Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La 'ndrangheta non esiste


ndrine_nonesiste.jpg
"E adesso chi glielo racconta a don Mico Oppedisano, capo dei capi (secondo l'inchiesta Crimine) della 'ndrangheta? Chi glielo dice che non è più capo di niente, che la 'ndrangheta è sparita nel nulla, nebulizzata, dissolta, non esiste?
Proprio così, non esiste. La mafia liquida, quella invisibile come l'altra faccia della luna, quella più potente di Al Qaeda, l'organizzazione criminale più potente del mondo non c'è più. La parola 'ndrangheta è stata estromessa dal codice antimafia. Esistono ancora Camorra e Cosa Nostra, ma della Santa calabrese neanche l'ombra.
Comprendere la gravità del fatto non è cosa immediata. E poco importa se si tratta di una sfortunata dimenticanza o di un caso creato apposta.
Eliminare la 'ndrangheta dal codice antimafia vuol dire trattare i reati di 'ndrangheta non più come reati mafiosi ma come reati comuni. Vuol dire gestire l'incendio di un negozio allo stesso modo, a prescindere se la causa è un "no" ai clan o un litigo per un parcheggio. Fino a un ventennio fa, quando i clan in Calabria già imponevano le loro regole e la 'ndrangheta non era un'organizzazione criminale riconosciuta nel codice, gli omicidi, le estorsioni, le intimidazioni, venivano trattati come reati comuni. Reati comuni e relative pene più morbide. Agli imprenditori che denunciavano, come Pino Masciari, parlavano di delinquenza comune, non di associazione. Poi finalmente, dopo anni di battaglie, la criminalità organizzata calabrese era entrata di prepotenza nel panorama delle mafie, scalando in fretta la classifica. Ora è sparita di nuovo. Nella terra in cui sono cresciuto troppo spesso ho sentito frasi come "la 'ndrangheta non esiste", "ma cos'è questa 'ndrangheta", "la 'ndrangheta siete voi giornalisti, voi scrittori". Ora mi tocca dargli ragione".
Biagio Simonetta

27 Ott 2011, 17:30 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

CHRISTIAN ABBONDANZA E'UN CONDANNATO ?

http://www.arenzanonotizie.it/?p=902
---------------------------------------

ricevo e inoltro questo messaggio- molto preoccupante:
--------------------------------------
Il Governo vuole fermare la DIA.

Prima gli da il potere di procedere autonomamente per richiedere misure preventive antimafia (sequestri e confische) e poi taglia il 20% degli stipendi del personale DIA... investigatori preparati, determinati ed a rischio.

Diffondiamo la notizia della vergogna e cerchiamo di fermare questo ennesimo taglio!

Sul sito della Casa della Legalità la ricostruisce dei fatti ed alcuni dati:
http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=9271&Itemid=1

Vi prego di diffondere la notizia ed il link su fb, a siti, giornali.

Grazie
Christian Abbondanza
No ai tagli alla DIA! Struttura e professionalità indispensabili per il contrasto alle mafie
www.casadellalegalita.org
Ileana B, savona Commentatore certificato 27.

Stefano DP 25.06.12 13:05| 
 |
Rispondi al commento

di un'organizzazione criminale denominata ndrangheta. Il Procuratore Grasso forse non lo sa, ma, dovesse essere presa per buona la sua affermazione, tra i criminali ndranghetisti veri, sarebbero riabilitati anche molti innocenti, loro malgrado, condannati per ndrangheta da una magistratura che pare avvolta in un turbine di follia.

bartolo 28.10.11 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Piero Grasso, silenzioso sulla guerra tra alcuni suoi sostituti e la Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria, scaturita tra chi lotta veramente e chi aiuta, forse, inconsapevolmente o consapevolmente, la ndrangheta; nonché, su quanto di seguito riportato oggi dal Corriere della Sera - ...A otto anni di distanza da quella presunta confidenza Schifani è presidente del Senato e indagato dalla Procura di Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa nell'inchiesta riaperta un anno fa, dopo una precedente archiviazione, in seguito alle dichiarazioni di altri pentiti come Francesco Campanella e Gaspare Spatuzza a cui ora si sono aggiunte quelle di Lo Verso; il senatore Dell'Utri è stato condannato in secondo grado sempre per concorso con Cosa Nostra e attende il verdetto della Cassazione; l'ex governatore della Sicilia Totò Cuffaro è in carcere per scontare la pena a sette anni di reclusione per favoreggiamento della mafia mentre Saverio Romano, ministro dell'Agricoltura nonché imputato di concorso esterno, aspetta che un giudice decida se processarlo o no....- ha finalmente trovato il motivo su cui rompere l'indecente silenzio. L'abolizione della ndrangheta, asserisce, da parte dell'attuale Governo! Ma ci è o ci fa? Direbbero gli italiani se fossero davvero un popolo di cittadini. Ed invece, grazie all'ignoranza della maggioranza, una piccola parte di loro si deve sorbire le fesserie esternate da questo alto magistrato entrato in paranoia. Infatti, il famigerato art. 416 bis varato in fase di emergenza ed ai limiti della Costituzione democratica, già nel lontano 1982, consente la sua applicazione verso tutte le organizzazioni criminali siano esse mafia, camorra, ndrangheta etc etc.... tant'è vero che, prima che la parola ndrangheta venisse riconosciuta con decreto legge, da questo medesimo Governo, migliaia e migliaia di persone, colpevoli e innocenti, sono state indagate, prosciolte, assolte e condannate con l'accusa di fare parte, appunto, di un'organi

bartolo 28.10.11 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Al maxiprocesso chiesero a Riina: "Conosce una organizzazione criminale che prende il nome di "Cosa Nostra" ?
e Totò rispose: "no, mai sentita nominare..."

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 28.10.11 13:58| 
 |
Rispondi al commento

ie' che a Palemmo e anche in Calabbria ccisschtanno tce ppiagghe:

il vuccanno,
la siccita' e

il tciaffico, che gi medde famigghia contcio famigghia...

Benigni docet...

Alessandro Ogheri 28.10.11 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Pare che siano state comprate 19 autoblindate maserati, per il Ministero della DIFESA...!
Siamo una massa di Peones e basta....!

roby f., Livorno Commentatore certificato 28.10.11 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Pazzesco

Oscar 28.10.11 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Ben detto Biagio

Luna 28.10.11 07:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo, ma non offendiamo Al Qaeda paragonandola alla ndrangheta.

giorgio martini 27.10.11 22:45| 
 |
Rispondi al commento

ricevo e inoltro questo messaggio- molto preoccupante:
--------------------------------------
Il Governo vuole fermare la DIA.

Prima gli da il potere di procedere autonomamente per richiedere misure preventive antimafia (sequestri e confische) e poi taglia il 20% degli stipendi del personale DIA... investigatori preparati, determinati ed a rischio.

Diffondiamo la notizia della vergogna e cerchiamo di fermare questo ennesimo taglio!

Sul sito della Casa della Legalità la ricostruisce dei fatti ed alcuni dati:
http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=9271&Itemid=1

Vi prego di diffondere la notizia ed il link su fb, a siti, giornali.

Grazie
Christian Abbondanza
No ai tagli alla DIA! Struttura e professionalità indispensabili per il contrasto alle mafie
www.casadellalegalita.org

Ileana B, savona Commentatore certificato 27.10.11 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Questi sono criminali

Lo zio dalla cantina Commentatore certificato 27.10.11 21:04| 
 |
Rispondi al commento

Problemi ?

Vittorio Fabrizi, Quarticciolo Commentatore certificato 27.10.11 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Questi non fanno mai nulla a caso.e' evidente che i calabresi hanno alzato il tiro e allora gli fanno un favore per paura

Luigi l. 27.10.11 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Primo ?

Vittorio Fabrizi, Quarticciolo Commentatore certificato 27.10.11 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Che infami.

Insigni 27.10.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
DIRE CHE L'ANDRANGHETA NON ESISTE,VUOL DIRE CHE LA MAFIA NON ESISTE,FACCIAMO IN MOOD CHE NON SIA CANCELLATA!!!!!!!!
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 27.10.11 17:46| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori