Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Balie napoletane, bebe' cinesi


Scugnizzi_cinesi.jpg
Nelle carrozzelle delle donne napoletane si vedono spesso bambini con gli occhi a mandorla. Sono cinesi di cui le balie si prendono cura. I figli dei nostri nuovi datori di lavoro. E' la dimostrazione che gli extracomunitari non tolgono lavoro agli italiani, ma lo portano. Ricordate "i lavori che gli italiani non vogliono più fare"? La piramide si è rovesciata. Ora ci sono "i lavori che gli extracomunitari non vogliono più fare". In futuro badanti venete assisteranno anziani cinesi a Pechino e i nostri giovani laureati faranno i portinai a Manila. Ci saranno respingimenti di barconi di italiani disperati dalla Turchia. La globalizzazione è una ruota. I primi saranno gli ultimi e gli ultimi saranno i primi.

27 Nov 2011, 14:51 | Scrivi | Commenti (34) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Inutile negare che il fenomeno a cui si assiste è una indiscussa vera e propria invasione di massa. Lo sappiamo che l'hanno permessa i politici, m non serve lamentarsene all'infinito. Il problema e pressocchè irrisolvibile, ma a noi nonr esta che apportare il nostro contributo. A nulla serve scrivere, sfogarsi e lamentare. Da domani insegniamo, veramente, con forza, ai nostri figli a non comprare mai nulla nei negozi cinesi. Noi stessi, ovviamente, asteniamoci dal farlo. Abbandoniamo la seduzione del risparmio, e torniamo alla coerenza, altrimenti nutile lamentarsi. Se vendiamo una vecchia auto usata e ci telefona un cinese, non diamogliela, diamola ad un italiano che ne ha bisogno. Se un marocchino ci impone il alvaggio del vestro, cacciamolo subito, e se ce lo lava los tesso, non diamogli un centesimo. Se abbiamo una attività incerta ed un cinese ci offre un lauto compenso epr farci un suo negozio, non vendiamogliela, ma tentiamo di risollevarla o vendiamola ad un connazionale, a costo di rimetterci parte di denaro. Se abbiamo bisogno di una domestica o di un girdiniere, aspettiamo a lungo di trovarli italiani, anche a costo di pagarli di più. Se dobbiamo andare a cena evitiamo i ristoranti ciensi. Quando avremmo fatto tutto questo, e solo quando lo avremo fatto, potremo cominciare a lamentarci dei politici.

Antonio Privitera 06.06.12 02:07| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO UN MAFIOSO UN DEMAGOGO UN ANTIPOLITICO?
AA BERSANI PARLIAMOCI PAPALE PAPALE,
SENZA GIRARCI TANTO INTORNO.
IL GOVERNO PRODI HA GOVERNATO 2 ANNI
NEGLI ULTIMI 6
E NON SIETE STATI CAPACI DI FARE UNA LEGGE FERREA.
CONTRO LA MAFIA CHE DILAGA INCIUCIA CORROMPE ANCHE
ESPONENTI DEL TUO PARTITO SE NON TU STESSO
QUINDI PERCUI PRENDI ATTO CHE CI SIAMO ROTTI
PRENDI ATTO CHE GRILLO è E NE SONO CONTENTO
IL TERZO PARTITO D'ITALIA,
VALLO A DIRE A PRODI E DALEMA
CHE METTEVANO TASSE SOPRATTASSE SENZA PRODURRE NIENTE INDEBITANDO
IL POPOLO BERLUSCONI HA FATTO IL RESTO SE SIAMO
DOVE SIAMO CIOè NELLA MERDA LA COLPA è ANCHE LA TUA
VALLO HA DIRE ALLE 60 DONNE
DEL TUO PARTITO SALUTAMI ANCHE LA BINDI
CIAO BELLA CIAO

gabriele felli Commentatore certificato 10.05.12 23:27| 
 |
Rispondi al commento

vai Beppe sono un tuo sostenitore ti ho votato e affermo che l'antipolitica la stanno facendo quei ladroni dei partiti di bersani udc pdl legaladroni fanculo fini e la sua casa di montecarlo sapessi a noi quanto c'è ne frega mannaggia a prodi e dalema ma si puo vedere bersani seduto insieme a monti e alfano che casini
è mi raccomando non alleatevi con i radicali sennò non ti voto perdere la credibilità è un attimo vai da solo e saremo in milioni a votarti
il guaio è che monti non se ne vuole andare neanche nel 2013 questo è un guaio sprofondare nel caos è assurdo siamo nell'indebitamento totale molta gente finirà male molto male devi fermarli perchè la poltrona gli fà stare su marte con stipendi da ladroni non sono credibili sui mercati non contribuiscono con lo sviluppo non producono che debito pubblico che noi rimettiamo con i nostri debiti i nostri debitori non ci pagano le banche prosciugano i nostri conticorrenti e monti mettendo un blocco di prelievo di 1000 euro per finirci i soldi prima che possiamo prelevarli
e noi siamo nell'iferno terrestre
altro che antipolitica qujesti sono dei corrotti mangia mangia non hanno niente di onorevole

felli gabriele 20.04.12 01:55| 
 |
Rispondi al commento

Direi che agli Italiani gli sta piu' che bene!

Ricordo come se fosse oggi, non piu' di 4 o 5 anni fa, quando politicanti di bassa lega come la Bindi ad esempio, proclamavano nei salotti di Vespa, Santoro etc. la necessità di attrarre milioni d'immigrati per sfamare la presunta sete occupazionale delle aziende italiane. Alla palese balla, molti di noi provavarono a contestarla sulla rete scrivendone anche su questo Blog. Apriti cielo! Si veniva tacciati di razzisti, chiusi allo straniero, egoisti. Oggi gli italiani sono in procinto d'emigrare con i barconi. Mi auguro oggi, che quei barconi siano pieni proprio di quegli italiani che con falso buonismo proclamavano un tempo l'accoglienza SENZA REGOLE, allo straniero.

ARES 29.11.11 15:04| 
 |
Rispondi al commento

Alcatel-Lucent chiude un sito di ricerca e sviluppo a Genova e porta il know-how in Cina

www.alugoa.wordpress.com


Lorenzo Papini 29.11.11 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Fabrizio Favilli i cinesi non fanno uno scontrino e nessuno li controlla dai......ecco perchè possono riprodursi in tranquillità, se noi italiani siamo a nascita zero siamo noi a dover ricevere le 3 A: assistenza, accoglienza, aiuti!


Aspetto con vera gioia che quel momento arrivi. Soprattutto le badanti venete ai vecchietti cinesi.

giuseppe o., napoli Commentatore certificato 28.11.11 10:56| 
 |
Rispondi al commento

..il cittadino, assieme al vulcano, ribolle...lento....lentissimo; talmente lento che esaspera i più pazienti e non riesce a spaventare nessuno. Quanto deve durare questa ebollizione? Mentre il vulcano evapora del tutto, il marciume continua insolente a comandare in questo bellissimo-sfigatissimo paese, i soliti delinquenti fanno altri affari più marci dei loro soggetti e la puzza sale, sale e su tutto si stende come un manto lercio. La storia li ricorderà come la peggior classe dirigente, quella che è riuswcita ad affossare un grande paese come il nostro, ricco, ricchissimo di ogni ben di Dio. La grande/piccola Italia che così minuta era riuscita a farsi spazio fra i migliori diventandone la leader, che da sempre ha attirato i soldi degli amanti del bello ovvero, di tutti. L'unico paese con il certificato di qualità incorporato e riuconosciuto in tutto il mondo: il "made in Italy" che ha determinato un valore aggiunto ad ogni nostro manufatto, ad ogni nostra produzione. Ce n'è voluto di impegno per portare alle stalle ciò che stava sulle stelle!
Bene, ora chew siete stati cosi bravi a derubare, distruggere, disprezzare, non pensate di farla franca: o rimediate e poi ve ne andate a finire i vostri giorni altrove, alla Bettino, oppure se non riuscite a rimediare, vorrà dire che sarete giudicati da un bel tribunale che spero vi faccia mercire in galera! Un po' per uno nel marcio! O no! fede nda livorno

federico fauci 28.11.11 10:46| 
 |
Rispondi al commento

L'analisi e' giusta...manca pero' una cosa : quel che va bene per un popolo di bestie , non va bene per quella parte degli Italiani che invece e' cosciente . Che vadano in Turchia su vecchie barche quelli che non sono capaci di lottare .
Per gli altri occorre un progetto che ne unisca le forze e ne tuteli i Diritti .

Marco Schanzer 28.11.11 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Non mi è nuovo questo fenomeno sociale, infatti un pò di anni fa, gli inizi del 2000 presso la A.S.L. di un paese alle pendici del Vesuvio, ove prestavo servizio, vidi molte italiane con bambini cinesi in braccio. Tra me e me pensai che si trattasse di uno stuolo di donne che con il desiderio di una maternità a loro negata avessero adottato un bambino cinese. MACCHE'! erano le "schiave" italiane di genitori cinesi troppo impegnati nel loro disumano lavoro alle fabbrichette di vario genere o nei negozi orientali che fanno concorrenza a quelli italici.
Una volta noi prendevamo agli inizi del secolo o nel 700-800 badanti o colf straniere, ora siamo noi le loro colf! E' un importante sintomo di come le cose si siano capovolte...il lavoro c'è, siamo noi che non lo vogliamo!

Giovanni Turco 28.11.11 08:44| 
 |
Rispondi al commento

Per anni ho sentito dire nelle fabbriche " noi siamo più " bravi, all' estero non c'è la qualità che facciamo noi" a distanza di 15 passando per quelle fabbriche vedendo realtà che davano lavoro a 50-100 persone, ora vedo linee di produzione deserte, la fabbrica è diventata un magazzino di spedizione di materie prime e semilavorati per laboratori in tutto il mondo.
Vedo e sento situazioni di tagli occupazionali impressionanti ogni giorno. Quelle imprese sel manifatturiero sovente abbiamo dato il
Avori ora hanno acquisito il know how per andare direttamente dai nostri clienti senza bisogno delle strutture magazzino che facciano la logistica, che sono un costo.
Per anni hanno detto degli estracommunitari che facce ano quei lavori che noi non vogliamo più fare, io vivo in veneto, io stesso ho fatto di tutto sono pure andato a lavorare nei magazzini generali, spesso invece c'era bisogno di gente che non chiedesse aumenti, che avesse più disperazione e meno diritti, da sfruttare meglIo.
Ora il lavoro non è più qui conosco alcuni giovani Italiani che , pagati profumatamente sono andato in Cina a insegnare il nostro now how . La storia è una ruota che gira, 60 anni fa qui in Italia l'auto era un sogno, le ferie un miraggio, molti non avevano il bagno in casa e nemmeno la luce elettrica, la carne si mangiava solo di domenica.
Sentendo i racconti di chi era bambino allora e vedendo i miei figli, mi chiedo quanto torneremo indietro. Molti miei parenti sono andati in Svizzera, in Francia, in Argentina, non sono andati a fare gli amministratori delegati, ma bidelli, autisti, contadini, ora alcuni dei figli hanno in questi paesi una buona posizione economica, frutto di sacrifici e studi, nel caso dei parenti benestanti le loro colf sono del paese dove sono andati. La ruota gira,,,

Scanferla Alberto 28.11.11 06:35| 
 |
Rispondi al commento

Io è un bel po che lo dico ! Pultroppo è triste ma cosi.......

anticonformista51 28.11.11 00:55| 
 |
Rispondi al commento

maledetto chi ha inventato il motore, maledetto chi ha inventato il wifi maledetto chi ha inventato il cellulare maledetto chi ha inventato l'apriscatole, perchè anche con quello una volta mi sono fatto del male...

andrea aru 27.11.11 23:33| 
 |
Rispondi al commento

Già più di dieci anni fa, a Sharaf , un ragazzo marocchino che facev il venditore ambulante sotto i portici di Corso Umberto I, a Vibo Valentia, scherzando dicevo: "Sharaf, fra qualche tempo, noi Italiani, per la mancanza di lavoro causata dalla crisi economica, saremo costretti a venire a fare gli ambulanti al Tuo Paese !" Pensavo di scherzare, ma, purtroppo, questo post, mi ha fatto riflettere: ciò che prevedevo per scherzo, purtroppo, potrebbe verificarsi realmente !! D'altro canto i ns Connazionali, anche ns Parenti, qualche decennio fa, sono stati costretti ad emigrare per lavoro e, Tanti, lo hanno fatto di recente e lo fanno ancora oggi !! Il Mondo gira e capita di trovarsi, anche,......sottosopra !! Speriamo soltanto che non ci vada ...."il sangue alla testa" !!


Darwin diceva che nell'evoluzione non va avanti il più forte, ma quello che sa meglio adattarsi ai cambiamenti.

Paolo Viglietti 27.11.11 21:09| 
 |
Rispondi al commento

Quando mai siamo stati i primi??? Gli Italiani anche nel momento del Boom, in molti, si sono ritrovati a fare i lavori che gli altri non volevano fare all'estero. In ogni caso è una ruota che gira (forse per gli altri)

A. Spina 27.11.11 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Beh, la prima cosa che mi viene da dire è: ben ci sta! Abbiamo per anni trattato i cinesi come esseri inferiori, come i nostri schiavetti (e con loro gli altri extracomunitari) e adesso tocca a noi. Di che ci lamentiamo? Soldi non ce ne sono e ben venga che qualcuno più ricco di noi ci dia un lavoro, una qualunque cosa che ci possa permettere di portare a casa dei soldi. Qui la faccenda non è più di poterci permettere il telefonino fico o un abito firmato, fra poco la faccenda sarà quella di comprare il pane.
Ben vengano i cinesi che ci danno da lavorare, anche se arriva un imprenditore albanese o rumeno... I soldi non hanno colore e cominceremo tutti a essere un po' più umili con gli stranieri, che non sono carne da cannone.

Stefano Lazzari 27.11.11 20:17| 
 |
Rispondi al commento

Ma che bel post pieno di contenuti e progetti!

Un appunto: è interessante vedere come certi commenti che non sono volgari, ma che a quanto pare la direzione del blog trova sgradevoli, scompaiano dopo poche ore come per incanto. Ottimo esempio di libertà di espressione e democrazia, e arriva proprio da chi va lamentandone l'assenza in questa nostra italia.

Marco M. 27.11.11 20:16| 
 |
Rispondi al commento

"E' la dimostrazione che gli extracomunitari non tolgono lavoro agli italiani, ma lo portano." bisogna vedere con quali soldi questi extracomunitari aprono aziende, o che attività svolgono, se sfruttano i loro connazionali a condizioni di semischiavitù, se agiscono nel rispetto delle regole.
i cinesi a prato hanno mandato a puttane l'economia tessile di quella città! ricordatelo.

Luca M. Commentatore certificato 27.11.11 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' la legge del contrappasso.

Vi immaginate un Lega Nord turca?

Terminator -- (), L.A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.11.11 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa recensione è bellissima, complimenti a chi l'ha scritta!

Stefano M. 27.11.11 16:58| 
 |
Rispondi al commento

http://news.yahoo.com/blogs/ticket/occupy-protestor-hands-president-obama-note-201229558.html

marradavide 27.11.11 16:13| 
 |
Rispondi al commento

E' proprio cosi non è integrazione ma sostituzione!

ITALIANI ATTENZIONE ALL'ASSOCIAZIONE:
...non associate mai i giusti che vogliono un pezzo di pane per tutti gli italiani con i capitalisti che vogliono sostituire l'italiano con il sudamericano, il cinese, l'africano, l'albanese per indebolire culturalmente ed economicamente il popolo...

...le "diversità" per migliaia di ragioni devono restare ad adeguata distanza, costringerle ad avvicinarsi significherà farle scontrare e si scatenerà il putierio il popolo più debole verrà sottomesso dal popolo più forte, ecco perchè esistono i confini, le nazioni, le lingue, le abitudini, le origini, anche la natura ci divide e ci distingue con i mari e i monti, le vette e prima o poi le gallerie e i ponti crollano!....
....davanti a questa riflessione chi parla di razzismo non ha capito un emerito caxxo....

il punto è:....non possiamo distinguerci e rispettarci a diistanza se c'è qualcuno dall'alto che favorisce il popolo che si fa sottomettere di più..


ma vedi beppe ....devi smettere di infierire nella tua mente . non ci sono ne ultimi ne primi .... guarda la cosa da un aspetto neoumanistico e dai spazio al prout.org .it .....if you want to understand PROUT, then you need to understand the concept of family. The PROUT is the application of the spirit of family, to society and the economy http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=7BGz4GEZK_w #!

marradavide 27.11.11 15:45| 
 |
Rispondi al commento

CIAO BEPPE,
COME DICESTI TU BEPPE,LA CINA E' VICINA,MOLTO VICINA,ANCHE CON LE BALIE
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 27.11.11 15:41| 
 |
Rispondi al commento

ben vi sta


branco di coglioni marxisti!

il capitale 27.11.11 15:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori