Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'Italia muore a Barletta


barletta_crollo.jpg
"Sotto un cumulo di macerie ho perso mio padre. Aveva 46 anni e quel giorno era al lavoro. Aveva un vestito nuovo, s'era sbarbato quella mattina. In programma aveva un appuntamento con un cliente importante. Non c'è mai andato. Sono passati vent'anni.
Oggi a Barletta è crollato un palazzo. Scricchiolava da giorni, dicono. C'è almeno un morto e chissà quante persone ancora sotto le macerie. Ogni volta che capita una tragedia del genere ripenso a mio padre, e penso che forse la sua morte non è servita a niente. Perché di parole, dal giorno della sua morte, ne ho sentite tante: la messa in sicurezza degli edifici di qua, la tenuta delle strutture di là e bla bla bla.
In Italia le situazioni a rischio sono centinaia. Palazzi costruiti con più terra e meno cemento, per risparmiare sui costi di produzione. Edifici vecchi non agibili, ma abitati perché questo passa il convento.
Quante altre Barletta dobbiamo aspettarci?"
Luca D.

3 Ott 2011, 21:18 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Il presidente Napolitano ha dichiarato il suo sdegno quando ha saputo che le lavoratrici perite erano pagate in nero meno di 4 euro l'ora.
Per quella massa di lavoratori (per ora ancora vivi) che portano a casa la stessa cifra, se non di meno, dopo avere pagato tasse e contributi (che non riceveranno mai indietro), sdegnarsi no eh?

Vergogna!

Giorgio F., Torino Commentatore certificato 06.10.11 14:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ecco, si è verificata la tragedia a barletta.Avevo commentato da qualche parte, della situazione del lavoro nella zona...oggi mi fanno venire il voltastomaco,assisstiamo a tutta la carrellata di ipocrisia e proclami di sindacalisti e politici,che arroccati nei palazzi di potere,sono gli unici a non sapere (ma sono convinto che non freghi niente a nessuno)che la schiavitù,oggi è un dato di fatto.Basterebbe che ,invece di scaldare le poltrone e le pagine Facebook,i politici e sindacalisti locali (facendo il loro mestiere)scendessero per strada a fare qualche passeggiata, che ci vuole a sapere dove si lavora? come si vedono cinesi in fila che vanno a fare provviste di viveri,cosi si vedono operai che entrano nei sottani e sottoscala di tutte le citta della zona.
Che ci vuole?solo alzare i grassi deretani dalla poltrona ,non solo quando ci scappa il morto e si cerca di fare campagna voti.
Ormai mi risulta difficile credere a nessuno...

franco campanalunga 05.10.11 07:19| 
 |
Rispondi al commento

Questo e' solo un altro dei segni evidenti della incompetenza ed arroganza che perversa nel nostro amato Paese. Le cause alla base di incidenti come questo hanno piu' livelli di responsabilita'. A incominciare da chi ha progettato ed eseguito la demolizione del palazzo adiacente a chi, su questi avrebbe dovuto vigilare, verificare e monitorare.
In ogni caso, il comune denominatore tra tutte queste figure e' l'incompetenza e l'incapacita'. E' impensabile che nel 21esimo secolo ci possano assere ancora di questi 'errori madornali'.
Personalmente sono uno di quelli le cui competenze e capacita' professionali non sono state apprezzate in Italia, ma molto nel Regno Unito. In particolare a Londra, dove oggi vivo e lavoro, demoliscono, scavano e ricostriuscono ogni giorno. Strutture enormi ed imponenti sono realizzate in perfetto connubio con gallerie sotteranee, palazzi adiacenti(anche importanti)ed utilities varie senza che ci siano danni, ma in perfetta e sicura interazione.
In Inghilterra, e a Londra in particolare, le prime gallerie che ospitano la famosa Tube risalgono alla fine del '800. Le gallerie si muovono sotto tutta la Citta', Tamigi incluso, anche a diverse decine di metri di profondita'.
In Italia noi non siamo ancora in grado di fare una banale demolizione.

VG

Vincenzo Germano 04.10.11 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Ho la strana e brutta sensazione che dovremo aspettarcene altre! E' uno schifo, ma è così! Ricordo anni fa quando avevo detto al mio padrone e vicino di casa, che il supporto in cemento e marmo della finestra di casa sua era pericolante e lui molto "gentilmente" mi aveva detto di farmi gli affari miei che non capivo un c....Dopo un mesetto il tutto è crollato creando danni ma senza per fortuna, ferire nessuno! Il 17 marzo del 1989, crolla la torre civica di Pavia, morte 4 persone. Ovviamente chi di "dovere", disse che era un danno naturale, non vi era stato nessun segno premonitore quindi, il crollo non era prevedibile, ma, da alcune foto raccolte nell'ultimo secolo di vita prima del crollo, mostrano che la torre ha avuto vaste e frequenti perdite di materiale. Gli esperti dissero che se la torre fosse stata monitorata (in modo particolare al basamento causa del crollo), tutto ciò non sarebbe successo! Già... bella consolazione. Sempre a Pavia ci sono stati crolli anche solo di calcinacci, ma che possono ferire gravemente le persone, ad asili, scuole, case di riposo ecc...per non parlare del ponte della Becca che dopo due interventi, a detta di chi passa tutti i giorni, dice che non è affatto sicuro e lo si vede ad occhio! Che cazzo faranno poi? Diranno che è accaduta un'altra calamità? Hanno idea di quello che può succedere se per disgrazia dovesse crollare con tutta la gente che transita di lì? Si può andare avanti all'infinito purtroppo. Un forte abbraccio a Luca

Raffaella L., Pavia Commentatore certificato 04.10.11 13:37| 
 |
Rispondi al commento

questa gente che specula sulla vite della gente sono dei bastardi veri

luca g., isola d'elba Commentatore certificato 04.10.11 10:41| 
 |
Rispondi al commento

Questa volta il terremoto non centra nulla, in tempi non sospetti ho sempre detto e ripetuto che L'italia necessita di un piano di "rottamazione edilizia"...e lo ripeterò all'infinito!!sperando che facciamo N/s questa futura proposta di legge!
Troppe case ultracentenaria,costose dal punto della manutezione,energivore, e poco sicure.
Capisco la N/s avversione al cemento, ma la ristrutturazione del patrimonio edilizio è necessaria, dal punto di vista della sicurezza...è possibile farlo senza stravolgere in volto storico delle città.
Siamo un paese ad alto rischio sismico con edifici energivori e pieni di barriere architettoniche, con poco verde e strade piene d'auto parcheggiate.
Un intervento massiccio di rottamazione, potrebbe farci risparmiare un 50% di energia consumata e un 50% in più di energia prodotta, attraverso le fonti rinnovabili.
Basta utilizzare strumenti già esistenti come le agevolazioni previste per la costruzione di case in edilizia convenzionata, eliminare gli oneri di urbanizzazione e costruzione.
Semplificare inoltre le procedure burocratiche, eliminare i vincoli assurdi delle belle arti, in alcuni casi si arriva anche a costruzioni realizzate fino al '49, troppo!
Beppe spero che se ne parli su questo blog...

roby f., Livorno Commentatore certificato 04.10.11 08:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido le tue riflessioni sulla tragedia che ti ha colpito, e me ne rammarico.
Da ieri però mi chiedo una cosa. I proprietari, dov'erano? perchè non hanno provveduto a mettere a posto casa loro. Se ho un problema al tetto, sono IO che chiamo qualcuno, non aspetto le istituzioni.
A mio modesto parere c'è, al di là di questo post e di questa vicenda personale, le istituzioni centrano poco, trattasi di noncuranza personale.

TOM TOM 04.10.11 08:41| 
 |
Rispondi al commento

E' POSSIBILE ESSERE UCCISI DAI PROPRI GOVERNANTI? DOBBIAMO REAGIRE! A 18 ANNI AL SERVIZIO DI LEVA SONO STATO OBBLIGATO A FARE UN GIURAMENTO CHE OGGI E SOLO OGGI NE APPRENDO L'IMPORTANZA E IL SIGNIFICATO.
ABBIAMO L'OBBLIGO DI DIFENDERE LA DEMOCRAZIA E DIRITTI DELL'UOMO IN QUANTO SACRI, DAL NEMICO COMUNE CHE SI E' INSIDIATO IN PARLAMENTO E TUTTA LA CLASSE POLITICA OGGI E' COLPEVOLE!!!! CHI E' CON IL POPOLO DEVE DIMETTERSI DAL PARLAMENTO E AFFIANCARCI NELLA GUERRA CONTRO IL REGIME MAFIOSO!!!!! NON L'ABBIAMO SCELTO! E' LEGITTIMA DIFESA.

Dario L., Biassono Commentatore certificato 04.10.11 08:13| 
 |
Rispondi al commento

Un pensiero a tutte le vittime che il governo Italiano continua a fare, NON con la sua indifferenza come vogliono che i telegiornali annuncino, ma con la loro totale attenzione, consapevolezza, partecipazione e soddisfazione per gli introiti che ne ricavano!
Riprendiamoci il territorio, CACCIAMO VIA I MAFIOSI DAL PARLAMENTO ANCHE CON LA VIOLENZA. NON E' SOLO UN DIRITTO MA ANCHE UN DOVERE DIFENDERE LA BANDIERA ITALIANA DAL NEMICO COMUNE!!!!!!!!

Dario L., Biassono Commentatore certificato 04.10.11 07:36| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per tutte quelle persone che muoiono a causa di errori evitabili. Mi spiace perchè è sempre più evidente di come la vita non abbia più valore. Non importa se sei vivo o morto, a meno che tu non sia qualcuno. Non importa che tu lasci famiglia e figli se non sei qualcuno.
Non auspico nemmeno che la giustizia faccia il suo corso perchè la giustizia, intesa come macchina volta a proteggere i propri cittadini non esiste più.
Ho paura perchè se il valore della giustizia o meglio che sia fatta giustizia secondo i criteri di legge non è più così, cosa ci succederà? Ho paura.

valentina s 03.10.11 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace per tuo padre, e a distanza di anni non si fa ancora nulla per evitare queste disgrazie che feriscono anche chi come te nel passato ha perso una persona cara.
Dovrebbero succedere a loro queste cose, allora capirebbero cosa vuol dire soffrire per incuria altrui............Al solito le istituzioni sono ben lontane dai veri problemi dei cittadini che dovrebbero avere a cuore e non lasciarli morire così!!!!!!!!!!!!!!!

annita b. Commentatore certificato 03.10.11 23:02| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
NON SI SMETTE MAI DI MORIRE QUI IN ITALIA,SIAMO UNO STATO MORTO,PRIME SUL LAVORO ORA ANCHE A CASA
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 03.10.11 22:37| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori