Prendono soldi dalle famiglie Élite, illuminati o come vogliamo chiamarli” a discapito di tutti noi. In Italia c'era un piano che ci salvava tutti nell'anno 1990, hanno cancellato la manovra così, i nostri politici ce l'hanno definitivamente messa al CULO! Adesso per l'Italia e per tutto il mondo tranne qualche nazione in cui vivono “The Federal Reserve Cartel: The Eight Families” ne cito qualcuno perché nemmeno io conosco tutti i loro cognomi: Morgan, Rothschilds, Rockefellers, Warburg ecc...
sarà tutta una disfatta per l’umanità: disoccupazione, tasse, sangue e morte. Godetevi sti ultimi soldi, i vostri veicoli e case nuove che avete perché fra un ventennio non ce ne sarà più per nessuno! Tra l’altro, l’Argentina quando mai è stata solida come Nazione? Forse dal 1946 al 1955 proprio quando c’era Juan Domingo Peron? Che era anch’esso un dittatore? Bravo Beppe, sei proprio un Coglione come Renzi e tutti gli altri politici ed economisti passati e anche futuri. L’unica salvezza, SIAMO NOI POVERE PERSONE.

Ganzaborn 03.05.14 00:32| 
 |
Rispondi al commento

Sì, facciamo come l'Argentina!! Adesso hanno solo banconote da mangiare! Tu non hai fame?!?

Matteo Orioli 20.03.14 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Ma i dati sull'Argentina li ha trovati su un giornale del 1940? O se li è inventati (tanto i politici posso tutto!!!).
Mauro

Mauro Nicolosi 29.01.14 21:51| 
 |
Rispondi al commento

caro Beppe, mi spiace ma di nuovo sbagli.. (un argentino) http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-01-24/l-argentina-torna-far-paura-svalutazione-shock-il-peso-162857_PRV.shtml?uuid=ABbf90r&fb_action_ids=10203205863370424&fb_action_types=og.recommends&fb_source=aggregation&fb_aggregation_id=288381481237582

Pablo 27.01.14 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Sei davvero ignorante..nel senso che si capisce lontano un miglio che non hai mai letto un libro in vita tua.Sei solo un miliardario annoiato che spara castronerie. Torna a fare il guitto.Ignorante.

marco padoan 27.01.14 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Estimado Beppe, ya que proponés copiar a la Argentina, debo pensar que podes traducir también esto, y por eso te escribo en español.

Como dirigente político deberias tener el buen tino de proponer cosas con seriedad, y veo que estas proponiendo una solución que en realidad no conoces.

Los indicadores económicos de la Argentina son una enorme mentira, ya que la mentira y el robo son la filosofía política de nuestros gobernantes, que son los mas corruptos de nuestra historia, y que para ocultar esto han adoptado una ideología cuasi marxista que exalta y admira el régimen de Castro en Cuba y el de Chavez en Venezuela, mientras se llevan bolsos con dinero de la coima y la extorsión a los empresarios. Que la Argentina ya no tiene Crisis es UNA MENTIRA como todo lo que dice nuestro gobierno, admiradores de Macchiavelo y de la vieja RUsia comunista, mientras ellos, claro, llenan sus cuentas de Euros en las Saichelles. Propongo que Beppe venga a la Argentina a informarse correctamente... Saluti.

Claudio Orlando Battioli 26.01.14 16:45| 
 |
Rispondi al commento

E' passato appena un anno dalla redazione di questo articolo e l'Argentina è di nuovo al collasso.
Ecco perché Grillo non può assolutamente comandare un paese: non capisce nulla di economia e non ha alcuna capacità previsionale

Michele Cappello 28.11.12 20:32| 
 |
Rispondi al commento

In poche battute:

No a soluzioni tipo argentino/islandese.
No al populismo.

Sì a soluzioni responsabili degne e razionali.

Saluti.

Andrea

Andrea Butterini 31.10.12 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Sono italiano con moglie italoargentina, ti posso assicurare che la realtà e completamente diversa, i voti la presidentessa li compra con scatole di cibo e pensioni alle persone che vivono nelle favelas, e il popolo argentino e ancora nella merda come nel 2002 quando io e mia moglie siamo tornati in Italia dopo 7 anni la, soltanto che nel 2002 arrivava alle ginocchia, ora arriva al collo.
Ti saluto se vuoi notizie maggiori hai il mio email
Tinelli fulvio

Fulvio tinelli 27.10.11 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando uno nn sa ciò ke dice.....

Yuma S., Milano Commentatore certificato 26.10.11 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Che l'Argentina stia meglio ora di quando la sua politica economica era decisa dal FMI e dalla Banca Mondiale, non v'è il minimo dubbio! Il cambio forzato di un peso = un dollaro ha strozzato l'economia argentina per un decennio, lo stato ha privatizzato tutto, la corruzione è dilagata e la miseria è esplosa. Da qui le rivolte di piazza e il cambio della classe politica, che ha deciso la ristrutturazione del debito. In seguito lo stato ha ripreso il controllo di molti settori, la disoccupazione è rientrata e l'assistenza pubblica è migliorata. Non sarà il massimo, ma è molto meglio del periodo in cui Domingo Cavallo (il Tremonti argentino) scavava la fossa al paese. Ora il problema maggiore è l'inflazione, vicina al 30%, ma sempre meglio della disoccupazione e della recessione.

Volendo rimanere più vicini, anche nel tempo, molto istruttivo è l'esempio islandese.

La crisi economica globale del 2008 ha portato l’Islanda al crack finanziario, prima di questo evento l’economia islandese era piccola ma ben sviluppata, con un PIL stimato sui 10 miliardi di dollari nel 2005 (e un reddito procapite di 52.764 dollari, uno tra i più alti del pianeta).

Nel 2009 tramite referendum il 93% degli islandesi ha scelto di non pagare il debito delle loro banche. Si è innescata così una sorta di rivoluzione silenziosa, che ha portato alle dimissioni del governo, alla scrittura di una nuova costituzione nel 2010, e soprattutto, alla nazionalizzazione della maggioranza degli istituti bancari e all’arresto dei banchieri che avevano portato il paese alla bancarotta.


Noi possiamo decidere sacrifici lacrime e sangue, ma non rientreremo mai dal nostro debito. Saremo costretti a vendere l'argenteria per pagare gli interessi crescenti e il declino industriale sarà inesorabile fintanto che saranno i nostri creditori a stabilire il nostro destino.

Rosso Malpelo, Roma Commentatore certificato 25.10.11 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ma sei proprio sicuro della strada Argentia Beppe ?????????? Lo so lo so la situazione attuale non è sostenibile, ma quella Argentina non mi sembra un granchè meglio....forse non ti ricordi cosa ha subito il popolo Argentino in quegli anni, risparmi spazzati via, anziani e poveri morti di stenti, rivolte con sparatorie manifestanti vs. polizia, lavoro senza alcun diritto e tutela, niente licquidazione, possibilità di licenziare in qualunque moneto, nessun contratto da seguire...etc...etc...etc...
Sicuro di voler far passare le stesse cose agli italiani ?????????? Cattivamente..... a te frega n'à mazza tanto hai una barcata di €€€€€€€€€€€€

Gavino Puddu 25.10.11 09:33| 
 |
Rispondi al commento

con l'argentina l'abbiamo preso nel c--- di brutto valanghe di soldi congelati risparmi defraudati alla povera gente "pensionati" italiani.

graziotta cozza 24.10.11 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Per spazzare via il debito con un click bisognerebbe svalutare la moneta il che vorrebbe dire far saltare l'euro e tornare alla lira. Non credo che Germania e Francia siano molto d'accordo su questo punto e calcolando com'è ridotta la nostra economia, ritrovarsi con una moneta che non vale nulla, con l'inflazione alle stelle renderebbe molti cittadini talmente poveri da fargli rimpiangere quei bei vecchi tempi in cui, seppur cassintegrati o malpagati precari, una pizzetta al sabato sera non poteva mancare.

PS_Prima di sparare cazzate sul non pagare il debito, liberarsi di questo fardello e ripartire: punto primo Argentina e Italia a livello monetario non sono la stessa cosa, secondo andatevi a studiare cosa succede quando si dichiara default, si svaluta la moneta e si va prima in stagflazione e poi molto probabilmente in iperinflazione.

PS_Prima di sparare ste stronzate, ricordatevi che gli italiani non sono poveri e una patrimoniale potrebbe dare molto ossigeno al nostro paese. Non possiamo fuggire dall'euro, anzi, non dobbiamo, anche se molto probabilmente non ce lo consentiranno, visto appunto il patrimonio immobiliare e finanziario dell'italia.


Un_ default_ greco sigillerebbe il concetto, anche in Europa ,che l'inosservanza delle regole è premiante. Quasi tutti i maggiori responsabili dei destini dell’intera economia europea sono dediti da tanto tempo a non far saltare l’intero sistema finanziario. O.M.

-----

Quali regole sarebbero state violate da Grecia, Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda....e aggiungerei anche Islanda?
Ammesso che ci siano regole violate...ora provate a dirmi cosa pensereste di una banca che presta a un tizio qualsiasi, operaio con busta di 2000 euro mensili (e sono pochi oggi che hanno simili biste "ricche"), 10 milioni di euro per comprarsi un appartamento? Non pensereste che il banchiere è un inetto e non ha rispettato le regole che prevedono la valutazione della congruità dell'investimento e della solvibilità potenziale del cliente?
Se i banchieri che hanno prestato soldi ai suddetti stati senza valutare solvibilità e se le opere che finanziavano erano di un costo equo, devono pagare i popoli interi per gli errori della banca?....
Io dico di no, DEFAULT IMMEDIATO per Italia e Grecia, e che i debiti li facciano rimnborsare a Papandreu e Berlusconi, nonchè e Prodi, D'alema, Amato...Craxi....ecc. che li hanno fatto senza il nostro consenso.

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.10.11 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma che scemenza è quest'articolo???? I politicanti argentini hanno derubato per decenni le casse del loro stato, hanno emesso bond con i quali sono stati derubati migliaia di risparmiatori italiani, a causa anche della connivenza delle banche di tutto il mondo, e rapinando gli altri hanno portato i soldi in Svizzera, precisamente in una banca di Berna. Sono fuori dal mercato internazionale e finchè non pagheranno il FMI e noi creditori che abbiamo vinto le cause negli Stati Uniti non avranno accoglienza nel mercato internazionale dei crediti.
Altro che imitare l'Argentina, i nostri governanti attuali e quelli precedenti sia di centro destra che di centro sinistra e tutti gli altri sono i veri responsabili nel nostro debito pubblico perchè hanno creato il debito con le loro politiche fallimentari attuate solo per ottenere consensi elettorali. Questi opportunisti e incompetenti andrebbero perseguiti dalla legge per disastro pubblico.Per mantenere calda la loro sedia hanno nascosto la verità agli italiani e non hanno mai avuto il coraggio di fare leggi serie. Ultimo eclatante esempio di questo schifo politico è Mister B. che non vuole fare la patrimoniale ( per difendere i suoi interessi)e non vuole modificare le pensioni. Adesso che queste cose le deve fare rapidamente, per salvarsi il culo dirà che è stato costretto dall'Europa; invece il risanamente doveva iniziare continuando ciò che aveva abbozzato Prodi nel precedente governo, altro che aumentare a dismisura il debito pubblico!!!!

Paolo Lisi 24.10.11 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.youtube.com/watch?v=shvk8GV9NsI anche la politica oggi va meglio in argentina.

gagliardo giuseppe 24.10.11 11:18| 
 |
Rispondi al commento

siamo o non siamo un popolo di idioti imbombiti ?
io son contento così,non ci vi meritiamo altro visto che non li volete impiccare i porco.

gilberto spighi 24.10.11 11:10| 
 |
Rispondi al commento

bastaaaaaaa non se ne può più!! presi per il culo anche dai rappresentanti dei paesi esteri! ci vuole davvero la rivoluzione come in argentina! e mandiamo via a calci nel culo tutti questi parassiti che senza di loro risaneremmo il nostro debito in pochi anni e senza neanche grossi sacrifici!

giovanni panzeri 24.10.11 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Si, bisogna PROPRIO fare come l'Argentina ! In più siccome abbiamo un avanzo primario di bilancio, cioè lo Stato italiano senza gli interessi sul debito sarebbe in attivo, potremmo semplicemente NON pagare gli interessi sul debito e pagare il capitale alla scadenza (o anche prima).
Però questi INCAPACI che ci governano e che ci fanno fare figure di EMME in TUTTO IL GLOBO TERRACQUEO se ne devono andare a casa SUBITO !
Ci vogliono persone capaci ed esperte che prendano in mano le redini di questo PAESE e lo portino fuori dal TUNNEL in cui anni di CONNIVENZA tra partiti lo ha cacciato !

Maurizio Monti 24.10.11 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Come si l'Argentina oggi non lo so. Sinceramente non so neppure come era ieri. Certo che da noi le cose non sono rosee. Mi meraviglio come, e non smetterò di scriverlo, cervelli così brillanti da noi non siano in grado di risolvere facilmente il problema. Mi spiego. Ci sono previsioni a 25/30 anni sugli sviluppi dei trasporti (la TAv in Val di Susa ad esempio) però non ci sono state previsioni oculate sulla situazione attuale. Era da prevedere, visto che sono in grado di stabilire oggi cosa succederà tra 30 anni. Oggi comunque questa classe dirigente pilotata da non si sa ancora chi, ci ha portato nel baratro più buio. A ben vedere, dov'è il popolo sovrano che la Costituzione cita? A me sembra che sia il popolo schiavo. Oggi Sarkozy (che ha invaso la Libia per accaparrarsi l'energia) e la Merkel (che come la Francia ha aiutato le industrie tedesche fregandosene dei divieti UE) danno ordini all'italiano. L'UE dà ordini all'italiano. Nato e ONU danno ordini all'italiano. Banche straniere e italiane danno ordini all'italiano. Persino Berlusconi da un lato e d'Alema dall'altro, con le rispettive cricche, danno ordini all'italiano. E la carta costituzionale riporta "popolo sovrano"? La realtà vera delle cose non credo siano in molti a conoscerla, le soluzioni probabilmente non saranno così semplici, certo è che ridotti così...

Gian A 24.10.11 08:55| 
 |
Rispondi al commento

L'accostamento con l'Argentina non riflette le condizioni dell'italia, se no per alcuni aspetti.
Il primo è una classe politica otocopia della n/s,la seconda è legata ad un contrasto sociale ed economico fac-simile del n/s meridione che vede un sottosviluppo delle aree rurali,rispetto alle aree metropolitane.
Confermo l'aspetto della sicurezza che negli ultimi anni è peggiorata, ma non per colpa dei nativi, bensi per altre ragioni, legate in particolar modo ad un imiggrazione che dopo il default ha perso quel poco che aveva.
La n/s condizione è molto differente, poichè noi abbiamo una politica economica,una burocrazia,caste e feudi che impediscono uno sviluppo del paese(sostenibile).
Questo mix provoca un sottosviluppo,mal costume e corruzione, oserei dire che alla fine fanno meno danni di uno "stato" che ingessato dalla politica e dai partiti ne blocca il funzionamento reale.
Il Debito, alto si! però non si capisce perchè se facciamo i conti il saldo fra dare-avere,con gli altri stati esteri detentori del n7s debito, non risulti poi così grave come ci vogliono far credere!.
Se prendiamo il debito USA e GB ambedue oscillano in termini di PIL tra il 300% e il 320%..contro il N/s 120%...!
Un altro caso che fa discutere è il Giappone che nonostante un debito altissimo nessuno mette in discussione la sua economia,semplicemente perchè il 90% del DP è detenuto da loro stessi.
LA DOMANDA E' D'OBBLIGO: CHI VUOLE QUESTA AGONIA?

roby f., Livorno Commentatore certificato 24.10.11 08:25| 
 |
Rispondi al commento

abbiamo regalato la tv quale più potente arma di distrazione di massa a un p2ista disonesto, non contenti gli abbiamo regalato il controllo del paese , e mo abbiamo te che prendi a esempio un paese dove si muore di fame !!! ma vacci in argentina prima di sparare cazzate!!!bestia!!!!

tina ghigliot 24.10.11 06:30| 
 |
Rispondi al commento

Assolutamente da bocciare questo commento! L'argentina rappresenta il male della classe politica corrotta ed incapace..stupida! Non ce' Paese come l'Argentina che vanta tanta ricchezza, una popolazione modesta rispetto alla grandenza e alla ricchezza del territorio, tradizioni e cultura dei cittadini ben assimilata: Spagnoli ed Italiani l'80% del ceppo originale. Vederli in queste condizioni viene l'impeto di andare alla casa rosada e buttare giu' dal balcone tutti gli abitanti...miserabili loro e miserabili noi per l'incapacita' che abbiamo di non andare nei palazzi del potere a fare piazza pulita..misera umanita'.
"ceterum censeo vaticanem esse delendam!"

mario bottoni 24.10.11 06:26| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo l'Argentina, per la gente comune la vita non e' cosi' rosea come viene dipinta. Si vive sempre con l'incubo della sicurezza inesistente, della polizia corrotta, della giustizia lenta e politicizzata, degli stipendi erosi in maniera esorbitante dall'inflazione, delle pensioni rubate che raramente si riusciranno a recuperare in vita. Dico questo perche' ho parenti ed amici che vivono li', e anche li', come dall'Italia, c'e' stata un'ondata di emigrazione senza ritorno negli anni passati. Non mi pare le cose siano tanto dissimili dall'Italia. Forse in Argentina una delle tempeste economiche ricorrenti e' passata (negli anni del dopoguerra era un paese ricco, vi ricorda qualcosa?) e i ricchi ed i politici hanno ricominciato a fare soldi. Ma sempre chi puo' cambia i suoi risparmi in valuta estera, sempre neppure le transazioni in Argentina, come affitti o mutui (che non sembrano esistere piu') si valutano in dollari americani. Insomma, non lo vedrei come un paese da prendere ad esempio, quanto piu' come un monito di quanto debba ancora accadere in Italia.
Ah, e riguardo a me e mia moglie, siamo una coppia di emigrati, io dall'Italia, lei dall'Argentina.

Enrico Millo 24.10.11 01:41| 
 |
Rispondi al commento

non possiamo fare nulla fino a che comanderanno i vecchiacci ultrasettantenni col pannolino al culo e la pompetta per trombare le puttane!


Che facciamo li uccidiamo o ci lasciamo uccidere il futuro?


la guerra tra giovani e vecchi è brutta ma sarà inveitabile e la legge di natura dice che vincono sempre i giovani!!!!

libero pensiero perciò pazzo 24.10.11 01:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Viva l'Argentina! E anche l'Islanda!

nicola rindi, prato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 24.10.11 00:51| 
 |
Rispondi al commento

Oggi è stato detto, per giustificare il solito taglio alle pensioni e/o l'aumento dell'età, che
l'Italia è l'unico paese in Europa ad avere le pensioni di anzianità...
MA NESSUNO CHE DICA CHE IN EUROPA TUTTI HANNO IL REDDITO MINIMO DI GARANZIA...
Ah,già la Grecia non ce l'ha...

mattia baccini 24.10.11 00:50| 
 |
Rispondi al commento

L'argentina è uno dei pochissimi paesi che ci precede come probabilità di fallimento (e per loro sarebbe il secondo giro in poco più di un decennio).
Non mi pare proprio il caso di prenderla ad esempio...
Capisco in parte parlare di bolivia, e capisco maggiormente parlare di islanda, anche se sono scenari differenti da noi in modo radicale, per orgine ed entità del debito.

Zawardo Z. Commentatore certificato 23.10.11 23:49| 
 |
Rispondi al commento

Ma per favore... L'Argentina a distanza di 11 anni ha il 30% della popolazione che vive molto al di sotto della soglia di povertà, nonostante un territorio ricco di risorse economicamente importanti (tra cui imponenti giacimenti di gas e petrolio, che in italia non abbiamo) e la possibilità di usare la politica monetaria. L'Argentina sta pagando eccome il suo debito, non tramite i classici bond ma attreverso i warrant ( http://it.wikipedia.org/wiki/Warrant_(finanza) ). Vogliamo parlare poi dell'inflazione causata dalla svalutazione della valuta nazionale? W l'Argentina un corno, è meglio che ripassiate qualche lezione di vera economia.

Roberto buccini 23.10.11 23:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...e quando mi rimbocco le maniche cosa faccio mi gratto le palle?
...dai dai se non mettiemo un tetto limite di guadagno le cose non cambieranno,, nemmmeno in argentina....

ammettiamolo mancano le regole giuste e molti ricchi lo sanno ma nascondono la testa nella sabbia, fa comodo lo squilibrio economico ma senza regole non si migliorerà mai...

Acul utopiA Commentatore certificato 23.10.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sono argentino. Andateci in Argentina prima di dire che sta uscendo dalla crisi. Basta col populismo per favore, quello di Berlusconi, ma pure quello di Grillo.

Giorgio Damiani 23.10.11 22:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che ne pensa Sarkozy delle banche francesi che hanno la pancia piena di titoli di stato greci ? Non è che li puoi buttare dalla finestra come i piatti a capodanno ..

marco galzi 23.10.11 21:40| 
 |
Rispondi al commento

Per il Fondo Monetario Internazionale , il debito del paese ellenico versa in condizioni insostenibili. Senza azioni concrete, l'istituto sarà pronto a fare dietrofront.

STESSO ATTEGGIAMENTO DA PARTE DEL FMI NEL SETTEMBRE 2001 NEI CONFRONTI DELL'ARGENTINA. ALLA GRECIA POSSONO ESSERE CHIESTI ULTERIORI SACRIFICI? PENSO PROPRIO DI NO. UNA DIMINUZIONE DELL'EURO (il valore odierno può essere corretto solo per determinati stati:Germania e Francia, ma che non rappresenta la media ponderale di tutti gli stati che compongono l'Unione Europea), DEL TASSO DI SCONTO BCE (che con una recessione alle porte non può essere 6 volte quello degli U.S.A.) E L'ACQUISTO DIRETTO ALL'EMISSIONE DELLE OBBLIGAZIONI STATALI (con tassi 3-4%) DA PARTE DEL FONDO SALVASTATI SAREBBERO DEI SALVAVITA (salvasocietà). MA A QUANTO PAR DI CAPIRE STANNO CONDANNANDO LA GRECIA AL DEFAULT (non potendo essa sostenere emissioni di obbligazioni a tassi che hanno un range 14,5-21%.). SAPPIAMO TUTTI CHE SE I TASSI DI INTERESSE FOSSERO GLI STESSI, ANCHE L'ITALIA SAREBBE CONDANNATA (fortuna ns. che l'apparato produttivo è ancora abbastanza efficiente e la ricchezza diffusa). UN DEFAULT DELLA GRECIA CONDANNEREBBE L'EURO? SAREBBE SOLO L'INIZIO DI ALTRI DEFAULT! La dimostrazione è nel default argentina con cui sono stati espropriati 100 MDL di euro ai risparmiatori e la nazione non ha pagato pegno, anzi si è permessa di irridere le sentenze esecutive e tutti gli atti giudiziari internazionali senza che venire espulsa dal G20 o dalla comunità finanziaria internazionale.

O.M. 23.10.11 21:32| 
 |
Rispondi al commento

Un default greco sigillerebbe il concetto, anche in Europa ,che l'inosservanza delle regole è premiante. Quasi tutti i maggiori responsabili dei destini dell’intera economia europea sono dediti da tanto tempo a non far saltare l’intero sistema finanziario.
Il grande CASINO’ dove le banche fanno miliardi di Euro speculando sui derivati. E’ normale che i pochi fortunati non vogliano rinunciare alle vincite. Le stime del valore nominale nel mercato dei derivati nel mondo oscillano tra i 600.000-900.000 miliardi di Euro (denaro inesistente) , contro un PIL annuo mondiale di 65.000 miliardi anno (per comparare) . Warren Buffet definì i derivati “ armi finanziarie di distruzione di massa”.
Ora ci chiediamo perché si vogliano salvare GLI SCOMMETTITORI (banche) con denaro pubblico e mandare al macero il sistema del WELFARE e il futuro della nostra gioventù a cui viene detto che non ci sono soldi per il rilancio delle attività produttive, di ricerca ecc.
La società non ha bisogno della FINANZA VIRTUALE che toglie alle masse per concentrare sui gruppi di pressione, creando l'instabilità e i danni in conto ai risparmiatori di questi anni. Essa è apertamente contestata pacificamente da tanti giovani , ma sono i politici che debbono staccare la spina evitando da subito di utilizzare denaro pubblico per la sua sopravvivenza nei momenti critici.

O.M. 23.10.11 21:31| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori