Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Lo sviluppo dell'Italia: i risultati


pesca.jpg
Il punto più votato per lo Sviluppo dell'Italia, l'iniziativa promossa dal blog, è stato "l'incentivazione all'agricoltura nazionale, in particolare dei prodotti a km 0", con 81,96%. A seguire "Utilizzo del marchio "Made in Italy" riservato alle aziende che producono in Italia" con 80,52%, "Diminuzione della tassazione sul costo del lavoro" con 75,12% e "Sviluppo di un piano energetico nazionale" con 73,68%. Hanno votato 34,918 persone. Una prima valutazione dei punti più votati è che è delineano un programma no global in cui i prodotti alimentari sono locali, i trasporti non necessari e inquinanti sono eliminati e il marchio di origine assegnato solo a produzioni locali. Prossimamente un e-book con le proposte di taglio dei costi dalla vostra "Manovra dei cittadini" e i punti dello sviluppo, con spiegazioni estese, classifiche e tutti i commenti non OT.

La classifica per lo Sviluppo dell'Italia.

La classifica per la riduzione dei costi e i tagli agli sprechi

3 Ott 2011, 17:57 | Scrivi | Commenti (24) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

…É UN PECCATO CHE TUTTI QUELLI CHE SAPREBBERO COME FAR FUNZIONARE IL GOVERNO SIANO TROPPO IMPEGNATI A TAGLIARE I CAPELLI O A GUIDARE I TAXI…

…W L´ISLANDA…

http://www.youtube.com/watch?v=EvHaSjiV4rA

andrea ., Merida Commentatore certificato 06.10.11 19:45| 
 |
Rispondi al commento

le idee sono tante, buone, ma questo paese è talmente incrostato sui propri meccanismi obsoleti che non si può fare un accidente...ci sarà sempre e comunque un avvocato che tirerà fuori un cavillo ed un giuidce che gli darà ragione e si fermerà tutto...vi butto lì un'idea, semplice ed efficace: le aziende municipalizzate di elettricità potrebbero avere da parte del comune l'uso dei tetti (pubblici e privati) degli immobili cittadini per poterci mettere il fotovoltaico, il beneficio immadiato sarebbe la riduzione dei costi in bolletta e/o dell'inquinamento urbano (si potrebbe tranquillamente passare a riscaldamenti a pompe di calore tanto per dirne una), ma pensate che una cosa del genere si possa riuscire a fare?

antonio v., trieste Commentatore certificato 06.10.11 16:12| 
 |
Rispondi al commento

In effetti a rileggere a freddo tutte le proposte, e ad essere sinceri nei confronti di tutti, ci si accorge che molti punti sono già all'ordine del giorno di diversi ministeri e consigli regionali. Se non siamo contenti dello stato di fatto, bisognerà indagare non tanto lo slogan quanto la procedura attuativa, spesso inefficace.

Giacomo Vincenzi 04.10.11 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Io ho una idea fantastica, però le banche vogliono garanzia non idee!!!

luca Fratus 04.10.11 14:09| 
 |
Rispondi al commento

era ora che saltasse all'interesse della gente che l'agricoltura è una cosa importante e da salvaguardare

giampaolo paolucci 04.10.11 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei suggerire un chiarimento importante in merito ad una proposta per il rilancio dell'economia.

Quando si parla di "accesso gratuito ad Internet", si fa un uso fuorviante dei termini.

Internet non è solo Italiana ma soprattutto straniera e l'accesso ad Internet straniera ha un costo che qualcuno deve pagare.

Per quanto riguarda poi la porzione di Internet italiana, questa stessa ha dei costi che qualcuno deve pagare.

Ora, che questi costi vengano mascherati da pubblicità, nel canone telefonico, come tassa, come vi pare, ma rimangono e qualcuno li deve pagare.

Quindi, quando si parla di accesso ad Internet gratuito a mio avviso si lascia un messaggio fuorviante.

Forse è il caso che si dicesse "accesso ad internet agevolato" ... ma gratuito?!?

Buona giornata a tutti
Dario

Dario Contarino 04.10.11 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S alle prossime elezioni nazionali parteciperà? Bene!
Democrazia partecipativa!?
Partecipazione dei cittadini sovrani!?
Le soluzione e le proposte dei cittadini sono molto più intelligenti di quelle degli eletti o meno eletti.
Per ogni ministero si fa un sondaggio su proposte e soluzioni del caro Beppe e di noi, si partecipa, si vota e quelle con più del 50% entrano nel SuperProgramma M5S.
Siamo sulla buona strada: "Manovra dei cittadini" e "Sviluppo dell'Italia".
Caro Beppe, permettimi di scriverti per essere pronti a governare.
Il Programma del MoVimento 5 Stelle è il meglio che c'è, ma è incompleto:
Stato e Cittadini.
Energia.
Informazione.
Economia.
Trasporti.
Salute.
Istruzione.

E qui viene la domanda: il programma per gli altri ministeri?
Affari Esteri?
Interno?
Giustizia?
Difesa?
Economia e Finanze?
Sviluppo Economico?
Politiche Agricole, Alimentari e Forestali?
Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare?
Infrastrutture e Trasporti?
Lavoro e Politiche Sociali?
Salute?
Istruzione, Università e Ricerca?
Beni e Attività Culturali?
E di quelli senza portafoglio e non meno importanti!
Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale?
Attuazione del programma di Governo?
Pubblica amministrazione e Innovazione?
Pari opportunità?
Rapporti con il Parlamento?
Riforme per il Federalismo?
Gioventù?
Semplificazione Normativa?
Turismo?

L'elenco è riportato dal link: http://www.governo.it/governo/ministeri/ministeri_gov.html

Vogliamo completare il Super Programma del MoVimento 5 Stelle?
Vogliamo discutere punto per punto dal tuo blog come fatto per l'esistente?
Quando iniziamo?
Ogniuno vale e conta uno?
Potere ai Cittadini!

paolo c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.10.11 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo sia evidente a tutti a che pro esiste la Globalizzazione.. certo non per favorire le popolazioni, ma chi delle popolazione fa lo strumento del proprio potere.. le lobbies.. ovviamente!!!
Le soluzioni ci sono, e sono ben più di quanto si possa immaginare..
se non vengono applicate è per l'intresse di pochi sui molti, vedete voi ;)

Max Bitner, Venezia Commentatore certificato 04.10.11 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Ma avanzare la proposta di lavorare da casa per gli impiegati pendolari?
Non è possibile fare 70km al giorno per andare a lavorare e rimanere 3 ore in fila con il motore acceso.
Il medesimo lavoro un impegato può farlo da casa sul proprio PC, senza inquinare e stressarsi. In questo modo quello che si risparmia in benzina e manutenzione auto si potrebbe assumere un'altra persona che lavori da casa.

F Piccoli Commentatore certificato 04.10.11 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Non è possibile che abbiamo una tale faccia tosta, continuano a rimanere accomodati tranquillamente sulle loro poltroncine, e a rubare lo stipendio. In sardegna non ci sarà la diminuzione dei consiglieri regionali. E' una vergogna !!!!!!!

rita c., cagliari Commentatore certificato 04.10.11 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Buoni parecchi elementi su cui si può però ancora migliorare, su altri invece non mi trovo d'accordo. Bisogna comunque partire da qualcosa che si possa condividere per arrivare a cambiare le cose.

Mauro Cassamali 04.10.11 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Ma iniziare a proporre un nuovo modo di lavorare per gli impiegati pendolari?
Non è possibile fare 70 km al giorno chiuso in automobile, perdendo 3 ore al giorno in coda per un lavoro che si può svolgere davanti al proprio PC di casa.
Siamo rimasti ancora a questa forma di schiavitù!!!

Fabio Piccoli 04.10.11 07:52| 
 |
Rispondi al commento

Abolizione delle provincie ed eliminazione delle regioni e provincie a statuto speciale.termine dei contributi alle imprese per smaltimento dei rifiuti ,leggasi inceneritori .portare la pensione dei politici a una sola voce senza più altri benefit alla soglia dell'eta pensionistica di tutti gli italiani, ovviamente in funzione dei contributi come son costrettitutti.controllo fiscale di tutti i comuni che sperperano denaro in sagre e sagre e assunzioni clientelari.

Mario rossi 04.10.11 07:20| 
 |
Rispondi al commento

Ecco la vera democrazia, la "politica diretta":
i cittadini propongono le idee, i tecnici le sviluppano/semplificano/raggruppano, i cittadini votano le idee migliori.
Ognuno vale uno, il parlamento è l'Italia intera.

La politica diretta è, insieme all'informazione globale, la migliore rivoluzione di Internet.

Niccolò Bellandi 04.10.11 01:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma che significa "diminuizione della tassazione sul costo del lavoro"?
Diminuizione dell'irap?
Altrimenti non ha senso, eppure in tanti l'hanno votato!
Boh!

l., ancona Commentatore certificato 03.10.11 23:22| 
 |
Rispondi al commento

E' stata una bellissima iniziativa Beppe.

La partecipazione è stata grande e sentita da tutti; possiamo definirla il battesimo della democrazia partecipativa on line?

:-)

silvanetta* . Commentatore certificato 03.10.11 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo lavoro.


"PERCHE TUTTI I FINE MESE C'é LO SCIOPERO DEI MEZZI PUBBLICI"?????

FORSE COSI SI FA' IL PIENO DI BENZINA?????

Paolo Piconi Piconi paolo (m.a.d.r.e.i.t.a.l.i.a.n.a.), Roma Commentatore certificato 03.10.11 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Forse tardi, ma pensavo, per lo sviluppo..

Agevolazioni per la piccola impresa dove l'iva da versare viene utilizzata, fino a tetti stabiliti, per pagare lo stipendio a giovani disoccupati con una nuova forma di contratto a tempo det (minimo 2 anni?) e indett. La differenza oltre il tetto, poi, si versa come oggi.
In questo modo le piccole imprese avrebbero modo di creare posti di lavoro, di crescere, di far muovere l'economia.
Certo sarebbe necessario un controllo centralizzato e telematico dei contratti e delle buste paga (incrociate con conti correnti ad hoc).

Funzionerebbe.

marco_bseven 03.10.11 20:25| 
 |
Rispondi al commento

E'anche colpa nostra se siamo arrivati al disastro dell'agricoltura e della manifattura tradizionale.Vi siete dimenticati di quelli che le fragole le vogliono tutto l'anno o della signora che sceglie la mela uruguayana perche' non c'e' la macchiettina?Senza contare di quelli che pensavano di risparmiare comprando orrendi "mobili" all'ikea o il lampadario made in cina.Non pensavano che cio' avrebbe portato alla chiusura di imprese artigiane e alla perdita di professinalita' che negli altri paesi si sognano;che i figli di chi pensa di aver risparmiato sarebbero diventati commessi di ikea e non un ebanisti o maestri vetrai.Si semina cio' che si raccoglie.Ci hanno fatto credere di essere piu' ricchi solo perche' si aveva accesso ad una maggior quantita' di beni,pero di infimo valore.
Ci siamo venduti per un piatto di lenticchie a cina e company.Forse questa crisi ce la meritiamo tutta.

Alessandro Gabrielli, Velletri Commentatore certificato 03.10.11 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente cominciamo a pianificare la nuova economia del 21mo secolo. Era ora!

Giovanni Dalla-Valle 03.10.11 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Se non si colpiscono i colpevoli (Banche) non ci saranno soluzioni ma solo un lungo periodo di recessione, perchè nessuno comprerà prodotti con soldi che non ha.
Personalmente non vedo soluzioni se non si colpisce il sistema capitalista, attaccando e impedendo il perpetrarsi dell'istituto del debito, della creazione di entita "too big to fail" e delle produzioni sottostanti a logiche di obsolescenza programmata".

Nicola B., Brescia Commentatore certificato 03.10.11 19:52| 
 |
Rispondi al commento

il governo non sta facendo un dl legge per lo sviluppo e nemmeno lo farà mai. Il governo sta facendo la solita finanziaria camuffata da dl sviluppo per recuperare i miliardi che mancano al pareggio del bilancio, che non ci sarà mai, perchè spedono e spendi sempre più e reintroducono anche i pochi privilegi che si erano tolti e la lega in questo è capofila

Matteo Pietri Commentatore certificato 03.10.11 18:24| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE, UN PASSO IN AVANTI EPR TUTTI NOI
AVANTI COSI' BEPPE
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 03.10.11 18:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori