Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Genova per noi


Genova_alluvione.jpg
La tragedia di Genova per il suo sindaco, Marta Vincenzi, era "assolutamente imprevedibile in questa forma". E', di certo, l'unica a pensarlo. Chi arriva a Genova dal mare vede solo un muro di cemento sino alla cima delle colline. I letti dei torrenti sono cementificati. In questi anni si è costruito ovunque. L'amministrazione voleva persino fare del Parco dell'Acquasola, una delle poche aree verdi della città, un parcheggio. Genova è sotto un mare di fango. Per ora ci sono sette vittime, tra cui due bambini. Di chi sono le responsabilità? Chi deve finire sotto processo per omicidio colposo? E' necessario iniziare un'opera di decostruzione, di abbattimento degli edifici che impediscono il deflusso delle piogge, decementificare i letti dei fiumi. Una volta per tutte, in ogni comune d'Italia bisogna fermare il cemento e mandare in galera chi specula sull'ambiente e sulla vita delle persone.

4 Nov 2011, 17:43 | Scrivi | Commenti (132) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Ad oggi mi sono accorto che le difficoltà per le aziende che hanno subito danni non sono finite, una cosa buona l'hanno fatta, stanziare i fondi per le aziede alluvionate, si può ottenere il 40% di rimborso a fondo perduto (per le aziende che hanno subito più di 30000 euro di danni), PERO' ovviamente esiste sempre un però: la domanda e le richeste collegate alla domanda sono complesse infatti è necessario allegare anche una perizia giurata in tribunale preventivi etc. quindi molte aziende rinunciano.... Se avete bisogno il mio studio è disponibile ad assistervi nella compilazione della domanda ed in tutte le fasi dell'erogazione del contributo. L'unione fa la forza!

Alex Ferrari1 (blindabox), Genova Commentatore certificato 19.04.12 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha dato l'autorizzazione per la costruzione di questa palazzina?
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.2619990097819.150434.1197161440&type=1&l=0ae9c2a728
Se c'è qualcosa per cui dobbiamo tutti indignarci, INDIPENDENTEMENTE da come la pensiamo, è questo!

Claudio Matteucci 09.11.11 11:27| 
 |
Rispondi al commento

credo che sia facile gridare adesso, perchè chi si indigna non ha insegnato ad altri a non fare scelleratezze e disastri, c'è il terremoto la colpa e di Bertolaso, che voleva soldi, c'è una alluvione che devasta uno dei luoghi più suggestivi d'Italia le 5 terre, o una delle città più strnamente costruita d'Italia Genova, la colpa e dei sindaci, erutta l'Enta distrugge case che sono costruite sul percorso lavico verso valle, la colpa e del sindaco, ma le case abusive le ha costruite il sindaco? le case sull'argine del fiume o sopra al suo alveo le ha costruite il sindaco Vincenzi? allora basta con questa critica inutile ed ogniuno di noi prenda le sue responsabilità! hai costruito abusivamente, giù la casa nessuna sanatoria, perchè se lì non potevi costruire un motivo c'era e non è pagando una multa che si dissolve il motivo di divieto, il centro di Genova non l'ha costruito o autorizzato Vincenzi, non può nemmeno demolirlo, allora, se c'è qualcunon che ha la soluzione la diffonda a chi di dovere altrimenti taciamo in rispetto di chi in questa catastrofe naturale ha perso la vita e dei suoi cari che soffrono per la sua dipartita. credo che la dignità di un uomo risieda nel suo essere, quindi non nel suo blaterare, la televisione è uno schifo, strumentalizza il dolore, si accaparra odience sulle catastrofi, strumentalizza a suo piacere immagini e parole, se in una trasmissione si permette ad un isterico Cecchi Paone di insultare un sindaco in barba ad ogni umanità e rispetto, con starnazzanti proclami, non si fa il bene dei genovesi, si fa solo odience, se un giornalista come Liguori alla fine della starnazzante scena di Paone si dice concorde con lui per le dimissioni del sindaco, quando dall'inizio non lo riteneva l'unico responsabile, significa che a tutti piace stare dalla parte giusta (DOPO) anch'io sarei un grande col senno di poi, ma prima? cosa avrei saputo fare, chi parla non sa cosa dice spesso lo dice perchè l'ha sentito, magari in tv. povera ITALIA,mha!!!!

Ugo Biribicchi 07.11.11 21:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti,
l'unico per mandarli a casa è andare fisicamente,in modo pacifico a chiedere le loro dimissioni, ma dovremmo essere tutti insieme e uniti.
Genova deve dire basta...
L'Italia deve dire basta...
ogni persona deve dire basta...
A questo sistema assurdo che ci governa.
Saluti dalle colline di Genova, che a volte, franano durante e dopo la pioggia.

Priolo Samantha 07.11.11 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Che dire...........
pensare che ci sono trasmissioni televisive dove REGALANO suon di milioni a chi viene più votato tra una serie di non si sa come definirli.
Se invece di REGALARE certe cifre le facessero guadagnare io lo troverei molto più utile.
Perchè non mandare quella squadra di, al momento nulla facenti di alcuni programmi televisivi, a dare una mano a palare il fango in LIGURIA?
Perchè non inviare nelle zone colpite dalle alluvioni tutte quelle migliaia di euro per uno scopo MOLTO MOLTO PIÙ ONOREVOLE (invece di REGALARLI COSI' ALLA CA...)?
Che tristezza vedere come oggigiorno la visibilità televisiva apra la strada solo coloro che vanno a fare gli imbecilli nei programmi.

MARIO

Mario Rossi 07.11.11 20:12| 
 |
Rispondi al commento

La stagione piovosa da noi inizia in autunno e dura diversi mesi. Pongo a tutti una domanda : Perché le alluvioni vengono esclusivamente all’inizio ? (Settembre-Ottobre)

Credo che i motivi siano due.

Il primo è che il terreno a ottobre arriva ‘cotto’. In pratica diventa una crosta impermeabile all’acqua poiché non è stato protetto dai raggi diretti del sole estivo, così come invece fanno da sempre i boschi. Di conseguenza l’acqua di prima pioggia scivola via senza essere assorbita.
Solo dopo la terra si è ammorbidita la successiva pioggia può assorbita.

Il secondo è che gli alvei sono pieni di detriti organici (alberi etc.) i quali trasportati tutti insieme dall’acqua formano un tappo a valle. La natura si occupa allora di fare saltare il tappo con l’esondazione. La natura stessa si preoccupa delle varie operazioni di pulizia, anche dei greti. Dopo che la pulizia naturale è avvenuta, non ci sono più esondazioni per diversi anni, finchè cioè non si riforma la rumenta. Allora tutto ricomincia daccapo.

Pur nella tristezza per le vittime e il disastro, chiedo ai genovesi (e non solo) perché invece di andare a protestare oggi dalla sindachessa (o dai politicanti di turno) non fanno casino durante il periodo estivo pretendendo la ripulitura dei torrenti e la cura delle montagne. Forse che i bottegai a valle erano troppo intenti solo ai vacanzieri ?

Con meno egoismi si sarebbe potuto dare utile lavoro a chi era rimasto senza lavoro, sia rimboschendo, sia facendo manutenzione ai boschi e ai fiumi. La presenza dei manutentori risulterebbe sicuramente anche un valido deterrente ai piromani che si aggiungono ai disastri autunnali

Qualcuno mi risponde per favore ? Ciao

[Vinkam :-) ], Brescia Commentatore certificato 07.11.11 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questi deficienti della politica sono solo zavorra. Sono lontani anni luce dal mondo reale, quel sindaco che va in mezzo ai genovesi a chiedere ...come va? La dice lunga sulla loro visione. Bisogna menarli, umiliarli e cacciarli dall'amministrazone della cosa pubblica.

Stefano T. 06.11.11 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non è colpa mia, non è colpa tua, non è colpa sua ... intanto iniziamo a mandare un pò di gente a casa ... basta, sono proprio incazzato

Andrea F., Cologno Monzese(MI) Commentatore certificato 06.11.11 17:19| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto 26 anni a Sanremo e per qualche tempo a Genova e per seguire la mia passione ora sono a Milano.

ho una grande tristezza nel cuore a veder quel che succede nella mia terra, e nella mia seppur semplice animazione con la piccola Nina vorrei fare un'augurio ai liguri, auguro loro di essere positivi ed avere la forza di cambiar la situazione.
un caro saluto a tutti
Eloise

http://vimeo.com/8827529

eloise morandi 06.11.11 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Io invece quando vedo il Cavaliere (mascherato) vorrei pettinargli l' impacaltura che ha sulla testa, con la riga in mezzo.
LUI che ha costruito Milano 2 ancor prima di aver ottenuto i permessi e pertanto abusivamente, per non parlare di tutto il resto: ha iniziato come immobiliarista, adesso fa la morale.
Ma vai alle Bermuda e portati un po' di persone con te.

marina c. Commentatore certificato 06.11.11 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Il sindaco minimizza, il card. Bagnasco filosofeggia e Napolitano chiede di indagare. Ma in che razza di Stato viviamo. Il sindaco nonostante gli inviti della Prot. Civile non ha chiuso le scuole. La Chiesa ha detto che non bisogna mettersi contro la natura quindi parla sempre dopo, ma quando si deve votare è sempre in prima linea eccome che fa sentire la sua autorevole voce. La Chiesa deve scendere in piazza prima che accadono certe cose perchè se ha il potere di pilotare la politica con lo stesso potere può evitare che si cementifichi tutto. Infine Napolitano chiede di indagare sui responsabili, ma non ha il potere di interferire con la politica locale. E' come quando emette dichiarazioni sulle morti bianche da anni dice sempre le stesse cose. Parole che non hanno mai salvato nessuno anzi hanno peggiorato la situazione dimostrando che o parla o non parla è la stessa cosa. Perche' non usa i dirigenti del suo staff per indagare su cosa funziona e sul cosa non funziona in Italia?
Con l'alluvione di Genova abbiamo assistito ad un'altra disfatta della nostra società e mi addolora che a pagarne le conseguenze siano solo e sempre degli innocenti. Allora è inesorabile che il destino riserverà altre amare sorprese perchè lo stato attuale dell'Italia è questo e nessuno riuscirà a cambiarlo. Basta con la speranza dell'avvento del buonismo ora più che mai servono i fatti altrimenti ci rimane solo la rassegnazione, quindi la morte interiore, o il brigantaggio ovvero il cannibalismo (vedi la vergognosa telefonata per la ricostruzione dell'Aquila)

Jacnife Lorenzo 06.11.11 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma quando avremo una nuova classe politica ? Quando? Quando sentiremo parlare solo delle cose da fare e non dei massimi sistemi? Quando? Ma chi li vota sti disgraziati privilegiati?

Renzo Stefanini 06.11.11 00:25| 
 |
Rispondi al commento

troppi vincoli al torrente Bisagno, ricordo che la parola torrente significa anche rapido| scosceso, bisogna tornare indietro nel, cosiddetto sviluppo delle città e dei paesi e paesetti. Vincere la natura non è facile, il conto arriva benché inatteso. Investire in costruzioni sembra l'unica via, non si pensa di che cosa camperanno centinaia di migliaia di abitanti quando le vocazioni del territorio si riducono di lustro in lustro, censimenti analisi socio economiche non suggeriscono proprio nulla?


alberto micarelli 05.11.11 15:26| 
 |
Rispondi al commento

LETTERA APERTA AI MEZZI D'INFORMAZIONE :
Ieri 4 Novembre 2011 abbiamo assistito ad una informazione sulle TV e sui Giornali, fatta esclusivamente con video amatoriali provenienti da Genova, vorrei chiedere ai Media di cui sopra dov'erano le migliaia di telecamere che hanno a disposizione e dov'erano i Giornalisti delle redazioni Regionali,il primo filmato ufficiale si e' visto solo verso la Mezzanotte, dopo 10 ore da quell'evento, se esistesse il Copyright per l'informazione, tutte quelle persone che in tempo reale c'hanno trasmesso quello che stava succedendo,si sarebbero arricchiti, i loro mezzi costosissimi e pagati da tutti erano silenti, vorrei dirvi che quando con sistemi professionali non si riesce a realizzare quello che si fa' con i mezzi amatoriali, la vostra funzione e' finita, se non vi accorgete di tutto quello che vi gira intorno e che ormai il Mondo parla in tempo Reale,vuol dire che siete diventati Antichi, vi invito a spendere meglio i vostri soldi e fare un'informazione adeguata ai vostri mezzi e non spendere soldi e tempo per far parlare in TV o sui Giornali sempre i soliti noti,tesserati di tutti i Partiti che non hanno nulla da dire e quando dicono,viene fuori tutta la loro incompetenza e la dialettica del nulla e la loro inadeguatezza, per tutto quanto sopra vi pregherei di riflettere e provvedere nelle varie segreterie di redazione nonche' nei consigli direttivi
Cordialmente
Luciano Muratori

luciano muratori 05.11.11 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sentito al tg il comunicato di Berlusconi sulla tragedia di Genova e per un attimo ho avuto l'impulso di spaccare il televisore. Il signore che ci governa, che ha fatto i soldi anche grazie alla speculazione edilizia selvaggia che più selvaggia..., responsabile di non so quanti condoni tombali edlizi, ha avuto la faccia di cacca di dire che la colpa della tragedia è da imputare alla cementificazione del territorio...

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 05.11.11 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Possibile che nessuno esamina le cause "a monte"? Ma lo vedete il colore di quell'acqua? Non vi chiedete come mai c'erano tutto quel fango e quei detriti?
Il vero problema è il dissesto idrogeologico di tutto il territorio, ed in particolare il disboscamento delle rurali e collinari. L'unica cosa che può trattenere la terra e i detriti di un pendio durante un evento piovoso di questo tipo sono gli alberi o gli arbusti della macchia, grazie alle sue radici. L'agricoltura, e soprattutto le grandi monocolture e i grandi pascoli, hanno causato la deforestazione: senza gli alberi la terra e i detriti sono destinati a franare o essere portati via dall'acqua.

Fausto Levantesi 05.11.11 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Franco Gabrielli, laureato in giurisprudenza, ex direttore SISDE, ex Prefetto de L'Aquila ora capo della Protezione civile...

Mario Tozzi Persona Preaparatissima del Settore, Onesta che HA a Cuore il Paese quindi Ad Hoc per stare alla Protezione Civile...a lui no eh...

...a lui se permettoni di dirgli "Ti spacco la faccia" i vari Testa di Chicco...marcio esemplare responsabile del Paese di cacca!!!

anib roma Commentatore certificato 05.11.11 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Siamo presi in giro ogni minuto e morto che passa,con la storia delle
"bombe d'acqua",il clima impazzito ed i cambiamenti climatici(che sono sì
in atto,ma non sono imputabili di ciò che succede).Tutti i discorsi di Tv e
Giornali sono impostati e concentrati nell' esasperare l'emozione,"il
fascino della diretta" (all'americana) e l'imprevedibilità degli eventi.
In realtà le condanne delle nostre città e vite sono già state scritte
quando si tagliano i soldi per la manutenzione (di fossi, canali, corsi
d'acqua, versanti, boschi..) e si spostano per creare un "corpo" di
Protezione Civile che (senza togliere niente a chi si ADOPERA QUANDO IL
LATTE è ORMAI VERSATO) appaia presente sui luoghi di sciagura a
"monitorare" e faccia apparire lo Stato Italiano "presente": questo è
invece l'incipit del business della disgrazia!
Il "nuovo corpo" di Protezione Civile fatto di "volontari certificati", se
da una parte e solo sulla carta è lodevole, di fatto depotenzia il
meccanismo della solidarietà umana tra vicini, avendo come compito quello
di allontanare le vittime dal territorio che vivono, per far posto a
speculatori del business dell'Emergenza. (Il PIL aumenta, le speculazioni
territoriali con la fretta di "ricostruire" e le deleghe speciali sono più
possibili)L'obbiettivo è quello di spopolare forzatamente gli insediamenti
e situazioni rurali, che non producono PIL, e favorire quelle Urbane che lo
producono. Far dimenticare l'Ambiente ed il Territorio fino a
demonizzarlo.
Sono un Ingegnere Ambientale che non fa più l'Ingegnere(e mai l'ha voluto
fare una volta capito il giochino a cui siamo sottoposti)per non rimanere
stritolato in questa morsa di "gestione del territorio per il profitto di
alcuni(pochi) e a scapito di altri(molti)"
Gestire il Territorio non deve essere business,nè essere appaltato a
terzi,ma deve rientrare nella Rete di Sistema di Servizio Sociale di cui i
Cittadini di uno Stato si devono prendere cura direttamente, anche nelle
situazioni piu difficili"

matteoz 05.11.11 12:52| 
 |
Rispondi al commento

http://www.meteoweb.eu/2011/11/allerta-meteo-domani-nascera-un-ciclone-mediterraneo-tra-baleari-e-sardegna-allarme-maltempo-in-tuttitalia/95888/
FATE GIRARE E' URGENTE!

GABRIELE TINELLI (), carrara Commentatore certificato 05.11.11 12:36| 
 |
Rispondi al commento

urla a sindaco: 'Vergogna, dimettiti:

l'altro giorno guardando la TV, genova non era ancora stata colpita e si parlava solo di lunigiana e 5 terre, intervistarono questa tizia che mi rimase subito antipatica a pelle e pensai tra me e me..." ma come fa questa a sorridere intervistata per una tragedia simile? " Ecco dopo pochi giorni ho avuto la tragica conferma di quello che pensavo...... ma il problema è un altro e cioè come fa la gente a votare personaggi così? ... saranno tutti scemi e poi ho pensato a bossi, cardlderoli, straquadanio na anche ai sinistri e alla fine sono arrivato a pensare che le elezioni sono tutte tarokkate dalla prima all'ultima o che quello italiano è il popolo piu stupido del mondo!

libero pensiero perciò pazzo 05.11.11 12:04| 
 |
Rispondi al commento

L'unica magra soddisfazione per il disastro che ha colpito Genova, sarebbe di vedere i reali e diretti responsabili fargliela pagare....molto cara. Un disastro di dimensioni così enormi, si può tranquillamente prendere in considerazione tutte quelle persone, sindaci, assessori, presidenti e quant'altro che hanno governato Genova, Provincia e Regione negli ultimi vent'anni. Sarebbe la consolazione più grande. Gli aiuti finanziari per la ricostruzione vengano assegnati solo alle imprese e operai presenti nella regione Liguria, in modo che il lavoro e le risorse finanziarie se li possano godere loro. Solo così si può dare una importante mano per ricrescere. Mai gli aiuti devono partire subito, senza riunioni in Camera e Senato...ininfluenti come sempre.

eraldo pesci Commentatore certificato 05.11.11 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Genova non mi è mai piaciuta...vuole essere una metropoli ma non può esserlo. La Liguria non è una regione adatta alle metropoli e questi sono i risultati. La giunta regionale e i comuni liguri andrebbero commissariati per evidenti crimini contro la cittadinanza (indifferenza e malaffare) e si dovrebbero aprire subito indagini verso tutti i complici di questo massacro. Rivedere con uno staff tecnico tutti gli edifici e le costruzioni che ostacolano il deflusso idrico di tutta la regione e demolire senza alcuna esitazione. I costi di tale operazioni sono a carico di tutti coloro che hanno avuto incarichi di qualsiasi natura nel comparto regionale e comunale.
Mandiamo via questi idioti patentati e portiamo nel governo delle istituzioni persone competenti e sane che inizino a eliminare il cemento che ha arricchito la solita casta.
Uno staff tecnico deve programmare una serie di interventi prioritari sugli edifici da abbattere per riportare la sicurezza del territorio e sottoporre a conoscenza dei cittadini con eventuale referendum confermativo.
La comunità deve essere a conoscenza dei rischi e dei pericoli della zona dove vive anche perchè il clima cambia e, purtroppo, le edificazioni del passato non sono più adatte a una vita tranquilla.
Impariamo a vivere lontano dai torrenti e sotto le colline, avere qualche comodità in meno può salvarci la vita ed anche quella degli altri.
Ed infine, dico a tutti, dobbiamo eleggere una classe dirigente competente, non votate solo per sentito dire ma approfondite la conoscenza di colui che poi dovrà decidere della vostra vita. Il Movimento 5 stelle sarà sempre dalla parte del cittadino proprio perchè composto da cittadini preparati e competenti in grado di decidere senza mazzette e senza padroni. Dobbiamo ricostruire la Liguria e l'Italia intera e abbiamo bisogno di tanta gente sana che inizi con noi il percorso verso la democrazia.

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 05.11.11 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/04/il-movimento-5-stelle-fa-scuolaper-formare-nuovi-cittadini/168538/

fulgy f., torino Commentatore certificato 05.11.11 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Il Sig.Marco Calvino ha perfettamente ragione!Se il Burlando fosse un uomo,e non quello che è,si sarebbe già dimesso alla velocità della luce,ma và,questa squallida teppa trasversale è inamovibile.Oggi,in P.zza San Giovanni si terrà la manifestazione del PD-L ''per ricostruire l'Italia''.Se le speranze del paese sono riposte in questi ''ricostruttori'' stiamo freschi!

Mario Poillucci, Sulmona Commentatore certificato 05.11.11 10:21| 
 |
Rispondi al commento

ma nessuno ha il coraggio di dire
esplicitamente che e' colpa dei verdi ???
avevo un torrente confinante con casa mia...
dico avevo perche ora e' un bosco, ma non
si puo toccare.
una volta i "vecchi" prendevano le pietre dal fiume per rinforzare gli argini, adesso
non si puo piu perche rovino il microclima...
ma quelle pietre tolte al torrente lasciavano defluire l'acqua ed evitavano i disastri.
dicio che accade ed accadra, dovete ringraziare solo i verdi !!!!!!!!!!

massimiliano girardi 05.11.11 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

abito in un piccolo paesino ma penso che come funziona qui si possa rapportare (in peggio) anche nelle altre citta'. Qui hanno trovato i soldi per fare un pezzo di fognatura delle acque piovane di circa 500 metri , questa fognatura dovrebbe raccogliere anche le acque di un fiumicello parzialmente sotterrato che viene giu' da una valle ed e' una bomba ad orologeria. I lavori sono stati assegnati circa 4 mesi fa alla solita ditta che ha il monopolio di tutti i lavori . la ditta inizia e poi non avendo tempo lascia i lavori a meta' come se le nuvole possono aspettare i loro comodi. Ho chiesto al geometra con quale criterio ha dimensionato i tubi e lui mi ha detto "un tubo dell'80 porta tutto". gli ho fatto un conto della serva , cioe' metriquadri moltiplicato pioggia di un forte temporale (senza contare la variabile impazzita del fiume) e veniva fuori che era dimensionato alla cazzo . In piu' l'impresa aveva usato tombini di un diametro (anche questo calcolato a occhio) e i tubi di collagamento di diametro di molto inferiore senza nessuno che avesse controllato la qualita' dell'opera. con gente del genere e' chiaro che ad ogni temporale succede un disastro. Io comunque ho identificato almeno 3 reati in questa condotta e al primo disastro presentero' una denuncia alla procura chiedendo anche il sequestro cautelativo dei beni personali delle persone responsabili. Non ho nessuna fiducia nella magistratura , i giudici hanno la mano pesante con i derelitti ma sono sempre comprensivi con i potenti , pero' anche le formiche nel loro piccolo possono dare fastidio. angelo

angelo mora 05.11.11 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Da tre anni c'e' un'iniziativa partita da Cassinetta di Lugarano, "STOP AL CONSUMO DEL TERRITORIO". Il sindaco,Domenico Finiguerra, sta promuovendo crescita cemento ZERO. Dobbiamo ADERIRE A QUESTO FORUM E FARLO DIVENTARE FORTE. Ci sono un sacco di persone che vogliono bene al nostro paese e si fanno in venti x salvare il nostro territorio!!! Chi vuol far qualcosa x l'italia vada sul sito e si allei con chi sta gia' facendo qualcpsa di importante!!!
Rosi

Rosi Angelini, Montiano Commentatore certificato 05.11.11 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Forse pochi sanno che in via Ferreggiano c'è una della scuole più grosse di Genova, la Lomellini, con materna elementari e medie. E ieri era aperta! Per pochi minuti non si verificata una strage! Quelli che vedete nei video camminare sono quelli che stanno andando a prendere figli e nipoti a scuola. Se il torrente esondava 10 minuti dopo, era una strage. Fortuna è stata che esondando prima dell'una, gli studenti sono rimasti nelle scuole. Altro che minchiate della Sindaco.....

Antonio Maggio, Genova Commentatore certificato 05.11.11 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Se avessimo amministratori con un briciolo di dignità e onestà, oggi stesso il presidente Burlando dovrebbe dimettersi: lui è uno dei massimi responsabili del disastro, avendo sostenuto la massiccia cementificazione di tutto il territorio costiero in combutta col suo sodale Scajola. Pochi giorni fa la giunta regionale ha approvato la riduzione della distanza a tre metri rispetto al greto dei fiumi per la costruzione di opere cementizie! Ma ci rendiamo conto del carattere criminale di questo provvedimento? Si, adesso che sono morte sette persone (ma domani ce ne dimenticheremo?)

Marco Calvino 05.11.11 09:30| 
 |
Rispondi al commento

Hai ragione Beppe!! Ogni volta che vedo Genova arrivando col traghetto dalla Sardegna, mi metto le mani nei capelli! Dio mio!! Un qualsiasi ignorante capirebbe!!

Andrea Barberis (andrew67), Vinovo Commentatore certificato 05.11.11 08:20| 
 |
Rispondi al commento

chiedere alla politica come misura straordinaria la rinucia dei rimborsi elettorali,da convergere per salvare questa parte di paese importante. MA IMMAGINO GIA LA RISPOSTA es. (non e' cosi che si risolvono i problemi come' successo in veneto proprio un anno fa')

gagliardo giuseppe 05.11.11 08:03| 
 |
Rispondi al commento

un ingegnere del politecnico di Milano dichiara su rai 1 che il fiume Bisagno era sotto osservazione già dal 1928... percorrendo la Liguria in treno per Nizza si vede una continua costruzione, anche di 1 centro commerciale...non c'è un "bel-vedere" come al di là di Ventimiglia!! grande incuria dappertutto: mi spiace per i Liguri ma è così!

nadia v. Commentatore certificato 05.11.11 07:36| 
 |
Rispondi al commento

Mentre Liguria e Toscana venivano devastate, i nostri giocavano con fanfare, soldatini, elicotteri e enormi mezzi militari comprese ruspe.
Evviva l'Italia di Vittorio Veneto! Viva la Grande Vittoria! Vai col Piave che mormorava!
Tanto "Cade la pioggia ma che fa...".

mario massini, roma Commentatore certificato 05.11.11 07:18| 
 |
Rispondi al commento

H20.
L'acqua, come tutte le cose su questo mondo, ubbidisce alla legge di gravita'e quindi cade sempre dall'alto verso il basso; un semplice postulato che tuttavia in molti non riescono a capire, di solito le giunte comunali. Non serve fermare il cemento in assoluto, in realta'si potrebbe costruire edifici all'infinito, su aree qualificate anche dal punto di vista idrologico,
con sbarramenti che convogliano le acque pluvie in grandi scolmatori, tutto qui. Insomma, il territorio da urbanizzare va sempre qualificato,
quindi ad incremento di edifici civili da abitazione, deve corrispondere un adeguato incremento generale di tutte le infrastrutture.
Tutto questo altro non e' che una normale politica per il territorio, che le varie amministrazioni comunali non rispettano mai, da qui....catastrofi, distruzioni & Co.

U-Boot 110 05.11.11 07:07| 
 |
Rispondi al commento

Giusto il post. Allucinanti a mio giudizio le dichiarazioni di Napolitano e quelle del sindaco di Genova, che forse dovrebbero inginocchiarsi davanti alle vittime (per ora diciassette) e scusarsi pubblicamente per quanto detto. Il sindaco, visto che è anche molto più giovane, dovrebbe dimettersi solo per quanto dichiarato.

Le colpe alla fine saranno, visto che l'Italia è cattolicissima (a parole), di Giove pluvio.
Ma tanto un'altra guerra sta per avvicinarsi, e i morti (tutti i morti, indistintamente) non contano e non conteranno nulla. Ci stiamo abituando.

mario massini, roma Commentatore certificato 05.11.11 07:06| 
 |
Rispondi al commento

l'ho già postato ma lo rimetto il video di Mario Tozzi

che deve fare poveretto, lui e pochi altri (compreso Beppe) ni sembrano le voci di coloro che strillano nel deserto...

nel 2010 (non me lo ricordavo) a Genova è successa la stessa cosa, un po' meno violenta, certo.. ma il clima pure non va migliorando anzi

e chi avrebbe detto ad Alemanno che a Roma sarebbero successi gli allagamenti di alcuni giorni fa?? la natura non guarda in faccia se il sindaco è di destra o di sinistra...

BASTA CEMENTO!!! UTILIZZARE LE COSTRUZIONI IN DISUSO, BASTA AUTOSTRADE, GRANDI OPERE, SCAVI!!!!

.. ché oltretutto non ci sono più i soldi!!


http://video.repubblica.it/copertina/il-geologo-mario-tozzi-liguria-condannata-alle-alluvioni/79995?video&ref=HREA-1

Paola Bassi Commentatore certificato 05.11.11 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Cito da Repubblica: "Dal 1990 a oggi siamo a quasi 80 episodi di intensità simile a quella che abbiamo visto a Genova. E' un numero in crescita..."Ora mi chiedo: Sara' un caso che documentazioni fotografiche e filmate di cieli con SCIE CHIMICHE iniziamo pochi anni dopo questa data (1993-94)?! Qualche dubbio che possa esserci un rapporto di causa effetto fra questi fenomeni comincio ad averlo- Sbaglio?

luigi savadori, cesenatico Commentatore certificato 05.11.11 01:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...è mai possibile,caro Beppe,che continuiamo a partecipare piangenti a funerali,con spirito di sottomissione,impotenti e con l'apatia di buoi da pascolo,senza ribellarci a questo AGGLOMERATO DI MERDOSI MANGIA SOLDI,i quali si nutrono dei ns risparmi che non permettono di togliere neanche un sasso dai ns alvei, definendosi "VERDI".....ma verdi di cosa!verdi per cosa! L'unico verde che vedo,è quello del prato dei cimiteri dove vengono sepolte tutte quelle vittime causate dalla loro ottusa e ignorante pseudo attivita' ECOLOGISTA..

paolo barberis 05.11.11 00:54| 
 |
Rispondi al commento


GENOVA SERVONO AIUTI

Servono aiuti immediati per la terribile sciagura che sta devastando Genova e dintorni, se tu puoi fare qualcosa falla!ora!

contatti:

fangosullemagliette@gmail.com

angelidifango@hotmail.it

facebook:

https://www.facebook.com/fango​sullemagliette

Questa pagina è nata spontaneamente, poche ore fa, da un gruppo di ragazze genovesi che vogliono sensibilizzare....abbiamo bisogno di tante cose: pale, guanti, stivali,tute....volontari...Abbiamo bisogno di Te:)

francesca 05.11.11 00:23| 
 |
Rispondi al commento

CEMENTO made in silviuzzo 'u curtu

17-03-2009 www.francarame.it

Aumento della cubatura Ogni italiano, ha spiegato Berlusconi, potrà aumentare del 20 per cento la cubatura della propria casa. Il sistema più pratico è sfondare una parete e annettersi una stanza del vicino, il quale a sua volta si rivarrà con un altro vicino.

Il condomino più esterno, non potendo espandersi ai danni di alcuno, costruirà un'enorme protuberanza sulla facciata, oppure sfonderà il tetto erigendo un superattico. Il classico circolo virtuoso che imita il modello del termitaio: ogni palazzo aumenterà di dimensioni fino ad assumere la tipica forma di un gigantesco panettone bitorzoluto.

Gli esperti del governo suggeriscono di aggiungere alla malta grandi quantità di lievito: un locale di venti metri cubi potrà gonfiarsi, in una sola notte, fino alle dimensioni della Sagrada Familia.

In nome della semplificazione il nostro governo da il via alla cementificazione selvaggia del nostro territorio e offre la possibilità di ingrandire le abitazioni private fino al 20% del volume. Ne sentivamo l’esigenza. La prima regione che all’interno della conferenza Stato-Regioni ha espresso il suo consenso e’ la Sardegna e la cosa non ci sorprende.

- nessuno lo ricorda la leggina del nanetto, eh!
chissà quante porcherie , eh!
quando si da il via a certe strunzate, come fai a
fermarle a livello locale, quando ci sono collusioni e un ministero del tutto assente!

vabbè!...seguitiamo a farci del male, va!
(anche se la natura è quella che è )

LENIN il saggio (il verde appeso), Roma Commentatore certificato 04.11.11 23:58| 
 |
Rispondi al commento

adesso voglio vedere chi esce con l'automobile: un piano antismog naturale...

Acul utopiA Commentatore certificato 04.11.11 23:45| 
 |
Rispondi al commento

Ma vuoi indignarti con la Natura? La Natura rimette le cose a posto, questo è un esempio. Lasciamogli fare e vedrete che nel giro di cento anni le sponde dei fiumi torneranno quelli di una volta, senza bisogno dell'intervento dell'uomo che anzi vorrebbe fare argini dappertutto!

bimbo sullivan 04.11.11 23:32| 
 |
Rispondi al commento

La natura puntualmente ci presenta il conto. Purtroppo non c'è la volontà politica di curare il territorio che deve essere prima di tutto a livello Nazionale e Regionale. Gli odierni politici e amministratori bollano queste tragedie come calamità naturali, come cose imprevedibili, così ci passano sopra e via, a loro interessa solo il profitto.

stefano s. Commentatore certificato 04.11.11 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma l'informazione essenziale e più utile - una mappa con le zone basse pericolose di Genova assieme a quella delle strade rotte e inagibili qualcuno l'ha fatta? -. A che servono trasmissioni che mostrano fiumi in strada, commiserazioni varie, tiritere sul cementato se poi nulla aiuta chi è nell'emergenza a uscirne?

Peter Amico 04.11.11 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo di fretta: scusate la mancanza di formalità

Couchsurfing è una grande rete no-profit di ospitalità, frequentata da milioni di persone in tutto il mondo. L'identità e la sicurezza delle persone che usufruiscono del sito sono indubbie.
Sto organizzando una rete di contatti nel Nord Italia per accogliere persone colpite dalla alluvione che ne abbiano necessità. Non so chi contattare per estendere l'invito, non so chi contattare per capire l'entità e il numero e chi ha davvero bisogno di una casa: per questo ho scritto a voi.

http://www.couchsurfing.org/group.html?gid=47801 è il link del gruppo a cui stanno arrivando le adesioni di persone che forniscono ospitalità. Come ovvio, gli evacuati non hanno internet da consultare e servirebbe qualcuno che informasse le organizzazioni che si stanno occupando dell'accoglienza.

Potete contattarmi a
ste.barco@gmail.com
328/9610085

Posso tenere io i contatti tra chi ospita e chi richiede ospitalità. Abbiamo già una trentina di posti letto.

Dimenticavo: sono Stefano Barco, 27 anni, medico a Pavia.
Ecco il mio profilo su CS: http://www.couchsurfing.org/people/stefano.stefano/

Grazie.

stefano barco 04.11.11 23:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, oggi è toccato alla tua Genova, ieri a tante, troppe altre località sparse per l'Italia. Nel 1994 ho assistito dalla finestra all'invasione del Tanaro per le strade di Alessandria. Ricordo la sensazione di smarrimento e di rabbia impotente e una domanda che continuava a batterti in testa, una domanda alla quale nessuno mai, in queste tristi circostanze, sa ed ha il coraggio di dare una risposta: perché? Perché ogni volta si debbono piangere morti, a causa di eventi che non sono gemelli dell'uragano Katrina? Certo che oggi è piovuta una quantità insolita d'acqua, ma Genova non è Bangkok, la perturbazione di oggi non è simile ai tifoni che imperversano su Taiwan. Eppure mezza giornata di pioggia è costata sette vite e dieci giorni fa qualcuna in più. Cosa ci stanno a fare, tra tutti gli altri degni compari di Roma, i vari ministri dell'Ambiente, che si susseguono una legislatura dopo l'altra e, pur anche essendo di segno politico differente, non fanno mai qualcosa di importante e definitivo per salvaguardare un bene primario, che è un diritto per ciascuno di noi? Eppure, immagino che le loro dimore siano sempre manutenute in modo impeccabile, i giardini ed i parchi sempre curati dal giardiniere ... Perché casa loro sì e l'Italia no? Hai voglia a combattere, ma non ti prende mai lo scoramento, al cospetto di tanta inettitudine, che invece di ridursi nel tempo, si riproduce, un governo dopo l'altro? Ti lascio con un'ultima domanda: perché le persone di buona volontà sono sempre lontane da Montecitorio?

CARLO C., ROBBIATE Commentatore certificato 04.11.11 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Com'è che nessuno si indigna quando a devastare auto e negozi è la Natura e non i Black Bloc?

Annunaki, Nibiru Commentatore certificato 04.11.11 23:10| 
 
  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il dissesto idrogeologico è già abbastanza diffuso in italia. Se però sei in default è difficile metterci una pezza. Gli italiani stanno cominciando a pagare il conto e ben gli sta. Ma i bambini no, loro non c'entrano nulla ed è ora che qualcuno cominci a pagare per questo.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono veramente incazzato. Non è possibile una cosa del genere.
Voglio le dimissioni a partire dall' assessore, per passare al sindaco, al presidente della provincia, della regione, e del ministro.

maurizio lattanzio 04.11.11 22:50| 
 |
Rispondi al commento

perchè non chidere alla "casta" di devolvere lo stipendio intero di un anno (senatori, onorevoli, consiglieri regionali e loro pensionati) agli alluvionati?

Francesco Grillone 04.11.11 22:49| 
 |
Rispondi al commento


POssiamo lottare con i ladri

Possiamo lottare con i truffatori

Comincio a rassegnarmi se lottiamo con UNA
CATENA di imbecilli INCAPACI ANCHE ( presidente regione - sindaco-giunta-prefetto-protezione civile -meteopatici e fatiscenti commissioni regionali-provinciali e cazzari DELLA SICUREZZA DEI XAZZI LORO )

Tinazzi

tinazzi ., Albano Laziale Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 22:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao Beppe.
Non vedo l'ora di poter votare il movimento 5 stelle a livello nazionale dopo averlo fatto con orgoglio nella regione emilia romagna e nel comune di castenaso.
Ancora una volta il cemento ha ucciso prima l'ambiente e poi persone innocenti.
Avremo tante ligurie se non si provvede a costruire in sicurezza senza interessi politici
Fermiamo la cementificazione selvaggia e gli abusi edilizi .
Dante Pasini
Castenaso ,Bologna

dante pasini 04.11.11 22:14| 
 |
Rispondi al commento

La cementificazione in Italia è esattamente come la mafia e l'evasione fiscale.

Da 30 anni se ne parla solo quando ci sono i morti, per qualche giorno, e poi ritorna in letargo per i 6/12 mesi successivi. E nulla cambia.

Purtroppo Beppe, per ogni politico speculatore corrotto che devasta l'ambiente e/o ruba, c'è anche una gran parte del popolo in letargo che glielo lascia fare, come sono gli italioti.

Sono gli indifferenti che bisogna svegliare.

Perchè se una parte consistente del popolo si sveglia e s'incazza, anche il politico cementificatore o corrotto non potrebbe rimanere al suo posto


Mario R 04.11.11 22:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe, mi dispiace per questa bellissima città.

Luca Patavino 04.11.11 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna sempre che scappi il morto per svegliarsi e forse al punto in cui siamo non bata nemmeno.

Chi si preoccupa prima e sempre il solito sfigato lamentone.

Ma vaffanculo va!

Noè SulVortice Commentatore certificato 04.11.11 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Per migliorare le cose bisogna liberalizzare,produrre il più possibile anche cose inutili,consumare,consumare,crescere,crescere e crescere,inutili gli interventi idraulici pubblici il pubblico costa troppo,meglio gli sprechi privati,bisogna ascoltare il nostro cuore e le nostre voglie,ogni nostro capriccio aiuterà il pil a crescere,NON ABBIATE PAURA!,questo sistema è l'unico a garantire benessere a tutti e a tutto il mondo,quello che è successo poteva essere evitato semplicemente sturando le fogne,noi non abbiamo alcuna responsabilità.

sergio a. Commentatore certificato 04.11.11 21:28| 
 |
Rispondi al commento

ho finito le parole da rivolgere ai parenti delle vittime (specialmente ai padri dei bambini morti non riesco a dire niente), vorrei dire qualcosa agli sfollati, ma mi sembra che oltre la disponibilità a sostenerli materialmente non ci sia, ancora una volta, niente da dire. so di chi è la colpa di tutto ciò, ma nemmeno questo basta, sebbene ormai non sia più sopportabile che nessuno sia punito, ed in maniera esemplare. l'unica cosa che mi pare mantenga ancora un minimo senso è la volontà, sempre più cristallina e ferma, di cambiare le cose in prima persona: è il mio dovere.
il resto sono chiacchiere.

Gabriele Alfano Commentatore certificato 04.11.11 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Andavo a intuito, ma non mi sbagliavo!

Ecco il link che dimostra come la loro "messa in sicurezza" sia la solita dannata copertura per ricavarne anche viabilita' e parcheggi!
Ma quando impareranno, questi scellerati.

Digitate tripla w e poi:

regione.liguria.it/archivi/archivio-video-audio.html?view=media&layout=default&id=59

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 21:18| 
 
  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come si fa a fermare un ondata di delinquenti insaziabili di denaro pubblico ? Il pubblico deve scomparire,rimanenza ondata di delinquenti e pubblico idiota utile . Spero che i morti innocenti si vendicano , si salvi chi può Nazzareno se scocciato .

Raoul romani, sal.rom@alice.it Commentatore certificato 04.11.11 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
sono un ex cococococococococo dell'ARPA l'agenzia regionale per l'ambiente...
Mi occupavo di fiumi, del loro stato ecologico e funzionale... Attività peraltro legata a direttive europee.
Ormai più di un anno fa ho segnalato a questo blog il problema di un ente come ARPA che si permette di basare la propria attività istituzionale su lavoratori precari salvo poi lasciarli a casa dopo anni di formazione. Un ente che svolge un lavoro importante, se fatto coscienziosamente, per la salute dell'ambiente e quindi dell'uomo.
Un ente gestito a volte in modo fallimentare da persone incapaci (per supporre la buona fede).
Ci sono di sicuro tanti cialtroni che sarebbero da mandare in miniera ma abbiamo anche studiosi coscienziosi, preparati e capaci, di ecologia, idrogeologia, geomorfologia fluviale etc. Tutte le capacità per gestire la risorsa idrica ma trattiamo questi specialisti come schiavi; è un po' come se la Ferrari pretendesse di vincere il mondiale senza il lavoro degli ingegneri.
Di cosa ci lamentiamo? Di un territorio che rigurgita le nostre miserie?
Gaia spazzaci via presto, non ti meritiamo nostra amata casa.

sheldon nuke 04.11.11 21:08| 
 |
Rispondi al commento

Io stavo a Firenze durante l'alluvione del 1966, mi ricordo perfettamente che piovve ininterrottamente e violentemente per 5 giorni di seguito.
Oggi bastano 2-3 ore di pioggia per causare disastri, a mio avviso la colpa è della cementificazione del territorio, in particolare è da criminali aver costruito sugli argini dei fiumi, nelle golene, dove quando i fiumi straripavano l'acqua veniva accolta.
IMPREVEDIBILE UN CAZ.O

RICCARDO M., VIAREGGIO Commentatore certificato 04.11.11 21:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento

UN SINDACO CORAGGIOSO
Questo è il caso di un sindaco che ha fatto di tutto per tutelare il territorio, l'ambiente e la sicurezza dei propri cittadini contro l'abusivismo edilizio. Poniamo il caso che un Sindaco, appena eletto si trovi ad amministrare un Piano Regolatore della propria città che prevede un forte uso del suolo a scopi edilizi. Un sindaco, si diceva, che provi a variare le destinazioni e le zonizzazioni descritte con una variante al PRG tesa a tutelare la salute e l’incolumità pubblica. Siamo all’inizio degli anni ’90 quando Canterani viene eletto sindaco di Nemi, cittadina con soli 1500 abitanti. Il territorio comunale è completamente compreso all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani in una delle zone più suggestive del mondo, sul bordo di un cratere vulcanico pieno d’acqua, il bacino del lago di Nemi. Il Piano Regolatore risalente agli anni ’70 prevede insediamenti abitativi per nuovi 6.000 abitanti, una variante del 1986 ridisegna il quadro, ma non cancella la mole più imponente delle costruzioni edilizie previste, le quali minacciano seriamente tutto l’equilibrio territoriale, aumentando al massimo i rischi ambientali, distruggono natura, storia e cultura. Canterani cerca di correre ai ripari, convoca un Team di esperti dell’Università di Roma e fa redigere una Variante di salvaguardia, impugnata dai costruttori ed annullata prima dal TAR e poi dal Consiglio di Stato. Seguono altre azioni amministrative tese ad allontanare quella che per Nemi sarebbe stata una catastrofe urbanistica e sociale oltre che ambientale. I costruttori ottengono a gennaio 2010 una sentenza che riconosce loro il danno provocato dall’amministrazione comunale per l’impedimento a costruire. Canterani ha agito per il bene della comunità ed invece viene condannato a risarcire i privati.
A questo sindaco coraggioso nel 1997 è stato conferito, dalla fondazione internazionale Euronatur, il titolo di: NEMI COMUNE ESEMPLARE D'EUROPA 1997

franco g., nemi Commentatore certificato 04.11.11 21:05| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 8)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non era prevedibile... come la crisi economica.
Questi politici recitano le parole come fossero un mantra, sperando che il suono, a forza di ripeterlo, convinca.
Uno tsunami, dice la sindaco. Per dare meglio l'idea di catastrofe ineluttabile. Peccato che lo tsunami giapponese venisse dal mare, non da monte, e fosse causato da un terremoto.
Difatti mica ci son state polemiche in Giappone per i morti da tsunami. Ma solo per le centrali nucleari. Cioe', per i disastri dell'uomo.
Che anche li', non si poteva prevedere...
La sindaco dice che il torrente Fereggiano era stato perfettamente messo in sicurezza. Non me ne intendo, ma mi sa che quel che loro intendono sia aggiungere altro cemento, altri muri, distribuendo un bel po' di appalti a ditte amiche.

In questo momento, onore a Crozza che ha deciso di non andare in onda. E anche a Gepi Cucciari.

Lo so, dovrebbe essere la regola, un pensiero di serieta' e solidarieta', un tempo lo era, ma troppi anni di cinico "show must go on" ci avevano abituati a una tv che se ne frega. (A meno di spettacolarizzare il dramma...)

Che sia un segnale di cambio di tendenza? Che qualcosa di umano si stia risvegliando in noi? Ci vorrebbe un'alluvione politica, per ripulire tutto.

milena d., savona Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 21:02| 
 |
Rispondi al commento

ci vuole la DRAGATURA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!metteci il geologo di corniglio e finiTE tutti a fondo valle!!
parla di persona che ha subito 3 alluvioni belin speriamo non la 4 ????saluti beppe e staff

mario mario 04.11.11 20:49| 
 |
Rispondi al commento

BEPPE SINDACO DI GENOVA! SUBITO!

Paolo B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 20:21| 
 |
Rispondi al commento

i ristoranti sono pieni...quello di Montecitorio senza ombra di dubbio, pieno di bocche che si abbuffano per pochi miseri euro perchè il conto reale lo paghiamo NOI! Basta , ritiratelo portatelo via quel NANO del Caxxo.

LAURA M. Commentatore certificato 04.11.11 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Macchè dragare i fiumi..Basta con la balla che scavare e approfondere l'alveo dei fiumi permetterebbe di far fluire l'acqua più velocemente. Sono cose banali che mai hanno funzionato, il fiume si colmerebbe di nuovo alla prima e modesta piena. Sono cose da primo anno di università, per chi studia geologia e sedimentologia. La politica purtroppo 'viaggia' ancora su false ed errate informazioni e gestisce i corsi d'acqua con vecchie nozioni di ingegneria idraulica...Sarebbe ora di dire basta a questi sistemi di gestione. E sarebbe ora che la Liguria assodasse finalmente geologi fino ad ora estromessi dalle funzioni di protezione civile. Nuove competenze, educazione ambientale, informazione e soprattutto prevenzione, cominciando magari a togliere case e quant'altro costruito dentro il letto dei fiumi sin dai primi anni '50, soprattutto a Genova.

Federici Simone 04.11.11 19:59| 
 |
Rispondi al commento

...mandare i galera chi specula e fermare la speculazione..e dai! A quando una bella azzerata?
Sono appena 2 milioni di persone da giubilare, cominciando dal "colle"..mortacci sua! Io ci sto, chi altro?
Rimango in attesa..

mario bottoni 04.11.11 19:57| 
 |
Rispondi al commento

E' da tempo immemorabile che in autunno in Liguria arriva un alluvione e relativi morti e devastazioni. Ricordo da bambino il Telegiornale che apriva con l'alluvione in Liguria;e mi è rimasto impresso da allora il tristemente famoso Bisagno. Possibile che tutti gli anni quella terra debba pagare così duramente, possibile che non si possa fare nulla per limitare i danni? L'orografia e l'idrografia non le puoi modificare, ma con tutti i potenti mezzi della scienza e della tecnica dobbiamo restare impotenti?

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 04.11.11 19:56| 
 |
Rispondi al commento

La SINDACA di Genova al Tg3 con tanto di fascia tricolore ha detto che tutto cio' che e' accaduto era imprevedibile!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
La Liguria, al pari della maggior parte delle regioni italiane, e' cementificata senza rispetto per niente: cemento ed affari loschi vanno a braccetto dei politici nazionali e locali. Burlando e Scajola docent!

Lion Gbb 04.11.11 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'uomo si è evoluto dai primordi a misura di natura, ora ci siamo montati la testa, pretendiamo che sia la natura ad essere a misura d'uomo. Questo è impossibile.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 19:47| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo si è evoluto dai primordi a misura di natura, ora ci siamo montati la testa, pretendiamo che sia la natura a essere a misura d'uomo. Questo è impossibile.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 19:46| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo si è evoluto dai primordi a misura di natura, ora ci siamo montati la testa, pretendiamo che sia la natura a misura d'uomo. Questo è impossibile.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Un are di cazz.ate, dite un mare di cazz.ate. Il clima è diventato insostenibile per il nostro paese. INSOSTENIBILE. Se non si agisce sul clima sarà sempre peggio. Occorre fare sacrifici, non serve pulire i fiumi quando cadono 500 mm di pioggia in mezzora! MA COSA AVETE NEL CERVELLO? LA M.ERDA? Intanto ogni due settimane muoiono persone e sempre a trovare i colpevoli. Sempre vli altri ovviamente. Ma TU cosa fai per il clima? Sì parlo con te che leggi.

Pippo Calà 04.11.11 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cmq le due Z.....E che riprendono la devastazione, sconvolte ma che, nonostante tutto, continuano senza rispetto per quelli sotto a riprendere sono sconvolgenti.

Ormai non ti lasciano nemmeno morire in pace...c'è sempre qualche immane TESTA DI CAZZO esaltata che mentre crepi, invece di aiutarti, ti riprende col cazzo di iPhone.

_____________________________________________

Sindaco...imprevedibile un par de cazzi è dal 26 ottobre che tutti i meteorologi hanno lanciato l'allarme per oggi e per i prossimi giorni dicendo che ci sarebbero stati l'anticiclone di blocco, il flusso meridionale, le piogge alluvionali ecc. ecc.

Mauro RM 04.11.11 19:39| 
 |
Rispondi al commento

E' DA ALMENO 4 GIORNI CHE SI SA CHE AVREBBE PIOVUTO COSI' A GENOVA E SU TUTTA L'ITALIA NORD OCCIDENTALE.
COSI' COME SI SAPEVA DELL'ALLUVIONE DELLA SCORSA SETTIMANA CON 5 GIORNI DI ANTICIPO, ALMENO SU INTERNET.SIAMO GOVERNATI DA DELINQUENTI INCAPACI E IRRESPONSABILI.

A TAL PROPOSITO VI CONSIGLIO QUESTO SITO MOLTO BEN FATTO E AFFIDABILISSIMO: meteoweb.eu

GABRIELE TINELLI (), carrara Commentatore certificato 04.11.11 19:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUALCUNO DEVE PAGARE PER QUESTI CRIMINI, non possiamo vivere nell'angoscia ogni volta che il
cielo si oscura, pensando:chi sarà il prossimo?

SOLIDARIETA' AI CARI GENOVESI

LAURA M. Commentatore certificato 04.11.11 19:32| 
 |
Rispondi al commento

Decementificazione, riduzione della popolazione, delle strade, delle case chiese e palazzi. Riforestazione e creazione di aree assolutamente prive di manufatti "umani". Biodiversità. Tutte cose che i politici e governanti non conoscono. E ci "guidano" tranquillamente all'autodistruzione.

Sabino D. Commentatore certificato 04.11.11 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Imprevedibile balle, basta guardare le previsioni del tempo ad esempio su meteo.it che prevedono pioggia intensa ancora per parecchio tempo sulla Liguria, ma il problema non è prevedere perchè anche se si prevede non ci si può far nulla al di la di tutte le parole che si possono fare.
Come potete pensare di fermare un'alluvione oppure un terremoto o uno tsunami anche se previsto diciamo 3 giorni prima? non si può e basta! l'unica alternativa e cercare di costruire città e paesi dove la natura lo permette oppure costruire con un minimo di rispetto per la natura che per fortuna non guarda in faccia a nessuno.
Ovviamente dispiace per tutti coloro che restano coinvolti in tali tragedie ma le colpe si sa quali sono ma i colpevoli saranno latitanti.

Coco Fiandrino, Buriasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 19:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DRAGARE I FIUMI

DRAGARE I FIUMI

DRAGARE I FIUMI

DRAGARE I FIUMI


DAL LEVANTE AL PONENTE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
DRAGARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


ESISTONE LE RUSPE?????????????????


PER PULIRE I FIUMI?? E MAGARI COME A LEVANTE FARLI RISERVE NATURALI!! QUINDI NON SI POSSONO TOCCARE !!!!!

IMPORTANTE E DIRE SONO CHE SUCCEDONO ?? E DARE SCUSE??? CHI CI RIMETTE SEMPRE I CONTRIBUENTI!!!

A PROPOSITO VISTO CHE E BELLO ANCHE IL NOME E SUONA ANCHE IN EUROPA!!!!!!

D R A G H I A M O

mario mario 04.11.11 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Si va bene. Possiamo rimandare le polemiche e diffondere l'appello ad aprire le reti WiFi di Genova?

Danilo Faelli 04.11.11 19:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO,MA CI VOGLIONO TECNICI FORESTALI QUALIFILICATI CHE SAPPIANO LEGGERE L'AMBIENTE,SE NO NON SAPPIAMO NEANCHE DOVE DE COSTRUIRE
ALVISE
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 04.11.11 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti. Ho sentito dire, qualche tempo fa, che la regione Liguria finanziava la manutenzione dei parchi in Brasile. Qualcuno mi sa dare qualche link al riguardo. Grazie in anticipo.

Mauro 04.11.11 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Draghi e' un drago delle manovre economiche ed ha calcolato di non calcolare un eventuale peggioramento della situazione italiana, perche'
cio'e'impossibile, ormai l'Italia si trova ad un centimetro dal fondo, piu' fondo, quindi chi se ne frega!

U-Boot 110 04.11.11 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bello, tutto giusto ma caxxo: dove li mettiamo le persone a cui viene demolita la casa? Quanti sono? E' chi paga i costi? Pantalone? Demagogia, solo demagogia. Trenta/quaranta anni fa era possibile impedire di cementificare la Liguria (molta colpa, anzi moltissima colpa è dei lombardi e milanesi in particolare nell'acquistare, acquistare e ancora acquistare case, appartamenti in tutte le zone della Liguria e gli speculatori a costruire, costruire e ancora costruire, tanto c'erano gli industrialotti del legno della Brianza e non solo che acquistavano).
Ora è tardi e di tragedie ne verranno ancora.
La stalla doveva essere chiusa prima che i buoi scappassero, ora c'è solo da assistere a tragedie di cui la colpa è di tutti, ergo di nessuno.

Roland Eagle () Commentatore certificato 04.11.11 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao

Enrico M. Commentatore certificato 04.11.11 18:36| 
 |
Rispondi al commento

giusto

1 su 20 si salva Commentatore certificato 04.11.11 18:31| 
 |
Rispondi al commento

http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=9272&Itemid=1


non è mica ancora finita, sono previste e in corso piene di altri torrenti,
non so con che affidabilità dai Sns arriva:
polcevera in piena, forse ferrentino ...

comunque sappiate che qui a Cogoleto, Arenzano e limitrofi ieri avevano deciso di tenere le scuole chiuse, tanto per dirne una...
la Vincenzi ignora la conformazione del centro di Genova?
ignora che il Bisagno, e da Marassi a Foce,e il suo letto è PROBLEMATICO in casi di eventi meteorologici gravi???
non era forse nata nel 70...?

attendiamo ,
qui nel ponente abbiamo ancora le ferite aperte delle frane del 4 ottobre 2010, e la terra quando comincia a muoversi ,... non è che si ferma, anzi si muove con molto meno.

Ileana B, savona Commentatore certificato 04.11.11 18:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non posso che sperare che da queste tragedie con vittime innocenti si impari e si insegni che la natura punisce che cerca di domarla specialmente con colate di cemento.
condoglianze alle vittime e un abbraccio a tutti i genovesi

marina b., firenze Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Un paio di giorni fa ho letto sul secolo XIX, tra le ricette per uscire dalla crisi proposte da parlamentare coglione di cui non ricordo il nome, il rilancio dell'edilizia. Questi inetti che distruggono il territorio in nome di un'economia marcia se ne devono andare. Sono morti, ma non c'è nessuno che li seppelisce! ADESSO BASTA! CI SIAMO ROTTI I COGLIONI!

Leonardo R. Commentatore certificato 04.11.11 18:23| 
 |
Rispondi al commento

Sono un agricoltore e perito agrario. Non mi stancheró mai di ripetere: i nostri nonni e bisnonni ci hanno insegnato a far manutenzione agli alvei dei fiumi e pulizie arcate ponti per non essere ostruiti in caso piene. Con le risulte di pulizia si costruivano case e strade!!! Ora si fanno cave immense gestite dalle mafie... Gli spazi vuoti delle cave riempiti con fanghi inquinati di percolazione della autostrada a4 ove è stato scavato per l'alta velocità, solo per fare un esempio(un morto ammazzato cave di romentino) Dissesto delle falde idriche e fontanili irrecuperabile... Non c'è bisogno di essere geologi per capire queste semplici cose.

Giovanni 04.11.11 18:22| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, nel 1956 non c'era la vincenzi e le colline non erano cementificate, ma l'alluvione spazzò mezza città, non ricordo quanti furono i morti ma ci furono.
Nel 1970 non c'era la vincenzi, ma Genova fu come bombardata, ci furono 11 morti, le colline non erano ancora coperte di cemento.
Periodicamente su Genova si abbatte quella che qualcuno chiama "bomba d'acqua" (qualcuno ironizza, ma è così).
Io non ho alcuna simpatia per la vincenzi, ma non mi piace speculare su certi fatti.
A volte il silenzio sarebbe un bel modo di esprimersi

armandino girasole detto dudù () Commentatore certificato 04.11.11 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sempre la stessa solfa Beppe...ogni volta accade di tutto, la colpa NON E' dell'amministrazione attuale e sopratutto NON ERA PREVEDIBILE.
OGNI VOLTA...pur sapendo lo stato di assoluta incuranza e il totale disinteresse ello stato dei fiumi/torrenti...dicono che NON ERA PREVEDIBILE.
Ogni volta abbiamo l'esonazione, ogni volta i fiumi e i torrenti scaricano VALANGHE DI RUMENTA che l'incuria ha lasciato dove NON doveva essercene.
Ogni volta, i tombini esplodono, non si fa nulla per PREVENIRE e si piangono i morti, oltre ai costi per sanare i casini.
La VIncenzi dovrebbe finirla di vivere sul PERO ed iniziare a COLPIRE chi ha costruito in posti ASSURDI, chi lo ha permesso e chi non ha fatto NULLA per sanare lo scempio.
MA QUANDO CAZZO PAGHERA' QUALCUNO PER QUESTI CRIMINI?!

Enrico Bosco, Genova Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.11.11 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Conferma ulteriore che la classe dirigente italiana deve andare a casa domani, con le buone o con le cattive. E più aspettano a levarsi di torno ed in maniera più cruenta verranno inviati a fare in culo. Però pure noi, in quanto popolo italiano conposto da conigli, una mossettina non só quando pensiamo di darcela................

Vittorio Testi 04.11.11 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare l'abbiamo ripetuto migliai di volte..questi buffoni di politici s'appellano alle "bombe d'acqua"...in compenso tutte le provincie hanno rispolverato la tassa delle colline...(consorzi di bonifica)giusto per sistemare i "trombati" dei partiti negli uffici...!
Ma nessuno fa "manutenzione" degli argini dei fiumi,del territorio,tutti in ufficio...!a grattassi le palle!...
Ma quand'è che ci svegliamo e le prendiamo e li "battiamo nel muro"...stanno li a puppare stipendi e basta..
Regioni,Provincie,Comuni,uffici fiumi e fossi,consorzi di bonifica,protezione civile,prefetture..mandiamoli tutti a spalare il fango!
Ogni volte che piove si registrano vittime e danni!grazie a questa massa di cialtroni di politici che occupano le poltrone!.

roby f., Livorno Commentatore certificato 04.11.11 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Parola d'ordine: D E C E M E N T I F I C A R E.

stefano m. Commentatore certificato 04.11.11 18:03| 
 |
Rispondi al commento

mi incazzo ogni minuto che passa: sono un laureato in Gestione dei Rischi Territoriali di Messina... siamo dimenticati da tutti.... e pensare che nel 2001 il corso di laurea fu realizzato proprio per inserire degli esperti in materia nei comuni.... (Disoccupati e con difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro, vaghiamo in tutta italia o all'esterò facendo altro...)

Vincenzo Massimino 04.11.11 17:59| 
 |
Rispondi al commento

AVETE COSTRUITO DAPPERTUTTO, ECCO IL RISULTATO.

giuseppe genovesi, Pisa Commentatore certificato 04.11.11 17:53| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori