Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Napolitano contro i tagli ai giornali


Grillo_giornali.jpg
Non fai a tempo a goderti una buona notizia che arriva, implacabile, il monito del Colle a rovinarti tutto. Il taglio, purtroppo parziale, ai finanziamenti ai giornali di partito e limitrofi ha turbato profondamente il presidente della Repubblica che ha dichiarato che il governo deve rivedere i "tagli lineari (?)" perché "si mette a rischio il pluralismo dell'informazione". Napolitano non è rimasto insensibile al grido di dolore di direttori di giornali del calibro di Europa, Unità, Secolo d'Italia, Avvenire e Riformista che dovrebbero chiudere in quanto nessuno li legge. Le nostre tasse li salveranno ancora? Vuolsi così colà dove si puote!

31 Ott 2011, 15:32 | Scrivi | Commenti (36) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

prova xyz

fil_ ippo Commentatore certificato 21.03.13 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Beh, considerando come vanno le cose, mi sarei meravigliato del contrario!

Gianluca G., La Maddalena Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.11.11 20:24| 
 |
Rispondi al commento

mi sono sempre chiesta a cosa serva un presidente in Italia...solo ora si accorge dei tagli lineari perchè va ad intaccare la carta stampata!! ci sono tantissimi quotidiani anche a livello condominiale. BASTA, di che pluralità parla? se i giornali non sono letti vuol dire che non meritano di essere letti. Personalmente mi documento in rete!!!

nadia v. Commentatore certificato 02.11.11 14:25| 
 |
Rispondi al commento

se io faccio il pane e non lo vendo non mangio o mangio il pane...se tu scrivi e non vendi il tuo giornale, perchè mangi ugualmente? mangia la carta oppure la foglia

Egahim M. Commentatore certificato 02.11.11 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Non è mia abitudine perdere tempo e scrivere nei blog.Ma oggi,2 novembre,sana di corpo e di mente ,dall'orlo di un baratro di cui io,avezza alle alte cime ,pur con i miei 76 anni,sporgendomi,finalmente -è da luglio che tremo!-posso intravvedere l'orribile fumante buco in fondo, quello in cui stiamo precipitando tutti,io i miei cari,le mie memorie,il poco di vita che mi resta,la mia adorata Venezia,il mio adorato PAESE ,desidero esprimere la mia opinione. Ascolto sempre PRIMA PAGINA.Questa mattina un signor VERONESI,HA CHIESTO CON DECORO DIGNITA' EQUILIBRIO ,ricordando anche il passatodel Presidente,che GIORGIO NAPOLITANO sciolga Subito le Camere.Il giornalista del Messaggero CONCINA,schiavo dei CALTAGIRONE-!!!!-ha risposto che lui non era d'accordo.
STIAMO ASPETTANDO.Abitassi a Roma ora,come ho fatto la mattina in cui ho sentito alla radio che era bruciata la Fenice,
ora mi vestirei conm i miei "panni curiali"ed andrei sotto il
QUIRINALE a chiederlo con la mia ultima voce,che è ancora TANTA.Non sarei sola,me lo sento. PAOLA SCARPA

PAOLA SCARPA 02.11.11 09:05| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
non ti ho mai sentito proporre al PD di dare l'esempio dimezzandosi gli stipendi ecc. Staccarsi dalla greppia.
Provare non costa nulla, ma se accettassero sarebbe tutto diverso.
La Porcilaia dimezzata, ci faremmo una gran risata!
Erico Menczer

erico menczer 02.11.11 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Quel gran galantuomo di Naplotano, che tutti osannano, non ha mai speso una parola per i poveri lavoratori che perdono il lavoro quasi giornalmente. La sua preoccupazione sono i giornalisti, per carità, il discorso vale anche per loro è duro perdere il lavoro, ma pezzo di st.... sii veramente obbiettivo!!
Comunque l'Italia ne può fare a meno anche di questo illustre personaggio!! Grande amico della Wanna Marchi della politica Italiana (B.!)

Alfonso Privitera 01.11.11 15:09| 
 |
Rispondi al commento

napolitano è completamente rincoglionito
ormai quello che dice non ha nessuna utilità,
è puro esercizio di retorica
fuori dalle palle!!

roberto p. Commentatore certificato 01.11.11 14:48| 
 |
Rispondi al commento

da tanto tempo gli italiani aspettano una parola del Presidente Napolitano che dica basta ai tagli alla spesa pubblica, alle tasse, all'impoverimento del Popolo Italiano, e invece il nostro bravo Presidente cosa fa? A riguardo dei tagli ai giornali, dice di rivedere i tagli lineari (?) si mette a rischio il pluralismo dell'informazione.
Un Presidente che tutela gli imprenditori privati a spese dello Stato.

Pietro C., Roma Commentatore certificato 01.11.11 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Credo che anche il vecchio del Colle sia da rottamare. Ha venduto l'anima ai mercati finanziari e adesso proteggi i privilegi di finti giornali. Che aspetta a sciogliere il Parlamento e a mettere un generale che deve fare in tre mesi 4-5 riforme: dimezzamento dei parlamentari e abolizione dei vitalizi anche pregressi, nazionalizzazione delle banche, abolizione dei doppi incarichi politici, abolizione delle centinaia di enti inutili, dimezzamento delle spese militari, fare una legge elettorale semplice e in galera chi ruba...

stedo 01.11.11 11:12| 
 |
Rispondi al commento

Per caso Lavitola ha chiamato anche a Napolitano per non tagliare i fondi ?

http://video.repubblica.it/politica/lavitola-pressing-su-tremonti-tiri-fuori-i-soldi/79578?video

paolo 01.11.11 10:43| 
 |
Rispondi al commento

in effetti, almeno i finanziamenti pubblici ai giornali di partito e a quelli editi dai grandi gruppi, andrebbero azzerati. è assurdo che giornali che non legge quasi nessuno debbano essere innaffiati da milioni di euro regalati loro dalla politica ma pagati dagli italiani! non dimentichiamoci dell'imperdibile " Il Campanile " organo dell'Udeur e di Mastella, al quale veniva elargito 1300000 euro l'anno ( non so se esiste ancora ) quanti di questi giornali assurdi che nessuno comprerebbe mai ma servono solamente ai politici e ai partiti per rimarcare la loro " potenza " ricevono sovvenzioni super-cospicue dallo stato? è folle e demenziale che giornali che fanno capo a grandi gruppi che sono quotati in borsa come " Repubblica ", " Tl Sole 24 Ore ", " Il Corriere Della Sera " percepiscano finanziamenti milionari nell'ordine di 5-10-15 mln di euro, quando poi un commerciante o un piccolo imprenditore che si trova nella condizione di cessare la sua attività non riceve una lira dallo stato, e lo stesso accade agli operai e ai lavoratori dipendenti che perdono il lavoro. il miliardo di euro annualmente regalato ai giornali di partito sarebbe meglio darlo ai cittadini che subiscono un rovescio lavorativo ripartendolo equamente tra coloro che perdono il lavoro o che devono chiudere la loro attività!

Manuel Barone 01.11.11 09:27| 
 |
Rispondi al commento

il pluralismo del'informazione e' compromesso dai partiti di turno al governo. pero'il mancato finanziamento ai giornali con (soldi pubblici)comporterebbe una riduzione di guadagno che va da l'ordine dei giornalisti, a gli editori, e i signori giornalisti aspiranti politici. *conclusione la mancata liberta di stampa va bene per tutti i protagonisti del caso.*

gagliardo giuseppe 01.11.11 01:02| 
 |
Rispondi al commento

Questa notizia mi fa pensare al fatto che Napolitano e' citato come uno degli uomini chiave all'interno del vecchio PCI da Paolo Barnard per quel che riguarda il grande complotto dei mercati finanziari. Loro priorita' sarebbe mantenere il monopolio dei media. E guardacaso il semi muto presidente della repubblica spende due parole sull'argomento. Piu' che sospetto, specie pensando a quanti argomenti molto piu' importanti non sono mai nemmeno stati citati dal suddetto Napolitano.

Pier Paolo Intelisano 31.10.11 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Sentivo Gasparri in TV che diceva: "il governo in carica è l'unico che può affrontare la crisi!".
Ma non c'è mai nessun giornalista che gli dica ma di che stai parlando? Avete distrutto il vs paese e pensate ancora di poter gestire la crisi? Ma come? non l'avete forse negata x 4 anni? Come la gestite la crisi se la maggioranza non parla col Ministro dell'economia e il Ministro non sente il bisogno di parlare ai cittadini per dirgli cosa succede e qual'è la ricetta ammesso che ce ne sia una? Possibile che la crisi si possa risolvere solo tagliando ancora le pensioni, licenziare ecc ecc. Nel 2010 si dovranno emettere 280 miliardi di titoli pubblici per finanziarci. Al 6% queste emissioni costeranno 16,2 miliardi d'interessi all'anno. Cioè il 30% della manovra 2011-2013 varata ad agosto. Così andando quanto tempo abbiamo prima di ammettere il default? Quanti sacrifici dovremmo ancora fare per ripagare gli interessi? Questi ominicchi della politica di dx e sx ancora scherzano e cercano di mantenere piccoli e grandi privilegi? Popolo scendi in piazza!!!

ezio sperduto (integro), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.11 22:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace molto che il presidente della Repubblica di Berlusconi si senta turbato dai tagli ai giornali. Potrà tirarsi su il morale pensando alle 19 Maserati del guerrafondaio La Russa.

andrea a., torino Commentatore certificato 31.10.11 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Al solito. Il nostro Presidente-manager che ormai parla come un banchiere trova tempo per monitare solo quando si toccano i privilegi della stampa di partito.

Un monito sulla violazione dei risultati popolari ai referendum di giugno no eh? Gli ordini della BCE ad agosto e l'ultima letteronza di Berlusconi agli investitori prevedono la privatizzazione COMPLETA dei servizi pubblici locali italiani. E Napolitano, che dovrebbe mica potrebbe, tace.

Le leggi ad personam presentate recentemente in parlamento come saldi di fine stagione berlusconiana violano la volontà della maggioranza della popolazione sul rispetto dell'art. 3 della Costituzione (quarto quesito referendario)? E Napolitano non manda neanche un messaggio alle camere.

A proposito. Il blog di Grillo ha ricevuto una risposta dalla lettera (quante lettere, siamo tornati al telegrafo, siamo in pieno '800!) a Napolitano di luglio? Gli chiedeva di fatto la cacciata di Berlusconi (e fin qui chi non è d'accordo...) e un governo tecnico guidato da una "figura di profilo istituzionale, non legata ai partiti, con un l'unico mandato di evitare la catastrofe economica e di incidere sulla carne viva degli sprechi."

Visto che potremmo essere vicini a quel momento io non ho ancora capito chi vedrebbe Grillo o chi per lui come "figura di profilo istituzionale non legata ai partiti". Si capirebbero molte cose.

Riccardo 31.10.11 21:10| 
 |
Rispondi al commento

i tirannosauri della politica italiani
poi come la passano la mattinata senza giornale
che nn hanno un c.... da fare
spero che l espresso chiuda presto

claudio 31.10.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento

non mi pare che napolitano fosse così addolorato dopo la cosiddetta riforma di scuola-università. non mi risulta che fosse contrario all'innalzamento dell'età pensionabile, anzi disse che tutti devono fare la propria parte anche a costo di sostenere gravosi sacrifici per il bene del paese.
ecco, il costo!! non capisco perché lo debbano pagare i lavoratori che sno vittime della crisi mentre a quelle sconcezze che chiamano giornali non bisogna toccare 1 euro.

presidente, si conferma ancora una volta inadeguato a ricoprire un ruolo così importante

Simone90 P. Commentatore certificato 31.10.11 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Siamo nel 2011 quest i giornali si devono adeguare non possono restare ai tempi dei Napolitano con la carta. La carta è il passato, la carta è obsoleta, la carta uccide le foreste.
Se un giornale fa buona informazione e va su internet può guadagnare e Il Fatto è un esempio.
Il Fatto senza finanziamenti pubblici dice quello che gli altri giornali censurano e va alla grande, mentre gli altri giornali parlano solo di culi e calcio

Matteo Pietri Commentatore certificato 31.10.11 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro ineffabile Re di maggio, non si smentisce mai e lancia i suoi si ed i suoi no dal colle guidando un paese che non ce la fa più. Ecco la sua ricetta, (per la guerra civile?).
-Guerra a fianco della nato e spese militari folli: "SI DEVE, DOBBIAMO ONORARE GLI ACCORDI, SIAMO UNA COLONIA SERIA"
-Taglio alle pensioni: "SI DEVE, LO CHIEDE L'EUROPA"
- Licenziamenti facili: "SI PUO' FARE, AI SINDCATI CI PENSO IO"
- Aumento delle tasse e gabelle "SI PUO' FARE, PURCHE' NEL RISPETTO DEI PATRIMONI NOTI E GRANDI, CHE NON VANNO TOCCATI E SEMPRE NEL RISPETTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE"
- Taglio ai costi della politica,giornali di regime compresi? "NON SI PUO' SI LEDE LA DEMOCRAZIA!
GRande Presidente gli faranno un monumento.....

GianniVb 31.10.11 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei poteri più forti che ci tengono in sudditanza è proprio quello dgli editori, togliamogli il controllo dei soldi degli autori!

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2011/10/raccolta-firme-per-eliminare-la-siae.html

Certo stupisce che con tante battaglie ancora non si sia fatto il necessario per eliminare questo Ente tanto obsoleto e mal funzionante quanto esoso e ladro. Adesso addirittura vorrebbero spolpare anche i blogger http://www.corriere.it/spettacoli/11_ottobre_28/siae-trailer-costo_3ad78900-015d-11e1-994a-3eab7f8785af.shtml e nota bene che tutti credevamo facessero un giusto riparto delle risorse raccolte destinandole agli autori!!! Ma se appena vai a vedere non è così, gli autori non ricevono nulla o quasi mentre il bottino viene spartito nel modo più opaco che si possa immaginare Siete d'accordo di raccogliere le firme per abolirla?

S ocietà
I nutile
A busiva
E sazione

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato 31.10.11 18:09| 
 |
Rispondi al commento

La Presidenza della Repubblica costa più della Monarchia inglese! Ciò detto, pensate che il Presidente sia preoccupato delle spese inutili quali i contributi all'editoria, ossia ai giornali che non vendono. Tanto paghiamo noi lavoratori dipendenti e pensionati con la più alta pressione fiscale del mondo e fra poco pure con i licenziamenti. Del resto la stampa è di supporto alla Casta, non avendo mai iniziato una seria campagna contro i costi della politica. Ed sta proprio qui lo scambio che è stato fatto tra media e politica: io ti pago (leggi contributi) tu stai zitto!

Chiara Mente Commentatore certificato 31.10.11 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Napolitano infatti fà bene ha dichiarae che il governo deve rivedere i tagli lineari perche si mette a rischio il pluralismo dell informazione. Però che persona in gamba. Che belle parole che dice e sopratutto utili. dobbiamo finanziare con soldi pubblici L'avvenire, l'unità ecc, se no chiudono e sarebbe una sciagura. Napolitano non c'è lo perdonerebbe.Bisogna pensare a loro piuttosto che mandare a casa questo governo di incompetenti. Napolitano dovrebbe sciogliere le camere e invece auspica, auspica e auspica. Cosa auscpica sempre? solo lui lo sa. Io invece auspico una cosa: ANDATE AFFANCULO TUTTI COMPRESO MORFEO NAPOLITANO

Gaspare M. Commentatore certificato 31.10.11 17:50| 
 |
Rispondi al commento

l'8 x 1000 hai preti chi puo' dirmi a cosa serve?????

mariano kkk 31.10.11 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Dovremmo forse essere sorpresi?Dovremmo forse pensare che un anziano signore, nato e vissuto tutta la vita dentro le stanze del potere politico economico dichiarasse qualcosa di diverso? Con la storia del pluralismo si tengono in vita degli agonizzanti. IO SE VOGLIO UN GIORNALE LO COMPERO!!Facessero dei giornali efficaci e seri invece di continuare a scrivere articoli che nulla avrebbero da invidiare a un NOVELLA2000 e d'intorni. Tutto è tipicamente italiano : ho un problema di informazione che si chiama Berlusconi (e non solo, la RAI da sempre è in mano a chi governa), ne ho un secondo che sono i partiti politici che padroneggiano nelle stanze dell'informazione, ne ho un terzo che sono i potentati economici che hanno dei giornali servi e come ti risolvo il problema??Ovviamente usando le mie TASSE per finanziare degli incapaci. Mi sembra che il fatto non abbia finanziamenti pubblici, faccio un buon giornale e fino a quando scriverà cose vere ed interessanti, commenti intelligenti la gente lo comprerà, dopo fallirà.E questo deve essere per tutte le imprese!!Ma,come sempre,nulla cambierà.Le riforme vanno bene se fatte nel campo avversario, i tagli vanno bene purchè non si tocchi il mio orticello, tutto va bene l'importante e non scontentare mai il cliente/elettore.Finchè chi governa tratta il popolo da cliente e non da cittadino,e al cliente va bene essere trattato così,NESSUNA SPERANZA!

lucio mascarin Commentatore certificato 31.10.11 17:21| 
 |
Rispondi al commento

A volte mi chiedo quali interessi difenda Napolitano.Avrebbe dovuto congratularsi con chi ha proposto di tagliare i fondi all'editoria.
Dovrebbe incoraggiare iniziative come quella che hanno intrappreso i giornalisti de "il fatto quotidiano":nessun finanziamento pubblico con vere notizie e inchieste giornalistiche che i giornali citati sopra non pubblicano o pubblicano in parte.

davide mazzola 31.10.11 16:59| 
 |
Rispondi al commento

i giornali sono tenuti in vita anche dai media televisivi.... in ogni edizione mattutina dei vari tg, vengono passati i titoli e molte volte anche le pagine interne dei quotidiani, con lettura di anticipazioni degli articoli.... sto schifo deve finire!!!

dexter 31.10.11 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Bene così, più se ne parla e meglio è. prima poi sto scandale deve finire!

Perchè non sputtaniamo anche il cinema?

L'anno scorso il cinepanettone di De Sica ha preso 1.300.000 euro di soldi pubblici!!!
Basta soldi pubblici al cinema, è uno schifo

Federico 31.10.11 16:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma basta, ma bastaaaaa!

Roberto M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.11 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me, nell'era del Web, i giornali sono usciti dalla storia da parecchio tempo, mi sembrano in paragone quegli individui che nel Medio Evo andavano sulle piazze, annunciandosi al suono di un tamburone e che poi gridavano le notizie al popolo. Tenerli in vita e' quindi antistorico, antieconomico e causa prostituzione mediatica, anche poco democratico.

Acqua Passata 31.10.11 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Uno che si fa rimborsare le spese di viaggio molto di più di quello che ha sostenuto non mi rappresenta. E non lo sto nemmeno ad ascoltare....

GIUSEPPE F. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.11 16:00| 
 |
Rispondi al commento

E' possibile rifiutarsi di essere rappresentati da un "presidente" così ?

Mario P., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.11 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Napolitano è palesemente un'altro appartenente alla Casta. Ci si è ingrassato come tutti gli altri fin dai primi anni 50 con questa polita da quattro soldi. E ancora che c'è gente che lo ferma per chiedergli aiuto! Ancora c'è gente che pensa davvero che difenda la Costituzione! Ancora c'è gente che lo sta a sentire!!! Napolitano dovrebbe fare le valigie al pari di tutta la classe dirigente che si è abboffata sulle spalle dei Cittadini Onesti!!!!

R. Masci 31.10.11 15:52| 
 |
Rispondi al commento

il colle dirigeva una rivista un tempo...

pagata dalla fininvest.....

ahhhhhh, ah , ah...

Vuolsi così colà dove si puote!....

lo disse Mazzola in un derby perso col milan...2 a 1 ....

e tutti ad interrograrsi se ce l'aveva con "l'arbitro" o il destino....

mi sà Beppe ....che pensavi proprio a questo....D!


Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 31.10.11 15:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori