Cerca il meetup della tua città
Iscriviti al M5S
Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il contropiede sul Bund


Barroso_eurobond.jpg
I Bund invenduti all'asta pubblica e l'aumento degli interessi che i titoli pubblici tedeschi devono riconoscere (hanno superato il 2%) sono la campanella della fine della ricreazione europea. Carlo Alberto, il Re Tentenna, "Ciondola, dondola/ Che cosa amena/ Dondola, ciondola/ È l'altalena" era un decisionista al confronto della Merkel e di Sarkozy. Si sapeva dall'inizio che lasciando la Grecia al suo destino, come è avvenuto, senza alcun ombrello europeo, come gli "eurobond", il contagio si sarebbe diffuso agli altri Stati. La Grecia è diventata più povera, le banche francesi hanno salvato (per ora) i loro bilanci. Adesso è il turno della Germania, dopo chi rimane? Però, se il bund va giù, lo spread con i Btp italiani diminuisce. Va a finire che faremo il sorpasso. In contropiede siamo sempre stati micidiali.

24 Nov 2011, 16:16 | Scrivi | Commenti (29) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

Commenti

 

Un ringraziamento per tutte le informazioni che ci dai e speriamo che la tua lettera non cada nel vuoto

michela Di Pierro 25.11.11 19:01| 
 |
Rispondi al commento

La Grecia è diventata più povera, le banche francesi hanno salvato (per ora) i loro bilanci. Adesso è il turno della Germania, dopo chi rimane? Però, se il bund va giù, lo spread con i Btp italiani diminuisce. Va a finire che faremo il sorpasso. In contropiede siamo sempre stati micidiali.
--------------------------------------
Magari il problema fosse la Grecia, il problema sono la Spagna e soprattutto il nostro paese che possono essere salvati solo stampando. La Francia sta per perdere la tripla A e se ciò dovesse avvenire ogni soluzione con l'EFSF sarebbe carta straccia, le banche italiane e francesi fallirebbero e andrebbero dalla Bce a chiedergli di aumentare la base monetaria (che vuol dire una cosa sola: Eurobond).
L'altra soluzione è un default controllato dei "porcellini", che però affosserebbe (oltre all'europa) il paese da cui è partita la crisi del debito: gli USA, portando ad una grande depressione mondiale, in cui un paese debole come l'italia vedrebbe radicalmente cambiati i propri connotati.

Alessio Onofri, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 25.11.11 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Sento parlare solo di bund, titoli, btp etc.
Anche le persone che frequento ormai non parlano mai di cose terra terra ma si riempiono la bocca di termini dei quali non sanno nemmeno il significato.
Io, povero ignorante, non riesco a confrontarmi con nessuno sulle "piccole cose" che riguardano più da vicino noi cittadini.
Sprechi sull'impiego selvaggio dei mezzi pubblici;
Medicine che sprechiamo perchè vendute ancora in confezioni da 20-30 e inevitabilmente scadono, Direttori di ospedali che invece di essere arrestati per il buco di miliardi che hanno creato, li vedi che girano la cosa a loro favore approfittandone creando scandali a doc per essere rifinanziati.
Ma dove viviamo.
Comunque per tutto ciò io ho delle idee e sono disposto a confrontarmi con chiunque ne abbia voglia.
adamogatto@libero.it

ADAMO GATTO 25.11.11 15:02| 
 |
Rispondi al commento

sono un padre di frmiglia, colpito seriamente da questa crisi economica, sono in guerra con ente equitalia, mi sta massacrqando la vita,mia e della mia famiglia, questo SAREBBE IL GRANDE AIUTO CHE IL GOVERNO DA ALLE FAMIGLIE??? CHIEDO: ma non esistono leggi contro gli usurai?? contro lo strozzinaggio??? spero che qualcuno legga questo mio messaggio di disperazione e possa darmi suggerimenti al riguardo, sta pensando di mollare tutto e abbandonare per sempre questo paese ormai diventato la terra dei capitalisti, comandano loro , io mi sento prigioniero senza essere in carcere, dove sono finiti i diritti umani?? ho sempre pagato tasse e ogni cosa pur di restare in regola. per la bellezza di circa 25 anni , ora mi ritrovo con un pugno di mosche in mano e la pressione assillante di ste recupero credito.... brutto veramente brutto arrivare a odiare la propia terra, ma purtroppo sono loro i primi a non amarla!!! per favore qualcuno faccia qualcosa per fermare questo scempio !!! prima che si arrivi a commettere azioni legate alla disperazione !!!!

lucchetti manuele, crema Commentatore certificato 25.11.11 13:44| 
 |
Rispondi al commento

gli italiani vogliono fare gli americani ma si ricordano di essere italiani solo quando sono nella merda!


speriamo che se lo ricordino ma quando leggo tante supercazzule ideologiche antiitaliane riguardo alla cittadinanza penso proprio che certa gente vuole dare la cittadinanza italiana agli albanesi ed ai rumeni proprio perché ragiona come gli albanesi ed i rumeni cioè col culo invece che col cervello!

libero pensiero perciò pazzo 25.11.11 03:21| 
 |
Rispondi al commento

il problema più grande di questo continente che di crisi,e di battaglie ne ha viste tante,ma veramente tante! e il danaro creato e venduto con l'inganno e con la corruzione! fatto ad uso e somiglianza di chi inganna e corrompe! l'unico vero modo per uscire dalla crisi e liberarci della moneta unica, prima eliminiamo l'euro dal nostro paese meglio sarà per tutti..
beppe,promettimi che quando il programma a 5 stelle sarà una realtà aboliremo l'euro e ci faremo una moneta tutta nostra,con tanto di marchio made in italy, magari disegnata dai bambini nelle scuole materne ed elementari. che riporti un po' di ogni italiano su ogni banconota o moneta.. GRAZIE! SALUTI!

Domenico G., cardito Commentatore certificato 25.11.11 00:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi ha fatto piacere che il governo Berlusconi sia caduto. Ma le cose che mi rattristano sono che non è cambiato nulla,il solito cerchio le solite facce tra qualche mese i soliti in TV,ed i soliti da destra a sinistra che si contendono le sedie di Montecitorio.
Uscire vuol dire vedere facce nuove che al massimo dopo 5 anni,massimo 10 debbano uscire ,sia pure abbiano fatto bene o no.
Per quanto riguarda Monti ,da una vita riconosco il bene dal male al solo sguardo e purtroppo non mi sono mai sbagliato,pertanto non voglio esprimermi su cosa pensi.
Ci sono poi gli imprenditori che vogliono essere tali in Italia e produrre all'estero.
Producano pure dove vogliono ma vi spostino pure la cittadinanza e vi facciano il passaporto.
La mia età (51) mi ha fatto vedere fin dai 18 anni
che le cose non sono mai cambiate ,anzi sono peggiorate e adesso più che mai mi sento Italiano
facciamoci valere a casa nostra e rendiamo onore a chi allora già ci stacco da quella occupazione tedesca allora con i fucili ora con la politica Europea. BASTA!!!!

Beppe sono con te Mauro

MauroLeschiutta 24.11.11 23:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH!!!!!!!!!!

Pol Picot (ubot), ROMA Commentatore certificato 24.11.11 21:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...invece il problema non è berly o monty, anghela o sarkazzò...
... il problema è il sistema...
.... i sistemi sono fatti per autoconservarsi: o noi o il sistema, dunque.

Gabriele Alfano Commentatore certificato 24.11.11 20:33| 
 |
Rispondi al commento

‎...invece il problema non è berly o monty, anghela o sarkazzò...
... il problema è il sistema...
.... i sistemi sono fatti per autoconservarsi: o noi o il sistema, dunque

Gabriele Alfano Commentatore certificato 24.11.11 20:15| 
 |
Rispondi al commento

La crisi finanziaria parte dall'emissione dei deivati, ma il vero inizio è il 1971 quando gli Stati sovrani si misero ad emettere moneta in quantità superiore al controvalore in oro.
Ogni Crisi ha uno scopo che è sempre il solito:
"rendere povere le classi meno abbienti, portare il malcontento e le rivoluzioni che generalmente, attraverso osannati poteri forti portano alle guerre."
SCELLERATI SPECULATORI FERMATEVI PRIMA CHE SIA TARDI

AL - 2012 24.11.11 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente fore si capirà che in questione è la concezione dell'euro stesso e non il debito di questo o quello stato. La dissonestà graca è stata solo l'innesco di una crisi che era prevedibile se non fosse altro per la tolleranza di continui sforamenti dei limiti di Mastricht. Ma qualcuno ha mai visto o sentito un politico ammettere un errore come la struttura che doveva sostenere l'euro? Allora era molto più facile prendersela coi Greci, i portoghesi, gli irlandesi e poi gli italiani. Bisogna sostenere l'euro con tassi di interesse alti ed interventi sui mercati dei cambi. Il vero problema mondiale del debito sono gli usa ma la crisi dell'euro fa comodo agli usa che hanno il loro debito sostenuto.

Maurizio Innamorati 24.11.11 19:47| 
 |
Rispondi al commento

ho 58 anni ho dovuto bruciare 3 ditte x riuscire andare
in mobilità accompagnata alla pensione questo mondo
non è più il mio c'è unipocresia incredibile quando sento parlare in televisione certi personaggi che non sanno
cosa voglia dire lavorare!!!parlano di licenziamenti facili
e cosi via!uno deve andare a fare 8 ore e magari farsi un culo cosi x1100 o 1200 soldi che servono x soppravivere
guadagni di più a elemosinare affitto bollette magari ai anche una sporca macchina che vita è mi piacerebbe mandare su una linea continua Brunetta cicchito gelmini il lecchino sallusti feltri ferrara 1 ora resistono anno ROTTO i COSIDETTI !!!!!!!!!!!!!!

Bignami Walter 24.11.11 19:44| 
 |
Rispondi al commento

guardate cosa succede a chi vuole essere troppo virtuoso…alimenta la crisi
http://www.impresaefficace.it/2011/11/24/rendiconto-finanziario-e-crisi/

umberto f., portogruaro Commentatore certificato 24.11.11 19:11| 
 |
Rispondi al commento

BELLISSIMA !!! personalmente non credo si possa parlare di arroganza dei tedeschi...loro sono semplicemente gente per bene, e certi atteggiamenti italici non li possono comprendere....per loro fortuna !!! credo invece che il vero regista di stò casino sia ben nascosto e , infatti , nessuno parla dell'inghilterra, madre di tutte le speculazioni finanziarie che ha dato i natali a quei matematici inventori dei derivati, esportati poi negli USA dove hanno devastato le economie, guardacaso gli inglesi si sono tenuti la sterlina e sono amiconi degli usa che potrebbero vedere nll'euro un possibile avversario.......possibile che degli inglesi vi interessano solo le PIppE !!!

tina ghigliot 24.11.11 18:32| 
 |
Rispondi al commento

spero che il sorpasso arrivi presto! La Germania è sempre stata una nazione arrogante e che cerca la prpria convenienza. Ora che il virus sta dilagando vorrebbe alzare il muro nei suoi confini per non prendere la malattia....ok, abbiamo sacrificato il nostro potere d'acquisto entrando in un'euro brutto e maledetto, quasi tutti i prezzi sono raddoppiati o triplicati e le paghe e le pensioni sono rimaste al palo, tranne quelle dei manager di banche e di aziende che hanno pensato bene di quintuplicarsele. Direi che forse tornare alla lira non sarebbe un male estremo.
Lasciamo i crukki al loro marco e noi riprendiamoci la vecchia cara lira con la possibilità di svalutarla quando va male e della moneta unica teniamo solo una banconota (orrenda tra l'altro) da 5 euro dentro un quadretto con scritto "qui riposa la moneta unica che ci ha rovinato e che ci ha fatto capire ancor di più quanto siamo diversi".
Se mai un giorno arriveremo ad un'Europa veramente unita fiscalmente e politicamente, allora e solo allora potrà nascere una moneta più bella esteticamente e più forte economicamente.
Per il momento dobbiamo chiudere la parentesi ed aspettare una generazione più solidale e intelligente.

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 24.11.11 17:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CIAO BEPPE,
ADESS0 CON I BOUND,ALTRO CHE CONTROPIEDE,LA LAPIDE DELL'EUROPA
ALVISEù
P.S:I MIEI COMMENTI CERTIFICATI

alviseafossa 24.11.11 17:36| 
 |
Rispondi al commento

I bund sono rimasti parzialmente invenduti, comunque due terzi sono andati via, perché rendono troppo poco - l'1,3% al netto di tasse -. Se l'inflazione europea è al 3%, che dite? Un investitore che ha già bund in portafolgio, dirige i propri investimenti altrove, in cerca di sicurezza e rendimento: anche qualche decimo in più nel rendimento può fare la differenza. Quanto agli eurobond, capisco la perplessità o addirittura la contrarietà della Germania: perché io stato virtuoso che posso permettermi di retribuire con bassi tassi di interesse il mio debito devo sobbarcarmi costi derivanti da tassi maggiorati che non mi competono per colpa di stati in po' farlocchi come Italia, Spagna e Grecia?

Silvano De Lazzari Commentatore certificato 24.11.11 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Il Bund diventa meno appetibile perché i rendimenti sono bassi. Con il rischio di un collasso dell'eurozona sempre più probabile e vicino (vedasi l'economist di oggi e il blog del Nobel Paul Krugman di oggi) è in atto una svendita di titoli di stato europei a tappeto. Il bund si vede che ora non è più visto come porto sicuro in europa, se l'europa stessa sta crollando, quindi il suo rendimento per attrarre investitori dovrà aumentare.
Questo non vuol dire che diminuirà lo spread con i titoli italiani: il rendimento italiano (se è vista come poco sicura la germania, figuriamoci italia, grecia e altri piigs!) continuerà ad aumentare di conseguenza. Oggi per esempio ha sfondato di nuovo barriera 7%! (ma Repubblica parla di "MARIO"..."MARIO E SILVIO: Stili a confronto" ecc). In altre parole, o si muove pesantemente la BCE stampando / comprando titoli a tappeto, con il nulla osta della Germania finora negato, oppure va giù tutta la baracca Eurolandia.

Simple as that. Di Monti non gliene frega niente a nessuno evidentemente. Come dicono gli inglesi: too little, too late! Ormai i mercati vedono il contagio in atto e molti iniziano a pensare che non si fermerà, portandosi dietro l'eurozona intera. Non è quindi più un fatto di quanto velocemente Monti farà una o un'altra riforma.
Ormai il banco è saltato. Calate le scialuppe, se potete!

Luca Lombardi 24.11.11 17:19| 
 |
Rispondi al commento

infatti c'é il richio che lo spread diminuisca non perché cali l'interessa italiano ma perché aumenti quello tredesco. Il problema é che cercheranno di spacciarlo come un miglioramento della situazione italiana.

Ubaldo Ulghi Commentatore certificato 24.11.11 16:50| 
 |
Rispondi al commento

"Non dire gatto, finché non ce l'hai nel sacco"
Trapattoni docet!

Arzan 24.11.11 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Lo dico da mesi!
Bankenstein ha già la lista pronta, tutti i paesi con un settore pubblico molto sviluppato sono compresi, e sono tutti europei!

l., ancona Commentatore certificato 24.11.11 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori